Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le PMI non hanno mille giorni

  • 11


pmi_mille_giorni.jpg

"Le piccole e medie imprese italiane non hanno mille giorni.
Le piccole e medie imprese italiane rappresentano il 94% del totale delle aziende italiane e il 69% del fatturato. Costituiscono la spina dorsale del nostro paese, il motore che lo fa andare avanti e sopratutto un patrimonio di cui non possiamo fare a meno.
Proprio in questi giorni l'Italia raggiunge il record dei fallimenti, registrando un +14,3% rispetto allo scorso anno. Fallimento dopo fallimento l'Italia muore, lentamente, e il premier Renzi si permette ancora di chiedere al paese e agli imprenditori italiani mille giorni.
Non c'è più tempo: le piccole e medie imprese italiane non possono aspettare mille giorni." M5S Senato

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:

italia5stelle_.jpg

4 Ott 2014, 10:16 | Scrivi | Commenti (11) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 11


Tags: fallimenti, mille giorni, pmi, record

Commenti

 

l unica e andarsene e non tornare piu ........ l italia e italia e restera sempre cosi non ce speranza

andrea paron 05.10.14 08:58| 
 |
Rispondi al commento

mi rubano la pensione (100 Euro) perche' devono pagare questa brava gente:
VEDI ELNCO
www.ilfattoquotidiano.it del 04 Ottobre 2014 guarda la lista...
Altro.

Giuseppe Pasini 05.10.14 05:35| 
 |
Rispondi al commento

Aimè caro Renzie ebete, ci pensi mai a come potrebbe finirti a rompere ancora i coglioni alla gente? Credi che sia il caso di tirare ancora la corda? Prima o poi si spezzerà e poi ... ci vedremo all' inferno.

Info PC Commentatore certificato 04.10.14 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Forse renzi sarà un fan di claudio baglioni e con la canzone millegiorni di tè e di mè,là vorrà cantare da ogni palco ma purtroppo gli italiani di voce per cantare non ne hanno più e l'unico motivetto che vorrebbero sentire è la vostra ritirata a passo di bersagliere!.

gianfranco r., castel rozzone Commentatore certificato 04.10.14 16:33| 
 |
Rispondi al commento

MA DI QUALE POLITICA DEL LAVORO SI PARLA?
IO HO LAVORATO PER 16 ANNI PER LO STATO ITALIANO,
SMISTANDO SIGARETTE AI TABACCAI. ENTRAI NEL 1997 CON CONTRATTO DI NOVE ANNI, DOPO AVER MESSO A DISPOSIZIONE TUTTE LE MIE RISORSE FINANZIARIE E LA MIA VITA.
LO STATO HA PRIVATIZZATO.....VENDUTO TUTTO AGLI SPAGNOLI, CHE HANNO MOBBIZZATO TUTTA LA CATEGORIA DEI DISTRIBUTORI DEL TABACCO, QUINDI OGGI A 53 ANNI SONO PER STRADA PERCHè GLI SPAGNOLI HANNO MANDATO TUTTI A CASA, MA NON PER CRISI DI SETTORE, (IL TABACCO E' LA MAGGIORE VOCE DI ENTRATA DELLO STATO) MA PERCHE' IL LAVORO LO HANNO LOTTIZZATO.....CIOè QUELLO CHE FACEVAMO IN TANTI , ADESSO LO FA UNO SOLO AMICO DEGLI AMICI. QUESTO IN BREVE PER DIRE MA QUALE POLITICA DEL LAVORO FANNO I GOVERNATI, MA QUALE ..... SONO SOLO SPOT.....CI STANNO PRIVANDO DEL LAVORO E DEI DIRITTI PERCHè è L'UNICA COSA SOLO LI POSSONO LUCRARE , VISTO CHE ORMAI DA VERI LADRI HANNO SACCHEGGIATO TUTTO........L'ITALIA VERAMENTE POTREBBE ESSERE UNA PICCOLA POTENZA ECONOMICA....MA DOVREBBE ESSERE NON COMANDATA DA BASTARDI MA DA GENTE ONESTA NON GENI RIPETO GENTE ONESTA........
INTANTO A ME HANNO TOLTO LA DIGNITà DI UN LAVORO , DEVO QUASI VERGOGNARMI DI GUARDARE IN FACCIA ALLA MIA FAMIGLIA , E DEVO VEDERE FARE AD ALTRI IL MIO LAVORO, SOLO PERCHè IO NON CONOSCO NESSUNO, E NESSUN ONOREVOLE MI SPONSORIZZA. E BADATE BENE CHE TALE SITUAZIONE IN ITALIA è STATA CREATA DALLA POLITTICA, MA LA RESPONSABILITà MAGGIORE è DEI GRANDI BUROCRATI O FUNZIONARI DI ALTO GRADO CHE IN OGNI ISTITUZIONE ORMAI LA FANNO DA PADRONI.

arsenio d'auria 04.10.14 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Eh, ancora a credere alla fata turchina e alle favole? Azz! Demenza senile o juvenilis?

I mille giorni servono a loro per rendere sterile l'Italia! SI fregano anche le briciole e sterilizzano l'ambiente così che si sia costretti ad importare e fare uso obbligato delle banche. Non si è ancora capito? Con una tale enorme importazione, è vero che si da lavoro, ma si applicano pizzi di vario tipo e gli alti stipendi della casta permangono, mentre la gente suda per mantenerli.

3mendo 04.10.14 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Le aziende fallite non possono più avanzare crediti allo stato, che così ha risparmiato...

onofrio de luca, firenze Commentatore certificato 04.10.14 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Meno tasse per le piccole e medie imprese. Non e' vero quello che dice renzi cioe che l'imprenditire deve essere libero Di licenziare. L'imprenditore ha bisogno Di finanziamenti, non di licenziamenti. Quelli servono solo alle grandi imprese che hanno una riserva Di lavoratori immane.

Eugenio Ciolli 04.10.14 13:36| 
 |
Rispondi al commento

oltre a dare queste nefaste notizie, sarebbe il caso di cominciare seriamente a organizzarci per sopravvivere. Infatti pensiamo positivo e cioè quando non c'è il lavoro, non necessariamente si deve andare a fare l'elemosina, si possono rimediare strumenti e sementi, prendere un pezzo di terra incolto, zappare e attendere che il proprio lavoro dia i sui frutti. Sempre meglio che piangersi addosso. A mali estremi estremi rimedi.

Paolo G., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.10.14 13:13| 
 |
Rispondi al commento

siamo governati da gente incompetenti e ladri

Ferdi Santoro (), santoro.ferdinando@yahoo.it Commentatore certificato 04.10.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Unica strada per risollevare artigiani, commercianti e piccole imprese è una moratoria straordinaria per le vittime di un'economia di guerra.
Sr la nostra economia è simile a quella che c'era nel periodo della 2 guerra mondiale, si devono prendere provvedimenti eccezionali come quelli presi in un dopoguerra. Dopo 6 anni di crisi non basta togliere l'irpef, fare microcredito o abbassare le tasse sul lavoro perché la maggior parte degli imprenditori ha qualche problema di solvibilità e quindi, non avendo accesso al credito e non avendo, forse, tutti i versamenti in piena regola, non avrebbe diritto ai suddetti interventi dei quali beneficerebbero soli chi non ha sofferto la crisi

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 04.10.14 12:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori