Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

TFR in busta paga: mazzata per le aziende

  • 25


imprese_tfr.jpg

"Secondo i calcoli dell’Ufficio studi della CGIA, l’eventuale anticipazione del 50 per cento del Tfr ai dipendenti potrebbe costare alle piccole imprese un importo annuo che oscilla tra i 3 e i 30 mila euro circa. Sono pochi gli imprenditori che potrebbero disporre delle risorse necessarie per anticipare metà del Tfr ai propri dipendenti. Vista la scarsa solvibilità in cui versano, difficilmente le banche sarebbero disponibili a elargire prestiti a soggetti estremamente a rischio d’insolvenza. Queste ultime, lo sappiamo bene, in questo momento prestano il denaro solo a chi ha una certa solidità finanziaria; agli altri, purtroppo, l’accesso al credito bancario è praticamente precluso. Le ipotesi prese in considerazione dalla CGIA sono quattro:
1) falegnameria artigiana con 5 dipendenti. L'azienda dovrebbe farsi carico di un esborso aggiuntivo annuo pari a 2.990 euro, mentre ciascun operaio beneficerebbe di un aumento annuo pari a 460 euro
2) negozio di abbigliamento con 10 dipendenti. L’esborso annuo a carico dell’impresa sarebbe di 7.026 euro. A ciascun dipendente finirebbero in busta paga 539 euro aggiuntivi all’anno;
3) azienda tessile dell’industria con 25 dipendenti. La richiesta del Tfr costringerebbe l’impresa ad un esborso annuo pari a 16.952 euro. Ciascuno degli operai o degli impiegati disporrebbe di un aumento annuo di 521 euro;
4) industria metalmeccanica con 40 dipendenti. L’azienda dovrebbe elargire ai richiedenti 28.656 euro all’anno. Ad ogni dipendente finirebbero 550 euro in più all’anno." CGIA Mestre

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:

italia5stelle_.jpg

2 Ott 2014, 10:51 | Scrivi | Commenti (25) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 25


Tags: aziende, cgia, crisi, imprenditori, pmi, tfr

Commenti

 

Sono almeno 20 anni che dico che l'INPS non serve a una mazza, ma serve solo a far intascare soldi a chi li ha e ai dirigenti.... Perchè invece di toglerli dal TFR, non si sopprime l'INPS al max facendolo diventare una sorta di ente assicurativo, e dare i soldi dei contributi in mano agli operai che poi ci farebbero un assicurazione pensinistica in base a quello che vogliono? Sarebbe troppo difficile?

Daniele Vaselli 03.10.14 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Gufi! L'economia deve sottostare all'ottimismo sfrenato e all'ego smisurato di renzusconi!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 03.10.14 08:59| 
 |
Rispondi al commento

Marchionne appoggia Renzi sull'art.18 e il Tfr in busta paga?.. a che livelli siamo arrivati, è vergognoso.. una classe dirigente priva di idee che resta affascinata dagli espedienti e spera nella fortuna. Leggi ancora: http://www.montemesolaonline.it/Lettera_Aperta_direttori-stupidi.htm

Cosimo Coro, Montemesola Commentatore certificato 02.10.14 22:36| 
 |
Rispondi al commento

non capisco il commento delle imprese che non possono pagare il tfr nella busta paga. volevo ricordare, che le inprese devono comunque accantonare quei soldi mese per mese e se non lo fanno vuol dire che ....chi non può pagarlo nella busta paga mensilmente, vuol dire che a fine rapporto non hanno i soldi per darli al lavoratore. Il problema che io vedo, è quello del governo di fare bella figura con i soldi dei lavoratori e quello che è peggio, che quando andranno in pensione, dopo che gli viene dimezzata la pensione, si ritrovano anche con meno sborso di tfr. questi politici sono dei maniaci, gli paice far soffrire le epsone. è tanto facile la soluzione hai problemi, ma a loro non interessa. io so come fare.

mario fronduti 02.10.14 22:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

consideriamo pure che ci sono aziende che falliscono dall'oggi al domani i cui dipendenti non percepiscono il dovuto TFR (vedi mia moglie).
Solo in Italia esiste il TFR, sono soldi del lavoratore che chissà per quale ragione storica vengono consegnati alla fine del rapporto lavorativo (e non sempre, come detto).

fabio barbieri 02.10.14 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Le castronerie di questo governo sono infinite,ma il movimento deve uscire dall'angolo in cui si e'cacciato altrimenti e'condannato in caso di elezioni a perdere moltissimi voti.

giuliano Baggiani , livorno Commentatore certificato 02.10.14 19:57| 
 |
Rispondi al commento

A qualcuno sembra l'uovo di colombo
Al governo serve che al sistema arrivi denaro =ossigeno
Peccato che quei soldi già sono usati dal INPS o dai fondi di investimento
Senza contare che come gli 80 euro non hanno mosso l'economia ,anche questi non andranno spesi ma presso i risparmi
Per Renzi ho lo stato i soldi li spende direttamente o non finiscono nel economia
X Renzi se dai reddito a chi c'è l'ha non risolvi un cazzo . I soldi li devi dare a chi non ha reddito , che sicuramente li spende
Sembra un concetto semplice ma nella testa di Renzi non ci entra , o è un altra marchetta alle banche

Riccardo Garofoli 02.10.14 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Il governo pensa di raschiare il fondo
Già è raschiato così si mette a rischio la tenuta di tutto il circuito delle PMI
Come se il TFR non fosse già utilizzato , per la parte che verza in INPS , mega ente previdenziale che ora dopo la riforma Fornero deve anche erogare per INPDAP , che fino al 1996 ha solo contributi figurati / lo stato saldava anno x anno il dovuto , dopo la riforma praticamente l'ammanco dello stato = disavanzo perdita chiamatelo come credete è erogato dai dipendenti privati

Riccardo Garofoli 02.10.14 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Qui si fanno i conti senza l'oste
INPS , che su i TFR se deve rinunciare al 50% perde oltre3,5 miliardi di euro , creando così nelle casse del ente ormai quasi unico un BUCO finanziario , chi lo copre ? Lo stato , no perché non ha soldi le banche no perché devono coprire le aziende che erogano il TFR
Tutto questo a che pro , lo stato non ha soldi da investire e li cerca sempre dallo stessa parte dai lavoratori privati ,ma già gli 80euro hanno dimostrato che non vanno al economia reale ma presso il risparmio allora è lecito pensare che sia un nuovo REGALO al circuito finanziario -- leggasi banche??

Riccardo Garofoli 02.10.14 18:19| 
 |
Rispondi al commento

CERTO CHE SIAMO DAVVERO AL VERDE

alvise fossa 02.10.14 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Rischio non solo per le aziende, ma anche per i lavoratori ... al momento della fine del rapporto di lavoro (per vari motivi) possono insorgere problemi economici nel lavoratore (Esempio difficoltà nel trovare un altro impiego) ed il "risparmio" del tfr potrebbe far comodo. Se viene dato prima, alla fine non ci si ritrova con niente. Per evitare ciò il lavoratore è comunque costretto a risparmiare quei soldi in più. Quindi che aiuto è per l'economia? Solite stronzate come gli 80Euro!!
In più c'è il rischio che la quota tfr messa in busta paga venga tassata come lo stipendio, ovvero in maniera maggiore rispetto al tfr accumulato. Come si usa dire .."prendersela nel de-drè!"

niko d. Commentatore certificato 02.10.14 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Va considerato anche l'aspetto fiscale, che forse è sfuggito: il TFR ha una tassazione separata, l'aliquota che viene applicata è di molto inferiore alla retribuzione normale. Se vado ad aggiungere parte del TFR in busta paga come verrà tassato? il sospetto che verrà applicata la stessa ritenuta che normalmente si applica alla retribuzione ordinaria è molto forte... un ulteriore danno per i lavoratori, oltre, come già fatto notare, che imprese

Giuseppe 02.10.14 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

con i numeri e le % si possono raccontare molte favole
Tralasciando il fatto che per le imprese sotto i 50 dipendenti è stata lasciata la scelta al singolo lavoratore di versare o meno mensilmente il suo t.f.r. nei fondi previdenziali, su 240 giorni lavorativi la falegnameria avrà un maggior esborso di € 2,49 giornalieri per dipendente, il negozio di abbigliamento di € 2.92,
l'azienda tessile di € 2.83 ed infine l'azienda metalmeccanica di € 2.99
Invece di perder tempo ad ascoltare la voce delle associazioni di categoria che hanno un grande business indiretto nei fondi pensione ( anzi andate a vedere come gestiscono il denaro del tfr ) facciamo cosi, il m5s preveda un emendamento che lasci la scelta di trasferire in busta paga il tfr al singolo lavoratore visto e considerato che sono soldi suoi

claudio 02.10.14 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Doppia mazzata per i lavoratori che si ritroveranno con la pensione decurtata.
Agiscono come i LADRI, di notte ti rubano la benzina dal serbatoio dell'auto e di giorno te ne regalano una tanica, con l'aggravante che le transazioni dei "NOSTRI SOLDI" dal "NOSTRO T.F.R." alla "NOSTRA BUSTA PAGA" non sono esentasse e fanno credere agli ignavi che stanno aumentando gli stipendi. E' vero, sono peggiori del P.D.L.. Nemmeno la mente contorta di Silvio Berlusconi sarebbe riuscita ad arrivare a tanta depravazione.
RENZIE, SEI UN CIALTRONE E VENDITORE DI FUMO.

Giovanni C. Commentatore certificato 02.10.14 14:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Al governo non abbiamo economisti, abbiamo solo servi dei lobbisti.

cettina* d., sicilia Commentatore certificato 02.10.14 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sei un convinto di sapere come funziona tutto. In realtà sai poco. Onesto ma ignorante (nel senso letterale della parola)

Carlo Attademo 02.10.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d' accordo con voi. Siete fantastici. Non mollate. Grazie M5S

Avvenimenti informatici Commentatore certificato 02.10.14 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedevo anch'io:se il tfr lo mettono in busta paga , possiamo dire addio alla pensione?

Lucio fire Leonardi, catania Commentatore certificato 02.10.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento

E i lavoratori?
In molte aziende il TFR o parte di esso viene versato nei fondi pensione per garantirsi (forse) una pensione decente. Se lo diamo in busta paga la pensione che fine fa?

Giuseppe maredi 02.10.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Non so ancora cosa occorre per far capire agli italiani in che baratro ci stanno portando...credo che è sempre più vicino il momento in cui capiremo che è possibile fermare questo massacro...grazie 5 Stelle.

Gabriele B., Lucca Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 02.10.14 11:08| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori