Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Alluvione di Carrara: l'argine costruito con il polistirolo

  • 31

New Twitter Gallery

polistirolo_carrara.jpg

"La denuncia di una cittadina di Carrara finisce su RaiNews. Non si placano le polemiche per il crollo dell'argine del fiume Carrione a Carrara, collassato nonostante i recenti lavori di ristrutturazione. L'argine era stato costruito con calcestruzzo e polistirolo. Questa la sconvolgente verità. Sul fronte giudiziario il procuratore capo Aldo Giubilaro, confermando l'apertura di un fascicolo con l'ipotesi di disastro colposo, ha annunciato anche una possibile svolta in una seconda inchiesta che riguarda sempre il crollo di un argine del Carrione avvenuto nel novembre 2012, un chilometro a monte dal luogo dove ieri si è aperta la voragine. Depositata anche la perizia sul crollo dell'argine all'altezza del ponte sulla statale Aurelia. Intanto il governatore Rossi ha annunciato che la Toscana dichiarerà 'l'emergenza regionale' per poter realizzare con criteri di estrema urgenza 234 opere, per 140 milioni, contro il rischio idrogeologico, che per vari motivi non sono ancora partite ma per le quali ci sono già i fondi stanziati." leggi tutto su Tzetze

7 Nov 2014, 16:34 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 31


Tags: alluvione, Carrara, emergenza, la cosa, polistirolo, rai news, tzetze

Commenti

 

Seguo con attenzione tante informazioni interessanti e utili che diffondete. Questa del polistirolo è una fanfaluca che suggerisco di correggere. Quel polistirolo si chiama giunto di dilatazione ed è fondamentale per tutte le pareti esposte al sole. Inoltre non serve per risparmiare sul calcestruzzo, visto che mi sa che costa di più il polistirolo.
Quindi togliamo questo argomento dalla discussione, che è pura disinformazione.
Il problema sta probabilmente (ovviamente non ho gli strumenti per dirlo) nelle fondazioni o in altre cose, ben più incidenti sul costo dell'opera.
Ciao e buon approfondimento.
Francesco

Francesco Panizzo 10.11.14 23:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quanti soldi sprecati, quante strutture precarie e incomplete, quante opere inutilizzate, quanto tempo, quante vite e quanta delinquenza. Con tutti i soldi sprecati avremmo potuto eliminare ogni problema in italia. Massima pena ad un bastardo di questi ma non c'è solo lui in mezzo. In mezzo c'è un bel gruppo di criminali che vogliono arricchirsi e si credono furbi e intelligenti più degli ingegneri e della gente colta di questo paese. Tutti a morire in galera. Devono rimpiangere ogni giorno di aver deciso di dare problemi alla collettività.

Hi Tech Commentatore certificato 09.11.14 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il Sindaco di Carrara cominci a capire che deve andarsene.
Pensi a dove trovare i soldi per pagare i danni che ha provocato.
Sarebbe ora che chi vuole fare questo lavoro sia pronto ad assumersi le responsabilità.
La pacchia deve finire per questa gente.

ivan.ital 09.11.14 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Cerchiamo di fare chiarezza:
Da quel poco che ho visto il polistirolo è distribuito su quasi tutto lo spessore della parte alta del muro. Però non si capisce se questa situazione è sviluppata anche lungo tutta la lunghezza del muro. L'unico motivo (logico e sensato) per la presenza di polistirolo in una struttura di cemento è costituire un giunto di dilatazione termica. In questi casi però il giunto è localizzato cioè ne viene messo uno ogni 50 - 60 m, ha uno spessore massimo di 2 - 3 cm e soprattutto deve mantenere tutte le sue capacità di resistenza statica (ed anche idraulica in questo caso). Normalmente quindi deve esserci almeno qualche barra di acciaio che attraversa il giunto e quindi fuoriesce dal polistirolo (e qui non c'è). Il problema più grave però è che nella "crosta" di cemento esterna (1 - 2 cm ? )non c'è assolutamente spazio per mettere le barre di acciaio verticali che danno tutta la resistenza al calcestruzzo armato. In una situazione del genere (se confermata) il muro non può assolutamente resistere alle spinte orizzontali (acqua) e quindi è crollato. Un altro caso che giustifica la presenza di polistirolo in una struttura di cemento è la dove il muro ha solo funzionalità estetiche ma non statiche (cioè non deve sostenere spinte di qualsiasi genere ma sostenere solo se stesso). E' evidente in questo caso l'errore di calcolo perchè la spinta dell'acqua c'era, eccome! Oppure .. , nell'ipotesi più tragica e dolosa qualcuno ha sostituito il cemento (costoso) con il polistirolo (molto più economico). In questo caso (se la sistuazione è provata) si tratta di truffa da un lato e di mancato controllo dall'altra.

Andrea 09.11.14 09:36| 
 |
Rispondi al commento

"Che il progetto e/o la realizzazione siano stati fatti per fregarsi i soldi
non c'è dubbio... Visto che è crollato tutto. L'uso del polistirolo non è
per risparmiare visto che al metro cubo costa molto più del cemento!!!!!"

Venero Stefano Coco, Catania Commentatore certificato 09.11.14 09:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che il progetto e/o la realizzazione siano stati fatti per fregarsi i soldi non c'è dubbio... Visto che è crollato tutto. L'uso del polistirolo non è per risparmiare visto che al metro cubo costa molto più del cemento!!!!!

Venero Coco 09.11.14 08:51| 
 |
Rispondi al commento

La presenza di polistirolo si riconduce alla ragione di 2cm di una lastrina di polistirolo interposta tra due pannelli di cemento armato atte a rendere "elastico" il manufatto senza interferire negativamente sulla tenuta del muro stesso, perciò , per cortesia, nessuna strumentalizzazione dell'uso dello stesso se nn se ne conosce l'utilizzo: altra verità è indubbiamente la tenuta del muro sottostante, tra l'altro messo "in sicurezza" 5 anni fa quando è stato ricostruito il ponte 50 metri a monte: esisteva un muro in calcestruzzo e blocchi di marmo poggiato sulll'alveo senza fondamenta, su questo sono stati poggiati pannelli prefabbricati di circa due metri per due per uno spessore di trenta cm : il fiume ha scavato sotto il muro di calcestruzzo facendo crollare tutta la struttura, evidentemente i lavori nn sono stati eseguiti come dovevano essere per cui responsabile in primis la ditta che ha effettuato i lavori e secondi, ma nn con meno responsabilità, la provincia per competenza delle opere (è stata aperta un'inchiesta per verificare le responsabilità) e, a mio avviso, anche il comune di Carrara in quanto, penso, responsabile sul territorio della sicurezza dei cittadini
Marchini egisto Carrara

Marchini Egisto 08.11.14 23:41| 
 |
Rispondi al commento

se è vero che è stato messo del polistirolo nei plinti soggetti a spinte laterali di quelle entità allora siamo proprio al vergognoso ladrocinio dei costruttori e non c'è perdono per chi ha truffato, o siamo alla più completa incapacità di progettare ed allora non c'è perdono per chi doveva controllare , comune compreso che ha dato l'ok al progetto. Valevano di più i capimastri e manovali di qualche secolo fa senza fare università e senza partiti.

guido c., arezzo Commentatore certificato 08.11.14 21:51| 
 |
Rispondi al commento

BASTA AI CORROTTI, BASTA AI MEGAIMPRENDITORI PROTTETTI DA UNA CLASSE POLITICA CORROTTA CHE VENDE A 10 QUELLO CHE VALE 1, BASTA A IMPRESE CRIMINALI, MAFIOSE PROTETTE DA POLITICI CRIMINALI CHE SGUAZZANO E SI ARRICCHISCONO IN QUESTO PAESE DI LADRI DOVE LE IMPRESE SANE CHIUDONO E QUELLE CRIMINALI SI ARRICCHISCONO. BASTA AD UNA MAGISTRATURA INCAPACE DI FARE GIUSTIZIA, BASTA ALLE MULTINAZIONALI CHE SCHIAVIZZANI INTERI POPOLI GRAZIE A POLITICI CORROTTI. CHE GLI OPERAI SI RIPRENDANO LE PRODUZIONI ABBANDONATE DA IMPRENDITORI SCHAVISTI COME PRADA BASTA ALLE FORZE DELL'ORDINE ED ALLA MAGISTRATURA CHE NON VEDONO, NON PARLANO E NON SENTONO. BASTA AD UN POPOLO OMERTOSO CHE NON RIESCE A LIBERARSI DA QUESTA MERDA.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 08.11.14 20:50| 
 |
Rispondi al commento

i pannelli di polistirolo si usano spesso in edilizia come intercapedine tra i pilastri o pareti in cemento armato.
si usa invece a volte"sbriciolato"e mescolato al calcestruzzo per alleggerirlo in situazioni dove non deve avere grandi resistenze come nella "caldane"dei pavimenti che è la parte superiore di un pavimento, non quella portante.
dubito fortemente che il polistirolo in questione sia stato messo li per risparmiare cemento.
che poi l'argine non fosse adeguato è lampante visto che è crollato,ma non certo per il polistirolo.

Giacomo Coccoli 08.11.14 14:40| 
 |
Rispondi al commento

ATTENTATO ALLA VITA DEI CITTADINI!!!! Incredibile!!!! Ecco come tutelano le vostre vite, mi rivolgo a voi che votate PD!!! RICORDATELO alla prossima volta quando dovrete votare!!!

Antonio Salvagno, Fossano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.11.14 14:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mettere un foglio di polistirolo va benissimo come isolante termico ma evidentemente la parte in calcestruzzo è stata fatta malissimo e come al solito non si sa chi è stato.
Causa per danni alla ditta?
Chi aveva l'appalto?
Magari i costruttori non ci sono più.
E allora?
Quando vengono fatti dei lavori bisogna essere presenti e fare immediatamente le analisi perchè l'usanza di vendere cemento magro è un'abitudine consolidata che continua a provocare danni enormi alla collettività quindi dovremmo andare ORA in tutti i cantieri aperti ad esaminare le percentuali di cemento nel calcestruzzo facendo poi le relative denunce (potete stare tranquilli che il 90% del calcestruzzo piazzato nei lavori pubblici è fuori norma, a volte di poco, pazienza, a volte di molto e lì capita il disastro).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.11.14 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Incredibile,questa e`il paese reale odierno,siamo in mano a delinquenti,mafiosi,corrotti,dobbiamo riprenderci il paese in mano,dobbiamo riportare la civilta nel nostro paese.

Franco Ranocchi, hamburg Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.11.14 13:25| 
 |
Rispondi al commento

In Italia le cose più assurde senza senso ingiuste sono ormai all'ordine del giorno,questo succede perché in tutti i disastri del passato e del presente i colpevoli non sono mai stati trovati e condannati.La certezza della pena in Italia non esiste e quindi tutto diventa possibile e permesso perché la giustizia non compie il proprio dovere e quindi tutti i furbi e furbetti italioti ne approfittano.

Oscar Macceri 08.11.14 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Cose da pazzi...

Dimitri P., Viterbo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.11.14 10:23| 
 |
Rispondi al commento

E voi cittadini continuate a lamentarvi e continuate a pagare i servizi che non esistono non esiste l onesta non esiste il niente di niente vi fanno ci fanno credere a cose e a fatti assurdi durerà ancora per poco se tutti e dico tutti la smettiamo di lamentarci e incominciamo ad agire in modo furbo e concreto sia per noi che per i nostri figli sappiate che tra 10 anni dell nostra amata italia esisterà solo piu il territorio perché il commercio come vedete sparirà piano piano e loro i potenti non faranno mai niente per noi e ci scanneremo in una guerra tra poveri questo sarà hanno portato alla deriva la nostra amata italia non lasciamola morire agiamo tutti uniti per la democrazia

sergio consolino 08.11.14 09:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho lavorato a numerose opere pubbliche in veneto, . . . ed il trucco del polistirolo nei muri e un vecchio trucco che nei lavori di tante opere pubbliche nel veneto e stato usato, e credo che prima o poi, quando qualche sottopasso crollera la verità verrà fuori

tindaro 08.11.14 01:38| 
 |
Rispondi al commento

Per me questa è mafia e anche se non lo è deve fare la muffa dietro le sbarre un bastarod di questo. Grazie M5S

Consigli Personal Computer Commentatore certificato 08.11.14 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito: un burlone mentre facevano i lavori ha messo il polistirolo per fare uno scherzo. Come al solito chi ci rimette è il cittadino

dalle mura simone 07.11.14 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Ingegneri e pseudo tali staranno dicendo, che è una tecnica usata spesso in costruzione (polistirolo e calcestruzzo o resine... Anche se secondo me una cosa è fare coibentazione civile o tavole da surf e una cosa è usare questa tecnologia come contenimento fiume... La vera domanda da fare agli ingegneri ecc, allora è: se quel muro fosse stato tutto di cemento armato, avrebbe tenuto??? Si o no ?

Luca fasulo 07.11.14 19:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo allo schifo più totale, che non vengano a dire e a trovare scuse, i responsabili devono essere "subito" arrestati processati per direttissima per "DISASTRO COLPOSO" "STRAGE AMBIENTALE" E CHI NE PUO', più ne metta....

Alfina Sanfilippo 07.11.14 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Una volta accertata la responsabilità di chi era preposto a costruire gli argini e di chi avrebbe dovuto controllare l'uso dei materiali, aggiungerei all'accusa di: "disastro colposo", quella di: "tentato omicidio e strage".

Anna Cereto, Misilmeri Commentatore certificato 07.11.14 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che poi neanche li arrestano e restando impuniti continuano a fare queste cose...

Rossano C., Salento Commentatore certificato 07.11.14 17:02| 
 |
Rispondi al commento

PD,PARTITO DI PLASTICA

alvise fossa 07.11.14 16:48| 
 |
Rispondi al commento

PD, partito di polistirolo. Faccia ammenda chi l'ha votato.

Che sPalle (che spalle), roma Commentatore certificato 07.11.14 16:40| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori