Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Come cambia il debito pubblico #fuoridalleuro

  • 212

New Twitter Gallery

debito_pil_italia.jpg

"Il debito pubblico è una sorta di mito, su di esso girano voci, falsità, mezze verità. Questa percezione sfumata, inafferrabile, fa del debito pubblico uno strumento molto utile nelle mani di chi governa. Non appena un'opposizione in parlamento o nella società alza la testa contro la deriva neoliberista dell'Europa e dell'Italia viene sventolato ad arte il ricatto del debito pubblico. Si invoca una situazione di emergenza, lo spread che potrebbe tornare ad alzarsi, la mancanza di soldi, la sfiducia del Dio Mercato sui titoli di Stato...
Sul debito pubblico, quindi, va fatta chiarezza. Prima di poter deliberare bisogna conoscere, e l'obiettivo del M5S è che non vi siano più miti e superstizioni di fronte alle quali il cittadino si sente troppo debole per poter decidere.

A chi e a cosa serve il debito pubblico?

Allo Stato per finanziare la spesa pubblica non coperta dalle tasse dei suoi cittadini. In altre parole, quando lo Stato spende a deficit (spesa > tasse) chiede in prestito i soldi che le tasse non forniscono.

Cos'è e come funziona il debito pubblico?

Lo Stato si finanzia emettendo dei titoli di debito a diversa scadenza (Bot, Cct, Btp nel caso italiano). I risparmiatori che vogliano farlo, siano essi nazionali o esteri, comprano questi titoli di debito, finanziando lo Stato che li ha emessi. Alla scadenza dei titoli, lo Stato ha l'obbligo di restituire al creditore la somma presa in prestito, mentre durante il periodo di prestito lo Stato eroga al creditore gli interessi. Alla fine dei giochi il creditore che ha prestato 100 si vedrà restituito 100 più il tasso di interesse del titolo di debito che ha acquistato.
Il vero problema, quindi, sono gli interessi. Se questi aumentano troppo, una quota sempre maggiore di spesa pubblica dovrà essere dedicata ogni anno al loro pagamento.
I tassi di interesse aumentano quando lo Stato non riesce a vendere tutti i titoli che mette all'asta e quindi deve aumentare il loro rendimento per attrarre investitori, oppure quando i titoli di Stato vengono venduti in massa da chi li ha comprati, di solito per mancanza di fiducia circa la loro restituzione. Il costo del debito dipende quindi dalla fiducia che hanno i risparmiatori nei confronti dello Stato debitore.
Sarà ovvio, a questo punto, che possedere o meno la propria moneta fa per lo Stato, e per i suoi cittadini, tutta la differenza del mondo. L'Italia non può creare l'euro, ma poteva creare la lira.
Se lo Stato può creare la moneta con la quale deve ripagare il suo debito, può SEMPRE garantire il pagamento dei titoli di Stato che ha venduto. Se invece non può emettere la moneta deve procurarsela centesimo per centesimo per ripagare i titoli e gli interessi. Per farlo dovrà tassare ancor più i cittadini, tagliare la spesa produttiva e indebitarsi ancora. È il paradosso del debito che ripaga altro debito e si moltiplica su se stesso. Un circolo vizioso che parte dalla mancata sovranità monetaria.
I creditori avranno più fiducia in uno Stato sovrano della sua moneta, o in uno Stato che deve procurarsela tartassando i suoi cittadini? Per rispondere, basta vedere la dinamica del rapporto debito/Pil dal 1981, quando alla nostra Banca d'Italia è stato impedito di creare la lira per comprare i titoli di Stato invenduti sul mercato. Da quel momento i tassi di interesse sono esplosi e il debito è raddoppiato nel giro di 10 anni. L'euro è solo l'ultimo atto della spoliazione di sovranità monetaria dell'Italia iniziata con il "divorzio" tra Tesoro e Banca d'Italia del 1981.
Dobbiamo uscire da questa gabbia al più presto, riprenderci il controllo della nostra Banca d'Italia, permettendo ad essa se necessario di emettere moneta, abbattere gli interessi e aumentare la liquidità nell'economia reale. Liberarsi dal ricatto dei mercati è più semplice di quello che sembra.
Il debito pubblico denominato nella moneta di Stato può essere gestito virtuosamente e diventare la ricchezza dei cittadini, finanziando opere strategiche, settori ad alta occupazione, Stato sociale, istruzione, ricerca e scuola. È un debito che si ripaga da sé con la crescita del Pil, dell'occupazione e del gettito fiscale.
Se l'Italia uscisse dall'euro, moneta di fatto straniera, circa il 94% del suo debito pubblico sarebbe ridenominato in lire e lo spread tornerebbe nel dimenticatoio.
Fuori dall'euro per realizzare insieme l'Italia a 5 stelle!" M5S Senato

LEGGI ANCHE:
Uscire dall'euro si può fare! Ecco la procedura
L'endorsement di Pritchard al referendum M5S sull'euro
Sovranità monetaria o default!
Quanto ci costa l'euro
Il Mezzogiorno dimenticato nell’epoca dell’euro
#Fuoridalleuro per salvare le imprese!
L'euro e la strage delle imprese #fuoridalleuro
L'Italia, il malato morente dell'Europa - The Spectator
La lemming economy
L'euro e la nuova povertà



4 Nov 2014, 12:04 | Scrivi | Commenti (212) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 212


Tags: bot, btp, cct, debito, debito pubblico, euro, Europa, fuoridalleuro, governo, PIL, UE

Commenti

 

Non è affatto un buon dato, anzi, dopo i sacrifici fatti da imprese e cittadini negli ultimi anni, ild ato è piuttosto preoccupante”: è il commento dell’imprenditrice reggiana Stefania Bigliardi sui dati comunicati da Bankitalia che hanno visto il debito pubblico italiano salire ad aprile di altri 26,2 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a quota 2.146,4 miliardi di euro”. “La quota di incremento corrisponde per 11,3 miliardi al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche e per 15,4 miliardi all’aumento delle disponibilità liquide, che hanno raggiunto i 77,4 miliardi a fine aprile” spiega l’imprenditrice reggiana.

http://www.sassuoloonline.it/2014/06/16/stefania-bigliardi-nuovo-record-del-debito-pubblico-ad-aprile/

dario villa, milano Commentatore certificato 25.11.14 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Quindi aveva raggione il signor Pascucci?
Qual'è il problema di indicare il signoraggio come causa di ogni male, ora?

Elisabetta Carota (elisabetta_carota), Pavia Commentatore certificato 12.11.14 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Non vale la pena perdere tempo illudendosi come credere a un Dio Immaginario,quando anche chi è incapace di intendere e volere sa che noi siamo una Colonia e non potremo mai decidere nulla,ed è per questo che hanno rimesso il suddito Presidente e Renzi l'Incantatore.Subito Beato assieme al Papa Politico che ha sconfitto il Comunismo,fatto grande la Polonia per portarla nel Paradiso UE affinché si realizzasse la Globalizzazione tramite le guerre mascherate e per sottomettere la Ex grande Potenza Russa.Perciò,proprio adesso che la UE sostiene la battaglia finale dell'Ucraina nel massacro dei filorussi che segnerà la disfatta della Russia,non può dimettersi.Proprio per questa cinica realtà,ogni governo imposto,approva le guerre mascherate,le grandi Opere,le spartizioni delle poltrone e delle cariche,aumenta le tasse e subito dopo iniziano i soliti teatrini.Non si deve credere a niente,è tutto pianificato ed i vari credo sono solo illusioni effimere;Dio non esiste ed è tutto pianificato,lo conferma il trionfo del sistema politico all'italiana del piede in due scarpe e del falso bigottismo.
Procede tutto come da copione,come è stato nelle prime due Repubbliche,cioè sempre il solito minestrone DC /PCI & C. Venduti.Con le uccisioni quotidiane dei filorussi da parte del governo sostenuto dalla UE per sottomettere difinitivamente la Russia ai padroni del mondo,i nostri politici delle grandi ammucchiate possono gioire ed essere orgogliosi di aver sostenuto e propagandato le guerre mascherate,di aver incancrenito la vera sinistra e portato tutti nel PPE,affinché si edificasse la Suddita Piramide del Potere UE.Sicuramente avrebbe causato meno danni una vera guerra subito agli inizi degli anni 90 che non a questi 25 anni di guerre mascherate che oltre ad incancrenire il mondo hanno fatto perdere tutti i credo,sia morali etici-filosofici-Cristo-Maometto-Budda-Confucio e dimostrato che Dio non esiste.Sono stato un cretino a credere in un Dio Immaginario.

agostino nigretti 09.11.14 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Quando si inizia la raccolta firme per uscire dall'euro??

matteo caterino 09.11.14 12:49| 
 |
Rispondi al commento

In Italia con o senza lira la deriva sud-americana appare scontata. In Venezuela "la rivoluzione bolivariana" e la monetizzazione del debito ha portato ad un'inflazione ormai del 100% e ha costretto Maduro ad importare petrolio. Nel paese con le più grandi riserve petrolifere al mondo !!

Mario De Carolis 08.11.14 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Guardate il filmato http://www.youtube.com/watch?v=gGg5nfv_EzA, propone le questioni basilari in merito al sistema monetario

Alberto N 08.11.14 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Le matte risate che ci si fa leggendo questo articolo sono incredibili... Rinominare il debito pubblico da € a lire??? Certo io ho sottoscritto dei contratti in euro moneta che non cessa di esistere solo perchè l'Italia ne esce. Pertanto il debito sarà cmq da rimborsare in EURO e non in LIRE... Potremo stampare tutte le lire che vogliamo ma più stampiamo più ce ne vorranno per comprare un euro fino a non valere più nulla... Potremmo gabbare i cittadini italiani con stà cosa ma non certo gli investitori stranieri... Questa meravigliosa teoria ha un solo traguardo: default selettivo sui crediti stranieri... MA COMPLIMENTI

Alessandro De Santis 07.11.14 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Trovate sul web alla parola professor AURITI. Guardate tutti i video che sono pubblicati,di facile comprensione. L'unico che ha denunciato alla magistratura il governatore ciampi, visco, Andreatta per signoraggio bancario,anatocismo bancario.

michele lanotte (michele lanotte), barletta Commentatore certificato 07.11.14 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Non dico che non doviate uscire dall'Euro ma ancora non capisco come finaziare questa famosa emissione. Nel caso Argentino (per che la proposta di Grillo e' quasi una copia esatta) si ha finanziato con una entrata di capitali esteri unica nella sua storia (163.600 milioni de dollari, accumulati tral 2003 al 2014, per avere la stessa quantitá devi sommare il surplus commerciale tra 1943 al 2002). Noi abbiamo la soia (quella di Monsanto che distrugge tutto al suo paso) e abbiamo potuto finanziare una economia locale che dipende quasi del 60% di prodotti importati (e abbiamo soltanto poco piu' di 40 millioni di abbitanti su una supperfice che e' quasi come tutta l'europa). Cosa userebbe l'Italia per produrre questi capitali?

Da noi, secondo le cifre della Banca Centrale, 94.500milioni di dollari su usarono per finanziare l'uscita di capitali all'estero, il che non si puo fermare se vuoi emmetere debbito almeno come si fa qui (a quanto sarebbe il debbito estero italiano con un cambio di moneta?),40.300 milioni di dollari per pagare servizzi di debbito pubblico per aver perso accesso diretto ai mercati finanziari internazionali. Alla fine son rimasti 16.000 millioni per aumentare le riserve internazionali

Questa fuga di capitali porto' al governo a bloccare l'accesso alle divise esterne ("cepo cambiario") che ora produce uno sdoppiamento del valore del dollaro dove tra quello ufficiale (che quasi non esisste) e quello "blue" (illegale) e di piu' del 60% (ma quello che marca il valore di rifferimento e' il blue). Se si guarda il valore storico del blue segue perfettamente il valore del "dollaro convertibilita'" (quantita di riserve internazionali/emissione)

Oltre a questo ci sono altri 2 valori legali del dollaro ("dolar bolsa" e "contado con liquidacion")

Allora la prima domanda che farei sarebbe: Quanto dipende l'Italia di prodotti esteri e quanto costarebbe importarli?

Emiliano Gonzalez 07.11.14 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Una volta che il paese "crea" il denaro senza garanzie per il valore del denaro creato si ripaga il debito che non valeva piu con denaro che non vale piu, si chiama inflazione e lo abbiamo gia vissuto piu e piu volte nel mondo. Un paese non puo diventare ricco producendo piu moneta, deve produrre valore.
La vostra come al solito e demagogia, disinformazione e allarmisimo, la vostra soluzione un ditattore populista dopo uno che se ne andato (forse) dopo vent'anni e un'altro che sta rovinando il resto del paese...
Bell'andare

Michael Stiller 07.11.14 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma dico... quello che dite nell'articolo e' pratticamente quello che ha fatto l'Argentina. Avete visto com'e' finita ora che i prezzi dei commodities non e' piu' quello degli ultimi 10 anni?

Emiliano 07.11.14 00:12| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che dovremmo evitare di strillare ai 4 venti notizie confuse e che possono essere confutate con poche righe. Carino l'articolo ma controproducente per il M5S, che appoggia ipotesi fuori dagli schemi consolidati dove c'e' la necessita' di avere fondamenta incontrovertibili per evitare linciaggi mediatici. Il confronto con gli anni dal 1983 al 1994 non e' fattibile! In quegli anni c'era una richiesta di denaro e una voglia di investimenti produttivi esponenzialmente superiore a oggi, dove trovi solo pochissimi imprenditori disposti a rischiare in Italia. Le banche facevano affari d'oro vendendo denaro a tassi superiori al 20%, i tassi di riferimento erano sempre a 2 cifre, dal 16% al 12%, in tutti quegli anni presi in considerazione. Ma cosa c'entra che alla banca d'Italia e' stato impedito di creare denaro? Il denaro costava tantissimo, l'inflazione era alta e gli interessi sul debito pubblico, di conseguenza, alti altrettanto. Ma questa situazione non impediva gli investimenti. Questo e' il motivo per cui il debito pubblico si e' impennato. Erano tempi diversi, c'era ancora crescita da sfruttare, cosa che oggi non c'e' piu', nemmeno se i soldi per fare investimenti te li regalano al 3%! Non facciamo confusione, a me non piace l'Euro, credo sia stato e sia un male per molti aspetti della nostra economia, ma dobbiamo portare argomenti piu' pertinenti per essere creduti attendibili. Forza M5S.

Franco V. Commentatore certificato 06.11.14 23:41| 
 |
Rispondi al commento

TORNARE ALLA LIRA COL CAMBIO 1 EURO = UNA LIRA (QUINDI PESANTE NON COME LO ERA PRIMA) E CANCELLARE IL DEBITO SENZA RENDERE UNA LIRA PERCHE' OTTENUTO CON LADROCINIO E IMBROGLIO DELLE RISORSE DEI POPOLI E COL SIGNORAGGIO BANCARIO

aurelio m. Commentatore certificato 06.11.14 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tornare alla £ira per poter stampare moneta e far crescere l' inflazione per poi finanziare opere strategiche, settori ad alta occupazione, Stato sociale, istruzione, ricerca e scuola con la conseguente crescita del Pil, dell'occupazione e del gettito fiscale?
Ma nel passato recente non parlavate di ''Decrescita Felice''??

Mauro B. Commentatore certificato 06.11.14 15:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma se il debito dovesse essere riconvertito in lire, ovviamente, raddoppierebbe. Come ne usciremmo?

paola cafarella 06.11.14 09:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alticolo fantastico. Ben scritto e molto chiaro. Ho arricchito il mio bagaglio culturale. Grazie M5S


e nel frattempo che si realizza l'italia a 5 stelle, il bel paese (???)va alla deriva verso la libia, con gli sprechi e la mariolaggine dei politici non a m5s (l'ultima: leggi corte dei conti sulle regioni italiane!).

domenico santacroce, napoli Commentatore certificato 05.11.14 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Una precisazione che non cambia la sostanza MA DOVE POTREBBERO INCASTRARVI:
1a) Il debito/pil esplose per gli interessi REALI cioè nominali-inflazione che divennero positivi! (Cioè tasse da pagare cioè finanza che parassita l'economia cioè attività che soffrono).
2a) In realtà bankitalia continuò a comprare i titoli di stato invenduti oltre il 1981 fino al 1988 ma i tassi nominali si alzavano per quanto segue.
2b) Dal 1981 i titoli di stato nominali aumentarono a causa dello SME dove ci avevano messo (seguivamo andamento USA/Germania).Lo sme ci imponeva di non espandere troppo la massa monetaria (emettendo moneta) e non espandendola i tassi nominali si accrebbero (meno capitali in giro = meno prestiti allo stato = tassi nominalialti). Dal 1981 IN CONCOMITANZA A CIO' l'inflazione calava di brutto (finito lo shock petrolifero) provocando il rialzo dei tassi REALI (nominali-inflazione).
3) Il debito è stato preso da soggetti esteri solo con l'euro. Prima era estero per un fisiologico 8%.
4) www.amazon.it/dp/B00NDLYNYC e spaccate il culo a tutti in economia ("Corso di sopravvivenza completo per ignoranti in economia: Uscire dall'euro?"). 2.68 euro.

Marco Giannini 05.11.14 13:49| 
 |
Rispondi al commento

L'euro E'SERVITO SOLO ALLA MACRO ECONOMIA ( ossia grandi capitali e investitori internazionali) per ottenere questo SERVIVA COME CONTRO ALTARE CHE LA MONETA EURO DISTRUGGESSE LA MICROECONOMIA QUELLA DELLA VITA REALE DELLE PERSONE QUELLA DEI PREZZI AL CONSUMO QUELLA DELLE PENSIONI E DEL LAVORO .
Fine .
L'euro serve ai vari Draghi o Bazoli o Profumo o simili a discapito della gente comune, al cittadino se svaluti una moneta troppo forte di contro non gli alzi le tasse, lo fai vivere meglio ma LE BANCHE CON AZIONISTI PRIVATI CI PERDONO LE SPECULAZIONI IN BORSA.
Capito o no a chi serve ed e'servito l'euro???
O ci servono altri 20 anni di supplizio e privazione della libertà individuale x capirlo???
Ci vietano l'uso del contante xche se no le banche ci perdono cosa che con la carta di credito non succede xche e'non e'denaro vero e'virtuale w'solo sulla carta da un conto a un altro.
Il denaro in contate deve sparire solo x fare far soldi ai banchieri privati !!
RIPRENDIAMOCI LA MONETA SOVRANA E NAZIONALIZZIAMO LE BANCHE FINE.

Lara 05.11.14 10:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è il timore che, uscendo dall'Euro, i prodotti e i servizi costeranno di più? Comiciamo a limitare il raggio d'azione perchè non da tutti i paesi europei importiamo beni di vitale importanza. Invece, visto che il boyscout è furbo, ci roviniamo i rapporti con Putin che ci vende il gas, un prodotto sicuramente di vitale importanza. Una volta si diceva che gli italiani erano furbi, adesso siamo diventati tutti coglioni.

Franco Mas 05.11.14 09:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo articolo, che linko, spiega perfettamente le cause del raddoppio del rapporto debito pil avvenuto in italia negli anni '80, che non è stato causato, come si sostiene ormai da tempo, dal divorzio tra banca d'italia e ministero del tesoro, ma fu provocato dal fatto che l'italia apparteneva ad un sistema monetario, lo SME, a cambi rigidi o semi rigidi, che non dava la possibilità di fare politiche monetarie di aggiustamento del cambio in base ai parametri economici del momento. Questo per dire che non è sufficiente avere la sovranità monetaria se poi si vincola la propria moneta a cambi fissi con altre monete, La Mosler Economics- Modern Money Theory, propone invece, oltre naturalmente alla sovranità monetaria, il cambio fluttuante, che garantì all'italia i periodi di maggior crescita e quindi benessere di tutta la storia repubblicana. http://memmt.info/site/il-divorzio-banca-ditalia-tesoro-un-falso-mito-studiare-lo-sme-per-capire-leuro/

alessandro costanzi, civitavecchia Commentatore certificato 05.11.14 00:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La tagliola, EURO, e messa apposta per piegare le nazioni deboli ai piedi di quelle forti. I veri traditori della patria italiana sono quei politici e finanzieri che hanno permesso questo pur sapendo benissimo delle conseguenze. non hanno amor di patria, costoro sono TRADITORI e si sono guadagnati la più alta pena. Che brucino tutti all`inferno alla loro morte, lentamente.

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Cerchiamo di capire prima di tutto che nessun investitore straniero verrebbe in Italia se improvvisamente sparissero corruzione/crimine e malapolitica:
l'investitore segue il guadagno non la giustizia.

Cerchiamo di capire che la svalutazione o rivalutazione monetaria servono prima di tutto a compensare rispettivamente un eccesso di importazioni o esportazioni:
se non esiste la leva del cambio monetario a svalutare devono essere le paghe (attuale politica) e qualora ciò non fosse possibile si finisce per svendere le aziende buone cancellando completamente il proprio futuro.
La moneta è il mezzo con cui si impedisce alle esportazioni o importazioni di crescere in maniera squilibrata.

Confermiamo e sfatiamo un piccolo mito:
"svalutazione = inflazione".
Le definizioni sono diverse (guardate wiki) ma c'è di vero che NEL LUNGO PERIODO se si svaluta è probabile che cresca l'inflazione (l'effetto richiede anni e non è detto che ci sia poichè i due valori non sono direttamente correlati).

Altro mito:
"stampare moneta = inflazione"
Anche questo è discutibile inoltre bisogna notare che a stampare moneta attualmente non sono gli stati ma le banche tramite l'artificio contabile del prestito, ovvero i privati a cui l'eurodittatura ha regalato il diritto di imporre ai cittadini l'accettazione della loro moneta PRIVATA, OBBLIGATORIA per pagare le tasse allo stato.

Pur essendo vero che inondare un mercato di valuta significa spingere i prezzi verso l'alto bisogna precisare che le cifre immesse dagli stati a moneta sovrana sono di gran lunga inferiori alle cifre movimentate dagli istituti finanziari che di fatto utilizzano come moneta praticamente di tutto (derivati, titoli di stato, debiti, cartolarizzazioni, azioni...):
al cittadino è vietato fare il baratto ma i finanzieri possono scambiarsi beni finanziari tranquillamente e quasi gratis (se son ricchi ci sarà un perchè).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 22:12| 
 |
Rispondi al commento

Ho ancora qualche perplessita' che uscendo dall'euro si risolva tutto. Forse alcune cose si semplificano ma temo che altre si complichino. Se per ipotesi ci staccassimo, rimaniamo comunque in europa e nel mondo e dovremo interfacciarci lo stesso con essi. Il mercato interno potrebbe anche funzionare ma per le relazioni esterne credo che pagheremmo di piu' (perche' la nostra moneta sarebbe ritenuta una immondizia) e siccome ormai dipendiamo quasi al 100% dall'estero per prodotti ed energia (da soli non produciamo piu' neanche i chiodi) non avremmo molte vie di fuga... la possibilita' di stampare moneta puo' servire solo per piccoli aggiustamenti ma non e' certo la soluzione principale, anche perche' tanto piu' ne stampi e piu' vale carta straccia, facendo salire i prezzi e quindi lasciandoci con lo stesso problema...
Forse otterremmo vantaggi nelle vendite di prodotti e servizi all'estero e nel turismo in entrata, ma se ad esempio volessimo andare noi come turisti all'estero sarebbe sconsigliabile.
A parte poi tutti i costi sul cambio di cui le banche sono ghiotte...
Saluti,
Stefano

Stefano 04.11.14 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche questo Crazy non è proprio crazy, dice cose giuste. Andiamo avanti.

Franco Mas 04.11.14 20:24| 
 |
Rispondi al commento

L'unico vero problema è l'assurda spesa pubblica in cose infruttuose, quando non nocive: avete presente le pensioni d'oro a chi ha versato una piccola frazione di quanto prenderà, i falsi invalidi puntualmente pagati, gli assenteisti puntualmente pagati, i colletti bianchi che distraggono cifre esorbitanti e quando gli va male sono condannati ad una pena solo sulla carta e alla NON restituzione del maltolto, i politici di una delle regioni più povere che guadagnano più di Obama, l'esercito di forestali ridondanti puntualmente pagati...? Insomma: tutto ciò che in una piccola parte è stato descritto in "La casta" e che costituisce una spesa che in proporzione non sarebbe sostenibile nemmeno dal sultanato del Brunei, invece l'abbiamo noi che siamo messi come siamo messi...Per forza l'unica cosa è fare altro debito!
Bellino il vostro grafico, però vi siete dimenticati che prima del divorzio bankitalia-tesoro, i tassi di inflazione erano 17,7 nel 1979, 12,4 nel 1978 18,1 nel 1977...roba da cardiopalma, dovuta proprio al fatto dell'immissione scriteriata di moneta per cercare di tenere botta con la suddetta spesa pubblica ipertrofica! La soluzione come al solito è stata (anzichè rivedere la spesa)il citato divorzio, così che lo stato non potesse più battere moneta ad libitum. Purtroppo, avendo risolto i problemi di spesa forsennata ha avuto come unica opzione l'idea geniale di cominciare a fare debito.Ora si è nell'Euro e non si può più nemmeno fare troppo debito senza rendere conto agli altri paesi, ed ANCORA non si pensa a rivedere la spesa pubblica (che nel mentre ha continuato a salire, insieme al carico fiscale) ma si punta il dito contro l'euro, che è ciò che ci ha sbattuto in faccia la realtà: sono 40 anni che paghiamo tasse per far girare una macchina improduttiva!

CrazyJoe 04.11.14 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente. E' da tempo che aspettavo questo tipo di scelta nel MOVIMENTO. E' segno di maturità e finalmente di dare una priorità alle cose. Questa è la Madre di TUTTE LE BATTAGLIE ..... pertanto spero di non leggere altri post di Guido Maria Brera e che Casaleggio non parli di tagli alla spesa pubblica

Pierluigi Dellanoce 04.11.14 15:39| 
 |
Rispondi al commento

""..la moneta serve a scambiare beni e servizi""
L'euro, come anche prima nella storia il dollaro, serve agli speculatori e ai banchieri di tutto il mondo, specie ora che e' globalizzato, a commerciare meglio e piu' velocemente nel danaro, con l'usura, gli interessi e i mille trucchi contabili, ad es. i derivati.
Non so come lo chiamano tuto cio' i prof. di economia, io lo chiamo USURA.
Per chi volesse approfondire consiglio di leggere e studiare nel seguente sito:
http://goofynomics.blogspot.it/

Fabrizio M. Commentatore certificato 04.11.14 14:29| 
 |
Rispondi al commento

dal f.q..it:

"a chi dobbiamo restituire questi soldi? La risposta più semplice è la seguente: alla banche straniere che ce li hanno prestati. Ma dal 2011 in poi la percentuale delle banche straniere nostre creditrici è scesa ed oggi è inferiore al 40 per cento. Chi ha in portafoglio gran parte del nostro debito pubblico sono le banche italiane, tra le quale c’è anche il Monte dei Paschi, che deve allo Stato, e cioè a noi poveri debitori, 4 miliardi di euro.

Creditori e debitori sono le stesse persone, direte voi, perché fanno tutti parte dello Stato, della collettività. Ma questa spiegazione non è del tutto corretta perché né lo Stato dei contribuenti né le banche nazionali controllano la massa monetaria, detto in parole povere, non stampano moneta. Entrambi la ricevono dalla banca centrale attraverso il debito. Assurdo? Succede in quasi tutto il mondo a pare qualche eccezione, come la Svezia e la Cina dove la banca centrale è di proprietà dello Stato, quindi si potrebbe dire che la collettività si indebita con se stessa.

La Banca Centrale Europea è l’unico organismo che ha il diritto di stampare moneta, lo dovrebbe fare secondo parametri fissi ma data la crisi Draghi è riuscito ad aggirarli ed è lui alla fine che stabilisce quanta moneta cartacea si stampa. Da notare che nessuno di noi europei lo ha eletto. La Bce è una banca privata, di proprietà degli azionisti delle banche centrali dell’Eu, tutti enti ed organismi non statali, tra costoro ci sono anche alcune delle nostre banche.
Come funziona il meccanismo? La Bce crea dal nulla euro, nel gergo comune trasforma carta straccia in banconote, questi soldi vengono dati in prestito, oggi a tassi vicini allo zero, alle banche di Eurolandia. Con questi soldi le banche acquistano i buoni del Tesoro dello Stato con i quali i governi nostrani ripagano ogni anno solo gli interessi sul debito pubblico"

Saverio L., Italy Commentatore certificato 04.11.14 14:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COME PRIMA PEGGIO DI PRIMA

Nel 2015 in Italia le cose non miglioreranno affatto e tra le dichiarazioni ottimistiche del governo e dell'Europa di un aumento del pil di 0,4 punti forse cresceremo di 0,1 ma saremo fortunati se non ricadiamo in recessione.
Italiani ma abbiamo davvero capito la gravità della situazione?
Il debito pubblico nel 2015 è previsto ancora in crescita e le previsioni sull'occupazione sono alquanto fumose.
Renzi dice che il paese è diviso tra padroni e lavoratori ma è completamente fuori strada ed è anacronistico parlare ancora di padrone.
La vera spaccatura è tra lavoro e disoccupazione ed anche chi per il momento è occupato non è affatto al al sicuro.
Forse si dovrebbe parlare di una spaccatura tra erogazione sicura dei salari ed una precaria o tra uno stipendio puntuale ed un salto nel buio per i piccoli imprenditori la cui unica sicurezza puntuale è il pagamento delle tasse.
Renzi non sta sulla luna sta proprio in un universo parallelo.
L'erogazione anticipata del tfr comprometterà le pensioni della generazione di mezzo e i maledetti 80 euro escono dal debito e dall'aumento delle tasse senza alcuna considerazione su quella classe di lavoratori fuori mercato,o precaria, o di imprese fallite che è già data per spacciata.
Ma quale padrone ,ma quale operaio qui si parla di chi campicchia o di chi è povero assoluto rispetto a colui che ha ancora il lusso di avere un lavoro e uno stipendio.
Renzi sta talmente giocando d'azzardo che rischia di creare un vuoto occupazionale anche a chi c'è l'ha perchè signori cari il debito è divenuto insostenibile e continua ad espandersi ed in queste condizioni non ci sarà pane per tutti.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Alcune asserzioni di tale post sono stupefacenti. Non viene detto che, se si paga gran parte del debito pubblico stampando nuova moneta, si verifica un'elevata inflazione, se non si verifica una corrispondente crescita produttiva. Se c'è inflazione o anche solo il rischio di elevata inflazione, i prestatori pretendono interessi più elevati. Ecco perché, se ricordo bene, nei primi anni dell'euro gli interessi sul debito pubblico italiano erano fortemente calati: non c'era più il rischio inflattivo. Il rapporto debito/pil è un'altra cosa, dipende non solo dagli interessi sul debito ma da molte variabili...Detto ciò, potrebbero esserci valide ragioni per rinunciare all'euro, ma gli argomenti qui indicati mi fanno dubitare dei nostri parlamentari o perlomeno della loro propaganda.

francesco ., pavia Commentatore certificato 04.11.14 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"E poi quale investitore straniero comprerebbe bot in lire sapendo poi che noi, quando ci gira, svalutiamo?"

Ormai non ci sono piu´"investitori" ma radi speculatori e da quando Draghi ha detto che "fara´tutto il necessario..." anche quelli sono scomparsi.
Perche´lo spread e´diminuito?
Non sicuramente per le politiche di governo.
Anzi soprattutto per quelle.
Chi compera i bond statali per farne diminuire lo spread?
Le banche, coi soldi stampati dalla BCE a tasso zero, lucrando sulla differenza di interesse.
Ormai il "mercato" quello vero, creato dagli investimenti e dall´economia reale non esiste piu´.
La "borsa" e totalmente slegata dall´economia reale, non cresce quando l´ecoomia va meglio e i titoli non seguono l´andamento "reale".
Se la FED dichiara che stampera´dollari la borsa sale vertiginosamente.
INFATTI negli ultimi giorni il NIKKEI e´cresciuto tantissimo, in seguito alla dichiarazione della banca centrale che stampera´yen a tutto gas...
Il dollaro acquista valore se la FED dichiara che stampera´meno o terminera´il QE.
E cosi´via.
I titoli delle aziende spesso aumentano di valore perche´e´l´azienda stessa a comperare le sue azioni, proprio per aumentarne il valore.
Le banche centrali emettono derivati e li comprano o vendono per far salire o scendere il prezzo di commodities, per abbassare i tassi di interesse etc. etc.
L´euro, come i derivati etc. e´diventata una vera e propria arma di distruzioone di massa.
L´UNICA nazione al mondo in cui c´e´ancora una parvenza di democrazia la SVIZZERA fara´un referendum per tornare al franco legato per il 20% all´oro e per obbligare la banca centrale a "ricomperare" l´oro dei cittadini svenduto dalle banche.
Ma gia´dicono che vinceranno i no...perche´? Perche´la democrazia e´morta ANCHE in Svizzera.

Patrizia B. 04.11.14 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Le trappole liberiste che renderebbero inutile la fine dell'euro

Cambiare tutto affinché nulla cambi. Questa è l’espressione gattopardesca che potrebbe rappresentare lo scenario del dopo euro. Gli economisti di stampo liberista hanno impiegato poco tempo ad abbandonare la strenua difesa della moneta unica, basti ricordare Tabellini e Zingales, i quali, conoscendo l’economia, hanno ben compreso che l’euro ha i giorni contati e hanno virato prontamente per poter salire sul carro della sovranità monetaria, sempre più affollato di redivivi nostalgici della lira, che il giorno prima consideravano un apostata chiunque prospettasse un’uscita dall’unione monetaria.
...

Un ritorno alla lira, deve essere l’occasione per ricostruire un modello economico perduto e demolito negli anni, con una Banca d’Italia partecipata interamente dal Tesoro che governa la politica monetaria; con il recupero dell’interventismo e del ruolo dello Stato per risolvere le crisi sociali, servendosi anche di un ripristino delle partecipazioni statali; con la costruzione, infine, di una banca pubblica per realizzare il precetto dell’art.47 della Costituzione con l’obbiettivo di disciplinare, coordinare e controllare l’esercizio del credito. Se si vuole un ritorno alla sovranità monetaria per continuare ad adottare un modello economico recessivo e deflattivo, sarà solo un cambio apparente e di facciata così da poter fornire il pretesto che una sovranità monetaria è inutile. Non basta solo una valuta sovrana, condizione prima per il cambiamento, ma è necessario (ri)conquistare anche una sovranità economica, con gli strumenti di regolazione dell’economia mista.

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=9241

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono daccordo però se si riprende il controllo della propria moneta, bisogna riprenderselo anche della propria economia.

Dazi d'ingresso per prodotti esteri (sarebbe ancora meglio se inversamente proporzionali al costo del lavoro del paese di provenienza).

Tasse molto alte per prodotti tecnologici (non è possibile che sia preferibile buttare il vecchio perchè ripararlo costa quanto il nuovo o quasi, con tutto l'inquinamento ambientale che ne deriva).

Tasse extra per siti e-commerce (se è vero che paghiamo meno i prodotti, quanti punti vendita chiusi / posti lavoro ci è costa?).
Ragioniamo non solo da "consumatori" ma in ottica generale.

Le prime cose che mi sono venute in mente

Ciao

carlo A. 04.11.14 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo: BITCOIN.

https://bitcoin.org/it/

http://www.ilsole24ore.com/articlegallery/tecnologie/2013/bitcoin-istruzioni-uso/index.shtml

http://it.wikipedia.org/wiki/Bitcoin

Marco M. Commentatore certificato 04.11.14 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Copia incolla da Huffington post di oggi : " A otto mesi dalla sua comparsa sulla scena, il partito degli “indignados” Podemos rivoluziona la mappa politica spagnola. Se si votasse oggi, il partito di Pablo Iglesias vincerebbe le elezioni con il 27% dei suffragi, 7 punti avanti al Partido Popular, crollato dal 44,6% delle politiche 2011 al 20,7%"
Ora Podemos ha un programma molto affine a quello del M5S. E' troppo iniziare a lavorare con loro per un programma comune invece che allearci con Farage §co? Solo la forza d'urto risultante da più paesi potrà scardinare l'euro e il sistema di potere che lo sorregge. Il nostro futuro è nell'alleanza su scala europea con altri movimenti su piattaforme comuni, altrimenti restiamo folkloristici perchè isolati.

elisabetta z., Milano Commentatore certificato 04.11.14 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Apro il Toto-prossimo-Post: ********* quote


(1) pareri dei Sindacati Guardie Carcerarie 1,65

(2) esternazione COCER Carabinieri 2,20

(3) inchiesta sul caporalato nelle campagne 7,35

(4) report treni pendolari coi pidocchi 27,40

Arjuna , M a d r a s Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Visto che saccheggiamo a piene mani dalle teorie Mosler Economics MMT forse potremmo riconoscere qualche merito a Paolo Barnard che da solo combatte da anni per spiegarcele. Un ulteriore colloquio con lui e i suoi economisti di riferimento sarebbe auspicabile. Certo se lui smettesse di insultare aiuterebbe ma l'enormità della posta in gioco può ben farci dimenticare qualche insulto. Qui si tratta di vita o morte. Amen.

Riccardo Cascino, Roma Commentatore certificato 04.11.14 13:03| 
 |
Rispondi al commento

SONO L'ORSO:
FINALMENTE LE COSE CHE VI DICO DA ANNI SONO APPARSE. AVETE LETTO L'EBOOK...
Una precisazione che non cambia la sostanza MA DOVE POTREBBERO INCASTRARVI:
1a) In realtà bankitalia continuò a comprare i titoli di stato invenduti oltre il 1981 fino al 1988.
1b) Dal 1981 i titoli di stato nominali aumentarono a causa dello SME dove ci avevano messo (seguivamo andamento USA/Germania).Lo sme ci imponeva di non espandere troppo la massa monetaria (emettendo moneta)che avrebbe abbassato i tassi nominali. Invece ne avevamo bisogno visto che l'inflazione calava (finito lo shock petrolifero) provocando il rialzo dei tassi REALI (nominali-inflazione).
2) Il debito è stato preso da soggetti esteri solo con l'euro. Prima era estero per un fisiologico 8%.

Saluti e complimenti per il vostro impegno anti euro.

Marco Orso

Marco Giannini 04.11.14 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Descrizione completa e dettagliata del fenomeno.
Riacquisire la sovranità monetaria è fondamentale per il risalire della nostra economia.
Lo stato non è un azienda e non pùo andare stare in pareggio di bilancio.

Non c'è crescita se non ci sono investimenti. Anche a debito..

Diego C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Se non possiamo stampare lire, stampiamo euro . Le matrici per la stampa le abbiamo . Al massimo che possono farci ? Una multa ? No problem , stampiamo altri euro e gliela paghiamo

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 12:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....la sensazione è che c'è in atto un tentativo da parte di coloro che sono al potere di abbassare il costo del lavoro in Europa per poter competere con le economie in via di sviluppo dove la qualità del lavoro è disastrosa...
facciamo un bel salto all'indietro nel tempo tornando cosi ai livelli dell'inizio del secolo scorso....
tutto ciò per assecondare i desideri di qualche magnate di qualche multinazionale
...l'europa ha invece la possibilità di prendere tutt'altra strada...contratti di solidarietà, riduzione degli orari di lavoro, riduzione dei consumi, decrescita economica, crescita della felicità individuale e delle attività ricreative....dai ragazzi...

DIEGO d., torino Commentatore certificato 04.11.14 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è: PERCHE' lo STATO deve chiedere in PRESTITO i soldi?
Lo Stato dovrebbe PRODURRE i soldi, per riconoscere ai cittadini la ricchezza che questi producono.
C'è un'immagine SBAGLIATA ALLE BASI di come il denaro debba essere immesso in circolo.
Lo Stato non dovrebbe chiedere proprio niente a nessuno, dovrebbe stampare denaro (che altro non è che un SIMBOLO per effettuare scambi) per pagare la gente che aggiunge ricchezza sul territorio.
Mi meraviglia che fior di economisti non riescano nemmeno a capire questo e abbiano il cervello così lavato dallo stato di cose da non poter immaginare nulla di diverso, nella fattispecie il fatto che il fatto che il denaro venga PRESTATO da "qualcuno" è semplicemente una PAZZIA.

Marco M. Commentatore certificato 04.11.14 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Senatori 5 stelle siete patetici, arrivate dopo la puzza vero? Forse perché pochi giorni fa è stato pubblicato questo?http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=976

Paolo Barnard parla di sovranità monetaria da anni, e voi neppure citate la Mosler Economics-Modern Money Theory. Comunque avete ancora molto da studiare da quanto apprendo dal vostro articolo..

Marco Sciortino 04.11.14 12:41| 
 |
Rispondi al commento

ho letto i commenti e concordo con parecchi mentre dissento da altri
ma alcune frasi di uno dei commenti postati da Patrizia B. (alle ore 10,22 per l'esattezza)
hanno colto (secondo me) l'essenza vera della situazione che stiamo vivendo:

"Perche´possono continuare a manipolare TUTTO, quello che non riecono a manipolare sono le CONSEGUENZE delle loro manipolazioni.
Una volta che il denaro si sara´trasferito completamente dalla base ai vertici ci saranno si´milioni di schiavi che produrranno a costo quasi zero,
MA CHI CONSUMERA´?
Questi signori si dimenticano che il mondo attuale (al contrario del Medio Evo) e´basato sul CONSUMO.

I grandi predatori si estinguono non per epidemie ma quando vengono a mancare le prede (il cibo)."

*

parole perfette
parole che necessitano di saggezza per essere pronunciate
perchè delineano il "vero" futuro che ci aspetta (e che i Governi ed i Poteri forti negano a gran voce usando tutti i media a loro disposizione)
quella saggezza (a volte antica) che l'Uomo moderno ha smarrito

a tal proposito vorrei rammentarvi un detto indiano (indiani ... ricordate quella razza sterminata dal "civilissimo uomo bianco americano", quello che oggi "esporta democrazia nel mondo" ?), videnziando in particolar modo le prime quattro righe :

Quando l'ultimo albero sarà stato abbattuto,
l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce pescato,
vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.
La nostra terra vale più del vostro denaro.
E durerà per sempre.

(segue nella discussione)

luci da Alcyone () Commentatore certificato 04.11.14 12:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tornare alla lira senza essere riusciti ad azzerare l'attuale classe politica ladrona e mafiosa non porterebbe beneficio al Paese, alla radice il problema di credibilità internazionale è la feccia che ha sempre governato in Italia. Vanno spazzati via, allora le cose cambieranno davvero

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il debito pubblico a moneta sovrana non è debito.
Un debito esiste se c'è un debitore ed un creditore.
Se la moneta è sovrana, dove sta il creditore?
Le tasse non servono a pagare il funzionamento dello stato.
Se la moneta arriva nelle tasche del cittadino, vuol dire che lo stato ha già pagato scuole, polizia, sanità difesa ecc, cioè ha già speso senza dover e poter chiedere nulla a nessuno in quanto è monopolista nella creazione della moneta.
Lo stato sovrano, può, a questo punto, decidere, per arricchire ulteriormente i cittadini, a emettere titoli di stato che premiano il risparmio.
Attenzione, in questo caso i tassi di interesse vengono decisi dallo stessso stato e non dai mercati parassiti.
I privati, speculatori parassiti,il cosiddetto mercato (dannato) monetario e finanziario, non hanno nessuna legittimazione a possedere un potere, così decisovo che hanno, con i capitali creati dalla finanza criminale e parassita e sociopatica.
Non è un caso cche questa criminale europa dei neoschiavisti mondialisti sociopatici, la prima ed unica cosa che ha voluto verameente e subito è la cessione della sovranità monetaria.
Fuori ADESSO dalla stramaledetta europa guerrafondaia e neoschiavista.

Antonio lupo 04.11.14 12:27| 
 |
Rispondi al commento

x @PaoloR Z. scrive:

"La richiesta dell'€ era di abbassare il ns debito al 60%"
---------------------------------------------------------------------

Non è con l'euro che si voleva contenere il debito pubblico, ma con la svalutazione dei salari.
I numeri parlano chiaro:

http://4.bp.blogspot.com/-AbpF1IzFVx0/U_89UJB7i0I/AAAAAAAAALc/QtSni23lOCw/s1600/declino%2Breddito%2Bitaliano.jpg

"nel 1996 c'erano meno di 500 euro di differenza tra il nostro reddito medio procapite annuo e quello dei paesi dell'Eurozona. Oggi, invece, gli euro di differenza sono circa 4.600, e si prevede che nel 2015 saranno 4.900."

Si noti anche che il crollo avvenuto durante il periodo 1996-oggi non ha precedenti nella serie storica che parte nel 1960."

http://lumiebarlumi.blogspot.it/search?updated-max=2014-10-03T14:15:00%2B02:00&max-results=7


Saverio L., Italy Commentatore certificato 04.11.14 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Splendidamente scritto, post che fa chiarezza. Ora però è il momento di esportarlo. Leggiamolo in televisione e alla radio, facciamo spamming di un milione di mail, stampiamolo e affiggiamolo in tutta Italia.
Tutto purchè non rimanga confinato qui dove ce lo leggiamo soltanto noi. Esportiamolo e fertilizziamo l'opinione pubblica a oggi confusa sul tema Euro causa assenza pressochè totale di controinformazione .
Un ultimo pensiero : l'unica forza che usa i mass media per la sua campagna anti euro è la Lega. E sta crescendo....
Vogliamo lasciargli anche il NOSTRO spazio politico ?

elisabetta z., Milano Commentatore certificato 04.11.14 12:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema dell'italia sono la corruzione, la burocrzia e gli sprechi della PA: che centra questo con la moneta? La possibilità di stampare moneta serve a regolare i rapporti import export con gli altri stati e comunque la lira dovrebbe essere legata a monete forti (a meno che non si pensasse di dichiarare guerra a USA, Russia, Cina con la speranza di vincerla) come dollaro o altro, che appartengono a stati con organizzazioni ed efficienza incomparabilmente superiori alle nostre.. Purtroppo il discorso di tornare alla lira non porterebbe nulla in un'epoca di globalizzazione, dove le barriere tra stati sono praticamente crollate e da soli non si va da nessuna parte.. E poi quale investitore straniero comprerebbe bot in lire sapendo poi che noi, quando ci gira, svalutiamo?

Andrea P. Commentatore certificato 04.11.14 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro amico, con la moneta sovrana non è vero che le tasse pagano la spesa dello stato. Se tu hai in tasca la moneta per pagare le tasse, vuol dire che lo stato, che è l'unico che può creare, ha già speso,cioè ha gia pagato beni ee servizi.
le tasse servono esclusivamente a tenere sotto controllo una eventuale spirale inflatttiva.
Fuori dal maledetto euro e dalla dannata, guerra, fondaia europa.

Antonio lupo 04.11.14 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Credo che leggere questo documento non faccia male a nessuno, soprattutto se viene indicata una nuova strada a 5 stelle. Per avviarsi verso un nuovo orizhttp://memmt.info/site/wp-content/uploads/2014/11/Paper_Chianciano_Mosler.pdfzonte bisogna avere le conoscenze adeguate.

Informarsi da persone che conoscono esattamente come funziona il sistema è sintomo di apertura e di intelligenza politica.

Claudio D., Luco dei Marsi Commentatore certificato 04.11.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento

io vi leggo,sono con voi,vi coto,però fra il dire e il fare c'è di mezzo l'informazione, ma chi credete che vi legga,avrete i numeri,insomma senza tv diventeremo sempre più piccoli, ma a noi non date retta, adesso vi dico anche che sbagliate a mettere organizzatori,nella mia zona la valle camonica avete messo uno che è il cugino del sindaco leghista della lega nord,lo sapete che succede che quello si farà propaganda per tramite il cugino,ma chi è il genio di milano che ha fatto questo?Non sapete come funziona nei paesi?Dai la dobbiamo capire la tv fa schifo però la gente la vede,poi un'altra cosa fate come tutti,i pensionati abbandonati,mica ne parlete, cioè e poi noi pensionati votiamo,ma si che voterai pensionato,ma la lega nord quì a piancogno,sveglia più vi vedo e più mi diventa il fegato marcio,sveglia che dobbiamo vincere e non mettete i parenti dei leghisti a dirigere nelle zxone,magari li mandate dove non hanno parenti politici,per forza che perdiamo,pare che lo si faccia apoosta, ciao anna quercia

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dicono che Matteo Renzi sia solo slogan, solo frasi ad effetto da twittare e sparare in tv. Balle. Renzi e il suo governo hanno una visione precisa della società e una strategia per metterla in pratica. Una visione che prevede, ad esempio, di sostituire i servizi, che sono un diritto, con i bonus, che sono un regalo. Di sostituire il partito, che è una parte, con il tutto, che è dei più ricchi, perché i poveri non hanno niente. Di trasformare i diritti degli ultimi in privilegi e i privilegi dei primi in diritti. Diventa così “un privilegio” l’art. 18 che tutela il lavoratore e “un diritto” quello dell’imprenditore di licenziare.

Dizionario di Renzismo applicato:

“Il posto fisso non c’è più, il lavoratore deve sapersi spostare”. Per schivare le manganellate.

“Io stesso, per lavoro, mi sono dovuto spostare molte volte”. A destra.

“Garantire il lavoro è la grande sfida interna alla sinistra!”. Quindi, lasciamola a loro

“Se i sindacati voglio negoziare le leggi si facciano eleggere in Parlamento”. Proprio come non ho fatto io.

“Se c’è una lattina per terra non bisogna chiedersi chi non l’ha spazzata via ma chi è il cretino che l’ha buttata”. Poi tirare dritto e lasciarla lì.

“Non voglio che la scelta di licenziare o assumere sia in mano al giudice, deve essere in mano all’imprenditore”.

Inoltre, pensavo di far arbitrare le partite di calcio al portiere della squadra più forte.

L’europarlamentare già demitiana veltroniana franceschiniana bersaniana e infine renziana (un ritorno alle origini) Pina Picierno: “La Camusso? eletta alla Cgil con i pullman pagati e le tessere false!” Lo so perché tanti iscritti Cgil hanno la tessera Pd.

Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture: “Il Ponte sullo stretto è una fondamentale infrastruttura di collegamento”. Tra il governo e Berlusconi.

Davide Serra, finanziere renziano con le finanze in un paradiso fiscale: “Lo sciopero nel pubblico impiego dovrebbe essere vietato!”. Come prevede la Costituzione. Delle Cayman.

Giovanni Ernani (from budapest) Commentatore certificato 04.11.14 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le casalinghe degli anni '80 avendo un po' di lire hanno investito in CCT, e senza aver studiato si sono ritrovati col capitale raddoppiato in 5 anni, avendo un interesse del 20-25%, e per loro fortuna l'inflazione calava.
Se l'inflazione sale al 30,40% (vedi Turchia degli anni '80) gli investitori scappano.
Nessuno vuole rimetterci negli investimenti.
Allora avendo un debito forte, andando fuori dall'€, bisognerà attirare gli investitori nazionali, dalla casalinga alle banche, pagando più interessi, come gli investitori stranieri.
Paolo TV

PaoloR Z. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Quando inizia la raccolta firme? Non vedo l'ora!

Alessia C. Commentatore certificato 04.11.14 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma la moneta non si svaluta se lo stato la crea a suo piacimento? E tutte le esportazioni come gas petrolio etc. non costerebbero di più se la moneta avesse un basso potere di acquisto perchè svalutata?

pavelo 04.11.14 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'articolo parla di interessi che sono il principale problema.
Quando siamo entrati nell'€, gli interessi sono scesi, perchè la moneta predominante era il marco.
La richiesta dell'€ era di abbassare il ns debito al 60%, e per far questo si sono s-venduti autostrade, Telecom ecc.
Però l'Italia con questi soldi non ha abbassato il debito, ma ha fatto la cicala con beby pensioni, statali che non facevano un cazzo, evasione fiscale, cassa integrazione a 0 ore ecc.

Il problema è che c'era un debito pubblico alto, se il debito pubblico è basso gli investitori sono propensi ad investire perchè questo stato ha sotto controllo la spesa, come la Norvegia.

L'Italia ha fatto troppo la cicala dagli anni '80, dove i soldi dei CCT servivano per pagare pensioni & evasione & sprechi, non fare opere pubbliche. Cosa si è fatto negli anni '80, le reti dei trasporti, le centrali, i porti, i ponti c'erano già.
Paolo TV

PaoloR Z. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUI o si rifa´l´Italia o si muore.

Dove credete che possa trovarli il governo i soldi per ripagare il debito?
E´vero che e´buona norma onorare i debiti, ma e´come chiedere a uno che lavora in un call center a 300 euro al mese di ripagare un debito di 1 milione.
Quando questi magari tiene anche moglie e figli.
Con tutti i sacrifici possibili o lo si ammazza (vedi Grecia) o in qualche modo lo si aiuta a ripagare.
Sembra che la prima iptesi sia quella scelta dalla troika.
Cosi´una volta morto si recupara qualcosa prendendogli quello che ha.

Svegliatevi!
La lira e la sovranita´nazionale sono gli unici che ci permetteranno di sopravvivere!

Patrizia B. 04.11.14 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Fantastico... Avanti così ragazzi a 5 stelle!!

Valerio D. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 11:35| 
 |
Rispondi al commento

…. Ma quanto siete incompetenti! Con questo post ho la conferma che non disinformate per malafede ma per profonda ignoranza. Spero solo che la maggior parte degli italiani non sia talmente impreparata da credere alle fesserie che scrivete.

Paolo De Sanctis (felice di essere bannato da un movimento di caproni incompetenti). ….

Paolo De Sanctis 04.11.14 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA COSA PIU "DIVERTENTE" DEL DEBITO PUBBLICO ITALIOTA, OLTRE AD ESSERE IL FRUTTO DELLE TRUFFE SANITARIE, PENSIONISTICHE, È DEI COSI BEN DOCUMENTATI APPALTI EDILI DI SVARIATA NATURA, MAI PORTATI A TERMINE, DI CUI STRISCIA CI HA DATO UNA BUONA DOCUMENTAZIONE, PER CUI POI A PARTIRE DAL PAPPAGALLO A MITRAGLIA DI "ON". NAPOLI, CI RIPETEVA CHE "AVESSIMO VISSUTO AL DI SOPRA DELLE NOSTRE POSSIBILITÀ", DETTO DA UNO DEI PIU PAGATI PARLAMENTARI AL MONDO, E CHE CONTINUANO AD INTERVISTARE COME COMMENTATORE POLITICO, GIA PER VOI ITALIOTI "LA VERGOGNA" NON È PROPRIO DI CASA! SIETE LA CLOACA UMANOIDE D'EUROPA, I GRECI "UNA FACCIA UNA RAZZA" NELLA LORO DEFICIENZA NON AVEVANO "ESEMPI" DI CIÒ CHE PUÒ FARE LA TROIKA, GLI ITALIOTI CON LA GRECIA SOTTO AGLI OCCHI, ANCORA SI BALOCCANO CON GLI EMISSARI ALLA BIMBOMINCHIA, E LO VOTANO AL 40.8%, NON CE SPERANZA DAVANTI A TANTA COGLIONAGGINE, DAVVERO! AHINOI!

Rudolf ., Malpensa Commentatore certificato 04.11.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

L'alba...
Pasquale 'a bestia dormiva come un picciriddu, ma all'improvviso ha una seppur lieve sensazione che lo sveglia. Come un alito inatteso, come uno strofinio.
*Stunf-Stunf-Stunf* & 3 buchini picciriddi da cui vien fuori un rosso e che rosso!

Accadono in contemporanea o quasi, tanti piccoli Stunf. Tre per Boss...mumble...fanno circa 600 contemporanei Stunf. Si perchè assieme alla buonanima di Pasquale sono andati in una nuova dimensione Ciro, Gennaro, Calogero, ma anche Peppe, Michele e Stefano e Federico...nessuna Regione è rimasta fuori anche se alcune son state più interessate.

Si fa mattino quando un manipolo di giovani scapoli, ben retribuiti e addestrati fanno ritorno.

E' il primo mattino di dignità della Repubblica. E' solo l'inizio e non è solo questione di forza...di armi, ma di cultura, lavoro si si: è il PRIMO mattino! :)

Arjuna , M a d r a s Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

benissimo i post che spiegano queste cose!!buongiorno blog e qui caffè a 5 stelle!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Al di la di tutti i commenti degli "economisti" che frequentano questo blog. Se mio papà stato, avesse una macchinetta che stampa i soldi, per non sapere ne leggere ne scrivere, gli direi che sbaglia se intende buttarla via.
A mio modesto avviso, chi ci ha ceduto la sovranità di battere moneta andrebbe processato per tradimento.
In effetti senza questa sovranità non siamo niente di più di una regione. Chi la pensasse diversamente si vada a guardare cosa sia o gli elementi che rappresentano uno stato: un esercito, la possibilità di fare leggi, di battere moneta e di esigere tasse nella sua moneta corrente.
Il resto mi sa molto di boa bla bla.
Ed intanto il debito sale sale sale

io sapientino, del Verbano Commentatore certificato 04.11.14 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Oggi è il necrologio delle forze armate.
700.000 morti e 2milioni di invalidi permanenti, di giovani tra i 17 ed i 27 anni. Moltissimi uccisi con il sistema delle decime dai loro stessi comandanti.
I supestiti, tornati a casa, credevano di aver conquistato dei diritti.
LORO, a quel punto, si sono inventati il fascismo con Mussolini al comando. E giù manganellate agli operai/reduci dal fronte.
Mi viene in mente Roma ieri l'altro.

Francesco D., Carrara Commentatore certificato 04.11.14 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che c'è ancora gente che crede nella cazzata "abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità!"

http://lumiebarlumi.blogspot.it/2014/07/quelli-che-il-debito-pubblico-ce-perche.html

http://lumiebarlumi.blogspot.it/2014/08/perche-il-debito-pubblico-italiano-e.html

http://lumiebarlumi.blogspot.it/2014/07/a-che-cosa-e-servita-lausterita.html

Se volete capirci qualcosa, vi consiglio questo sito

http://lumiebarlumi.blogspot.it/

Saverio L., Italy Commentatore certificato 04.11.14 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Via subito!
L’euro non è stata altro che l’invenzione geniale degli sfruttatori (Banche mondiali e multinazionali) per depredare a norma di legge l’Europa. Purtroppo l’intera classe lavoratrice (a livello mondiale) non ha ancora capito che i suoi nemici, i suoi veri nemici sono sempre stati i propri governanti! Purtroppo le eccellenze vengono emarginate mentre, per oscure ragioni, sono sempre i peggiori ad occupare le alte cariche degli Stati e l’Italia in questo è in prima linea! Rimane un mistero come sia stato possibile convincere (ad impiccarsi e impiccare i cittadini con le proprie mani) i capi di Stato di mezza Europa, tranne l’Inghilterra, la svizzera e qualche altra nazione, governate da gente rimasta sana di mente.
Questi strozzini (nati esclusivamente per sfruttare il prossimo) sono contro la civiltà, il progresso, la giustizia e la vita. Sono aborti della natura che dovremmo sradicare come il buon contadino fa con la gramigna che infesta il grano, invece sono loro a sradicare noi, comprandosi i governi appunto, i faccendieri e i media per ingannarci ribaltando la realtà e facendoci credere che sono loro a volere il progresso, la crescita, il benessere dimenticando di aggiungere tre paroline “solo per noi”.
Si sono inventati una crisi provocata ad arte, una globalizzazione sempre per favorire i loro luridi interessi, impiccando tutti noi con un debito trasformato da pubblico a privato, affinché non possa mai essere estinto, ma aumenti nonostante il pagamento di criminali interessi, che lo fanno lievitare all’infinito.
Tutti quelli che difendono questi assassini li dovremmo impiccare, perché sono essi colpevoli se questi dannati sono arrivati a togliere la pace, la serenità, i diritti sacrosanti, la speranza e la vita a miliardi di esseri umani!

Maria Pia Caporuscio, Roma Commentatore certificato 04.11.14 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei ritrovarmi come nella Repubblica di Weimar (o più semplicemente come in Argentina)

Piero M., Milano Commentatore certificato 04.11.14 11:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima di farci uscire dall'euro,LORO, si porteranno via tutte le industrie, oltre ai capitali.
Quando stamperemo moneta, questa subirà una svalutazione enorme sui mercati.
Triboleremo un paio di anni, poi,le nostre merci all'esportazione, avrebbero prezzi vantaggiosissimi e le medesime, volerebbero.
Peccato che a quel punto, non avremo più brevetti e fabbriche per produrre.

Francesco D., Carrara Commentatore certificato 04.11.14 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Non ho letto la parola inflazione e neppure bancarotta.
Qualcuno ha presente l'Argentina, che passa da un fallimento all'altro e ha tassi di inflazione proibitivi?
Si dice: facciamo come gli Stati Uniti o la Gran Bretagna.
Ma la nostra economia non e' paragonabile a quella americana e soprattutto il dollaro e' l'unica moneta di riserva internazionale. Questo ruolo gli deriva dalla potenza economica e anche da quella militare ed e' per questo che gli USA possono continuare a indebitarsi.
E' una politica molto pericolosa non solo per gli americani ma per tutto il mondo.
Un terzo del debito pubblico americano e' in mano ai cinesi. Se questi ne richiedessero il pagamento gli USA fallirebbero, oppure sarebbero costretti a dichiarare guerra alla Cina, con tutto quello che ne seguirebbe.
Noi al massimo potremmo dichiarare guerra all'Albania se questa possedesse un terzo del nostro debito pubblico. Peccato che da quelle parti stiano combinati peggio di noi.
Percio' e' meglio lasciar perdere discorsi teorici e malamente fondati e guardiamo in faccia alla realta' delle cose.
Il problema non e' quello di inventarsi una furbata alla Renzi per non pagare il nostro debito ma di convincere o meglio costringere gli italiani che non lo fanno a pagare le tasse.
Se poi aggiungiamo risparmi sostanziosi sulla corruzione, sulla politica, sul clientelismo, sulle mafie, ce n'e' piu' che abbastanza per abbattere significativamente il nostro debito pubblico.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Son convinto che l'euro non avrà lunga vita..mica solo da noi..dappertutto. Sarebbe il caso che ogni governo ammettesse il fallimento del progetto..riunirsi in Consiglio..e decretare la fine della moneta unica..tanto anche la Germania si perde i pezzi..l'euro è peggio dell'ebola..e non ci sono vaccini che ti salvino..

Galeazzo R., GR Commentatore certificato 04.11.14 11:04| 
 |
Rispondi al commento

"una volta usciti dall'euro e tornati alla lira avremo risolto i nostri problemi con il mafioso Renziina e i suoi amici ancora lì al posto di comando e magari con il nano-pedofilo presidente della repubblica "

Giusto uno sprovveduto puo´pensare che SENZA SOVRANITA´MONETARIA/NAZIONALE sia possibile eleggere un governo che faccia gli interessi del popolo.
Dopo RENZI sara´come dopo Monti.
Avremo SEMPRE governi asserviti all´Europa e ai grandi monopoli/finanza.

SE no...aumenta lo spread e avremo il default...
Ma e´possibile che non si riesca a capire questa semplice connessione Euro poteri forti...?

Patrizia B. 04.11.14 11:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sarà che PRIMA dobbiamo recuperare dignità, POI avremo forza e autorevolezza per rinegoziare i trattati o uscire dall'€?????

Tanto per restare orgogliosamente POPULISTI ma non mai DEMAGOGICI?

p.s.
un mio parere, mica detengo la verità assoluta come le talebane de noantri! :D

Arjuna , M a d r a s Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Davvero si continua a pensare che una volta usciti dall'euro e tornati alla lira avremo risolto i nostri problemi con il mafioso Renziina e i suoi amici ancora lì al posto di comando e magari con il nano-pedofilo presidente della repubblica mafiosa italiana? Davvero? Sognare non costa nulla, è vero, ma prima o poi arriva il momento del risveglio e non è sempre un bel risveglio, Amen!

pillolo 04.11.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

C'hanno la faccia come il culo: sottoscrivete RayWay,si sottoscrivete,che poi le regaleremo al Scilvio!
Ma andate a fare in culo!

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"non si potrebbero invertire i fattori ...
prima si riporta lo stato italiano alla civiltà e poi se serve ancora si torna alla Lira ..."

La lotta alla corruzione e sprechi A QUESTO PUNTO non rilancia l´economia.
Se le imprese chiudono per mancanza di capitali, se il debito aumenta per l´aumento degli interessi.

Quello cha la maggior parte non capisce e´che l´EURO e´l´arma con cui si RICATTA OGNI governo italiano.
Se non segui le direttive di Bruxelles lo spread aumenta e il paese va in default.
A cominciare dalla privatizzazione della Banca d´Italia e continuando con l´entrata ne´´ leurozona a condizioni capestro, TUTTO e´stato fatto con intenti ben precisi.
E´come colui che indirizza il topo verso la trappola o verso il cibo avvelenato e poi questo ci casca e´LA COLPA E´SUA perche´ha mangiato il veleno.
Il tutto e´stato accompagnato dalla giusta propaganda, dal senso di colpevolezza di aver consumato troppo etc. etc.
Adesso ci troviamo nella trappola.
O mangiamo il cibo avvelenato e moriremo lentamente o ci liberiamo e facciamo la fame per un po´, ma avremo la speranza di sopravvivere.
Questa e´l´alternativa.
E´colpa degli imbecilli che si sono susseguiti al governo?
Si, ma questo non cambia nulla, perche´senza sovranita´non possiamo neppure piu´decidere chi ci governera´.
LO DECIDONO LORO, altrimenti lo spread si alza e andiamo in default...

Patrizia B. 04.11.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FUORI DALLìEURO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

alvise fossa 04.11.14 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con quanto riportato in questo post.
Mi permetto di suggerire questi altri post riguardo il debito pubblico e i tassi d'interesse:

http://lumiebarlumi.blogspot.it/2014/08/perche-il-debito-pubblico-italiano-e.html

http://lumiebarlumi.blogspot.it/2014/11/renzi-luscita-dalleuro-e-i-tassi.html

Luca 04.11.14 10:26| 
 |
Rispondi al commento

REGIORGIO E' FASCISTA PRIMA E STALINISTA DEI PIù CONVINTI POI. QUINDI IL SUO DELIRARE è IN LINEA COL COMPORTAMENTO SECOLARE.
DOV'ERA QUANDO NEGLI ANNI 80 SI CAMBIAVANO LE REGOLE DEL GIOCO BANCA D'ITALIA/TESORO?
SEMPRE Là. LO MANTENGONO IN POLTRONA PERCHè PROTEGGE I POTERI FORTI MEGLIO E DA PRIMA DI SILVIO.
PER CHI NEGA CHE LA DX E LA SX NON ESISTONO BASTA GUARDARE CHI ABBIAMO AL GOVERNO ADESSO.
LA DX E LA SX LA VEDIAMO SOLO NOI,PERCHè è COSì CHE CE L'HANNO VENDUTA.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 04.11.14 10:22| 
 |
Rispondi al commento

"Ok, ma se le banche hanno scommesso i soldi dei correntisti in Italia (e MPS e purtroppo anche Carige ne sono esempi dolorosamente eclatanti), com'è che la Deutsche non è stata considerata allo stesso modo?"

La Deutschebank penso sia la banca che ha piu´derivati tossici AL MONDO.
Ben 50 TRILIONI di dollari.

Ma in Germania la BUNDESBANK e´PUBBLICA e compera titoli tedeschi sul mercato secondario.
INOLTRE la loro economia finora ha retto meglio di quella italiana (tecnologicamente sono superiori e producono prodotti di qualita´competitivi con i cinesi).

Questo NON salvera´la deutschebank quando si avra´il ritorno ad un MERCATO REALE e si dovra´abbandonare l´attuale manipolazione.
Quando non si sa, ma succedera´.

Le banche centrali (FED BOE BOJ BCE) stampano denaro a turno e se lo scambiano e sono riuscite a protrarre una situazione surreale, ma non durera´in eterno.
Perche´possono continuare a manipolare TUTTO, quello che non riecono a manipolare sono le CONSEGUENZE delle loro manipolazioni.
Una volta che il denaro si sara´trasferito completamente dalla base ai vertici ci saranno si´milioni di schiavi che produrranno a costo quasi zero, MA CHI CONSUMERA´?
Questi signori si dimenticano che il mondo attuale (al contrario del Medio Evo) e´basato sul CONSUMO.

I grandi predatori si estinguono non per epidemie ma quando vengono a mancare le prede (il cibo).

Patrizia B. 04.11.14 10:22| 
 |
Rispondi al commento

RESTA IL PROBLEMA DELLA GUIDA POLITICA

Sicuramente fuori dall'euro l'Italia ha più strumenti a disposizione per far crescere produttività ed occupazione ma resta il problema di fondo che la nazione non si auto sostiene.
Come la Grecia e la Francia, l'Italia ha un surplus occupazionale nei settori dello stato,nei ministeri,nel comparto difesa,nelle municipalizzate e in tutte le società in house,nelle province e nelle regioni.
Al surplus occupazionale statale si affiancano poi tutta una serie di misure di distribuzione a pioggia insensate come i premi di produzione,ricche liquidazioni di buona uscita e pensioni a sbafo insostenibili.
La spesa pubblica continua a crescere invece di diminuire e si continua a fare altro debito solo per mettere pezze a costanti perdite ma non per incentivare la produttività.
Dentro o fuori dall'Euro l'Italia soffre della mancanza di una visione industriale a lungo raggio e la classe politica nomina imprenditori e direttori senza alcuna valutazione di merito.
Si continuano ad utilizzare la scuola,la ricerca,la sanità e l'assistenza come serbatoi di emergenza per coperture economiche mentre contemporaneamente si rastrellano i soldi dai cittadini con aumenti di tasse ed accise solo per far quadrare i conti erodendo di continuo i consumi.
L'Italia è malata da molto tempo ma nessuno sembra accorgersene.
La politica continua a non dare soluzioni ed invece di impegnarsi seriamente in un piano occupazionale straordinario si trastulla nelle tv per accaparrarsi i consensi alle prossime elezioni,di legislazione in legislazione ma noi
intanto affondiamo.
Il problema dell'Italia è straordinario e ci vogliono visioni straordinarie per risolverlo.
Più istruzione,più ricerca,più innovazione,più internazionalizzazione,più ambiente,più turismo,più green economy.
Massimizzare i settori dell'arte,della cucina,dell'artigianato,delle realtà locali.
Tutto in una visione di redistribuzione economica,livellando sprechi e privilegi,una Italia unita e produttiva.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema non è l'euro, nè la lira o di altra moneta. Questa è soltanto un mezzo di scambio. Il disastro italiano deriva dalle spese folli sostenute proprio dal 1980 a seguire. L'indebitamente pubblico per sostenere l'economia è un valido rimedio economico ma uno Stato serio mette anche in conto di ridurre l'indebitamento fino alla estinzione. L'Italia, invece, ha cumulato debito su debito, con prodigalità, come se non dovesse mai pagare i creditori. Molti cittadini si sono "arricchiti" con tali elargizioni (come gli stipendi d'oro o le pensioni d'oro con cumuli infiniti di vari trattamenti previdenziali, i vitalizi, e altre amenità). Per giustizia bisognerebbe recuperare almeno una parte di tali elargizioni (anche dagli eredi, eventualmente). E comunque dovrebbero cessare sin d'ora, livellando tutti i trattamenti retributivi e previdenziali pubblici.

T. Russo 04.11.14 10:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://vimeo.com/66338801


La Grecia che si dispera... la Grecia che spera

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 04.11.14 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Oh finalmente si parla di Euro.
Era ora! Grazie non ci deludete mai

fugadamore .., roma.., Commentatore certificato 04.11.14 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo benissimo BTP al 12% di interesse, probabilmente era il periodo Craxi, cui seguì Amato col prelievo forzoso dai conti correnti.
L'inflazione era altissima, gli stipendi si alzavano di conseguenza....evidentemente la Zecca lavorava a pieno regime.
Ricordo anche che alcuni dipendenti bancari avevano l'ordine di consigliare ai correntisti la vendita di questi titoli dal forte interesse per proporre altro col miraggio di guadagni facili.....forse era l'epoca delle Tiscali emesse a 40 che avevano raggiunto 1000 di quotazione.....
La Finanza è una grande schifezza....ora ho letto che la Goldman Sachs sta acquistando partecipazioni in Hotel di Lusso in tutto il mondo...la forbice si apre sempre di più, sempre più ricchi, sempre più poveri. Ma questi sono troppo per avere il tempo per fare la rivoluzione: code alla Caritas, occupazioni, mnifestazioni sindacali....
Mi sa che la rivoluzione la faremo quando il ceto medio avrà perso tutto quello che ha messo da parte negli anni.

antonella g. Commentatore certificato 04.11.14 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Finally, at the good end, a very good piece about the most relevant problem troubling this country: time to get the fuck out of this cage, fuori dalla euro gabbia NOW!!

RonPaul MegaSupporter (ronpaul4uspresident2012) Commentatore certificato 04.11.14 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Ma stampare moneta non è così facile e soprattutto crea ulteriore svalutazione ed altri effetti negativi che qui sorvolano e qualsiasi professore di economia, non fazioso, delle superiori può spiegare meglio di me.

Ecco ricordano bene che i tassi negli anni ’80 sono esplosi con la lira e c’era un motivo per cui non si voleva stampare moneta: era per non distruggere l’Italia.

Se già oggi gli interessi sul debito sono di quasi 100 miliardi all'anno e facciamo difficoltà a pagarli (con un tasso medio del 2%), svalutando i tassi saliranno almeno al 5-6% e triplicherebbero gli interessi.

E poi in passato questo blog ha sempre contestato il potere delle banche centrali di stampare moneta. Ora in questo si vede la facile soluzione per pagare più interessi.

Quanti post sono riportati dal titolo “Il ricatto del debito”
Ricordate?
O ve ne siete già dimenticati?
Ora tutto ciò in questo blog viene rinnegato o dimenticato.

DANIELE P. Commentatore certificato 04.11.14 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Potenza militare e Potenza bancaria, i soli padroni del mondo.
Tutto il resto sono spauracchi e strumenti usati per convincere i popoli a comportarsi come questi decidono. Politica, mezzi di comunicazione, religioni, scuole, global economy, minacce virali, attentati, scioperi telecomandati... Il mondo è solo un grande Trouman show.

Ciao gente del Blog! Forza e coraggio

Monica R., PR Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 10:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Napolitano chiama a raccolta l'esercito.
Il rischio estremismo in Italia è reale" (Sì è reale che questa classe politica venga buttata fuori a calci e processata).
Napolitano continua... "dobbiamo essere pronti a prevenire e contrastare".
Cosa vuol dire Napolitano secondo voi ?

Carlo C., Milano Commentatore certificato 04.11.14 09:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene, la chiarezza non vi manca e riuscite a spiegare i problemi con semplicità. Ma il problema più grosso è cambiare questo sistema, perchè non tagliando privilegi, spese inutili e sprechi il deficit in bilancio è comunque destinato ad aumentare, che la moneta sia l'Euro o la Lira. Vi prego, prima VINCIAMO NOI, non è possibile attuare riforme struttutrali con questi che ora sono al Governo. L'ultima cosa, il debito pubblico fatelo pagare a Ciampi. Ma come si fa ad accettare una nuova moneta, che di per sè è una rivoluzione, senza uno straccio di Referendum? Meno male che Mussolini era un dittatore.

Franco Mas 04.11.14 09:54| 
 |
Rispondi al commento

"quindi i miei risparmi svaluterebbero di colpo , o ci penserebbe una patrimoniale "stile amato" a rapinarmi di notte per mantenere il carrozzone Italia tale e qual con euro o lira ..."

Questo e´il motivo principale per cui il passaggio Euro lira NON deve essere fatto con un referendum
Semplicemente perche´COLORO che hanno grossi capitali li avrebbero tutto il tempo necessario di trasferirli all´estero...

La svalutazione dei risparmi e´pura REALTA´, io penso che negarla, come negare l´inflazione o negare ripercussioni immediate sia non dire la verita´.
E´ovvio che chi ha risparmi in banca se li vedrebbe convertire in lire, esattamente come colui che ha un mutuo.
Ma il primo GODREBBE interessi maggiori (per compensare la svalutazione) mentre il secondo pagherebbe interessi maggiori.
Cosa cambierebbe allora?
Avere lo stipendo ridotto del 40% o vederselo svalutato del 40% cosa cambierebbe?

Nella prima ipotesi si avrebbe uno stipendio ridotto in euro, quando il costo della vita resterebbe IN EURO.
Col secondo si avrebbe uno stipendio nominalmente uguale, ma con valore reale inflazionato.
MA SI VIVREBBE in uno stato in cui il costo della vita sarebbe in lire (comprese le tasse).

INOLTRE il debito statale sarebbe in lire (e si svaluterebbe) e nazionalizzando la Banca d´Italia avendo i debiti in lire e potendo lo stato STAMPARE le lire il default sarebbe impossibile.
In Argentina i debiti sono in dollari e la moneta e´il pesos.( stessa situazione italiana, il debito e´in moneta estera).

OVVIAMENTE il ritorno alla lira DOVREBBE essere solo il PRIMO passaggio, seguito da una razionalizzazione delle spese statali, via corruzione e sprechi etc. etc. altrimenti non servirebbe a nulla.
Il governo RENZI non fara´MAI un passo del genere ergo l´Italia non uscira´mai dalla crisi, anzi si avvicinera´sempre di piu´alla Grecia.

Patrizia B. 04.11.14 09:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una volta c'era la strategia della tensione e gli Italiani ci credettero e dettero fiducia agli stessi!
Oggi c'è la strategia della tensione in economia eeeee...gli italiani ci crederanno.

PS: avete notato che sono mesi e mesi che si vuole convincere gli italiani ed oggi i giovani ad non uscire dall'Europa?
Non vi ponete alcun perchè?

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Peccato che esisteva ed esiste ancora il “signoraggio” che praticamente defrauda il potere economico di uno stato sovrano.

È fondamentale capire che il Signoraggio è lo strumento utilizzato dai banchieri per imporre ai popoli il pro-prio dominio ed è praticamente sconosciuto alla stragrande maggioranza delle persone che a causa di questa “ignoranza”, voluta e programmata dallo stesso potere bancario, lo subisce passivamente. Uno Stato, defraudato della propria Sovranità monetaria, non può dirsi davvero Indipendente e Sovrano e un Popolo, privato della sua moneta, automaticamente cessa di essere libero e diventa schiavo di chiunque, al di fuori del popolo stesso, detenga il monopolio dell'emissione monetaria.

Il meccanismo del Signoraggio è maledettamente geniale proprio per la sua diabolica semplicità.

Il debito pubblico è una perfida realtà ma, sicuramente, con una completa padronanza della moneta, potrebbe essere gestito molto meglio, proprio come è indicato dal post.

Comunque……

http://frontediliberazionedaibanchieri.it/la-diabolica-truffa-del-sistema-bancario.html

Lone Wolf Commentatore certificato 04.11.14 09:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La sovranità monetaria funzionerà solo se avremo una classe politica diversa, che sceglie per il bene dell'Italia. Il vero problema sono loro, è grazie a loro se siamo a questo punto. L'euro ha offerto occasioni che sono state sfruttate solo per far soldi da parte di questa classe politica. Se abbandoniamo l'euro il debito sarà sostituito dall'inflazione, che sarà usata come uno spauracchio. Se non cambiamo noi informandoci di più, pretendendo una classe politica di qualità, nulla cambierà...

Lucio M., Treviso Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.14 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho l'impressione che la maggior parte non abbia ancora capito che se non si rinnegano regole trattati e vincoli sovranazionali (che oltretutto comprimono la nostra capacita' costituzionale di gestire la nostra economia) e di cui l'€uro e' solo una delle storture,
Avessimo anche il m5s al 100% delle istituzioni non cambierebbe nulla o quasi, poiche' i binari legislativi sono gia' belli confezionati dalle trame ordolibersite di bruxelles (al massimo ti permettono un'"agenda monti" o un una legge di stabilita' alla renzi..)

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 04.11.14 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Anche se credo che l'Euro sia un problema non è l'unico bisognerebbe prima indire delle libere elezioni (dopo tre governi illegittimi) ma soprattutto finché non si interverrà sulla trasmissione delle notizie da parte di una stampa asservita che ci considera volgo manipolabile non si andrà da nessuna parte . Ma più semplicemente dopo i referendum inutili degli anni 90 e 2000 un referendum sull'euro?

Marco R., Spinea Commentatore certificato 04.11.14 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Renzi pende per i fondelli gli italiani!
-Dice che per la prima volta si danno 80 euro... peccato che poi dal 2016 l'IVA aumenta dal 22% al 24% mentre l'IVA agevolata aumenta al 10 al 12%.
- Dice che dal 2015 abbassa l'IRAP... peccato che però sia stata tolta la detrazione già approvata dell'IRAP per il 2014 che quindi dal 3,5 torna al 3,9.
- Dice che dà i soldi del TFR in busta paga... peccato che la tassa sul TFR aumenta dall'11 al 17%.
- Dice che il blocco salariale è una chiacchiera estiva... peccato che poi a settembre venga subito confermato il blocco salariale....
Una presa in giro dopo l'altra.

Lorenzo M. Commentatore certificato 04.11.14 09:37| 
 |
Rispondi al commento

non si possono stampare euro ...
ma si potrebbero,volendo, stampare miniBOT come seconda valuta


il problema acquistereste bot italiani oggi o domani fuori dall'euro ??

A) no perché i governanti italiani sono privilegiati incapaci da 30 anni e i miei risparmi fanno la fine dei bot argentini

B) il sistema socio/economico italiano è già collassato anni fa e i miei risparmi farebbero la fine dei bot argentini

c) Il ritorno alla moneta nazionale ,non implica un cambiamento di amministrazione della cosa pubblica italiana , quindi i miei risparmi svaluterebbero di colpo , o ci penserebbe una patrimoniale "stile amato" a rapinarmi di notte per mantenere il carrozzone Italia tale e qual con euro o lira ...


comunque vada ...
sarà un disastro

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.11.14 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Insomma sarebbe come se il sottoscritto usufruendo di un reddito avessi un tenore di vita superiore al mio reddito.
Pertanto dovrei andare in banca e farmi dare un mutuo per continuare a vivere al disopra delle mie possibilità.
Insomma un pò di serietà da parte dei nostri politici no?
Ecco perchè il m5* è malvisto dalla partitocrazia.
Ecco perchè l'onestà non porterebbe ad un debito pubblico sempre maggiore come quello attuale: ci sarebbero da fare risparmi,evitare sperperi,denaro buttato nel cesso,privilegi da abolire.
Si capisce benissimo che la politica del "buon padre di famiglia" non è per la casta.
Ci si inzuppa il biscotto nello sperpero,si fanno opere inutili,si abolisce il lavoro,si rende schiavi i cittadini,ma loro imperterriti vanno avanti nei loro privilegi come se questi glieli abbia concessi Dio.
Il problema comunque dei problemi da risolvere è l'autonomia monetaria:il battere moneta propria è il primo passo.

ps: avete sentito Verdini ..rinviato a giudizio!
E vaiiii,grandi ladri portatori ufficiali della voce della Massoneria e della mafia in Parlamento.!
Grazie Napo,grazie Teo!!!!!

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 04.11.14 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi interessa xrò capire sulla base di cosa si ristampa la lira. Ovvero: la moneta viene stampata sulla base dei beni solidi (oro) nelle casse della banca di stato. Cosa abbiamo noi attualmente? Lessi che gli USA vendettero una parte del loro oro nel piano della crisi.
Noi ne abbiamo?

Pat 04.11.14 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Il vero problema è che i soldi delle nostre tasse vengono spesi per foraggiare politici disonesti conniventi con imprenditori disonesti.
Tutto qui.
Se l'Italia non è in grado di sapersi amministrare, non bisogna dare la colpa all'euro: la colpa è solo degli Italiani.

Daniel S. 04.11.14 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Federico Aldrovandi ucciso a botte da 4 poliziotti mentre tornava a casa

Riccardo Rasman, il giovane con problemi psichici immobilizzato, colpito e asfissiato da tre agenti, a casa sua

Paolo Scaroni, il tifoso che finì in coma per le manganellate della polizia allo stadio

Aldo Bianzino falegname che aveva in casa una piantina di mariuana, trovato morto in cella di isolamento con lesioni traumatiche: 4 ematomi cerebrali, fegato e milza rotte, 2 costole fratturate.

Michele Ferrulli , il 51enne morto d'infarto mentre veniva arrestato

Luciano Isidro Diaz , fermato la notte del 5 aprile del 2009 mentre guidava troppo forte e reso vittima di lesioni così gravi da causargli la perforazione di un timpano e il distacco della retina

Franco Mastrogiovanni il maestro morto in un reparto psichiatrico dopo esser rimasto per ore legato a un letto senza cure né acqua


I loro corpi massacrati senza nessun colpevole punito mostrano cosa potrebbe succedere a ognuno di noi


CASO CUCCHI: NESSUN COLPEVOLE?
Da Amnesty:
Nonostante i numerosi impegni internazionali presi,in Italia manca ancora oggi il reato di tortura.La Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura del 1984,ratificata dal nostro paese nel 1988,prevede che ogni stato si adoperi per perseguire penalmente quegli atti di tortura delineati all’art.1 della Convenzione stessa Sono passati 25 anni,ma in Italia il reato di tortura continua a essere un miraggio.A 13 anni dal G8 di Genova del 2001,molti dei responsabili di gravi violazioni dei diritti umani sono sfuggiti alla giustizia e in Italia mancano strumenti idonei per prevenire e punire efficacemente le violazioni.Nel frattempo,molti altri casi che chiamano in causa la responsabilità delle forze di polizia sono emersi e continuano a emergere senza risposta da parte dello Stato.Per fermare queste violazioni è urgente colmare le lacune esistenti al più presto.Dopo il fallito tentativo della XVI legislatura,sono stati presentati nuovi disegni di legge.La discussione al Senato, iniziata il 22 luglio 2013 in seno alla commissione Giustizia, si è conclusa con l’approvazione del testo unificato lo scorso 5 marzo,con voto quasi unanime.Il testo introduce un reato specifico di tortura e non richiama (come in precedenza) il requisito della necessaria reiterazione degli atti di violenza o minaccia.Punti critici:il reato viene qualificato come comune e quindi imputabile a qualunque cittadino,anche se si prevede l’aggravante se commesso da pubblico ufficiale. E non sono perseguibili le condotte omissive.Inoltre è stata purtroppo eliminata la eliminata la parte dell’art.5 che prevedeva un fondo nazionale per le vittime della tortura
È essenziale che il reato di tortura sia introdotto nel codice penale italiano quanto prima e nel massimo rispetto degli standard internazionali

viviana 04.11.14 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi correggo manovra Amato primi anni 90.

mauro lancioni, carrara Commentatore certificato 04.11.14 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Nei primi anni 80 il governo Amato ha fatto la famosa manovra da 120milamiliardi di lire perchè l'Italia era sull'orlo del baratro. C'era la lira.Il debito pubblico era in proporzione già alle stelle.Non era colpa dell'euro.
Il M5S farebbe bene a continuare a combattere la corruzione, la mafia. La disonestà e la carriera politica come fine personale.E portare avanti i punti rappresentati dalle 5 stelle.La causa dei problemi italiani è endogena da sempre.

mauro lancioni, carrara Commentatore certificato 04.11.14 09:08| 
 |
Rispondi al commento

ERA ORA!
Che i cittadini sappiano cos'è il debito di uno stato.
Con la favola del buon padre di famiglia che non spende più di quelli che guadagna hanno imbambolato tutti!

Luca Storchi 04.11.14 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Non ho mai letto tante cazzate messe insieme.
i soldi servono a comprare beni e servizi e se si spende più di quanto si guadagna con il giochino dell'inflazione si carica sempre e solo sulle future generazioni.
Orami avete perso la bussola ... mi dispiace tanto per me e per tutti quelli che ci avevano creduto alla possibilità di un cambiamento.

marcello poletì 04.11.14 09:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Draghi e la BCE stanno facendo quello che la Banca d´Italia dovrebbe fare: se non ci sono compratori la BCE assicura il debito.
Come? Stamapando denaro e dandolo alle banche a interessi minimi.
Lo stato Italiano poi VENDE i titoli alle banche private ad interesse maggiorato.

Questo eß´il motivo principale per cui, pur stampando TRILIONI di euro non c´e´inflazione, perche´i soldi finiscono nelle tasche delle banche che li usano per RICAPITALIZZARSI.

Ricapitalizzare significa semplicemente dare un valore ai numeri (euro) che DOVREBBERO essere nella banca e che non ci sono perche´la banca li ha scommessi in titoli tossici.
Parlano di crisi del debito sovrano per coprire la verita´: le banche hanno scommesso i soldi dei conti correnti e li hanno persi.
E´come l´amministratore di un condominio che gioca al casino i soldi anticipati dai condomini e poi non li ha per pagare le bollette.

Nel 2008 si poteva ovviare abbandonando l´euro e passando alla lira, ovviamente dopo aver nazionalizzato le banche e messo in galera i banchieri responsabili.
I titoli tossici sarebbero stati annullati, i conti correnti convertiti in lire presenti nel bilancio e l´economia sarebbe ripartita.
Piu´si aspetta e piu´doloroso sara´.
Perche´nel frattempo le imprese hanno chiuso, lo stato ha svenduto la sua "argenteria" e il numero dei disocupati e´aumentato.
Tornare alla lira e´l´unico modo per poter ricominciare.

Patrizia B. 04.11.14 09:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per allegerire il fardello del debito pubblico si deve fare come quando si perde una guerra, VENDERE alcune parti dell'italia (valtellina, valle d'aosta, sud tirolo, sicilia isole minori, e perchè no la Lombardia!!!) agli stati che sono limitrofi. So che i "taleban" dell'integrità territoriale mi assaliranno, tuttavia meglio una stato "ridotto" che uno stato DISINTEGRATO!!!

alla via così
aye aye mon capitain

alfonso baroni (rrrbr) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.14 08:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OH FINALMENTE IL POST DEL M5S SENATO SCRITTO LA SCORSA SETTIMANA! Scritto molto bene!

Davide Marini 04.11.14 08:42| 
 |
Rispondi al commento

mi dite che fine ha fatto quella montagna di soldi ? del politometro si sà più niente ?

ina ghigliot 04.11.14 08:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E basta con questo euro..un se ne pole!

Galeazzo R., GR Commentatore certificato 04.11.14 08:36| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori