Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Dal '95 le tasse sono cresciute il doppio dei redditi

  • 21


padoan_tax.jpg

"Leggo sui giornali di oggi: Per le famiglie italiane, secondo la Cgia di Mestre, le tasse sono cresciute il doppio dei redditi tra il 1995 e il 2013. In questo arco di tempo il prelievo fiscale medio sulle famiglie è aumentato del 40%; i redditi nominali, invece, del 19%. Grazie al bonus degli 80 euro, nel 2014 la situazione è destinata a migliorare. Per la Cgia sulle famiglie grava un carico fiscale medio annuo di oltre 15.300 euro. Tra il 1995 e il 2013 il peso delle tasse, delle imposte, dei tributi e dei contributi previdenziali è aumentato di oltre 4.400 euro (+40,4%). Si tratta, per la Cgia, di una crescita più che doppia rispetto a quella fatta registrare dal reddito nominale netto medio disponibile (+19,1%). Purtroppo, il trend dei redditi cambia completamente segno se si depura l’inflazione dal reddito disponibile: sempre nello stesso arco temporale, il reddito reale, ovvero il potere d’acquisto, è crollato, per la Cgia, del 19%. I dati della Cgia fotografano un quadro di complessiva criticità per i quasi 26 milioni di famiglie italiane, aggravatosi ulteriormente con l’avvento della crisi. Dal 2007 (ultimo anno pre-crisi) al 2013, nonostante il peso fiscale sia leggermente diminuito registrando nell’ultimo anno addirittura una contrazione di 325 euro a seguito anche dell’abolizione dell’Imu sulla prima casa, il reddito disponibile netto ha subito una "sforbiciata" di quasi 3mila euro. Con troppe tasse e meno soldi a disposizione, tra il 2007 e il 2013 i consumi delle famiglie al netto dell’inflazione hanno subito una caduta verticale, -13,4% che, in termini assoluti, equivalgono ad una contrazione media della spesa per ciascuna famiglia italiana di quasi 5.500 euro. Ovviamente, per la Cgia, la riduzione del reddito disponibile è ascrivibile anche all’aumento della disoccupazione. Tra il 2007 e i primi 9 mesi di quest’anno è più che raddoppiata, se sette anni fa era al 6,1%, ora è al 12,6%".
Alberto R.

29 Nov 2014, 13:27 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 21


Tags: mestre, padoan, raddoppiate, redditi, tasse

Commenti

 

non sono un matematico e non penso di essere un genio ma a quanto pare nemmeno gli ultimi ministri delle finanze
vorrei fare solo un piccoloesempio di come potrebbero essere diverse le cose per noi lavoratori
esempio 2002 stipendio netto 1000E tasse 200E cioe 20%
2014 aumento stipendio a 1200E 20% aumento tasse +20% 480E totale stipendio 1680

esempio di una vita migliore
1500 stipendio netto +450 tasse aumentate solo del 10% totale stipendio 1950
con questi aumenti il lavoratore avrebbe 300 euro in piu da poter spendere ogni mese e quindi incintivare l'economia in rialzo
vero anche il fatto che il costo del lavoratore aumenta di 270 euro rispetto al primo esempio costo che effettivamente pesa sul datore di lavoro che pero dal conto suo vedra aumentare le sue entrate per l'immissione di soldi extra nel mecato da parte dei dipendenti
insomma STATO VUOI INCASSARE PIU SOLDI DALLE TASSE AUMENTATE GLI STIPENDI E LA GENTE SPENDERA DI PIU E SARA PIU FELICE E PROBABILMENTE CI SARA PIU LAVORO

PS MI SCUSO PER GLI ACCENTI CHE MANCANO PERCHE STO SCRIVENDO CON UNA TASTIERA ESPAÑOLA E NON POSSO SCRIVERE CORRETTAMENTE IN ITALIANO

francesco gilioli 01.12.14 16:07| 
 |
Rispondi al commento

se a casa mancano i soldi per arrivare a fine mese, i genitori tagliano le spese non strettamente necessarie, se allo stato mancano i soldi per pagare le pensioni d'oro, i mega stipendi dei dirigenti, cosa fa lo stato? aumenta le tasse e taglia le pensioni minime. bene così, andiamo avanti a votare quelli che ci hanno portato a questa situazione, o meglio ancora, NON andiamo a votare e così li lasciamo governare avanti, e poi ci lamentiamo al bar.

Corrado S., Trieste Commentatore certificato 30.11.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma come pensano di uscire,questi ladri, dalla crisi e come pensano di far ripartire il mercato se ci alzano sempre di più le tasse e abbiamo sempre meno soldi da spendere. Inoltre alzando le tasse si alzano anche i prezzi perché il prodotto finito e' rincarato all impossibile. Anche uno scemo qualunque che lavora e spende il proprio stipendio lo vedrebbe. Basta prenderci per il culo INGORDI!!!??

Daniele gaffi 30.11.14 12:59| 
 |
Rispondi al commento

le tasse servono a pagare i servizi
e qui tutti d accordo
.....
ma se continuano a tagliare i servizi NOI SIAMO IN OBBLIGO A NON PAGARE LE TASSE
la scusante delle tasse alte e PER i soliti furbetti
che le evadono
BENISSIMO USIAMO LO STESSO PESO E MISURA DELLA CASTA E RIMANDIAMOCI LA MERDA A LORO
1 se e ...legale per loro fare pagare a tutti il .... furbetto
(CHE PER LEGGE E UN REATO)
perche la legge e chiarissima non si puo condanare nessuno al posto di un altro e neppure per un presunto reato che per la legge non esiste
ovvero una azione riprorevole in generale ma che per la legge e NON REATO NE ILLEGALE

OK CI SONO 70 MILIARDI DI ...CORRUZIONE IN ITALIA
CHI COME ME E D ACCORDO FARE PAGARE A TUTTA LA CASTA QUESTI SOLDI EVASI ???
ogni politico DELLA CASTA dovrebbe pagare (anche se fosse onesto.....) DI TASCA PROPRIA SI LO SO E TROPPO SPINTA QUESTA..

DOVREBBERO PAGARE ALMENO 1000000 DI EURO DI TASCA LORO daltronde se noi dobbiamo pagare
per colpa dei cittadini furbetti
perche loro non dovrebbero pagare per i loro furbetti politici


stefano b., rovato Commentatore certificato 30.11.14 10:20| 
 |
Rispondi al commento

dal 95 ad oggi per me, lavoratore autonomo privo di santi in paradiso, quanto a soldi, ben poco è cambiato: povero allora, povero adesso. Vent'anni buttati nel cesso sul fronte occupazionale, decisamente diverso da chi ha vissuto il periodo florido del famigerato boom economico, dove chi aveva voglia di lavorare, ha realizzato una piccola fortuna. Unica possibilità che abbiamo: tornare alle origini e dismettere i panni di altri più fortunati.

Paolo G., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 30.11.14 08:04| 
 |
Rispondi al commento

Le tasse son cresciute in quanto dobbiamo mantenere una casta di squali

Fiero di aver dato il mio voto al M*****

soffia forte il vento del cambiamento

saluti σℓ∂ ∂σg

old dog 29.11.14 22:47| 
 |
Rispondi al commento

PARLATE DI TASSE AUMENTATE A DISMISURA. aLLORA AVETE CAPITO COSA DOVETE FARE? TOGLIETE I SOLDI DALLE MANI DEL GOVERNO. tAGLIATEGLI LA Possibilità DI SPENDERE. E QUELLO CHE SPENDE LO DEVE GIUSTIFICARE AL CENTESIMO.

vareno boreatti 29.11.14 21:29| 
 |
Rispondi al commento

italiani popolo di smemorati,avrebbero bisogno di una cura di fosforo,visto che continuano a votare quelli che ci hanno portati alla rovina,votano lega nord,forse si aspettano di avere anche loro i diamanti e lingotti d'oro che salvini ha ereditato da Belsito?a proposito che fine hanno fatto?

vittorio c., frosinone Commentatore certificato 29.11.14 19:58| 
 |
Rispondi al commento

E gli 80 euro dove li mettiamo? Io un suggerimento ce l'avrei, per Renzi.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 29.11.14 15:57| 
 |
Rispondi al commento

I POLITICI SONO COSì FUORI DALLA REALTà CHE QUEL C.E.I.N. DI RENZIE CREDEVA CON 80 EURO A POCHI DI RIALZARE L'ECONOMIA, QUANDO SOLO LE TASSE NE ABBISOGNAVANO DEL TRIPLO.
CERTO CHE I PIù TORDI SONO I SUOI ELETTORI A 80 EURO, NON QUELLI CHE LI HANNO GIà IN SVIZZERA OVVIAMENTE.
DOPO ANNI DI CRISI E BUFALE QUALSIASI GOVERNO AVRà MOLTA DIFFICOLTà FARCI RIPRENDERE A SPENDERE, ANCHE NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI QUESTA CRISI RESTERà NEL DNA PER DECENNI A VENIRE, E CHI COMANDA I FILI DEI BURATTINI LO SA BENE.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 15:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se le tasse aumentano e i redditi diminuiscono sarà perchè la casta cresce anche di più.
Del resto credo che un regiorgio abbia come minimo dei bisbisnipoti da mantenere e sistemare, in cascata anche il resto della casta politica, giornalistica, giudiziaria ecc.ecc. si adegua.
I magistrati vanno tutti in pensione col massimo della carica possibile, non per meriti ma per anzianità.
Quelli che devono fare i sacrifici siamo solo noi diceva giustamente la frignero e monti faceva l'eco, ma i loro compensi chi li conosce?
Tutti i saggi e i cervelloni chiamati da regiorgio per sanare il paese hanno solo dilapidato capitale con le loro assurde parcelle e non risponderanno mai dei danni e del risultato non raggiunto.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Bene tanto peggiora ci sta bene siamo un popolo di merde pivellini i 5 stelle devono uscire e fare casino vero

nicola antonio guerrini, ponsacco Commentatore certificato 29.11.14 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Chi è Alberto R.?
Giusto per capire l'autorevolezza del commento: vorrei condividere il post ma prima voglio capire se è attendibile.
Grazie

giovanni boscaino 29.11.14 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando il popolo ha la panza piena acclama il re spendaccione. Quando ha la panza vuota uccide il re e se lo magna...e visto che il potere è nelle mani di tanti...sai che abbuffata!Il re è morto...w il re!

gianluca f. Commentatore certificato 29.11.14 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BISOGNA DIRLO,GLI ITALIANI SONO PIENI DI TASSE DA PAGARE GRAZIE AI PARTITI

alvise fossa 29.11.14 14:17| 
 |
Rispondi al commento

il mio ex datore di lavoro mi ruba i soldi dalla busta paga e il Tfr? invia false informazioni obbligando l'Agenzia delle Entrate a chiedermi il pagamento di tasse non dovute e non ammette nonostante le mie svariate contestazioni che sono false? bonifica e smaltisce l'amianto in clandestinità nello stabilimento in vicinanza del centro abitato in cui ha cessato l'attività?.. e io gli chiedo conto attraverso il web http://www.montemesolaonline.it/Tassa.htm

Cosimo Coro, Montemesola Commentatore certificato 29.11.14 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori