Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gentiloni, ministro degli esteri degli altri

  • 55

New Twitter Gallery

gentiloni_esteri.jpg

"Nel giro di una settimana il governo Renzi ha dovuto affrontare tre grane: la manifestazione della Cgil, il pestaggio degli operai di Terni ed il cambio della guardia alla Farnesina.
Iniziamo dall’ultima cosa: che significato ha la nomina di Gentiloni? Per capire sino in fondo ci mancano dei passaggi: a quanto pare (ma vatti a fidare delle indiscrezioni giornalistiche!) Gentiloni non faceva parte della prima rosa di nomi offerta al Quirinale e che era composta da sole donne, di cui una sola di qualche autorevolezza internazionale (la Dassu). Non sappiamo per quali motivi Napolitano abbia respinto queste candidature, forse ritenendole troppo “leggere”, in una fase politica di crisi montante come questa presente. Se ne dedurrebbe che il nome di Gentiloni sia stato imposto dal Colle o che sia stato una sorta di compromesso fra i due presidenti. Ma non c’è ragione di pensare che Renzi possa proporre Gentiloni come candidato di “seconda scelta”: viene dalla Margherita, come gran parte dello staff renziano ed è dall’inizio nella cordata del fiorentino, inoltre ci sono ragioni specifiche per pensare che sia l’uomo più adatto ai bisogni di Renzi in questo momento. Dunque, non era nella rosa iniziale, solo in omaggio al principio della “parità di genere” nel governo? Renzi è abbastanza fatuo per andare dietro a queste fesserie, ma la cosa non convince del tutto. Di sicuro, se l’esigenza di Napolitano era quella di un nome di maggior peso, Gentiloni risponde a questa esigenza e gli orientamenti del nuovo ministro degli esteri non gli dispiacciono. Ma allora come mai non ci si è pensato subito? Ecco qui c’è un passaggio che ci manca. In compenso la logica politica dell’operazione è abbastanza trasparente e proviamo a spiegarla.
Dopo una breve scapigliatura giovanile, che lo portò a militare nel Movimento Studentesco e nel Pdup per il Comunismo, ed una più matura collaborazione con il Manifesto (dove era ritenuto esperto di mondo cattolico), Gentiloni è andato a sciacquare i suoi panni nel Potomac, diventando uomo assai sensibile alle ragioni a stelle e strisce. Ed ancor più sensibile è diventato, con il tempo alle ragioni di Israele: è interessante constatare come proprio alla vigilia della sua nomina, Gentiloni abbia avuto un caloroso incontro con i maggiori rappresentanti della comunità ebraica italiana. Prima che saltino su i soliti dietrologi che vedono Israele dietro ogni complotto o i più fanatici sostenitori di Israele ad accusarmi di antisemitismo per aver insinuato chissà cosa, preciso: niente oscuri complotti, ma uno scenario politico che è sotto gli occhi di tutti e che ha una sua logica interna. Non è un mistero che da almeno 5 anni (epoca del “discorso del Cairo” di Obama), Washington e Telaviv vanno in direzioni via via divaricanti e l’intesa non è più quella di un tempo. Israele avrebbe voluto l’intervento in Iran che non c’è stato, Israele non ha visto affatto di buon occhio la primavera araba che gli Usa ha, in parte, incoraggiato, Washington si è mostrata meno allineata del passato ad Israele sulla questione palestinese. Ma soprattutto, in tempi recenti, è la questione energetica a dividere i due vecchi sodali: gli Usa hanno l’obiettivo strategico di indebolire la Russia ed, in particolare, la sua influenza sull’Europa, determinata dal peso delle sue forniture di gas. A questo scopo, gli Usa hanno cercato in tutti i modi di impedire la nascita del gasdotto Southstream, prima con il progetto concorrenziale di Nabucco, dopo spingendo per l’inserimento del Quatar nella rete metanifera europea. Entrambe le questioni vedono al centro il nostro paese: Southstream avrebbe dovuto essere costruito dall’Eni (ora non sappiamo che fine farà il progetto), mentre la via più semplice per agganciare il Quatar alla rete europea è agganciarlo al gasdotto italo-libico-algerino; cosa tentata nel 2005 e bloccata dal governo Berlusconi, per evidenti preferenze moscovite. Cosa che i quatarioti si legarono al dito, rendendo all’Italia pan per focaccia in occasione della crisi libica. Va da sé che Israele veda il piano di inserimento del Quatar come il fumo negli occhi; ed è ovvio, dato che il Quatar finanzia i Fratelli Musulmani e accentuare la dipendenza dell’Europa dalle forniture di un paese arabo è in palese contrasto con i suoi interessi strategici. Per questo si è determinata una oggettiva convergenza fra Mosca e Telaviv.
La cosa era tornata per un attimo alla ribalta (all’inizio della crisi ucraina) in occasione del viaggio di Letta in Quatar per trattare sul loro ingresso in Alitalia. Poi la tempestiva crisi del governo Letta bloccò sul nascere la ripresa del disegno.
Dopo, con il governo Renzi (sul quale si sa avere molta influenza l’economista Yoram Gutgeld, già ufficiale superiore dell’esercito israeliano), sono venute le nomine Eni con la promozione di De Scalzi al posto che fu di Scaroni e, con essa, la conferma piena degli orientamenti filorussi dell’ente petrolifero di Stato. Insomma nel governo Renzi si è riprodotta in sedicesimo quella convergenza russo-israeliana di cui dicevamo. E gli americani non hanno affatto gradito, riservando al giullare fiorentino più di uno sgarbo. Poi, puntuale come Big Ben è arrivato lo scandalo Nigeria, che ha compito De Scalzi, oltre che Scaroni. Renzi in un primo momento ha difeso a spada tratta De Scalzi, ma si è molto raffreddato quando questi, per salvarsi, ha buttato a mare Scaroni (“decideva tutto lui”). Ed il gelo è sceso in occasione della visita di Italia di Li Kequiang, quando, alla cerimonia della firma dei contratti d’affari conclusi, tutti hanno notato la clamorosa assenza di De Scalzi, unico a mancare fra i big delle imprese di Stato.
Insomma, mi pare che tutto confermi che sia in atto una nuova puntata della guerra segreta dei gasdotti e che essa passi per il governo italiano.
Di qui la necessità di un ministro degli esteri molto ben accreditato sia presso Washington che presso Telaviv per trovare una mediazione in un conflitto che potenzialmente può travolgere il governo.
E meglio ancora se questo mediatore disponga di buone entrature in Vaticano e sia amico di un personaggio come Stefano Silvestri (altro ex estremista passato al campo a stelle e strisce) che può contare a sua volta su amici a Mosca ed a Washington. Come mai un nome così perfetto non è stato la prima scelta? Forse perché occorreva coprirlo con altre candidature di parata, per non bruciarlo nel partito, dove c’erano altri candidati pure renziani? O per distrarre l’attenzione dal vero senso dell’operazione? Chissà, dovremmo avere più informazioni." Aldo Giannuli

7 Nov 2014, 16:00 | Scrivi | Commenti (55) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 55


Tags: Farnesina, gasdotto, Gentiloni, Israele, ministro esteri, petrolio, tel Aviv, USA, Washington

Commenti

 

Ma chi e' l'ispiratore di questi POST del CAZZO" Beppe Grillo o Casaleggio ?,
Non stanno ne' in cielo ne' in terra (non solo questo ma molti altri precedenti).
E' chiaro anche ai bambini che le nomine comprese quelle di Renzi-Delrio e co. non le fa ne' il Governo ne' il Parlamento italiano e allora sarebbe bene dare la "penna" a qualcuno che capisca qualcosa o meglio che ragioni un po' a ragion veduta.
Il metano ed il petrolio per il futuro dell'Europa e del Mondo si trova nelle vicinanze del Mar Caspio su questo territorio COMANDA DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE Putin e l'Iran.
Il nostro Berlusca con il suo amico Putin avevano pensato al SOUTHSTREAM che per varie ragioni sta perdendo quota ed allora gli americani hanno pensato di ristabilire rapporti con IRAN, in barba agli ISRAELIANI, per entrare nel business, con il progetto NABUCCO o altro.
Che c entra Gentiloni con questo non riesco proprio a capirlo.
Non vedo che cosa

kowalski 10.11.14 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Sulle navi inglesi alla ciurma era permesso il mugugno. Nella grande nave INTERNET si esercita il mugugno. Sulle navi inglesi si arrivava spesso all'ammutinamento. A quando l'ammutinamento?

ANTONIO PIROSO (), caulonia Commentatore certificato 10.11.14 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sbagliarmi, ma coniugando quanto precisa "L'uomo del Colle", "la questione delle eventuali dimissioni è nota da tempo" con "Le voci" "secondo cui Napolitano "non si dimetterà senza un accordo di massima sul suo successore", la NAZIONE sta accettando che il "colle" sia usato come un cesso (chi è dentro non ha scadenze) di cui si pretende di tenere la finestra chiusa anche quando sarà stato liberato.

ANTONIO PIROSO (), caulonia Commentatore certificato 10.11.14 13:46| 
 |
Rispondi al commento

La nostra politica estera la decidono a washington, inclusi i ministri degli esteri che son sempre tutti filoamericani (non li sceglie napolitano ma direttamente obama o chi per lui).
Merito competenza o interessi dell'Italia sono irrilevanti.
Probabilmente il ttip potrebbe avere a che fare con la nomina di gentiloni.

Non mi risultano divergenze fra americani e israeliani se non di facciata ovvero i media israeliani hanno l'abitudine di lamentarsi di qualunque cosa (inclusi i favori ricevuti) e di additare colpe a tutti quelli che non sono ebrei fino al midollo (inclusi i più stretti alleati).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.11.14 14:52| 
 |
Rispondi al commento

America/Inglese governata dal Vaticano ed è per questo che tutti Ministeri importanti devono essere occupati da DC doc o Comunisti & C. venduti.Nella Colonia Italia dipende molto dai Santi che hai e se fai parte della famiglia vieni anche premiato (vedi caso Andreotti).Cosa si può sperare,quando la Repubblica è nata sulla strage delle Ginestre e gli americani non possono essere giudicati nemmeno quando uccidono come ha fatto Amanda Knox o compiono stragi come quella del Cermis,la trucidazioni dei Magistrati,stragi,G8 ?Per pietà basta con questi spettacoli di Santità.Cambiano qualche suonatore,però la musica è sempre la medesima: Sono sempre e solo Affari di Famiglia.Si potrà gioire solo quando crollerà la finta sinistra e quando usciranno di scena tutti i protagonisti della falsità clericale bigotta,i quali si fanno vedere che vanno a Messa per poi applicare al contrario gli insegnamenti del Vangelo.Se non crollerà la falsità di chi ha sostenuto le guerre mascherate e ha permesso il Mercato delle Vacche,la Crocifissione e Risurrezione del Messia e peggio imposto il governo Monti per salvare l’ammucchiata,traghettarla nella Terza Repubblica e in fine ci ha donato il grande spettacolo Pifferaio e Renzi,mascherato da rottamatore non potrà mai cambiare nulla.Unica cosa certa,la politica serve solo per fare gli affari di famiglia dal più piccolo comune fino al vertice della Piramide del potere.Proprio per questa cinica realtà,ogni governo imposto,approva le guerre mascherate,le grandi Opere,le spartizioni delle poltrone e delle cariche,aumenta le tasse e subito dopo iniziano i soliti teatrini.Non si deve credere a niente,è tutto pianificato ed i vari credo sono solo illusioni effimere,Dio non esiste.

agostino nigretti 08.11.14 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo che Gentiloni, ministro delle telecomunicazioni del governo di centrosinistra Prodel 2008, aveva annunciato , per dar seguito al programma prelettorale, che avrebbe proposto una legge per riordinare l'assetto delle televisioni escludendo il monopolio Rai/mediaset. Naturalmente tutto andò a finire dopo lungaggini infinite a "tarallucci e Vino"

pazzi gilberto, genova Commentatore certificato 08.11.14 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Incidentalmente, l'analisi del prof. contiene due aspetti che giova rimarcare:
1) se le storie degli uomini fanno la storia (e la fanno!), allora la storia della moderna sinistra italiana è fatta in massimissima parte da uomini "quaquaraqua", pronti a trovarsi nel punto giusto, al momento giusto per "sistemarsi" nel modo giusto, sostenuti da quella invincibile grinta generata incessabilmente dal livello morale (e magari anche culturale) inferiore allo zero (daltronde la storia di Renzi, al pari di quella illustrata per Gentiloni, è emblematica allo zenith);
2) per quanto riguarda i rapporti con gli USA, basterebbe avere la fortuna di farsi una sincera chiacchierata con qualcuno bene informato, che magari lavora presso il Dipartimento di Stato USA, per sapere quale è il giudizio che da quelle parti riservano al nostro attuale primo ministro: il termine che userebbero (usano) è irripetibile. Ma tant'é!

ettore v., Maschito Commentatore certificato 08.11.14 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito un'analisi sempre lucida e calzante in questa settimana è successa un'altra cosa certo di minor rilievo rispetto a quelle menzionate dal prof.Giannuli,ovvero nomina della de micheli asottosegretario dell'economia,qualcuno mi può spiegare i suoi meriti?
Se vi viene voglia di fare una ricerca su internet,un consiglio digitate:de micheli agridoro.
Un saluto a tutti.

alessandro m., Piacenza Commentatore certificato 08.11.14 00:59| 
 |
Rispondi al commento

ovviamente degli altri, non degli italiani. Vergogna.
Da sottolineare che la cosa era tornata per un attimo alla ribalta (all’inizio della crisi ucraina) in occasione del viaggio di Letta in Quatar per trattare sul loro ingresso in Alitalia. Poi la tempestiva crisi del governo Letta bloccò sul nascere la ripresa del disegno.
Dopo, con il governo Renzi (sul quale si sa avere molta influenza l’economista Yoram Gutgeld, già ufficiale superiore dell’esercito israeliano), sono venute le nomine Eni con la promozione di De Scalzi al posto che fu di Scaroni e, con essa, la conferma piena degli orientamenti filorussi dell’ente petrolifero di Stato.
Grazie M5S

Consigli Personal Computer Commentatore certificato 08.11.14 00:25| 
 |
Rispondi al commento


Home / Pensiero e Sovranità / LA CORTE DEI CONTI DICE NO
LA CORTE DEI CONTI DICE NO

Pubblicato da redazione in Pensiero e Sovranità, Titoli di testa 7 novembre 2014 0 0 Visite

Pochi riescono ad intuire la valenza e le conseguenze sul piano giuridico di una notizia come quella qui riportata, che pare una delle tante espressioni dell’attività burocratica di quel mostro istituzionale che va sotto il nome di Unione Europea.

Da diciannove anni la Corte dei Conti Europea NON CERTIFICA il bilancio annuale.

Significa che praticamente da quando è nata l’Europa si amministra senza controllo, e l’organo responsabile di tale controllo non intende essere complice di tale macroscopica illegalità.

Ma noi in tutto questo tempo dove eravamo?

E ora che ne paghiamo conseguenze sempre più gravi rimaniamo ancora inerti?

Non è forse il tempo di fare qualcosa?

Perché qualcosa, anzi molto più di qualcosa, si può fare, e c’è chi lo farà.

Jervé

Corte_dei_conti_europea
Revisori della Corte dei Conti dell’Unione Europea si rifiutano di certificare il bilancio della UE: spese pazze e furti

LONDRA – E’ un fatto abbastanza risaputo che l’Unione Europea sia la piu’ inefficente e corrotta istituzione che sia mai stata creata e questo e’ dimostrato dal fatto che negli ultimi 19 anni i revisori della corte dei conti europea si sono rifiutati di certificarne il bilancio per via della sua totale mancanza di trasparenza.

L’ultimo resoconto e’ stato rilasciato pochi giorni fa e come era prevedibile anche quest’anno i revisori dei conti della UE si sono rifiutati di certificare il bilancio europeo per l’anno 2013 perche’ molti di questi fondi sono stai spesi male e senza nessun controllo.

I soldi spesi senza nessuna trasparenza non sono bruscolini ma riguardano l’intero bilancio dell’Unione Europea che ammonta a cento milardi di sterline, circa 120 miliardi di euro.
VAI AVANTI
http://www.iconicon.it/blog/2014/11/la-corte-dei-conti-dice/

aurelio m. Commentatore certificato 07.11.14 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finchè ci saranno al governo personaggi del calibro di Gentiloni,e di tanti altri politicanti del passato e attuali,che hanno venduto la Sovranità Italiana all' imperialismo sionista-americano,gli italiani ne saranno sempre schiavi economicamente e politicamente,per cui sarà impossibile ogni giusto e sacrosanto anelito di libertà e indipendenza che si leva dal popolo.

TINO LISSU, S.MICHELE Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 07.11.14 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Si devono tessere relazioni sicure per garantire la produzione(in questo caso estrazione) e il trasporto di una merce.

Non si puo'fare altro(come stato) che essere debitori verso chi garantisce le condizioni di scambio (chi crea le condizioni di mantenimento degli accordi internazionali).

Se per caso mi inoltrassi nello studio delle relazioni economiche tra gruppi finanziarji(credito e debito per intenderci)
rimarrei molto deluso sulla malvagita'degli attori di questa macchina.Un poco meno sull'ovvio braccio armato o sulla capacita'di ritorsione ad un mancato accordo.

Il loro compito e'garantire il prelievo di materiale da un territorio,trasportarlo qui,
indebitandosi (e pure ci) in meno possibile.

Ma concordo sul fatto che i criteri di selezione della classe dirigente
debbano essere chiariti,anzi trasmessi.

t.o. 07.11.14 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Gentiloni, ministro degli esteri degli altri
Riassunto:
Gentiloni mi sta sul cazzo.
by Aldo Giannuli

amoremanicheo .., Roma., Commentatore certificato 07.11.14 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Ogni tanto perchè cercate di fare un Post serio, facendo un'indagine approfondita sulle categorie e sui ruoli che più di altri "Stanno Salvando" l'Italia da crisi ormai insostenibili?
Le notizie poi si trovano in rete, basta cercarle e metterle a disposizione di tutti...
Oltre che a stimolare i parlamentari ad interessarsi al problema.

In sintesi e in forma fin troppo riduttiva faccio qualche esempio:

-) dirigenti Inps (media stipendio e.80.000, con punte a oltre 170.00)
-) capi di stato maggiori delle varie armi e.480.000 (ma poi li avevano portati a 280.000?)
-) capo della polizia è ancora a e.650.000?
-) presidente dell'Inps con 25 incarichi (Mastrapasqua fino al commissariamento)
e.1.200.000
-) 13 mila dipendenti Rai. Il costo medio di ognuno di loro è di e. 89.000 con le "punte" milionarie di Fazio o i e.500.000 circa di Floris
-) dirigenti delle provincie e regioni da e.100.000 a 150.000 circa
-) diplomatici e. 200.000
-) magistrati e. 145.000
-) i dirigenti dei militari cappellani e.100.000
-) ministeriali da e.160.000 a oltre 200.000 PdC
ecc.ecc....

n.b. all’interno di ogni singola categoria sono numerosissime le posizioni con remunerazioni fra i 250.000 euro e i 350.000

e poi si parla della crisi dei valori...
non sarà che invece bisogna invertire la frase ed il concetto conseguente???
"il valore della crisi"

Questo secondo me è uno dei punti fondamentali del M5 del suo programma anche nel futuro, combattere le sperequazioni ed ogni forma di privilegio che favorisce le sacche costituenti le più svariate Caste nostrane

p.s. Vorrei ricordare agli abitanti di questo piccolo Paese che il Pres. degli U.S.A si attesta attorno ai 280.000 (e forse ha responsabilità ben più ampie di chi dirige da noi un esercito di pensionati)

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 07.11.14 17:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A parte la natura un po' troppo monotematica del post di Giannulli, non c'e' dubbio che il nome di Gentiloni non sia tale da suscitare grandi entusiasmi.
Saranno contenti gli americani, il vaticano e forse anche gli israeliani, ma non credo troppo gli europei per i quali Gentiloni e' pari a Carneide.
Si dovranno accontentare, dato che lo squadrone che sostiene Renzi non dispone di giocatori validi per il ruolo di ministro degli esteri. Quelli che c'erano sono stati prepensionati o venduti ad altre squadre. Tutto sommato poteva andare anche peggio.
Dovesse reggere due anni, Gentiloni fara' anche in tempo a sostenere l'attacco americano all'Iran grazie alla prossima presidenza repubblicana e a contribuire con armi, truppe e sostegno logistico ( se no a che servono le basi americane in Italia?).

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 07.11.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Chi è Paolo Gentiloni?
O meglio ancora: come vuole essere dipinto?

L'aspetto al quale credo tenga di più, consiste nel fatto di essere un aristocratico, proveniente da una famiglia nobile italiana di lunga tradizione.
Dal suo punto di vista una tradizione "che ha costruito la cultura del paese". Dal mio punto di vista, molto personale, una tradizione "basata sulla salvaguardia di privilegi garantiti dalla nascita in quanto portatori di sangue blu".
Gentiloni ne è orgoglioso, il che è comprensibile e non c'è niente di male.
Va molto male, secondo me, per il rappresentante dell'Italia all'estero.
Questa è una nazione repubblicana e i titoli nobiliari sono stati aboliti e la monarchia non esiste più dal 1946. Lui è discendente diretto dei conti Gentiloni Silverj, porta il titolo di Nobile di Filottrano, Conte di Macerata, e Nobile di Cingoli. Pare che ci tenga da matti.
Siccome chi scrive è "ignobile", da bravo repubblicano, non vede di buon occhio, come rappresentanza del proprio stato laico e repubblicano, una persona che ha questa...come la vogliamo chiamare....ossessione? Mania? Vezzo? Fantasia? Delirio? Fate voi.

http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2014/10/un-potere-squilibrato-oppure.html

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 07.11.14 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Articolo che denota i giochetti politici di gente che si diverte mentre noi moriamo.

Qui non si tratta di giocare alla politica.

Per quanto riguarda le presunte divergenze fra Obama e Tel Aviv, messa a quel modo si avvalora l'idea che un presidente Usa sia autonomo nelle scelte politiche, mentre lo sanno anche i ragni che NON si diventa presidenti americani senza l'imprimatur sionista e che il titolare della Casa Bianca è maggiordomo dello strapotere economico delle multinazionali, di cui Israele, a sua volta, è il braccio armato, destabilizzatore del Medio Oriente...

Gian Paolo 07.11.14 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti Professor Giannuli,
SEMPRE CHIARI ED INTERESSANTI I SUOI SCRITTI.


Lei è un vero punto di forza per il Movimento.

Grazie

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 07.11.14 17:13| 
 |
Rispondi al commento

GENTILONI, MINISTRO DEGLI ESTERI DEGLI ALTRI.

Grazie dott. Giannulli, mi sarebbe piaciuta una parola sul Lussemburgo e sull'azione che i nostri Parlamentari Europei dovrebbero intraprendere.

Era scontato che il Min. degli Esteri fosse "gradito" ai due "Presidenti degli Esteri", perchè pensavamo che il fiorentino e i napole(i)tano facessero gli interessi del nostro paese?

Con questi personaggi la politica estera è veramente espansionistica, si, per gli altri!

Nè USA, nè URSS, nè Vaticano, cantava la sinistra col suo pugno nostrano,

ma è l'Italia tutta che rimane col cerino in mano,

grazie anche a quell'atro che noi chiamamo nano.

So' l'altri che crescono, noi frenamo!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

p.s.

Pensierino quotidiano, così è contento l'amico mantovano.

Gentiloni co' tutti l'altri c'hanno rotto li cojoni!

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 07.11.14 17:12| 
 |
Rispondi al commento

CAPORETTO 2008+6
Tramonti a Nordest

(Bomba! E la riforma elettorale?) 170
(Bomba! E la riforma del lavoro?) 115
(Bomba! E la riforma della PA?) 088
(Bomba! E la riforma del fisco?) 070
(Bomba! E il sito?) 002 - FATTO


SIN SAL BIM

Chi ha ucciso Osama ?

http://www.corriere.it/esteri/14_novembre_07/chi-ha-ucciso-osama-95ab31ca-6676-11e4-a5a4-2fa60354234f.shtml

----------------------------------------

Un caro augurio di buon weekend dal Friuli
alla redazione milanese del Corsera.

Riposate ragazzi.

Riposate un po'.

Però lunedì vi voglio splendidi e con la risposta esatta:


quante code ha un gatto domestico ?


mandi

.

epe pepe 07.11.14 17:12| 
 |
Rispondi al commento

ma vi rendete conto a che punto siamo arrivati !!???
non puoi nemmeno sfanculare i vegani e pure fasci
su FB che te denunciano a Zuckerberg ...che deve essere un coglione vegano pure lui ...

siamo ridotti ad una umanità di ...conigli magnacarote ...

saranno stati troppi cartoni animati da piccoli!!


A chi disturba una semplice verità, conosciuta da tutti poi?
...........

Maria Pia Caporuscio Utente certificato 4 ore fa
(da nocensura.eurosoft.net)

Voglio augurarmi che i parlamentari a 5 stelle riescano a fermare la deriva degenerativa dei politici italiani: non è possibile diventare il cesso di chiunque ha dei bisogni da soddisfare. Necessita intervenire anche con la forza, per impedire a questi coglioni di mettersi a pecoroni e se a loro piace, lo facessero privatamente e con i loro soldi, non costringere tutti noi a servire degli stranieri per farci trattare da servi scemi. Politicanti senza un briciolo di cervello e di dignità non devono trovare più posto nelle nostre istituzioni! Non è possibile che la classe dirigente ci strangoli per pagare tasse a livelli di usura mentre loro le utilizzano per favorire potenze straniere danneggiando il proprio paese, vergogna! Ci vergogniamo tutti di questa idiota classe dirigente che oltretutto ci fa apparire una massa di deficienti, visto che ancora non usiamo i forconi e i bastoni per cacciarli via. Solo degli idioti acquisterebbero ferri vecchi e inutilizzabili per arricchire dei bastardi stranieri. Basta! Non dobbiamo più permettere che dei complessati (perché è un grave complesso di inferiorità) quello che i nostri governanti provano dinanzi agli stranieri, siano essi americani, tedeschi o semplicemente stranieri. Queste “cozze” ignorano che noi non abbiamo mai avuto nulla da invidiare agli stranieri e invece ci hanno sempre umiliati costringendoci a sottometterci quando, contrariamente a loro (peccherò di presunzione) ritengo tutti gli altri un gradino più sotto. Basta con questa esteromania che spinge anche i dirigenti della rai nonché i cineasti, a raccattare personaggi di quarto ordine che nei loro paesi vengono scartati persino nell’avanspettacolo, mentre noi ne faccciamo delle star superpagate, mortificando la bravura, l’arte e la genialità dei nostri attori.
Voti 4,6 (10) Cronologia

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 07.11.14 16:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dietro l'anonimato si dicono e si scrivono un mare di cazzate, molti hanno solo questo tipo di sfogo, non sono in grado di fare e dire (scrivere) altro, poi quando li incontri di persona (se ne hanno il coraggio) sono come agnellini o conigli.

Propongo che per poter scrivere sul blog bisogna certificarsi con documenti alla mano.

Chi non ha il coraggio delle proprie azioni che resti chiuso nel proprio anonimato tra quattro mura.

Uomini da niente.

W M 5 * * * * *

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 07.11.14 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gentiloni un par de cojoni, verrebe da dire: ho letto il post tutto d'un fiato perchè sembrava l'incipit di un giallo tipo "intrigo internazionale", ma l'impressione, in fondo, è che si voglia menare il can per l'aia: c'è un Paese alla deriva, e dedicare un post su Gentiljoni (contrazione di "Gentiloni 'n par de cojoni"), mi sembra uno spreco, vìa....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 07.11.14 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ WBeppealleluiaalleluia

Forse non è il M5 che puzza tanto di bruciato, ma questo blog

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 07.11.14 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:21| 
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:26| 
Wbeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:30| 
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:32
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:34|
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:39|
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:41|
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:45|
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:47|
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:50| 
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:54| 
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:57
WBeppealleluiaalleluia 07.11.14 15:59| 

----------------
pssssssssssst! Hey, fenomeno! Quanto ti paga lo staff per riempire questi buchi di presenze?
TU NON SEI UN TROLL..ANZI, SEI CONNIVENTE CON QUESTA GESTIONE SCELLERATA

p.s. ormai non incantate più nessuno, consigli ve ne sono stati offerti da più parti, caduti nel vuoto ovviamente

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 07.11.14 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Razzi: “Io all’Isola dei Famosi? Ci sto pensando. Ma il Senato non lo lascio, lì la paga è sicura...”
Si vede quanto sono necessari i Parlamentari....La Repubblica di Pulcinella..

klaus k. Commentatore certificato 07.11.14 15:55| 
 |
Rispondi al commento

...eeeeeeeeeeeeeeeeeee, fosse Gentiloni il mio problema attuale! (minestrone che tra l'altro nessuno di noi ha votato)
Sono piuttosto quelli che mi girano e mi pesano nei Pantaloni la mia maggiore preoccupazione (ma sono solo io ad avere questo problema quando entro qui dentro?)


p.s. Oltre alla chat rumena ci vorrebbe anche un angolino dove sistemare uno stimolante cruciverba, così il passatempo/passarticolo sarebbe più completo, tra un po' questo Blog avrà lo stesso senso di una bacheca dove gli amici passano e lasciano un saluto, mah..incomprensibile

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 07.11.14 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MASSONERIA

Stefano Intorre, Collepasso Commentatore certificato 07.11.14 15:37| 
 |
Rispondi al commento

COMPAGNI del M5S,

adesso che Obama e la famiglia Clinton sono stati mandati (dai cittadini americani) sonoramente in pensione, ed in previsione di un inevitabile successo dei RepubbliCANI, dobbiamo riprendere le nostre battaglie, contro le minacce imperialiste degli Stati Uniti.

Era ora, perchè ci stavamo annoiando!

gianfranco chiarello 07.11.14 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Gli F35 trasformeranno l'Italia in una colonia USA"


Può darsi che avete ragione, ma certamente voi avete trasformato il M5S in un Movimento antagonista, o in un "centro sociale" del web.

Quando alle prossime elezioni nazionali retrocederete a percentuali ad una cifra, potrete andare ai giardinetti con Vendola, Di Pietro e Landini.

gianfranco chiarello 07.11.14 15:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

eccomi

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 07.11.14 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori