Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli interessi sul debito smantellano lo Stato Sociale #fuoridalleuro

  • 50

New Twitter Gallery

interessi_debito_sorial.jpg

"Negli ultimi 30 anni l’Italia ha pagato ben 3.100 miliardi di interessi sul debito! 100 miliardi da pagare solo nel 2015. Pensateci: tutti i soldi delle vostre tasse, anziché venir spesi per scuole, strade ed ospedali finiscono in questo buco nero. E sarà sempre peggio, fino allo smantellamento definitivo dello Stato sociale e a un probabile default. Come se ne esce? Se ne esce solo se debito pubblico sarà ridenominato in una nuova moneta, associata al vero valore della nostra economia. Così pagheremo meno interessi sul debito. E lo Stato ricomincerebbe ad utilizzare il suo avanzo primario (circa 40 miliardi), di cui già dispone.
Fuori dall’euro!" Giorgio Sorial, M5S Camera

santilaici_prenotaora.png

24 Nov 2014, 14:37 | Scrivi | Commenti (50) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 50


Tags: debito pubblico, fuori dall'euro, fuoridalleuro, Giorgio Sorial, interessi sul debito, M5S Camera, referendum

Commenti

 

Vogliamo dare credito a chi mai che ha bisogno di un prestito a basso interessi di tasso del 2% diamo fuori prestito da un minimo di 3.000,00 usd al massimo 10 miliardi di dollari, sterline, euro. Se interessati, contattateci via email: worldbestloans@gmail.com

Servizi resi comprendono;
* Refinance
* Home Improvement
* Prestito Investment
* Prestiti Auto
* Consolidamento del debito
* Business prestiti
* Prestiti Personali
* Prestiti internazionali.

LARRY BUKNOR 05.12.14 01:33| 
 |
Rispondi al commento

Siamo d' accordo ad uscire dall' euro tutti ma evitare di far fare ancoras brutta figura al movimento cinque stelle e a tutte le persone che l' hanno votato. Non potete allearvi con ildemonio in europa e fate questo cazzo di referendum se andare in tv o no, dove cosa fare. Fate scegliere i cazzo di elettori, fate quello che dicono gli elettori e siate coerenti o andate fuori dai coglioni perchè senno vi ammazziamo a tutti quanti. Non ne possiamo più di vedere bastardi che ci prendono per il culo. Vi mettiamo le bombe sotto il culo e vi ammazziamo a tutti quanti.

Notizie informatica Commentatore certificato 26.11.14 02:58| 
 |
Rispondi al commento

Ogni anno ci sono 60 miliardi di euro persi a causa della corruzione e 180 a causa dell'evasione fiscale.
Se moltiplichiamo questi valori per 30 anni (diciamo "stima attualizzata") fa 6600 miliardi: più del doppio degli interessi pagati.
Concentriamoci su questi temi e allentiamo il focus sull'uscita dall'euro che ci ha fatto perdere le elezioni europee e regionali.
LOTTA ALLA CORRUZIONE E ALLA EVASIONE!

bulba p. Commentatore certificato 25.11.14 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Ecco come si dimostra che il debito pubblico è strapagato perciò nulla più dobbiamo . Solo carta straccia che serve per arricchire l'alta finanza e altri !!

GUIDO RAULE 25.11.14 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giorgio,ti ammiro e ti abbraccio!!!!!

ANNA PONISIO Commentatore certificato 25.11.14 10:15| 
 |
Rispondi al commento

E' FINITA!!!!
Se il massimo che può esprimere il M5* sui temi economici, sono le valutazioni di questo asino ...... E' PROPRIO FINITA!!!!
P.S.: Caro Sorial, vai prima a scuola (magari cominciando a studiare economia sui libri delle superiori che sono più accessibili) e poi, magari, timidamente potrai cominciare ad affacciarti a certi temi; altrimenti STAI MUTO, che fai più bella figura!!!!!

Aldo 25.11.14 08:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se stampo moneta ma non incido sul monte del debito, sono sempre al punto di partenza.
Ipotizziamo l'assurdo. Stampiamo la nostra moneta (tralascio i cambi valuta per semplicità) e continuiamo ad aumentare progressivamente il debito. Debito che alimenta se stesso per il solo fatto di esistere. Per assurdo, si arriverà ad un punto in cui non si avranno i soldi per comprare la carta da stampare altro denaro.
E' come se una famiglia con debiti, continuasse a spendere più di quanto guadagna e avesse il finanziatore che continua a prestare denaro all'infinito. Fino a quando?
Per cui, concordo sul discutere euro si o euro no, ma se non si interviene sulla spesa, non si fa tanta strada.
E la corruzione, non lo scontrino non emesso (troppo facile nascondersi dietro il lavoratore), è la prima causa di spesa pubblica fuori controllo.
Anche se, con rammarico, bisogna ammettere che sono tante le cose sfuggite di mano in Italia.

Gian A Commentatore certificato 25.11.14 08:14| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi onorevole, ma lei non può affrontare così in superfice il problema più importante dell'economia. Deve spiegare che quando c'è un debito cìè sempre un credito, poi fare le scelte a chi dare i suoi soldi e come darli. Altrimenti si tramuta tutto in campagna elettorale.
Lei si ricordera del primo governatore della BCE Wim Duisenberg. Lui stesso, quando in Italia si parlava di adottare la banconota di 1 e 2 euro disse a Tremonti: il ministro italiano si renda conto che se tale banconota dovesse essere introdotta, egli perderebbe il diritto di signoraggio che si accompagna ad essa. Dunque se egli, come ministro dell'Economia, ne sarebbe contento non lo so. Duisenberg ha osato tuonare contro i grandi sacerdoti del tempio.
Questi non sono argomenti da trattare con titoli, ma dettagliarli nei suoi contenuti.

Benny S., Catania Commentatore certificato 25.11.14 07:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso ai 98 miliardi condonati. ..mi viene la pressione a 1000!!!

Nicola V., Napoli Commentatore certificato 25.11.14 05:00| 
 |
Rispondi al commento

IL FIGURO, DEL 5STELLE DEPUTATO (purtroppo) colluso col PD MASSIMO ARTINI, ha gettato la maschera,, ORA STA' SEMINANDO ZIZZANIA PER FARE CASINO DENTRO IL MOVIMENTO, E MAGARI FAR PROVOCARE UNA SCISSIONE:: VEDI INTERVISTA AL FATTO QUOTIDIANO, E FA' ANCHE IL FURBETTO: dice che GRILLO NON C'ENTRA NULLA, MA METTE ZIZZANIA COME HANNO SEMPRE FATTO I CULI GIALLI, SPECIALISTI NELL'ACCOLTELLARE ALLE SPALLE:: LEGGETE PREGO L'INTERVISTA E VE NE RENDETE CONTO....

ANDATE ANCHE SU: www.ildeputatodelgiorno.it NE VEDRETE DELLE BELLE!!!!
TUTTI DEVONO SAPERE!!!

andrea martellini 24.11.14 23:03| 
 |
Rispondi al commento

il M5S ha incrementato i voti. Non c'è nessuna discesa, anzi. Purtroppo non riesce ancora ad intercettare gli astenuti perchè è fuori dal sistema dei media di regime. Per poterli intercettare, il movimento si deve decidere ad arruolare un economista tipo Bagnai o Nino Galloni per dargli la possibilità di intervenire nei talk show con una adeguata preparazione e credibilità tecnica. Non bastano i ragazzi, anche se bravissimi. Ci vuole gente che ha esperienza e spessore tecnico come i due che ho mensionato

cosimo 24.11.14 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Che pagare un debito in una valuta estera (quale è, di fatto, l’euro) porti alla rovina, si è visto, sebbene su scala ridotta, in alcuni Paesi dell’Est Europa, dove intorno al 2008 le banche, con la complicità di alcuni governi, hanno fatto indebitare tantissime famiglie in franchi svizzeri e in certi casi anche in euro. Le rate da pagare, espresse in una valuta estera, sono cresciute rapidamente fino all’inverosimile, e tante persone hanno perso la loro casa. La situazione si sta risolvendo in questi mesi, grazie all’obbligo per le banche introdotto di recente, di convertire i debiti nella valuta nazionale.
Il caso del debito pubblico italiano è per certi versi simile: si pagano montagne di interessi in una valuta estera e si rischia di perdere la casa, che in questo caso corrisponde al Paese stesso.

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 24.11.14 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo al 200% . Veloci con referendum ed usciamo dall'euro prima possibile!!

Giancarlo Dalla Libera, Vicenza Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.11.14 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Il debito pubblico chi lo ha fatto? e per quale motivo?
se per caso è stato portato avanti da amministratori pubblici che hanno un coarervo superiore .. diciamo ai settemila euro netti mensili ... beh e se si cominciasse a pagare la quota eccedente con titoli di stato ad interesse zero e scadenza non appena il debito che hanno generato si sarà azzerato....
insomma un debito irredimibile .....beh diamo uno 0,25 ... è già tanto.
PS. qualcosa di simile le stesse persone lo hanno già fatto in passato negli anni 70 quando hanno bloccato la contingenza di gente decisamente non ricca per cinque anni consegnando titoli di stato non negoziabili.

Lui la plume 24.11.14 19:57| 
 |
Rispondi al commento

ripeto quanto ho detto a g. zibordi: "ci vuole una banca nazionale in mano al popolo italiano e ci vogliono la galera per i manager truffaldini e eventualmente premi per i manager che migliorano non le loro tasche ma quelle pubbliche.
Idem per le altre aziende statali con anche un tetto massimo alla Mattei (12 volte più pagati del loro dipendente menopagato, una ricetta semplice ma efficace) inoltre bisogna rispolverare la tassazione progressiva sul reddito, garantita da una formula chiara per il 60-70% di tutti gli italiani maggiorenni".

pietro marceddu (sarduspater4), cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.11.14 19:39| 
 |
Rispondi al commento

o usciamo dall'euro o creiamo una banca d'italia pubblica non in mano a privati

pietro marceddu (sarduspater4), cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.11.14 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Nell'ammontare degli interessi annui sul debito pubblico vi è un "di cui" relativo alle perdite sui "derivati", i famosi prodotti venduti dalle banche che hanno rovinato molte imprese ed enti pubblici.
Lo stato italiano, si leggeva qualche giorno fa sul sole 24ore, ha in essere circa 160 Miliardi di valore nominale con perdite non precisate.
Solo nel 2013 sono state spesate perdite per circa 6 Miliardi|
E' questo un argomento poco trasparente, mai trattato dalla stampa ne tanto meno dichiarato dal MEF.
Perché lo Stato firma questi assurdi contratti che fanno solo perdere soldi?
Chi può autorizzare queste operazioni che intaccano la finanza pubblica?
E' argomento per il quale ho già invitato i ns. Parlamentari a fare interrogazioni per avere chiarezza e trasparenza: ma ad oggi non mi risulta che abbiano affrontato l'argomento che sarebbe di interesse generale.
Ribadisco l'invito ai ns. Parlamentari di andare a spulciare i conti del Ministero del Tesoro e sono sicuro che emergeranno dati scandalosi!
Tutto questo con i soldi delle ns. tasse.
Basta DERIVATI!
SONO SOLO UNO STRUMENTO PER FAR GUADAGNARE LE SOLITE BANCHE INTERNAZIONALI A SCAPITO DI NOI CITTADINI.
Parlamentari intervenite al più presto.
Questi sono gli argomenti che ci possono far recuperare voti.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.11.14 19:18| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE HAI TUTTE LE RAGIONI DI QUESTO MONDO E ALTRE ANCORA MA, SENZA TV SENZA GIORNALI, SENZA SEDI, QUESTO MOVIMENTO PURTROPPO E' MORTO SI VA DISSOLVENDO COME NEVE AL SOLE E DIO SOLO SA SE AVEVI FATTO UNA COSA STRAORDINARIA MA SE NON NE PRENDI ATTO E NON AGISCI DI CONSEGUENZA RICORDATI CHE TU LO HAI CREATO TU LO DISTRUGGERAI. NON VBDI CHE PIANO PIANO STA MORENDO ANCHE IL BLOG PENSACI E AGISCI IN FRETTA.

LUCIA CALVI 24.11.14 18:40| 
 |
Rispondi al commento

I titoli di stato non rendono praticamente nulla. Provate a comperare 1.000,00 euro di BOT, forse alla scadenza non vi ridanno nemmeno il capitale per intero. Allora vorrei sapere: 1) come fa lo stato a pagare 100 miliardi di euro l'anno di interessi; 2) come mai ad ogni asta i titoli di stato vanno a ruba, nel senso che la domanda è sempre superiore al'offerta. Mi scuso per l'ignoranza e ringrazio se verrà fornita risposta. Claudio Cagnoli-L'Aquila

claudio cagnoli 24.11.14 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è chiaro che l'euro è una moneta troppo forte per la nostra economia.
vero anche che l'Europa non è indicatore di sostenibilità dei singoli stati membri nei confronti dei mercati.
Tuttavia mi domando perchè i debiti dovrebbero cambiare mentre gli avanzi rimarrebbero gli stessi.
Mi domando quanto tutti quelli che parlano capiscano di macroeconomia

simone comita 24.11.14 18:36| 
 |
Rispondi al commento

L'euro ha raddoppiato i prezzi

FANCULO EURO

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 24.11.14 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Andrebbe già bene pagare un interesse bassissimo, alla Banca d'Italia nazionalizzata, fissato dal Ministero del Tesoro all'attuale 0,05%, Banca d'Italia però controllata da chi, dai politici, gli stessi che ci hanno venduti e firmato tutte le nefandezze? Per cominciare può anche andare bene, poi bisogna spiegare alla gente che la moneta non si deve pagare se non per il costo di stampa e servizio.

natale cuzzola Commentatore certificato 24.11.14 18:16| 
 |
Rispondi al commento

..si vero uscire dall'euro.
Ma tutti i magnoni italiani...quelli non son colpevoli di nulla ????

*****

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 24.11.14 17:33| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi, sono contento che finalmente parliate dei 3,100 mld di interessi pagati sul debito pubblico dagli anni '80 su cui altri Blog di Economia come il mio o ScenariEconomici ad es insistono (ehi ci ho scritto anche un libro quest'anno...http://www.hoepli.it/libro/una-soluzione-per-leuro/9788820359164.html). Fino a pochi mesi fa il Blog qui diceva che il debito pubblico italiano era dovuto allo spreco e ruberie, ora ci si accorge che è dovuto essenzialmente agli interessi cumulati...
Bisogna ora che mettiate assieme un discorso coerente finalmente e cominciate a portarlo in tv, radio, tv locali, Sky... Forza....a proposito, gli interessi non sono 100 mld, ma 84 mld circa però 30 mld vanno all'estero. Se esci dall'Euro gli interessi però raddoppiano, a meno che indichi che hai un piano per far comprare tutti i BTP a Bankitalia...
se volete materiale io ho centinaia di articoli e pure un libro.. bisogna che sembiate gente competente sull'economia
http://www.hoepli.it/libro/una-soluzione-per-leuro/9788820359164.html


Data l'importanza di quel che ha scritto (da cui dipende anche la salvezza di pmi lavoratori ed economia nazionale intera) non eran forse cose da dirsi e perseguirsi dal primo giorno di insediamento in aula? Forse oggi la situazione sarebbe diversa

certe figure in tv si spera di non vederle piu' (anche se non e' il suo caso)

http://www.youtube.com/watch?v=tAzoAGyKNhQ

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 24.11.14 17:05| 
 |
Rispondi al commento

ASSSOLUTISSIMAMENTE D'ACCORDO,FUORI DALL'EURO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

alvise fossa 24.11.14 16:59| 
 |
Rispondi al commento

il buon salvini ha tirato il freno sull euro ...dopo che il mov ha proposto il ref consultivo ...di fatto si è impegnato su tassazione per tutti al 15%...1 mese fa diceva il 20 "...a fine anno sara 5%...quindi leggera coda di paglia ...poi si vedra ...forza mov 5s

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 24.11.14 16:54| 
 |
Rispondi al commento

La cessione di sovranita'ha 3 tappe: il divorzio tesoro Banca d’Italia del 1981, la ratifica del Trattato di Maastricht del 1992 e l’avvento dell’Euro (nel 1999 in riferimento ai mercati e dal 2002 nell’economia reale), avvento preceduto dall’approvazione del regolamento n. 1466/97, ovvero il precursore del Fiscal Compact.

Nel 1981 si verifico il cd. divorzio tra Ministero del Tesoro e la Banca d’Italia. In sostanza da tale data si decise che la Banca d’Italia non avrebbe più avuto l’obbligo di acquistare i titoli di stato rimasti invenduti alle aste. Il collocamento integrale dei titoli di Stato non era più garantito. In allora al Ministero del Tesoro sedeva Andreatta mentre alla Banca d’Italia vi era Ciampi.

Nomi certamente da ricordare perché il declino del paese iniziò a causa di queste persone. Il tutto avvenne senza alcuna iniziativa legislativa Parlamentare ma con un semplice regolamento interno della Banca d’Italia seguito ad una lettera di Andreatta.

Anche allora la decisione fu presa sulla base di un’emergenza ampiamente falsa, ovvero lo shock petrolifero cominciato nel 1973 e la conseguente spinta inflazionistica. Dopo oltre quarant’anni il petrolio infatti non solo non è finito ma addirittura lo sfruttamento è drasticamente aumentato.

Il divorzio causò l’immediato rialzo dei tassi di interesse (in termini reali ovviamente). Cioè per fare un esempio se ho inflazione al 10% e mi finanzio all’11% il tasso reale è sostanzialmente dell’1%. Se ho inflazione allo 0% e mi finanzio al 2% il costo degli interessi sul mio debito e’ doppio rispetto all’esempio precedente.

Perché la forbice tra inflazione e tassi d’interesse aumentò? Semplicemente perché la consapevolezza che la Banca d’Italia non avrebbe comprato i titoli invenduti dava la possibilità ai mercati di far alzare i tassi semplicemente riducendo la domanda. In soldoni cosa accadde al debito pubblico italiano?

>>

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 24.11.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Più unione bancaria in Europa"...Ricordi Sorial?
Ecco, fatti un favore: cagati in mano e tirati uno schiaffo, va che e meglio...

già... 24.11.14 16:17| 
 |
Rispondi al commento

IL CALENDARIO DEI SANTI LAICI 2015 .....prenotalo ora per averlo entro natale!
Sarebbe un “buon natale” se qualcuno/a si facesse battezzare, ma sinceramente ribattezzare e pure comunemente sarebbe solo per le feste e di troppi che hanno mangiato per me e per natale e per il Santo.
Hanno ostentato a tal punto da farmi credere che il calendario dei Santi Laici possa riparare almeno in parte a questo oblio.
Io non comprerò il calendario dei santi laici perché a me i santi piacciono uno alla volta, come san mauro o santa tecla che prega per noi.
Figurarsi se per riparare all’oblio? Hanno avuto un processo, una sentenza ed un risarcimento e penso, proprio tutti.
Adesso però tutti i risarciti dalle stragi o dalle uccisioni per questo o quel motivo, si dimenticano di essere stati figli di qualcuno o moglie di qualcun’altro o sorella o fratello di entrambi poliziotti o carabinieri.
Sono stati serviti e se proprio non riveriti come avrebbero dovuto o voluto, adesso una particina potrebbero ancora dedicarla.
Lo stato si ricorda sempre. Loro no. E anche quando viene chiesto loro qualcosa: già mi immagino la risposta. “Assolutamente no, questi non si toccano sono un investimento per il futuro, il mio passato negato”
La moglie di…. o la sorella di….
No il figlio di ………sarebbe la nipote di .....
Un poco ma dico un tantino stronzi? Mi permettono vostre signorie illustrissime.
Sii un tantino stronzi sono stati.
Bene per lo stronzo/a allora.

annamaria villa 24.11.14 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Sovranita' monetaria, l'Italia deve battere moneta. Uscire dall'euro. Nazionalizzare la Banca d'Italia, oggi proprieta' delle banche private. Nazionalizzare un paio di banche private.
Campa cavallo che l'erba cresce. Fra cento anni vedremo.

Paolo Lo Iacono 24.11.14 15:35| 
 |
Rispondi al commento

e lo ho pure votato... ma come si fa a non capire che i tassi di interesse sono al 2.1% (decennale italiano) solo perchè siamo nell'euro e che se ne uscissimo salirebbero alle stelle?
Alla successiva obiezione, ovvero che potremmo stampare moneta per pagare il nostro debito pubblico rispondo con una sola parola: Inflazione.

andrea manzotti 24.11.14 15:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Uscendo dall'euro i tassi d'interesse dei titoli di Stato aumentano.
E quindi pagheremo ancora più interessi, non di meno.
Si torna alla situazione prima dell'euro.
Alla vigilia dell'entrata dell'euro i titoli di Stato italiani pagavano mediamente il 5-6%, 3 volte tanto quello che pagano oggi in media. E prima ancora i tassi erano anche del 12-20%.

Non serve capirne di economia. Basta avere un po' di memoria.

DANIELE P. Commentatore certificato 24.11.14 14:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

esatto

roberto v., parma Commentatore certificato 24.11.14 14:50| 
 |
Rispondi al commento

RENZI ANNUNCIA CHE VERRA' ELIMINATO IL CONTANTE E NESSUNO SE NE ACCORGE

In un pezzo da manuale della comunicazione il Premier annuncia che verrà tolto il contante senza mai nominarlo direttamente. Un’operazione che cambierà (in peggio) le nostre vite.
“Renzi: «Verso addio agli scontrini. Serve tracciabilità totale»“, questo il titolo col quale sul Corriere della Sera è stato riportato il discorso tenuto da Matteo Renzi alla presentazione dei 100 “digital champion”. Personalmente mi sono fatto l’idea che quando qualcosa in politica viene presentato con un termine inglese nasconda una fregatura, e questa dei “digital champion” non sembra proprio fare eccezione.

giorgio catalano 24.11.14 14:45| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori