Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il canone Rai in bolletta non si può mettere

  • 139

New Twitter Gallery

verita_canone_airola.jpg

"Buongiorno a tutti i cittadini, mi rivolgo a voi da cittadino prima ancora che da portavoce, perché la questione di cui vi voglio parlare è importante e riguarda in primis noi tutti cittadini italiani.
Questione Rai: riforma e canone in bolletta. Facciamo un po' di chiarimenti. Attualmente c'è in corso una riforma della Rai. Il magister è sempre Renzie che sta facendo la sua solita propaganda, come quella del canone in bolletta. Una questione molto controversa che già da anni si discute e poi si è sempre accantonata, perché presenta delle difficoltà particolari, si parla di profili di incostituzionalità. In ogni caso i gestori sono moltissimi e non si sa come ripartire su tutti questi gestori l'onere del canone Rai. Ma ancor più grave non si sa come dimostrare chi possiede un televisore e chi no! La Rai così come è non ci piace, in corso c'è una riforma ma non si sa dove va a parare. La prima domanda che ci dobbiamo porre è: ci serve o non ci serve un servizio pubblico? Tutti i Paesi democratici hanno un servizio pubblico di informazione radiotelevisiva. Serve anche all'Italia, ma quello di oggi non funziona! Va finanziato pubblicamente e quindi ecco la necessità di un canone. Possiamo immaginare un canone che le fasce della popolazione più deboli non debbano pagare! Siamo preoccupati, perchè questa riforma non è chiara. Pochi sanno che la Rai ha restituito 150 milioni di euro per finanziare gli 80 euro di Renzie, manovra che probabilmente verrà dichiarata incostituzionale perché non si può prendere i soldi dal canone e usarli altrove! [continua a leggere su La Cosa]" Alberto Airola, Vigilanza RAI - capogruppo M5S Senato

santilaici_prenotaora.png

25 Nov 2014, 14:53 | Scrivi | Commenti (139) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 139


Tags: Alberto Airola, bolletta, canone, canone RAI, RAI, RAIway, Renzi, Renzie

Commenti

 

Incassano milioni di euro come ricavi pubblicità non trasmettono molti eventi sportivi per vederli bisogna pagare altre emittenti pagano giornalisti obsoleti e schierati non esiste meritrocazia ma solo raccomandazione e pretendono il pagamento del canone con modalità coatta in sede giuridica dovrebbe essere bocciato


Non si puo'?? Intanto lo hanno detto e fatto..e ai cittadini lo hanno " messo" anche se come affermi " non si puo' ". ..Si puo'.. si puo'...

Incasnero 06.04.16 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Uniamoci tutti contro questo schifo!!! Se volete iscrivervi al gruppo Facebook "NON PAGO IL CANONE RAI " Ecco a voi il link

https://www.facebook.com/groups/205403706513815/

Dana Dany 30.03.16 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma porca di una troia, ma tutti voi del M5S che cosa state facendo di concreto per contrastare le proposte di questo maledetto che le spara a mille per riprendersi con gli interessi le 80 euro lorde che ci ha dato in busta paga??? Ditemelo...voglio fatti e non semplice propaganda da salotto!!!

Francesco 10.03.15 23:56| 
 |
Rispondi al commento

signori ma possibile che dobbiamo subire queste leggi da un contadino che si sta ingrassando e si sta incollando alla poltrona
dice solo delle stron......
ma chi lo vuole ?ma chi li a chiesto di fare cosa?
prima lo mandiamo via e meglio e
a solo 40 anni ed e buono solo a infinocchiare noi poveri cittadini ,
a natale regaliamogli un bel serpente corallo ,sempre che il serpente voglia sprecare il suo veleno per un cogl.... come lui.

giovanni prezioso 02.12.14 12:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA SE LA RAI è UN AZIENDA PRI-VA-TA (NON CI SONO CONCORSI PER ENTRARVI ERGO PRIVATA) PERCHè LA DEVO SOSTENERE IO? IN FRANCIA VI SI ACCEDE CON CONSORSI, QUINDI CI STA. MA PAGARE LA RAI è COME PAGARE LA FERRERO O LA FIAT O PRADA! SONO RIDICOLI!!!

claudia mastro 30.11.14 13:56| 
 |
Rispondi al commento

"paga anche chi ha un computer / tablet ecc.."
Perché pago il canone e nei programmi che preferisco esce il messaggio che non posso vederlo perché chi mi vende il servizio, la rai, non detiene i diritti??
Come andare al bar, pagare il caffè subito alla cassa, poi consegnare lo scontrino per ricevere il caffè.... E ti portano una tazzina vuota...
Cosa mi sfugge?!?!?

Carlo Peloso 29.11.14 11:50| 
 |
Rispondi al commento

QUEST'ANNO POI LA RAI HA SUPERATO SE STESSA CON LA TRATTATIVA STATO-CAMORRA ,INDOVINATE PROMOSSA DA CHI MANDA IN ONDA SOLO FILM DI CAMORRISTI E PER I CAMORRISTI RAIMOVIE FA LETTERALMENTE PENA.
SE PENSO CHE I SOLDI CHE VERSO VANNO A CHI FA CERTI FILMACCI CHE BATTONO ANCHE TINTO BRAS.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 11:30| 
 |
Rispondi al commento

LA RAI FA SCHIFO, INGRASSA I FAZIO E LE LITTIZZETTO, MA HA SUBITO CENSURATO DARIO FO E BEPPE GRILLO, PAGO IL CANONE MA MANDO OGNI HANNO GROSSE DOSI DI MALEDIZIONI ALL'APPARATO E A I SUOI SERVI SUPERPAGATI, E ANCHE A CHI NON AMA GLI URLATORI.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

SE IL MOVIMENTO HA INTENZIONE DI RISOLVERE POLITICAMENTE LA QUESTIONE CANONE TASSA INCONSTITUZIONALE OPPURE NO, DOVREBBE ANCHE APPURARE SE è INCONSTITUZIONALE NELLE BOLLETTE L'IVA SULLE TASSE.

CIOè TASSE SU TASSE, IMPOSTE SU IMPOSTE NON DOVREBBE ESSERE PERMESSO.

PARLIAMO DI BENI DI PRIMA NECESSITà TIPO ACQUA LUCE GAS, BEN PIù NECESSARI DELLA TV E DEL RELATIVO CANONE, SOPRATTUTTO SE SI è AL FREDDO E CI SI DEVE SCALDARE PER NON MORIRE, MENTRE PER UN PIATTO CALDO C'è SEMPRE LA CARITAS SOVVENZIONATA DA TUTTI.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei sbagliare ma nei paesi al confini si ricevono con fatica le trasmissioni rai e chi non paga il canone non vede la rai, sbaglio? Mi è capitato soggiornando diverse volte ai confini orientali.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 11:17| 
 |
Rispondi al commento

NON SO SE ALTRI HANNO POSTO IL PROBLEMA:

IL SOGGETTO CON PIù CONTRATTI CASA-UFFICIO-NEGOZIO-MAGAZZINO-CAPANNONE PAGA 2 O PIù CANONI?

E' volutamente urlato in quanto se ho due case ma sono un unico soggetto attualmente pago un solo canone, o stanno facendo pagare ai soliti noti anche per chi evade?

carla2 g., Padova Commentatore certificato 29.11.14 11:15| 
 |
Rispondi al commento

non capisco perche' non si possa utilizzare un sistema semplicissimo di riscossione del canone, utilizzato dalla RAI per i suoi primi 40 anni circa: quando acquisto un apparecchio TV devo compilare un modulo con i miei dati fiscali, e il numero dell'abbonamento in mio possesso; se non ce l'ho ancora devo sottoscriverlo e pagarlo al rivenditore, che fa da riscossore per lo stato. Un piccolo servizio che i rivenditori dovrebbero offrire, ma in fondo sono loro ad intascare il profitto per la vendita dell'apparecchio. Ha funzionato per decine di anni, quali sono i motivi per cui non si puo' piu' utilizzare? Forse il fatto che cosi' pagherebbe solo chi ha veramente la TV, e forse alla fine gli introiti sarebbero minori di adesso...

lynn marcus 27.11.14 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma è naturale che non si possa fare! Quando si stipula un contratto entrambi i contraendi, in questo caso erogatore del servizio e fruitore, accettano le clausole in esso contenuto e le fitrmano. Se uno dei contraendi cambia anche solo una virgola del contratto, lo stesso decade automaticamente. Se l'azienda erogatrice del servizio in questione decidesse di accettare di introdurre il canone rai in bolletta, dovrebbe ristipulare un nuovo contratto con il fruitore del servizio e non credo che si sottoporrebbe al rischio di perdere un cliente per prestare un servizio allo Stato che già preleva abbondantemente dalle casso della propria azienda. Anche le accise, se aggiunte in corso di contratto, sono illegali. Ma sappiamo, purtroppo, che i governi che si sono succeduti in Italia non tengono in alcun conto la legalità e ciò che è sancito nella Costituzione che, infatti, vorrebbero cambiare.

cettina* d., sicilia Commentatore certificato 27.11.14 11:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si tratta della solita, ennesima, odiosa tassa che tutti noi paghiamo per ingrassare una casta di servi del potere. giornalisti che come bandierine al vento appoggiano sempre il duce del momento, e criticano quasi sempre in malafede l'opposizione. fanno esattamente l'opposto di quanto dovrebbero, i cani da guardia della democrazia, e per questo noi tutti paghiamo. bravi! continuiamo a votare quelli che ci hanno portato alla rovina economica e ci stanno togliendo la democrazia.

Corrado S., Trieste Commentatore certificato 27.11.14 09:15| 
 |
Rispondi al commento

se io voglio un servizio lo pago, se non lo voglio non lo pago. la Rai non mi interessa.oscuratemi i canali. e poi fate pagare come fanno sky o infinity. ma ci vuole tanto a lasciarci liberi di scegliere invece di farci subire come sempre tutte le decisioni del dittatore fascista?

lucia mosca Commentatore certificato 26.11.14 21:57| 
 |
Rispondi al commento

E'assurdo chi a casa al mare oppure sfitta deve pagare per 2 ???? Io voglio pagare solo quando vedo,non posso vedere contemporaneamente 2o3 tv...

Gabriele M., Aosta Commentatore certificato 26.11.14 20:15| 
 |
Rispondi al commento

la rai dovrebbe essere criptata come le tv a pagamento a chi paga il canone viene data la tessera per usufruire del bel servizio.

luca zanzi, massalombarda Commentatore certificato 26.11.14 18:43| 
 |
Rispondi al commento

La RAI va allontanata dalla politica e deve essere meritocratica.
Secondo me è giusto che il canone sia insieme alla bolletta, tanto chiunque ha un apparecchio elettronico (radio, tv, telefono, pc) può ascoltare l'informazione pubblica. Nel caso uno sia autonomo elettricamente non paga questa tassa??

De Ma Commentatore certificato 26.11.14 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Senza dubbio il canone Rai è forse la più odiata delle tasse. Ma è pur sempre una tassa, passibile quindi di riscossone coattiva e problemi vari. Per me si dovrebbe evitare di imporre una tassa sul possesso di un apparecchio televisivo. Se non la guardo proprio, la tv, perchè devo pagare. A questo punto chi non usa l'auto non paghi la tassa di possesso, chi non produce immondizia non paghi la tari (tarsu, tares,ecc.).E visto che già alla nascita siamo debitori a causa del debito pubblico allora non respiriamo, magari così il debito si azzera e la Merkel non romperà più gli zebedei coi parametri di bilancio!!

luca iadanza 26.11.14 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Se chi ha sempre pagato si fermasse un attimo a pensare invece di insultare chi non lo fà si porrebbe una semplice domanda:
Per quale assurdo motivo devo pagare una tassa di possesso di un apparecchio televisivo ad una S.p.A.? Sapete quanto fattura la RAI? Andate a scaricarvi il loro bilancio che è pubblico sul sito (ricavi per oltre 2 miliardi di euro) peccato che spende di più in costi di produzione che per l'appunto comprendono anche stipendi spropositati a conduttori, attori, presentatori, acquisto di format televisivi, gestione e manutenzione degli impianti. Nonostante tutto questo che l'avrebbe portata in perdita ovviamente ci sono proventi straordinari che portano il gruppo a chiudere con oltre 4 milioni di euro di utile. Detto questo il problema è che se uno vuol pagare è libero di farlo ma se una tassa non è costituzionale e lo stato agisce violando la costituzione, il popolo che ricordo detiene la sovranità dello Stato anche se cercano di togliercela, ha tutto il diritto di protestare e contestarla. Chi ha paura a farlo continui a pagare ma non abbia la pretesa che tutti la pensino a modo loro...

Matteo 26.11.14 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Io sono fra quei pirla che pagano le tasse, tante di queste sono ingiuste, non solo il canone rai, vedi ad esempio chi si è fatto un mazzo così per comprarsi un buco di casa, CAZZO, l'ha comprata quella dannata casa, le ha pagate le tasse, per una vita, come i miei suoceri, facendo un sacco di sacrifici, di rinunce, per scoprire poi che un domani se un pirla per qualche motivo decide di fare una legge del c@@@o...tu ti trovi senza più la casa! E' giusto questo? Anch'io non condivido questa altra cavolata di mettere il cANONE IN BOLLETTA DELLA LUCE, chissà che casino verrà fuori e poi c'è anche chi la televisione non l'ha e lo posso confermare, perchè mai deve pagare? Il problema è un altro ed è ora di risolverlo, io personalmente sono stanca di mantenere questa gentaglia.

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 26.11.14 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Non ho capito se il canone RAI bisogna pagarlo oppure no, se e' obbligatorio o facoltativo, se e' il corrispettivo di un servizio oppure un'altra tassa iniqua. Cerchiamo di non fare i furbi, almeno noi.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.11.14 11:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se il canone viene pagato in bolletta:
- chi non lo pagherà richiamerà immediatamente i controlli della G.d.F.;
- cho pagherà, dovrebbero essere molti di più di oggi, dovrebbe, in uno Stato onesto, pagare di meno;
Nell'occasione andrebbe definita la voce " fasce più deboli". A mio avviso ogni cittadino deve avere il giusto per, almeno, mangiare e dormire ( reddito di cittadinanza!?). Definita la fascia debole, tutti debbono pagare sempre in
base al reddito totale, in questo caso di piccola tassa da 10centesimi in su in progressione esponenziale.

Mau 26.11.14 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Preparate un formulario di adesione per una causa collettiva, se applicano il canone con un sistema diverso da quello “servizio”. Chi usa paga e non altre formule, per altro legate al reddito. Migliaia di persone dovranno fare la dichiarazione di “non servizio”: bollette condominiali collegate a persona fisica perché non è previsto l'amministratore, energia per cantiere edile, ecc.. Inoltre chi è senza fissa dimora e pertanto bolletta, ma ha la tecnologia in tasca: smat phone, tablet, portatili, ricevitori di segnale, ecc. è esentato? Questi sono schizofrenici, tirano il sasso, vedono le reazioni poi decidono, allora come forza politica di Movimento, contattate dei legali e preparate la causa, vedrete quanti aderiranno al la del pensiero politico di ognuno. Questa è la cosa che vogliamo sentire da un capogruppo al senato.

f.d. 26.11.14 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Certo pagare il pizzo per questa RAI fa imbufalire, ma cerchiamo di essere lucidi: in attesa di formule diverse (pay tv, canali gratuiti di solo servizio, ecc), questa formula almeno evitava che a pagare continuassero solo ad essere i soliti onesti (e quindi piglinculo). Quanti saranno gli italiani che, via tv o via streamnig, non guardano mai nulla? Siccome già oggi la discriminante non è tra chi guarda la RAI e chi non la guarda, ma tra chi ha uno SCHERMO e chi non ce l'ha, questa andava un po' più vicina ad una forma di giustizia rispetto al fatto che dalla mungitura che siamo al momento costretti a subire non venissero esclusi i soliti furbini del televisorino.

Capo Eldero Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 26.11.14 10:55| 
 |
Rispondi al commento

… Se arriva il canone TV in bolletta allora vuol dire che questi vampiri parassiti che strozzano il popolo italiano tra non molto faranno pagare l’IMU ai senzatetto, il bollo auto ai non patentati, le tasse sul reddito di lavoro ai disoccupati.
Come la mettiamo con le persone che non posseggono nessun tipo di apparecchio atto alla ricezione di quello schifo di canali RAI? Aiuto mi sembra sempre più di vivere sotto dittatura, obbligata a pagare una tassa di possesso su quello che non ho….
Voglio che la RAI diventi una pay tv come le altre, poi io decido a chi pagare il servizio del quale eventualmente usufruirò. Oppure la RAI ha paura di non poter sostenere la competizione? Cari signori dirigenti RAI fateci vedere che non temete rivali e iniziate a confrontarvi con le altre tv; tornate a proporre reale informazione, della quale ormai avete privato il popolo , smettetela di plagiare le persone per arrivare a trasformarle in zombi dai cervelli massificati e poi basta con tutti quei ciarlatani che presentano talk show fingendo di fare informazione politica ma veramente credete che tutti gli italiani siano così deficienti?

natacha z., roma Commentatore certificato 26.11.14 09:46| 
 |
Rispondi al commento

chiariamoci le idee
1) grillo sostiene che il canone non va pagato,
in un commento qui sotto ti è stato inviato il link dell'intervento di beppe al proposito. e quella è una battaglia sacrosanta perché
I) la rai non è un servizio pubblico, dato che non è imparziale ma sfavorisce -per esempio- i 5S con censura e manipolazione continua. quindi l'unica cosa sensata che potete fare è mettervi d'accordo con beppe e lanciare la campagna per NON PAGARE IL CANONE E SE CI VIENE IMPOSTO NELLA BOLLETTA DELLA LUCE LO SOTTRAIAMO. chiaro? tutto il resto sono chiacchere manipolatorie che non porteranno a nulla.
II) in punta di diritto se tu mi sottoponi al pagamento del canone non mi puoi sottoporre la pubblicità. delle due una, sennò pago due volte.

marina minicuci 26.11.14 08:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Agganciarlo ad una quota di 5 o 8 per 1000 non è più semplice?

Gian A Commentatore certificato 26.11.14 08:16| 
 |
Rispondi al commento

Credo anche io che non sia fattibile.
Ci sono troppi contro. Tipo:
Chi non ha il televisore!
L'anziano che prende 400 euro di pensione e si vedrebbe aumentare la bolletta senza magari la possibilità di pagarla. Restando senza luce.
E molti altri casi!
fate qualche cosa per far si che la stupidità di chi legifera venga fermata.
Beppe

Beppe M., Lodi Commentatore certificato 26.11.14 07:17| 
 |
Rispondi al commento

Il canone non va pagato. Chi non può non pagare. ricordategli a questi bastardi che la gente sta morendo di fame. Ho voglia di mangiargli il cuore a questi bastardi che continuano ad aumentare le tasse.

Notizie informatica Commentatore certificato 26.11.14 02:14| 
 |
Rispondi al commento

Questo enorme problema del canone
Non lo potrebbero risolvere introducendo una benedetta tessera come fa Sky, Mediaset premium e altri numerosi canali a pagamento?
Mi sembra anche una cosa molto equae semplice, chi la vuole vedere,paga,e gli mandano la tessera
....a già ma forse così chiuderebbero.

Marco Sillari 25.11.14 22:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

-----------------------------------------------
POrca pupazza fate come sky pay per view. E che cazzo! Non ci vuole un genio, chi vuole guardare la rai paga, chi non ha soldi perchè è disoccupato non è obbligato a pagare e guarda gli altri 50000 canali. CAZZO.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 25.11.14 22:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

POrca pupazza fate come sky pay per view. E che cazzo! Non ci vuole un genio, chi vuole guardare la rai paga, chi non ha soldi perchè è disoccupato non è obbligato a pagare e guarda gli altri 50000 canali. CAZZO.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 25.11.14 22:14| 
 |
Rispondi al commento

la RAI manda in onda la stessa pubblicità delle altre reti televisive .. in compenso , chiede anche il pagamento del canone ..
La RAI " Rete Pubblica " è in mano ai partiti ,
sia nella propria struttura amministrativa che nello
spazio dei tg e programmi .
Pagare il canone per un servizio del genere é
chiedere il pizzo ai cittadini .

antonello c., pescara Commentatore certificato 25.11.14 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Grazie sig. Alberto per consentirmi l'intervento:
-il canone e' un odioso balzello
-le tv devono essere solo private e che vinca quella che sta in piedi
-il cittadino deve essere proprietario delle frequenze ed intestato della pro-quota del ricavato dell'asta delle frequenze.
-il cittadino puo' "regalare" , se vuole , la sua quota di frequenza (ecco la parte pubblica) alla TV privata che gli piace di piu' (nel 730 o unico, come per l'8 per mille )
Il servizio pubblico sara' cosi' condiviso fra tutte le TV in concorrenza fra loro per ottenere l'importo maggiore di frequenze gratis dai cittadini .
LE FREQUENZE AGLI ITALIANI !


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 25.11.14 20:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Va finanziato pubblicamente e quindi ecco la necessità di un canone"

Airola, mettiti d'accordo con il tuo capo...

http://www.beppegrillo.it/battaglie/cancelliamo_il_canone_rai_1.php

ma dovevate mettevi d'accordo prima delle elezioni e non solo su questo.

Intanto pago io il canone che Grillo non paga...

facce come il ... 25.11.14 20:15| 
 |
Rispondi al commento

La domanda che mi sorge spontanea è: ma se io ho intestati 10 contratti elettrici, pago 10 volte il canone?

luca allegrone 25.11.14 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Fosse ' veramente ' un servizio pubblico pagherei volentieri i 113 Euro , purtroppo cosi' non e' , ma i 113 Euro li devo pagare ugualmente, quindi ben vengano i 60 Euro in bolletta se serve a fare pagare TUTTI.
Pagassero interamente le tasse anche i dentisti , veterinari , artigiani, furbetti vari...

Roberto C., Parma Commentatore certificato 25.11.14 20:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi sempre più sporco!!!!!

ANNA PONISIO Commentatore certificato 25.11.14 20:05| 
 |
Rispondi al commento

il canone rai
non è un abbonamento ne una tassa e neanche un'imposta.

è un TRIBUTO
da WP
"Il tributo è un prelievo coattivo di ricchezza operato dallo Stato, da un ente pubblico o da altra pubblica amministrazione"

la rai non è un ente pubblico.

coattivo mi fa scompisciare

psichiatria. 1 25.11.14 19:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema non'è pagare o non pagare il canone, non sono i 100€ a pesare sui bilanci della mia famiglia,il punto é che la rai deve essere del popolo e non dei partiti. Che ci sia pure un controllo da parte della politica ma, solo per fini di democratici e non per scopi strettamente personali.

biagio cristofaro 25.11.14 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma devo fare una precisazione.

Per quelli che asseriscono che basta avere la rete per informarsi, bisogna sempre ricordarsi che metà della popolazione italiana sono anziani e moltissimi non sanno nemmeno cos'è un PC.

Smettiamola dire questa cosa perché se "nessuno deve rimanere indietro" allora gli anziani hanno tutto il diritto di informarsi come hanno sempre fatto per tutta la vita.
I giornali moriranno e OK. Ma almeno un canale di informazione, cultura e spettacolo lasciamoglielo.

O vi siete dimenticati che avete (o avevate) un nonno e una nonna?

E ricordatevi che fra cinquant'anni sarete tutti nella condizione di essere lenti di cervello e poco informati sulle apparecchiature tecnologiche.

Io di anni ne ho 61. Per ora problemi non ne ho ma ho una zia di 96 anni e devo spiegarle costantemente come si fa ad accendere la televisione e come cambiare canale.

Perciò cerchiamo di avere comprensione per gli anziani. A volte sanno molto più di noi.

W M5S

Mario Bottini, Castellanza (VA) Commentatore certificato 25.11.14 19:33| 
 |
Rispondi al commento

il canone rai, cosa è?
un abbonamento?
una tassa?
un'imposta?

psichiatria. 1 25.11.14 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Chi vuole la tv se la paga.io, come molti altri, non ce l'ho più da anni e non ho alcuna intenzione di pagare per un 'sevizio' di cui non sento necessità alcuna.Grazie

Giovanni P., Asti Commentatore certificato 25.11.14 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Possibile che non si profili nemmeno l'idea di privatizzarla e renderla una pay-tv ?
Possibile che costringano chiunque abbia un contratto di servizio (energia elettrica) di pagare una cosa che magari non vogliono avere ?
È possibile ?
Possibile che mia suocera che ha 67 anni ed è vedova, sia costretta a pagare un servizio che non usa, visto che ascolta perennemente Radio Biricchina e Bella & Monella ?
È possibile che qualche anno fa' mi vedevo recapitare 2 bollettini precompilati, uno a me e uno alla via convivente, non avendo mai acquistato un televisore e non avendo mai dato i miei dati personali direttamente alla Rai ?
Avendo tanta pubblicità quasi come le tv commerciali, è mai possibile tutto ciò?
E non parliamo delle Associazioni dei Consumatori sparse in qua' e in la', che parlano,parlano ma non hanno alcun potere.
Incredibie

nicola crosato, treviso Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 25.11.14 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo anch'io con chi asserisce che basterebbe la RAI-CARD.

Chi paga, vede, chi non paga non vede.

Mi sembra che siamo nell'era del digitale terrestre e se lo fa Premium e Sky e tanti tanti altri, lo faccia anche la RAI.

Forse, per avere clienti, cominceranno a proporre programma decenti e non spazzatura.

Mario Bottini, Castellanza (VA) Commentatore certificato 25.11.14 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Altro che fuori dall'euro: fuori dall'Italia!
Tra poco il gov. metterà la tassa sull'aria respirata e non dico fesserie.
Vorrei ribadire il concetto che i cittadini eletti 5Stelle debbano avere lo stesso tempo di apparizione di renzie e di tutti gli altri rappresentanti di tutte le forze politiche e che quando intervistati siano incazzati neri come lo siamo noi.

speed king 25.11.14 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Serve una TV come servizio pubblico?
Per me no.
La RAI è servita nel dopoguerra come mezzo di alfabetizazzione e di informazi per una società molto differente da quella odierna.
Attualmente ci sono altri mezzi di informazione a partire da internet e credo, che una TV di stato non ha più di esistere.
Sarebbe opportuno liberalizzare la RAI.
Questo porterebbe ad alcuni vantaggi:
1) Abolizione di un'odiata tassa come il canone TV
2) Le risorse utilizzate per l'evasione del canone, potrebbero essere utilizzate per altre attività di evasione
3) la RAI privata, non peserebbe più sui bilanci dello stato e dovrebbe seguire le leggi di mercato e quindi i dirigenti e i conduttori verrebbero pagati dal privato in base a queste regole di mercato
4) Si potrebbe far pagare decentemente le licenze televisive con più introiti per lo stato
5) Si potrebbe distribuire la raccolta pubblicitaria in regime di monopoilio da Mediaset e RAI tra le varie TV e vari giornali seconde regole moderne di antitrust. In tal modo anche i giornali e le piccole TV locali e non,subirebbero meno la crisi con salvaguardia di posti di lavoro.

E' assurdo che si parla di privatizzare l'acqua e altre aziende di stato in attivo oltre che strategiche come ENEL ed ENI le quali trattano prodotti come l'energia e l'acqua appunto, vitali per l'esistenza umana, mentre non si parla di liberalizzare una TV di cui possiamo tutti quanti fare a meno senza che le nostre vite ne subiscano conseguenze disastrose.

Raffaele Moretti, Bari Commentatore certificato 25.11.14 19:18| 
 |
Rispondi al commento

BRUTTI PEZZI DI MERDA NON AVETE VOTATO CONTRO AL JOBS ACT, CHE CAZZO VI HO VATATO A FARE

Antonio Fissore 25.11.14 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dallo "spunto" di sono soloio milano

la rai è stata destinata dal popolo, nel 1995, ad avviare la privatizzazione.
quindi diventa ancora più difficile il perchè pagare una tassa ad un soggetto privato.

e una riflessione. referundum sulla privatizzazione della rai si, sulla privatizzazione di autostrade di energia elettrica, di telefonia di acqua di gas no?

psichiatria. 1 25.11.14 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Non state a prendere in giro la gente anche voi, prego : Il canone va pagato con l'instaurazione dell'emissione "Via Cavo", come in tutta Europa. Basta chiedere lo streaming alla società telefonica. O,se volete, dato che han obbligato la gente a comprarsi la TV fornita di Digitale Terrestre, un obbrobrio tutto Italiano, è sufficiente che la RAI cripti il segnale ed invii ad ogni abbonato in regola con l'abbonamento la Tessera da inserire nel decoder, alla stregua degli altri Network a pagamento, punto. Quindi, non veniteci a raccontare che Cristo è morto di freddo. E' sufficiente chiedere quella modifica ed il canone lo pagherà anche tutto il SUD Italia, dove l'evasione è quasi totale.

Giuseppe O., Cerveteri Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.11.14 19:13| 
 |
Rispondi al commento

La RAI è una emittente pubblica pagata dai cittadini, gestita dai partiti e piena di pubblicità, palese e occulta.
Così non va, è peggio di Rete4 ma la paghiamo noi.
O ci levano il canone o i partiti...

Livio Scabbia 25.11.14 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Pagare per farsi lavare il cervello con propaganda di basso livello.

Il cervello italiota è ormai così atrofizzato che ormai non cambia + nulla, sono tutti zombi. Ma si metteglielo in b....

RAI=SPAZZATURA

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 25.11.14 19:00| 
 |
Rispondi al commento

A me piacerebbe invece che un canale (e dico uno)
restasse pubblico ma con i partiti fuori dalla porta, assunzioni rigorosamente tramite concorso, giornalisti esclusivamente non legati ai partiti
manager capaci e senza stipendi favolosi. OK

Un canale x l'infanzia OK

Fuori dalle pa77e tutto il resto
rai 1
rai 2
rai 3
rai 4
rai 5
rai movie
rai premium
questo x quel che riguarda la tv

X la radio 1 canale di intrattenimento e uno x l'informazione stradale del tipo Isoradio

Fuori tutte le quisquiglie e pinzillacchere che formano il servizio pubblico che attualmente serve da ricovero x gli amici degli amici

Quanto pensate costerebbe io penso molto
poco

Inoltre non avendo x legge i partiti dentro a comandare l'informazione risulterebbe più qualificate ed imparziale.

Non credo che un servizio privato possa informare
sempre correttamente prima o poi inciampano sempre su qualcosa.

sempre vostro estimatore a ✩✩✩✩✩

σℓ∂ ∂σg

old dog 25.11.14 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché la Rai deve far pagare un canone? X pagare milioni ai presentatori?? Non gli basta quello che intasca dalla pubblicità?? Le altre tv non chiedono canoni !!! Ci subissano di spot certo ma allora la Rai deve fare una scelta o ci fa pagare il canone e ci toglie la pubblicità o ci lascia gli spot ma niente canone !!!

Flavia Pelusi 25.11.14 18:53| 
 |
Rispondi al commento

secondo me la proposta di una card a pagamento già indicata da altri prima di me è l'unica scelta ragionevole.
Un servizio pubblico di informazione NON richiede film telefilm e programmi di dubbia utilità:
informa e basta!
E per informare e basta non servono miliardi, bastano spiccioli (come dimostra egregiamente questo stesso blog).

Soluzione?
Card a pagamento, e gratis un solo canale di informazione finanziato dallo stato (inutile metter un canone che sarebbe di 5 euro) e con piccoli spazi dedicati ai singoli partiti.
Non serve uccidere la rai se può farlo tranquillamente il libero mercato :)

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 25.11.14 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Io la Tv non ce l'ho più da anni e, anche se l'avessi non guarderei certo le porcherie di rai e mediaset! Se osano mettermi il canone in bolletta, li denuncio!

Marcella Massidda 25.11.14 18:33| 
 |
Rispondi al commento

"Ma ancor più grave non si sa come dimostrare chi possiede un televisore e chi no!"
questo passaggio è particolarmente simpatico
metti un decoder

comunque la tv via ripetitori è morta forse anche per questo è stata svenduta raiway

cavo per internet
satellite , con decoder, per tv
ripetiori per le radio libere, ma libere veramente..

psichiatria. 1 25.11.14 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Quando si compra un televisore si comunica alla Rai i dati del proprietario..... Troppo semplice.... Poi ci sono le lobby dei costruttori...... Ma buttatele al cassonetto anzi no al riciclo. Sempre m5s

sventer cosimo 25.11.14 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo che c'è stato un referendum sulla privatizzazione della RAI:
http://it.wikipedia.org/wiki/Referendum_abrogativi_del_1995_in_Italia#Privatizzazione_RAI

SONO SOLOIO, Milano Commentatore certificato 25.11.14 17:49| 
 |
Rispondi al commento

intanto apghiamo meno,poi si cercherà una volta che andiamo noi al governo di toglierlo,non c'è bisogno di 10 canali rai,ne basta uno dis ervizio,il resto è fogna,ma chi vede la rai,ma fatemi il piacere,ma meglio per me pagare 50 euro che 113

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 25.11.14 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè non mandano a casa un po' di gente. Sembra che la Rai abbia 15000 giornalisti (sic) ma siamo pazzi? Ma poi che giornalisti sono se molti di loro a malapena conoscono l'italiano. La Rai va privatizzata, e chi vuole vederla si paga il canone come una pay-tv. E poi sempre le stesse persone con programmi simili, se questa è la televisione di oggi, meglio leggere un buon libro e lasciar perdere Conti, Frizzi e quelle quattro sgallettate che presentano programmi pomeridiani.

Carlo Regnanti 25.11.14 17:46| 
 |
Rispondi al commento

io pago 113,50 euro l'anno,prendo al mese 550 + 13sima che fanno 600 euro al mese, allora pago 10 di canone,10 di telefoniono,e 15 di internet, in tutto sono 35 euro al meser, e metti che oggi i farmnaci li hanno passati quasi tutti in fascia c e paghi e via dicendo,vi chiedo ammazzatemi che sto meglio morta che vuol dire intanto non rompere i coglioni che per me è meglio pagare 60 euro di 113,poi svegliatevi e andate in tv a dirle ste cose,a vete pure voi rotto i coglioni,lamentele e nulla di fatto,anche3 nel territorio,se vi miovete lo fate4 a selezione,insomma uno vale uno,ma poi c'è l'uno e un cincinin.basta siamo stufi, mica adesso per non pagare 60 euro me li pago 113.nasta eeee,

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 25.11.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento

dal passaggio analogico/digitale io non ho più pagato il canone, attualmente mi hanno inviato la prima cartella equitalia, appena arriverà la seconda, contesto la legittimità.
La commissione europea è sempre intervenuta, nei procedimenti cosi detti "aiuti di stato", la rai è una SPA e come tale deve stare sul mercato come la concorrenza, stesso discorso, è per gli aiuti all'editoria cartacea.
Come dice Peppe è ora che tutti camminino con le proprie gambe e con le proprie forze.

Carlo AP 25.11.14 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno deve dire a questa gente che la devono smettere di spolpare gli italiani, i soldi per il canone e per vedere la disinformazione non li abbiamo. Non posso andare a rubare per diventare come loro.Sono già 10 anni che non guardo la tv ho provato a dare un occhiata per i risultati elettorali su internet collegandomi a rai news l'altra sera e sono rimasto senza parole è una vergogna per come fanno informazione la rai è il braccio del regime che se lo paghino loro.

Roberto V., Avellino Commentatore certificato 25.11.14 17:35| 
 |
Rispondi al commento

repetita juvan.. ma insomma NEANCHE M5S che parla di referendum e democrazia diretta si ricorda che 25milioni di SI , col quorum, hanno già VOTATO e VINTO per la Privatizzazione della Rai ?!?!?

cioe', di che parliamo? C'è stato un referendum. Gli italiani, democraticamente, hanno VOTATO e VINTO. Col Quorum ao. ;)

M5S, sinceramente, perché parlate d'altro? la RAI VA privatizzata per un solo e ENORME motivo: abbiamo VOTATO...

Luca S., Toscana Commentatore certificato 25.11.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io vorrei un chiarimento se possibile
la diatriba sul canone rai si trascina da tempo
da quello che ho capito il canone è stato trasformato in tassa di possesso di apparecchi radioriceventi, mi sembra, o qualcosa del genere.
quindi non dovrebbe chiamarsi canone ma tassa sul possesso, mi sbaglio?
non ci si capisce molto.
se fosse tassa sul possesso la medesima non potrebbe essere destinata alla rai, mi sembra.
un pochino di chiarezza in più non guasterebbe
visto che il m5s ha una presenza importante nella rai.
la realtà chiara se possibile.

psichiatria. 1 25.11.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO il canone l' ho sempre pagato!
Se far pagare il canone con la bolletta elettrica significa ridurre la gabella perchè nessuno può più fare il ''furbetto'', benvenga!

Mauro B. Commentatore certificato 25.11.14 17:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Blog, la rai va chiusa regalatela hai cinesi.
io non vedo la rai da quando c'è il digitale del cazzo, e questi stronzi manco si danno da fare per rimediare al problema, e per loro è sempre colpa tua, ti dicono cambia frequenza cambia il televisore cambia l'antenna, e che cazzo cambio se davanti al ripetitore della rai c'è una montagna!!!
Ed io sarei un evasore, ma cazzo loro sono dei ricettatori narco eteriani del piffero, io sono al buio.
E poi sapete che vi dico, ma la rai non è necessaria non è il pane non è l’acqua, e dopo la cazzata di vendere le frequenze o le antenne, la rai non vale nulla manco un soldo di cacio, e fallita.

Roberto Santi 25.11.14 17:19| 
 |
Rispondi al commento

mon capisco il significato del canone Rai in bolletta. Una bolletta apposita per il canone Rai? Girano tante voci. Addirittura che chi ha un contratto con l'enel e' obbligato a pagare il canone Rai. Ma un contratto per uso abitativo o per ufficio? O si paga in entrambi i casi? C'è chi andrebbe a pagare due volte? E chi non ha il televisore come me? Paga per ciò che non usufruisce? Ma perché dobbiamo pagare il canone Rai? Per far divertire i nominati? Tutti i raccomandati che non si sa come vengono assunti? Ovviamente senza concorso ed in cambio di cosa? Questa è' una nazione dove hanno vinto i ladri, i truffatori, i tangentisti ed i raccomandati. Questa è una nazione che non andrà da nessuna parte se non nelle feci.

Bruno Delli Carri 25.11.14 17:19| 
 |
Rispondi al commento

non è vero che la tv pubblica deva essere finanziata dal canone. In molti paesi c'è e si finanzia con la pubblicità. Non capisco perchè difendere il canone, è il canon in se ad essere incostituzionale. Ci sono un sacco di piccole TV che vanno avanti e non hanno bisogno di pubblicità, se poi vogliamo pagare laudi stipendi a certi impiegati e certi attori e conduttore televisivi, allora diciamolo con tutte le parole. Per me la tv pubblica così se ne può ben andare al diavolo.

monica e., roma Commentatore certificato 25.11.14 17:11| 
 |
Rispondi al commento

L'ASTUZIA DEI POLITICI PER CONTINUARE A RUBARE CON I LORO COMPAGNI DI MERENDA E PRENDERSELA POI COI CONTRIBUENTI TRAMITE TASSE STA ORA NEL MASCHERARLE, CAMBIARGLI NOME. La tasi cos'è se non una tassa che paghi scollegata dall'uso di servizi. Lo smaltimento rifiuti per cui un ufficio di 75 mq paga 1400 euro annui ( 120 al mese ) per un sacchetto di rifiuti di carta a settimana cos'è se non una tassa. I parcheggi a pagamento nelle zone blu dove non esiste alcun servizio, alcuna custodia altro non è che una tassa. Per non parlare delle accise sui carburanti e gli alcolici che ti fottono senza che te ne accorgi. Le stesse multe che sei costretto a pagare in assenza di parcheggi ed in presenza di limiti di velocità assurdi in percorsi in cui l'unica ragione al limite è incamerare multe sono tasse. Ed infine il canone rai cos'è se non una tassa. Specie ora che si pagherà in base all'utenza indipendentemente dall'uso di apparecchi televisivi. Alla fine vi accorgerete che la pressione fiscale reale è molto più alta di quello che credete, considerato anche che molti costi non sono deducibili né dal reddito d'impresa e né dal reddito privato. Per mantenere questi ladri criminali stiamo morendo di tasse e nessuno si azzarda più né ad investire né a consumare per il terrore di quello che può accadergli. Inoltre la burocrazia e gli accertamenti correlati alle imprese ed ai consumi personali contribuiscono a bloccare le iniziative imprenditoriali e i consumi. L'UNICA VIA DI USCITA E' DI LIBERARCI DA QUESTA GENTE INUTILE, INCAPACE, DISONESTA ED ORMAI ALIENA DALA NOSTRA QUOTIDIANITA'.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 25.11.14 17:11| 
 |
Rispondi al commento

"se la rai diventa smart tv chiude ,la rai è un carrozzone pubblico in mano
alle solite lobby"

bruno volpe 25.11.14 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione. Meglio pagare il canone che doversi sucare la d'urso o mentana e morire coglioni.

angelo a 25.11.14 16:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da quando c'è il digitale è facilissimo, basterebbe che i canali fossero oscurati, tranne per chi paga il canone. Non lo pago, non vedo. In un paese civile funzionerebbe.

luca parrini 25.11.14 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Avanti cosi 5 stelle

alvise fossa 25.11.14 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Dato che ormai l'offerta televisiva è così vasta e la RAI potrebbe anche essere considerata una delle tante reti, si potrebbero avere anche altre opzioni: primo, chiuderla, tanto ormai come televisione di stato offre poco o niente, oppure come hanno fatto altre piattaforme criptarla, chi la vuol vedere si abbona. Il problema finisce qui.

ilario larosa 25.11.14 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Se il 70% degli italiani si sveglia dal sonno e oltre al canone non si paga più niente e si scende in strada ...sai come ci riscaldiamo per il 2015 .

raoul romano Commentatore certificato 25.11.14 16:29| 
 |
Rispondi al commento

O bella, perché mai non si può mettere in bolletta? Ho sempre pagato il canone e sono considerato un pirla da quelli che non hanno mai pagato. Bene, è ora che paghino e sappiano:
1) che mi stanno sui coglioni, anche se la raccontano soave per fare i furbi.
2) che i poveri hanno comunque i soldi per pagarsi il televisore. Non li hanno per il canone? Non vedano la TV. Se ne può fare a meno e si campa ugualmente.
3) mi stanno sui coglioni anche quelli che piangono per il canone nella bolletta.
4) spero che istituiscano al più presto la smart come per Sky. Così chi non paga non vede la TV per davvero.

NULLA CAMBIA 25.11.14 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il canone avrebbe un senso se la RAI fosse innanzi tutto visibile in tutta Italia; a Torri di Arcugnano NON si PRENDE!!!; priva di pubblicità come in Francia, se facesse veramente informazione e non "disinformazia", se fosse veramente aperta a tutte le voci (vedi le innumerevoli censure avvenute), se avesse programmi di qualità SUPERIORE alle TV commerciali, se , se, se.... finchè ci propina Mastrota con i materassi e Cadeo con le vasche da bagno come in Mediaset o a LA7 perchè pagare una tassa?

gherardo ghirardini 25.11.14 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Io non voglio vedere i canali rai,perché devo pagare il canone?se proprio devo pagare mi faccio un abbonamento sky almeno avrò 1000canali in cui mi posso sbizzarrire.

motta Alberto 25.11.14 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Intanto Il messaggio principale di renzi: il canone si paga meno quindi il contribuente ci guadagna… in linea con il suo consueto modus operandi.. spot regalo flash stroncatutto con sorpresa cetriolo incorporata.. quindi non far sapere l’inghippo che c’è in ogni sua mossa o farla passare inosservata..
Le voci girano da tempo sul pagamento in bolletta enel e sono di pasticcio anticostituzionale, lo capirebbe chiunque… le regole sono fatte a casaccio non c’è distinzione tra chi deve pagare e chi dovrebbe essere esentato come gli anziani, chi possiede più abitazioni ecc. pagare due o tre volte lo stesso servizio non ha alcun senso.
Prima di una riforma dl canone il quale non ha alcun senso, si dovrebbe parlare di riforma della RAI o ente nazionale di pubblico servizio televisivo, il quale proprio perche si parla di servizio pubblico, la parola stessa pubblico si intende per fruizione libera e gratuita, quindi un canale apposito che consiste nell’informazione quotidiana, news, meteo, cultura, documentari, programmi educativi ecc.,al massimo se ci dovesse essere una quota magari per non trasmettere pubblicità, la cifra non dovrebbe superare le 30 euro.
Invece no, vari canali RAI sono per svago, intrattenimento… Dio mio, come fanno ad arrogarsi il diritto di decidere ciò che io dovrei forzatamente vedermi in quanto pago… pretendere che io mi debba sorbire un Fazio, una Clerici o ballando con le stelle, pacchi e pacchetti non solo è ingiusto e assurdo ma anche una presa in giro a tutti gli effetti, oltretutto è allucinante sapere di compensi astronomici di certi personaggi, i quali provengono anche dalle mie tasche..
Se volessero mantenere questi programmi TV per me spazzatura, basterebbe fare una TV RAI ONDEMAND metterli tutti a pagamento come fanno su SKY ecc. invece no, e c’è un motivo… il presupposto affinchè rimanga il pacchetto rai obbligatorio a pagamento è l’esigenza e la volontà di non distogliere l’attenzione dalla stessa e migrare altrove.... segue

valerio 25.11.14 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche su questo punto il m5s può far poco perchè qualsiasi proposta viene puntualmente bocciata. Sia mai che venga dato il merito di qualcosa al m5s. Va contro il loro interesse quindi non affanniamoci con proposte varie non servono a niente perché loro hanno la maggioranza è possono decidere quello che vogliono. Finché non avremo i voti per fare qualcosa non otterremo mai niente. Le nostre proposte tra l altro passano inosservate. Cosa fare allora per raccogliere altri consensi? Andare in televisione forse non servirà ma bisogna provarci. Possibile che non si riescano a trovare 30 capaci oratori che stiano dalla mattina alla sera in tv, logicamente retribuiti, a ribattere a tutte le falsità che dobbiamo ingoiare. Sbaglierò ancora ma proviamoci. Una nota per Fraccaro, se aspettiamo che tutti quelli che ci voteranno lo facciano perchè convinti stiamo freschi, c'è tanta gente che di politica, leggi, costituzione ecc. capisce ben poco e delega tutto per simpatia o solo perchè questo o quello che ha visto in tv l'ha convinto meglio su un tema. Solo conquistando questi ulteriori elettori possiamo arrivare a Governare e cambiare così questo paese imbalsamato.

Armando ., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 25.11.14 16:06| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace caro parlamentare ma parlare di servizio pubblico ai giorni nostri non ha piu' senso. Siamo nel 2014 e la rete è il futuro infatti stanno nascendo web radio, canali alternativi a youtube, web tv, canali satellitari, ecc. Non ha piu' senso mantenere il carrozzone pubblico della rai e ne tantomeno ha senso mantenere mediaset e la 7. Le frequenze del digitale vanno liberate in favore di internet.

marcello c. 25.11.14 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma non lo capite che il canone in bolletta è un'altra furbata che porta voti?

Renzi prima di Natale andrà in TV è dirà che tutti gli italiani onesti non pagheranno più 100 euro e fischia di canone, pagheranno solo 5 euro al mese in bolletta.

Opporsi a queste idee secondo voi porta voti?

Certo che il M5S è un genio del consenso, si fa rubare i voti moderati dal PD e quelli estremisti dalla Lega.

Tom Ba Commentatore certificato 25.11.14 15:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco perchè gli Italiani si ostinano a non voler pagare il canone Rai,detto canone è una tassa che si deve pagare per usufruire ,non dei programmi Rai ma per la ricezione via etere o via cavo dei segnali radiotrasmessi di qualunque genere,in tutta Europa si paga e anche molto di più ,inoltre sono obbligati a pagarlo tutti ,non come qui che lo pagano il 60%,anche la tassa sulla casa la pagano tutti in Europa,naturalmente in base al valore della casa,basta cagnara cerchiamo di essere più onesti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


...E se guardassimo la cosa da un altro punto di vista??? IO NON VOGLIO VEDERE I CANALI RAI!!! O meglio, perchè devo pagare un servizio che non desidero vedere??? Per quale santo motivo non si oscurano??? Sarò libero di decidere cosa voglio e cosa non voglio vedere. Se pago li vedo altrimenti no.

Frankie 25.11.14 15:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Canone della RAI deve essere soppresso perchè grava molto sul "borsellino" dell'utente pagante.

Fabio Argiolas 25.11.14 15:31| 
 |
Rispondi al commento

In Francia il canone della tv pubblica che non ha pubblicità lo si paga nella tassa sull'abitazione (la nostra tasi che prima era ici e che dopo era imu e che cambia nome a ogni piè sospinto). Si può anche eliminare come hanno fatto altri paesi magari lasciando solo un canale di informazione pubblica e privatizzando gli altri 2. In ogni caso se tutti pagano il canone insieme alla Tasi (tassa sui servizi indivisibili) sarà anche possibile abbassare la cifra da pagare ed esentare chi non ha nessun reddito (tramite isee) o chi non possiede un apparecchio atto alla ricezione di programmi televisivi in chiaro.

dario fertoli, beverino Commentatore certificato 25.11.14 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Oggi il sottosegretario alle comunicazioni Giacomelli ha dichiarato che dal primo gennaio 2015 il canone verrà messo nella bolletta Enel! La dittatura prosegue?

antonio codari 25.11.14 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Io il canone rai l'ho disdetto. Non mi si può costringere a sbomballarmi il cervello con tg faziosi e programmi che chiamarli demenziali è poco, e non possono neanche obbligarmi a fare ricorso, dal momento che si parla di incostituzionalità. E come me quanti? Credo tantissimi...Anzi perché non ce lo dite voi quante disdette sono pervenute allo sportello abbonamenti negli ultimi anni?

Giovanna cagliari 25.11.14 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Torniamo al solito punto: fatelo sapere agli italiani direttamente dalla TV, non possiamo perdere tempo col passaparola. A noi non ci ascolta nessuno e poi ci impieghiamo una vita. Piantatela col non voler andare a parlare in tv. La TV non svolge un servizio pubblico? Andateci tutti i momenti, rendetela voi un servizio pubblico, fatevi sentire dalla gente. Non so più come dirlo...

Claudio Galeazzi Commentatore certificato 25.11.14 15:19| 
 |
Rispondi al commento

il servizio pubblico lo si fa anche con canali tematici; rai camera dei deputati, rai senato, rai commissioni

paola municchi 25.11.14 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il canone va tolto!!! Ormai la gente è assopita e talmente abituata a prenderlo nel ... che è stata educata a pagare un canone che se ci fermassimo un attimo a ragionare ha ben poco di onesto! Un chiaro esempio sono io , non guardo mai la rai e devo pagare il canone, Che storia è mai questa???? Fanculo ! Movimento 5 stelle svegliamoci!!!!

Andrea 25.11.14 15:07| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori