Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il made in Italy sta morendo #fuoridalleuro

  • 33

New Twitter Gallery

made_italy_muore.jpg

E' una strage delle imprese che porta l'economia al collasso. Non c'è più tempo! Fuori dall'euro per salvare le imprese del Made in Italy e recuperare la nostra identità. Leggi anche l'approfondimento sulla strage delle imprese italiane causata dall'euro

"Nessun segnale di ripresa da parte dell'industria made in Italy. Settembre fa peggio di anche agosto e su base annua il dato è il più pesante degli ultimi 12 mesi. La produzione è calata dello 0,9% congiunturale a settembre (indice destagionalizzato, a parità di giorni lavorativi) ed è salita dello 0,1% tendenziale (indice grezzo). Da inizio anno, complessivamente, l'indice è calato di 2,5 punti a quota 89,8 punti: è il dato peggiore dal settembre 2012. Lo rende noto l'Istat, spiegando che l'indice corretto per i giorni lavorativi, invece, (22 contro i 21 di settembre 2013) segna una calo tendenziale del 2,9%, il peggiore da un anno. Nel trimestre luglio-settembre il calo è stato dell'1,1% congiunturale, il peggiore dal quarto trimestre 2012, così come nei 9 mesi (-1,1% tendenziale grezzo). A preoccupare gli addetti ai lavori è il fatto che la produzione industriale a settembre abbia variazioni negative in tutti i comparti. A scendere più di tutte è la produzione di beni di consumo (-3,2%), seguita dai beni strumentali (-2,4%), l'energia (-1,5%) e in misura "più lieve", i beni intermedi (-0,8%)." leggi tutto


10 Nov 2014, 15:11 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 33


Tags: crisi, disoccupazione, fuori dall'euro, imprese, imprese italiane all'estero, lavoro, referendum

Commenti

 

QUANDO QUESTI FIGLI DI TROIKA AVRANNO FATTO FALLIRE L'ULTIMO CAPACE ITALICO ARTIGIANO CON I LORO FINTI SOLDI, POTRANNO COMPRARE SOLO DOZZINALI E CONTRAFFATTI PRODOTTI ASIATICI.
DEI VERI GENI.

Ezio Bigliazzi, Bedizzole Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Un tempo, quando la classe politica non era cosi corrotta da lasciare che gli affaristi mondiali facessero il bello e il cattivo tempo anche in italia , il made in italy era un qualcosa Di pregiato , che all'estero solo I privilegiati potevano permettersi. Ora sono 2 le cose: o scomparira totalmente , provocando un aumento enorme della disoccupazione, oppure verra svalutato a tal punto che solo le grandi aziende( che ne produciono una grande quantita, ma con scarso riserbo per la qualita') potranno arricchirsi col made in italy.. Quindi si avra comunque un aumento enorme dei disoccupati visto che molte medie e piccole imprese cadranno !

Eugenio Ciolli 11.11.14 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Ho già postato questo commento ,mi piacerebbe avere una risposta:
Se domani , a parità di leggi, uscissimo dall'euro la svalutazione mangierà
inevitabilmente i nostri risparmi (per chi li ha) e i nostri stipendi e
pensioni.
Stipendi e pensioni che da anni sono, o diminuiti o rimasti uguali, e in
futuro di sicuro non saliranno al seguito dell'inflazione.
Se oggi con 800 al mese si mangia tra qualche anno, con gli aumenti dovuti
all'inflazione aumentata non basterenno neanche per comprare la frutta.
OKKIO ragazzi !!!


La spirale è ormai iniziata, senza riconciliarsi con le richieste popolari, qualsiasi governo fallirà. L'entusiasmo nasce dalla coesione, il Paese è spaccato e trema di paura, anche perché nella gran maggioranza non capisce dove si annida il nemico, non riesce a vederlo, anche a causa dei miei colleghi dell'informazione che sono diventati quasi tutti abili lettori di veline.

Claudio Mori, Roma Commentatore certificato 11.11.14 02:00| 
 |
Rispondi al commento

Qui tutti danno la colpa all'euro....mentre la colpa é della classe politica che cé in Italia,partendo dal semplice comune fino al parlamento a Roma,ritornando alla lira non cambierá nulla anzi non fará altro che raddoppiare i prezzi come é successo in passato mentre i salari resteranno unvariati,le aziende vanno all'estero perché qui in Italia un azienda paga il 75% di tasse contro Jolanda Germania e altri stati Europe che ne pagano soltanto il 30%,ma qui gli italiani parlano solo per dare aria alla bocca senza,saper le cose!!

luca 11.11.14 00:36| 
 |
Rispondi al commento

Dov’è la famiglia sole? Abita ancora li? Ci sono ancora quei tipi con gli occhiali a portar verità e giustizia? Beh riguardo l’aspetto esteriore non è cambiato nulla ma purtroppo riguardo i valori sono ormai sepolti da anni per far spazio all’astuzia. Comunque ancora ereditano l’antico nome e ovunque vanno trovano non soltanto ragione ma fanno con l’ombra una netta prevaricazione. Come con l’ombra, ma non sono famiglia sole? Si ma sono cambiati i tempi, alla verità i consensi e le dello stato le dispense, ora con l’inganno e le maschere si fa opinione e per la gente semplice si fa sottile e limpida adulazione. Si chiudono, poi, i disobbedienti in prigione nascondendo il tutto con demagogica repressione con sottile declino della logica e della ragione. Disobbedienti ostacolati, che non hanno mai chiesto poltrone e ora si trovano fulminato perfino del cuore, il vecchio lampione. Questo sole moderno, ma degenerato è portatore sano di malattie e triste vantaggio, o meglio, è copertura-protezione reale-intoccabile del facile guadagno e consentito inganno. Purtroppo siamo reduci inconsapevoli del sole buona fama e ancora si gioca a dama. Nonostante non si abbia di potere nessuna brama. Forse l’unica brama è la luce vera e non quella riflessa, creando una società dove nessuno più pensa. Nessuno sfida e nessuno è L’Icaro, qui si rivendica il sudore e il sangue del trasparenza e della giustizia. Luce non è tutto questo scempio celato, questa è ombra che con l’astuzia vuole dare a tutti il giusto esempio e rimane tutto inviolato.

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 10.11.14 20:30| 
 |
Rispondi al commento

Onestamente pensavo peggio . Un Paese senza guida come il nostro , preda degli appetiti insaziabili dei politici e della loro sterminata corte di parenti , amici e soci in affari , dovrebbe essere alla fame nera ; invece regge anche se con le stampelle . Praticamente siamo più poveri dell'anno scorso di un uno per cento circa . Non è la fine del mondo , invece di prendere 450 euro è come se ne prendessi 446 , non cambia niente ! Prima che diventi povero veramente dovrebbero passare una ventina d'anni a questo ritmo , ma per fortuna fra venti anni dovrei essere morto . Grazie di cuore e di fegato al nostro caro premier e al presidente della repubblica che ci permettono con la loro opera instancabile di non morire subito di fame , che dio vi abbia in gloria !


Stiamo raccogliendo firme per l'abolizione del vitalizio dei consiglieri regionali perchè non abbiniamo anche la raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare (così come già anticipato al Circo Massimo) che consenta un Referendum consultivo per l'uscita dall'EURO!!!

Antonello B., Roma Commentatore certificato 10.11.14 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Mercedes salta in sella alla Mv Agusta comprando una quota del 25%.Le due società hanno siglato un accordo di collaborazione a lungo termine. La partecipazione fa capo alla controllata del gruppo Daimler Mercedes Amg che, specializzata in vetture ad alte prestazioni, che già detiene il 5% di Aston Martin.

Un altro pezzo di storia che se ne va'.

Dino L.. Commentatore certificato 10.11.14 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Il made in italy sta morendo perché i cinesi fanno riba più bella, di qualità migliore, e almeno a metà prezzo. Il made in italy non dura una mazza, scarsa qualità, e costa troppo!! ( ed è oggettivamente più brutto)!!

sara grilli 10.11.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fuori dall'euro prima che sia troppo tardi

alvise fossa 10.11.14 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Quando è nata l'Europa, prima di Stampare soldi falsi (EURO), si doveva creare la Società Europea: una sola lingua (le lingue nazionali sarebbero state dei dialetti); una sola tassazione; un solo Welfare per tutti.; cercare di salvaguardare il MADE IN, etc. etc...ma Loro, I Bildelberg Group, naturalmente, hanno pensato subito ad arricchirsi a nostre spese con la complicità della BCE (Banda Criminale Europea) stampando moneta senza nessuna copertura e PRESTANDOLA -tramite gli amici delle banche private - agli Stati Europei pagandoci pure gli interessi...Ma quanto fessi siamo...La moneta, all'atto dell'emissione, dovrebbe essere accreditata al Popolo secondo il numero degli ab itanti e alla ricchezza prodotta...ma questa è storia vecchia. Domanda: perchè nessuno fa niente??? Forse c'è un po' di complicità in tutti noi??? Io la vedo NERA, ma forse è colpa del mio soprannome: VENERDI' 17... Auguri a tutti

giorgio l., verona Commentatore certificato 10.11.14 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I dati dell'istat sono qui, con il grafico dei vari settori economici

http://www.istat.it/it/archivio/138102

>> testo integrale (pdf scaricabile)

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 10.11.14 16:45| 
 |
Rispondi al commento

GLI ITALIANI NON HANNO CAPITO IL SISTEMA EURO MONETA NEMMENO,QUANDO CI SONO ENTRATI A FORZA.
PRETENDETE CHE CAPISCANO OGGI PERCHÉ DOVREBBERO USCIRNE ?!
FELICI E IGNORANTI NE MORIRANNO SENZA AVER CAPITO IL PERCHÉ, MA LIMITANDOSI A SBRAITARE CONTRO I POLITICI , CREDENDO ANCHE DI AVER FATTO QUALCOSA DI UTILE.
POVERACCI .

Lara 10.11.14 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo in Italia le cose son destinate a peggiorare se non si cambia la mentalità dell'italiano (meglio ancora dei politici italiani)...ma questa è pura UTOPIA...Non c'è niente da fare: è in atto - IL PIANO KALERGI - Auguri a tutti

giorgio l., verona Commentatore certificato 10.11.14 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Monti confessa: "Stiamo distruggendo la domanda interna"

http://www.youtube.com/watch?v=LyAcSGuC5zc

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 10.11.14 16:33| 
 |
Rispondi al commento

FACCIAMO QUOTARE LA MAFIA SPA IN BORSA così gli stranieri potranno investire in Italia certi di guadagnare.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 10.11.14 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Le imprese si spostano all'estero perché in italia la tassazione e l'incertezza dei costi delle tasse e della burocrazia che cambiano in continuazione perché in continuazione si creano nuove tasse e nuovi adempimenti rendono non concorrenziale produrre in italia. Si aggiunga che le tasse che paghiamo per il 90 per cento sono il risultato di sprechi, cattiva amministrazione, corruzione, appalti e gare truccate per lavori spesso inutili o comunque non prioritari rispetto ad emergenze come la sanità, le case, le alluvioni, la scuola, le condotte d'acqua sia per il trasporto d'acqua potabile spesso piene di falle che per quello della raccolta delle acque delle strade e degli scarichi. Mettiamo poi gli stipendi folli a burocrati quali gli stenografi al parlamento quando anche in tribunale non esistono più sostituiti coi registratori. Mettiamoci anche i benefit di ogni tipo, vitalizi e case assegnati a politici senza scrupoli che si fanno le leggi da soli tanto nessuno controlla, tanto meno la magistratura contabile e la corte costituzionale. Mettiamoci gli enti svuotati del patrimonio e delle casse grazie a una gestione criminale e mettiamoci anche un sistema bancario criminale in mano a politici criminali che controllano le fondazioni bancarie che controllano le banche. Mettiamoci poi una magistratura incapace che non vede, non sente e non parla. Miliardi spesi per cose inutili o costate decine di volte quello che dovevano costare, opere infinite come la salerno reggio calabria, il ponte sullo stretto di messina ecc. Per non parlare degli sprechi della sanità e delle raccomandazioni e concorsi truccati. Mettiamoci poi che viene consentito a società con marchi nostrani e che subappaltano o producono a mezzo di stabilimenti situati in paesi a regimi schiavisti dove non esistono diritti dei lavoratori, ma direi umani, di portare il frutto delle loro carognate in europa consentendo l'arricchimento di questi criminali grazie a politici pagati da loro. ECCO PERCHE' AFFONDIAMO

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 10.11.14 15:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se usciamo dall'Euro e al governo sale di nuovo Berlusconi (con quel mona di Salvini) siamo punto e a capo...

Umberto L., Bressana Bottarone Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 10.11.14 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Un problema che non viene affrontato è questo: supponiamo che domani si abbia un governo decente che pensi al futuro ed ai cittadini, praticamente l'opposto di quel che è avvenuto negli ultimi anni.
Supponiamo che riesca ad abbassare la pressione fiscale per i privati e le aziende a livelli "europei". Ebbene l'economia non ripartirebbe perché ormai non ci sono quasi più aziende che producono in Italia, i maggiori consumi servirebbero per pagare gli operai serbi, polacchi, indiani, vietanmiti, cinesi, ecc ovvero dei paesi dove viene attualmente prodotto il made in Italy.
Allora serve anche far rientrare le aziende fuggite all'estero e magari farne arrivare di nuove. Ma per questo oltre ad avere tasse "umane" occorre anche avere la certezza fiscale (e non l'Irap retroattiva di Renzi, per esempio) e regole semplici e comprensibili. Ma non basta, occorre avere certezza del diritto, giustizia rapida, norme del lavoro "europee", infrastrutture (la banda larga).
Ma anche questo non basta. Sono scappati all'estero tutti i più bravi, perché solo all'estero trovavano lavoro, lavoro adeguato alle loro capacità, retribuzioni al livello delle loro capacità e non avevano la carriera bloccata dal figlio di..., il parente di ...(vedi concorsi univeritari). Anche i tecnici, gli operai specializzati sono andati all'estero e far tornare tutta questa gente sarà dura, occorre avere oltre a quanto detto prima un salario minimo legale, salari a livelli "europei", concorsi chiari ed onesti, un costo della vita al livello delle retribuzioni (specie le case) e la certezza della pensione. Senza questa gente non ci può essere ripresa, le nostre aziende non avrebbero laureati, operai adatti alla produzione, senza al massimo potremmo rimanere a fare cose per gli immigrati extracomunitari senza istruzione e tentare di fare concorrenza ai cinesi, impossibile.
Si può immaginare che tutto questo possa accadere? ne dubito molto ma vi fa capire quanto è difficile il futuro.

Alessandro G. Commentatore certificato 10.11.14 15:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il caso "marchionne-fiat" è dovuto all'euro ?

a parte che in Inghilterra c'è la sterlina (moneta non debole), in Olanda c'è l'euro e negli usa c'è il dollaro - solo in Serbia non c'è - ma i serbi non sono certo gli acquirenti della fiat-crysler


- meglio conoscere le basi , prima di sparare stronzate !!




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori