Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Jobs act, diritti zero

  • 9

New Twitter Gallery

incinta_diritti.jpg

"Nella Grecia sotto commissariamento della Troika può accadere che una lavoratrice di una compagnia privata, con un lavoro di impiegata, debba denunciare alla sua associazione di categoria il fatto che il suo datore di lavoro le avrebbe chiesto di abortire quando ha saputo che era incinta. Nella sua denuncia all'Associazione locale ingegneri, la donna ha detto di “aver ricevuto minacce dal suo capo dopo avergli detto che non lo avrebbe fatto” e che la voleva fuori dalla compagnia. Dallo scorso giugno non riceve più lo stipendio. Lo riporta KTG. La donna di 33 anni, un ingegnere di professione, è stata assunta per un contratto full-time per 615 euro lordi come impiegata nello schema di introduzione al mondo del lavoro con fondi europei. Parlando al sito NewsIt.gr, un rappresentante dell'ispettorato del lavoro ha dichiarato che "se sarà accertato come vero, ovviamente si tratta di un caso incredibile ed illegale". Newsit.gr ha contatto l'azienda a Creta, che , al contrario, come false ogni accusa e ha promesso di inviare i documenti che certificano come l'impiegata sia stata pagata in tempo. Si sa che, anche se formalmente garantiti per legge, i diritti del lavoro, come quelli che tutelano la maternità di una lavoratrice, non esistono più in Grecia da quando il Paese è sotto commissariamento della Troika, che i datori di lavoro si avvantaggiano dell'1,3 milioni di greci senza reddito e da quando il 27% della popolazione combatte ormai per la sopravvivenza alimentare. Quando Renzi e gli altri vi lodano il Jobs act come la panacea per il nostro paese, ricordate che esiste un paese in cui l'esperiento è già in corso da mesi. Quando si eliminano o si riducono le tutele del mondo del lavoro, il risultato è quello che stiamo assistendo ogni giorno in Grecia." l'antidiplomatico

21 Nov 2014, 11:23 | Scrivi | Commenti (9) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 9


Tags: antidiplomatico, diritti zero, gravidanza, incinta, jobs act, ktg

Commenti

 

Siamo una famiglia di 5 persone, due bimbe di 6 e 8 anni, una ragazza di 22, io e la mia compagna. Sono impiegato in una cooperativa presso un cantiere in subappalto... ho 48 anni, lavoro solo io per 1400 euro al mese. Chi mi porterà la lettera di licenziamento senza giusta causa o per sostituirmi con una nuova assunzione (per avere le agevolazioni a "tutele crescenti"...) dovrà stare bene attento alle spalle...
Di storie come quella sopra ne conosceremo tante molto presto se passerà questa legge infame.
Sembra incredibile, ma sta succedendo veramente, si torna al medioevo.

massimo donati 22.11.14 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare abortire il governicchio dell'ebetino .. La sua e stata una fecondazione dittatoriale.. Devono andare a casa o con le buone o con le.....

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 22.11.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento

oggi nel mondo del lavoro,stiamo subendo la svendita dei diritti conquistati in anni di lotte..
il degrado e cancellazione dei diritti compreso tutte le riforme del lavoro,hanno come protagonisti,sia i governi,i sindacati (escluso la Fiom),e le associazioni tipo confindustria che sedendosi a tavolino cancellavano diritti ai lavoratori.
quindi oggi ci troviamo che i datori di lavoro spadroneggiano con i dipendenti,grazie alla varietà di contratti di lavoro e per ultimo il Jobs act (perchè non danno sigle Italiane ?),che è la pennellata finale per ricattare chiunque abbia un lavoro..
i segretari delle confederazioni dei sindacati (vedi lo stipendio di Bonanni circa 300.000 euro all'anno,oltre quelli del cnel ecc..),più firmavano le riforme sul lavoro e più gli veniva aumentato lo stipendio..
quindi se vogliamo essere obiettivi : se il sindacato non ha voluto capire che i tempi stavano cambiando e fermare le riforme del lavoro messe in atto dai governi,basta vedere gli stipendi che avevano i loro segretari e la risposta è automatica.
se parliamo della cgil quando è subentrato il governo monti,hanno subito firmato la riforma fornero entro due o tre giorni e poi per fare vedere che hanno fatto la manfrina per tre mesi con l'articolo 18..
ricapitolando se un segretario della cisl prende più di Obama un motivo c'è !!!
ora i sindacati sono all'atto finale (tranne la Fiom) e cercano di rompere i maroni con lo sciopero generale,ma anche questa è una manfrina perchè nel frattempo firmano tutto quello che i governi gli sottopongono..
è tutto un circolo vizioso che va ripulito.
negli ultimi ventanni i governi hanno usato i voti di uno pseudo ceto medio,fatto da figli di operai che hanno migliorato la loro condizione sociale(questo è un bene),ma nel frattempo rinnegavano le loro origini di sinistra e questo governo di renzi è lo specchio di questa realtà..
non so come ne usciremo da questo marasma,ma non sarà indolore !! comunque : proviamoci !!!
buon lavoro a tutto il M5S

michele p., torino Commentatore certificato 22.11.14 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Signori queste sono cose che non si possono sentire tanto meno viverle nella propria pelle. Pensandoci io non ci avrei pensato due volte a rapire e uccidere il datore di lavoro e cancellare ogni traccia.

Notizie informatica Commentatore certificato 22.11.14 02:59| 
 |
Rispondi al commento

Raga i considererete violendo ma io da marito avrei fatto un omicidio e non sarei neanche andato in galera. Signori queste cose non si possono sentire tanto meno viverle sulla propria pelle. Per me il datore di lavoro era morto.

Notizie informatica Commentatore certificato 22.11.14 02:55| 
 |
Rispondi al commento

quello che mi fa rabbia è che quando un operaio
viene licenziato si impicca.. io voglio dire a tutti quelli che pensano di fare un gesto del genere di uccidere prima il suo datore di lavoro.
se tanto volete farla finita potete tranquillamente portarvi dietro un bastardo.
ovviamente valutate sempre il caso.. solo se vi a licenziato con cattiveria o per mancanza di rispetto.. altrimenti andate dal primo senatore a vita del PD e ripulite la merda che c'è in politica.

mecarone mario 21.11.14 21:20| 
 |
Rispondi al commento

IL MIGLIOR MODO DI BAIPASSARE IL RICATTO delle imprese sarebbe quello di dare fondi economici alla costituzione di società a capitale apportato da plurimi soggetti individuali. E' un modo per eliminare l'insicurezza occupazionale causata attualmente dalle società di capitale a capitale non partecipato!

terenzio eleuteri 21.11.14 16:33| 
 |
Rispondi al commento

La notizia è tutta da verificare, non per il fatto in sè ma per tutta una serie di cose (ingegnere a 600 euro con contributi pubblici suona strano anche se teoricamente possibile).

Quando si riducono a zero i diritti è naturale che si riducano a zero anche i doveri fra cui quello di rispettare la legge:
non capisco come mai in grecia non vi siano in corso rapine rapimenti ed estorsioni ai danni dei tanti ricchi presenti, ma lo stesso ormai si potrebbe dire dell'Italia....
la legge punisce un ladro di polli e lascia a piede libero un berlusconi con centinaia di milioni rubati allo stato (verificati in tribunale): in pratica le forze dell'ordine sono sgherri che proteggono i ricchi dalla rabbia del popolo.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 21.11.14 14:20| 
 |
Rispondi al commento

CERTO A RENZI NON MANCA LA FANTASIA PER FAR FUORI I DIRITTI FONDAMENTALI DEI LAVORATORI

alvise fossa 21.11.14 13:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori