Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La caduta del muro dell'euro #fuoridall'euro

  • 97

New Twitter Gallery

caduta_muro_euro.jpg


Il 9 novembre 1989 cadde il muro di Berlino, 25 anni dopo cadrà anche quello dell'euro.

di Wolfgang Münchau, editorialista del Financial Times, 9 novembre 2014

Se c’è una cosa su cui i responsabili della politica europea concordano, è che la sopravvivenza dell’euro non è più in dubbio. L’economia non va alla grande, ma almeno la crisi è finita.
Mi permetto di dissentire. I responsabili politici europei tendono a valutare il pericolo sulla base del numero di riunioni fino a tarda notte nell’edificio Justus Lipsius di Bruxelles. Di queste, ce ne sono sicuramente meno. Ma è un metro di giudizio sbagliato.
Non ho la più pallida idea di quale fosse la probabilità di una rottura dell’euro durante la crisi. Ma sono certo che la probabilità oggi è più alta. Due anni fa coloro che fanno le previsioni speravano in una forte ripresa economica. Ora sappiamo che non è avvenuta e che non sta per accadere. Due anni fa, l’eurozona non era preparata a una crisi finanziaria, ma almeno i responsabili politici hanno risposto creando dei meccanismi per affrontare questa grave minaccia.
Oggi l’eurozona non ha alcun meccanismo di autodifesa contro una depressione prolungata. E, a differenza di due anni fa, i responsabili politici non hanno nessuna intenzione di creare un meccanismo del genere.
Come spesso accade nella vita, la vera minaccia può non arrivare da dove la si aspetta – dai mercati obbligazionari. I principali protagonisti oggi non sono gli investitori internazionali, ma gli elettorati insurrezionali che con grande probabilità voteranno per una nuova generazione di leader e sono maggiormente disposti a sostenere dei movimenti indipendentisti regionali.
In Francia Marine Le Pen, la leader del Fronte Nazionale, potrebbe vincere un ballottaggio con il presidente François Hollande. Beppe Grillo, il leader del Movimento Cinque Stelle in Italia, è l’unica alternativa credibile a Matteo Renzi, il presidente del Consiglio in carica. Sia la Le Pen che Grillo vogliono che i loro paesi escano dall’eurozona. In Grecia, Alexis Tsipras e il suo partito Syriza sono in testa ai sondaggi. Così anche Podemos in Spagna, con il suo formidabile giovane leader Pablo Iglesias.
La domanda per gli elettori nei paesi colpiti dalla crisi è: a quale punto diventa razionale uscire dalla zona euro? Potrebbero concludere che non è ora; potrebbero opporsi a una rottura per motivi politici. Ma il loro giudizio è soggetto a cambiare nel tempo, e dubito che stia diventando più favorevole, con l’economia che affonda sempre più nella depressione.
A differenza di due anni fa, ora abbiamo le idee più chiare sulla risposta politica a lungo termine. L’austerità rimarrà. Le politiche fiscali continueranno ad essere restrittive, con gli Stati membri che dovranno obbedire alle nuove regole fiscali europee. Il “programma di stimoli” della Germania, annunciato la scorsa settimana, è quanto di meglio si potrà ottenere: lo 0,1% del PIL tedesco di spese addizionali, e non partirà prima del 2016. Godetevelo!
E la politica monetaria? Draghi ha detto che si aspetta di aumentare il bilancio della BCE di 1000 miliardi di euro. Il presidente della BCE non ha considerato questo numero un obiettivo esplicito, ma un’aspettativa – qualunque cosa ciò significhi. L’interpretazione più ottimistica è che ci sarà un piccolo QE con acquisto di titoli di stato. La visione più pessimistica è che non succederà nulla, e la BCE fallirà questo obiettivo così come sta fallendo il suo obiettivo di inflazione. Io mi aspetto che la BCE raggiungerà quell’obiettivo – e che questo non cambierà praticamente nulla.
E le riforme strutturali? Non dovremmo sovrastimare il loro effetto. Le riforme del lavoro e del welfare tedesco – così apprezzate – hanno reso la Germania più competitiva rispetto agli altri Stati dell’eurozona. Ma non hanno aumentato la domanda interna. Applicate all’intera eurozona, il loro effetto sarebbe trascurabile, visto che non è possibile per tutti diventare più competitivi gli uni rispetto agli altri nello stesso tempo.
Due mesi fa, Draghi ha suggerito che la zona euro punti in tre direzioni contemporaneamente – politiche monetarie più espansive, un aumento degli investimenti del settore pubblico e le riforme strutturali. L’ho definito l’equivalente economico di bombardamento a tappeto. La reazione sembra più l’equivalente economico della Carica dei Seicento.
Queste delusioni in serie non ci dicono con certezza che l’eurozona andrà in pezzi. Ma ci dicono che una “stagnazione secolare” è molto probabile. Per me, ciò costituisce il vero metro di misura del fallimento.

Wolfgang Münchau

Traduzione da vocidallestero.it

11 Nov 2014, 12:31 | Scrivi | Commenti (97) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 97


Tags: Berlino, Draghi, euro, Financial Times, Ft, Grillo, M5S, Marine Le Pen, Munchau, muro, Podemos, QE, Syriza

Commenti

 

preferirei che almeno in questo blog non si faccia vedere quella faccia da ebete gia si vede tutti i giorni in tv
appena lo vedo vado in crisi di identita' ah ah ah

franco cinque 16.11.14 18:20| 
 |
Rispondi al commento

NO SECCO A BEPPE GRILLO come alternativa a Renzi! NO, perché Giuseppe Grillo è lo speaker del movimento e TESTIMONIAL del blog. Alessandro di Battista o Luigi di Maio invece sno competenti e molto promettenti.
Se si è era detto che i condannati non possono diventare premier, allora Grillo NON PUO' DIVENTARE PREMIER. La parola non si smentisce! punto e basta.

Amleto Carigio Commentatore certificato 13.11.14 11:45| 
 |
Rispondi al commento

RISPONDO A RENATO FARINA : IL TUO COMMENTO RIGUARDO AL MIO MESSAGGIO E' VERAMENTE DISCUTIBILE." HAI INDICATO IMBECILLITA' LE MIE OSSERVAZIONI SULL'UNIONE EUROPEA"
IO CONFERMO E SOSTENGO CHE L'UNIONE EUROPEA COSI COME E' STATA IMPOSTA E' E SARA' LA ROVINA DEL NOSTRO PAESE. LE MIE OSSERVAZIONI SUL COMPORTAMENTO DEI CRUCCHI"TEDESCHI" RISPECCHIANO LA REALTA' CHE STA' AVVENENDO AI DANNI DI NAZIONI COME L'ITALIA,LA SPAGNA,IL PORTOGALLO,E LA GRECIA.
LA GERMANIA SI RIPETE, IN PASSATO LE GUERRE LE HA INTRAPRESE CON LE ARMI, OGGI, POICHE' HA AVUTO ESPERINZE NEGATIVE, LA GUERRA LA FA ECONOMICAMENTE E NON SEMBRA CI SIA LA VOLONTA'" SOPRATTUTTO DEI PAESI NORDICI" DI OSTACOLARE QUESTA VOLONTA' DI DOMINIO SUGLI ALTRI.
L'ITALIA PURTROPPO NON HA I PERSONAGGI,"POLITICI" CHE SI SENTONO UN MINIMO NAZIONALISTI, E CON CIO' CAPACI DI DIFENDERE I NOSTRI INTERESSI.
LO VEDIAMO TUTTI I GIORNI. OGNI GIORNO I GIORNALI E LE TV INFORMANO DELLA DISONESTA' POLITICA CHE STA' DISTRUGGENDO IL NOSTRO PAESE.
A FARINA VORREI EVIDENZIARE QUELLO CHE STA' ACCADENDO IN QUESTI GIORNI IN LIGURIA,PIEMONTE E TOSCANA." A CAUSA DEL DISINTERESSE POLITICO SI RIPETONO I DISASTRI"ALLUVIONI" A DANNO DELLE POPOLAZIONI GIA' DANNEGIATE DA ALLUVIONI NEI RECENTI ANNI PASSATI. E I POLITICI? BE LORO PENSANO SOLO A RIEMPIRSI LE TASCHE E PROMUOVERE LAVORI COSTOSI IN MODO DI IMPORRE TANGENTI.VEDI IL MOSES, VEDI LA TAV,VEDI I PROGETTI DEL PONTE DI MESSINA " PER QUEST'ULTIMO SOLO I PROGETTI SONO COSTATI UN MILIARDO DI EURO"
GLI ATTUALI POLITICI??? BE COME E' SUCCESSO NEI PRECEDENTI 20 ANNI SONO SOLO CAPACI DI IMPORRE NUOVE TASSE E PORTARE LE FAMIGLIE DEI LAVORATORI AL DISASTRO ECONOMICO.
CERTAMENTE MI DISPIACE CHE A SUBIRE QUESTA DISONESTA' POLITICA SARANNO I NOSTRI FIGLI, MA SPERO CHE CI SIA DA PARTE LORO LA CAPCITA' DI RIBELLARSI ALLA DISOINESTA' POLITICA ITALIANA.
INTENTO DOBBIAMO SUBIRE IL 43% DI DISOCCUPAZIONE GIOVANILE,IL 13% DI QUELLA ADULTA,CONTRATTI PRECARI E TANTE DISSANGUANTI TASSE. POLITICI VERGONATEVI "DISONESTI"

Gianni Gutti, Roma Commentatore certificato 12.11.14 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Ormai il mercato globalizzato è come un tavolo verde gestito da cinici (de)menti che giocano essi stessi con il danaro incettato ai cittadini, ai quali andranno sottraendo inevitabilmente i diritti fondamentali, rendendoli schiavi in un nuovo medioevo della storia. A cosa è valsa la crescita tedesca degli ultimi decenni, se è avvenuta a scapito delle altre economie dell'eurozona e comunque, se è stata interamente neutralizzata dalla crisi dei partners più significativi? Indubbiamente a modificare significativamente gli equilibri ed a consentire alla Germania di acquisire la leadership incontrastata dell'eurozona. Questa è la stagnazione secolare cui andranno incontro i popoli incapaci di rivendicare la loro dignità, oppressi dalle bizze dei potenti padroni della finanza e dai tributi irrogati dai loro emissari governanti.

Placido Calabrò, Messina Commentatore certificato 12.11.14 08:41| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo la gente si renderà conto di dove è sprofondata solo quando sarà troppo tardi.. junkers è inqualificabile.... messo lì dalla merkel è un burokrate fallimentare...

capitan spaventa Commentatore certificato 12.11.14 08:36| 
 |
Rispondi al commento

"nulla si crea, nulla si distrugge, nemmeno il denaro"
..
In questa frase c'è tutta l'incomprensione del sistema monetario.
La nostra moneta si chiama "fiat" proprio perché è emessa dal nulla, senza controvalore reale: è proprio così, l'euro si crea dal nulla (accreditando zeri sui conti delle banche commerciali europee) e altrettanto dal nulla si distrugge (accade quotidianamente in milioni di operazioni finanziarie, inclusa la riscossione tributaria).
E' stata questa la grande invenzione dell'età moderna: liberare la moneta, e dunque la politica economica, dal vincolo "reale" rispetto a un bene esistente e limitato.
La moneta è solo uno strumento, dalla cui circolazione dipende però il nostro benessere.
Averne accentrato il controllo nelle mani di pochi soggetti privati, che hanno interessi opposti al bene comune, forse forse è stato uno sbaglio. Che dite?

Roberto B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 12.11.14 07:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SEGUE DAL PRECEDENTE " MURO DI BERLINO"
MA NON BASTA BERLUSCA- BISOGNA VEDERE QUELLO CHE QUOTIDIANAMENTE ACCADE: GENOVA ALLUVIONATA : DENARO STANZIATO PER LAVORI DI PROTEZIONE BLOCCATI PER 2 ANNI E COSI SI RIPETE L'ALLUVIONE E IL DISASTRO DELLE POPOLAZONI LIGURI.
MA I DIRIGENTI DELLA REGIONE SI AUTOATTRIBUISCONO PREMI DI PRODUTTIVITA' " 25.000,00 EURO" PER NON AVER FATTO UN CAZZO PER ESEGURE LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DEL TERRITORIO".
ANDIAMO IN SARDEGNA: L'AREA E' UNA SOCIETA' PROPRIETARIA DI MIGLIAIA DI APPARTAMENTI ASSEGANTI A FAMIGLIE IN DIFFICOLTA' ECONOMICA. EBBENE MOLTI DI QUESTI APPARTAMENTI SONO ALLO SFACELLO E SONO FATISCENTI. LA PROPRIETA' NON HA IL DENARO PER FARE LE MANUTANZIONI E INFATTI LICENZIA 150 DIPENDENTI PER DIFFICOLTA' ECONOMICA, PERO' I DIRIGENTI SI AUTOATTRIBUISCONO UN PREMIO ANNUO DI 25.000,00 EURO. CHE DISONESTA', CHE VERGOGNA.
ANDIAMO A ROMA. IL COMUNE MASSACRA DI TASSE I CITTADINI,IL SINDACO SI INTERESSA PIU' DEL MATRIMONIO DEI GHEY, E POI EVIDENZIA CHE SPENDE PER I CAMPI ROM 250.000.000,00 EURO L'ANNO. SOLDI CHE LEVA AI ROMANI PER MANTENERE I ZIANGARI PROVENIENTI DA ROMANIA, IUGOSLAVIA,ALBANIA E BULGARIA. CHE VERGOGNA, CHE SCHIFO.
ANDIAMO PIU' GIU' E PRECISO CHE IO SONO FIGLIO DI UNA PALERMITANA. PALERMO : I DIRIGENTI DELLA REGIONE SICILIA SI RIDUCONO LO STIPENDIO ANNUO A 240.000,00 EURO " BEL CAZZO DI CAPOLAVORO SE PENSIAMO CHE OBAMA PRESIDENTE DEGLI U.S.A GUADAGNA 300.000,00 DLLARI L'ANNO.
MI DOMANDO MA FORSE PRENDONO ESEMPIO DAL NOSTRO PARLAMENTO DOVE I PARLAMENTARI GUDAGNANO 19.000,00 EURO AL MESE, I BARBIERI DELLA BUVETTE NE GUADAGNANO ALL'ANNO 99.000,00 EURO E I COMMESSI E USCERI DEL PARLAMENTO 5.000,00 EURO AL MESE. MA CHE SCHIFO, CHE VERGOGNA.
CERCO CON QUESTO ANDAZZO E CON LA VOLONTA' DI RENZI DI PRENDERE ACCORDI CON IL PUTTANIERE DI MAROCCHINE PER GOVERNARE CI SI PUO' ASPETTARE DI TUTTO. E AL POPOLO??? DISOCCUPAZIONE,PRECARIATO,ESODATI,TASSE DISSANGUANTI,LAVORI PRECARI, INSOMMA TANTA DISONESTA' POLITICA. CHE VEROGNA,CHE VERGOGNA.

Gianni Gutti, Roma Commentatore certificato 11.11.14 22:13| 
 |
Rispondi al commento

LA CADUTA DEL MURO??? IL MURO DI BERLINO??
LA MERKEL NEL SUO DISCORSO DI OGGI HA SOSTENUTO CHE I SOGNI SI REALIZZANO QUANDO C'E' LA VOLONTA' POPOLARE! LA GERMANIA?? E' LA VERGOGNA D'EUROPA E CON LA SUA POLITICA LA STA SMANTELLANDO PERCHE' RIEMERGE LA VOLONTA' EGEMONICA DEI CRUCCHI COME QUELLA CHE CAUSO IL 1°CONFLITTO MONDIALE E IL 2° CON IL QUALE CAUSARONO 50 MILIONI DI MORTI.
LA GERMANIA E' UN PAESE CIVILE?? SE APRONO UN MUSEO COME PROPRIA ARCHEOLOGIA POTREBBERO ESPORRE DEI FORNI CREMATOI!!
MA LASCIAMO PERDERE I CRUCCHI DISTRUTTORI D'EUROPA E PENSIAMO ALL'ITALIA!
MA CHE COSA E' IL NOSTRO PAESE?? UNA NAZIONE GOVERNATA DA DECENNI E DECENNI DA DELINQUENTI POLITICI CHE STANNO PORTANDO IL NOSTRO PAESE AL DISASTRO ECONOMICO. ANDIAMO A VEDERE!
IL PRESIDENTE NAPOLITANO 90NTENNE, CREDO CHE SOFFRA DI SCLEROSI. IN PRATICA DUBBITO CHE SIA SANO DI MENTE. E COMUNQUE NEI BARLUMI DI LUCIDITA' AGISCE COME HA SEMPRE FATTO IN 60 ANNI DI APPARTENENZA POLITICA!
LUI IN PROSSIMITA' DI ESSSERE INTERROGATO SU QUESTIONI MAFIOSE FRA GOVERNO E MAFIA FA DISTRUGGERE LE INTERCETTAZIONI, POI SI PROPRONE PER L'INTERROGATORIO E COSA SI POTREBBE IMPUTARE A LUI SE ALCUNE PROVE SONO STATE DISTRUTTE??
ANDIAMO AL BERLUSCA. GOVERNA PER 20 ANNI, SUBISCE DUE CONDANNE,AVEVA COME COLLABORATORI PREVITI CONDANNATO, E DELL'UTRI CONDANNATO PER MAFIA, AVEVA NELLA SUA TENUTA DI ARCORE ALLE SUE DIPENDENZE MAGANO NOTO MAFIOSO POI CONDANNATO.
MI DOMANDO : MA SARA' BERLUSCA UN COLLABORATORE MAFIOSO VISTO LE PERSONE DI CUI SI CIRCONDA??
COMUNQUE E' BEN NOTO CHE AL BERLUSCA OLTRE CHE TIFOSO DELLA MAFIA SIA ANCHE UN GRANDE SIMPATIZZANTE DI MIGNOTTE E DONNE DI DUBBIA ONESTA' VISTO CHE ORGASIZZA FESTINI CON MAROCCHINE, ELEGGE AL GOVERNO EX MODELLE DI FOTO NUDE E CURATRICI ESTETICHE DI CUI SI E' SERVITO.
BEL CAZZO DI CAPOLAVORO I NOSTRI GOVERNATI.
E POI? UN ALTRO SUO COLLABORATORE CHE RICEVE IN REGALO UN APPARTAMENTO CON VISTA SUL COLOSSEO,"GLE L'HA REGALATO ANOMONE PLURI INQUISITO PER LAVORI G8 IN SARDEGNA. CHE VERGOGNA

Gianni Gutti, Roma Commentatore certificato 11.11.14 21:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo l’uscita dall’euro conserveremo magari qualche moneta di euro come ricordo allo stesso modo in cui molti hanno portato a casa un pezzo dei calcinacci del Muro di Berlino. Quelle monete peseranno come pezzi di cemento armato ed evocheranno gli orrori, le ingiustizie e le tragedie vissute dalle persone che hanno sofferto a causa dell’euro.

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 21:17| 
 |
Rispondi al commento

L'analisi di W. Munchau sulla depressione da euro è in buona parte condivisibile, ed anche su una stagnazione economica di lungo periodo. Manca in questa realistica e fosca prospettiva l'indagine sulle cause che a mio avviso sono individuabili nel più irrazionale ed inetto neo-liberismo che la storia delle economie industriali-capitalistiche possa ricordare. La concentrazione della ricchezza finanziaria in un numero ristretto di soggetti rispetto ad una massa sempre più in crescita di lavoratori sotto pagati e dislocati in tutto il mondo, questo consegna la UE alla più cocente condizione di impotenza di fronte alla recessione ed alla stagnazione delle nazioni e stati che ne fanno parte.

Mario Samele 11.11.14 21:13| 
 |
Rispondi al commento

BLOCCATO DA TZETZE PER QUESTO QUESITO

SULLA VICENDA SALVINI

FARE UN DANNO DI QUEL GENERE AD UN'AUTO DI
UN LEGHISTA
DI UNO SLAVO
DI UN MAGREBINO
DI UN CINESE
DI UN TERONE
SECONDO VOI DA CHI VI CONVIENE RIMANERE A FARE 2 CHIACCHERE?

sagasg 11.11.14 17:15| 
 |
Rispondi al commento

TERRETE APERTO QUESTO VESPASIANO ANCHE QUANDO I

COMMENTI CANCELLATI SUPERERANNO QUELLI IN CALCE?


SE IL PD FOSSE VOSTRO NEMICO

SE IL PD AVESSE ASSOLDATO DEI TROLL

AVREI GIA' DATO IL COLPO DI GRAZIA

A QUESTO BLOG IN AGONIA DI CONTENUTI

E STRAPIENO DI STRONZATE DI BANNER!

asfgsfa 11.11.14 17:10| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE VIDEO,

GRILLINI CHE GRIDANO AD ALTRI GRILLINI

"VAI COL PD"

"VENDUTI"

E' BELLISSIMO NON AVERE ALTERNATIVE

IN QUESTO PAESE!


O LO LASCI IN MANO A DEI CRIMINALI E DELINQUENTI

O AFFIDI L'OPPOSIZIONE A DEI PIRLA!


http://www.imperiapost.it/75726/colpo-di-scena-in-consiglio-comunale-russo-m5s-espelle-la-glorio-dal-gruppo-consiliare-la-replicanon-decidi-tu-resto-video


COLPO DI SCENA IN CONSIGLIO COMUNALE. RUSSO (M5S) ESPELLE LA GLORIO DAL GRUPPO CONSILIARE. LA REPLICA:”NON DECIDI TU, RESTO”

asasga 11.11.14 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Oggi siamo riusciti a fermare gli espropri della Terna s.p.a. Che sta costruendo un'elettrodotto che dal Montenegro porterà energia elettrica fossile in Puglia.
I tangentari li abbiamo buttati fuori dalle nostre terre.
Un ringraziamento speciale ai deputati 5 stelle che hanno partecipato all'occupazione del terreno.
Noi non molliamo, domani saremo presenti in agli altri espropri in programma.
Noi non ci arrendiamo.
P.s. Per chi vedrà le foto, un saluto da quello che sta sul trattore con la bandiera ;)

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 11.11.14 15:46| 
 |
Rispondi al commento


Il rublo è in crescita nei confronti del dollaro e dell'euro
Il rublo è in crescita nei confronti del dollaro e dell'euro


Il rublo rispetto al dollaro e all'euro è in aumento di oltre 1 rublo secondo le dichiarazioni di Vladimir Putin. Questi sono i dati secondo la Borsa di Mosca.

Il tasso di cambio del dollaro alle 8.40 (ora italiana) è sceso a 1,01 rubli ed è a 45,70 rubli, il tasso di cambio dell’euro è sceso di 1,05 rubli ed è a 57,01 rubli. Parlando al vertice APEC, Putin ha detto che si aspetta di stabilizzare il rublo nel prossimo futuro. Secondo lui, in questo momento vi sono salti speculativi del rublo, e ciò che sta accadendo nel mercato del forex non è associato con ragioni economiche fondamentali. Egli ritiene che i pagamenti in rubli e yuan sono promettenti e che l'impatto del dollaro possa diminuire.

Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_11_10/Il-rublo-e-in-crescita-nei-confronti-del-dollaro-e-delleuro-6647/

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 11.11.14 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
Ho urgente bisogno di parlare con la staff di Beppe Grillo o qualcuno che si occupi di segnalazioni, iniziative ecc. Io sono un avvocato specializzato in diritti umani. Sono a Milano, ma dal circolo m5s Milano non risponde nessuno. Aspetto un vostro contatto. Grazie

g konul 11.11.14 15:40| 
 |
Rispondi al commento

'Mazza oh ch'avete il clik facile.
Bang Bang!!

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 15:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA CADUTA DEL MURO DELL'EURO #FUORIDALL'EURO

"In Francia Marine Le Pen, la leader del Fronte Nazionale, potrebbe vincere un ballottaggio con il presidente François Hollande. Beppe Grillo, il leader del Movimento Cinque Stelle in Italia, è l’unica alternativa credibile a Matteo Renzi, il presidente del Consiglio in carica. Sia la Le Pen che Grillo vogliono che i loro paesi escano dall’eurozona. In Grecia, Alexis Tsipras e il suo partito Syriza sono in testa ai sondaggi. Così anche Podemos in Spagna, con il suo formidabile giovane leader Pablo Iglesias."

SI STA MUOVENDO IN QUESTA DIREZIONE IL M5S IN EUROPA?

Pensiamo di far proporre anche in altri paesi europei dei referendum sull'Euro?

Se monta l'incaxxatura genarale sarà semplice buttarli giù con un soffio, ma solo se soffieremo tutti insieme, altrimenti gli faremo solo fresco.

In Europa si era detto di andare a cercare obiettivi comuni, condivisi, più comune e condiviso dell'Euro che c'è?

Chiediamo di mettere ai voti una richiesta di referendum europeo sull'euro!

Francia, Spagna, Grecia, Portogallo, Italia cosa voterebbero?

È da Bruxelles che devono nascere queste cose, lì c'è tutta Europa!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.11.14 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono contrario all' uscita dall'€ se questo è solo per l'Italia.
Meno sofferenze ci saranno se si sciogliesse tutto.
Ovviamente 15/20 anni fa l'Italia doveva confrontarsi “solo” con i paesi occidentali, per quanto riguarda i prodotti. Chi parlava della Cina?
Adesso il peso del paese scende in modo drammatico, anche il Brasile ci ha superato sul PIL, mi domando perchè mai le industrie, i servizi saranno efficienti, quando si scioglierà l'€.

L'€ non funziona su qualche versante? Forse è meglio modificarlo prima di ucciderlo, e dopo rimpiangerlo.
Paolo TV

PaoloR Z. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 11.11.14 15:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rita L.

Lo sappiamo che sei culo e mutanda con lo Staff, se no col cazzo che riuscivi a far cancellare messaggi e bannare nick in un colpo solo, ma tant'è:

Talebana cecata, nonchè cogliona di merda rimani

e gallina di Banderas...

un amico 11.11.14 15:27| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Wolfgang Münchau
LA CRISI è FINITA......

vogliamo raccontarlo, per esempio,
ai cassaintegrati,
agli operai dell'acciaieria di Terni
ai dipendenti FIAT
a quelli ALITALIA, ai MERIDIANA,
ai minatori Sulcis, alla piccola media-impresa,
ai giovani disoccupati, al costo della SANITA',
al costo della scuola pubblica,
a l'Aquila da ricostruire, ai terremotati dell'Emilia, a quelli ancora dell'Irpinia,
a Genova, la costa ligure, quella toscana
a tutti coloro che ora nn riesco a ricordare ma che restano conficcati come spilli nelle carni di ognuno di noi, di ognuno di VOI....

Münchau....che altro dire?

venutalmondo *, Roma Commentatore certificato 11.11.14 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“”…Due anni fa, coloro che fanno le previsioni, speravano in una forte ripresa economica””

Balle!!!

Balle astronomiche!!!

L’euro è stato concepito per mandare in malora l’economia degli stati europei, uno per uno, e i “”meccanismi per affrontare questa grave minaccia”” non esistono, ovvero, è stato programmato tutto perché avvenisse il contrario.

L’economia doveva, come sta accadendo, sprofondare sempre più nella depressione.
L’esempio di quello che accade in Italia è lampante, e solo le galline cieche non riescono a vederlo, NON ESISTE PRODUTTIVITA’ – NON ESISTE LAVORO non esiste sviluppo e non arriverà né nel ’15 né mai.

E questo post, come tutti gli altri sull’euro, dovrebbe essere sostituito con post che entrino capillarmente nel merito, nelle conseguenze, che illustrino esattamente cosa succederà dal momento in cui si avverasse il passaggio alla moneta sovrana nazionale.

Mandate chi vi pare, professionisti con le palle, economisti, docenti… chi volete! E fateci spiegare, dal prossimo post fino al referendum, gli effetti dell’abbandono dell’euro. Cosa succederebbe a chi ha un mutuo in euro e si trovasse a dover pagare interessi in lire, per esempio….

Non aggiungo altro, se non qualcuno si sfinisce…

Lone Wolf Commentatore certificato 11.11.14 15:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perché, nonostante tutto quello che sta succedendo (case crollate, fango dappertutto, muri di polistirolo, morti per un po' di pioggia, sempre le stesse persone, (che hanno provocato tutto ciò), al comando, i sondaggi danno renzi, ancora al 40%?. MA CARI ITALIANI, siete MASOCHISTI o siete DEFICIENTI ?. Se non l'avete ancora capito, tutti questi danni li pagheremo NOI, con altre tasse. Le persone a cui, ancora, date credito, stanno lì solo per farsi i CAZXI LORO. Ve lo ha detto , a chiare lettere, razzi, cosa volete UN DISEGNINO? AFFANCULO VOI E LA VOSTRA PIGRIZIA, che non vi permette di informarvi correttamente e, per colpa vostra, dobbiamo PAGARE anche NOI.

alfonsina p. Commentatore certificato 11.11.14 15:07| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
Non appena si è sparsa la voce delle (probabili) dimissioni dell’attuale Presidente della Repubblica, immediatamente è scattato il totoscommesse per la corsa alla poltrona, indirizzata questa volta tutta a favore delle donne. E’ per davvero demenziale attribuire al sesso e non al cervello le qualità necessarie per governare un paese, come se si trattasse di un gioco e non di cose tragicamente serie, da cui dipende la qualità di vita presente e futura di tutti i cittadini, quasi che “essere moderni” significhi giudicare il valore di un individuo dal sesso non più dalle qualità morali e intellettive, che risiedono in alto e non così in… basso!
Nessuno a quanto pare, si pone il problema della necessità di affidare una nazione (trascinata alla deriva dall’incapacità morale e intellettiva di una classe politica impresentabile sotto ogni profilo) ad un personaggio che si sia distinto per onestà, intelligenza e competenza, per riportare la nazione ai livelli che aveva prima che questi esseri la saccheggiassero. Serve un personaggio saggio e coraggioso che restituisca alla nazione quella sovranità nazionale e monetaria che è di vitale importanza, se vogliamo che l’Italia torni a rinascere! Basta con la politica succube delle banche mondiali e delle multinazionali, piegata alle logiche di mercato! Serve un Presidente che ponga al primo posto l’essere umano, che sappia dire NO!
No alla guerra (che gli italiani ripudiano).
No al trasferimento delle ricchezze in poche mani e la povertà e disperazione per tutti!
No ai mercati che pongono sullo stesso piano merci ed esseri umani!
No alla schiavizzazione dei lavoratori!
No alla privatizzazione selvaggia!
No alle leggi ad personam e non uguali per tutti!
No ai condannati nell’amministrazione pubblica!
No al ritorno al Medio Evo!
No alla divisione degli uomini in schiavi e padroni!
Serve un Presidente con le caratteristiche di Gino Strada perché l’Italia sta morendo e ha bisogno di essere curata!


Fuori dall'euro prima che sia troppo tardi

alvise fossa 11.11.14 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Un modo forbito di dire che siamo nella merda.

Franco Mas 11.11.14 14:42| 
 |
Rispondi al commento

PER USCIRE: DA QUESTO, A BISSO, INFERNALE LA PRIMA, COSA.. E USCIRE. DALL'EURO DOPO DIRE ALLA B.C.E. CHE NON POSSIAMO,PI U' PAGARE, GLI INTERESSI, SUL DEBITO PUBBLICO CHE LE CASSE STATALI SONO VUOTE... FARE UNA NUOVA LEGGE FISCALI DI ABBASSAMENTI IL CUNEO FISCALE SU TUTTE LE INDUSTRI CHE INVESTIRANNO IN ITALIA...QUESTO PAESE HA UNA CAPACITA'DI PRODUTTIVITÀ INVIDIATA, DA TUTTO IL MONDO L'ITALIA E IL PAESE PI U' RICCO DI TUTTA UNA ESPERIENZA.. DI PROGRESSO DI TUTTE LE ATTIVITÀ, MONDIALI... SIAMO IL PAESE PI U' RICCO DEL MONDO.. MA NON LO SAPPIAMO, APPREZZARE....LA DISGRAZIA, DI QUESTO PAESE E DI AVERE UNA CLASSE POLITICA.. LADRA, PARASSITA......

ANIELLO BALESTRIERI 11.11.14 14:41| 
 |
Rispondi al commento


SE IL M5S CAPISCE QUESTO E SE SA COSA FARCI ALLORA LA SMETTO.

La frase sotto può creare o distruggere la vita di milioni di famiglie italiane medie, o il lavoro di migliaia di aziende, e per generazioni:


“Con 879 miliardi di euro in NPL (in crescita certa nel prossimo quarto) per le banche dell’Eurozona, peggiorato dalle proiezioni negative in CFR, la BCE non può ammettere l’esistenza di deflazione sistemica e finge che ABS QE, Sovereign QE e Covered bonds QE creeranno l’inflazione per mangiarsi questo tumore di NPL. E’ una speranza vuota che si traduce nella negazione che in realtà tutte le banche europee sono fallite”.

Cari M5S, capite cosa ha fatto e cosa farà alle famiglie e aziende dietro casa l’affermazione di cui sopra? Sapete come manovrare in Eurotower o al Tesoro per rimediare a questa immane catastrofe dell’economia di tutti noi, per i prossimi 100 anni? Se sì, e me lo dovete dimostrare, mi affiderò a Grillo. E smetterò di scrivere che Grillo fa solo boati gastrici e che il M5S corre dietro ai ladri di polli.

PB

ivano corucci 11.11.14 14:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'IMPREVISTO

Come accade spesso nelle cose umane non sempre ciò che si è programmato si realizza.
La presunzione di poter controllare gli eventi e la boria di elevarsi a sommo decisore sulla sorte di interi popoli ha prodotto l'implosione sociale attuale che provocherà un caos generazionale senza precedenti.
La finanza mondiale ha fatto i conti senza l'oste.
Ha continuato a raschiare dal barile senza rendersi conto che l'impoverimento della classe media avrebbe provocato recessione e deflazione con una caduta occupazionale senza precedenti.
L'impoverimento è palpabile sulla nostra pelle,è visibile per le strade dove ogni giorno chiude un esercizio commerciale o un impresa.
Ovunque fittasi e vendesi mentre il paesaggio circostante si deprime per mancanza di interventi ordinari,perfino della pulizia quotidiana delle strade perchè ormai gli enti locali sono al collasso.
Qui si parla di QE,di politiche monetarie espansive,di interessi,di tassi ma alla fine il risultato lo viviamo sulla nostra pelle,sulla povertà che dilaga,sulla mancanza di lavoro,sul precariato.
L'aria è esplosiva perchè le persone non hanno più nulla da perdere e ci sarà sempre più contestazione,lotte e rivolte,la tanto decantata rivoluzione si avvicina.
La politica e non solo quella Italiana è col culo per terra,incapace di prendere decisioni assennate ancora in cerca di consensi nonostante i fallimenti di cui si sono resi responsabili.
La cinghia si è rotta.
E' troppa la viltà per aver rapinato il popolo che si doveva rappresentare e non ci saranno argini perchè questa volta è saltato il banco.
Una domanda sorge spontanea:
Questi sarebbero quelli che dovevano assicurare la pace in Europa?
Meritano il peggio e il peggio avranno.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 11.11.14 14:28| 
 |
Rispondi al commento

bisogna andare avanti non indietro la peste del mondo è la speculazione? - niente più dollaro euro e yen - fare il credito - moneta unica mondiale unica via per un mondo più giusto

giorgio stroppiana 11.11.14 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate l'ot:
Ma dico io il Patto del Nazzareno è segreto e come mai tutti ne fanno riferimento?
Brunetta,D'alema,Serrachiani,Schifani,Gasparri ecc,ecc. ma non è stato fatto fra B.e Renzi con la
regia di Verdini ed il benestare di Napo?
Cerchiamo di non farci prendere per i fondelli.
Si sa solo che è un patto fra un delinquente e un nominato!
Giusto l'esposto(un pò lungo 31 pagine) ma era da inviare copia anche alla Corte Costituzionale per anticipare i tempi.
Non vorrei che impiegassero altri 8 anni per dichiarare la Legge elettorale incostituzionale che non è altro la brutta copia del Porcellum cioè la "maialata"(in toscano vicino a Rignano).

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.11.14 14:15| 
 |
Rispondi al commento

... questa è la pura e semplice verità ... Beppe ci hai visto giusto e sapevo che era questione di tempo e i tuoi detrattori avrebbero fatto la loro figura da soli, bastava semplicemente aspettare che maturassero i tempi ... ora il problema è che lasciare queste rovine a chi viene dopo è una bastardata da vigliacchi e si dovrebbe fare pagare loro il danno con leggi adeguate e interdizione dai pubblici impieghi a tutta questa gentaglia fino alla settima generazione ... la gente dovrebbe essere informata che se adesso seguiranno anni di lacrime e sangue non sarà certo colpa del 5 stelle, quando andrà a governare: per prima cosa si dovrebbero usare tutti i mezzi televisivi e informativi di stato per denunciare in quale condizione viene consegnato il paese ai governanti 5 stelle!

stefano leo 11.11.14 14:03| 
 |
Rispondi al commento

E PERCHE'MI DEVO INCAZZARE SOLTANTO IO?
Tiè!
http://www.sivempveneto.it/vedi-tutte/24810-pensioni-un-comma-sparito-alla-legge-214-cancella-il-tetto-a-quelle-piu-ricche-costera-25-miliardi-in-10-anni-vitalizi-fino-al-115-dellultima-paga

Francesco D., Carrara Commentatore certificato 11.11.14 14:03| 
 |
Rispondi al commento

ecco se vogliamo sapere qualcosa bisogna andare ad una fonte estera.
Una piccola puntualizzazione al bel post:
In Italia, come in altri paesi europei ,si sta facendo con la TV ,l'addomesticamento dell'italiano a favore dell'Europa e quindi dell'euro!
pertanto gli euro scettici non avranno la forza di uscire dall'euro.!
Perchè uscire dall'euro vuol dire uscire dalla banca centrale europea e dalle banche private.
Perchè uscire dall'euro vuol dire dare autonomia alle nazioni di battere moneta.
Perchè uscire dall'euro vuol dire ritrovare la propria sovranità nazionale.
Perchè uscire dall'euro vuol dire uscire da un cappio economico che si stringe sempre più sui cittadini.
^.^

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.11.14 13:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il nuovo Palinsesto Televisivo

http://ilblogdilameduck.blogspot.it/2014/11/il-nuovo-palinsesto-televisivo.html

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 13:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4588

Marco Della Luna: il lavoro rinasce con una moneta sovrana

Finanziare la spesa pubblica con le tasse, magari una patrimoniale? Sbagliato due volte, protesta Marco Della Luna. Primo, perché i grandi patrimoni sono finanziari, dunque volatili e sfuggenti. E soprattutto perché chiedere altre tasse significa rassegnarsi al sistema-truffa dell’emissione privatizzata del denaro: per uscire dalla crisi, infatti, basterebbero iniezioni di valuta sovrana a sostegno dell’economia reale, cioè posti di lavoro. Possibile che la sinistra sindacale non lo capisca? Purtroppo sì. Perché «il sindacato e gran parte della sinistra non hanno le basi culturali o la libertà di azione necessarie per poter imporre al dibattito pubblico, politico, sindacale, parlamentare, di trattare i veri temi nodali». Ovvero: «Come viene creato il denaro, da chi, a vantaggio di chi, con che diritto, con quali profitti, con quale tassazione su questi profitti». L’uscita dal tunnel è una sola: «Creazione di denaro direttamente da parte dello Stato, senza che lo Stato lo debba comperare dando in cambio titoli pubblici, cioè indebitandosi». Questo dovrebbero chiedere, Landini e Camusso, e con loro i quasi 5 milioni di italiani iscritti alla Cgil.

Secondo Della Luna, il pericolo è lo strapotere del capitale finanziario, cresciuto fino a 15 volte l’economia reale. Come? In due modi: autorizzando le banche a compiere azioni di pirateria speculativa e, prima ancora, concedendo ai mercati finanziari di ricattare gli Stati mediante l’acquisto del debito pubblico, nel momento in cui – in Italia dagli anni ‘80 – si è vietato alla banca centrale di continuare a finanziare il governo, cioè i cittadini, emettendo moneta a costo zero. Ora, con l’euro, siamo all’incubo elevato a sistema. [...]

>>>>>>>

Rio Savè Commentatore certificato 11.11.14 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutte le inedite convergenze parallele fra gli economisti critici della moneta unica europee fra Lega, Fratelli d'Italia, Movimento 5 Stelle e ora pure sinistra Pd...

Le sirene dei no euro attirano la sinistra dem. La minoranza del Pd si sta infatti lasciando conquistare da chi sostiene la necessità per il nostro Paese di uscire dalla moneta unica europea. Peccato però che tutto ciò accada a ben cinque mesi di distanza dalle elezioni per il Parlamento Ue; a maggio, infatti, il partito di Matteo Renzi ha conquistato il 40,8% dei consensi facendo leva sulla permanenza in Europa e nessun ritorno alla lira o cose simili.
...L’aria, però, adesso è decisamente cambiata nella sinistra interna al Pd, dove a mettere in discussione la permanenza stessa dell’Italia nell’euro sono esponenti di primo piano come Gianni Cuperlo e Stefano Fassina
...

http://www.formiche.net/2014/11/11/fassina-cuperlo-sedotti-dalle-tesi-anti-euro-bagnai-borghi/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 11.11.14 13:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da alcuni anni si è trasferito a Bruxelles, dove guida un sito a pagamento di analisi sull’eurozona che contra tra i suoi clienti le più grandi imprese od organizzazione continentali.

http://www.giornalettismo.com/archives/723481/chi-e-wolfgang-munchau/

Piero M., Milano Commentatore certificato 11.11.14 13:14| 
 |
Rispondi al commento

FARE SUBiTO CONFERENZa STAMPA Per raccolta firme! SALVinis vieni a firmare con noi ci manca il verme!

Davide Marini 11.11.14 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare una buona analisi , bisogna che sempre più gente prenda coscienza di come stanno veramente le cose .Vi propongo questo video molto interessante https://www.youtube.com/watch?v=AYg0_T-zgLs . Ciaoo

Gedeone M., civate (lc) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.11.14 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho l'impressione però che la raccolta firme non la si voglia fare.

Piero M., Milano Commentatore certificato 11.11.14 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Berlino dovrebbe pagare per i crimini nazisti in Italia
di
Stefan Ulrich
– 8 novembre 2014Pubblicato in: Germania
Traduzione di ItaliaDallEstero.info
PrintFriendly and PDFStampa

Sueddeutsche Zeitung

Le vittime italiane del nazionalsocialismo possono, in seguito a una sentenza della Corte Costituzionale italiana, chiedere i danni alla Germania. In questo modo la massima corte italiana si pone in conflitto con una sentenza del Tribunale internazionale dell’Aja.

La Germania teme una piena di processi civili e di tentativi di requisire e mettere all’asta beni tedeschi che si trovano in Italia. Altri paesi che erano stati colpiti dalla Germania nazista potrebbero poi seguire l’esempio italiano, come ad esempio l’Ucraina, la Russia e la Grecia.

Tra Germania e Italia esplode un conflitto difficile e pieno di conseguenze, relativo al rimborso dei danni causati dai crimini nazisti. La Corte Costituzionale italiana di Roma ha ora deciso che le vittime dei nazisti possono denunciare la Germania per danni di fronte a tribunali civili italiani. Il principio dell’immunità di stato, che impedisce di fatto questo genere di cause, non varrebbe, quando si tratta di azioni illegittime di uno stato, che possono essere considerate crimini di guerra e crimini contro l’umanità. La motivazione dei giudici romani: in simili casi estremi hanno la precedenza sui diritti inalienabili dell’uomo, che sono garantiti dalla Costituzione italiana. Il supremo tribunale si pone così in contrasto con una sentenza della massima corte della comunità internazionale. Il Tribunale internazionale dell’Aja aveva, nel 2012, dato ragione alla Germania nella causa per danni che la opponeva all’Italia. I giudici dell’Aja avevano deciso che l’immunità di stato vale anche per i più gravi crimini contro l’umanità. I tribunali italiani avevano pertanto dovuto respingere le cause civili di vittime italiane del nazismo come inaccettabili. L’Italia si era piegata alla sentenza e aveva emanato nel 2013 una legge, che

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 11.11.14 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

€ >>>>>>ffffffffffffffffffffffsssciutfffahhhhhhh

Superciuck :)) 11.11.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Bello, tutto chiaro.
Peccato che mia nonna non lo saprà mai.
E non per colpa sua.

Bob C., Rieti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Boldrin spiega su noisefromamerika.org le motivazioni per cui sarebbe impensabile uscire dall'euro, ed effettivamente chi ha soldi prestati fallirebbe miseramente. Viceversa, chi sta bene decollerebbe. Ma la storia insegna, quando fu fatta l'unità d'Italia il meridione, che era ricco, fu fagocitato dai savoia perchè gli inglesi non tollerarono che i borboni iniziassero a pretendere giustamente di esser pagati bene per lo sfruttamento delle loro miniere di zolfo in Sicilia (l'allora petrolio nero) e finanziarono la spedizione... l'itala fu unita e il meridione sfruttato e oppresso, grazie all'utilizzo dei mafiosi di zona. Con l'Europa sta accadendo la stessa identica cosa.. Gianbattista Vico Insegna. Adesso il lavoro lo spostano in oriente e noi diverremo un paese decadente e morente. Grazie alle famiglie ricche e ai finanzieri che da 200 anni ci manipolano a loro piacimento, solo una rivoluzione culturale prima e violenta poi, si potrebbero cambiare le cose...

claudio mela, Aprilia Commentatore certificato 11.11.14 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Ehmmm.. ma da noi c'è il muro di Piddinia, duro da buttar giù, se poi gli promoviamo anche i candidati,capisc'a me!

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Alessandro Di Battista

Napolitano si dimette e noi a commentare, “voglio lui”, “ma no, e' meglio l'altro”. Toto-presidente sui social, mega-sondaggi e ognuno a dire la sua. E poi c'e' il lunotto rotto al campo rom. “Se l'e' cercata”, “ma che dici, e' stato aggredito”.

Ultras, questo siamo. Tifosi che mentre sono allo stadio i ladri gli svaligiano casa.

Mentre siamo allo stadio a commentare qualsiasi stronzata che accade, in Italia piove. Mentre discutiamo su successioni e aggressioni in Italia piove. E se in Italia piove la gente perde la casa, sparisce nel fango e muore.

E chi muore muore per sempre. E per sempre quel fango ti resta addosso. A noi, popoluccio, il fango addosso ce lo gettano da 60 anni. Sappiamo come fanno, sappiamo chi lo fa.

Il fango da noi ti ammazza, da Chiavari al Gargano passando per Carrara.

La guerra non e' in Afghanistan dove ancora buttiamo soldi e proiettili. La guerra e' in casa e nei nostri cervelli cosi' facilmente controllabili, manipolabili.

Un grazie va a quei cittadini che a Carrara hanno deciso di occupare il Comune fino a quando un sindaco incapace non si dimetterà. Sono italiani che fanno il loro dovere. Si ribellano (senza violenza ma con durezza) ad uno Stato corrotto che ci lascia morire sotto la pioggia.

Strano paese il nostro, un lunotto rotto fa più share dello Stato corrotto. Ma i morti dipendono da cosa?

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 11.11.14 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo capito! Ma la raccolta delle firme si fa o no?

Piero M., Milano Commentatore certificato 11.11.14 12:36| 
 |
Rispondi al commento

1!!!

Non andate in tv? e va bene.
Ma 'ste cose come si fa a farle sapere a tutti?
Propongo qualche comparsata, stile paolini (o pannella dei bei tempi). Vi mettete dietro quelli del tg con un cartello al collo.
... ;)
scherzo, eh..!

Rita L. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Mi riferisco al post dei “due forni”.
Sono rimasto sconcertato dalle motivazioni addotte dal Giannuli.
A parte le sue considerazioni sui commenti “esilaranti” o meno, mi chiedo (e l’ho riletto più volte) se davvero non si debba tener conto di un nome come Dell’Utri, e mi fermo qui, non serve altro.
Ma c’è una cosa che riesco a leggere tra le righe, che tutto questo lo si sapeva bene, e mi chiedo perché mai non siamo stati messi preventivamente al corrente di questi contenuti (Martone…Dell’Utri…)
Personalmente trovo esilarante la gestione di una consultazione sul blog per una persona con precedenti così poco chiari e in contrasto con gli ideali del Movimento.
Se il mondo universitario è bacato dalle fondamenta per i notissimi marchingegni di attribuzione delle cattedre, io, se permetti, Giannuli, mi ritengo offeso se mi si viene a dire che non devo meravigliarmi e che non dovrei essere “schizzinoso” davanti a così “ben poca cosa”.
Mi dispiace per tanta gente che riteneva il Movimento come l’unica alternativa per raggiungere trasparenza e democrazia, ma questi discorsi negano per intero l’integrità di questi ideali.

Lone Wolf Commentatore certificato 11.11.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori