Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La verità sugli stress test delle banche italiane - di Beppe Scienza

  • 16

New Twitter Gallery

scienza_stress.jpg

"Qualche commento sugli stress test, i test della BCE sulla solidità e sui rischi delle banche dell’Europa. Bisogna dire che ilCorriere della Sera non deflette dalla sua linea editoriale di prendere in giro i propri lettori. Leggiamo infatti sulla prima pagina di lunedì 27 ottobre che non passano il primo esame 25 istituti di credito europei, invece sono bocciate solo due banche italiane. Sembra abbastanza buono. Se andiamo a vedere all’estero, però le notizie sono un po’ diverse, soprattutto sono diversi i fatti. Nel grafico mostrato l’Italia fa un po’ una brutta figura: in verde le banche che hanno passato l’esame, in rosso quelle bocciate, in giallo quelle che han recuperato nell’arco del 2014. È falso quello che scrive il Corriere della Sera perché sono 25 le banche che non passano l’esame sulle 130 esaminate sono sui bilanci di fine 2013, in Italia 9. Tenendo conto dell’operazioni fatte di salvataggio nell’arco del 2014 si riducono in Europa a 13 e in Italia in effetti a 4 , non 2 perché anche le Banca Popolare di Vicenza e la Banca Popolare di Milano non superano i test, anche se di poco. Confrontare 25 con 2 è un imbroglio, 25 si confronta con 9 oppure 13 con 4 o tirando per i capelli su 2. Un’altra cosa meritava commentare e il Corriere della Sera si è ben guardato dal farlo ed è questo: le due banche che proprio non hanno passato in nessuna maniera sono state Il Monte dei Paschi di Siena e la Banca di Risparmio di Genova, la Carige, la prima con a capo Mussari a sua volta presidente dell’Associazione Bancaria Italiana e l’altra a con a capo Berneschi a sua volta uno dei vice-presidenti dell’Associazione Bancaria Italiana, carino questo fatto eh? Due massimi dirigenti dell’Associazione Bancaria Italiana son quelli che hanno condotto due banche italiane a quella che non è propriamente una bella figura in Europa” Beppe Scienza su La Cosa

1 Nov 2014, 10:12 | Scrivi | Commenti (16) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 16


Tags: banche, BCE, Beppe Scienza, Carige, Corriere della Sera, economia, la Cosa, MPS, stress test

Commenti

 

...

Vassilissa . Commentatore certificato 23.11.14 22:09| 
 |
Rispondi al commento

ciao

mannu giuseppe 04.11.14 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Il Corriere è proprio un giornale di partito, contro la verità e pro governo a tutti i costi!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 02.11.14 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Se non dicono qualcosa a che servono a fare? Fanno finta di fare i giornalisti e a fare i giornali e telegiornali. Si deve fare la legge sul conflitto di interesse e abolire il finanziamento all' editoria e ai partiti. Maledetti politcanti inutili.

Consigli Personal Computer Commentatore certificato 02.11.14 01:54| 
 |
Rispondi al commento

Ci prendono proprio per il c***,
non si può più andare avanti così,
con una polizia che spacca la testa agli operai che perdono il lavoro,
mentre a Berneschi, neppure in galera ma ai domiciliari nella villa di Ortonovo, s limitano a sequestrare il quinto della pensione.

Pensione che, per inciso, era di 40.000 euro mensili.
Poveretto, adesso con 32.000 soltanto come farà?

antonella g. Commentatore certificato 01.11.14 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei soltanto che le maledizioni dei piccoli azionisti raggiungessero Mussari, Berneschi e tutti coloro che hanno tratto profitto dai risparmi di una vita (degli altri).

antonella g. Commentatore certificato 01.11.14 22:37| 
 |
Rispondi al commento

per me sono di più,non mi spiego altrimenti la stretta sui prestiti

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 01.11.14 17:56| 
 |
Rispondi al commento

...qualcosa devono pur raccontare ....vediamo fino a quando ..

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 01.11.14 16:55| 
 |
Rispondi al commento

C'è sempre un Beppe da ringraziare.

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 01.11.14 16:39| 
 |
Rispondi al commento

GLI STRESS TEST,SONOA MIO PARERE UNA BUFFONATA,MA SAPERE CHE DUE DIRIGENTI MOLTO IMPORTANTI HANNO MESSO IN DIFFICOLTA' DUE BANCHE AGLI STRESS TEST E' DAVVERO MOLTO GRAVE

alvise fossa 01.11.14 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Gli stress test sono una buffonata creata ad arte per far apparire il sistema bancario solido. Infatti (a parte i pochi casi su cui ora si accanirà la speculazione), la fotografia del sistema bancario è "rassicurante". Nei test è stata presa in esame la parte di esposizione nei confronti dell'economia reale e non quella (molto più importante) della speculazione finanziaria (vedi derivati etc). Ma hanno già dimenticato che la crisi del 2008 non è iniziata nell'economia reale? Ma tanto al popolo bue possono raccontare quello che vogliono.

eva t., torino Commentatore certificato 01.11.14 13:55| 
 |
Rispondi al commento

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-10-26/il-paradosso-banche-tedesche-hanno-piu-derivati-che-crediti-ma-vengono-promosse-155132.shtml

http://icebergfinanza.finanza.com/2014/10/27/deutsche-bank-stress-test-miracolo-a-berlino/

gli stress test son tutte fregature contabili che sono servite a indebolire il sistema finanziario italiano (mps a parte) coprendo le voragini con la banca intorno (Deutsche Bank, Commerzbank, le Landesbank)

Dal sole:
"Di fatto ciò che rende più solide le banche germaniche è la loro bassa esposizione al credito, non certo l’abbondanza di capitale che anzi è tenuto ai livelli minimi indispensabili. Quel che lascia perplessi è che le attività di trading finanziario siano di fatto considerate meno pericolose. Finché i mercati salgono nessun problema per i bilanci di banche come le tedesche imbottite di Bund, azioni, titoli strutturati.

Ma i mercati non possono salire sempre. Siamo poi così sicuri che banche più propense alla speculazione finanziaria che al credito all’economia reale non siano anch’esse una minaccia sistemica?"

http://www.zerohedge.com/sites/default/files/images/user5/imageroot/2014/04/DB%20Derivs%20in%20context_0.jpg

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 01.11.14 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Corriere della Sera è di proprietà delle banche.
Non ci si poteva aspettare nulla di diverso.
Il problema è solo degli italiani che hanno la memoria corta e credono a tutto. Anzi, più palle uno racconta e più gli danno fiducia.

giorgio peruffo Commentatore certificato 01.11.14 11:08| 
 |
Rispondi al commento

I giornalisti sono tutti appecoronati .Meglio comprere gionali stranieri per conoscere la verità. I giornalisti italiani scrivono falsità anche nelle cose banali come il calcio ,ma di che cosa voglioamo paelare .

mauro picone 01.11.14 10:52| 
 |
Rispondi al commento

giornali di partito..nient'altro da dire.

nicola crosato, treviso Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 01.11.14 10:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori