Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Passaparola - Il controllo dei media - Udo Ulfkotte

New Twitter Gallery

La tela coinvolge migliaia di media
14:00
ulfkotte-udo.jpg

business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

Sembra che l’Unione Europea paghi i giornalisti per scrivere articoli pro-Unione: è libertà di stampa questa? È veramente questo quello che voi cittadini volete? Giornalisti pagati per scrivere articoli in favore dell’Unione Europea? No, penso di no, ed è per questo che ho scritto questo libro, in cui fornisco le prove del fatto che, ad esempio, l’ambasciata statunitense in Germania, e l’ambasciata statunitense in Italia, a Roma, hanno programmi specifici per i giornalisti. Un giornalista italiano può ricevere fino a 20.000 dollari per scrivere articoli filostatunitensi. Vi è una formula alla fine delle pagine, ho realizzato screenshot, l’ho copiata e ho pubblicato tutto. Udo Ulfkotte, giornalista tedesco

"Mi chiamo Udo Ulfkotte, sono un giornalista tedesco, sono nato nel 1960, ho lavorato per 17 anni per famosi giornali tedeschi quali la Frankfurter Allgemeine e per tanti anni per altre organizzazioni internazionali. Ho smesso di scrivere come giornalista, mi sono fatto un esame di coscienza e mi sono reso conto di vergognarmi, perché come giornalista ho tradito i miei lettori: sono stato usato come una marionetta dalle agenzie di intelligence, da una rete di élites e sono pronto a rispondere alle vostre domande su questo argomento. Ho scritto un libro a riguardo e mi vergogno di quello che ho fatto, vi ringrazio per la vostra attenzione.

Blog: Sig. Ufkotte, il suo libro sui “giornalisti in vendita” sta destando molto scalpore. Perché ha deciso di fare una simile confessione, esponendosi a critiche o persino a rischi personali?

U. Ulfklotte: Per 17 anni ho lavorato per la Frankfurter Allgemeine, un giornale prestigioso, come corrispondente di guerra e sono stato parte del sistema: oggi me ne vergogno, perché ho prodotto propaganda e disinformazione, e insieme ai miei colleghi dei media tedeschi ho simulato la libertà di stampa. Ho aiutato il sistema a preparare guerre, ad esempio, e questo non è giusto.
Se ripercorriamo la storia, ad esempio ho preparato, abbiamo preparato la guerra in Afghanistan, la guerra in Iraq: sono stato corrispondente di guerra per tanti anni e ho contribuito alla disinformazione. Avevo alle spalle le agenzie di intelligence che hanno in parte scritto gli articoli che i giornali pubblicavano a mio nome. Questo non è giornalismo, non è giusto. E ho scritto un libro per informare le persone, non solo in Germania, di quanto il sistema sia marcio, corrotto, e di come le stiano imbrogliando. Ho voluto scrivere questo libro perché tante persone che ci guardano hanno la sensazione che quello che vedono come una notizia non sia in realtà una notizia, ma pura propaganda e disinformazione. Ma non ne hanno le prove. Per questo motivo ho citato centinaia e centinaia di nomi di giornali tedeschi ed esteri, che producono propaganda e disinformazione, e ho fornito le prove di questo.

Blog: Il suo libro è focalizzato sulla situazione in Germania. Ritiene che anche nel resto d’Europa e del mondo la situazione sia simile? Tutte le grandi potenze e i grandi poteri applicano questi metodi, o è una prassi tipicamente anglosassone?

U. Ulfklotte:Sì, avete assolutamente ragione, questo libro è focalizzato sulla Germania, ma il sistema non riguarda solo la Germania: il sistema è mondiale, è in parte un sistema transatlantico, dietro il quale si celano gli Stati Uniti con le organizzazioni di propaganda filostatunitense, nelle quali è fortemente coinvolta la CIA, ma leggendo il mio libro si trovano storie che toccano anche altri paesi, come l’Italia, ad esempio. Se andate sul lago di Como, a Cadenabbia troverete una villa, Villa La Collina. Un tempo era la residenza estiva dell’ex cancelliere Konrad Adenauer, il primo cancelliere tedesco. Oggi, è di proprietà di un partito politico, il partito conservatore CDU, del cui comitato di pianificazione io sono stato membro. Il partito è proprietario di questa residenza e sono rimasto scioccato quando ho visto i politici tedeschi quando ho visto i più eminenti politici tedeschi recarsi in questa villa e poi spostarsi in battello, in gran segreto, da Cadenabbia a Bellagio, sul lago di Como: sull’altra riva li attendevano membri della CIA americana per trasferirli alla Rockefeller Foundation, dove si tenevano incontri segreti, nascosti all’opinione pubblica. Ho visto il sistema che si nasconde dietro tutto questo, un sistema di corruzione, e tanto i politici quanto i giornalisti sono marionette, non tutti, ma molti di essi. E questo è quello che descrivo in questo libro: non riguarda solo la Germania, è un sistema mondiale ed è pericoloso renderlo pubblico, ma ne vale la pena, per dare un'idea di quello che avviene a porte chiuse. Ti avvicinano in quanto giornalista, non un giornalista qualsiasi di un piccolo paese come Cadenabbia, ma in quanto giornalista di importanti giornali italiani, o tedeschi o inglesi: prima o poi le agenzie di intelligence ti avvicinano per chiederti di scrivere quello che loro vogliono che tu scriva. E come funziona? Nessuno viene a dirti “Ciao, lavoro per i servizi segreti italiani o americani”, assolutamente no. Io sono stato invitato dalla divisione tedesca del German Marshall Fund (Fondo Marshall tedesco) degli Stati Uniti, ma vi sono altre organizzazioni, quali l’Atlantic Bridge, l’Istituto Aspen… Sono numerosissime le organizzazioni internazionali filoamericane e se accetti questi inviti, ti avvicinano e ti danno tutto quello che vuoi. Non ho ricevuto denaro, ma ti offrono cose che il denaro non potrebbe comprare. Ad esempio, nel mio caso, all’improvviso il governatore dell’Oklahoma (stato al centro degli Stati Uniti), che a quel tempo era David Walters, mi ha avvicinato con un rappresentante della CIA, e mi ha reso cittadino onorario dello stato dell'Oklahoma, solo perché scrivessi qualcosa di positivo sugli Stati Uniti.
Analogamente, sembra che l’Unione Europea paghi i giornalisti per scrivere articoli pro-Unione: è libertà di stampa questa? È veramente questo quello che voi cittadini volete? Giornalisti pagati per scrivere articoli in favore dell’Unione Europea? No, penso di no, ed è per questo che ho scritto questo libro, in cui fornisco le prove del fatto che, ad esempio, l’ambasciata statunitense in Germania, e l’ambasciata statunitense in Italia, a Roma, hanno programmi specifici per i giornalisti. Un giornalista italiano può ricevere fino a 20.000 dollari per scrivere articoli filostatunitensi. Vi è una formula alla fine delle pagine, ho realizzato screenshot, l’ho copiata e ho pubblicato tutto.

Blog: La corruzione tra i giornalisti è collegata alle paghe da miseria che la globalizzazione impone o fa parte di un sistema che fa leva sulla vanità personale oltre che sugli aspetti economici?

U. Ulfklotte:L’intero sistema non è a favore di un Paese o di un uomo: il sistema difende gli interessi di una piccolissima élite mondiale. Se si considera che 85 persone in questo mondo, nel mondo occidentale, possiedono quanto tre miliardi e mezzo di persone poverissime, si comprende che la ricchezza non è assolutamente distribuita in modo equo: da una parte vi è un’incredibile povertà, e dall’altra un’incredibile ricchezza, pertanto queste 85 persone sono estremamente ricche e possiedono quasi la metà del mondo. Hanno creato un sistema, con l’aiuto degli Stati Uniti, per controllare grandi masse di persone al fine di tutelare i loro interessi, per accrescere ulteriormente le loro ricchezze. L'intero sistema non è contro un Paese, o contro un gruppo di persone: serve a rendere alcuni ancora più ricchi. Ad esempio pensiamo all'Italia e al volere dell’uomo della strada in città come Napoli e Roma, o Como, o qualsiasi altra città: esistono spin doctors pagati per manipolare le masse, che votano per partiti politici che non fanno gli interessi delle persone, ma quelli di quei potenti gruppi, ed è proprio questo che cerco di descrivere. Non sono a favore di o contro uno o due partiti politici, non voglio aiutare un partito o una religione o altro. Voglio solo provare a guardare oltre la manipolazione, perché per 17 anni sono stato io stesso profondamente coinvolto nella creazione della propaganda e della disinformazione e me ne vergogno: vorrei solo potermi guardare di nuovo allo specchio.

Blog: Il sistema di corruzione e collusione ha per oggetto solo i singoli giornalisti o coinvolge anche intere testate e gruppi editoriali? E con quali metodi?

U. Ulfklotte:Il sistema è una tela di ragno, ma non pensate che solo un giornalista o due, oppure tre giornalisti di un determinato paese ne siano intrappolati: la tela di ragno coinvolge naturalmente intere società del settore dei media.
Se si considera il modo in cui i media sono stati creati, ad esempio in Germania dopo la Seconda Guerra Mondiale, da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, si comprende che fino a oggi per i media è stato impossibile esprimere una libera opinione. Se io, che ho lavorato per 17 anni per la Frankfurter Allgemeine, avessi scritto una sola volta a favore della Russia o della Cina, avrei perso il lavoro. Noi giornalisti, in paesi come la Germania, facciamo carriera solo se obbediamo alle regole e le regole sono dettate da queste persone, che operano sullo sfondo. Certamente interi gruppi media cooperano con il sistema: se consideriamo quelli tedeschi, i più importanti, ad esempio il gruppo del settore media Axel Springer è una delle più grandi holding ed è pro-Washington, se consideriamo Gruner Jahr, Amburgo, anch’esso è pro-Washington: non esistono grandi gruppi media neutrali in Germania. E lo stesso vale per altri paesi europei. Se consideriamo paesi come l’Ungheria, in cui i grandi gruppi non sono interamente filoamericani, la propaganda prenderà di mira quel paese, e lo stesso vale per l’Italia.

Blog: Come può il cittadino riconoscere e diffendersi dall’informazione manipolata?E come invece dovrebbe intervenire la politica per arginare questo grave fenomeno senza essere tacciata di “mettere bavagli all’informazione”?

U. Ulfklotte:La politica, gli uomini politici, non intervengono in questo sistema, perché ne fanno parte. Questi gruppi, che coordinano la propaganda e la disinformazione, non comprendono solo giornalisti: vi sono politici, banchieri, e insieme formano una rete di grandi dimensioni. In quanto gruppi di élite, siedono in grandi organizzazioni come la Commissione Trilaterale, il gruppo Bilderberg, i grandi centri di politica estera, etc.. Queste persone formano gruppi di élite speciali nel mondo, pertanto che possibilità ha un comune cittadino di riconoscere il sistema? Quello che io ho fatto per il mio paese è stato leggere gli annuari di queste grandi organizzazioni quali Atlantic Bridge, Istituto Aspen, Marshall Fund e gruppo Bilderberg: se verificate chi ha partecipato alle conferenze, se seguite il loro percorso attraverso tutte queste organizzazioni, potete vedere questa rete e rendere pubblici i nomi delle persone che vi partecipano. Se seguite il percorso dei giornalisti di La Repubblica, La Stampa, della Rai, di Tele 1 etc. all’interno di queste organizzazioni vicine alla CIA, rendete i loro nomi pubblici: è quello che ho fatto io per la Germania, ho 321 nomi di giornalisti molto vicini alle agenzie di intelligence che perlopiù diffondono propaganda e disinformazione. Per favore, fate lo stesso in paesi come l'Italia, rendeteli pubblici: in questo modo anche l'uomo della strada non pagherà più per ricevere quella propaganda. Questo è quello che vi chiedo: distruggete queste reti dell’intelligence nei media, nella politica e nella finanza.

Blog: qualcuno ha insinuato che ci siano grandi interessi sovranazionali dietro le sue confessioni. Come risponde a queste accuse?

U. Ulfklotte:Nessuno mi ha mai chiesto di scrivere questo libro, tranne un giornalista, che è appena mancato, a oltre novant’anni di età. Ho deciso io di scriverlo, non nell’interesse di qualche gruppo, non per denaro o per fama o per altri interessi, perché se consideriamo quello che potrebbe succedere se mi denunciassero, andrei in prigione per il resto della mia vita, se solo una frase di questo libro non fosse corretta. Ho scritto questo libro non nell'interesse di altre persone o altri gruppi, l'ho scritto perché ho avuto tre infarti, il mio stato di salute non è buono, sono stato un corrispondente di guerra e i miei medici dicono che non mi resta molto da vivere, pertanto ho scritto questo libro perché volevo avere la coscienza pulita e lasciare questo mondo con un messaggio, quello di non seguire il mio esempio, manipolando e imbrogliando le persone nell’interesse di piccole élite che vogliono solo arricchirsi, tradendo tutte le persone coraggiose che ci sono là fuori. Grazie. Passate parola!" Udo Ulfkotte

17 Nov 2014, 16:24 | Scrivi | Commenti (36) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

Tags: Bellagio, beppegrillo-passaparola, Cadenabbia, CIA, corruzione, Frankfurter Allgemeine, germania, Konrad Adenauer, liberà di stamapa, passaparola, Rockfeller, ulfkotte

Commenti

 

Anonymous - Rivendichiamo I diritti dei Sinti e dei...

Riportiamo la nota stampa di Anonymous Italia sull'attacco al sito web delle Lega Nord Italia in...
----------------------------------------------------
DIRITTI, DIRITTI, DIRITTI, DIRITTI, DIRITTI,
= = = = =
DOVERI DOVERI DOVERI DOVERI DOVERI
--------------------------------------------------
Da ricovero in psichiatria, ma chi paga, pagate voi?

A pezzi di merda e sinistroidi malnati voi e tutta quella razza di sfaccendati, debosciati invertebrati bipedi con dentro il cervello pieno di diritti, i doveri chi gli ha? I soliti noti che oltre a mantenere questo stato di merda deve anche mantenere voi cialtroni assieme a sinti e rom che nella loro vita il lavoro si traduce in rubare, occupare, vivere a sbaffo sulle spalle degli altri prendere sovvenzioni dallo stato, che sia maledetto tutta la progenia del Re nano assieme a quella troia della regina del Montenegro. Che fate provocate???

Bepi da Ciosa (Moecaro) Commentatore certificato 17.11.14 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Il Controllo dei media arriva da lontano, con le pellicole in bianco e nero al tempo di Mussolini, già allora la propaganda di regime (Potere)aveva gettato le basi per il controllo e la manipolazione delle informazioni. Così era stato trasformato l'Istituto Luce, ed i suoi cinegiornali venivano proiettati nelle sale prima di un film, prima ancora che la Tv arrivasse almeno nella metà delle case italiane.

p.s. dunque, dove sta la novità???

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 17.11.14 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Ciò dimostra, per l'ennesima volta, che quei "SIGNORI" che sbandierano tanto la parola DEMCRAZIA sono i peggiori delinquenti esistenti
sulla faccia della Terra.

Giuseppe V. Commentatore certificato 17.11.14 17:49| 
 |
Rispondi al commento

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/17/twitter-la-propaganda-facile-si-allatta-attaccandosi-a-un-sacco-di-capezzoli/1216040/


..bravo fedez :)

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.11.14 17:48| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
Propongo di sospendere i commenti riguardanti TV e percentuali sino a lunedì. Poi, vagliati i risultati delle elezioni in Emilia-Romagna e Calabria, potremo discuterne con maggiore cognizione di causa.

PI ME, Milano Commentatore certificato 17.11.14 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Nice, very nice comment, once again, it FULLY deserves to get reposted:

"Per chi lavora il giornalista che a Bruxelles ha paragonato Beppe a Putin? La CIA paga bene e i gruppi di pressione e le organizzazioni PARA-MASSONICHE internazionali citate (ne esistono molte altre) ancora meglio perché garantiscono stipendi dorati e lunghe carriere all'interno di televisioni, giornali e testate giornalistiche varie.

Questa è la stessa gente che ha i politici a libro paga come "consulenti" attraverso banche d'affari e fondi speculativi, basti pensare agli ex premier inglesi Major e Blair, di cui lo statista di Rignano vorrebbe seguire le orme.

Questa è la gente che bisogna combattere con tutte le forze, sono loro che mandano a culo all'aria gli Stati e rovinano intere generazioni, gente come Monti, Letta e Renzi sono NEMICI del popolo italiano e della democrazia" - Massimo Lafranconi, Lecco

Anarcho Liberal (m5supporter), Bo Commentatore certificato 17.11.14 17:47| 
 |
Rispondi al commento

http://webtv.camera.it/home

e un caffè a 5 stelle qui amici!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.11.14 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Art. 4 La Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi: formula gli indirizzi generali per l'attuazione dei principi di cui all'articolo 1, per la predisposizione dei programmi e per la loro equilibrata distribuzione nei tempi disponibili; controlla il rispetto degli indirizzi e adotta tempestivamente le deliberazioni necessarie per la loro osservanza; stabilisce, tenuto conto delle esigenze dell'organizzazione e dell'equilibrio dei programmi, le norme per garantire l'accesso al mezzo radiotelevisivo e decide sui ricorsi presentati contro le deliberazioni adottate dalla sottocommissione parlamentare di cui al successivo articolo 6 sulle richieste di accesso; disciplina direttamente le rubriche di "Tribuna politica" "Tribuna elettorale", "Tribuna sindacale" e "Tribuna stampa"; indica i criteri generali per la formazione dei piani annuali e pluriennali di spesa e di investimento facendo riferimento alle prescrizioni dell'atto di concessione;approva i piani di massima della programmazione annuale e pluriennale e vigila sulla loro attuazione; riceve dal consiglio di amministrazione della società concessionaria le relazioni sui programmi trasmessi e ne accerta la rispondenza agli indirizzi generali formulati;
formula indirizzi generali relativamente ai messaggi pubblicitari, allo scopo di assicurare la tutela del consumatore e la compatibilità delle esigenze delle attività produttive con la finalità di pubblico interesse e le responsabilità del servizio pubblico radiotelevisivo;analizza, anche avvalendosi dell'opera di istituti specializzati,il contenuto dei messaggi radiofonici e televisivi,accertando i dati di ascolto e di gradimento dei programmi trasmessi;riferisce con relazione annuale al Parlamento sulle attività e sui programmi della Commissione ;elegge dieci consiglieri di amministrazione della società concessionaria secondo le modalità previste dall'art8 E VOI COSA AVETE FATTO IN CONCRETO CON L'APRI SCATOLE?


Un Santo giornalista fulminato sulla via della Verità...Ha reso testimonianza di quello che gli asini o i collusi chiamano "Complottismo".
Noi (complottisti) parlavamo di queste cose già decenni fa, per intuito e per ipotesi, ma ora questa mosca bianca pennivendola porta le prove provate.
Qui in Italia fate conto che il 98% dei giornalisti "ufficiali" sono a libro paga. Mercenari della penna e della parola.

claudio n., desenzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.11.14 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Perche' non mi meraviglio affatto?
Ancora mi chiedo per quale motivo in Italia e' stato cambiato il ministro degli esteri, dopo che la Mogherini e' stata accusata di essere filorussa. Sara' che il nuovo ministro e' filoqualcunaltro.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.11.14 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fino oggi il popolo è stato sballottato come una palla da tennis da una parte all'altra del campo, fra due schieramenti con un unico obiettivo: dividersi la torta per se e per le lobbies che rappresentano. Una battaglia per avere la fetta più grossa della torta dove gli interessi dei cittadini e di chi lavora onestamente non interessavano a nessuno. Questa è la sola verità.
A partita finita, le elezioni, i giocatori si sedevano in campo per decidere in base ai risultati come spartirsi la torta che noi, poveri spettatori, abbiamo pagato e continuiamo a pagargli per farli abbuffare loro e i loro veri padroni, le lobbies.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 17.11.14 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Al via la sperimentazione dello spray al peperoncino nei servizi di ordine pubblico della Polizia: si inizia con le città di Milano e Torino, attraverso i rispettivi Reparti Mobili.

Secondo un dossier americano, questi prodotti spacciati per naturali contengono sostanze infiammabili, tossiche, cancerogene e mutagene e possono provocare gravissimi problemi respiratori, con broncospasmi che a persone anziane, cardiopatici, malati di asma o di allergie respiratorie, o con Bpco (broncopneumopatia ostruttiva cronica) possono persino portare alla morte per asfissia e per infarto. Anche nei soggetti che fanno uso di droghe i rischi sono elevatissimi. Naturalmente questi spray non sono stati mai testati su soggetti cardiopatici o con malattie respiratorie e nessun medico autorizzerebbe una simile sperimentazione. Ma è stato possibile in diversi casi collegare gli effetti dell’irrorazione urticante alle malattie di cui soffrivano le vittime. Uno studio del dipartimento di farmacologia e tossicologia dell’Università dello Utah del 2003 su ratti e cellule epiteliali bronchiali umane in coltura cellulare ha provato lesioni a carico delle vie respiratorie e displasia epiteliale. Tutto questo spruzzando un quantitativo di liquido all’oleoresin capsicum uguale a quello che riceverebbe un individuo durante 5-7 secondi di esposizione. Un altro studio, della Texas Criminal Justice Coalition, ha provato come effetti dello spray il panico, la perdita del controllo motorio, l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, mentre una ricerca del dipartimento di emergenza di medicina di Raleigh (North Carolina) ha documentato 7 casi di lesioni permanenti alle cornee su 100. Il capsicum provoca anche la morte: di 63 decessi esaminati da uno studio dell’Università del Texas in seguito a colluttazione con le forze di polizia, in 7 casi la morte per asfissia è stata provocata dalla posizione di costrizione dell’arrestato irrorato con la sostanza a base di oleoresin capsicum.

Giovanni Ernani (from budapest) Commentatore certificato 17.11.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Per chi lavora il giornalista che a Bruxelles ha paragonato Beppe a Putin? La CIA paga bene e i gruppi di pressione e le organizzazioni paramassoniche internazionali citate (ne esistono molte altre) ancora meglio perché garantiscono stipendi dorati e lunghe carriere all'interno di televisioni, giornali e testate giornalistiche varie.

Questa è la stessa gente che ha i politici a libro paga come "consulenti" attraverso banche d'affari e fondi speculativi, basti pensare agli ex premier inglesi Major e Blair, di cui lo statista di Rignano vorrebbe seguire le orme.

Questa è la gente che bisogna combattere con tutte le forze, sono loro che mandano a culo all'aria gli Stati e rovinano intere generazioni, gente come Monti, Letta e Renzi sono nemici del popolo italiano e della democrazia

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.11.14 17:29| 
 |
Rispondi al commento

leggo che qualche diciamo sciocco ci scrive?
se lui ha la verita' in tasca e sa tutto del movimento un applauso!
intanto un buuuuu! alla tua pochezza!

floriana 17.11.14 17:27| 
 |
Rispondi al commento

...la democrazia esiste ? mmmmmhà !
Dipende da chi controlla l'informazione.
Ogni corrente si crea l'elettorato su misura ,con l'informazione..manipolata....sino a quando ai cittadini rimangono in tasca dei soldi.
Se spariscono i soldi dalle tasche...non c'è ne informazione e nè democrazia ...che tenga.

*****
Commentatore in marcia al V 3 day.
Commentatore che partecipa alle Europee.
Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle.


Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 17.11.14 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oltre ai giornalisti, quanto ha influito la religione ed i suoi preti, qualsiasi religione, al lavaggio del cervello delle masse ? Quanto le varie organizzazioni come le scuole e i sindacati, i partiti e le trasmissioni televisive e gli stessi registi tramite film a sfondo politico-religioso, quanto alcuni scrittori che parlano di politica e di storia, quanto alcuni intellettuali, artisti, gente dello spettacolo e della moda arruolati nella politica ? Forse è ora che la gente cominci a ragionare con la propria testa r a farsi delle domande liberandosi da ogni pensiero e dogma inculcatogli a forza nel cervello.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 17.11.14 17:24| 
 |
Rispondi al commento

UN GRAZIE AD UDO PER L'INTERVISTA E PER AVERCI SPIEGATO IL LATO OSCURO DELLA DSINFORMAZIONE

alvise fossa 17.11.14 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi farete morire.. non faccio in tempo a leggere topic e commenti precedenti che me ne sparate online subito un altro..
Concentrazione debbo metterci.
Mica so 'mi moje che riesce a segguì 17 cose alla vorta. Tutte fatte a cazzo, però fa volume..

D. Pavan Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.11.14 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Questi metodi sono vecchi, non è una novità quello che questo giornalista racconta, e fa bene a vergognarsi. la memoria è corta purtroppo, se un po vi interessate della storia e dei colpi di stati preparati a tavolino in sud america, troverete lo stesso metodo. giornalisti servi pagati dalla cia per raccontare balle e nascondere le notizie vere. e questo è solo un antipasto.

jose m 17.11.14 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Dall'articolo su carta stampata:Passaparola - Articoli statunitensi a caro prezzo - Udo Ulfkotte
si legge che l’intero sistema non è a favore di un Paese o di un uomo: il sistema difende gli interessi di una piccolissima élite mondiale.
Ecco che penso che si debba avere coraggio solo se si considera per l'intero, ma la verità non comprende l'intero, e non navigherebbe neppure per la metà dell'intero, non c'è più quel modo di fare.
E' che bisogna sempre ammetterla e quando e solo quando interessa è VECCHIA COME UNA VOLTA ERA CARTA STRACCIA.

annamaria villa 17.11.14 16:49| 
 |
Rispondi al commento

In Russia vi abitano circa 143 milioni di abitanti su di una superficie quasi doppia escludendo le zone inospitali hanno sempre più del triplo del nostro territorio per coltivare e produrre e immense risorse minerarie
Ecco a dove conducono le geopolitiche
Se poi si va a guardare le distese di Ucraina e kazachistan
Il teorema è sempre quello dall'inizio dell'uomo di Neandertal
Per quante storie e elucubrazioni si possano fare sul futuro il nostro metabolismo non cambia


L'Europa 750 milioni di abitanti
Raggruppati in poco più di 10 milioni di chilometri

Rosa Anna 17.11.14 16:28| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=ZwbXLY7kXlQ

pabblo ! Commentatore certificato 17.11.14 16:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori