Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Rc Auto, la proposta del M5S

  • 67


rc_Au.png

"Il Settore delle Rc Auto è una giungla, dove a farla da padrone sono le agenzie assicurative e a pagarne le spese, invece, è sempre il cittadino virtuoso. Ora è arrivato il momento di mettere ordine a questa giungla fatta di tariffe impazzite e di conflitti di interessi tra le assicurazioni e gli enti che dovrebbero controllarle. La proposta di legge che il Movimento 5 Stelle ha depositato in Senato mette in campo una novità assoluta destinata a scardinare totalmente l’attuale cartello assicurativo, fatto non di un vero regime concorrenziale ma di assicurazioni che si accordano per mantenere le tariffe sempre più alte. Con la nostra proposta, invece, vogliamo istituire una società assicurativa pubblica che applichi tariffe agevolate ai cittadini e premi gli automobilisti virtuosi. In questo modo le assicurazioni private saranno costrette a confrontarsi finalmente con un mercato davvero concorrenziale e ad abbassare le proprie tariffe. Lo Stato, grazie a noi, si mette davvero al fianco del cittadino contro lo strapotere della finanza! Scopri di più su www.rcautoequa.it".
Sergio Puglia, M5S Senato

9 Nov 2014, 16:31 | Scrivi | Commenti (67) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 67


Tags: assicurazioni, concorrenza, rc auto, Sergio Puglia

Commenti

 

L'idea è ottima. Credo però che la pubblicità di una compagnia d'assicurazione privata sulla stessa pagina non sia per nulla opportuna. Spero vogliate pubblicare il commento e riconsiderare la presenza pubblicitaria dell'operatore privato in questione.

Francesco Rasano 04.01.15 16:08| 
 |
Rispondi al commento

la mia idea,che ovviamente va sviluppata,è quella che prevede un assicurazione come se fosse una patente;non piu legata ad un pezzo di ferro(auto)ma alla persona;per guidare un auto si avra bisogno sia della patente che della polizza;polizza che potrebbe integrare anche elementi/voci da accantonare per un eventuale pensione integrativa;
al momento è solo un idea ma secondo me in tal modo si potrebbero eliminare gran parte delle giustificazioni che le compagnie usano per alzare sempre i costi
saluti

oreste palmieri 11.11.14 15:25| 
 |
Rispondi al commento

E' incredibile, avevo pensato alla stessa cosa. Bravi!

***** Stefano Pedrollo, Arcole (VR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.14 14:05| 
 |
Rispondi al commento

ottima ottima iniziativa.....

lucia marta 11.11.14 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Le proposte sono tutti palliativi che non risolvono il problema. Il mio ragionamento nasce da un pensiero logico: perche' in Italia si truffa facilmente dando l'appoggio alle assicurazioni ad aumentare i premi? La risposta viene da se: perche' NON C'E' LA PENA. Verrebbe spontaneo rispondere che la pena e' prevista; si ma intanto non viene applicata e due anni di carcere si tramutano in domiciliari. Bella roba!! Ai cittadini come me sembra che le sentenze siano tutte a favore dei delinquenti, piccoli o grandi che siano, vedi i vari omicidi causati da guide pazzesche e stati alterati dei guidatori tanto per rimanere in ambito stradale, per non parlare delle altre causali. I giornalisti farebbero bene ad alzare i toni quando si parla di omicidi stradali e non quando dei rom, parassiti della societa', assaltano l'auto del politico di turno asserendo invece che magari voleva metterli sotto..... CHE TRISTEZZA.....

giacomo stazio 11.11.14 09:30| 
 |
Rispondi al commento

i finti incidenti sono spesso organizzati dagli stessi agenti assicurativi, lo so perché mi è stato proposto a patto di dividere a metà. questo succede perché gli agenti guadagnano una miseria mentre la compagnia accumula utili milionari alla faccia della crisi.

una ingippatina per cena 11.11.14 09:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno dimentica le tariffe di stato, ogni anno sumentavo del 10%..perché non iniziare a detassare la rca....avremo così una riduzione del 16%...il vero problema e proprio questo

isidoro puleo 11.11.14 08:31| 
 |
Rispondi al commento

se non mettiamo il reddito di cittadinanza il popolo si sfama come può, chiamale truffe, chiamale simulazioni, chi sta bene non si inventa i finti incidenti.

una bella ingippata per mangiare 11.11.14 08:13| 
 |
Rispondi al commento

secondo me basterebbe assicurare la patente ed a questo conseguirebbero molti vantaggi come l'aumento degli acquisti di una seconda auto o di un mezzo a due ruote- la riduzione di truffe assicurative seriali avendo un soggetto che rischia di non guidare più ed ovviamente l'incentivo che chi non fa incidenti si vedrebbe la tariffa ridotta di anno in anno a prescindere dalla zona in cui abita.

Francesco natale 11.11.14 07:40| 
 |
Rispondi al commento

In primis, il mercato rc auto di oggi non è mai stato così concorrenziale come nel 2014.
Una Compagnia pubblica? Ma pubblica dove? In uno Stato dove il Pubblico è stato la rovina del Privato? Ma andiamo...
Sapete cosa ci vuole? Una seria ed attuabile legge anti-frode, che punisca severamente i truffatori, dai micro-sinistri in avanti.
Bisogna coinvolgere forze dell'ordine e magistratura, se non c'è modo di fare nulla contro i truffatori, ma subito, senza fronzoli, allora stiamo zitti e teniamoci il paesello che meritiamo.
Provate a vedere cosa succede nei, Paesi dove la rc auto funziona ed è equa, se si sgama la frode.
Ci vuole la galera!!!

Alessandro Iannone 10.11.14 23:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' risaputo che i prezzi si abbassano per la concorrenza delle imprese. E non con l'intervento dello Stato. Ci sono ben 53 Spa che assicurano la Rca. Pensate veramente che l'intervento dello Stato possa influenzare il mercato???

Flaviano 10.11.14 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Chr ne dite se usassimo meno auto e moto ? Oggi ogni componente della famiglia ha unn mezzo, e se ne avessimo uno x ogni nucleo familiare? Le assicurazioni non incasserebbero tutti questi euro......

oriana 10.11.14 20:46| 
 |
Rispondi al commento

la mia proposta è assicurare la patente di guida e fare una sorta di premio a punti piu' multe e incidenti si fanno piu' aumenta la tariffa.

salvatore giustiniani 10.11.14 20:36| 
 |
Rispondi al commento

ma lo stato già era proprietaria di un'assicurazione che si chiama ancora oggi Ina-Assitalia e se l'è svenduta alla Generali. Quindi non è una novità. Non illudeteci andate tutti a casa pd.pdl.m5s. ci avete preso e ci state prendendo ancora per il culo

gerpez 10.11.14 20:16| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo quando si comincia .....non aspettate molto la gente abbandona la politica se non vede cambiamenti nella loro vita quotidiana.

alessandro b., prato Commentatore certificato 10.11.14 18:58| 
 |
Rispondi al commento

"Tutte proposte interessanti, ne voglio aggiungere una; se uno è assicurato
per dieci anni, ipotesi, e non fa mai incidenti per quale motivo non è
possibile stornare all'assicurato la metà dell'importo versato? Sarebbe
come se io facessi una polizza vita e dopo 10 anni riprendo il mio capitale
pure rivalutato!!!! medidiamo gente medidiamo "

Benedetto S., roma Commentatore certificato 10.11.14 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Tutte proposte interessanti, ne voglio aggiungere una; se uno è assicurato per dieci anni, ipotesi, e non fa mai incidenti per quale motivo non è possibile stornare all'assicurato la metà dell'importo versato? Sarebbe come se io facessi una polizza vita e dopo 10 anni riprendo il mio capitale pure rivalutato!!!! medidiamo gente medidiamo

Benedettochina 10.11.14 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Che io sappia è lo stesso metodo usanto molti anni fa per IRI e molte aziende pubbliche. Erano pubbliche ma in competizione con il privato. Ha avuto molto successo allora. Poi purtroppo le hanno usate come parcheggio per i trombati della politica e non. Ma queste sono altre considerazioni!
Se ha funzionato allora, funziona ancora!

Vittorio Pellegrineschi (v.pellegrineschi), v.pellegrineschi@lacab.it Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 10.11.14 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Le nostre assicurazioni, on line o no, sono tra le più care d'italia, perchè??? Perchè siamo una manica di ladri e l'onestà qui è una parola inesistente....Sono care perchè sono disonesti e cmq le assicurazioni sono in mano agli amici degli amici degli amici degli amici.........che schifo!!!

Annamaria Vincitore Commentatore certificato 10.11.14 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Buonanotte! L'ente pubblico statale che dovrebbe gestire l'assicurazione sarebbe sicuramente colluso con il cartello delle assicurazioni.

germano fabris 10.11.14 14:47| 
 |
Rispondi al commento

mmmmmmmm.... Lo stato che diventa assicuratore... funzionerebbe il primo anno poi.... con tutti i corrotti che ci sono nelle amministrazioni pubbliche... figuriamoci cosa diventa...!! Sarebbe una proposta valida se si riuscisse a farlo restare un settore pulito con regole certe e disciplina...!! ma qui in Italia........

paolo c., modena Commentatore certificato 10.11.14 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Domande elementari ..
Come mai ci sono tante agenzie assicurative sul territorio quando il passaggio on-line "risulterebbe" di gran lunga conveniente ?
Perché invece non pochi preferiscono la soluzione "più costosa".
Cosa ci guadagnano ?

marcello giappichelli 10.11.14 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Ottima idea.

Paolo C., Roma Commentatore certificato 10.11.14 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Fate il calcolo. 20000 km all'anno saranno 1200 l. Cioe' con 500 euri di rc fanno 0.4 euri litro di addizionale. Che se non uso l'auto posso risparmiare. Si userebbe meno la macchina, tutti pagherebbero, chi sgarra tornerebbe alla rc dei ladri. Se uno ha moto, motorino, auto o furgone , pagherebbe solo quando li usa. Adesso che ci penso ci metterei dentro anche il bollo!

giorgio ghilardi 10.11.14 09:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io metterei la rc base sui carburanti. Se uno provoca incidenti o prende multe er condptta pericolosa torna alla rc classica. Tutti pagano, chi fa il bravo paga meno.

giorgio ghilardi 10.11.14 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Ben venga!!!

Gian A Commentatore certificato 10.11.14 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Era lamia idea ma vedo che finalmente anche altri ci hanno pensato solo che aggiungerei anche un fondo per chi con poco reddito possa accedervi e avere l'assicurazione con poca spesa poter usare l'auto per cercare lavoro riuscire a far quadrare il bilancio familiare

salvatore d'amato 10.11.14 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me l'unico modo e che le assicurazioni italiane entrino in concorrenza con quelle degli altri paesi europei cioè potersi assicurare in tutta Europa
IN ITALIA TROPPA CORRUZIONE!

gian solo, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.11.14 08:13| 
 |
Rispondi al commento

bene, e già che ci siete fatevi spiegare dalle assicurazione xchè alle auto di 8 anni o più non gli vogliono assicurare i cristalli: forse perchè con auto di 8 anni o + è impossibile che si danneggino ?? questi con la menata delle truffe sono stati per decenni i veritruffatori degli automobilisti onesti, ...sarebbe anche il caso di indagare su quanti politici hanno corrotto per far infilare le loro porcherie in leggi/vettore !!!! ma all'estero è così o come al solito litaglia brilla in inciuci ???

ina ghigliot 10.11.14 07:16| 
 |
Rispondi al commento

iniziate a obbligare le compagnie assicurative a posizionarsi su basi di legalità mettendo in PRIMA FIGURA IL CONTRAENTE il suo profilo, ad esempio RICONOSCENDO LA STESSA CLASSE DI MERITO AD IL CONTRAENTE CHE PER 15 ANNI NON FA UN INCIDENTE ED è CLASSE 0 PER LA PROPRIA AUTOVETTURA MA SE COMPERA UN FIORINO DIVENTA CLASSE 14 (!!!)

queste follie illegali contro il codice civile (ad esempio PERCHE' UNA RC SU UNA MOTOCICLETTA NON PUO' AVERE LA STESSA CLASSE DI MERITO DEL CONTRAENTE PRUDENTE E CHE PER ANNI HA DIMOSTRATO DI AVERE UN PROFILO RESPONSABILE) e che SOLO IN ITALIA esistono (in germani e francia è il PROFILO CONTRAENTE CHE DETERMINA IL PREMIO NON IL MEZZO) sono state coperte avallate pure dalla nostra magistratura nonostante migliaia di ricorsi contro questo modo illegittimo di quantificare il premio...

sono queste le prerogative che dovete inseguire non proporre fantomatici scenari liberisti!

alex 10.11.14 06:49| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe ritornare metà del premio pagato, a quei soggetti che dopo un hanno non hanno fatto alcun incidente.Sarebbe un bel deterrente per i furbacchioni e gli imbroglioni, e tutti starebbero piu attenti sapendo che risparmieranno. No alle assicurazioni che vorrebbero assunere polizze a rischio zero.

fabio taverna 10.11.14 06:34| 
 |
Rispondi al commento

SE LO STATO AVREBBE UN OCCHIO DI RIGARDO PER I SUOI CITTADINI POTREBBE COPIARE LE REGOLE DALLA VICINA SVIZZERA (STATO MODELLO) DOVE CON UNA SOLA MACCHINA CHE ASSICURA POTREBBE FAR CAMMINARE DUE O TRE AUTO DELLA STESSA FAMIGLIA SPOSTANDO LA TARGA DA UN VELICOLO ALL'ALTRO E PAGARE UNA SOLA ASSICCURAZIONE.
MA SICCOME QUESTA E' UNA PROPOSTA CHE NON ARRICCHISCE LE ASSICURAZIONE MEGLIO CHE IL CITTAINO PAGHI PER QUANTO AUTO HA IN POSSESSO.

mario 10.11.14 05:57| 
 |
Rispondi al commento

Buona proposta. Spero che questa proposta sia un inizio per porre fine a questo sistema distorto creato con le cosiddette liberalizzazioni. Infatti queste ci vennero propinate come il rimedio per calmierare i prezzi rompendo il monopolio statale, in realtà non è andata così.
Per quanto riguarda le assicurazioni queste hanno fatto cartello ( vedi precedenti interventi delle authority) e decidono in piena autonomia le tariffe da attuare in un mercato in cui è obbligatorio stipulare l' RC auto per i loro possessori. Per intenderci basti vedere quel che succede per i prezzi dei libri di testo che le famiglie sono costrette ad acquistare per mandare i propri ragazzi alle scuole che lo stato per legge rende obbligatorio darle frequentare.
Non raccontatemi la favola che le assicurazioni sono costrette ad aumentare le tariffe perché ci sono " milioni " di truffatori pronti a trarne lucro dal malcapitato incidente. Casomai accade il contrario e chi ci è passato come il sottoscritto lo sa bene che per farsi rimborsare il giusto da un' assicurazione sei costretto a ingaggiare l' avvocato.
Concludo dicendo che qualcosa occorrerà fare perché i soggetti che conducono mezzi senza assicurazione stanno aumentando sempre più e vi ci voglio poi ad ottenere un risarcimento da uno di questi

alberto M., Scisciano Commentatore certificato 10.11.14 01:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma abbassare i costi delle RC auto nn invoglierebbe ad acquistare altre auto? sarebbe bello triplicare la circolazione dei mezzi pubblici riducendo i costi dei trasporti tanto da invitare le persone a lasciare le auto finalmente.... l'economia patirebbe col calo delle vendite auto ma tutti e tutto l'ambiente ne godrebbe...

agostino mucedola 09.11.14 23:57| 
 |
Rispondi al commento

Bhe oddio a guardare il video di YouTube sembra più una televendita del tizio. Comunque io lavoro nelle assicurazioni e ne vedo di cose strane.. Tariffe fuori mercato e truffe alla luce del sole. Creare una compagnia pubblica avrà un solo risultato. Agevolare chi fa le truffe. Si sentirà ancora più in diritto di rubare allo stato. Il problema non è tutto nelle assicurazioni. Il problema nasce dai milioni di italiani che hanno nel loro budget annuale le entrate economiche da falso incidente o falso infortunio. Se Grillo riesci ad arginare questa di piaga sociale avrai il sopporto anche di chi di assicurazione ci campa

Ivan di Napoli 09.11.14 22:51| 
 |
Rispondi al commento

Magari, comunque provateci.

Nicola illiano 09.11.14 21:42| 
 |
Rispondi al commento

la mia proposta sarebbe davvero unica, quella di fare l'rca non al singolo veicolo ma sulla patente di guida che così nessuno farebbe più imbrogli altrimenti si macchierebbe la sua condotta (tipo come fanno le finanziarie con la greef).
cosi i furbetti per non macchiarsi la greef non farebbero gli imbrogli mentre che adesso dopo aver macchiato la greef di un veicolo lo fanno sparire vendendolo o farlo rubare ed incassano anche i soldi del furto.

pietro padulano 09.11.14 21:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima che lo stato "premi gli automobilisti virtuosi" io mi aspetterei che punisca i truffatori e i non virtuosi.
Senza togliersi dai piedi i ladri e senza togliere la patente a pericoli pubblici ambulanti è difficile fare molto meglio delle attuali agenzie.

Esiste comunque una mancanza totale di concorrenza delle assicurazioni (io non posso assicurare nessuno senza avere un capitale iniziale decisamente enorme).

Creare un sistema assicurativo pubblico non è una cosa banale ed è insensato senza avere dati che giustifichino tale scelta (servono almeno entrate/uscite degli attuali assicuratori per dimostrare che tale affare sarebbe molto lucroso anche per una neoazienda pubblica).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 09.11.14 21:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sarà una delle tante proposte bocciate in parlamento, giusto? E poi dicono che il M5S non fa nulla!

Daniele S. 09.11.14 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Ottima proposta!!BRAVI COME SEMPRE!!

nando ., parma Commentatore certificato 09.11.14 20:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che hanno rotto i coglioni anche loro.

Antonio F. Malavenda Commentatore certificato 09.11.14 19:21| 
 |
Rispondi al commento

...non sono convinto che sia solo una questione di cartello, ma della furbizia (si fa per dire )degli italiani...che cercano di truffare le assicurazioni con finti...incidenti...o danni studiati ad arte per frodare.
Le compagnie reagiscono alzando i costi dei contratti...a danno degli onesti e per colpa dei disonesti.
Una persona che lavorava in una compagnia...mi ha confidato che in certi periodo..le polizze RCA ..non erano convenienti appunto per queste truffe ai loro danni difficili da smascherare.
A prova di questo ...tutte le disdette irregolari inoltrate dai clienti...venivano accettate...pur di liberarsi..di tali situazioni.
Se fosse esistito un cartello...o dei guadagni spropositati...tali disdette non sarebbero state accettate in quanto irregolari....ma così non avvenne.
Con una situazione di una assicurazione pubblica...i clienti furbacchioni..la manderebbero in passivo o la obbligherebbero ad alzare i prezzi...come avviene a tutt'oggi.
Hat capì ????

*****
Commentatore in marcia al V 3 day.
Commentatore che partecipa alle Europee.
Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle.

Eposmail,.. ,., , Commentatore certificato 09.11.14 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo col dire che questi camerieri(senza offesa per i camerieri, si intende) di ministri, vice ministri, segretari ecc. ecc. Che nulla sanno, ne di macchine ne di assicurazioni,ne di incidenti, molti di loro non hanno neanche la patente,è chi c'è la, viaggia con l'autista,ma davvero pensate che possano partorire qualche legge che vada a nostro favore? Essendo loro in mano alle assicurazioni che insieme ai banchieri ci governano! Prendiamo la patente a punti. Veramente pensate che questi tengono alla nostra salute? No cari, amici insieme alla patente a punti, hanno cominciato anche gli autovelox e riduzione di velicità. Risultato? Meno incidenti e spartizioni dei nostri soldi. Le assicurazioni perchè non pagano più danni e i territori guadagnano con le multe che noi paghiamo. E' i carrozzai alla fame! Tutto elementare!! E l'ultima? Genialità? Mentre passi da un autovelox vedono se hai pagato o no l'assicurazione!!! E giù multe. La gente non ha più da mangiare ma a LORO questo non interessa. Per quando riguarda poi le assicurazioni meglio sarebbe che dicessero: dateci 1000 € all'anno e poi se avete un incidente vi pagate voi i danni!! Almeno la smettono di pensare che siamo TUTTI cretini. MALEDETTI!!!

ambara bacci (lamandero), s. lazzaro di savena Commentatore certificato 09.11.14 19:07| 
 |
Rispondi al commento

Grazie!

Elia. 09.11.14 18:36| 
 |
Rispondi al commento

L'idea è buona ma dovrebbe essere estesa alle compagnie petrolifere e alle banche.
Mi spiego: i cartelli sono la norma in Italia, l'unico modo per spezzarli e ripristinare la concorrenza è, come detto da Grillo, istituire una Società pubblica che operi a prezzi equi di mercato in linea con le tariffe praticate negli altri paesi europei.
Quindi avremo un assicurazione con premi più bassi del 50% (come in francia) una società petrolifera con prezzi alla pompa più bassi e che seguono l'andamento del prezzo del petrolio, una banca che presta ad aziende e famiglie a prezzi e tassi europei.
Se non è possibile allora occorre liberalizzare il mercato: permettiamo alle assicurazioni francesi, alle banche svizzere, alle società petrolifere di operare liberamente in Italia "purché vengano imposti i medesimi prezzi e le medesime condizioni" del paese di origine.
Se il problema è la differente tassazione toccherà alle aziende italiane di chiedere al governo di abbassare la tassazione italiana " a livelli europei", avere le medesime regoli fiscali, previdenziali e giuslavoriste.

Alessandro G. Commentatore certificato 09.11.14 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Questo modello, di istituire una società pubblica che possa far concorrenza ai privati quando essi fanno cartello, dovrebbe essere applicato in tantissimi altri settori. Mi piace vedere che i parlamentari del Movimento abbiano iniziato a ragionare in questo modo. Avanti così!

Massimiliano A., Roma Commentatore certificato 09.11.14 18:20| 
 |
Rispondi al commento

MAGARI SI FACESSE , HO 73 ANNI , PATENTE DA 55 ANNI , MAI AVUTO IN MINIMO INCIDENTE , E HO CONSUMATO 6 MACCHINE , AD OGNI RINNOVO ANNUALE MI RITROVO VOCI E AGGIUNTE MAI RICHIESTE E DEVO SEMPRE LITIGARE , HO CAMBIATO PIU ASSICURAZIONI , MA SONO TUTTE UGUALI , IN ITALIA VALE LA LEGGE DELLA GIUNGLA , POI MI TEMPESTANO DI TELEFONATE DI TORNARE DA LORO CHE MI FARANNO UNA TARIFFA DI FAVORE....IO DI FAVORI NON NE ACCETTO , VOGLIO PAGARE IL GIUSTO E BASTA , CHE SCHIFO E NON SOLO LE ASSICURAZIONI ....

Povolo Dino 09.11.14 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' una bella proposta chissa' che arrivi in parlamento

alvise fossa 09.11.14 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo in francia da 20 anni purtroppo la situazione economica non é molto meglio dell'italia, ma almeno per quello che riguarda le assicurazioni posso dirvi che costano un quarto che in italia.

Barbara bandini 09.11.14 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande sciocchezza : chi controlla le assicurazioni non è più l'ISVAP ma la Banca d'Italia andrebbe invece regolamentato l'emissione dei preventivi e se volete la polizza sulla patente ; adesso i preventivi sono tutti uno diverso dall'altro diritto alla rivalsa massimali camuffati franchigie coperture che non esistono polizze a km. polizze a rate "provate a chiederla se non siete dipendente fisso""provate a fare un'incidente se avete dichiarato 10000 km all'anno e con una macchina di due anni ne avete 21000 "vi mangiano la casa " bisogna dare regole chiare per tutti e educare alla guida

Moro 09.11.14 17:03| 
 |
Rispondi al commento

l'assicurazione deve essere pagata sulla patente. E' tanto semplice se io ho due autoveicoli o motoveicoli in ogni caso guiderò solo un autoveicolo perchè devo pagare per un veicolo fermo in garage???
causati tot incidenti mi verrà ritirata la patente e le targhe dei veicoli, contestualmente dovrò ripetere (se vorrrò mai rientrare in possesso della patente) il corso con i relativi esami. Rimangono invece i punti per le infrazioni al codice della strada. Si ottengono così due obiettivi: uno togliamo potere economico alle assicurazioni che si sono indebitamente arricchite grazie ai regali della casta, e ristabiliamo il principio (in italia oramai assente) di pagare solo per l'uso effettivo delle cose in nostro possesso.

mauro cianfriglia 09.11.14 16:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fate rilasciare una ricevuta ai distributori, a fine anno il cittadino che ha consumato poca benzina paga poco di assicurazione. In tal modo si invoglia a consumare poco, acquistare auto a bassi consumi o magari elettriche e perchè no incentiva ad usare i mezzi pubblici e la bicicletta.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 09.11.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento

lavoro nel settore da 40 anni e sarei ben felice se questa proposta si realizzasse ! ma sapete quanta politica c'è dietro ogni colosso assicurativo ?

roberta cangemi 09.11.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non è quello che abbiamo chiesto a gran voce su Lex...

sergio donfrancesco 09.11.14 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Intanto andrebbe abolito il bonus malus a scalare..perché pagare preventivamente con una classe cosi' alta che per arrivare alla prima devo diventà vecchio senza mai fare un incidente?

Che sPalle (che spalle), roma Commentatore certificato 09.11.14 16:38| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori