Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

1,4 miliardi di tagli a scuola, università e ricerca #fuoridalleuro

  • 20

New Twitter Gallery

tagli_scuola.jpg

"Nell'ultimo giorno di discussione della legge di Stabilità alla Camera, in commissione Bilancio è stato approvato un emendamento a prima firma Gian Luigi Gigli (Per l'Italia), con il quale vengono sottratti 200 milioni alle regioni per darli alle scuole paritarie. Questi 200 milioni si aggiungano ai 272 già stanziati nella legge di Bilancio per il 2015: per la prima volta il fondo per le scuole paritarie arriverà a ben 472 milioni di euro, direttamente erogati dal Ministero dell'Istruzione. Un bel regalino, non c'è che dire, così grande che nessun governo precedente, neanche quello di Berlusconi, era arrivato a tanto. Così, mentre il governo Renzi e la maggioranza approvavano gli ennesimi tagli all'istruzione pubblica (1,4 miliardi a scuola, università e ricerca), con un colpo di coda regalavano ulteriori 200 milioni alle scuole private, in barba a quanto previsto dall'articolo 33 della nostra Costituzione, in base alla quale: "Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato". Da anni questo dettato costituzionale viene disatteso e aggirato. Il risultato è che, mentre abbiamo la classe di insegnanti meno pagati d'Europa e alla scuola pubblica viene chiesto di arrangiarsi, di far fronte ai tagli, di tenere botta rispetto agli attacchi continui di questi politici, il privato viene coccolato." M5S Camera

2 Dic 2014, 10:29 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 20


Tags: istruzione pubblica, Renzi, Renzie, ricerca, scuola, scuola pubblica, tagli istruzione, tagli scuola, università

Commenti

 

Le scuole pubbliche funzionano !! Venite a vedere l' istituto comprensivo monte san pietro di Bologna con la scuola media a indirizzo musicale. I miei figli hanno imparato chitarra, basso, storia e amore per la musica oltre a tutte le altre materie spiegate egregiamente. Sono andati in Francia una settimana a casa di famiglie francesi che poi sono venute in Italia e capivano e parlavano la lingua. La formazione è stata ottima e ora vanno in un'altra scuola (liceo Copernico Bologna) che è tra le prime in Emilia se non in Italia .Non tutte le scuole pubbliche sono piene d teppisti, bulli e prof. demotivati. Sosteniamo le scuole pubbliche !

anna gambini 10.12.14 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Hanno interessi a fare cosi. Colpite i loro interessi. Seguite i soldi.

Notizie informatica Commentatore certificato 06.12.14 03:38| 
 |
Rispondi al commento

Pare che nella scuola vi saranno assunzioni a tempo indeterminato di docenti e personale ATA, ma nello stesso tempo il sindaco di Teramo (Abruzzo) minaccia di lasciare a causa di ulteriori tagli governativi. E' un bordello infernale, da una parte danno, dall'altra tolgono, alla fine il "passo avanti" lo pagheranno i cittadini già oberati dalle tasse.

Franco Mas 03.12.14 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Questa inaspettata generosità per le scuole private sancisce il "legame borghese-democristiano" di chi, sic, insiste a voler presentarsi come premier di una sinistra di nuova generazione, che mira ad affossare l'Istruzione Statale.
Fatto questo, tenterà di emulare il suo "mentore B." con l'Ilva di Taranto, sperperando ancora una volta danaro pubblico come per l'Alitalia .
Fermiamo questo Renzie in balia ad un delirio che porterà l'Italia ad una frattura sociale profonda e irreversibile.

NUCCIO N., MONZA Commentatore certificato 03.12.14 01:51| 
 |
Rispondi al commento

Visto che vanno contro l'art 33 della costituzione mandiamo la legge di stabilità davanti al giudice. La costituzione è la "legge" sopra tutte le altre leggi

Federico T., roma Commentatore certificato 02.12.14 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Da
Precario
da
solo
15
anni
posso
dare
informazioni
utili
per
chiarire
le
idee
a
chi
non
sa
nulla
di
quello
che
avviene
da
anni
nella
scuola

pubblica.

Lo sapevate che se una scuola superiore o media (che ora si chiamano secondaria e primaria) ha

meno
di
900
ISCRITTI
(ISCRITTI
NON
FREQUENTANTI)

VIENE

ACCORPATA

CHE

SIGNIFICA

FUSA

CON

UN'ALTRA

O
PEGGIO
ANCORA
VIENE
SMEMBRATA???

AHAHAHA

CHI É IL
GENIO
CHE
HA
FATTO
UNA
LEGGE
SIMILE???

BERLINGUER
COME
MINISTRO
DEL
GOVERNO
D'ALEMA
DEL
1999-2001.

ORA
I
PIÙ
DISINFORMATI
PENSERANNO
MA
CHE
CENTRA
TUTTO
QUESTO?

CENTRA
TANTISSIMO
PERCHÉ

SE UNA SCUOLA NON RAGGIUNGE E MANTIENE I 900 ISCRITTI NELL'ORDINE

IL PRESIDE
PERDE
IL
POSTO

ALCUNI
DOCENTI
PERDONO
IL
POSTO

O

DEVONO

ANDARE
A 50-60-70 KM DA CASA IN UNA
NUOVA
SCUOLA

SE

ESISTE

LA CATTEDRA

DELLA

PROPRIA

MATERIA.

I BIDELLI (PERDONO IL POSTO)

LE ADDETTE ALLA SEGRETERIA PERDONO IL POSTO

LE FAMIGLIE

DEVONO

MANDARE
I
FIGLI

IN
SCUOLE
A
10-20-30-40 KM
DA CASA.......

QUINDI

CHI
SI TIRA
LA ZAPPA SUI
PIEDI

BOCCIANDO
E
NON
CERCANDO
DI
ESSERE
PIÙ
GENEROSI?????

ETC...
ETC.....

Luigi P. Commentatore certificato 02.12.14 21:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scuole private frequentate dai figli dei politici, lauree false e comprate, che schifo.

GOVERNO ABUSIVO

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 02.12.14 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Dunque se un comitato di genitori di una scuola pubblica si rivolgesse al Tribunale, per aver riassegnate al proprio istituto quota parte dei 470 milioni regalati alle scuole private, il Tribunale non potrebbe esimersi da inviare la questione alla Corte Costituzionale.
Io non ho più figli in età scolare, ma qualcuno potrebbe pensarci no ?

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 02.12.14 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Si ! Ma le devastazioni degli "occupanti" dell'istituto tecnico di Napoli sono la dimostrazione plastica che la scuola pubblica non funziona.
Sarebbe potuto succedere qualcosa del genere in un istituto privato ?
Continuiamo ad inanellare record negativi nelle classifiche OCSE/PISA eppure M5S continua a sostenere a spada tratta la fatiscente scuola pubblica.
Come se questa non fosse la principale artefice e responsabile del tracollo (il ruolo della scuola privata italiana è assolutamente marginale).
Come se fosse solo una questione di insegnanti demotivati e sottopagati (e non di programmi e indirizzi obsoleti).
Di congreghe e lobby infiltrate al MUIR da partiti e sindacati con l'unico obiettivo di difendere le rendite di posizione dei loro associati.
La scuola italiana non può restare un ammortizzatore sociale per disoccupati laureati.
La scuola italiana non può restare quel mega parcheggio per adolescenti scoglionati, com'è ora.
La scuola italiana non può essere restare di competenza esclusiva del pubblico, come di fatto è, in ossequio a dettami costituzionali di 70 anni fa.
La scuola deve essere liberalizzata, nella gestione e nella proposta dell'offerta formativa che deve essere adeguata alle esigenze della società civile e non ai dettami di una confraternita di "mandarini" ministeriali.

Baldazzi 02.12.14 18:06| 
 |
Rispondi al commento

FUORI DALL'EURO PER IL BENE DELLA SCUOLA PUBBLICA

alvise fossa 02.12.14 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Le scuole private non dovrebbero esistere più, perché ci sono solo interessi economici dietro. È così palese che, se mio figlio frequenta un istituto privato, chi lo gestisce ha tutti i motivi a garantirgli un diploma, anche se non ha studiato. Io, dopo il terzo anno di istituto magistrale, in cui sono stata bocciata 2 volte , mi sono iscritta ad una scuola privata e, francamente, vi posso testimoniare che non si studiava una beata mazza, che i professori avevano già rapporti con le commissioni e, quindi, ti garantivano il risultato. Io penso che, tutto questo, porterà, sempre, ad avere persone non competenti, che portano solo danni alla società.(vedi medici raccomandati, vedi commercialisti raccomandati etc.) Chi continua a foraggiare queste inutili scuole, ha solo lo scopo di avere un bacino elettorale molto ampio. Le cose che non dovrebbero mai essere private sono: SCUOLE, OSPEDALI, ACQUA E GESTIONE DEI RIFIUTI. Nelle cliniche private, anche se non hai bisogno di un'operazione, ti fanno credere che è una cosa urgente, per speculare sulla salute dei cittadini. È successo a me, tanti anni fa, che mi hanno "terrorizzato"dicendomi che avevo bisogno di un intervento al seno, perché c'erano dei noduli, per poi scoprire che erano solo da tenere sotto controllo. SE NOI CITTADINI CI INFORMASSIMO DI PIÙ, QUESTI FURBETTI DI QUARTIERE, AVREBBERO LA VITA MENO FACILE. Un altro bacino elettorale a cui , questi politici tengono molto, sono le cooperative che gestiscono i flussi migratori, per questo non fanno niente per arginarli. Lo scopo di questi politici è far in modo che abbiano più voti possibili, mica di risolvere i problemi della gente che sta AFFOGANDO. Se gli italioti ancora non l'hanno capito, si meritano tutto quello che gli sta succedendo.

alfonsina p. Commentatore certificato 02.12.14 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Gli ignoranti sono più facili da manipolare e due ore alla settimana di religione dimostrano che l'oscurantismo e l'indottrinamento sono ormai la base della futura società.
La religione a scuola costa oltre 1 miliardo ogni anno (nessun precario fra tali insegnanti):
i tagli sono perfettamente mirati a non tagliare certe categorie.

Con la costituzione i politici si puliscono il fondoschiena, poi raccontano che i soldi regalati ai privati AMICI sono un vantaggio per il pubblico (e quando lo dicono nessuno ordina mai un TSO).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 02.12.14 14:55| 
 |
Rispondi al commento

È la scuola pubblica e statale che deve essere curata al massimo dallo Stato.La sinistra criticava gli aiuti alla scuola privata da parte di Berlusconi e ora fa la stessa cosa:dimostrazione lampante che Renzi è il clone del sopracitato.

laura conti 02.12.14 13:38| 
 |
Rispondi al commento

In linea di massima bisogna dare più soldi alle scuole pubbliche, però in Veneto: “Le Scuole dell’Infanzia paritarie svolgono in Veneto il 70% del servizio all’infanzia: fanno parte del sistema scolastico nazionale assieme alle Scuole Statali. Sono Scuole senza scopo di lucro, gestite da volontari. Grazie alla loro presenza lo Stato risparmia oltre 500 milioni di Euro l’anno. Il contributo statale previsto per il 2015 a favore delle Scuole paritarie (472 milioni) è assolutamente inadeguato.
Chiediamo che i fondi destinati alle Scuole paritarie a far data dal 2015 vengano aumentati a 700 milioni annui.”

questo è l'appello che ho inviato ai nostri parlamentari.

***** Stefano Pedrollo, Arcole (VR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 02.12.14 13:32| 
 |
Rispondi al commento

BENE e c’è solo da sperare di trovarne di regioni così.
Scrivilo anche alla Beccalossi quella della Lombardia e al Santo subito Salvini che chiama Matteo.
E così finalmente si verrà a sapere chi sono quelle disgraziate che vengono elette in regione e tutte comprese dei loro figli e dei loro famigliari.
Perché se “una povera malata di mente” come la Beccalossi si considera tale da forno, così da ardere per l’eternità è perchè ancora non ha trovato i miei famigliari e le mie risposte, viste e piaciute:
domanda… sono zingari?
Si e non posseggono la tua forza, per darti coraggio: risposta.
Hanno solo un arretrato del valore di 1,4 miliardi di tagli per la scuola, l’università e la ricerca.
Hanno detto: “Volete votare?” Le Beccalossi e i Salvini… e quando li hanno visti?!
“Certo con l’hashtag che avete dato ai bambini di 2 anni, rom o rumeni o cinti o sinti!! Per vivere lì in mezzo ai topi e neppure di fogna…
Difenderli? Certo con la giurisprudenza a parte, perché sono 5 le stelle!

annamaria villa 02.12.14 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi, sulla questione scuole paritarie mi trovate in netto disaccordo, dovreste essere piu' onesti nell'informazione in questo caso. Le scuole paritarie, oltre ad assolvere una funzione garantita dalla Costituzione (come giustamente ricordato) fanno risparmiare allo Stato italiano ogni anno centinaia di milioni, dato che ogni alunno costa mediamente allo Stato 7/8000 euro per singolo anno scolastico... e i 470 milioni di euro di cui si parla sono quindi un investimento ben remunerato!!! Parlo a ragion veduta avendo visto i bilanci della scuola in cui lavoro, e vi garantisco che con i fondi pubblici non si copre neanche lontanamente l'esborso dell'Istituto stesso, che puo' sopravvivere solo grazie alle rette pagate dai genitori. Cordialmente, Luca

Luca Multari 02.12.14 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eccone un'altro in meno:
http://www.easysoft-online.com/
....e alla fine restera' solo equitalia e la criminalita' organizzata ......
Ciao
Blog

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 02.12.14 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Con il pd solo patti scritti e alla luce del sole. Il M5S non accetta patti alla nazareno. Questo governo di pagliacci ci ha rotto i coglioni. Renzi da quando è al governo non ha fatto un cazzo di niente. Di nascosto è perfido e fa i cazzi suoi e poi in televisione diventa il salvatore della patria. Pagliaccio di sinistra. Solo chiacchiere e selfie ma l'Italia è ridotta peggio di prima e chi ha governato prima è ancora in parlamento a scaldare le sedie. Faremo una rivoluzione chirurgica e vi verremo a trovare uno per uno. Questa volta non ci fottete più, miserabili.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 02.12.14 11:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori