Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Rublo e Euro. Dalla Russia con amore.#Putin

  • 205

New Twitter Gallery

bg_russia_amore.jpg

Faremo la fine del rublo se usciremo dall'Euro? Magari! Vorrebbe dire che grazie a una sovranità monetaria riusciremmo a sopravvivere a sanzioni internazionali e crolli della bilancia dei pagamenti mai visti dovuti al petrolio. Se la Russia avesse avuto l'"eurorublo" sarebbe strafallita.

Firma e fai firmare per la legge popolare per l'uscita dall'Euro, hai ancora 5 mesi di tempo. Dobbiamo superare il milione di firme. Guarda dove si trovano i banchetti del tuo Comune.

Il crollo del rublo

Le pagine economiche scrivono da diversi giorni del crollo del valore del rublo prima di risalire grazie agli interventi della Banca Centrale Russa. Cosa è successo in Russia? Nulla. Per paradossale che possa sembrare, non è cambiato nulla. Le sanzioni che Unione Europea e Stati Uniti hanno messo sulla Russia hanno ridotto le esportazioni dei beni diversi da quelli petroliferi, mentre gas e petrolio costano di meno per il crollo dei prezzi avvenuto sui mercati. Il risultato è che il rublo ha perso valore. La Banca Centrale Russa è quindi intervenuta vendendo dollari (più di due miliardi al giorno) per acquistare rubli, in maniera da farne salire il valore. Inoltre è stato aumentato il tasso di sconto del rublo, dal 10,5% al 17% in una sola volta. Tale aumento è un segnale di forza e non di debolezza della Banca Centrale Russa, che dimostra così di difendere il rublo. Inoltre si prepara una legge che impedisca alla gente di portare all'estero le banconote in valuta pesante che possono servire al governo per stabilizzare il rublo e frenare l'emorragia.

La camicia di forza dell'Euro e la trappola della liquidità.

Molti, sbagliando o in malafede, affermano che se l'Italia dovesse uscire dall'Euro per stampare la propria moneta, un'Italia senza Euro, sarebbe più debole, e verrebbe colpita ancora più facilmente dalla speculazione del rublo. Questa tesi non sta in piedi. E' esattamente l'opposto.La speculazione non c’entra nulla. L’esigenza dell’Italia di tornare alla sua sovranità monetaria è invece rafforzata proprio dalle mosse della Russia sul rublo. Questo perché l’Italia è già da tempo in crisi con l’Euro.
Quella russa è una crisi di bilancia dei pagamenti esattamente uguale a quella in cui si trovano le economie periferiche europee. Nel caso dell’Italia il calo dell’export è causato da una ridotta competitività dovuta all’Euro che ci obbliga all’austerità sul lato della domanda interna per ridurre le importazioni e tenere la bilancia il più possibile in pareggio. Nel caso russo è il calo del prezzo del petrolio a creare un simile squilibrio nella bilancia dei pagamenti ma è proprio grazie all’intervento della Banca Centrale Russa, alla sua sovranità, che la Russia ha avuto e ha margini di manovra per gestire gli squilibri di bilancia dei pagamenti che sono invece del tutto preclusi all’Italia all’interno della camicia di forza dell’Euro.
Gli interventi finalizzati ad immettere liquidità nel sistema da parte della BCE attraverso le banche nazionali non hanno funzionato perché, come diceva Keynes: "Dentro la trappola della liquidità puoi portare tutta l’acqua che vuoi al cavallo, ma non puoi costringerlo a bere". Questo non c’entra nulla con la sovranità monetaria. Un intervento di una banca centrale nazionale in piena sovranità infatti si materializzerebbe con la monetizzazione del deficit, stampando moneta per finanziare a debito crescita e investimenti. E’ questa la logica della sovranità monetaria, non la libertà della BCE di offrire denaro a basso costo (vedi LTRO) alle banche nazionali. Il fallimento delle operazioni di iniezione di liquidità a basso costo da parte della BCE conferma che solo con la monetizzazione del deficit la BCE tornerebbe a fare il suo mestiere. Proprio la impossibilità della BCE di agire nelle piene funzioni di un'autorità monetaria centrale l'ha obbligata a proporre palliativi. O la BCE interviene direttamente sul deficit o nessuno lo farà per lei.

Svalutare o rivalutare?

Il punto in discussione qui non è svalutare o rivalutare ma il fatto che la Russia sia libera di farlo, di decidere come usare la propria sovranità monetaria considerando diverse ricette monetarie. Noi invece siamo condannati a morire perché la leva della sovranità monetaria ci è preclusa a priori. In caso di uscita dall'Euro il debito ridenominato diventerebbe immediatamente sostenibile e con l’autorità monetaria nazionale come prestatrice di ultima istanza l’Italia si libererebbe dalla trappola di indebitarsi sul mercato attraverso interessi troppo alti per attrarre quella moneta che non può stampare al suo interno. In caso di uscita, inflazione e tassi resterebbero sotto controllo anche alla luce delle deflazione in cui invece ci troviamo oggi.

Cerca il banchetto per firmare contro l'euro più vicino a te cliccando su questa mappa:
banchettieuro_d.jpg

PS: Il tuo contributo per il referendum sull'uscita dall'euro è importante:
- organizza il tuo banchetto e segnalalo su questa mappa (che sarà in continuo aggiornamento)
- scarica, stampa e diffondi i volantini informativi (1. Motivi per uscire dall’euro 2. Domande Frequenti sull’euro)
- fai conoscere a tutti i tuoi contatti questo nuovo sito sul referendum http://www.beppegrillo.it/fuoridalleuro

prezzo_libero.png

26 Dic 2014, 19:52 | Scrivi | Commenti (205) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 205


Tags: banca centrale Russa, Euro, petrolo, Putin, referendmum euro, Rublo, Russia, sanzioni, ucraina

Commenti

 

Il problema russo come dice il suo presidente è che (apparte gas e petrolio) hanno una insufficente produzione interna di prodotti e beni che servono al paese, ma ha anche detto che incentiverà una produzione interna che si sarebbe gia dovuta fare anni fa, di tutto cio che serve alla russia.
Quando avranno fatto questa operazione di indipendenza aumentando la produzione e dando lavoro, la loro economia crescerà a discapito di tutte quelle ditte che esportano in russia, cina compresa.
La russia è un paese libero stampa moneta quando serve senza chiedere il permesso a nessuno.L'accordo fatto con i cinesi sul gas si paghera in rubli non più in dollari.
Ci son nuove carte di credito emesse dagli istituti bancari russi che con il dollaro non hanno più niente a che fare.
I brics faranno interscambi con le loro monete Nazionali.
Esatto NAZIONALI, ed è forse questo che manca agli italiani, quel sentimento di nazionalita
che fa grande una Nazione.
Fuori dall'euro.

Marco 05.03.15 19:36| 
 |
Rispondi al commento

intanto leggetevi questo sul gas e i russi.
http://edoardobeltrame.com/2015/01/20/laccordo-con-i-russi-sul-turkish-stream/

edoardo beltrame 21.01.15 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Scioccato dal mare di idiozie, inesattezze e teoremi di fanta-economia concentrati in questo articolo.L'aumento di 7 punti percentuali del tasso di interesse ufficiale in Russia e' una dimostrazione di forza??? E'una dimostrazione di disperazione!Come pensano di pagare se non emettendo nuovi rubli? miliardi di nuovi rubli. E come si fa a dire che la svalutazione del Rublo del 50% e' una cosa buona? vuol dire che tutto il sistema paese vale la meta'!!! Qualcuno ha anche detto che la Russia ha aggirato l'ostacolo vendendo solo ai cinesi e comprando solo dalla Cina, utilizzando lo Yuan. Un'altra grandissima stupidaggine. A cosa credete che sia ancorato il valore dello Yuan? Al dollaro Usa!!! Lo Yuan e legato con un cambio fisso al dollaro Usa. Si rivaluta solo se la Banca Centrale Cinese decide di variare il tasso di cambio. In questo modo si tengono competitivi i prodotti cinesi. E allora basta fare 2+2:se la russia paga in Yuan, dovra' pure comprarli sti Yuan. E con un rublo ora compra la meta' di Yuan che comprava 6 mesi fa.
E l'italia se uscisse dall'Euro avrebbe tassi e inflazione sotto controllo?? MA STIAMO SCHERZANDO? Per quali ragioni? Perche' siamo affidabili, forti, coerenti, stabili e incorruttibili? Ma per cortesia! Chiunque abbia scritto questo articolo o e' in malafede o davvero non ha la piu pallida idea di cio' di cui sta parlando.

Marcello Miali 02.01.15 15:46| 
 |
Rispondi al commento

La vera priorità è di riuscire a rimanere e competere nel mercato internazionale, con le sue proprie leggi (spesso non scritte). Il successo o l'insuccesso di una moneta dipende esclusivamente dai privati e dalle banche. Abbiamo visto le rovinose cadute di quei paesi del sud America che hanno voluto nazionalizzare l'economia (Venezuela, Argentina ecc.), noi senza l'Euro subiremo la stessa sorte, e lo dico con rammarico ma purtroppo non abbiamo l'efficienza del Regno Unito o della Svizzera né di Svezia o Norvegia.
Fin quando il sistema italiano non sarà rimodernato, eliminata dalla radice la vecchia mentalità borbonica che ancora ci affligge, l'Euro rimarrà la nostra unica ancora di salvezza.

Stefantonio Michel 01.01.15 18:09| 
 |
Rispondi al commento

E daje usciamo dall'euro. Italianiiiiiiii

Notizie informatica Commentatore certificato 01.01.15 01:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo sul rimanere nell'euro, anche perché uscendo bisogna ricordare una cosa... La sovranità monetaria non esisteva neanche ai tempi della Lira, visto che la moneta veniva stampata dalla Banca d'Italia che come ben sapete è per il 94,33% di proprietà di banche e assicurazioni (fonte Wikipedia). Il rischio è ritornare alla Lira senza avere la sovranità monetaria e saremmo in una situazione ancora peggiore di quella odierna. Un' alternativa ci sarebbe uscire dall'euro ed avere una vera sovranità monetaria e cioè la moneta dovrebbe essere stampata dallo Stato ovvero dalla Repubblica Italiana, come succedeva (e non ricordo l'anno) prima che fosse la Banca d'Italia a stampare moneta. Ma qualcosa... mi dice che se ritornassimo alla lira a stampare moneta sarebbe nuovamente questa Spa chiamata per l'appunto Banca d'Italia.

Fede 31.12.14 16:05| 
 |
Rispondi al commento


FINALMENTE REALIZZARE TUTTI I VOSTRI PROGETTI
Bisogno di prestiti, contattaci subito la tua richiesta di prestito, perché noi concedere prestiti a qualsiasi persona onesto e veramente nel bisogno. Attribuiamo nostri prestiti nel margine di 1000 € a 5000000 € con un tasso
di interesse che vanno dal 2 al 3% a seconda della quantità desiderata. Per una buona informazione è possibile scrivere a noi a questo Indirizzo: anselmorodolpho@hotmail.it

anselmo rodolpho Commentatore certificato 30.12.14 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna sapere che Russia e Cina (oggi la + grande economia mondiale) hanno deciso di regolare i loro inerscambi in Rubli e in Yuan direttamente; prima invece si faceva rublo/dollaro-euro/yuan e viceversa. A questo punto la russia dalla svalutazione contro euro/dollaro gli importa poco, semplicemente sostituisce le importazioni occidentali con quelle dalla cina (e ricordiamo che la Cina produce qualsiasi cosa), per di più la la banca centrale cinese sostiene il rublo sui mercati finanziari.....Quindi: russia esporta petrolio/gas e riceve + rubli da spendere internamente, russia compra meno beni tecnologici da usa/ue/giap perchè più cari, ma rimette in gioco i produttori nazionali (in russia c'è l'alta tecnologia!!!!), Russia sostituisce i beni a basso valore aggiunto di USA/UE/GIAP con quelli cinesi (senza problemi!!!!), li paga in rubli e i cinesi sono spinti a comprare beni russi. Infine la riduzione del costo del petrolio favorisce le economie emergenti (brics) e mette fuori mercato i produttori area dollaro di petrolio da fraking / gas di scisto e le piattaforme petrol. oversea
La Russia oggi è il più grande produttore mondiale di petrolio, quindi se volesse potrebbe ridurre produzione e far aumentare prezzi.
Insomma l'economia reale ha vinto contro la finaziaria. Il gioco delle valute non è per tutti richiede materie prime, forza militare, credibilità. Se il petrolio costa meno e si usa meno dollari per intersambi, il doll. perde valore. Usa non possono più innondare il mondo con la loro carta stampata e comprare qualsiasi cosa.

i russi non sono pirla! 30.12.14 20:56| 
 |
Rispondi al commento

il rublo ad inizio anno era quotato sul dollaro 32,89 (1 dollaro = 32,89 rubli) al 16/12 stava a 68 , oggi 30/12 è quotato 55,88 stabile su questo valore da una settimana. da inizio anno è solo cresciuto raddoppiando il suo valore sul dollaro senza alcun intervento cinese e senza fermarsi in piene sanzioni e crisi ucraina. questo non ha impedito ai clienti russi di fare i soliti morti di fame e di lamentarsi per avere sconti. Infine condanna a 3 anni per il blogger oppositore di putin (come esempio di democrazia e di libertà).

ANDREA L., PISTOIA Commentatore certificato 30.12.14 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I partiti di governo continuano ad alzare le tasse per buttare sempre piu' soldi nel pozzo senza fondo del debito pubblico che ingrassa solo banche e finanziarie internazionali e impoverisce i cittadini.
Ma la causa del debito pubblico non e' stato l'euro, basta prendere una qualsiasi statistica storica del debito pubblico e si vede che esso ha iniziato a formarsi subito dopo la guerra ma a livelli bassissimi, per poi aumentare negli anni 70 e soprattutto negli anni 80, creando le premesse per il "non ritorno" perche' si sono contratti tanti di quei prestiti che ormai non si riescono che a pagare solo una parte degli interessi per cui occorre fare ogni anno altro debito che pertanto aumenta sempre di piu'. La colpa ancora una volta e' stata dei cattivi governi. Infatti nei paesi non corrotti questa situazione non c'e'. L'euro e' stato introdotto nel 1999. In tale anno e in quelli successivi non si rileva alcuna variazione nel trend del debito, che continua nel sua ascesa.
L'euro e' quello che finora ci ha consentito ai nostri salari e stipendi il loro potere d'acquisto, nonostante i governi che si sono succeduti dagli anni 90 in poi hanno fatto di tutto per fermarli e abbatterli, riducendo le garanzie dei lavoratori, introducendo il precariato, fermando le contrattazioni collettive e ora abolendo totalmente i diritti dei lavoratori a tempo indeterminato rendendo di fatto tutti precari e senza sicurezza per il futuro (gia' era difficile prima ottenere un mutuo, vai a chiederlo ora che il tuo posto a tempo indeterminato non vale piu' di uno a tempo determinato).
L'unica e sola possibilta' per l'Italia e' quella di rimanere nell'euro ma rifiutarsi di pagare una parte del debito, che ormai e' diventato immorale, visto che se si fa una somma dei soli interessi lo abbiamo ripagato gia' totalmente.

Stefano Ricciuti, Milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 29.12.14 22:00| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO


QUESTO PUNTO DEL RUBLO E' INDICATIVO DI COME LE COSE POSSONO ESSERE GESTITE MALE , DANDO AL NEMICO DEL MONDO -LE BESTIE PRETI PEDOFILI ORGANIZZATI IN SOCIETA' SEGRETA- CHE APPESTANO GLI STATI E L'ITALIA GESTENDO QUELLO DI INTERNO COI BAMBOCCI DI PARROCCHIA NEL RUOLO DELL'ASINO DI CALIGOLA FATTO SENATORE - A PROVA DEL POTERE DEL CALIGOLA -OGGI PRETI PEDOFILI ORGANIZZATI IN ASSOCIAZIONE SEGRETA MA NON TROPPO -E DA FUORI QUELLO CHE E' IL FRUTTO DELLA INFILTRAZIONE FATTA DAL BRODO DOMENICALE IN TUTTE LE STRUTTURE EUROPEE DOPO LA FINTA CACCIATA DAL GOVERNO DI ROMA : IN REALTA' BRODI A BRUXELLES E IL MASSIMO A BOMBARDARE I COMUNISTI DI SERBIA ( AL MASSIMO UN COMUNISTA PUO' BOMBARDARE I COMUNISTI ) CON BENEFICIO DI PRIVATIZZAZIONI CONTEMPORANEE.

ORA LA PROCEDURA E' PIU' AVANTI !

I COMUNISTI DEVONO LASCIARE LA SPALLA SINISTRA DELLA CHIESA CATTOLICA CHE VUOLE DISTRUGGERE IL MONDO IN MANO AGLI ISLAMISTI A CUI E' STATO DATO UN VANTAGGIO INFINITO DI SOLDI COL PREZZO DEL PETROLIO A 100-150 $ DA ANNI E FINANZIAMENTO E ARMI DALLA STUPIDA AMERICA CHE HA MANDATO SQUADRETTE DI ARMATI E COLONNE DI JEEP CHE SONO ALL'OPERA CON LA SCUSA DI ESTROMETTERE ASSAD, IN CONTO DEL POTERE DEL NUOVO VES-COVO DI CAMBIARE TUTTI I RE DEL MEDITERRANEO IN CORSO .

COSI' CON GLI STUPIDI AMERICANI AL SERVIZIO SI ATTACCA PUTIN PERCHE' NON COLLABORA AD ELIMINARE
ASSAD E LO SI MINACCIA PUR AVENDO LUI IL RIBINETTO DEL GAS PER L'EUROPA CHE SI CERCA DI BLOCCARE COL RISPETTO DEI SANTI PEDOFILI( GIA' C'E' CASCATO HITLER CHE POTEVA FARE FINIRE LA II GUERRA MONDIALE CON UN VAGONE DI CARDINALI , SENZA UCCIDERE EBREI, E PORTARLI A AUSCHVITZ SENZA FARGLI NULLA ,POI FARE UN ARROSTO DI PORCO ).

EBBENE LA FORZA DEI SANTI PEDOFILI E' NEI CONSULENTI( PEDOFILIZZATI?) DEI LORO NEMICI.

PUTIM POTEVA STACCARE IL GAS E LA GUERRA DI UKRAINA ERA FINITA -NON ESISTONO UKRAINI CONTRO UKR .
POI QUALCHE CONSULENTE(?) HA PROPOSTO LE PROVE DI AEREO E CROLLA IL RUBLO-
STACCA IL GAS -PUT

PROF MARCELLO PILI 28.12.14 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AEREO DI LINEA DELLA MALESIA MH17: SPUNTA UN TESTIMONE OCULARE: UN MILITARE UCRAINO CAPITANO VLADISLAV VALEREVICH VOLOSHIN

L’intero mondo é a conoscenza che l’aereo malese e stato abbattuto da caccia ucraini. Ma questo non importa, bisogna far credere all’opinione pubblica attraverso una propaganda antirussa su scala mondiale che l’autore è PUTIN e il suo governo oppositore del nuovo ordine mondiale fariseocratico-massone con a capo gli usa e compagnia bella europea e i vari subalterni sparsi per il mondo, UE. Australia, Canada ed emirati arabi e chi ne ha di più… ne metta.

http://www.pandoratv.it/?p=2475

Marcos 28.12.14 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggete e diffondete "La voce della Russia".E'una semplice app per ipad e iphone.Vi aprira'gli occhi su tutte le balle che raccontano gli Americani diffuse dai media europei.saprete cosa si appresta a fare la Cina e molto altro

Corrado Barbieri 28.12.14 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ITTAGLIA e' una repubblica fondata sul

RUBARE il denaro pubblico

direttamente da TUTTI i partiti VERE ASSOCIAZIONI A DELINQUERE insieme banche ed industrie di alto rango.......UNA FOGNA A CIELO APERTO PESTILENZIALE......rubare e' l'unica cosa che sanno fare e basta!!!!

Mario Soru, treviso Commentatore certificato 28.12.14 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa è certa, L'Euro sta strozzando l'economia italiana. Il fatto di non potere promuovere ne salvare la propria produttività ed i consumi interni con una strategia monetaria, rende difficile immaginare un futuro senza disoccupazione, cattiva qualità della vita e sperequazione sociale.

Carlo G. Commentatore certificato 28.12.14 02:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il rublo ha perso valore nel mercato internazionale per ESCLUSIVA causa delle inique sanzioni che gli sono state comminate da USA e UE e dagli altri loro stati satelliti. Essendoci un embargo su molti beni prodotti in russia, e da parte di un quota rilevante del mercato
di questi beni, è OVVIO che il rublo dovesse svalutarsi (c'è meno domanda di beni russi, ergo meno domanda di rubli, ergo il rublo perde valore). Cosa c'entra questo con l'eventualità che venga reintrodotta la sovranità monetaria in Italia? Evidentemente NULLA, è la solita CAZZATA messa in giro dai difensori della UE. Se a seguito di uno tsunami in malesia la prossima volta dicessero che quello è il destino che ci attende, di finire come la malesia, se abbandonassimo l'euro (cioè una cosa senza ne capo ne coda) sarebbe più verosimile di questo paragone col rublo.

Più grave ancora è però il valore POLITICO di queste accuse: la Russia è stata COLPITA per il semplice fatto di essersi LEGITTIMAMENTE opposta ad un colpo di stato effettuato con l'aiuto di gruppi di neo-nazisti in un paese ad essa limitrofo e legato alla russia da una storia MILLENARIA, nonché abitato da milioni di persone di lingua e cultura russe. La russia si è opposta ad un colpo di stato finanziato e guidato dalla CIA e alle ATROCITA' SPAVENTOSE
commesse dai golpisti contro la minoranza russa (noi NON DIMENTICHIAMO la strage nazista della casa dei sindacati a Odessa).

Prendere adesso a pretesto persino le conseguenze delle proprie azioni CRIMINALI e veramente vergognoso.

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 27.12.14 20:14| 
 |
Rispondi al commento

L'analfabeta politico
di Bertolt Brecht


Il peggiore analfabeta
è l'analfabeta politico.
Egli non sente, non parla,
nè s'importa degli avvenimenti politici.

Egli non sa che il costo della vita,
il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina,
dell'affitto, delle scarpe e delle medicine
dipendono dalle decisioni politiche.

L'analfabeta politico è così somaro
che si vanta e si gonfia il petto
dicendo che odia la politica.

Non sa l'imbecille che dalla sua
ignoranza politica nasce la prostituta,
il bambino abbandonato,
l'assaltante, il peggiore di tutti i banditi,
che è il politico imbroglione,
il mafioso corrotto,
il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali.

Bertolt Brecht.

Matteo V., Carrara Commentatore certificato 27.12.14 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Italia, 300mila km. quadrati, fa le sanzioni alla Russia, 17milioni di km. quadrati.
Robe da matti.

Matteo V., Carrara Commentatore certificato 27.12.14 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il debito pubblico della Russia non arriva oggi al 15% del PIL; quello italiano al 132%. Gli USA hanno avviato la stamperia di dollari che li ha portati a sfondare il 105%. Noi è dal tempo del ladrone di Hammamet e dei suoi degni compagni e successori che abbiamo il "culo scoperto"; quando per portarci al quinto posto per il valore del PIL mise in piedi un'associazione al delinquere che ancora ci amministra. Che ci affossa non è l'Euro ma la voracità del sistema pubblico dello stato gestito criminalmente; purtroppo più del 30% degli italiani campa anche su questo.

Paolo Andrea 27.12.14 19:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè combattere una guerra che si può evitare uccidendo subito il nemico?
Giocarsi oltre 100 miliardi di dollari in riserve valutarie, alzando il tasso di sconto al 17% mettendo in crisi gli investimenti pubblici e privati, e da pazzi, infatti la Banca Centrale russa è dominata da due isteriche monetariste, una è stata addestrata al MIT in matematica finanziaria (che non c'entra un fico secco con l'economia reale) e purtroppo, per ora, Putin non ha la forza di eliminare in poche mosse la City e Wall Street dichiarando l'adozione della Glass-Steagall in Russia accompagnata da controllo sui cambi e sui capitali e soprattutto istituendo una Banca Nazionale hamiltoniana capace di monetizzare il credito ordinato dal governo.

Massimo Lodi Rizzini, Varese Commentatore certificato 27.12.14 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Si può criticare o apprezzare la scelta di economia russa determinata soprattutto da un deterioramento dei rapporti con l'occidente in particolare per la questione ucraina, comunque il fatto che a fronte di attacchi economici la russia possa rispondere dovrebbe far ricordare che noi risposte ad attacchi economici non ne abbiamo più.
Noi possiamo solo subire poichè una banda di venduti ha deciso senza interpellarci che la nostra sovranità bisogna regalarla a paesi stranieri e il risultato è l'attuale recessione.
Il caso russo non è solo una svalutazione competitiva ma una forte reazione CONTRO l'occidente speculativo e serve a rendere sì competitiva la russia ma anche a rendere MENO competitiva l'europa (anche a danno dei russi a dire il vero).

Non posso prevedere come andrà a finire ma una cosa la so già:
a noi andrà di merda (con o senza putin).
Il problema è che quando dai il potere a chi lo usa contro di te il risultato è negativo, sempre;
se noi abbiamo dato la nostra politica monetaria alla germania che vuole impadronirsi di tutti i nostri assets il risultato è che loro la useranno contro di noi.

A giudicare dai grafici il "crollo" c'è stato 2 settimane fa ed è già rientrato quindi si trattava più di speculazione finanziaria, un attacco alla moneta, non una questione di economia reale.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 27.12.14 15:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La banca centrale russa intende rafforzare il rublo. E la banca d'italia, se ci fosse oggi la lira al posto dell'euro, che cosa farebbe? Si muoverebbe contro il mercato (rafforzando o indebolendo la lira a seconda di quel che avverrebbe sul mercato)?
E' ovvio che se noi uscissimo dall'euro, il cambio con l'euro non sarebbe più 1936 e rotti ma di più (lira più debole, quindi) - almeno 2400 secondo alcune stime, ma non lo sa nessuno, ovviamente. Quindi: la BI farebbe quanto ha fatto la banca di russia: aumenterebbe il tasso di sconto per rafforzare la lira? Che senso avrebbe uscire, allora? Oppure c'è un cambio ideale (basato su un modello econometrico 'perfetto'), verso cui tendere? Questo è possibile, naturalmente, ma in realtà, anche in questo caso, non lo sa nessuno.
Che l'euro (senza una vera unicità di politiche economiche e fiscali degli stati dell'unione monetaria) produca squilibri è naturale. Che questi si riescano a correggere semplicemente stampando moneta è sbagliato, e non per sottigliezze econometriche ma per via di una semplice constatazione:
se fosse vero che la monetizzazione del debito (stampaggio di moneta) fosse la soluzione, perché in passato ci sono stati i default (i fallimenti) degli stati, con conseguenze pesanti per molti cittadini di quegli stati (tipo vedersi congelati i proprio conti correnti)? Cos'è: i politici di quegli stati non hanno capito che con lo stampaggio allegro di moneta si potevano risolvere i problemi (tutti guarda caso causati da un eccesso di debito)?

Marco M. 27.12.14 15:41| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di sovranità monetaria vorrei far notare che l'Italia detiene la terza riserva aurea mondiale , 2400 tonn ( di cui la metà depositate all'estero come riserva strategica ? in caso si faccia la fine dell'Irak ) . In Svizzera a fine novembre si è tenuto un referendum per agganciare il franco al GOLD STANDARD (fallito) e la Cina lo stà già facendo operando in questo senso sulla borsa di Shangai. A che scopo? Per liberarsi dal padre padrone il dollaro e dando nel contempo una credibilità alla valuta nazionale supportata parzialmente dall'oro. Questo potrebbe essere un nostro punto di forza nel ritorno alla lira .......

emanuele t., venezia Commentatore certificato 27.12.14 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Per demolire il sistema partitocratico Italiano sarebbe opportuno modificare legalmente tutti quei sistemi che lo auto alimentano. Si dovrebbe partire dal voto modificando il regolamento che ne vieta la trasparenza,il voto trasparente annienterebbe nel tempo la corruzione. Legalizzare la prostituzione e le droghe leggere consentirebbe di eliminare la corruzione che di nasconde dietro queste attività, liberando 120 miliardi di sommerso;in mano alla malavita e ai nostri governanti. Di fatto la concessione della prostituzione e passata alla Cina che con i centri di massaggio ha creato dei bordelli a tutti gli effetti, molto organizzati, addirittura con interi palazzi, il bello che viene fatto sotto gli occhi di tutti é con il benestare dei nostri
politici. Uscire dall'euro sarebbe una soluzione per noi, ma la domanda di riserva è ci consentiranno di farlo?! Io penso di no, arriveranno anche alle armi per difendere questo mondo marcio che hanno creato. Noi finiremo nel giro di 10 anni con il trionfo del male sul bene, in modo palese. Strano che tutto questo debba accadere in un paese
che è la casa del principio del bene dell'umanità; forse qualcuno vuole che si distrugga il potere della chiesa nel Mondo?

Celestino Regina , Milano Commentatore certificato 27.12.14 13:55| 
 |
Rispondi al commento

IO NON SOLO CERCO DI INFORMARE MA PROPONGO ANCHE SOLUZIONI REALISTICHE E FACILMENTE REALIZZABILI VISTO CHE VIVIAMO IN UN' ERA DOMINATA DAI
SUPERCOMPUTER.

IL DEBITO ITALIANO ANDREBBE GESTITO COME FA LA GERMANIA GRAZIE AD UNA LEGGE EUROPEA (SOTTOLINEO EUROPEA) DEL 1989 CHE CONSENTE ALLA
CASSA
DEPOSITI
E PRESTITI
TEDESCA
(KWF)

DI ACQUISTARE
ALLE ASTE
DEI BUND (I BTP-CCT-BOT TEDESCHI)
GLI

INVENDUTI


OPERAZIONE CHE PERMETTE ALLA GERMANIA
DI TENERE I TASSI SOTTO CONTROLLO E BASSI.


SECONDO PROVVEDIMENTO DA PRENDERE IN ITALIA.

CONGELARE IL DEBITO
E GARANTIRE IL 3% DI INTERESSE ANNUO
FACENDO RISPARMIARE IMMEDIATAMENTE 40.000.000.000 DI EURO.

CONTEMPORANEAMENTE
OBBLIGARE
QUEL 1% (600.000)
DIITALIANI CHE
HANNO IL 20%
DELLA RICCHEZZA
HA
SOTTOSCRIVERE
PER
5 ANNI
IL DEBITO
IN SCADENZA
CHE
ESSENDO CONGELATO
NESSUNO
SOTTOSCRIVEREBBE

INFINE
NAZIONALIZZARE
LE BANCHE

E

PORTARE
TUTTE
LE
PENSIONI AL
MASSIMO
A 8000
EURO
LORDE
PARI
A CIRCA
5000 NETTE.

Luigi P. Commentatore certificato 27.12.14 12:26| 
 |
Rispondi al commento

TANTISSIMA CARNE AL FUOCO.

GLI USA SONO LA NAZIONE PIU' INDEBITATA AL MONDO.

SOSTENGONO IL LORO DEBITO MOSTRUOSO STAMPANDO DOLLARI DAL 1973 (ANNO IN CUI NIXON FU COSTRETTO A DICHIARARE IN TV CHE LA CONVERTIBILITA' IN ORO DEL DOLLARO COL RAPPORTO 1 DOLLARO 1 GRAMMO D' OR0 ERA FINITA)

IL 20% DEL PIL USA E' DIRETTAMENTE O INDIRETAMENTE PRODOTTO DALL' INDUSTRIA BELLICA

GLI USA SONO I PRIMI CONSUMATORI DI ENERGIA AL MINDO PETROLIO INCLUSO

L' ERO CHE C' ENTRA IN TUTTO CIO'?

C' ENTRA TANTISSIMO PERCHE' POCHI SANNO CHE MOLTISSIMI PAESI ARABI (IRAN IN TESTA) NON ACCETTANO PIU' PAGAMENTI IN DOLLARI PER IL LORO PETROLIO MA IN EURO

L' EURO E' SOSTANZIALMENTE L' EX MARCO TEDESCO ED E' LEGATO AL CONCETTO DI "PRODUTTIVITA' DEL LAVORO" CHE NON VIENE MAI CITATA IN NESSUNA DISCUSSIONE SERIA SUI SALARI SULL' INFLAZIONE SUL DEBITO ETC

NEI COMMENTI JOHN BUATTI SPIEGA PERFETTAMENTE COME I RUSSI INSIEME AI CINESI HANNO FREGATO LA SPECULAZIONE E LE VENDITE ALLO SCOPERTO SUL RUBLO

COSA CHE SI POTEVA E DOVEVA FARE IN ITALIA NEL 2011

POI BEPPE A POSTA UNA NOTIZIA

SUPERBOMBA


IL NUOVO TRATTATO EUROPEO PREVEDERA' CHE:

LA BCE EMETTERA' DEI BOND
GARANTITI
DAI BENI (MONUMENTI INCLUSI COME IL COLOSSEO)
DELLO STATO


QUESTO SIGNIFICA CHE IN CASO DI FALLIMENTO DELLO STATO ITALIANO

(COME DA ME SCRITTO E PREVISTO DA OLTRE DUE ANNI)

I FONDI PENSIONE ESTERI ANGLOSASSONI

SI
PAPPARANNO
PER 4 SOLDI
IL
COLOSSEO
GLI UFFIZZI
POMPEI
BRERA
LA TORRE DI PISA
ETC. ETRC ETC

DALTRONDE
L' UNICO SETTORE CHE HA VISTO AUMENTARE IL FATTURATO NEL 2014 A LIVELLO MONDIALE E' IL

TURISMO.

QUAL' E' LA NAZIONE AL MONDO CON IL MAGGIOR PATRIMONIO TURISTICO?

L' ITALIA.

PER QUANTO RIGUARDA IL PETROLIO IL CALO DEL PREZZO E' UNA BUFALA POICHE' IL DOLLARO ERA A 1,60 CONTRO EURO QUANDO LE QUOTAZIONI ERANO 90-100 DOLLARI AL BARILE.
ORA IL DOLLARO E' A 1,21
QUINDI SI E' RIVALUTATO DEL 25% SULL' EURO.
PERTANTO IL PREZZO DEL BARILE CHE E' QUOTATO IN DOLLARI E' SCESO DEL 30% .
MA INTERMINI NOMINALI SOLO DEL 5%

Luigi P. Commentatore certificato 27.12.14 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto bene! Ma la domanda sorge spontanea: Al momento della creazione la proprietà della moneta a chi appartiene?
Il debito pubblico viene riconosciuto tale oppure viene decretato inesigibile perchè fraudolento e illegitttimo?
Keynes non è Auriti ricordiamocelo sempre.

Mauro M. 27.12.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo significa sperperare le energie. Il referendum non passera' quindi meglio occuparsi di cose serie come corruzzione, impunita', tasse e VINCERE LE ELEZIONI per spazzarli tutti via

guest 27.12.14 11:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il prossimo post sara' in favore dei cinesi, in fondo sono loro i partner della russia.

carlo 27.12.14 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@tw

Prima di deridere i bambini che credono a Babbo Natale, ricordatevi che ci sono adulti che hanno creduto in Matteo Renzi.

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 27.12.14 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.: BISOGNA FERMARE LA PORTAVOCE SERENELLA FUCKSIA.
Vedi LEX Sua proposta oscena quasi alla pari di monti, letta e renzie ........ FERMIAMOLA !!!!!
Cordialità

P.S.: EPO se ci sei batti un colpo !!!!!

Toto A., Milano Commentatore certificato 27.12.14 10:50| 
 |
Rispondi al commento

il nuovo amore della fantastica coppia grillo-casaleggio: putin.

per la serie "un'occasione perduta".

carlo 27.12.14 10:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ERF se lo conosci lo eviti

...
c’è chi considera ormai fallita la moneta unica europea, e ne prevede sempre più vicina la «ropture»;
altri prevedono invece che l’euro sarà tenuto in vita grazie a un nuovo accordo europeo, destinato a superare il Fiscal compact . E qui sta la vera novità, di cui non c’è ancora traccia nel dibattito politico.

A questo accordo starebbero lavorando in segreto economisti e politici di diversi paesi. La novità centrale sarebbe l’istituzione di un nuovo fondo, l’European Redemption Fund (Fondo per il rimborso del debito),
...
Così com’è, sostiene Boscolo, l’euro ha troppi difetti per poter durare. Gli interventi della Troika (Bce, Ue, Fmi) per fare rispettare il Fiscal compact, hanno peggiorato dovunque la situazione, invece di migliorarla. Inoltre l’euro ha provocato pesanti squilibri nell’eurozona, che lo stesso Fmi ha riconosciuto in un rapporto del luglio 2014: è una moneta sottovalutata in Germania (del 15%), mentre è sopravvalutata (10-14%) nei paesi periferici. Questo ha creato le condizioni per il surplus commerciale dell’export tedesco, superiore al 6% da tre anni, dunque passibile di sanzioni Ue, come lo è lo sforamento del 3% nel rapporto deficit-pil.
...
Dalle prime bozze, il Fondo Erf, da istituire con un nuovo trattato europeo, avrebbe le seguenti caratteristiche: 1) il Fondo potrà emettere sui mercati degli eurobond, dando in garanzia i beni dello Stato interessato, oltre alle riserve valutarie e a quelle auree; 2) in caso di mancato pagamento dei bond da parte degli Stati interessasti, il Fondo potrà incassarne direttamente le tasse: 3) gli Stati aderenti non avranno più giurisdizione sul loro debito pubblico e non potranno più tornare alla moneta nazionale.
...
«Sarà l’inizio della fine degli Stati così come li abbiamo conosciuti. Finiranno nelle mani dei grandi capitalisti, i quali hanno voluto l’euro e la globalizzazione per acquistare a prezzi stracciati gli asset dei Paesi con moneta debole...

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 27.12.14 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La grande alleanza tra "poteri internazionali", quelli con la soluzione "resolver", (...della guerra preventiva...), e le agenzie di stampa, fa scendere il prezzo del petrolio...e fa salire il pil della "Grande Mela", da oggi a domani e ci prova col rublo...
Copioni da soggetto hollywoodiano...Vecchi incantesimi da maghi neri. L'obiettivo è sempre lo stesso: il non convertito pienamente alla grande religione democratica, quello che vorrebbe ancora difendere autonomia, indipendenza, tradizioni religiose, cultura.
Ci risiamo. La "banalità" del male che prepara nuovi olocausti.

Paul E. Commentatore certificato 27.12.14 10:28| 
 |
Rispondi al commento

L'EURO E' UNA MERDA, HA CANCELLATO LA STORIA DELL'ITALIA.

W LA LIRA ITALIANA.

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 27.12.14 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oramai non sappiamo più cosa dire se un Paese in preda al suo imperatore diviene esempio per il Movimento. Non credevo che la #mafiarussa fosse diventato un riferimento. Vi ho perso strada facendo, tra propaganda ed esaltazione del capo, della disperazione degli altri! Insomma cavalcare il disagio, istigare, manipolare sono i vecchi soliti metodi che non dovevano appartenere a questo Movimento, invece, il potere, la rabbiosità ha prevalso.

Walter T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.12.14 10:19| 
 |
Rispondi al commento

In tutta segretezza gli USA, o meglio il governo ombra che dirige i politici del mondo occidentale, ha creato l´unione nordamericana, Messico, usa e canada.
E´in preparazione una moneta unica l´amero che e´uguale all´euro.
Infatti la comunita´europea, con l´euro, e´stata un test e anche il primo passo per la costituzione di un governo mondiale.
La Cina che di fronte sembra osteggiare gli USA di dietro condivide TUTTI i programmi di questa elite mondiale e sara´felice di contribuire all´affossamento della Russia e alla successiva suddivisione del territorio russo.
La guerra contro la Russia e´iniziata in Georgia e soprattutto in Ukraina, e´proseguita con le sanzioni e con la guerra economica al rublo.
Infatti la situazione economica russa e´molto migliore dell´americana (nonostante la propaganda contraria) e il rublo e´sostenuto da una nazione con bilancia commerciale attiva e un debito inesistente.
Mentre gli USA con un debito (ufficiale) di 18 trilioni di dollari (ma in realta´molto maggiore) una bilancia commerciale passiva sono sull´orlo del fallimento.
Un fallimento che sarebbe avvenuto gia´da tempo se non avessero avuto la sovranita´monetaria e se il dollaro non fosse stato la riserva mondiale.
Il crollo del dollaro sara´uno tsunami che trascinera´tutte le altre monete dell´ovest.
Non c´e´altra possibile soluzione che lasciare la barca che sta affondando.
Il segreo e´farlo quando e´ancora a galla, dopo sara´un disastro.

Patrizia B. 27.12.14 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Giusto un appunto sulla scelta della locandina.
Personalmente la trovo ridicola e offre il fianco ai nostri detrattori.
Già immagino i titoli dei TG di oggi, che come al solito si fermeranno in superfice, giudicando il post solo da quella locandina, un po come quei bambini che non sanno leggere e cercano nei libri solo le figure.
Grazie

Antonio E., Foggia Commentatore certificato 27.12.14 10:02| 
 |
Rispondi al commento

La Globalizzazione realizzata con le guerre mascherate in missioni di Pace ha incancrenito il mondo,seminando Odio di Razza e di Credo,morte,sofferenze, Distruzioni.Putin cadendo nella trappola del Messia ha incancrenito il mondo perché ha dato la sensazione che la Russia senza i Maestri politici Italiani non è capace di fare nulla,così facendo ha montato la testa ai padroni del mondo,UE,ONU e al potente esercito di Dio "Nato & Alleanza Atlantica.Meglio subito una vera guerra che non ad altri 25 anni di agonia.La Costituzione è stata violata con le stragi,Moro,Punta Raisi,Cermis,Rapimenti di La notte di Natale ho sognato le nuove Divinità politiche della Grande ammucchiata,architrave della Globalizzazione e Pietra Testata D'Angolo della Suddita Burocratica Guerrafondaia UE.Tutti i Discepoli che governano le Colonie UE ed il Profeta sostenitore delle guerre mascherate in Missioni di Pace erano intenti a venerare il Dio della Pace per festeggiare il trionfo della loro Onnipotenza.Erano tutti adunati nella Piramide UE intorno al potente esercito di Dio "NATO",bevendo Champagne,però il loro figlio Isis da loro concepito è sfuggito dal controllo,seminando panico nella Russia.L'Ucraina forte dell'appoggio di Dio,UE,Nato,ONU,ha accolto l'occasione di dare l'assalto finale all'Ex grande Potenza,ma il grande rumore provocato e i lamenti di sofferenza del popolo Russo,hanno fatto svegliare i Generali Orsi che dormivano nelle Tane in Siberia.Gli Orsi svegliati di soprassalto,presi dal panico hanno subito consegnato i missili atomici di lungo raggio di gettata circa 13.000 Km all'Iran!

agostino nigretti 27.12.14 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Questo premier(si fa per dire) nominato da un'altro nominato,rieletto quest'ultimo da altri nominati dai partiti,riesce a far digerire ogni atto del governo perchè.
1-L'Italiano è ignorante(non conosce)
2-L'Italiano è allo scuro delle cose(disinformazione)
3-L'Italiano è abituato a delegare altri per la
soluzione dei suoi problemi.

ps: dimenticavo che è facile alle leggi dargli nomi stranieri in modo che l'italiano non comprenda una cippa di che si tratta.

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 27.12.14 09:41| 
 |
Rispondi al commento

E poi, ci dimentichiamo che i russi, MANGIANO I BAMBINI.
Proprio per impedire questo, Mussolini e Hitler,IN ACCORDO con USA ed Inghilterra, ne hanno ammazzato 24 milioni di Russi tra i 17 ed i 27 anni.
Ricordate le lettere segrete di Mussolini a Cercill "...il nemico comune è a Est..."?

Matteo V., Carrara Commentatore certificato 27.12.14 09:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MASADA n° 1605 24-12-2014 1602 DANZA SULL’ABISSO
Viviana Vivarelli

Un Governo fallimentare - Il bersanese- Contenti e turlupinati – Abolita ogni pena per il reato di scambio - Napolitano monita contro l’antipolitica – Ci hanno rubato anche la speranza – La rosa dei candidati al Quirinale, il migliore è Carminati- Condannati con vitalizio – Uscire dall’euro – La crisi si avvita sempre più portandoci al disastro - In margine alla crisi russa – La necessità di svincolarsi dal petrolio - La ripresa americana- Italia repubblica illegale

“C'è una realtà per l'assurdo di una vita che non è vita? Dove si è rifugiata la realtà?
Nella dissoluzione di ogni forma, nel crepuscolo di una torpida incertezza sopra un mondo spettrale, l'uomo, come un bimbo smarrito, avanza a tentoni, tenendosi al filo di una qualche logica di corto respiro, attraverso un paese chimerico, che chiama realtà sebbene non sia per lui che un incubo”.
(I Sonnambuli- Ermann Broch)
.
"Vedi, ci sono ancora deboli residui di civilizzazione rimasti in questa barbara carneficina che un tempo era conosciuta come umanità. Ed è proprio quel che noi cerchiamo di offrire con il nostro umile, insignificante... oh, chi se ne frega!"
(Da Grand Hotel Budapest)
.
Nulla fa paura ai disonesti quanto l'onestà.
Nulla temono i manipolatori quanto la verità.
Nulla spaventa chi è nato suddito quanto la democrazia diretta cioè l’autonomia e la responsabilità.
.
Incamminarsi verso una migliore democrazia sarà possibile solo quando il vero concetto di una partecipazione democratica e la sua esigenza saranno entrati chiaramente in ognuno di noi.
Per questo una rivoluzione culturale è ben più difficile di una rivoluzione armata
Per questo arrivare a capire il concetto e il diritto di una democrazia diretta non è un cambio di ideologia ma un progresso di civiltà.

Per leggerlo tutto clicca il mio nome
oppure vai a
http://masadaweb.org

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.12.14 08:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillo.

Nel 2012 flirtavi con gli islandesi, nel 2013 ti baciucchiavi con gli argentini, oggi nel 2014 ti strusci con i russi. Vedi di alzarti in piedi e di riallacciarti i pantaloni prima di finire nel letto degli ayatollah! A forza di vedere tu e i tuoi amichetti del fatto sputare sugli italiani, ci siamo dimenticati di Cesare, Dante, Francesco, Da Vinci, Garibaldi e tanti altri, ci siamo convinti che l’Italia è il paese dei balocchi che ha costruito la sua storia e la sua cultura sul nulla. Non ci ricordiamo che l’Italia è un paese più democratico e più ricco, anche di possibilità, della Russia. Non ho mai sentito parlare di una donna italiana così disperata da emigrare per fare la badante nei paesi dell’est, e nel caso in cui te ne fossi dimenticato, la mafia italiana ha tutto da imparare da quella russa, che non ci pensa proprio a salvarti dal paparino americano.

Alza la testa, buffone, e ritrova un minimo di dignità. Esci dal tuo palazzo e impara che qui non è tutto marcio, che le opportunità, le qualità, le esperienze ci sono senza dover guardare altrove. Smettila di insegnare ai tuoi connazionali a strisciare dalla vergogna. Hai un problema, affrontalo, senza cercare come un disperato, un dittatore straniero di paccottiglia.

Sii uomo, sii guida.

Caroline T. 27.12.14 08:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e pure sto Natale se lo semo levato dalle palle............

Er famoso Covelli de 'a curva sudde Commentatore certificato 27.12.14 08:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Uscire da questa gabbia è vitale se non vogliamo morire schiavi per cui tutti a firmare e subito!

cristina c., roma Commentatore certificato 27.12.14 08:19| 
 |
Rispondi al commento

La capacità di rendere FACILI anche concetti DIFFICILI !!

I concetti :" ...Se la Russia avesse avuto l'"eurorublo" sarebbe fallita.....L'esigenza dell'Italia di tornare alla sua sovranità monetaria è invece rafforzata proprio dalle mosse della Russia sul rublo.........è proprio grazie all'intervento della Banca Centrale Russa , alla sua sovranità, che la Russia ha avuto ed ha margini di manovra per gestire gli squilibri di bilancia dei pagamenti che sono invece del tutto preclusi all'Italia all'interno della camicia di forza dell'Euro....è questa la logica della sovranità monetaria...." , spiegano benissimo quello che poteva sembrare DIFFICILE ! E' TUTTO chiarissimo !!!! Chiedete un DIBATTITO televisivo !!!!!! Un post stupendo per CHIAREZZA ! Dovete riuscire ad andare anche nelle televisioni a SPIEGARE bene TUTTO , come avete fatto in questo post..

Vincenzo Matteucci 27.12.14 07:39| 
 |
Rispondi al commento

____________

jobs-act

Oggi iniziamo a vedere se la disoccupazione scende!

oggi in Italia siamo al 13.2%--se credete al modo come vengono conteggiate le percentuali.

perciò secondo la legge appena passata dai ladri alle 4-am circa dovremmo vedere quel numero scendere entro poche settimane!

se non scende ... il Governo si deve dimettere!

qui il grafico interattivo - far scorrere il mouse sul grafico

https://www.google.it/publicdata/explore?ds=z8o7pt6rd5uqa6_&met_y=unemployment_rate&idim=country:it:es:fr&hl=it&dl=it

john buatti 27.12.14 05:34| 
 |
Rispondi al commento

riflessione sul vostro movimento del casso che non mi piace.....

Quand'anche dovesse succedere che il vostro movimento andasse al potere sicuramente ( gli usa e getta daccordo coi francesi e coi tedeschi) farebero scoppiare una guerra civile come in Tunisia e in libia e in egitto e in siria così da rimettere su un burattino come monti o come letta o come fonzie.

bassi-bruno 27.12.14 03:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottimo pezzo

Marco Orso Giannini 27.12.14 03:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarebbe sufficiente che la russia chiedesse il pagamento di petrolio e metano non i dollari o euro ma in Argento+oro+platino e che poi stampassero i rubli non in carta ma con l'argento,l'oro e il titanio ricevuto in cambio delle materie prime.

Quando il mondo vedesse rubli in oro non glie ne fregherebbe più un cazzo della carta usa e getta e di tutta quella spazzatura delle banche europee.

bassi-bruno 27.12.14 03:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

__________1)

Ecco i 'cigni neri' con cui la Russia può abbattere il castello di carte dell'Occidente


In un intervista radiofonica a King World News, Paul Craig Roberts, ex assistente alla politica economica sotto la presidenza Reagan, ha descritto le misure più estreme che la Russia potrebbe adottare per contrastare la guerra economica dell'Occidente.

Guerra economica condotta non solo con le sanzioni, ma anche attraverso la sovrapproduzione di petrolio e conseguente crollo del prezzo per barile - quest'ultimo fondamentale per l'erario russo.
Roberts parla di black swans, „cigni neri“. Un espressione di origine latina che indica un evento sorprendente e gravido di conseguenze. Si tratterebbe di misure che, una volta adottate da Mosca, potrebbero gettare l'intero sistema economico occidentale in un buco nero.
Un avvertimento, quindi, sulle capacità di ritorsione dell'orso russo. Un avvertimento che Roberts rivolge a quella „gente presuntuosa, felice di avere finalmente mandato al tappeto la Russia, illusa che 'la Russia è finita', e che 'presto sarà quello che deve diventare: uno stato vassallo degli USA'“
È per contrastare la boriosa hubrysdei neocons americani che Roberts descrive i cigni neri con cui la Russia potrebbe „far crollare quel castello di carte che è il sistema economico occidentale“. Vediamoli.
„Immaginiamo che il governo russo dica: 'Dato che l'attacco al rublo è politico, e che ci state causando un sacco di guai, non pagheremo la prossima tranche del nostro debito dovuta a inizio 2015',

„Bene,“ – continua Roberts - „il sistema bancario europeo collasserebbe perchè le sue banche sono terribilmente sotto-capitalizzate. Alcune di loro hanno concesso prestiti alla Russia che assorbono quasi l'intera base di capitale.“

In effetti, precisa Roberts, „i russi non dovrebbero nemmeno fare default. Sarebbe sufficiente dicessero: 'Non pagheremo quest'anno.

segue

john buatti 27.12.14 01:51| 
 |
Rispondi al commento

__________2)

Ecco i 'cigni neri' con cui la Russia può abbattere il castello di carte dell'Occidente


Lo faremo più tardi non appena il rublo si stabilizza“.
Chissà, forse basterebbe evocare un simile cigno nero per convincere USA e UE a desistere da attaccare il rublo! Ma i cigni neri di ci parla Roberts nella sua intervista a King World News hanno effetti domino, credibili perchè dejà vu.
„Per via di innumerevoli legami e interconnessioni, quando fallì Lehman Brothers si ebbe un effetto avverso tanto in Europa quanto negli Stati Uniti“
„Chi lo sa cosa accadrebbe questa volta? Tutti questi tipi di derivati e CDS (Credit Default Swaps) in circolazione ammontano già a multipli dell'intero prodotto interno lordo mondiale, e nessuno sa cosa rappresentino.“
„Se le banche europee iniziassero a fallire, chi lo sa quale sarebbe l'impatto su questa montagna di derivati. Ma l'intero sistema occidentale è un castello di carte. Non è basato su nulla al di fuori delle manipolazioni di mercato. Non ci vorrà molto ad abbatterlo.“
Si chiarisce così la natura dei cigni neri che la Russia ha a disposizione per fronteggiare la guerra economica dell'Occidente. E quanto siano tronfi quei neocon americani che si illudono di avere mandato la Russia al tappeto.
Ma Roberts pensa ad un altro cigno nero. Stavolta diretto alla NATO.
„Se i russi si arrabbiassero veramente, tutto quello che devono fare è chiamare i governi europei e informarli che 'non vendiamo più gas naturale, o qualsiasi forma d'energia ai membri della NATO'.“
„La conseguenza sarebbe il collasso della NATO. Nemmeno uno stato marionetta come la Germania accetterebbe di far morire di freddo i cittadini, far chiudere le fabbriche, e permettere al tasso di disoccupazione di raggiungere il 40%. Sarebbe la fine della NATO.“

john buatti 27.12.14 01:51| 
 |
Rispondi al commento

__________3)

Ecco i 'cigni neri' con cui la Russia può abbattere il castello di carte dell'Occidente


Anche a questo cigno nero seguirebbe un effetto domino: „Ogni sistema bancario del mondo probabilmente collasserebbe, perchè se le banche tedesche si trovassero a fronteggiare la chiusura degli stabilimenti, cosa ne sarebbe di loro? Quindi le carte sono tutte nelle mani di Putin.“
E questo, che le carte sono tutte nelle mani di Putin, i leader occidentali lo sanno molto bene. La loro frustrazione e impotenza erano ben visibile nella reazione stizzita che Merkel ebbe al vertice SAEM di Milano, e poi nel suo discorso anti-Putin a Brisbane.
Ai leader occidentali rimane la guerra economica a suon di sanzioni, abbattimento del prezzo del petrolio e del valore del rublo. Ma le vittorie fin qui ottenute rischiano di essere il preludio di una Stalingrado economica.


fonte:

http://italian.ruvr.ru/2014_12_23/Ecco-i-cigni-neri-con-cui-la-Russia-puo-abbattere-il-castello-di-carte-dellOccidente-0841/


john buatti 27.12.14 01:51| 
 |
Rispondi al commento

Claudio il Comasco, Alba villa 26.12.14 12,09
sul post
Beppe Grillo incontra i ragazzi non vedenti e ipovedenti di Ageranvi

***

nessuno è in grado di risolvere l'indovinello ?
eppure c'è pure un aiutino...
a nessuno interessa un po' di verità ? ... è gratis !!!

spesso non è
ciò che è,
ma è
ciò che appare

in questo caso è
ciò che appare ... ma poco ... eppure vi garantisco che c'è

buonanotte Blog

Cla'

Claudio il Comasco, Alba villa Commentatore certificato 27.12.14 01:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

___________

Il rublo si è impennato ai massimi da dicembre, toccando il cambio di 52,88 contro il dollaro e segnando un rialzo giornaliero di circa il 10%, dopo che un quotidiano locale ha reso noto che il premier Dmitri Medvedev ha ordinato per decreto alle grandi aziende statali in Russia di vendere parte delle loro riserve valutarie, in modo da sostenere il rublo, che dall’inizio dell’anno ha perso quasi il 45%, arrivando a toccare fino a un minimo di 80 contro il biglietto verde e 100 contro l’euro.
Secondo le stime del governo, grazie a questa misura, sul mercato ci sarebbe quotidianamente e per i prossimi due mesi un miliardo di dollari in più al giorno, cosa che allenterebbe la pressione sulla valuta russa.
E la Banca di Russia ha comunicato che lo scorso 18 dicembre, il ministero delle Finanze ha venduto riserve per 500 milioni di dollari e in data 19 dicembre altri 420 milioni. In tutto, l’istituto ha intaccato le riserve per 10 miliardi in questo mese, portando a oltre 90 miliardi di dollari le vendite dall’inizio dell’anno. Il ministero delle Finanze detiene ancora altri 6 miliardi di dollari e nei giorni scorsi aveva annunciato che avrebbe utilizzato queste riserve per difendere il cambio, considerato troppo svalutato.Il fattore prezzo petrolio
Tuttavia, dall’Arabia Saudita non sono arrivate buone notizie per Mosca. Il ministro del Petrolio, Alì al-Naimi, è tornato anche oggi sulla politica di Riad e ha confermato che non taglierà la produzione di greggio nemmeno se il prezzo dovesse scendere a 20 dollari al barile. Ieri, lo stesso al-Naimi aveva precisato che il Regno Saudita non avrebbe ridotto l’output neanche se lo avrebbe fatto l’OPEC, segnalando un’indisponibilità nettissima a cedere quote di mercato ai concorrenti sul mercato globale.

http://www.investireoggi.it/economia/la-crisi-del-rublo-in-russia-ha-effetti-anche-sulleuropa-cattive-notizie-dallarabia-saudita/?refresh_ce

john buatti 27.12.14 01:25| 
 |
Rispondi al commento

_____________

La Russia compra oro a novembre e la Cina offre il suo aiuto contro la crisi del rublo

La Russia continua ad acquistare oro, smentendo le voci di una sua cessione di lingotti per sostenere il rublo. E i cinesi offrono il loro aiuto ai russi per combattere la crisi valutaria.

http://www.investireoggi.it/economia/la-russia-compra-oro-a-novembre-e-la-cina-offre-il-suo-aiuto-contro-la-crisi-del-rublo/?refresh_ce

john buatti 27.12.14 01:17| 
 |
Rispondi al commento

______________

In effetti dopo aver raggiunto il cambio record di 80 rubli per dollaro il 16 dicembre scorso, il movimento al rialzo del valore del dollaro sembra essersi frenato, come appariva già nelle quotazioni del 26 dicembre quando un dollaro veniva trattato attorno ai 52,77 rubli. Un recupero del rublo sui valori dell’euro e del dollaro pari a circa il 30%.

__________________
Le banche centrali della Russia e della Cina hanno firmato dei contratti (swap) per scambiarsi direttamente le loro valute senza l'intermediazione del dollaro. Il tasso di cambio previsto da questi contratti era pari a 5,67 rubli per 1 yuan renminbi. Da parte sua lo yuan viene scambiato con le altre valute (dollaro compreso) all'interno di una banda di oscillazione del 2% rispetto ad una parità centrale stabilita dalla Banca Centrale Cinese. Così la Russia ha venduto i suoi yuan in cambio di dollari “ribassati” e con questi ha ri-acquistato i rubli. Con gran dispiacere… per chi ha venduto rubli "allo scoperto" (senza possederli) sperando di riacquistarli successivamente e dunque confidando nella svalutazione al fine di lucrare la differenza. (Metodo utilizzato in Italia nel 1992 contro la lira da George Soros, poi premiato da Romando Prodi con una laurea in economia honoris causa all’Università di Bologna; tale finanziere-mecenate – condannato tra l’altro a morte in Malesia per lo stesso reato – aveva lucrato sulla differenza dollaro-lira, un business costato all’Italia un prestito internazionale risanatore pagato in totale oltre 80 mila miliardi di lire).

D’altra parte le speculazioni monetarie sono ormai pane quotidiano per tutte le economie del mondo (Grecia docet) e, come già accaduto nella stessa Russia, nell’era della colonizzazione occidentale che aveva fatto irruzione sotto Eltsin, sono tra gli strumenti-principe messi in campo dalla finanza internazionale e dai governi che ne sono i camerieri, per lucrare ricchezza e affamare i popoli. [...]

http://bit.ly/1znx83o

john buatti 27.12.14 00:53| 
 |
Rispondi al commento

______________1)

Putin, il rublo e la ‘bufala’ della Russia in ginocchio: quel crollo è un affare

A seguire i media, la Russia starebbe per vivere una grossa crisi in grado di metterne in ginocchio l’economia interna. E’ vero?

La risposta è no, e si ricava applicando elementari dinamiche economiche del tutto avulse dalla volontà politica che vorrebbe dipingere una situazione diversa. Vediamo i ‘contro’ amplificati dai media per poi spiegarvi, con la maggiore chiarezza possibile, perché quei ‘contro’ sono, invece dei ‘pro’ per la Russia.

I ‘CONTRO’. Allo scopo di sostenere la svalutazione del rublo, la Banca centrale russa sta bruciando le sue riserve valutarie. L’importo delle riserve fino ad ora consumate per sostenere il rublo è di circa 100 miliardi di dollari su un totale disponibile di circa 450 miliardi. Il 50% dei ricavi fiscali della Russia deriva dal settore energetico, settore strategico per la Russia. Alcuni operatori si espongono segnalando che la Russia avrebbe bisogno di una quotazione di circa 110 dollari il barile per chiudere in pareggio il bilancio del 2015. Il crollo del prezzo del petrolio “sarebbe” un problema per la Russia poiché determina una contrazione dell’economia interna.

I ‘PRO’. Il rublo è svalutato proprio per compensare il crollo del petrolio (essendo la Russia uno dei maggiori produttori è piuttosto improbabile che non fossero pronti a una simile eventualità).

La procedura è la seguente: la Russia è un paese produttore di petrolio e ricava dalla sua vendita quasi il 50% delle entrate pubbliche, per ogni dollaro in meno ricevuto dall’export di greggio, adesso ricava un maggiore quantitativo di rublo, grazie al deprezzamento. Facciamo un esempio per rendere chiaro il concetto.

john buatti 27.12.14 00:21| 
 |
Rispondi al commento

______________2)

Putin, il rublo e la ‘bufala’ della Russia in ginocchio: quel crollo è un affare

A giugno, quando la quotazione era al suo massimo (115 dollari il barile), un dollaro si scambiava ancora contro 34,40 rubli. Il calcolo è semplice: per ogni barile di petrolio esportato, la Russia incassava 3.700 rubli. Con il crollo delle quotazioni intorno ai 65 dollari al barile, e con un cambio che vede un dollaro valere 57 rubli, la Russia continua ad incassare esattamente la stessa quantità di rubli di sei mesi fa, quando il mercato petrolifero andava a gonfie vele.

La conferma di quanto scriviamo è matematica. A novembre (incluso) 2014, il bilancio statale russo ha registrato un surplus fiscale di 1.270 miliardi di rubli (23 miliardi di dollari). Confrontato con lo stesso periodo dello scorso anno quando il surplus era di 600 miliardi di rubli, nel 2012 era di 798 miliardi di rubli e nel 2011 era di 1340 miliardi di rubli.

E’ evidente che il crollo del rublo è un affare per il governo russo, che ha cancellato (questo non lo dice nessuno) 24 aste settimanali quest’anno, grazie al fatto che l’andamento dei conti pubblici gli ha consentito di evitare di rifinanziarsi ai tassi stellari imposti dal mercato.

Ovviamente, c’è da segnalare qualche problemino, lo troviamo in fondo raschiando il “barile”. A qualcosa doveva pur appellarsi la disinformazione. L’inflazione tendenzialmente a due cifre, dovrà essere necessariamente contrastata dalla Banca centrale russa, la procedura per comprimere l’inflazione in Economia è di operare una stretta monetaria. La stretta monetaria è un’operazione compiuta da una Banca centrale destinata alla riduzione dell’offerta di moneta circolante nell’economia. Lo strumento è impiegato per realizzare un aumento del tasso di sconto, e avrà l’effetto di mandare l’economia russa in “lieve” recessione nel 2015.

john buatti 27.12.14 00:21| 
 |
Rispondi al commento

______________3)

Putin, il rublo e la ‘bufala’ della Russia in ginocchio: quel crollo è un affare

A questo punto è comprensibile l’obiezione di chi vuole farci credere che la recessione non è un fatto positivo. Certo che non lo è, ma parlare obiettivamente confortati dalla Scienza Economica, non può esimere l’obiettore (intellettualmente corretto) dal considerare che stiamo parlando di un paese in “guerra” con l’Occidente, il quale evidentemente ha già accettato il prezzo di una crisi economica temporanea. La Banca Centrale russa sta solo preservando la finanza pubblica, non c’è nessuna catastrofe russa, con buona pace di chi spera “ciecamente” il contrario.

fonte:

http://www.intelligonews.it/putin-il-rublo-e-la-bufala-della-russia-in-ginocchio-quel-crollo-e-un-affare/

john buatti 27.12.14 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Permettetemi di fare un ragionamento semplice da comune cittadino.
Intanto l'Italia non si può paragonare alla Russia.
Il nostro Paese ha un grosso handicap: un debito di circa 2.200,00 miliardi di Euro, un debito colossale.
Gli Stati del mondo ci fanno credito perché, insieme ad altri Stati come l'Olanda, la Germania, Nazioni economicamente stabili, facciamo parte dell'Unione Monetaria Europea.
Ora ammettiamo per ipotesi che gli italiani siano favorevoli alla proposta del referendum di uscita dall'Euro.
Secondo me, già in questa prima fase, chi ha qualche risparmio, anche modesto, nelle Banche italiane o in Posta si cautelerà: porterà all'estero il proprio gruzzolo perché sa che l'Euro è una moneta forte, è una certezza mentre della futura moneta, La Lira, non sa come andrà a finire.
E se moltissimi italiani si comportassero così le Banche italiane resterebbero presto senza liquidità.
C'è di più: la BCE, sapendo che l'Italia uscirà dal circuito della moneta unica, chiederà il rimborso delle somme prestate e non fornirà più le Banche nazionali della liquidità necessaria in "Euro". Ci potrebbero essere difficoltà nel Sistema bancario con chiusura di sportelli, blocco dei prelievi, sospensione e richiesta di rientro degli affidamenti, conseguenti ripercussioni negative nel Sistema produttivo e commerciale.
Come si comporteranno i Fornitori stranieri per le materie prime, per il combustibile come la benzina, l'elettricità? Accetteranno la nostra futura moneta o vorranno essere pagati con Euro o Dollari?
Se lo Stato italiano non fosse in grado di rimborsare ai risparmiatori "privati" italiani e non i BOT, CCT, BTP in Euro quanti saranno disposti a riacquistare i titoli?
Lo Stato sarà in grado di garantire i servizi pubblici, di pagare le pensioni, gli stipendi ai propri dipendenti senza stampare moneta che comporta un aumento, anche vertiginoso, dei prezzi (inflazione)?
Scusate ma secondo me sono tutte domande che bisogna porsi prima di aderire a questo Referendum.

Nicomede Del Favero 27.12.14 00:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

_____________1)

dicembre 26 2014

La prima aggressione al Rublo è già fallita!

Per giorni e giorni gli analisti mainstream ci hanno inondato, dall’alto dei loro pulpiti televisivi e giornalistici, che la fine del “regime” russo era vicina. Secondo loro, i cosiddetti mercati finanziari avevano mostrato il pollice verso nei confronti di questa nazione destinata a rivedere i giorni della penuria dell’epoca di Boris Eltsin. I mercati – essi ci spiegavano – avevano emesso la loro sentenza e anche la Russia, come qualunque nazione al mondo, doveva chinare il capo di fronte alla loro divina volontà.
Tralasciando i dubbi e le perplessità su una simile strategia, ciò che lascia sbalorditi è che da alcuni giorni questa litania massmediatica sia completamente scomparsa: blackout. Perché? Dovremmo chiederlo ai giornalisti che prima parlavano e ora tacciono: secondo loro, il destino è già segnato oppure è successo qualcosa che forse è meglio nascondere? Qualcosa che confligge sia con la narrazione proposta nell’immediato (la Russia in crisi), sia con la metanarrazione di sempre, quella che deve vedere l’Aquila imperiale americana sempre trionfante nel mondo?
Andiamo a verificare con il seguente grafico se è successo qualcosa degna di nota da quando è calato il blackout informativo sulla “crisi del Rublo”.
Come si può vedere, il Rublo ha recuperato il 30% del suo valore sull’Euro (e sostanzialmente il recupero è stato della stessa misura sul Dollaro).Cosa è successo di così importante da portare ad un recupero altrettanto spettacolare rispetto all’attacco speculativo che aveva spinto la moneta russa nell’abisso? A leggere i giornali occidentali non è accaduto assolutamente nulla. Anzi ripetiamo, l’argomento è caduto in un oblio che sa di censura.
Ma andando a verificare sui siti in lingua russa qualcosa di molto importante è invece accaduto (http://info-patriot.com/novosti/politika/kitay-podal-rossii-ruku-pomoshchi.html).

segue

john buatti 26.12.14 23:56| 
 |
Rispondi al commento

_____________2)

La prima aggressione al Rublo è già fallita!

Come si sa le banche centrali della Russia e della Cina hanno firmato dei contratti (swap) per scambiarsi direttamente le loro valute senza l’intermediazione del Dollaro. Il tasso di cambio previsto da questi contratti era pari a 5,67 rubli per 1 yuan renminbi. Considerato che lo Yuan viene scambiato con le altre valute (Dollaro compreso) all’interno di una banda di oscillazione del 2% rispetto ad una parità centrale stabilita dalla Banca Centrale Cinese, si viene a creare una particolare situazione nella quale qualcuno (leggi la Russia) può vendere yuan (ottenuti al cambio stabilito dal contratto swap) in cambio di dollari e con questi ultimi acquistare rubli. Acquistando rubli ne aumenterebbe immediatamente il valore rispetto al Dollaro e ciò esporrebbe a enormi perdite coloro che hanno venduto rubli “allo scoperto” (senza possederli) sperando di riacquistarli successivamente e dunque confidando che si siano svalutati al fine di lucrare la differenza.
Insomma, per la Banca Centrale russa si aprirebbe grazie all’assist della PBoC (banca centrale cinese) la possibilità di effettuare un enorme operazione di “arbitraggio” (cfr.http://www.treccani.it/enciclopedia/arbitraggio_(Dizionario-di-Economia-e-Finanza) tale da esporre a enormi perdite coloro che speculavano contro il Rublo. Confermando il cambio sullo swap i cinesi hanno offerto un arbitraggio del 100% ai russi. Roba da far saltare tutti gli speculatori in un paio di giorni.

Che le cose siano andate sostanzialmente così è un ipotesi – credo – estremamente plausibile e la tesi viene rafforzata enormemente dall’assordante ed emblematico silenzio nella quale è caduta “la crisi del rublo” sui media mainstream. Silenzio talmente impenetrabile che i lettori più sprovveduti probabilmente non sanno nulla del recupero del Rublo rispetto al Dollaro e all’Euro e sono probabilmente convinti che i russi siano in preda ad ....

john buatti 26.12.14 23:56| 
 |
Rispondi al commento

_____________3)

La prima aggressione al Rublo è già fallita!

una crisi isterica per l’impossibilità di comprare IPod e dove – addirittura – le classi meno abbienti stanno già patendo la fame per il rincaro delle derrate alimentari.
Meglio stendere un velo pietoso su questa cappa di omertà che avvolge i media occidentali e che sempre più assomiglia ad una plumbea forma di censura.
Concentriamoci per un attimo sull’aspetto veramente importante di questa situazione: i mercati finanziari occidentali, che spesso hanno attaccato i paesi considerati non allineati con le posizioni dell’Impero, per la prima volta nella storia non sono riusciti a distruggere la moneta e di conseguenza l’economia del paese sotto attacco ma sono andati incontro ad una vera e propria Caporetto di portata storica. Ormai a comandare è quella che anche per l’FMI è diventata la prima economia del mondo: la Cina.
Nel frattempo l’Aquila imperiale americana è rientrata un po’ malconcia nel suo nido, probabilmente a meditare vendetta.
Da constatare che però quest’aquila spennacchiata, per non veder smentita la metanarrazione che deve vederla sempre trionfante, ha dato l’ordine ai suoi corifei di propagandare l’ultima assurda balla: la crescita del suo PIL del 5%. Un PIL di cartapesta come i carri del Carnevale di Viareggio.

fonte:

http://www.informarexresistere.fr/2014/12/26/la-prima-aggressione-al-rublo-e-gia-fallita/


john buatti 26.12.14 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo ad esperti di economia, politica ed affini cosa accadrebbe se l'Italia decidesse di seguire i seguenti 8 passi?

1) Riconoscere ufficialmente tramite organi di stato la truffa in atto da parte del'Europa e della Banca Centrale Europea ai danni dello stato
e del popolo italiano annullando il contratto con l'Europa.

2) Istituire una banca di proprietà dello stato e del popolo italiano.

3) Stampare con la banca di stato istituita una nuova moneta ad esempio l'Ital.

4) Sostituire per tutti i cittadini le imprese ecc. le somme possedute in Euro
con le corrispondenti somme in Ital.

5) Restituire tutti gli Euro alla Banca Centrale Europea e quindi eliminare gran parte del debito pubblico.

6) Liberamente produrre senza quote europee e rafforzare, incrementare, iniziare nuovi rapporti commerciali con paesi extraeuropei
utilizzando la nuova moneta Ital dando un notevole supporto e sostegno ad aziende che hanno attualmente solo rapporti commerciali con paesi europei.

7) Con gli introiti dei rapporti commerciali extraeuropei rafforzati pagare (nonostante la truffa) gli interessi residui alla Banca Centrale Europea.

8) Dire all'Europa > ma noi produciamo quanto ci pare,
abbiamo rapporti commerciali con chi ci pare e se volete continuare anche con voi, noi usiamo l'Ital.

Cosa accadrebbe? Un embargo da parte dell'Europa?
La Banca Centrale Europea ci bombarderebbe con il suo esercito privato? Oppure
finanzierebbe una guerra civile interna o il terrorismo? Oppure è una cosa fattibile?

Antonio_ Oliviero (), Roma Commentatore certificato 26.12.14 23:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caligola- Ma certo, è vero, è d'importanza capitale il Tesoro! È tutto così importante: le finanze, la morale pubblica, la politica estera, le spese militari, le leggi agrarie! Tutto sullo stesso piano, la grandezza di Roma e la tua artrite. Ma ora ci penso io. Stravolgeremo l'economia politica in 2 tempi. Primo tempo: tutti i senatori, tutti i sudditi dell'Impero, che dispongono di qualche ricchezza devono diseredare i propri figli e fare immediatamente testamento a favore dello stato. A seconda delle nostre necessità, metteremo a morte questa gente seguendo l'ordine di una lista buttata giù a caso. Di volta in volta potremo modificare quest'ordine, sempre a caso. Ed erediteremo. L'ordine delle esecuzioni non ha nessuna importanza. O meglio, hanno tutte le medesima importanza, quindi non ne hanno affatto. D'altro canto, sono tutti egualmente colpevoli, gli uni come gli altri. Eseguirai questi ordini immediatamente. Se il Tesoro è fondamentale, la vita umana non lo è. Ho deciso di essere logico. Vedrete quanto vi costerà la logica. Il potere ce l'ho io. Eliminerò chi mi contraddice, e anche le contraddizioni. Comincerò da te, se necessario. La tua prima parola per salutare il mio ritorno è stata il Tesoro. Non si possono mettere il Tesoro e la vita sullo stesso piano. Incrementare l'uno è svalutare l'altra. Io accetto il tuo gioco.

Entra Cherea

Caligola- arricchirò le tue nozioni insegnandoti che non esiste che una sola libertà, quella del condannato a morte.Perchè tutto gli è indifferente al di fuori del colpo che farà scorrere il suo sangue.
Ecco perchè non siete liberi, ecco perchè in tutto l'Impero Romano l'unico uomo libero è Caligola, circondato da una nazione di schiavi, Per questo popolo orgoglioso delle sue libertà profonda. Fate conto che da questo momento sia sospesa sul vostro capo una condanna a morte, come per i più cari e i più liberi dei miei figli.

Albert Camus-Caligola

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato 26.12.14 23:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Faremo la fine del rublo se usciremo dall'Euro? Magari! Vorrebbe dire che grazie a una sovranità monetaria riusciremmo a sopravvivere a sanzioni internazionali e crolli della bilancia dei pagamenti mai visti dovuti al petrolio. Se la Russia avesse avuto l'"eurorublo" sarebbe strafallita.
Il crollo del rublo
Le pagine economiche scrivono da diversi giorni del crollo del valore del rublo prima di risalire grazie agli interventi della Banca Centrale Russa.
Cosa è successo in Russia? Nulla.
Per paradossale che possa sembrare, non è cambiato nulla.
Le sanzioni che Unione Europea e Stati Uniti hanno messo sulla Russia hanno ridotto le esportazioni dei beni diversi da quelli petroliferi( e questo è nulla ?), mentre gas e petrolio costano di meno per il crollo dei prezzi avvenuto sui mercati.
Il risultato è che il rublo ha perso valore ( e questo è nulla?).
La Banca Centrale Russa è quindi intervenuta vendendo dollari (più di due miliardi al giorno) per acquistare rubli, in maniera da farne salire il valore ( e questo è nulla?).
Inoltre è stato aumentato il tasso di sconto (del rublo) , dal 10,5% al 17% in una sola volta (Da Wikipedia: Il Tasso Ufficiale di Sconto (TUS) è il tasso con cui la Banca centrale concede prestiti alle altre banche.
Esso è il termometro del mercato finanziario perché sulla sua base vengono determinati il tasso d'interesse, applicato dalle banche ai propri clienti, e il tasso interbancario, tasso che si applica ai prestiti fra le banche.
Quando il tasso ufficiale di sconto aumenta, si è in presenza di una stretta creditizia cioè di una tendenza atta a ridurre i crediti, in conseguenza dell'aumento del costo del denaro. Quando, invece, la Banca Centrale tende a ridurre il tasso ufficiale di sconto, si avrà una tendenza all'aumento dei consumi e investimenti, in conseguenza del minor costo del denaro.) ( e questo è nulla?). ( e non è quindi i l asso di sconto del rublo!!!!!!).
A partire da gennaio 1999 nell'area dell'euro il Tasso Ufficiale di Rife

salvatore carboni, oristano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 26.12.14 23:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i clienti russi della mia azienda sono in difficoltà con i pagamenti e le commesse per la nuova collezione non sono ancora arrivate. in russia se paghi in rubli si riprendono la roba, al cambio ti danno vagonate di banconote, a 25 anni dalla caduta del muro le cose non sono cambiate, dovrei preferire il rublo? io continuo a preferire l'occidente con tutte le sue problematiche perchè alla fine è quello che ha vinto, che ci ha garantito libertà e benessere.

ANDREA L., PISTOIA Commentatore certificato 26.12.14 23:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buona notte ai commentatori del blog

old dog 26.12.14 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ti scrivo per avere un piccolo chiarimento in merito all'uscita dall'Euro.
Sono un pensionato da 933.00 € ak mese, causa la non possibilita di poter vivere con qyesta in itali, vivo in Repubblica Dominicana, e con questa pensione possi vivere.
Attualmente al canbio attuale l'€ è cambiato a 54.00pesos ma con l'ipotetica nuova moneta verrà scambiata con lo stesso controvalore o sarà piu'bassa??
Considerando inoltre che il $ sta a 44.2 col pesos è cresciuto da 42.00 a 44.2 mentre l'€ in sei mesi da quasi 60 a 54.
come potra finire??
Nel 2001 all'entrata l'€ era cambiato a 22.00 pesos per €.
Come sarà con una nuova moneta sconosciuta nei mercati mondiali?? Credo questo sia un problema di tutti i pensionati che vivono all'estero solo con la loro piccola pensione.
grazie di cuore, speri in una tua risposta. Grazie Adriano

Adriano 26.12.14 23:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nella sezione LEX ..come funziona il meccanismo ?
Tra obiezioni, suggerimenti , commenti votati e quant'altro...ci sono regole di applicazione...o è tutto a discrezione del firmatario della legge???

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 26.12.14 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

_______________

Jobs act, Pd diviso. Ncd: 'Poco coraggio'. Cgil: 'E' un ok ai licenziamenti di gruppo'

http://www.quotidiano.net/jobs-act-scontro-polemica-cgil-ncd-1.526423

john buatti 26.12.14 23:03| 
 |
Rispondi al commento

_____________

Il Jobs act fa litigare il Pd.

Malumori in casa Ncd.

Cgil all’attacco: “Via ai licenziamenti di gruppo”


Addio articolo 18, inizia l’era delle tutele crescenti.

Fassina contro Renzi: «Segue la troika». Civati: «È un contratto a diritti ridotti».

Sacconi: «È mancato il coraggio». Sindacati divisi

http://www.lastampa.it/2014/12/26/italia/politica/jobs-act-maggioranza-divisa-gelo-tra-pd-e-ncd-cgil-allattacco-via-ai-licenziamenti-di-gruppo-e8YHWn1xTIJIQjyjGhqJ5I/pagina.html

john buatti 26.12.14 23:00| 
 |
Rispondi al commento

____________

Jobs Act: Civati, da Babbo Natale brutti doni ai lavoratori

Roma, 26 dic. -

'Brutti doni natalizi ai lavoratori'.

Pippo Civati prende la parola sul suo blog sul Jobs act che a suo dire introduce il contratto a 'tutele ridotte', in luogo delle annunciate 'tutele crescenti', per i neo assunti.

Ma la stroncatura e' affidata all'esponente del Pd, Luigi Mariucci, docente di Diritto del Lavoro all'Universita' Ca' Foscari di Venezia.


'Babbo Natale ha portato ai lavoratori la sostanziale eliminazione dell'art. 18', spiega Mariucci. 'La bozza di decreto approvata dal governo stabilisce infatti che per tutti i nuovi assunti non ci sara' piu' la reintegrazione in caso di licenziamento ingiustificato, perche' privo di motivo economico o disciplinare.

Resta quindi confermato che la formula accattivante del 'contratto a tutele crescenti', continua Mariucci: 'e' del tutto arbitraria, e va derubricata in 'contratto a tutele ridotte'.

http://www.repubblica.it/ultimora/politica/jobs-act-civati-da-babbo-natale-brutti-doni-ai-lavoratori/news-dettaglio/4562409

john buatti 26.12.14 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Sradicheremo Twitter. Non m’importa di quello che dirà la comunità internazionale. Ognuno sarà testimone della potenza della repubblica turca
-------
Erdogan

***************************

In Cina l’anno scorso il governo ha deciso che, quando un testo giudicato falso o diffamatorio viene letto su internet da più di cinquemila persone, chi l’ha scritto rischia fino a tre anni di prigione.

A r j u n a , ℳ ɑ ɖ ɾ ɑ ʂ Commentatore certificato 26.12.14 22:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bello Beppe Bepùn Grillo da ggiovane, eh?
Ho trovato una "strana" foto in Rete che ben si adatta al discorso in questione, Russia etc..
Corredata da articolo ricco di link e video musicale finale. Tutto aggratis, eh!
http://clausneghe.blogspot.it/

claudio n., desenzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.12.14 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Petrolio,gas,materie prime de ogni genere...er grano...e i russi devono sta preoccupati? Eccerto si o dicono sui tiggì è vero!
Posso cacciá un bestemmione natalizzio?

luis p., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 26.12.14 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Traducendo Brecht
-
Un grande temporale
per tutto il pomeriggio si è attorcigliato
sui tetti prima di rompere in lampi, acqua.
Fissavo versi di cemento e di vetro
dov’erano grida e piaghe murate e membra
anche di me, cui sopravvivo.

Con cautela, guardando
ora i tegoli battagliati ora la pagina secca,
ascoltavo morire
la parola d’un poeta o mutarsi
in altra, non per noi più, voce. Gli oppressi
sono oppressi e tranquilli, gli oppressori tranquilli parlano nei telefoni,
l’odio è cortese, io stesso
credo di non sapere più di chi è la colpa.

Scrivi mi dico, odia
chi con dolcezza guida al niente
gli uomini e le donne che con te si accompagnano
e credono di non sapere. Fra quelli dei nemici
scrivi anche il tuo nome. Il temporale
è sparito con enfasi. La natura
per imitare le battaglie è troppo debole.
La poesia non muta nulla.
Nulla è sicuro, ma scrivi.
--------------

Franco Fortini

A r j u n a , ℳ ɑ ɖ ɾ ɑ ʂ Commentatore certificato 26.12.14 22:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stasera ho visto per la prima volta un film diretto da Salvatores (il ragazzo invisibile)Sapete chi erano i cattivi? I Russi 😂
TENENDO presente che è un film per bambini A voi la valutazione...
INTELLETTUALMENTE DISONESTO
CHE SCHIFEZZA D'UOMO

gian solo, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 26.12.14 22:28| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

@al direttivo M5S
Questi sono alcuni dei commenti che girano su fb a riguardo della signora Fucksia
Quello che non capisco è perchè una persona verso la quale dei cittadini hanno riposto fiducia,si ostina a stare nel movimento dal momento che le sue idee non rispecchiano più quelle della maggior parte di noi Non esiste che una 5 stelle abbia nella home il mi piace alla Finocchiaro Questa parlamentare deve essere espulsa prima che faccia dei danni
Scusate la mia ignoranza ma la Signora Fucksia è ancora del M5S ?
Se è il caso, è doveroso prevvedere ad un intervenzione...
L'altro giorno proponeva la Finocchiaro al colle.
Oggi una risposta senza senso
Cara Serenella Fucksia, senatrice M5s, ci fai o ci sei?

Si sta preparando per il "salto della quaglia".....
potere la fa brutta...anche se esteticamente è bellina
già che ha proposto una legge per abolire il contante.... mai piaciuta.
questa è la prossima
Io seguivo Serenella, ma poi ho capito che forse la signora e' solo di passaggio, non ha capito cos'e' il M5S, ma forse lo sta' solo usando come trampolino di lancio verso un qualcosa di piu' remunerativo.
,,,deve essere espulsa.ha anche dichiarato di veder bene la finocchiaro come presidente della repubblica.direi che ha passato ogni limite!!
una scheggia impazzita che è stata sopportata già da troppo tempo... ora sta passando la misura... non si possono più ascoltare le sue esternazioni. ...! BASTA. ....!
Che schifo
Mi spiace dirlo ma a me questa Serenella non mi è mai piaciuta ,mi ha sempre provocato sensazioni che mi ha provocato gente che poi è stata espulsa e qui trovo un altra conferma Per carità,posso sbagliarmi ma non credo....
Se la signora cittadina fucksia vuol fare di testa sua; sorridere a certe signore del pd, stringere mani presidenziali e approvicchiare le leggiucole del pd, forse non condivide più le idee di chi l'ha eletta.
Ne tragga le debite conseguenze.

Paola L., Verona Commentatore certificato 26.12.14 22:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fruttarò ma noi nvestimo in rubbli o corone norveggesi?

luis p., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 26.12.14 22:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SENSAZIONALE SCOPERTA!L’Espresso scova un documento segreto di Berlusconi risalente al 2012:l’inciucio era già fatto!Renzi premier per salvarlo dai giudici.http://jedasupport.altervista.org/blog/politica/documento-segreto-berlusconi-renzi/?doing_wp_cron=1419004058.4134171009063720703125

aurelio m. Commentatore certificato 26.12.14 21:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l’aspettativa di vita è di 64 anni per gli uomini e 76 per le donne. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’aspettativa di vita per un ragazzo di 15 anni di Haiti è di tre anni superiore a quella di un russo della stessa età. Solo il 30 per cento dei bambini russi nasce sano. Molti bambini sono ‘scartati’ , inviati in istituti statali dove spesso sviluppano difficoltà cognitive. I bambini malati diventano adulti malati: metà dei militari di leva dell’esercito russo deve essere messo in servizio limitato a causa delle cattive condizioni di salute.

Il 25 per cento degli uomini russi muore prima dei 55 anni, soprattutto di alcolismo e della violenza o delle malattie che ne derivano. Mark Lawrence Schrad ha recentemente pubblicato un libro, Vodka politics, che analizza come nel corso della storia russa, da zar a dittatori, la vodka sia stata usata come mezzo di controllo sociale. Vodka e sigarette a buon mercato sono stati tra i primi prodotti disponibili dopo il comunismo. Quando il governo decise un giro di vite parziale sulla vendita di alcolici, nel 2009, e il prezzo della vodka salì improvvisamente, alcuni alcolisti cominciarono a bere profumo o liquido antigelo. Secondo Schrad il 77 per cento dei ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni beve vodka regolarmente; e nelle zone rurali la percentuale può arrivare al 90 per cento”.

La Russia, nel frattempo, ha più eroinomani di qualsiasi altro paese. Su internet si possono vedere i danni causati dal krokodil, un oppiaceo casalingo diffuso tra i tossicodipendenti. Tra il 2000 e il 2012 il numero di nuovi casi di hiv è aumentato di sei volte. Molti infettati soffrono anche di tubercolosi, tanto che la Russia è seconda solo all’India nel numero di casi di tubercolosi multiresistente.

Il 50 per cento dell’acqua della Russia non è potabile.

Queste notizie non sono opera di Pupo, nè di Albano, nè tantomeno di Giulietto, che non per niente si chiama "Chiesa". Berlusconi dice però che i ristoranti sono pieni!

A r j u n a , ℳ ɑ ɖ ɾ ɑ ʂ Commentatore certificato 26.12.14 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@@@@@@@..Francescoooooo
ci sentiamo domani,mi raccomando!
Un saluto al blog...anzitempo.

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.12.14 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Cosi, tanto per creare l'atmosfera...... https://www.youtube.com/watch?v=MAZQOeKnQIc

stefano c., trento Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.12.14 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Il rublo, nessuno lo scrive, ma è tornato stabile apprezzandosi di circa il 30% in pochi giorni grazie all'intervento della Cina che è partner strategico di Putin, per questo motivo l'attacco speculativo americano è miseramente fallito (solo 10 giorni fa 1 euro = 91 rubli). La banca centrale russa ha fatto il suo dovere ma senza i cinesi non lo so chi avrebbe vinto il braccio di ferro.

Inoltre, altra cosa che i media si guardano bene dal riportare, il signor George Soros è candidato alla presidenza della banca centrale ucraina, altro tentativo di dare uno schiaffo in faccia alla Russia di Putin essendo Soros, come è noto, un potente alleato degli Usa in materia soprattutto di politica estera. Se accadesse questo, sarebbe una dichiarazione di guerra e a mio avviso è proprio questo il motivo per cui gli americani stanno tentando di isolare Putin ed evitare così l'inevitabile reazione

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.12.14 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La prima aggressione al Rublo è già fallita
Il rublo ha rimbalzato moltissimo dopo l'aggressione speculativa, grazie a Pechino, ma i media occidentali nascondono totalmente la notizia e le sue cause clamorose

megachip.globalist.it

di Giuseppe Masala.

Per giorni e giorni gli analisti mainstream ci hanno inondato, dall'alto dei loro pulpiti televisivi e giornalistici, che la fine del "regime" russo era vicina. Secondo loro, i cosiddetti mercati finanziari avevano mostrato il pollice verso nei confronti di questa nazione destinata a rivedere i giorni della penuria dell'epoca di Boris Eltsin. I mercati - essi ci spiegavano - avevano emesso la loro sentenza e anche la Russia, come qualunque nazione al mondo, doveva chinare il capo di fronte alla loro divina volontà.

Tralasciando i dubbi e le perplessità su una simile strategia, ciò che lascia sbalorditi è che da alcuni giorni questa litania massmediatica sia completamente scomparsa: blackout. Perché? Dovremmo chiederlo ai giornalisti che prima parlavano e ora tacciono: secondo loro, il destino è già segnato oppure è successo qualcosa che forse è meglio nascondere? Qualcosa che confligge sia con la narrazione proposta nell'immediato (la Russia in crisi), sia con la metanarrazione di sempre, quella che deve vedere l'Aquila imperiale americana sempre trionfante nel mondo?

Andiamo a verificare con il seguente grafico se è successo qualcosa degna di nota da quando è calato il blackout informativo sulla "crisi del Rublo".
Come si può vedere, il Rublo ha recuperato il 30% del suo valore sull'Euro (e sostanzialmente il recupero è stato della stessa misura sul Dollaro).

http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=113940&typeb=0&La-prima-aggressione-al-Rublo-e-gia-fallita

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 26.12.14 21:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SONO D'ACCORDO SU TUTTO QUANTO SCRITTO NEL POST FORSE PUTIN E' BRAVO SULL'ECONOMIA RUSSA RICORDIAMOCI PERO'CHE IL DENARO NON FINISCE NELLE TASCHE DEL POPOLO RUSSO IL POPOLO RUSSO VIVE NELLA MISERIA PIU' SPIETATA LA GRANDE RICCHEZZA E' IN MANO A POCHI BRUTALI CAPITALISTI CHE INSIEME A PUTIN DETENGONO TUTTO RICORDIAMOCI ANCHE CHE IL POPOLO RUSSO VIVE SOTTO MINACCIA IN UNA REPRESSIONE NAZISTA IMPOSTA DAL SUO DITTATORE

giuseppa calabro', catgiu1613@gmail.com Commentatore certificato 26.12.14 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1971, a chi l'ha vissuto vrrranno i brividi:

Life - Legend

https://www.youtube.com/watch?v=fKEqX7wh7KA

A r j u n a , ℳ ɑ ɖ ɾ ɑ ʂ Commentatore certificato 26.12.14 20:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è verso est, che si deve guardare.

NICOLA DELIGUORI, massa marittima Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 26.12.14 20:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Svalutescion..:)
https://www.youtube.com/watch?v=DjrFnTAbwks

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato 26.12.14 20:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Musica??

http://youtu.be/pv1CULs28KU

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.12.14 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da...

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.12.14 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori