Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La morte della piccola impresa italiana

  • 10

New Twitter Gallery

impresefallite.jpg

Le PMI sono il cuore pulsante del Paese, devono essere protette. Il M5S porta avanti il “Pmi Tour” in tutta Italia. Il primo scopo è raccogliere il punto di vista delle piccole e medie imprese, raccontando al contempo le nostre proposte e iniziative finalizzate a un alleggerimento fiscale e a una semplificazione delle regole e della burocrazia per chi crea ricchezza

"I fallimenti hanno raggiunto livelli mai visti e nella provincia da cui provengo, Monza e Brianza e nelle altre zone d'Italia non penso si sia messi meglio. Dopo aver saputo dell'iniziativa dei Drappi bianchi - la scelta di alcuni piccoli artigiani di esporre fuori dalle aziende un tessuto bianco listato a lutto, per significare la morte della piccola industria italiana - ho cercato di capire se ci fossero dati ufficiali in merito. L'Ufficio studi della "Camera di Commercio di Monza e Brianza" ci ha fornito il numero di fallimenti nella provincia a cui ovviamente vanno aggiunte le chiusure.
2008: 115 aziende chiuse per fallimento;
2011: 221
2012: 189
2014: 225 (e i dati arrivano fino a Novembre)
Sono numeri che rappresentano come nient'altro una cosa chiara: questa crisi finaziaria e produttiva non è finita. Vorrei sentire il governo parlare di produzione e del perchè le aziende chiudono e falliscono in una continua escalation. Di riconversione, di tassazione eccessiva verso le imprese, di deburocratizzazione, di rilancio REALE delle nostra produzione. Invece si parla solo di Jobs act e di abbassamento degli stipendi dei lavoratori per poter concedere alle grandi lobby internazionali di venire sul nostro territorio, devastarlo, e sfruttarne la manodopera!" Davide Tripiedi

13 Gen 2015, 13:52 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 10


Tags: aziende, crisi, davide tripiedi, pmi

Commenti

 

Morte PMI oramai epidemia in tutto l'occidente, andrebbe ripensato tutto, questa la sconfitta di #m5s come di occupy wall street. Interessante anche I frantumi dell'America Mondadori.
Produrre in occidente sta diventando una bestemmia, ridurre salari e dignità a livelli da India una necessità.
No non può andare avanti così.

Carlo Eustacchi, sant'antioco Commentatore certificato 14.01.15 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Ripeto concetto espresso altre volte nel blog:
-i governi Monti, Letta, Renzi hanno sbagliato la politica economica basandosi su una ipotesi moltiplicativa per la spesa pubblica che non funziona piu al livello di tassazione attuale

-per recuperare occupazione l'unica via e la detassazione totale dei lavori artigianali a conduzione familiare , ovviamente senza obblighi amministrativi ne possibilita di emettere fatture.
Ovviamente bisogna allargare il concetto di detassazione a quello di consentire il superamento delle licenze comunali ecc ecc .
Nessun vincolo ne obbligo per le imprese familiari senza dipendenti .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 14.01.15 02:15| 
 |
Rispondi al commento

Con la legge di stabilità l'iva in tre anni aumenterà di 5 punti, dal 22 al 27 per cento e quella al 10 arriverà al 14 in tre anni. Aumenterà anche imu e tasi con le nuove rendite. Ma perché serve tutto questo denaro a questi sporchi ed incapaci criminali ? L'Italia così non si riprenderà mai e non potrà che andare peggio almeno per la gente comune non per politici e lobbies. Trent'anni fa avevamo la metà delle tasse ed il doppio dell'assistenza pubblica nonostante gli interessi sui bot fossero a due cifre. Cosa è successo in questi trent'anni ? Quanto hanno rubato in questi 30 anni per ridurci in questo stato ? Perché non si fa un'indagine seria sulle ricchezze in italia ed all'estero di questi politici e di ome se le sono fatte loro ed i loro compagni di merenda ? delle alte cariche dello stato, dei manager pubblici e sugli stipendi e sui compensi che elargiscono a parenti ed amici in posti pubblici o in associazioni e fondazioni create per loro. Quante opere inutili, quanti enti inutili, quanto esubero e quanti megastipendi si contrappongono alla povertà generalizzata ? FINCHE' NON CI LIBEREREMO DI QUESTI CRIMINALI L'ITALIA NON SI RIPRENDERA' MAI !!!

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 13.01.15 17:38| 
 |
Rispondi al commento

QUESTA CRISI UN GIORNO O L'ALTRO STRONCHERA' IL NOSTRO PAESE E FAREMO LA FINE DELLA GRECIA,SE NON USCIAMO SUBITO DALL'EURO

alvise fossa 13.01.15 16:55| 
 |
Rispondi al commento

chi è colpa del suo mal pianga se stesso - mai proverbio è stato più giusto - per decenni i commercianti e industriali hanno agito e votato contro i lavoratori - ma i lavoratori a chi portano loro salari? il male italiano la mancata redistribuzione del reddito ai lavoratori che li avrebbero dati ai commercianti alimentando la catena economica arricchendoli. Hanno sempre preferito far avere i soldi a quelli che li esportano - se non semini cosa raccogli?

giorgio s., ravenna Commentatore certificato 13.01.15 16:08| 
 |
Rispondi al commento

E tutto questo è taciuto dalla grande (sic!) informazione italiana colpevole come la politica x non aver mai disturbato i manovratori al governo

saluti ai monelli del blog

old dog 13.01.15 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per dare un aiuto in più alla ripresa:

https://it.finance.yahoo.com/notizie/tassa-di-successione-aliquote-103833567.html

Ma naturalmente i media nulla dicono.

Gian A Commentatore certificato 13.01.15 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa vogliamo sentir parlare di ripresa da questi qua. Ma figuriamoci.
Gente che si autostipendia con 10/15 mila euro al mese, e che sta solo lavorando per mantenere quel livello di benessere, ma crediamo davvero che conosca la realtà?
Come dicevo/vamo con l'era Monti, l'aumento di tassazione produrrà impoverimento; una economia basata sul consumismo se privata sempre più del denaro, non potrà più consumare/acquistare. Per cui, lo stato ci preleva oltre il 70% del nostro reddito, non si può più consumare, le aziende e partite iva non hanno più denaro, ergo inevitabilmente chiudono le attività. O, peggio, falliscono. Questi evasori di lavoratori autonomi (così ben canzonati dall'amministrazione pubblica, tutta!).
Un esempio che aiuterà la ripresa grazie a questa maggioranza? Aliquota Inps per la gestione separata che passerà dal 27,72% al 30,72% (quasi un terzo!!!). Per non tralasciare la riforma del catasto che aumenterà il valore degli immobili per poterli tassare di più (si parla di triplicare le imposte). Questa è la ricetta di ripresa di questa maggioranza incostituzionale che parla di "processo democratico, esportazione di democrazia, di democrazia" o qualcuna che ha parlato di "europeizzazione".

Gian A Commentatore certificato 13.01.15 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Ha questo punto la spiegazione non puo' essere che una:
" QUALCUNO VUOLE DISTRUGGERE IL PAESE ITALIA; MONTI, LETTA E RENZI sono gli esecutori.
MA I MANDANTI, CHI SONO ??

giordano 13.01.15 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Ai nostri cari governanti non interessa nulla delle piccole imprese se non per le tasse che paghiamo. Siamo troppo piccoli per poter garantire al bravo politico una mazzetta che si ottiene solo con i grandi appalti delle faraoniche opere pubbliche o con le municipalizzate o dove si muovono grandi cifre. Cosa posso offrire io misero artigiano a cotanta grandezza. Il lavoro non interessa a nessuno , contano solo i soldi specialmente se li metti nelle loro tasche.
E' avvilente ma cambierà !!
Ciao
uno di uno.

gabriele f., fabbrico Commentatore certificato 13.01.15 14:38| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori