Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Questo grosso grasso matrimonio greco #fuoridalleuro

  • 198

New Twitter Gallery

matrimoniogreco_.jpg

Anche le agenzie di rating lo ammettono. Fuggire dall'Euro non è una minaccia, ma una opportunità.

"L'agenzia di rating Moody's sostiene che un'uscita dall'euro della Grecia sarebbe positiva per gli ellenici, rilanciando nel medio periodo l'economia.
Il ragionamento degli analisti finanziari è corretto, per tre motivi:
1) La Grecia tornerebbe ad una moneta compatibile con la sua economia, e svaluterebbe quindi rispetto all'Euro e alle altre valute. Questo renderebbe più competitive sui mercati esteri le merci greche, aumentando le esportazioni e l'occupazione interna.
2) La sovranità monetaria consentirebbe al Governo greco, di concerto con la Banca nazionale, di fare deficit positivi, di investire, per l'economia in infrastrutture, nel rilancio dell'occupazione e dei redditi, invece che al pagamento di enormi interessi sul debito pubblico.
3) Lo stesso debito pubblico sarebbe molto meno costoso, perché la Banca centrale greca potrebbe acquistarne la parte non venduta sui mercati, abbassando i tassi di interesse.
Queste manovre rilancerebbero i consumi insieme all'occupazione e ai salari. Alla domanda estera (esportazioni) si affiancherebbe una accresciuta domanda interna, garantendo alle aziende greche profitti più stabili.
Per la Grecia il pericolo arriverebbe solo nel breve periodo. L'uscita dall'Euro è difficile da gestire, perché buona parte del debito pubblico ellenico è stato contratto in Euro con istituzioni sovranazionali e non può essere riconvertito nella nuova dracma. La Grecia, a differenza dell'Italia, dovrebbe contare sulla benevolenza dei creditori esteri per dilazionare il debito negli anni. La svalutazione, inoltre, renderebbe più oneroso il debito in Euro e aumenterebbe il costo delle importazioni, necessarie alla Grecia per ripartire perché il suo tessuto industriale è stato messo a durissima prova da Euro e austerità.
La conclusione di Moody's, però, rimane valida: un Paese con la sua moneta può trasformare il debito in ricchezza dei suoi cittadini, investire in ricerca, scuola, innovazione e infrastrutture, agevolando il settore privato e la collettività. Lo stesso debito, stimolando il Pil, si ripagherebbe da sé.
L'Italia, nonostante la crisi prolungata, ha un'economia ben più avanzata e solida di quella greca. Le nostre difficoltà con il debito pubblico, l'impoverimento delle famiglie e la disoccupazione sono strettamente legate all'assenza di sovranità monetaria. Sebbene l'uscita dall'Euro vada gestita con attenzione e competenza, le difficoltà di breve periodo sarebbero irrisorie rispetto a quelle greche. Il 94% del nostro debito pubblico potrà essere infatti convertito in lire, perché contratto sotto diritto italiano. Imponendo il controllo dei movimenti dei capitali e costringendo le banche commerciali ad acquistare parte del nostro debito, la nuova lira si stabilizzerebbe molto presto sui mercati valutari e il Governo potrebbe indirizzare l'economia verso il rilancio della domanda interna, alti salari e alti profitti, rendendosi indipendente dai mercati esteri e dalla speculazione.
L'uscita dall'Euro va preparata con grande serietà, con un piano di rilancio industriale e di gestione finanziaria dell'uscita, ma ciò che nemmeno Moody's riesce più a negare è che dentro l'Euro ci aspetta un lento e soffocante declino, mentre fuori avremo sovranità, sviluppo e democrazia. Dopo un grasso grosso matrimonio greco, ci sarà un grosso grasso matrimonio italiano. E' solo questione di tempo. Fuori dall'Euro." M5S Senato

Cerca il banchetto per firmare contro l'euro più vicino a te cliccando su questa mappa:
banchettieuro_d.jpg

PS: Il tuo contributo per il referendum sull'uscita dall'euro è importante:
- organizza il tuo banchetto e segnalalo su questa mappa (che sarà in continuo aggiornamento)
- scarica, stampa e diffondi i volantini informativi (1. Motivi per uscire dall’euro 2. Domande Frequenti sull’euro)
- fai conoscere a tutti i tuoi contatti questo nuovo sito sul referendum http://www.beppegrillo.it/fuoridalleuro

cale_altavor.jpg

16 Gen 2015, 12:43 | Scrivi | Commenti (198) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 198


Tags: agenzia di rating, debito pubblico, democrazia, euro, fuoridalleuro, grecia, industria, italia, Moody's, sovranità monetaria

Commenti

 

Questo è quello che si diceva delle agenzie di rating.

Se declassano devono andare a quel paese e se dicono che senza € si sta meglio vanno bene?
allego il link
http://www.beppegrillo.it/2012/01/triplo_vaffancu.html

Andrea Pierucci, Roma Commentatore certificato 20.01.15 17:49| 
 |
Rispondi al commento

CARISSIMO,
Concordo con te …
alla vittoria del M5S al 25% ero EUFORICO e PIENO di speranze.

Poi UNA SERIE DI SCIELTE e TEMATICHE SBAGLIATE…

Dalla ideologia dei rimborsi, alla TAV ai Forconi per finire poi al FUORI dall‘EURO.

Il VOLERE TUTTO per non ottenere Nulla.
Io sono in po’ in là con gli anni e posso dirti che questo tipo di opposizione è pane per chi governa e di movimenti di rottura nè piena la storia d’Italia ma alla fine hanno portato adi fatto acqua alla parte “reazionaria del paese” stragi comprese. Constato che da quando c’e’ il M5S il MONDO FUORI CORRE con maggior velocità. Pensa solo se l’art. 18 lo toglieva Berlusconi..
Spero solo in una coincidenza ma condividerai che il non avere costruito qualcosa di simile ad un partito rende il movimento molto più a rischio.

Oggi, trovo incredibile la discrepanza fra Blog e il buon lavoro fatto dai nostri rappresentanti in parlamento.

Saluti Cordiali

Simone B., Rimini Commentatore certificato 19.01.15 17:41| 
 |
Rispondi al commento

il problema è effettivo... l'euro cosi com'è ovviamente non va bene a nessuno, tranne che ai tedeschi... e se la banca centrale non si mette a fare veramente la banca centrale ho paura che o di referendum o di necessità l'euro decadrà molto rapidamente...

capitan spaventa Commentatore certificato 19.01.15 08:11| 
 |
Rispondi al commento

Che dire: leggetevi il commento postato da Simone B. - Rimini ... DA INCORNICIARE, per quanto mi riguarda.

La testa del Movimento vuole uscire dall'euro per ragioni chiaramente elettorali ... per non perdere i voti della massa di pecoroni capeggiati ora dal matteo leghista, ma in attesa di essere guidati da Silvio il condannato: il vero generale delle truppe 'di destra' alle prossime politiche (più vicine, se il calo nei sondaggi del più grande aggressivo pallista della storia politica del pianeta terra non si ferma).

È che purtroppo la vedo dura che il M5S possa ritrovare il senno perduto: buttato a pesce su 'sta robaccia della 'destraccia', ha spaventato ben bene gli elettori moderati (quelli che cercano di usare la testa e non il culo, e che quindi cercano di capire come stanno le cose prima di votare a caso il primo imbecille di turno che passano in tv ... ).

Ma la vita è lunga e molti italiani hanno la memoria corta (quelli poi che ragionano col culo poi ... ): chi vivrà vedrà ...

Marco M. 18.01.15 23:07| 
 |
Rispondi al commento

GROSSA PERPLESSITA'
Mi sembra ( lo ammetto:non ho avuto modo di leggere tutti i commenti) che si stia sottovalutando una concreta possibilità di tracollo per il paese: se usciamo e ricominciamo a svalutare la lira ad libitum, che ne sarà delle pension? e di quei 10 milioni di italiani ceh ci campano a malapena già ora?

Peppe Tufano 18.01.15 22:59| 
 |
Rispondi al commento

prova

Morena ., ferrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.01.15 21:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

UN COMMENTO A VIVIANA V PER FAVORE….

Quello che dice VIVIANA è Sacrosanta verità.

Ma purtroppo nel Pulman del “Fuori dall’euro” che va da Salvini alla Destra Inglese e la Le Pen non c è la messa in discussione del SISTEMA.
La nuova Banca d’Italia sarà sempre un organo privato aderente alla FMI e alla Banca dei Regolamenti Intern. (creata da Rothschild) e stamperà sempre Lira dietro creazione debito e nulla cambierà.
La unica differenza rispetto alla BCE (e concordo con te purtroppo controllata solo dalla finanza) è che non avremo forse limite del 3% quindi si scaricherà tutto il debito sulle generazioni future come fatto negli anni 80.

Se pensi invece di fare come L’EQUADOR beh allora è un'altra cosa e concordo con te su TUTTA LA LINEA, ma è come entrare in guerra sono TUTTI CONSAPEVOLI DI FARLO.
Mussolini lo fece per molto meno.

A questo punto però, ai tanti speranzosi imprenditori o presunti tali occorre dirgli la verità che poi non esporteremo neppure un chiodo REGALADOLO perché non TI PERMETTERANNO di FARLO.

Cara VIVIANA quando ero a scuola cercavo di copiare dai più bravi non dai + somari.
Visto dove sta finendo questo paese e il blog penso che sia arrivato il momento di dire che forse sarebbe meglio COPIARE un po’ I TEDESCHI che dici? !!!

Simone B., Rimini Commentatore certificato 17.01.15 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PRESI PERENNEMENTE PER IL CULO (1 Parte)

Visto che il M5S ha scelto la corsa a destra pur di conquistare il consenso del voto “ex-moderato” schierandosi nella fronda dei “Fuori dall’Euro” mi aspetterei almeno un può di onesta politica da parte di chi si ricorda.

Lo Slogan fuori dall’euro nasce da DESTRA e di fatto nel novembre 2011 con la caduta del governo Berlusconi. Quando c’era lui nessuno osava dire “Fuori dall’Euro”.
Tutti pensano che sia la fine di un ERA ma leggendo i giornali a lui vicino si intuiva che così non era. Andava infatti preparata una finta uscita per garantire un entrata futura. All’opposizione ma governando con Monti (a maggioranza PDL) o in quello Letta (maggioranza PD).
Il fallimento di fatto di un ventennio (tanti sono gli anni persi infatti dal questo paese) è stato così mascherato.
Non esistendo più i comunisti ecco che i nuovi nemici si trovano altrove.
Prima un “golpe” poi la irrimediabile situazione causata dall’euro che non ha permesso di fare meglio e intanto il lavoro sporco lo fanno altri.
Nessuno vi racconta che dal 1996 con l’entrata in vigore del EMU il debito pubblico era iniziato a scendere grazie alla discesa dei tassi e che se nel 1992 si evitava la svalutazione il cambio Lira/euro sarebbe stata 1550 e non 1936.
Il Belgio e la Germania (che riunificava) avevano condizioni e numeri peggiori dei nostri ma oggi sono dipinti come i nemici.
Ora che lo Slogan è passato ecco tutti pronti a cavalcarlo per mestiere, l’importante è mantenere divisi gli schieramenti ….
Ma c’è un però, giocare su questo può essere molto pericoloso e ci tornerò in fondo…

Simone B., Rimini Commentatore certificato 17.01.15 17:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

spero che ciò avvenga al più presto se vogliamo risollevare questa morente Italia

alfredo cornici 17.01.15 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Per uscire dall'euro in sicurezza sara'necessario un governo di persone oneste, M5S. Diversamente corriamo il rischio di cadere dalla padella alla brace.

Paolo Lo Iacono 17.01.15 16:45| 
 |
Rispondi al commento

PRESI PERENNEMENTE PER IL CULO (2 Parte)

Alla conversione nel 1997: 1 EURO = 1.95 Marchi =1936,27 LIRE =0.76 USD

Ma i prezzi sono raddoppiati solo da noi. Perché? Ora si vorrebbe tornare alla lira per sperare di farlo di nuovo.?

La verità è che esiste un paese dove c’è una metà che pensa sempre sia giusto ficcarla in Culo all’altra metà costi (voti) quel che costi.
Ma che RAZZA di futuro può avere un PAESE creato così?

Purtroppo questa visione fino ad un certo punto ha anche funzionato ma a spese di un debito pubblico enorme. Da quando e stata tolta la scala mobile nel 92 i redditi fissi non concorrono più al suo aumento.
60 miliardi di evasione fiscale annui sono 1200 miliardi in 20 anni.
Tornare alla Lira equivale di fatto ad una maxi PATRIMONIALE SECCA per TUTTI alla conversione e diventa una PATRIMONIALE PERMANENTE per i REDDITI FISSI. Conviene a pochi ma oramai ci credete TUTTI.
Su una popolazione attiva di 47 ml vi sono 21 ml di pensionati e 12 ml di lavoratori dipendenti per cui il ritorno alla Lira sarebbe una gran inculata, mettiamo pure i 5 ml senza un lavoro che non hanno da spendere mi domando a chi conviene.
Tolto qualche Imprenditore (se esporta) tutti gli albergatori a cui gioverebbero la Lira le rimanenti 5 milioni di partite iva da chi pensano di arricchirsi?

Il raddoppio dei prezzi ha fatto felice i negozianti il primo anno ma li ha fatti chiudere (e molti) i successivi.
La verità che TUTTI siamo presi perennemente x il culo per avere il MALEDETTO CONSENSO .

Simone B., Rimini Commentatore certificato 17.01.15 16:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se Moody's sostiene quello che si dice in questo post allora vuol dire solo una cosa: che l'agenzia di rating ha interesse a che la Grecia esca dall'euro. Ma credo che abbia interesse a che la moneta europea salti in quanto tale. Una semplice congettura. Non ho elementi di conoscenza per dirlo con certezza nè prove da portare. Sono tuttavia convinto che quegli elementi e quelle prove qualcuno ce l'ha. Su questo argomento penso che che il futuro (spero) premier greco facci bene a porre al centro del programma di governo la rinegoziazione del debito. Dovremmo farlo anche in Italia. Perchè la rinegoziazione del debito consentirebbe di portare alla luce tutti i personaggi politici che quel debito lo hanno prodotto. Io non ci sto a cancellare con un colpo di spugna le responsabilità di chi ha prodotto questo casino e sopratutto sono dell'idea che chi lo ha prodotto deve pagare...IN TERMINI FINANZIARI. Perchè non va dimenticato che prima della crisi e dentro la crisi c'è gente che continuaa a fare affari d'oro.

Giuseppe 17.01.15 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Va bene uscire dall'euro ma sicuramente a gestire il tutto e soprattutto il dopo euro ci va un altra gestione politica ,ci vuole il M5S a governare allora possiamo sperare in un ripresa e in una gestione preparata e seria ,altrimenti non servirebbe a niente questi riuscirebbero a rovinare e a mangiarsi anche questa nuova rinascita

iolanda russo 17.01.15 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Che l'uscita dall'euro abbia un'alta probabilita' mi sembra sia supportato dalla decisione della Svizzera di tornare a far fluttuare liberamente il franco (dall'altro ieri).
La spiegazione data e' che l'operazione di Q.E. decisa da Draghi avrebbe portato ad un incremento di richiesta di franchi rendendo insostenibile perche' troppo costoso il cambio bloccato lira euro.
Spiegazione che mi pare una bufala perche' in contrasto con la logica.
Ci e' stato detto che il Q.E. dovrebbe stimolare le economie di area euro e se cio' fosse vero il miglioramento dovrebbe attirare capitali e non viceversa.
Come invece gia' esposto da numerosi economisti il Q.E. non dovrebbe incidere granche' sulle economie salvo mantenere relativamente bassi gli interessi sui debiti pubblici e permettere di tirare un po' piu' in la' il carrozzone con il relativo vantaggio di quei gruppi di potere che nell'attuale situazione guadagnano un sacco di soldi.
La Svizzera deve aver preso per molto piu' che probabile la caduta dell'euro e l'inutilita' di continuare a covertire in franchi svizzeri una valuta che presumibilmente varra' enormemente meno in quel frangente.
Gia' ora l'euro ha perso il 25% circa rispetto al franco svizzero.
Che ne pensate voi?
Ciao, Mario

mario c. Commentatore certificato 17.01.15 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Quello che non sono mai riuscito a capire è: Quando siamo entrati nell'euro il nostro valore monetario si è praticamente dimezzato, mentre il potere d'acquisto doveva essere UGUALE in tutti i paesi facenti parte dell'UNIONE EUROPEA, cosa è realmente avvenuto per ridurre il nostro Paese a questo disastro?
Chi ha permesso che il nostro Euro valga come potere d'acquisto meno di quello Tedesco?

Pietro Mantelli 17.01.15 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sovranità monetaria. E' possibile emettere moneta parallela senza uscire dall'euro.Basta che il governo lo voglia sussistendo lo stato di necessità e la penuria di moneta circolante in relazione alle attuali esigenze. Questa attività è legittima ed è consentita dalla Legge sul Risparmio del 2005 tuttora in vigore.

STEFANO A. Commentatore certificato 17.01.15 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Vi chiedo perchè non riesco ad inviare un commento a questo posto.

STEFANO A. Commentatore certificato 17.01.15 12:05| 
 |
Rispondi al commento

L'euro e la globalizzazione hanno distrutto l'economia Italiana delle famiglie.

W la Lira, per un Italia forte

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 17.01.15 11:40| 
 |
Rispondi al commento

La marionetta tecnologica.
Dopo un attento esame e studio della nostra persona si sono impossessati del telecomando delle nostre sensazioni e dei nostri sentimenti. Le usano a loro vantaggio. Ci SFRUTTANO per i loro scopi sovvertendo le correnti ascensionali e energetiche con l’ausilio della tecnologia. Alzano e abbassano il volume del cuore. Lo alzano al massimo quando sei solo e lo abbassano ai minimi quando sei nel loro coro e poi vilmente ti ripetono –decoro!-.E giustizia da mesi ancora imploro. Ormai è passata di moda la vecchia marionetta con i fili ora è stata sperimentata la marionetta telecomandata ai loro fini. Fino ad ora sono state rivelate quattro diverse correnti: due, rispettivamente positiva e negativa per il cuore e due rispettivamente negativa e positiva per la mente. Per quanto concerne quella della mente, E’ STATA totalmente eliminata e soppressa quella positiva e allegra, poiché sterile non da alcun materiale frutto, per mantenere solida e ben salda quella corrente negativa e rabbiosa così da far coincidere con una finta droga e un perbenista e quasi concesso, dopo un grazie, indulto. L’autorità benedice il tutto ma la coscienza piange ancora in lutto.

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 17.01.15 10:21| 
 |
Rispondi al commento

La gente continua a non voler sentire le ovvietà, e l'Italia ne paga le conseguenze. L'euro è solo il simbolo della dittatura economica che ci stanno imponendo da Berlino e Washington.
Liberarsi dal giogo europeista è semplice, ma, al contempo, difficile: attualmente, grazie anche all'ottusità dei nostri governanti, gli unici partner di cui disponiamo sono proprio i nemici. Grazie all'assurda presa di posizione nella questione ucraina, ci siamo allontanati da Mosca, con perdite milionarie per la nostra, già messa a dura prova, economia. Tornare alla lira, adesso, significherebbe solo dover sopportare la vendetta di chi ci tiene, economicamente, in pugno. Bisogna, prima, aprire (o riaprire) canali commerciali con altri Paesi, primi fra tutti quella stessa Russia che non cederà al volere degli esportatori di democrazia: solo con partner forti possiamo presentarci a Bruxelles e mandare a farsi benedire tutto il loro carrozzone; altrimenti, la vedo davvero durissima.

Giuseppe Molica 17.01.15 10:11| 
 |
Rispondi al commento

pare che in grecia sia iniziata la corsa agli sportelli, evidentemente restare nell'euro non è tutta salute.
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=10110

Due banche greche "sistemiche" hanno chiesto l'accesso all' Emergency Liquidity Assistance ovvero un sistema di finanziamento con interesse 1,55% invece che 0,05% della bce a cui non potevano accedere....
la crisi delle banche sappiamo già come andrà a finire:
socializzazione delle perdite.

La situazione non è ancora grave ma la direzione presa è pessima.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.01.15 20:53| 
 |
Rispondi al commento

CARO MIOVIMENTO 5 STELLE,
IN ITALIA C'E' UN GRANDE CANCRO TUMORE MALIGNO E SI CHIAMA BERLUSCONI SILVIO CHE HA RUBATO DAPPERTUTTO, HA EVASO TASSE DAPPERTUTTO, HA LAVORATO CON LA MAFIA ED IL PARTITO DEMOCRATICO ED HA PRATICAMENTE DISTRUTTO TUTTO IL NOSTRO POVERO PAESE ITALIA!!! BERLUSCONI VA MESSO SUBITO IN GALERA E POI VA CONDANNATO A MORTE MEDIANTE IMPICCAGIONE!!!
NOI DOBBIAMO CONTINUAMENTE E A RIPETIZIONE DENUNCIARE TUTTE LE SCHIFEZZE DI QUESTO PAESE, DOBBIAMO DIRE E RIDIRE ALLA GENTE LE NEFANDEZZE DEL GOVERNO E DEGLI ALTRI PARTITI, DOBBIAMO ANDARE SUI GIORNALI ED IN TV E DENUNCIARE TUTTO QUESTO A RIPETIZIONE!!!
DOBBIAMO DIRE CHE NOI M5S VOGLIAMO DIFENDERE I LAVORATORI ED I PICCOLI MEDI IMPRENDITORI, CHE VOGLIAMO LA SICUREZZA DEI CITTADINI CHE ORA ALLA NOTTE SONO COSTRETTI A RESTARE IN CASA, DOBBIAMO DENUNCIARE GLI SPRECHI PUBBLICI, I MOLTI PRIVILEGI DELLA CASTA, DEI DIPENDENTI DEL PARLAMENTO, DEL GOVERNO E DEGLI ALTRI ENTI PUBBLICI ROMANI, CONTRO GLI STIPENDI E PENSIONI D'ORO, CONTRO CHI HA DUE TRE LAVORI MENTRE CI SONO MOLTI GIOVANI DISOCCUPATI, CONTRO LE AUTO BLU, CONTRO GLI ENTI PUBBLICI INUTILI, CONTRO IL MALFUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICA ANMINISTRAZIONE, DEI TRENI, DELLA POSTA, ECC. CONTRO LA MASSONERIA DEVIATA ED I SERVIZI SEGRETI DEVIATI E CONTRO IL DEBITO PUBBLICO SEMPRE PIU' ALTO INCOLMABILE CHE ANDRA' A CARICO DEI NOSTRI FIGLI E DEI NOSTRI NIPOTI!!!
ED INVECE DOBBIAMO PARLARE A FAVORE DEI DIRITTI CIVILI, DELL'AMBIENTE, A FAVORE DELLO STATO DELLA PALESTINA E DELLA PACE NEL MONDO!!!
DOBBIAMO DIRE E RIDIRE DAPPERTUTTO A RIPETIZIONE COME FANNO GLI SPOT PUBBLICITARI IN TV SUI GIORNALI PER LA STRADA PERCHE' SOLO COSI' POTREMO VINCERE LE ELEZIINI E SALVARE IL NOSTRO POVERO PAESE ITALIA!!!
VIVA IL M5S, VIVA!!!

Franco Rinaldin 16.01.15 20:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un ringraziamento a monti letta e renzi che in questi anni hanno 'regalato' alla grecia ben 43,5 miliardi di prestiti con tasso a favore.
Dico regalato poiche' se vincera' tsipras e fara' come ha promesso (restare nell'euro e rinegoziare il debito) con la forte probabilita' che quei miliardi non li vedremo mai piu'.

http://intermarketandmore.finanza.com/crisi-grecia-syriza-e-un-rischio-o-unopportunita-per-una-nuova-unione-europea-70492.html

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.01.15 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Su, dai, FUORI DALL'EURO!!!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.01.15 19:59| 
 |
Rispondi al commento

SE NON NASCERANNO PIU' NUOVI POPOLI... L'UMANITA' SI ESTINGUERA'!...

La lingua di un popolo è per esso la più antica moneta nazionale!... a mano a mano che un popolo si sviluppa... muta la sua lingua e si modifica... di conseguenza... pure la sua moneta... che staccandosi dalla lingua si materializza in un oggetto!... quest'ultimo evento può dunque datarsi molto vino all'invenzione della scrittura!... in quel momento si verifica il passaggio dalla moneta parlata (il baratto!) alla moneta scritta (oggetto su cui si scrivono cifre numeriche o di valore d'acquisto!)!...
Anche i popoli muoiono!... con essi scompaiono le loro lingue e le loro monete!...
Ma... se sappiamo come muoiono i popoli (esempio... quello dei Longobardi!)... dobbiamo anche incuriosirci di sapere come nascono!... e... se riteniamo che la scomparsa di un popolo non sia mai dovuto ad un evento del tutto naturale... così dobbiamo ritenere che anche la sua nascita sia il frutto di una qualche progettualità!...
Il popolo europeo è appena nato!... la sua lingua non è ancora ben comprensibile e questo si riflette sulla sua moneta scritta!... vogliamo abbandonarla per tornare a quella parlata!... ma allora dobbiamo abbandonare la concezione di far nascere nuovi popoli!... ma... se abbandoniamo questa concezione andremo inevitabilmente incontro all'estinzione dell'umanità né più e né meno del decidere di non procreare più individui della nostra specie! .-|||


ma questo e' pazzo!!!
"""La Grecia, a differenza dell'Italia, dovrebbe contare sulla benevolenza dei creditori esteri per dilazionare il debito negli anni. La svalutazione, inoltre, renderebbe più oneroso il debito in Euro e aumenterebbe il costo delle importazioni, necessarie alla Grecia per ripartire perché il suo tessuto industriale è stato messo a durissima prova da Euro e austerità."""
e il breve periodo quanto dovrebbe durare ??? un anno??? le aziende falliscono in un periodo infinitamente piu breve....e senza aziende non c'e' occupazione...
questo e' prorpio pazzo!!!

aleS Sandro 16.01.15 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Fuori dall’Euro” il grande SLOGAN FASULLO per coprire ogni DOMANDA.

Purtroppo gli italiani sono “Maestri” nell’arte di cadere nei trappoloni che di volta in volta vengono preparati far dividere i cittadini con Slogan ideologici e fasulli.
Con l’euro/Usd a 1.17 rispetto ai 1.37 di qualche mese fa l’euro ha di fatto già svalutato di un 20 %. E’ come se l’euro sta uscendo dall’euro senza cambiare moneta.
Quindi per risolvere tutta la serie di punti ripetuti dai “sostenitori dei fuori” basta svalutare l’euro e non occorre ritornare alla lira per poter aumentare le esportazioni.
Il resto sono tutte scemenze e la Svizzera lo sta dimostrando (Guarda caso difende la moneta FORTE!!).
Per svalutare basta fare la cosa più semplice del mondo “Stampare moneta” a fronte di un inflazione più bassa del 2% non si capisce perché non lo siè già fatto.
Ovvio, non si VUOLE STAMPARE moneta, perché di FATTO NON LO SI PUO’ FARE. (vedi “signoraggio” ovunque)
Lo slogan “Fuori dall’euro” in Italia nasce da DESTRA guarda caso quando cade Berlusconi e casualmente come una volta ci si divideva fra comunisti e non, fra berlusconiani si o no, oggi ci si divide su un altro SLOGAN privo di senso. Se prendete gli ex-elettori di centrodestra questi sono oramai tutti fra i “fuori dall’euro”. Certo, qualcuno pensa (Sbagliando) che fuori dall’europa si possa far meglio i “FURBI” A DISCAPITO DEI REDDITI FISSI.
Ma è proprio quella “destra” che in europa elegge Junker che ha creato il paradiso Lussemburgo dove grandi corporate come IKEA che ha ridisegnando il mercato del mobile o Amazon (forse non si può dire nel BLOG?) quello del commercio tradizionale, a spese delle imprese stesse.
500 ml di europei si mangiano il 52% del Welfare mondiale forse e meglio toglierlo a loro o darlo ai rimanenti 7000000000?

L’euro è il termometro non la febbre, se non si ferma questa globalizzazione dello stato sociale europeo NON RIMARRA’ NULLA.

Per far questo occorre essere uniti ed è per questo che ci VOGLIONO DIVISI.

Simone B., Rimini Commentatore certificato 16.01.15 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'economia di mercato è per uno stato liberale una lotteria alla quale non può sottrarsi pena la perdita della propria identità!...
Il denaro è merce!... una moneta è un tipo particolare di merce-denaro!...
In generale si può decidere di non acquistare più una determinata merce... ma quando esce da questa merce sta uscendo da un particolare tipo di mercato... perché ogni merce ha un proprio mercato!...
Uscire dall'euro dunque avrà la conseguenza di uscire dal mercato comune europeo! .-|||


Ci pensa la bellezza a pareggiare i torti, nel modo più spietato e più soave, ricrescendo sopra la distruzione.

Erri De Luca

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato 16.01.15 18:46| 
 |
Rispondi al commento

"LA LEALTA'DEL PRINCIPE" cap. 18 Machiavelli
"(.....)Un principe deve fare grande attenzione a che non gli esca mai di bocca una parola che non sia piena delle 5 qualità sopra indicate. Deve insomma apparire, a guardarlo e a udirlo, tutto clemenza, tutto lealtà, tutto onestà, tutto umanità, tutto religione. Niente gli è più indispensabile che apparire religioso. Gli uomini, in generale, giudicano più con gli occhi che con le mani, perché tutti vedono e pochi toccano con mano. Tutti vedono quello che tu sembri, ma pochi toccano con mano quel che tu sei, e questi pochi non osano opporsi all'opinione dei molti, che oltre tutto sono protetti dall'autorità dello Stato. Nel giudicare le azioni degli uomini, e soprattutto dei principi - che non possono essere convocati in giudizio - NON SI GUARDA AI MEZZI MA AL FINE. Il principe faccia quel che occorre per vincere e conservare il potere. I mezzi saranno sempre giudicati onorevoli e lodati da ognuno, perché il popolo bada sempre alle apparenze e al risultato. E nel mondo il popolo è dappertutto. Le minoranze non contano, quando le maggioranze hanno dove appoggiarsi. Un principe dei nostri tempi, che è meglio non nominare, predica sempre pace e onestà, ma non ha mai rispettato né l'una né l'altra. De resto, se le avesse rispettate, avrebbe più volte perso la sua autorità o i suoi Stati."

Gabriella . Commentatore certificato 16.01.15 18:27| 
 |
Rispondi al commento

“Fuori dall’Euro” il grande SLOGAN FASULLO per coprire ogni PERCHE.

Purtroppo gli italiani sono “Maestri” nell’arte di cadere nei trappoloni che di volta in volta vengono preparati far dividere i cittadini con Slogan ideologici e fasulli.
Con l’euro/Usd a 1.17 rispetto ai 1.37 di qualche mese fa l’euro ha di fatto già svalutato di un 20 %. E’ come se l’euro sta uscendo dall’euro senza cambiare moneta.
Quindi per risolvere tutta la serie di punti ripetuti dai “sostenitori dei fuori” basta svalutare l’euro e non occorre ritornare alla lira per poter aumentare le esportazioni.
Il resto sono tutte scemenze e la Svizzera lo sta dimostrando (Guarda caso difende la moneta FORTE!!).
Per svalutare basta fare la cosa più semplice del mondo “Stampare moneta” a fronte di un inflazione più bassa del 2% non si capisce perché non lo sia già fatto.
Ovvio, non si VUOLE STAMPARE moneta, perché di FATTO NON LO SI PUO’ FARE. (Chiedetevi il perché)
Lo slogan “Fuori dall’euro” in Italia nasce da DESTRA guarda caso quando cade Berlusconi e casualmente come una volta ci si divideva fra comunisti e non, fra berlusconiani si o no, oggi ci si divide su un altro SLOGAN privo di senso. Ma se prendete gli elettori di centro-destra questi sono oramai quasi tutti fra i “fuori dall’euro”. (O forse si pensa che fuori dall’ europa si possa continuare a fare i “FURBI SEMPRE A DISCAPITO DEI REDDITI FISSI ?”)
Ma che strano quella “destra” che in europa elegge Junker che ha creato il paradiso Lussemburgo dove grandi corporate come IKEA che ha ridisegnando il mercato del mobile o Amazon (Oii, forse non si può dire nel BLOG?) quello del commercio tradizionale, a spese degli europei.
500 ml di europei si mangiano il 52% del Welfare mondiale forse e meglio toglierlo a loro o darlo ai rimanenti 7 000 000 000.
L’euro è il termometro non la febbre, se non si ferma questa globalizzazione dello stato sociale europeo NON RIMARRA’ NULLA.
Per far questo occorre essere uniti ed è per questo che ci VOGLIONO DIVISI.

Simone B., Rimini Commentatore certificato 16.01.15 18:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eh no!... non possiamo più permetterci di stare nell'euro!... con la lira ci fregavano di meno!... se non altro perché era più difficoltoso andarsene in giro per l'Europa... e questo ci permetteva di risparmiare di più... ovviamente a prezzo di qualche rinuncia turistica!...
Dobbiamo dunque essere pianamente coscienti che il ritorno alla moneta nazionale non sarà immediatamente positivo e che l'uscita dall'euro... qualora fosse davvero positiva per l'Italia... non lo sarebbe per molto!...
perché nessuno degli altri Paesi starebbe lì alla finestra dell'Europa senza saltarne fuori prima che noi avessimo raggiunto la porta sanie e salvi e con le nostre gambe! .-(((

Chip En Sai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.15 18:26| 
 |
Rispondi al commento

In verità la questione è abbastanza semplice, ed è incredibile come il popolo greco (e italiano...) continui a farsi truffare in questo modo. Mi è venuto in mente un esempio che credo potrà far capire la cosa anche ai più riottosi.

Supponete di essere proprietari di un negozio di ferramenta. Vendete, ad esempio, pinze a 10 euro l'una. Ad un certo punto gli affari vanno male, non riuscite a vendere nemmeno una pinza. Dopo un mese di resistenza, per evitare di morire di fame, siete costretti ad abbassare drasticamente il prezzo delle pinze, e a vendere a 5 euro l'una (sempre sopra il prezzo di costo). Gli affari decollano subito. (perché avete SVALUTATO le pinze..)

Perché l'esempio sia chiaro occorre completarlo così. Dovete supporre anche che ci siano tutti i vostri familiari che non lavorano, ma hanno, ciascuno, in certi GRANDI depositi, migliaia e miglaia di pinze, dello stesso tipo di quelle che vendete voi. La loro ricchezza consiste in quelle pinze che hanno nei depositi. Non la usano mai, e quando la usano, la scambiano non in cambio di euro, ma in cambio direttamente di ciò che gli serve. Per esempio mi serve una piscina nella mia villa? Una ditta me la costruisce e accetta di farsi pagare in pinze, perché le pinze valgono 10 euro l'una. 100000 pinze in cambio di una piscina.

Supponete che questi parenti, coalizzati, mi impediscano, malgrado io non venda più nulla, di abbassare il prezzo delle pinze. Capite bene perché lo fanno: se vendete le pinze a 5 euro loro si trovano con la ricchezza dimezzata. A questo punto voi che fate? State a sentire quello che dicono (interessatamente) i parenti (e morite di fame) oppure...svalutate?

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 16.01.15 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Però qualcuno sta pensando di svalutare l'euro nei confronti del dollaro per incentivare le esportazioni e l'industria. E' una mossa che coinvolgerebbe in modo paritetico tutta l'area euro, poi chi ha le industrie sane si risolleva, chi le ha malconce perisce- Sono mose che se si fanno non si preannunciano, una mattina ci svegliamo e ........
gf

gianni franzoni 16.01.15 18:14| 
 |
Rispondi al commento

I Grillini

https://www.youtube.com/watch?v=XArSVg3KOuk

amanda 16.01.15 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Se per leggere il post di Beppe Grillo devo sorbirmi e subire qualcosa che parte automaticamente (e mi consuma traffico internet), mi disturba e distoglie l'attenzione, io non lo leggo più.
Non si può accettare supinamente qualsiasi cosa anche, ed io dico soprattutto, se viene da un mezzo nuovo come internet, perché vorrebbe dire lasciare a chi lo gestisce e lo conosce meglio la possibilità di entrare in casa mia e fare il comodo suo e questo non va certo nella direzione dell'onestà e della trasparenza che tanto ci piace.
Spero di poter continuare a leggere il blog.

Attilio Vimercati 16.01.15 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Molti commentano sulla prossima uscita dall'euro della Grecia. Solo che la Grecia non vuole uscire dall'euro e nemmeno gli spagnoli di Podemos.
Sarebbe opportuno riflettere un pò prima di intraprendere iniziative avventate e pericolose.

Giovanni P., Siracusa Commentatore certificato 16.01.15 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mah, vorrei sbagliarmi, ma forse, visto quello che sta succedendo con il franco svizzero, quando in Grecia alle prossime elezioni avrà vinto Tsipras, e inizierà a voler rinegoziare il debito, la risposta tedesca potrebbe essere del tipo: non preoccupatevi di uscire dall'euro, usciamo noi!

Renato O., Venezia Commentatore certificato 16.01.15 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Per comprendere bene cosa e' un piccolo paese privo di risorse naturali (petrolio gas) ma con moneta propria potete valutare la Repubblica Dominicana:
-debito pubblico al 50% del pil
-Moneta : peso , cambio con l'euro a 52 (circa) era 48 nel 2009
-economia agganciata al dollaro: turismo ed agricoltura
-wellfare assente
Nessuno muore di fame, ma basta allungare le mani su un platano, un banano, un cocco, un mango, o un avocado e si mangia.

Io stesso ho visto famiglie in baracche vivere in una foresta litoranea vicino ad un fiume senza energia elettrica diretta (col generatore a gasolio) , tuttavia ben nutrite e pulite.

Ma si chiama "paradiso tropicale" .

Tuttavia e' la prova che anche uno piccolo paese puo' farsi i cavoli propri .

Tuttavia il rapporto ricchi/poveri e' peggiore del nostro .

I politici sono uguali ai nostri: non essendoci wellfare pero' rubano meno .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.01.15 17:53| 
 |
Rispondi al commento

L'euro è stato creato dai banchieri non solo per spodestare gli Stati,e quindi i loro popoli,della sovranità monetaria,ma anche per tenerci intrappolati e schiavi di un perenne debito,gravato da interessi che ci preclude ogni prospettiva di sviluppo economico e libertà.

TINO LISSU, S.MICHELE Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.01.15 17:48| 
 |
Rispondi al commento

RENZI, l’Art. 18, un bel calcio nel sedere…e FUORI DALL’EURO
Come oramai succede da tempo, le notizie importanti passano in silenzio. E’ notizia di mesi fa che la Francia ha un nuovo ministro dell’economia. Il 36ne rampante Macron, è bastato che si insidiasse e nel giro di qualche settimana la Francia dichiara di sforare deficit 4.2% e di fatto cambia il copione in Europa. Ma chi è Macron? Basta cliccare su Google e salta fuori “Ex banchiere Rotschild”, x chi non sa chi è basta cliccare “il potere dei r” per averne un idea. Ma la domanda che dovremmo farci è “se in Francia né hanno messo direttamente uno in Italia chi pensate ci sia?” Non dico di capirne il fine.
Pensare Renzi come il mastro PD è un errore Politico Grave. Purtroppo quando ce ne accorgeremo sarà troppo tardi, lui è come uno yogurt. Lo capisce anche uno stolto che la corruzione c’era prima e ci sarà anche dopo, il problema è che non c’è mai stata una seconda repubblica perché non è mai terminata la prima. Chi si è bevuto Berlusconi?
Il tempo di togliere l’art.18, probabilmente il senato e chi lo ha messo lì gli darà un bel calcio nel sedere. Chiaramente sarà fatto tutto in maniera elegante con qualche incarico di prestigio ma la sostanza è quella e il dopo sarà peggio.
Per il peggio servirà che ci sia qualcuno che inizi a gridare “Fuori dall’euro”. Ancora una volta una soluzione semplice ad un problema complesso, in maniera che nessuno capisca davvero cosa fare. In Grecia sono + avanti.
Forse sta già succedendo? Renzi ha appena abolito df l’art.18 (pensate se lo avesse fatto Berlusconi che rivoluzione) e solo 2 giorni dopo S&P ci mette in BBB-. Ma reggetevi il bello deve ancora arrivare almeno fino a quando non aboliranno il senato. Ma la domanda è sempre perché?
Prendere tanti voti che serve se poi non si sa come usarli.
Ma il M5S che fà? La gara con Salvini? Un bel referendum “fuori dall’euro”.
Una grande soluzione, un Italia in Lira con un bel debito in Euro. Sai che risate che si farà Rotschild.

Simone B., Rimini Commentatore certificato 16.01.15 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Ultim'ora:

i piddini per le presidenziali si mettono a giocare a guardia e ladri e nascondono il loro candidato presidente della repubblica fino al giorno prima delle votazioni.
Fategli sapere che i ladri rimangono,comunque, sempre loro.........

stefano m. Commentatore certificato 16.01.15 17:35| 
 |
Rispondi al commento

\RENZI è la vergogna fatta a persona!


?

Archibald 16.01.15 17:01| 
 |
Rispondi al commento

NON C'E' PIU' NULLA DA FARE PER L'EURO,E' FALLITA COME MONETA E PRIMA NE USCIAMO E MEGLIO E' PER TUTTI,COMPRESA LA GRECIA

alvise fossa 16.01.15 16:59| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE IL M5S ABBRACCIA LA MONSLER ECONOMY , BEPPE , DI MAIO PERO' CITATE LE FONTI E DITELO CHE IN ITALIA PAOLO BARNARD SI SGOLA A RACCONTARE QUESTE COSE PORCA PUTTANA !!!!!

BERTI ANDREA 16.01.15 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Economisti de nojantri.
L'economia non riprende;Per forza, il prezzo del petrolio è troppo alto.
L'economia non riprende;Per forza, il prezzo del petrolio è troppo basso.
L'inflazione è troppo alta; ci taglia le gambe.
L'inflazione è troppo bassa; ci taglia le braccia.
Mah!

Antonio+ D., Carrara Commentatore certificato 16.01.15 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Se forse agiste di più parlando di meno forse riuscireste ad ottenere qualcosa, altrimenti rimangono tutte belle idee valide ma poichè gli altri sono in cattiva fede non ve ne faranno passare una in modo lecito!
L'unica speranza è coglierli di sorpresa a giochi già fatti.
Mai far sapere all'avversario le proprie strategie, per vincere c'è solo una strada: l'effetto sorpresa!!

Tony G. Commentatore certificato 16.01.15 16:33| 
 |
Rispondi al commento

non sono in grado di inviare? la 2^ parte del commento
delle ore 16.09 per motivi di spazio.
?

Archibald 16.01.15 16:30| 
 |
Rispondi al commento

E la Svizzera esce dall'euro !!!!!
Qualcosa comincia a muoversi ?????
Buona serata a ***** a tutto il blog !

MARY S., PENNE Commentatore certificato 16.01.15 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Uno dei mali delle nazioni europee è quello di non avere più una moneta sovrana per cui la politica economica viene decisa all’estero. Uno Stato senza una moneta nazionale, non è uno Stato!
Con l’adozione dell’euro non solo l’Italia ma tutti i paesi che ne fanno parte si indebitano con una moneta estera, che gli Stati devono comprare sui mercati finanziari. Una moneta emessa e controllata dalla BCE che costringe le nazioni ad uno stato di subordinazione nel nome dell’Europa. Stando così le cose i cittadini non hanno più voce in capitolo sulla loro economia. In mancanza della sovranità monetaria la politica nazionale non conta più nulla, essendo direttamente agli ordini della BCE e della UE per cui diventa persino inutile andare a votare, visto che chiunque vinca le elezioni dovrà seguire le linee dettate dall’estero. A questo punto solo riprendendoci la sovranità monetaria e nazionale, sarà possibile tornare a vivere una vita degna, altrimenti moriremo schiacciati dai debiti, che non risolveranno nulla e aggraveranno ulteriormente le già miserabili condizioni in cui vivono i cittadini d’Europa.
Se non saremo capaci di riprenderci l’autonomia monetaria, politica ed economica non avremo mai più la possibilità di una politica autonoma di bilancio, di spesa per il welfare e di investimenti infrastrutturali e industriali e quindi potremo dire addio alla Democrazia con la quale siamo cresciuti.



L'uscita della Grecia dall' Euro senza dubbio potrebbe essere l'inevitabile soluzione.
Così facendo, se non altro darebbe più credibilità “temporanea”all'Euro ed all'economia Europea che Si trascina la Zavorra Greca ed influisce negativamente anche all'immagine e l'inadeguatezza della politica Europea (zavorra, non in senso dispregiativo, la Grecia
non è un Nome economico ma un composto di vite umane). Alla Grecia converrebbe tutto ciò? Dipende dai punti di vista! Fuori dall'Euro diverrebbe una preda per i grossi investitori/speculatori che acquisterebbero
a prezzi di saldo “non di fuori stagione ma da chiusura delle attività” cioè a prezzo simbolico, tutti i suoi gioielli... già ora sotto attacco...
Senza dubbio ci sarà una ripresa per l'afflusso di capitali (Squali).
Questi non vengono per bontà divina o solidarietà ma per “scaricare” al momento meno opportuno...gli stessi investimenti, quando questi resi redditizi... cioè durante... ed in altri scenari economico/globali.
Dopo alcuni decenni.
[l'esempio dell'Italia del 92 in poi, né è un esempio (prima, a cavallo e dopo...)
è storia già vista nei cicli storico-economici. Alla Grecia converrà?
Forse sì? Forse no! Non siamo noi a prevederlo.]

Questo tipo di scenario è come aver un auto con le 4 gomme bucate e non sai come ripartire. Passa uno... ti presta delle ruote per arrivare al Garage più
vicino per riparare le tue, mentre le ripari... questo riparte con la tua auto...

Archibald 16.01.15 16:09| 
 |
Rispondi al commento

http://www.panorama.it/economia/opinioni/io-greco-ed-economista-vi-spiego-perche-non-usciremo-dall-euro/
questo nel 2012 e da allora la situazione è solo peggiorata , si uscire possono uscire ma cornuti e mazziati , per l'Italia la situazione è diversa , ma se fanno gli eurobond ci caschiamo anche noi ....

tino p. Commentatore certificato 16.01.15 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma le nostre quirinarie???...

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.01.15 15:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate ma ...

moodys s&p merryl linch etc etc non erano "servi al soldo della finanza internazionale"?
non erano "speculatori che con il bottone dello spread abbattono le democrazie"?

ora invece sono il "verbo" dal quale scaturisce la verità su euro e moneta?

ma fatemi capire...

alex bardi 16.01.15 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nono sono e non sarò mai un religioso in quanto non credo né ai dogmi né alle verità assolute ma credo nell'obbligo dell'uomo di cercare la verità fuori e dentro di sé con onestà e amore. Ciò non di meno non posso non apprezzare questo papa che è un uomo buono e guarda la sostanza più che la forma. Magari i preti fossero tutti come lui. Purtroppo è una mosca bianca!!!

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 16.01.15 15:51| 
 |
Rispondi al commento

è così che pensate di tutelarci ?

sposandovi per amore e tutti contenti con il cielo come tetto

jean paul marat 16.01.15 15:43| 
 |
Rispondi al commento

come matrimonio per carità, ci si sposa per amore

certo che il greco è uno spiantato e la sposa è senza dote

mi meraviglio di voi :)

jean paul marat 16.01.15 15:39| 
 |
Rispondi al commento

In sintesi, la generazione che ha vissuto gli ultimi 20 anni, ha complessivamente vissuto un periodo depressivo, tra le cui cause c’e’ certamente l’enorme massa di spesa pubblica volta a pagare interessi sul debito, accumulato dalla generazione precedente. Il tutto senza tra l’altro risultati sul fronte del risanamento delle finanze pubbliche, visto che il Debito e’ rimasto elevatissimo, alimentandosi a livello di volume dagli interessi stessi sul debito.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:37| 
 |
Rispondi al commento

L’ultimo “Fiscal monitor” del Fmi prevede che nel 2016 il debito pubblico lordo americano toccherà il 112% del PIL, e cioè sarà molto vicino a quello italiano. Con la differenza che le nostre famiglie detengono 3600 miliardi della ricchezza finanziaria, pari al 178 per cento del PIL. E che in America, invece, le famiglie detengono una montagna di debiti. L’Italia è stato l’unico Paese del G7 a presentare un avanzo primario pari allo 0,2 per cento del PIL. E negli ultimi venti ne abbiamo prodotto per 800 miliardi. È questo l’indizio più importante, quello che dice il vero stato di salute dell’economia di un Paese. E dovrebbero essere questi i parametri che speculatori e governance europea dovrebbero tenere in considerazione ”.
“E’ ora che la Merkel rinunci all’impossibile pretesa di rappresentare la virtù. Piuttosto si rifletta a uno Stato che sulla carta è unitario, quello europeo, e però non è autorizzato a battere moneta. Si pensi a sfruttare a pieno il potenziale di una moneta, l’euro, che anche in questa congiuntura catastrofica, resta solida. È ora di superare un panico ingiustificato, alimentato dalle nostre divisioni”.
Nel 2012 l’avanzo primario italiano è stato di 90 miliardi. L’avanzo primario è la differenza tra le entrate dello stato e le spese al netto degli interessi su debito.
Ma la spesa per interessi passivi è stata di 100 miliardi.Sono 20 anni che l’Italia ha un avanzo primario. In questo senso, Germania e Italia sono le nazioni più virtuose d’Europa. Ma l’Italia da circa 20 anni paga una montagna di interessi sul debito pubblico. Questa voce di spesa è stata tra le 2 e le 4 volte superiore a quella di Germania, Francia, Regno Unito e Spagna. Ciò a causa dell’enorme debito pubblico accumulato in particolare dagli anni 70 a metà anni 90.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Sapete che l’Italia ha un debito pubblico di 2000 miliardi ma, in 30 anni, tra il 1990 e il 2012 ha pagato 3.100 miliardi di interessi?
Lo sapete che nel 2015 lo Stato dovrà pagare 100 miliardi di interesse?
Ma, in base al vincolo voluto da Monti, dovrà anche fare tagli ai servizi o aumentare le tasse in modo da far uscire 50 miliardi?
Lo sapete che anche la Germania ha un debito pubblico e che anzi è il più alto d’Europa?
Cito da informareperresistere: “Il salvataggio di alcune banche è costato a Berlino 10 punti di PIL, in rapporto al quale il suo debito pubblico è cresciuto dal 73,5% fino all’83,2%”. La verità che nessuno dice è che il debito tedesco è il terzo debito pubblico lordo più alto del mondo in valore assoluto. Ammonta a 2080 miliardi. E supera di 236 miliardi quello italiano che invece è fustigato da tutti.”
Il professore di economia alla Cattolica Marco Fortis dice: “L’obiettivo primario per allentare la tensione è ridurre la pressione sui tassi d’interesse. In nome di un rigorismo miope, l’Unione europea sta avallando la sua autodistruzione. Un vero paradosso che consente alla irrazionalità attuale dei mercati di avere il sopravvento sui fondamentali economici di Paesi come il nostro, che invece sono molto solidi. L’Europa a 27 ha rappresentato per l’economia tedesca un bottino di tutto rispetto: mille miliardi sul piatto della bilancia commerciale. Prima di eleggere il rigore a unico arbitro della partita, la Germania dovrebbe riflettere su questi dati. Essere solidali conviene, anche perché la situazione tedesca è molto meno brillante di quanto farebbero pensare i continui rimbrotti ai Paesi “spreconi.È impensabile che l’Unione europea pensi di cavarsela imponendo all’Italia lacrime e sangue. Da quasi 20 anni il nostro Paese ha frenato la corsa del debito pubblico. Gli altri Paesi fingono di crescere ma in realtà rubano a se stessi crescita futura con il debito,proprio come facemmo noi anni fa

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente Grillo pensa che dovremmo uscire dall’euro, o dovremmo ridiscutere le attuali norme costrittive di cui abbiamo visto il totale fallimento, in particolare l’austerity, il pareggio di bilancio, il fiscal compact e le regole per cui la Bce fa prestiti alle banche ma non agli Stati costringendoli a interessi usurai e vuole che si ridiscutano in un tavolo europeo quei vincoli a cui ci ha costretto Monti e che ci obbligano a pagare 50 miliardi l’anno per 20 anni, impedendo qualsiasi ripresa e quel pareggio del bilancio inserito artamente in Costituzione che vieterebbe qualsiasi spesa per lo sviluppo. Grillo ritiene che debbano essere i cittadini con un referendum consultivo a dire quello che pensano sull’euro.
Ovviamente un referendum consultivo non sarebbe vincolante ma i partiti ne dovrebbero tenere conto se questa è una democrazia, e sicuramente il M5s ne terrebbe conto. Costringerebbe poi i partiti a spiegare chiaro cosa intendono fare per il futuro, mentre attualmente di Europa non si parla, la gente nemmeno sa dei 50 miliardi e i media di tutto parlano fuorché di Europa.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Prendete il fascismo come categoria politica, quali sono i suoi caratteri?

-odio della democrazia, riduzione di tutte le espressioni democratiche popolari come del voto o del referendum o i qualunque manifestazione libera dal basso
-accentramento di ogni potere nelle mani di un solo uomo e dei suoi fedelissimi e sua inamovibilità
-verticismo assoluto del potere e graduale svuotamento di tutte le istituzioni, annichilimento degli organi di controllo, annullamento dei sindacati nel contratto unico, annullamento degli organi di rappresentanza popolare
-pensiero unico con media tutti allineati nell'apologia del regime, in una lotta ossessiva alle opposizioni e nella loro demonizzazione con una campagna martellante di menzogne e diffamazioni
-elogio delle guerre e spese abnormi in armi
-fanatizzazione dell'opinione pubblica e demonizzazione o ostracismo del pensiero libero
-creazione del nemico a cui attribuire ogni male
-occupazione di tutti i gangli di potere dell'economia, delle banche, degli enti locali..
-alleanza con la parte reazionaria della Chiesa
-Squadrismo, organizzazione di squadre paramilitari per demolire gli avversari politici...
-riduzione progressiva dei diritti dell'uomo, del lavoratore, del cittadino

Non è quello che sta accadendo in questo Paese?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi,con da De Benedetti,
-sta realizzando il piano della Pd di Gelli che punta al golpe dello stato democratico
-è spalleggiato da forze nere come Opus dei e Compagnia delle Opere
-è consigliato prima da Verdini,anima nera di B, e poi dal n° 1 del fondo finanziario internazionale Black Rock,Larry Fink, che intrattiene Renzi in colloquio privato e non certo per fare gli interessi nostri
-intende storpiare la Costituzione aiutato da un delinquente come Berlusconi che si regge su corrotti, mafia e P2 e da una persona ormai irricevibile come Napolitano, che ci ha venduti al grande capitale internazionale permettendo il saccheggio del nostro Paese e la distruzione della sovranità del popolo mentre si calpestano le sue tutele.
Non si presenta certo come un 'onesto' democratico.
Vuoi vedere che la vera missione del mirabolante Matteo Renzi è quella di portare a termine le privatizzazioni ovvero di svendere quel che resta di buono in Italia e di distruggere quel che resta della democrazia?

Mentre si prepara il più grande saccheggio mai perpetrato su un continente
mentre vengono divorati popoli e diritti democratici
mentre 200 grandi magnati stanno perpetrando la depredazione europea
gli 80 euro di Renzi appaiono come una delle tante armi di manipolazione di massa, arma di disinformazione e di distrazione che copre con effetti grotteschi eventi terribili che i media stanno ben attenti a non sfiorare per non svelare il gigantesco piano capitalista di distruzione delle democrazie europee
Renzi è l'es.o di come anche una nullità possa fare il gioco del potere, quando è un bravo Lucignolo in un popolo di ciuchi

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Paese va male.Banca Affari va peggio.E allora? Quali garanzie ha ricevuto da Renzi questa gente che ci impone prima Monti,poi Letta e ora Padoan e ci tratta solo come un territorio di sicura depredazione?Renzi ha forse promesso loro il più grande piano di privatizzazioni mai viste?Una distruzione più veloce della Costituzione democratica?Un impoverimento più rapido di ogni tutela? Nei suoi 100 punti il piano di smobilitazione della democrazia,dello stato sociale e dei beni pubblici questo è chiaro,con una radicalità che supera persino il cinismo dei neocon USA
Come mai nel programma di Tsipras questi allarmi non ci sono?Come mai l'estrema sx finisce sempre per accettare tutte le esche fornite dall'iperliberismo ai partiti ufficiali?Come mai ha tanta avversione per la democrazia diretta e tende a confermare la piramide di potere,sia nazionale che europea?
Gran parte della forza di Renzi sta sulle vendite di Stato:da Poste l’incasso per il Tesoro potrebbe superare i 15 miliardi,Fincantieri, Enac,Cdp Reti,Sace,Grandi Stazioni, StMicroelectronics.Per i fondi si tratta di comprare a prezzi favorevoli,per le banche d’affari di guadagnare sugli incarichi di vendita.I grandi magnati stavano dalla parte di Prodi che permise lo smantellamento dell'Iri, ottimo affare per loro,eccellente affare per chi compra e fregatura per chi vende o sostituisce monopoli pubblici con privati.Renzi è di questa sx falsa,ormai guasta e collusa con la finanza, come Prodi.Come lui è graditissimo a Wall Street,ai grandi fondi come Blackrock della City.Ed è più deciso di Letta,troppo lento e prudente per gli squali

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi sono 200 magnati che dominano l'Occidente
Ce ne sono 50 che controllano l'Europa
3 di questi sono italiani e uno è De Benedetti
L'iperliberismo che cancella le democrazie e i diritti dei popoli è imposto da questi 50
Che si parli di Bilderberg o di Aspen o di Lehman Brother o di Goldman Sachs, di Fondo Monetario o di Bce non fa nessuna differenza.Il turbocapitalismo spietato che sta alla base è lo stesso.E la depredazione delle democrazia è la stessa
Chi ti manda?Il grande capitale.Nulla ormai si fa se non per il suo interesse
-Monti: ex presid. europeo della Trilaterale, gruppo neoliberista fondato da Rockfeller;
membro del comitato direttivo del Bilderberg; international advisor per Goldman Sachs;
membro del comitato esecutivo di Aspen;
advisor della Coca Cola;
membro del Senior European Advisory Council di Moody's e uno dei presidente del "Business and Economics Advisors Group" dell'Atlantic Council
-Letta: membro del comitato europeo della Trilaterale; vicepresidente dell'Aspen dal 2004; nel 2012 ha partecipato al Bilderberg

-Padoan:ex direttore esecutivo per l'Italia del Fm con responsabilità su Grecia, Portogallo, Albania;rappresentante dell'OCSE al G20
Tutti e tre fortemente voluti da Napolitano

Il Club dei 50 nasce nel 1982,fortemente voluto da Reagan,che ne affidò l’iniziale cura a Licio Gelli;costituisce lo zoccolo duro dei decisori europei
Renzi è il loro bamboccio,scelto al posto di Letta perché più telegenico e veloce.Quando sarà bruciato ne sceglieranno un altro ma la linea non cambia
Qualcuno può spiegare come mai Renzi ha incontrato il Ceo di Blackrock,Larry Fink,il più grande fondo di investimento al mondo(un colosso da 4.300 miliardi di dollari che,se fosse uno Stato,sarebbe la 4a potenza al mondo dopo Usa, Cina e Giappone)?Cosa ha promesso Renzi ai magnati internazionali? E come mai questi improvvisamente hanno dato fiducia all'Italia? Non sembra che la situazione italiana sia migliorata,anzi continuiamo ad andare a fondo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:28| 
 |
Rispondi al commento

La prego di prendere in esame la mia tragedia e di aiutarmi come le è possibile magari condividendo il mio materiale sul suo social network Grazie infinite https://www.youtube.com/watch?v=NrvGb-03BrA&feature=youtu.be

http://www.qelsi.it/2014/quando-gli-errori-giudiziari-inventano-mostri/

Luigi Corrias 16.01.15 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Perche' il m5s anche se fosse al governo non farebbe sostanzialmente nulla di diverso da quello che sta facendo il governo attuale o qualsiasi altro (e allora perche' fare un referendum?) ce lo dice autocriticamente fassina

...
Qualche giorno fa, da Berlino, Francoforte e Bruxelles sono tornati alla carica: “Ogni governo deve rispettare gli obblighi contrattuali del precedente governo”. Ma qui è il punto politico: l’ambito e la portata degli accordi iniqui e fallimentari finora attuati è tale da annullare ogni spazio di scelta democratica. E allora, perché fare le elezioni? Chi cerca disperatamente un’altra strada per uscire dall’inferno della disoccupazione, del lavoro senza dignità, dell’impoverimento e della povertà perché dovrebbe votare quando nulla è da decidere? E, ancor di più, perché dovrebbe votare per una sinistra che, come in Italia, si è distinta e distingue dalla destra soltanto per il maggior “senso di responsabilità nazionale” nell’attuazione dell’unica agenda ritenuta possibile? Qui sta la radice della cosiddetta “anti-politica” passiva (astensione dal voto) e attiva (voto anti-sistema): una reazione razionale dato che i parlamenti nazionali sono sostanzialmente svuotati di funzioni.
...

http://www.stefanofassina.it/lavoroeliberta/2015/01/16/oui-je-suis-grec-lunica-alternativa-alla-fine-della-sinistra/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.01.15 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Quello che spero e che quando il movimento propone l'uscita dell'euro, non si riferisce a tornare come eravamo nel 2001, immagino che il punto di ripristino sia riferito a prima del 1981, l'anno in cui banca d'Italia e ministero del tesoro sanciscono il loro divorzio.
Se questi dettagli (se dettagli si possono chiamare), non vengono fuori, la gente può pensare che prima del 2002 l'Italia godeva di sovranità monetaria, ma non è vero, e cambiato solo il negozio di soldi dove comprare.

Benny S., Catania Commentatore certificato 16.01.15 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma basta credere che rimanere nell'euro ci aiuti ! Quanti anni così ( se non peggio ) devono passare prima che si capisca che è stato creato proprio per impoverirci ? E' contro ogni logica non potere prendere nessuna iniziativa economica che questa "moneta" ci impone ! Grazie Prodi , grazie a Amato e Ciampi che lo avete adottato pur sapendo bene a che sarebbe servito ! Vi dovrebbero fare un monumento !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 16.01.15 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma ve lo immaginate cosa significherebbe pagare solo lo 0,15% o addirittura nulla (come hanno fatto in Inghilterra) sul debito? Noi paghiamo ogni anno quasi 100 miliardi di interessi sul debito!! Pensate a quante cose potrebbe fare un governo onesto con una tale cifra! Investimenti in lavori pubblici e dunque in occupazione per il ripristino idrogeologico del territorio, reddito minino di cittadinanza, aiuto ai giovani, assistenza agli anziani, rafforzamento dello stato sociale, facilitazione di crediti statali a nuovi investimenti, allo studio dei più meritevoli, alla ricerca…
Poi se uno ha paura e vuole tenere i propri soldi in euro, nessuno gli vieta di farlo

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Le banche prendono soldi dalla Bce al tasso dello 0,15% e ci comprano titoli di stato,cioè aumentano il nostro debito che è arrivato alla cifra assurda di 2.168.855 milioni di euro, facendo pagare a noi il 4 o 5% così da avere un enorme guadagno che non viene nemmeno investito nell’economia reale aiutando gli investimenti delle aziende o i mutui delle famiglie,ma si disperde in titoli tossici,speculazioni finanziarie e guadagni stratosferici di chi su questi giochini ci guadagna arricchendosi sempre più.Per favorire questi intrallazzi immondi di ricchi che vogliono diventare sempre più ricchi è stata creata la crisi,è stata inventata l’austerità,sono state costruite le strutture ormai ributtanti della zona euro,funziona la stessa Bce,che ci costringe a essere governati dai suoi uomini come Padoan
Immaginate che cosa accadrebbe se avessimo una Banca nazionale e ovviamente una nostra valuta, e se invece di passare dalla Bce potessimo: stamparci la moneta da soli,creare una inflazione controllata che salvaguardasse stipendi e pensioni e potessimo far comprare i titoli di stato,cioè il nostro debito, alla nostra banca nazionale allo 0,15%! come ha fatto la Banca d’Inghilterra che ha comprato 600 miliardi di euro di titoli di stato a costo zero e praticamente ha fatto sparire il debito. Li terranno per anni nel bilancio della Banca d’Inghilterra e non costeranno più niente allo Stato.E’ il vantaggio di non appartenere alla zona euro.O pensate alla possibilità di aumentare la liquidità nel Paese come ha fatto la banca del Giappone. Il debito pubblico del Giappone è il più alto al mondo rispetto al Pil, quasi doppio rispetto a quello italiano, a fine 2012 ammontava al 236% del Pil (noi 134% del Pil). E, dato ancora peggiore, con un tendenziale di crescita inaudito, eppure il Giappone può permettersi da anni il lusso di una politica economica espansiva in deficit spending infischiandosene del debito accumulato. Ma il Giappone si compra il proprio debito da solo

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.01.15 15:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mah! - quanti esperti e guru !!
proprio ieri la Svizzera - la ricca Svizzera pare che abbia affondato la borsa perchè ha sganciato il CHF dall'euro ...
e sul fattoquotidiano (che di solito non spara troppe cazzate) c'era la notizia della difficoltà
russa di Putin per il rublo traballante ...sebbene disponga di tutte le ricchezze planetarie ... di sottosuolo e superficie !!

del resto se un russo vuole comprarsi una BMW o mercedes non è che Putin je la potrebbe stampà!

ne devi per forza fare a meno ! ^_^

così sarà per la Grecia ...e per la futura Italia "sovrana " del nulla !!


Secondo me lacampagna dovrebbe chiamarsi "fuoridal€ ma non dall'Europa" .in questo modo farebbe meno paura a chi ne capisce meno di queste cose o a paura dei cambiamenti.

Luca Canessa, Genova Commentatore certificato 16.01.15 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Prima hanno fatto le guerre mascherate,adesso si divertono a giocare con il terrorismo pur di rimanere incollati agli scranni,facendo leva su fatti cercati e sfruttati per commuovere il popolino,alla faccia dei milioni di persone che crepano nella disperazione.Cari amici non perdete tempo a tifare per un nome,non ne vale la pena perché i Maestri Burattinai il nome lo avevano già prima che il Profeta rassegnasse le dimissioni,quindi è il solito teatrino per far passare il tempo,le Istituzioni sono un affare di famiglia.Napolitano:dopo l’addio una pensione dorata con autista, maggiordomo,ufficio da 100 mq,una segreteria di una decina di persone e un assistente alla persona.Conferma,esiste solo il Dio Denaro e la politica è l'unico sistema per vivere bene,sistemare i figli,fare affari,arricchirsi,essere protetto dalla legge,vivere sani fino a 100 anni.Solo la politica ti permette di lavorare,sistemare famiglia e essere protetto dalla legge:Rimborsopoli, assolti tutti gli imputati,il giudice accoglie le richieste dei pm:il fatto non costituisce reato,guarda caso tutti fedeli sostenitori della divina ammucchiata.Nella vita non si deve credere a niente,solo i cretini come me hanno potuto credere in un Dio immaginario,si è realizzato tutto quanto dettomi sul finire degli anni 80,è solo questione di denaro,tutti hanno un prezzo ed è per questo che la "Giustizia Non E' Uguale Per Tutti".State tranquilli,non c'è foglia che si muove se i burattinai non vogliono,è tutto programmato con Maestria Divina,Dio non esiste e Cristo è solo un idolo usato per imbonire i pecoroni creduloni,illudendoli con la promessa del Paradiso Celeste dopo la morte,così loro si godono l'Eden Naturale senza dover rinunciare al superfluo.

agostino nigretti 16.01.15 15:14| 
 |
Rispondi al commento

E' stato bello sognare con il M5S

ciCIcuAriOno .., Roma.., Commentatore certificato 16.01.15 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT. L'asso nella manica di renzi è CANTONE!!!! RAGAZZI, ANTICIPATELO !!!!!!! A me piacerebbe IMPOSIMATO O SCARPINATO, ma penso che, gli unici che potrebbero essere votati dalla maggioranza sono: Rodota'o Cantone, tutti gli altri, specialmente presentati dai 5***** sarebbero sicuramente scartati. Comunque, speriamo che non venga eletto uno di quei nomi che stanno "girando", perché sono "IMPRESENTABILI".

alfonsina p. Commentatore certificato 16.01.15 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Sulle pensioni dei Comandanti e Vicecomandanti dei Carabinieri, ho letto cose che voi umani, neppure immaginate.

Antonio+ D., Carrara Commentatore certificato 16.01.15 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, non mi convince stà storia di tornare alla lira; mi sà di doppia inculata."dentro l'Euro ci aspetta un lento e soffocante declino, mentre fuori avremo sovranità, sviluppo e democrazia"..ma cazzo, fino a 10 anni fà avevamo la lira e ti ricordi di un paese sovrano libero e democratico ??? io no ! e nei tuoi libri di allora la merda italica nn è diversa da adesso ; i greci della lista Lagarde erano un popolo di ladri e lo saranno con o senza euro. Questa è da sempre una battaglia oggettivamente della lega nord..dovreste ammetterlo per correttezza ! le nostre erano nei v-day , politometro e sloggiare coloro che ci hanno rubato il futuro, corrotti e voltagabbana ( che ora possiamo vantare pure noi!!e ricordo che eravamo in tanti a metterti in guardia allora!!).E' vero che l'euro ci ha speculato, ma basterebbe lavorare x identificare i soggetti che lo hanno fatto ( banche straniere d'affari, subrime, derivati ecc ecc ) e rendergli il benservito. l'inculata del cambio l'abbiamo vista una volta, non mi và di rivederla.Il vero problema è che una nazione incapace di autoriformarsi e diventare civile è destinata ad essere colonia della troika

ina ghigliot 16.01.15 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno chiuso per 3 giorni l'università ' di Milano a scopo di prevenire disordini :dovevano svolgersi assemblee e dibattiti no expo .Erano in calendario da mesi , ma il prefetto con un blitz ha chiuso tutto ......Non ho piu ' parole.

elisabetta d., Venezia Commentatore certificato 16.01.15 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTO GROSSO GRASSO MATRIMONIO GRECO
#fuoridalleuro

Se oltre a uscire dall'Euro, ci occupassimo di come creare lavoro e reddito, forse sarebbe più facile ragionarci su.

"un Paese con la sua moneta può trasformare il debito in ricchezza dei suoi cittadini, investire in ricerca, scuola, innovazione e infrastrutture, "agevolando il settore privato" e la "collettività". Lo stesso debito, stimolando il Pil, si ripagherebbe da sé."

Se non capiamo in tempo che il "loro settore privato" già se lo sono organizzato, e noi no, arriveremo quando c'avranno succhiato fino al midollo, che l'osso già se lo so spolpato!

Sono anni che scrivo "organizzamose", ma voi pensate solo a paravve er cxlo, il privato siamo noi, quanto caxxo ve ce vole a capirlo?

Se ce se finiscono de comprà le multinazionali straniere, li capitani coraggiosi, stamo freschi a passà alla Lira.

Manco 'na Banca Pubblica c'avemo, chi la stampa la Lira?

Questi se vonno vende er Colosseo, e non è 'na battuta!

"Il privato deve essere la collettività", gruppi di persone che entrano in concorrenza nel mondo del lavoro, e lo Stato li deve aiutare a mantenere italiano il patrimonio italiano.

Civic Company le chiamo, comunali se si vuole partire dalle realtà locali.

Il M5S non vuole toccare lavoro e soldi come i partiti.

Secondo me il M5S dovrebbe riuscire a toccare tutto senza sporcarsi le mani, è quella la giusta direzione, è per questo motivo che ancora funziona il voto di scambio!

Che pensate che chi ha votato Renzi l'abbia fatto per convinzione?

No, l'ha fatto per convenienza e per sopravvivenza, e per sopravvivenza si bussa sempre alle solite porte per "elemosinare" un tozzo di pane!

Lavoro e reddito dobbiamo inventarceli noi, non aspettare la manna dal cielo!

Certo, so' n'attivista da tastiera, che ne posso sapè io!

Arrivederci e grazie, Graziella, e grazie a Orazio.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.01.15 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La VECCHIA CASTA CHE CI GOVERNA...sono burattini agli ordini EUROPEI.
Per combattere i BURATTINI della nostra casta..dobbiamo prima tagliare i fili, in mano ai BURATTINAI d’europa.
Una volta tagliati i fili passeremo a sostituire i BURATTINI (in casa nostra).
Non è questione di divisa monetaria...ma uscire dalla moneta unica..servirà per essere padroni del nostro destino...colpendo le responsabilità nostrane, e non anche quelle che ORA CI comandano……… da chissa'dove.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 16.01.15 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Altro che Prodi.
Nel 2002
Chi si ricorda che tutto RADDOPPIO' di colpo
Ciò che costava PRIMA 1000 lirette
DOPO era venduto a 1 EURO
Senza che le autorità Italiane muovessero un dito
Peggio del mercato nero!!!!!!

Questo l'hanno VOLUTO IL BERLUSKA e i suoi COMPARI LEGHISTI e MAFIOSI vari AL POTERE

NON c'entra NIENTE l'euro coi GUAI italiani
SIAMO NOI ITALIANI che dobbiamo fare pulizia in casa nostra. Europa unita.

Mauro Mag Commentatore certificato 16.01.15 14:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Napolitano è felice di tornare a casa? Noi più di lui!

Giorgio Napolitano dice di essere felice di tornare a casa. Ma quegli italiani che campano a stento di stipendio e sono spremuti fino all’ultimo centesimo dal fisco sono più felici di lui, anche se la speranza di trovare un Presidente della Repubblica in grado di cambiare per davvero la rotta di un Paese, ormai allo sfascio, puntando alla giustizia e all’equità sociale, sarà difficile da realizzare! Napolitano lascia e se ne va, ma comunque resta "il Presidente dei record": record di permanenza al Quirinale, record del debito pubblico, record di disoccupati, record della corruzione, record di impoverimento di salari e pensioni, record dell’età pensionabile, record di presidenti del consiglio nominati senza sciogliere le camere.
E poi la ciliegina sulla torta della sua presidenza: "i super stipendi degli impiegati del Quirinale" che a parità di requisiti percepiscono uno stipendio dieci volte superiore a quello di un loro pari grado che presta servizio al catasto. Da un ex comunista, per dirla tutta, ci si aspettava un qualcosina di più! Addio Giorgio, con l'augurio di poter ancora gravare sulle spalle di operai e impiegati per altri cento anni, grazie al tuo ricco vitalizio di 15mila euro al mese, ad un'autista personale a disposizione per te e anche per la tua famiglia, ad un addetto "alla tua persona" (una sorta di maggiordomo) e a tanti altri servizi che ti garantiranno un sereno "dopo lavoro". Un particolare ringraziamento ti giunga, infine, da tutti quegli italiani onesti e per bene che campano di stipendio e di pensione. Grazie per tutto ciò che potevi fare e che non hai fatto, per il bene del popolo italiano.

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 16.01.15 14:44| 
 |
Rispondi al commento

E' normale che cercano di farti vedere l'uscita dell'euro una catastrofe, ma sono contento che questa cosa viene smentita anche da un agenzia di rating. Per cui per una volta cerchiamo di avere coraggio e prendere una decisione di buon senso!

Diego Cappuccini, Marino Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.01.15 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Grillo con tutti i suoi soldi in Costarica e in svizzera è la voce più affidabile per illustrare i benefici dell'uscita dall'euro...

Isa Barzizza 16.01.15 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL POPOLO SOVRANO SI AUTOCANDIDA AL QUIRINALE!!

di il popolo sovrano. Impazza il "toto-presidente". Si fanno e non si fanno "nomi" per paura di bruciare il candidato alla "poltronissima" d'Italia. Ma poi al popolo italiano cosa gliene viene dal Quirinale? Il Capo dello Stato dovrebbe essere il garante della Costituzione e il Presidente di tutti gli italiani. Ma fino ad oggi quale Presidente della Repubblica ha garantito giustizia, uguaglianza ed equità sociale? Chi al Quirinale ha garantito il diritto alla casa, alla famiglia, alla salute e al lavoro? Quale Presidente della Repubblica ha saputo e voluto dare dignità al lavoro e ai lavoratori con retribuzioni adeguate al costo della vita e direttamente proporzionate al suo "presidenziale vitalizio"? Al Nazzareno Renzi e Berlusconi hanno stretto un patto. Entrambi vogliono un Presidente di garanzia, a "loro garanzia": l'uno per restare a Palazzo Chigi fino al 2018 senza passare per le urne, l'altro per salvare le aziende di famiglia. Ma, alla fine dei loro giochi, chi sarà a salire sul Colle più alto di Roma? Avendo tutti i requisiti previsti dall’Articolo 84 della Costituzione, comunico ufficialmente la mia candidatura a Presidente della Repubblica Italiana. Il mio primo provvedimento? Mettere 800 euro in busta paga a tutti i lavoratori dipendenti, perchè tanto gli è costato il passaggio dalla lira all’euro, e tumulare una volta per tutte "la fornero" per consentire ai giovani disoccupati di entrare nel mondo del lavoro e agli occupati più anziani di uscirne prima di passare all'altro mondo!

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 16.01.15 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Dal numero di commenti dobbiamo purtroppo prendere atto che si è spento l'entusiasmo dei grillini: peccato, era bello vedere sotto i posto migliaia di commenti di gente che aveva voglia di partecipare...

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 16.01.15 14:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli incapaci che governano l'Europa nel loro delirio di onnipotenza non vogliono ammettere che la moneta euro è la cagata del secolo. Li farei ricredere a furia di mazzate.
Infine se i cinquestelle votano per Prodi (mortadella deambulante) non voterò mai più M5s.

Giuseppe Paradiso 16.01.15 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pezzo grandioso!!!!!!! DITELE IN TV NON LIMITATEVI AL REDDITO MINIMO o non vi votano!
A Milano alla 3 giorni del Festival Futuro DIRO' PROPRIO QUESTE COSE!!! Io faccio da relatore il 30 ore 17.30 tra gli altri relatori ci sono Di Battista, Fusaro, Galloni, Lidia Undiemi ecc
ASCOLTATEMI:
-Investimenti in natura, cultura, ricerca, tecnologia, energia, sicurezza(territorio, beni culturali, persone).
-Piano industriale: Coibentazione, ristrutturazione preesistente.
-Controllo dei capitali.


Tsipras però ha già detto che rispetterà pareggio di bilancio...si èvenduto.

Marco Orso Giannini 16.01.15 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono troppi post sull'uscita dall'euro...in contrapposizione con le maggioranze mediatiche che
la contraddicono!
Un'impresa ardua e con poche speranze che il m5s
e lega e le pen ci riescano veramente!
La gente è scettica ed ha timori di vario genere!
Io non insisterei (per ora) sull'uscita dall'euro, non so se ci porterà più voti o meno...è un argomento da accantonare per il momento!
Quello che manca è la partecipazione televisiva atutto campo.
devo vedere prersino li ex grillini che partecipano e noi ci facciamo impallinare in diretta senza contradditorio !
con di battista da vespa senza pubblico...insomma,
ci andiamo o no in questa cavolo di tv. ??????

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.01.15 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se lo dice Moody's...
Completate voi.

Maurizio Pistone, Castelnuovo don Bosco (AT) Commentatore certificato 16.01.15 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Se Mortadella diventa Presidente della Repubblica, chiedo asilo alla Svizzera per collusione di tutti i partiti politici italiani che non rappresentano i suoi cittadini. Sarebbe un colto di stato legalizzato.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 16.01.15 13:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi in ritardo da Schulz per scattarsi i selfie

Che gaffe per il premier italiano a Strasburgo: prima arriva tardi, poi è sempre col telefono in mano

Martin Schulz lo aspetta al Parlamento Europeo, Matteo Renzi prima arriva in ritardo, poi lo abbandona per salutare un gruppo di italiani con i quali si scatta qualche "selfie" e fa il suo solito show, infine in conferenza stampa si mette a smanettare incessantemente con lo smartphone senza ascoltare una parola di quello che il presidente stava dicendo.

Un'immagine che fa decisamente poco onore al nostro Paese, visto che la trasmissione francese "Le Petit Journal" che ha mandato in onda il filmato conclude con "Ah, l'Italie...". Un "siparietto" viene definito oggi quello di Renzi. Ma quando nel 2009, al vertice Nato, fu Silvio Berlusconi a far attendere Angela Merkel per ben più importanti motivi (l'allora premier italiano era impegnato in una telefonata con il primo ministro turco Tayyip Erdogan per convincerlo a sbloccare l'impasse sulla nomina del nuovo segretario Nato), i media italiani sollevarono un polverone e non persero l'occasione per attaccare il Cavaliere.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 16.01.15 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Si parla nel post di uscire dall' €.
Chi parla? La Moody's, che è non parla per il popolo greco, ma per degli investitori.
Lo so anch'io che se la Grecia esce dall'€ le persone ricche, greche o straniere, compreranno gli assets rimanenti ( industrie, che in Grecia non ci sono, isole, barche e flotte, olivi e capre ecc.).
Chi ci rimetterebbe? La gente già stremata.
Facciamo fare il test alla Grecia, se vuole.

Paolo TV

PaoloR Z. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.01.15 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Credo comunque che ogni paese abbia diritto a battersi la propria moneta.
Perchè la quantità di moneta deve essere in rapporto alle proprie necessità economiche.
Sono convinto che avere una moneta unica comporta sacrifici decisi da altri sia nelle strategie economiche,piani economici(BCC).
Inoltre bisogna considerare che ogni paese dell'UE concorre alle spese di sovrastrutture europee.
Infine l'autonomia nazionale è il motore di tutto.
Padroni a casa propria.
L'UE è solo una unione finanziaria e non una comunità.
Pertanto la Grecia ha tutto l'interesse di uscire dall'UE prima che il cappio si stringa definitivamente al collo dei suoi cittadini.

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.01.15 13:44| 
 |
Rispondi al commento

non sono contrario all'europa, ma a quest'europa unita solo dalla moneta ed in mano alle banche ed alle multinazionali. L'Europa o fa un passo avanti o è meglio tornare indietro. Occorre una vera banca centrale che ci liberi dalla dittatura delle banche private, una vera politica economica estera comunitaria che promuovi il prodotto europeo e ci liberi dalle produzioni extracomunitarie che entrano tramite le multinazionali che delocalizzano. Occorre una polizia comunitaria ed una magistratura se non comunitaria che collabori per liberarci dalla criminalità organizzata, dalla corruzione, dai corruttori e dagli incapaci che sprecano il denaro pubblico. Occorre inoltre, secondo me, che uomini politici esteri possano candidarsi anche in Italia, per liberarci dai soliti corrotti ed incapaci. Occorre una politica fiscale e del debito pubblico comunitaria ed un aiuto per promuovere il regime di concorrenza economica dando spazio alle piccole e medie imprese consentendo loro di crescere quando tutte le agevolazioni fiscali, di contributi pubblici e di finanziamenti bancari controllati dalle lobbies sono appannaggio esclusivo di lobbies e caste varie. Occorre un controllo stretto sulle imprese in regime di monopolio o quasi monopolio e di servizi indispensabili come luce, acqua, gas, rifiuti, banche, autostrade ecc. ecc. affinché il privato non paghi il frutto di intese criminali. Occorre un controllo europeo della spesa pubblica e di tutto ciò che gravita attorno al pubblico, comprese partecipate affinché la politica e l'apparato pubblico sia bonificato dal malaffare. Solo questa Europa ci può dare un futuro. E poi occorre una seconda lingua studiata da tutti dalle elementari come potrebbe essere l'inglese e che sia una lingua di unione.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 16.01.15 13:44| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
---------------PER QUALCHE $$$ IN PIU'-------------

IL FATTOQUOTIDIANO.IT (come La Repubblica od il Corriere):

titolo: M5S, GAFFE IN AULA. "TACCIO, BOSCHI AL TELEFONO". LEI: "E' P. CHIGI, LIBERE GRETA E VANESSA"

l'articolo: "FIGURACCIA ALLA CAMERA PER LA GRILLINA FABIANA DADONE, CHE SI IRRITA ED INTERROMPE IL SUO INTERVENTO A CAUSA DELLA TELEFONATA ALLA QUALE RISPONDE IL MINISTRO PER LE RIFORME MARIA ELENA BOSCHI: "NON CI ASCOLTA". IL COLLEGA RICCARDO FRACCARO..(omissis). ESORTATA DALLA PRESIDENZA A CONCLUDERE COMUNQUE IL SUO INTERVENTO, LA DADONE INSISTE...CHIUDE IL MICROFONO E RIPRENDE POSTO TRA LE PROTESTE DEI COLLEGHI M5S. NEMMENO IL TEMPO DI DARE LA PAROLA A UN ALTRO DEPUTATO E IL MINISTRO BOSCHI CHIEDE LA PAROLA. "SCUSATE".."AL TELEFONO ERA PALAZZO CHIGI, CREDO SIATE TUTTI CONTENTI...(omissis). L'AULA SI UNISCE IN UN APPLAUSO LIBERATORIO"

Questo ha pubblicato IL FATTOQUOTIDIANO.IT
(l'articolo, come spesso capita non è firmato)

allora, COMMENTIAMOLO QUEST'ARTICOLO:

questo quotidiano ha, come spesso capita, titolato vergognosamente un ALTRO articolo in puro stile de benedettiano.

Qualsiasi persona intellettualmente onesta può facilmente riscontrare CHE NON C'è stata nessuna GAFFE DELLA RELATRICE DEL M5S bensì LA SOLITA MALEDUCAZIONE di UN RAPPRESENTANTE DI QUESTO GOVERNO (e della Boldrini)che,di fronte ad una importante comunicazione, AVREBBE egli DOVUTO semplicemente CHIEDERE ALLA RELATRICE UNA BREVE PAUSA nell'intervento (a dimostrare UN MINIMO DI RISPETTO al LAVORO DEGLI ALTRI).

Quale sarebbe la nostra reazione se, mentre gli state parlando, IL VOSTRO INTERLOCUTORE, senza interromperci per scusarsi, PRENDE IL TELEFONO E SI METTE A COLLOQUIARE CON QUALCUN ALTRO?

TRA I DUE,CHI SAREBBE IL MALEDUCATO?

Il titolo corretto: DURANTE I LAVORI DELLA CAMERA LA BOSCHI DA' NOTIZIA DELL'AVVENUTO RILASCIO.

MA AL FATTOQUOTIDIANO.IT.SPA SERVE ALTRO: SENZA QUEL LORO TITOLO e QUELL'ARTICOLO sarebbe mancato l'assist ai trolli ed i relativi interventi($$$).

O NO?

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.01.15 13:43| 
 |
Rispondi al commento

"Il riuscire a proseguire tenendo come punto fermo il pareggio di bilancio è un punto nodale della nostra strategia, perché ci dà la possibilità di trattare da una posizione di forza. Ma il pareggio di bilancio non significa dover ricorrere all'austerità. La grande sfida è realizzarlo nei fatti. E a questa sfida noi siamo pronti a rispondere. Sappiamo che i mercati non si batteranno a nostro favore, e che c’è la possibilità che nel periodo iniziale mostrino aggressività. Ma la cosa non ci incute nessun tipo di timore. I mercati ti concedono prestiti a tassi tanto più alti, quanto più hai bisogno di soldi. La risposta a tutto ciò si trova nei bilanci in pareggio, così da limitare fortemente i bisogni di prestiti"

Di chi sono queste parole? Chi blatera della necessità di rispettare il mantra del pareggio di bilancio come punto fermo della sua politica economica? Sarà Monti? Sarà la Merkel? Sarà Draghi?

Invece no, chi parla di pareggio di bilancio come punto fermo è il pericoloso leader dell'estrema sinistra (????) greca ALEXIS TSIPRAS! Dopo il tour negli USA di un anno fa, sponsorizzato da Soros, per rassicurare i papaveri di Washington sul fatto che Syriza non ha alcuna intenzione di uscire dell'euro, ecco l'ennesimo bluff spacciato come "sinistra" che avrà l'unico scopo di catturare il malcontento dei greci nella solita finta opposizione alla Troika.

Questa la mia idea, poi sarò felice di sbagliarmi se il popolo greco riuscirà a risollevarsi uscendo dalla moneta unica, anche perché è l'unica via di salvezza. E' notizia di ieri che due banche greche hanno chiesto aiuto al fondo di emergenza europeo (ELA) per mancanza di liquidità, il campanello di allarme prima del fallimento. La Grecia non può restare nell'euro, è evidente, ma Tsipras non vuole uscirne, questa è un'evidente contraddizione che non si può fare a meno di rilevare

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.01.15 13:37| 
 |
Rispondi al commento

SIGNOR MORTADELLA LEI E' UN FENOMENO, UNA MENTE ECCELSA PER AVERCI CATAPULTATO IN EUROPA CON UN EURO CHE E' DAVVERO A FAVORE DEI POVERI CRISTI.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 16.01.15 13:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

" Fuggire dall'Euro non è una minaccia, ma una opportunità."

#fuoridalleuro

antonello c., pescara Commentatore certificato 16.01.15 13:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESITI PER LA FRIGNERO

Chiedo alla signora Frignero perché la mannaia lacrime e sangue della riforma delle pensioni non ha colpito le categorie sottoelencate, quella mannaia che l’ha fatta piangere in diretta da tanto era dispiaciuta:

-perché il poliziotto cinquantenne che abita nella mia strada che ha svolto sempre lavori “usuranti” in ufficio, è potuto andare in pensione dal 1° di gennaio?

-perché signora Frignero non ha esteso gli stessi principi ai parlamentari che sono dipendenti pubblici per eccellenza con privilegi così assurdi da suscitare il vomito, oltre al fatto che sono i più pagati del mondo?

-pensa che, ad esempio, l’onorevole Razzi abbia più diritto del signor Mario Rossi operaio metalmeccanico che andrà in pensione, se ci arriva, quando ha un piede nella tomba?

-è convinta signora Frignero di aver partorito una bella riforma?

E SOPRATTUTTO HA LA COSCIENZA TRANQUILLA? QUANDO SI GUARDA ALLO SPECCHIIO SI PIACE? QUANDO ENTRA IN CHIESA SI SENTE IN PACE CON SE’ STESSA? QUANDO LEGGE DI UN DISPERATO CHE SI UCCIDE E’ TRANQUILLA CREDENDO DI AVER DATO UN CONTRIBUTO AL MONEO DEL LAVORO? QUANDO PERCEPISCE TUTTI QUEI SOLDONI PENSA DI MERITARLI?

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 16.01.15 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Ci voglion far credere che per le rapite in Siria,
non sia stato pagato un riscatto.
Anni fa, quando i rapitori erano specialmente sardi o calabresi, il riscatto era a carico della famiglia; si parlava di un miliardo di lire quando il riscatto era alto.
Adesso paga lo stato, 24 miliardi di lire, per delle ragazzine che avevano voglia di farsi una esperienza estrema.
Perchè non si fa come i rapiti degli anni '80, '90, dove pagava il privato, e al massimo interveniva la forza pubblica, con esiti, purtroppo, anche nefasti per il rapito.
Chi ci dice che qualcuno non rapisca un connazionale in Italia, e dica che è un rapimento internazionale, e lo stato deve pagare?
E dopo saranno 2, 4, 8, 16, 32, 64, 128, 256, 512.. rapimenti
Paolo TV

PaoloR Z. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.01.15 13:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non desidero tornare alla Lira o al doblone o alla ghinea... comunque si chiami
No la carta straccia non ci aiuterebbe -
Si mi piacerebbe l'Europa più unita
Si all'EURO moneta unica Si al libero scambio.
Si In galera i LADRONI!

Mauro Mag Commentatore certificato 16.01.15 13:25| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
------------PER QUALCHE $$$ IN PIU'-----------

IL FATTOQUOTIDIANO.IT (in pratica come La Repubblica od il Corriere) TITOLA:

>

E POI CONTINUA:

>

allora, COMMENTIAMOLO QUEST'ARTICOLO:

questo quotidiano ha, come spesso capita, titolato vergognosamente un ALTRO articolo in puro stile de benedettiano.

Qualsiasi persona intellettualmente onesta può facilmente riscontrare CHE NON C'è stata nessuna GAFFE DELLA RELATRICE DEL M5S bensì LA SOLITA MALEDUCAZIONE di UN RAPPRESENTANTE DI QUESTO GOVERNO (e della Boldrini)che,di fronte ad una importante comunicazione, AVREBBE egli DOVUTO semplicemente CHIEDERE ALLA RELATRICE UNA BREVE PAUSA nell'intervento (a dimostrare UN MINIMO DI RISPETTO al LAVORO DEGLI ALTRI).

Quale sarebbe la nostra reazione se, mentre gli state parlando, IL VOSTRO INTERLOCUTORE, senza interromperci per scusarsi, PRENDE IL TELEFONO E SI METTE A COLLOQUIARE CON QUALCUN ALTRO?

TRA I DUE, CHI SAREBBE IL MALEDUCATO?

Il titolo corretto: DURANTE I LAVORI DELLA CAMERA LA BOSCHI DA' NOTIZIA DELL'AVVENUTO RILASCIO.

MA AL FATTOQUOTIDIANO.IT.SPA SERVE ALTRO: SENZA QUEL LORO TITOLO sarebbe mancato l'assist ai trolli ed i relativi interventi ($$$).

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.01.15 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per fare tutto questo ci vuole la volontà politica.
Sperare che la volontà politica nasca da coloro che ci hanno ridotto in mutande votandosi all'euro è una vana speranza.
Di conseguenza bisogna essere al governo del paese. L'Italia potrebbe essere già morta prima che il M5S riesca a governarla. Chi è al potere ha una strada spianata per manipolare l'opinione pubblica in favore dell'euro.

Luca Veronese 16.01.15 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Ora siamo al delirio:"un Paese con la sua moneta può trasformare il debito in ricchezza dei suoi cittadini". Non ricordate che con la lira il debito aumentava eccome!
Il problema numero 1 sono i LADRI! Leggi immediate (in attesa del referendum, che con passerò mai per il quorum) contro EVASIONE e CORRUZIONE (sento poco parlare di lotta a l'evasione TUTTA).

bulba p. Commentatore certificato 16.01.15 13:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno Blog!!!




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori