Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

7 proposte per una #Scuola5Stelle

  • 28

New Twitter Gallery

soluzioniiscuola.jpg

"Il M5S ha incontrato cittadini, insegnanti, studenti, operatori della scuola. E da questi incontri sono nate le nostre 7 Soluzioni per la Scuola: 7 proposte che rimettono in piedi da subito la scuola italiana, rispondono ai problemi più pressanti e rilanciano l’istruzione pubblica. Perché la #Scuola5Stelle non si fa tagliando e smantellando come vuole Renzi, ma con interventi di buon senso. Questi:
- Piano edilizio per scuole sicure
- 300 mila precari assunti
- Più finanziamenti alle scuole pubbliche
- No alle classi pollaio
- Ebook gratuiti
- Stop finanziamenti paritarie e no diplomifici
- Scuola sana, sport e cibo bio
Presentiamo i 7 punti durante una conferenza stampa alle 12 cui parteciperanno i capigruppo M5S Fabiana Dadone e Andrea Cioffi e i deputati Silvia Chimienti e Gianluca Vacca. Segui la diretta." M5S Parlamento

27 Feb 2015, 11:07 | Scrivi | Commenti (28) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 28


Tags: insegnanti, istruzione, M5S, Scuola, scuola 5 stelle, scuola italiana, scuola privata, scuola pubblica, studenti

Commenti

 

Desidero comunicare il lancio di una petizione da parte di una rete di scuole, Torino ReteLibri denominata "Per leggere e fare ricerca nelle scuole italiane come in Europa".
Il link per accedere alla petizione é
www.torinoretelibri.it
Abbiamo bisogno di più condivisioni e adesioni rispetto a quelle che siamo riusciti a raggiungere in quanto stiamo organizzando un evento all'interno del salone del libro di Torino dove ci auguriamo di consegnarla direttamente ai destinatari.
Ringraziamo tutti quelli che vorranno firmarla in difesa della scuola pubblica.
L'insegnante
Francesca

Francesca Pia Papi 08.03.15 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Nel 2018 vinceremo e cambieremo l'italia

Forza M5S

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 01.03.15 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abbiamo proposto il seguente PROGETTO all'ISISS di Porcari:

“Oltre le competenze ci sono le Persone.
Di quali Persone ha bisogno il nostro Pianeta?”

Non solo svolgere un compito, ma anche esprimere un pensiero corrispondente al risultato che vorremmo ottenere. Dunque le conseguenze e gli effetti saranno diversi se operiamo solo per interesse personale o per il beneficio dell'umanità.

Partiamo da una prima analisi degli attuali risultati mondiali e delle conseguenze che un esasperato consumismo ed una folle ricerca della ricchezza hanno provocato.

Il ruolo dell'educazione integrata nell'istruzione.
Identificazione delle caratteristiche di ogni singolo che possano essere adatte a progetti, opere, arti, mestieri...... dove il fine ultimo sia il benessere di tutti.

Questa è solo una breve sintesi dell'intero progetto che vuole principalmente mettere alla luce quello che di buono ogni fanciullo può esprimere.

Ogni tipo di scuola ha come fine ultimo e fondamentale la formazione dell’uomo e del cittadino.

Mariano Antoni (mamo-org), Lucca Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 28.02.15 12:06| 
 |
Rispondi al commento

però, non bisogna fare solo proclami che sfondano porte aperte! non un accenno al reperimento del danaro necessario per tutte queste belle iniziative. occorre tenere i piedi per terra per non farci ridere dietro e proporre cose fattibili e le fonti di finanziamento per realizzarle.
non una parola sugli sprechi che pure nella scuola ci sono, come in tutte le cose italiane.

domenico santacroce, napoli Commentatore certificato 28.02.15 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti,
ma perché nessuno parla di tutti coloro che nella scuola hanno preso il ruolo anche con soli 10 o 20 o 50 punti con l'ormai famosa 104, mentre ci sono precari che onestamente hanno guadagnato 200 punti facendo 16 anni di precariato onestamente in giro per l'Italia? Partiamo da ciò, facciamo rimbombare questa bomba delle 104!

Mariarita Lucchina 28.02.15 10:31| 
 |
Rispondi al commento

A me il sistema pedagogico pubblico non va. È quanto di meno adatto ci possa essere per una crescita sana dell'individuo, della sua autonomia di pensiero e libera creatività: propone il nozioni so più bieco e fa confusione tra obiettivi e strumenti, adagiata sulle spinte del marketing finalizzate ad avere nativi digitali lobotomizzati. Per questo per i miei figli ho scelto, a spese mie, una scuola paritaria non confessionale che adotta una pedagogia migliore di quella imposta dai burocrati del Miur. Concordo su sei punti su sette del programma. Se non si vuole più finanziare la scuola paritaria trovo giusto che mi venga restituita la quota di tasse che pago per il sistema pubblico per poterla investire su di un progetto culturale che ritengo molto più valido di quello imposto da burocrati incolti.

Corrado Ballarini 28.02.15 10:20| 
 |
Rispondi al commento

N°8) Assumere più collaboratori scolastici( ex bidelli)trovando una soluzione per far sì che nella Scuola dell'Infanzia e Primaria ci fossero più figure femminili che maschili.E' una delle priorità che non vengono valutate purtroppo da chi non vive la Scuola!!Grazie!

maria laura celli 28.02.15 07:36| 
 |
Rispondi al commento

Sono un docente di sostegno, ringrazio il M5S e l'on Sibilia per l'attenzione con cui seguono le nostre difficoltá.

Generoso Maraia 28.02.15 00:50| 
 |
Rispondi al commento

SCENDIAMO IN PIAZZA PACIFICAMENTE
MA FERMAMENTE E UNITI,
OCCUPIAMO LE STRADE,
AFFIANCHIAMO I NOSTRI PARLAMENTARI M5S!
DA SOLI NON POSSONO VINCERE!

Se ci sono i delinquenti al governo non possiamo aspettarci nessun cambiamento positivo!
Siamo in pochi con troppi disonesti e troppi ignavi!
Siamo troppo pochi anche nel Parlamento!

Un punto alla volta stanno vincendo loro.

Stanno smantellando tutto a suon di mosse anti-costituzionali e noi siamo costretti a seguire le regole e, in pratica, non possiamo combatterli.

SCENDIAMO IN PIAZZA, CAZZO!
SIAMO UN PAESE DI SCHETTINI??
PRESTO, VI PREGO, prima che dell'Italia resti solo il peggio
ovvero CODARDI E PREPOTENTI!

Nico D. Commentatore certificato 27.02.15 21:16| 
 |
Rispondi al commento

dobbiamo risparmiare per investire e tagliere le spese eccessive o superflue.

Innanzitutto togliere ai politici la possibilità di ingerire così pesantemente nel settore del credito e della grande imprenditoria tanto da eliminare di fatto la concorrenza sui grandi gruppi impedendo alle piccole e medie aziende di crescere e farsi strada. Le lobbies godono di aiuti di ogni tipo che ripagano con finanziamenti ai partiti, consulenze ed incarichi ai politici, amici e parenti e quindi occorre trovare il sistema giuridico per rompere il cordone ombelicale.

Poi non è tollerabile un vitalizio solo per aver passato 18 mesi in parlamento che diventano anche più di uno se sei stato parlamentare di Regione, Provincia o del Parlamento Europeo scoprendo che se in 10 anni, come è successo, collezioni tutto questo, ti cucchi tre, quattro vitalizi oltre le pensioni regolari se sei stato un altro funzionario dello stato o di partito o del sindacato. Praticamente vai a fare la vita da miliardario a spese di un paese di morti di fame quando un commerciante dopo 40 anni di contributi e di lavoro arriva a malapena a 1500 euro al mese. Non è possibile che questa gente possa votarsi da sola stipendi e benefit senza alcun controllo. E' come chiedere ad una qualsiasi persona di darsi lo stipendio che vuole tanto ci pensa la collettività a pagare senza possibilità di dire nulla. QUESTO NON E' IL CONCETTO DI RAPPRESENTANZA DEI CITTADINI DA PARTE DEI POLITICI PERCHE' QUANDO FANNO CERTE LEGGI RAPPRESENTANO SOLO SE STESSI O AL MASSIMO LE LOBBIES CHE PAGANO LE LORO TANGENTI. BISOGNA RIPARTIRE DALLA LEGALITA' E REGOLARE COSTITUZIONALMENTE OGNI ATTO DEL PARLAMENTO, OGNI DETERMINAZIONE SPECIE QUELLE IN CUI CI SIA UN APERTO CONFLITTO DI INTERESSI COME LORO STIPENDIO, IL LORO BENEFIT CHE TRA L'ALTRO NON CREDO CHE SIA POSSIBILE OLTRE CERTI LIMITI DARSI CERTI STIPENDI E BENEFIT RISPETTO AI PRINCIPI COSTITUZIONALI, DEL MERITO, DEL CONFLITTO, CHE CORTE DEI CONTI E CORTE COSTITUZIONALE DEVONO VALUTARE

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 27.02.15 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Basta zavorre sulle spalle dei bambini e ragazzi.
Armadietti per tonnellate di carta e web.
Basta aule tradizionali.
Apparecchiamo tavole rotonde e dispensiamo il sapere.
Basta con orari assurdi.
I ragazzi cominciano alle 9/10.
Alla 4/5 ora la parabola dell'attenzione cala.
ECCETERA ECCETERA

maurizio p. Commentatore certificato 27.02.15 14:20| 
 |
Rispondi al commento

IL BELLO DEL MOVIMENTO 5 STELLE E' CHE E' PRESENTE NEL NOSTRO TERRITORIO E VA' AD ASCOLTARE LA GENTE,IN QUESTO CASO CHI LAVORA A SCUOLA PER POI PORTARE MISURE CONCRETE NELLE ISTITUZIONI

alvise fossa 27.02.15 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Una definizione sociologica di "esclusione sociale" è quella di:

processo di progressiva rottura sociale, che causa il distacco di gruppi e individui dalle relazioni sociali e dalle istituzioni, impedendo la piena partecipazione alle comuni e normativamente prescritte attività della società in cui vivono

antonello c., pescara Commentatore certificato 27.02.15 13:41| 
 |
Rispondi al commento

E'un buon inizio!

Per migliorare la scuola bisogna in primo lungo investire molto di più' nella scuola!!!!! Il nostro futuro!

Con più' soldi si potrebbero avere classi con non più' di 20 alunni. Solo con classi piccole si può' pensare a una didattica individualizzata e piegata (veramente) anche verso coloro che hanno difficoltà' di apprendimento.

Le scuole vanno ristrutturate resi decenti e sicure!! Dotate di spazi adeguati per i ragazzi ma anche per gli insegnanti che possano avere una loro postazione per organizzare e programmare la loro attività' didattica!
Gli insegnati italiani sono tra i meno pagati in Europa......mai valorizzati!

Un punto non toccato e' la formazione degli insegnanti!! E' un punto molto importante ma se lo si continua ad affrontare come negli ultimi anni e' una tragedia.
L'incompetenza e la disorganizzazione con cui e' stato organizzato e gestito l'ultimo TFA e' scandalosa!!! Dentro il MIUR riescono con difficoltà' a gestire e rispettare bandi e scadenze!!! (vedi anche progetti SIR).......si può' sapere chi guida questa nave alla deriva che vorrebbe fare una Buona Scuola?????????

NB. L' e-book vanno bene ma non facciamo perdere ai bambini e ragazzi in formazione la loro manualità!!!!!!!!!! La manualità', cioè' manipolare oggetti e materiali, sviluppa intelligenza e creatività' che sono alla base anche per utilizzare i sistemi informatici nelle loro complete potenzialità!

Beatrice Rossi 27.02.15 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono una docente ed insegno nella scuola da ormai 33 anni.La scuola italiana é vecchia :
1. Strutture fatiscenti;
2. Pochi impiegati e bidelli , noi insegnanti dobbiamo sopperire a questo molte volte.
3. Non arrivano soldi per comprare , non dico carta igienica, sapone che sembrano un bene prezioso. Ma STRUMENTAZIONI, MATERIALE DIDATTICO. Può essere che il pomeriggio di ogni giorno lo dedico all'organizzazione delle lezioni successive, tutto é affidato alla buona volontà????
4. Lo stipendio é bassissimo e poi basta con l'idea che noi nn facciamo.niente !! Noi lavoriamo più di 8 ore al giorno !!! Correzioni, preparazione dei compiti, ripasso delle lezioni, incontri con le famiglie,aggiornamenti vari, consigli di classe, riunioni di dipartimento,collegi docenti, gite scolastiche ( che non sono un divertimento ma un impegno doppio ed altamente responsabile.
5.Adattamento continuo a situazioni precarie e variabili..

Speravo tanto in voi....

Teresa Autiero 27.02.15 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condivido in pieno quello che si è detto. La scuola e la sicurezza dei bambini devono avere la priorità.

Daniela De Angelis 27.02.15 13:02| 
 |
Rispondi al commento

E nel frattempo Matteo scrive cento volte sulla lavagna: ”Ascolterò il concerto dei ragazzini sempre, non solo quando cantano le canzoncine per me”.

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 27.02.15 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo fare e dire di più sulla scuola. E' tutto il sistema che non regge più, incapace di trasmettere il passato, essere utile per il presente, costruire il futuro.
Diamoci una mossa!!!

Gianni Malgeri, Rende Commentatore certificato 27.02.15 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Prima di dire "Stop finanziamenti paritarie" bisogna sapere che queste scuole forniscono un servizio elevato alla società, in veneto sono circa il 70%. Prima di eliminare i finanziamenti alle paritarie è necessario mettere a posto la scuola pubblica.

***** Stefano Pedrollo, Arcole (VR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 27.02.15 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il video delle statue del museo di Mosca, se ci fate caso si vede un fil di ferro spuntare, sono dei calchi le vere statue le hanno vendute per comprare le armi!

Andrea x 27.02.15 11:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, il problema non e' il cibo BIO, il piano di edilizia scolastica che c'e' già'. Il problema vero e' di far funzionare bene la scuola, i controlli sulle opere scolastiche e sulla manutenzione. Non occorre andare molto lontano. Basta guardare in Europa attorno a noi, in Francia, Germania ma pure la Spagna gestisce amministrativamente meglio la scuola di noi. Non facciamo per favore solo propaganda! Cosi' non si va da nessuna parte! E poi rifletti ... Devi cacciare quell'incapace di Casaleggio!

Franco, Verona 27.02.15 11:53| 
 |
Rispondi al commento

per quanto riguarda l'argomento sicurezza delle strutture scolastiche , come già segnalati nei giorni passati sul Blog :

visti i recenti incidenti nelle scuole pubbliche in Abruzzo ..

sarà uno degli argomenti per i quali noi iscritti abbiamo bisogno di incontrarvi .. e presto , grazie .

antonello c., pescara Commentatore certificato 27.02.15 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Ma che riforma è??????Le solite cose che dicono tutti....eccetto la sciocchezza del cibo biologico, in questo caso non avete eguali.
E' necessario invece ristrutturare l'intera impalcatura del sistema pedagogico dell'istruzione,adeguandola ai più avanzati standard europei e internazionali .L'struzione deve essere moderna, pragmatica e sperimentale.
Vedi Olanda, Danimarca, Inghilterra.In Italia un esame universitario si svolge in tre tappe: pre.test, test e esame finale, con il rischio alla fine di trovarsi il voto abbassato o addirittura di essere bocciato. Ma stiamo scherzando???????Solo in Italia succede così? La ragione?: semplice fare parcheggiare gli studenti all'università oltre a farli ammattire su chilometri di contenuti, mentre in Inghilterra e nel resto dell'Europa la teoria rappresenta solo il 40% della formazione, mentre il 60% è rappresentato dalla pratica, dai laboratori ed un esame si svolge in una sola seduta, e non diventa un " 3 esami in uno".
Un appello a Beppe Grillo a cui riconosco onestà e integrità intellettuale,qualità che non trovo in nessuno oggi:
Beppe seleziona una classe politica seria , preparata , affidabile moralmente e civilmente,
proponi da questa selezione un tuo governo, un tuo programma di governo realmente fattibile,ma lascia stare il web.......Qui si tratta di cose importanti e proprio nel rispetto della bontà dei tuoi principi ispiratori, hai l'obbligo verso tutti quelli che credono in te, di affidare i nostri destini a persone alle quali tu affideresti la vita dei tuoi figli....Modifica il ruolo del web in decisioni così importanti.....La selezione finale ti corre l'obbligo verso tutti noi di assumertela tu.
Fiduciosa in una tua valutazione di tale proposta mi auguro che presto tu possa offrirci una classe dirigente con compiti e ruoli precisi che possa essere per milioni di italiani truffati e sfruttati l'unica vera alternativa.

tina castaldo 27.02.15 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Nei 7 punti c'è persino il cibo bío ma non si parla di abbattere il sistema baronale nelle università! Andiamo bene!

Andrea Ratini 27.02.15 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Nello stesso post su faccialibro -->
ciao cara cittadina eletta Enza Blundo .. Vorrei chiederti , scusandomi per uscire fuori contesto , di poter partecipare ad un'incontro con te al senato come Meetup locale del .
Gruppo amici di Beppe Grillo Scafa...

Abbiamo bisogno di incontrarvi in Sede Istituzionale per poterci coordinare meglio TERRITORIO ABRUZZO - PORTAVOCE eletti ..
In attesa di una Tua comunicazione , ti mando i Nostri più cari Saluti

l'organizer meetup di Gruppo amici di Beppe Grillo Scafa

antonello c., pescara Commentatore certificato 27.02.15 11:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori