Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Croazia cancella il debito dei cittadini poveri

  • 12

New Twitter Gallery

debito_croazia.jpg

"In Croazia, da questa mattina, molti poveri non hanno più debiti. Lo ha deciso il governo, che ha siglato un accordo con banche, compagnie di finanziamenti e ha rinunciato in prima persona a crediti da lui stesso vantati verso persone in tale difficoltà da ritenere che comunque non sarebbero mai state in grado di restituire il dovuto. La misura è attiva da oggi, per coloro che vivono del welfare pubblico, ed è stata voluta il 15 gennaio scorso dal governo di orientamento a sinistra. In un Paese dal reddito medio di circa 750 euro al mese, apre le porte a cominciare dal 2 aprile anche ai cittadini facenti parte di un nucleo familiare con un reddito pro capite inferiore a 1.250 kune al mese (162 euro al cambio attuale), oppure ai cittadini 'single' con reddito fino a 2.500 kune (330 euro). Per accedere bisogna poi avere a carico un affitto e non essere in grado di onorare impegni di spesa sottoscritti in passato: si potrà beneficiare di un'amnistia fino a circa 4.500 euro di debito. Si calcola che la misura coinvolga fino a 60mila cittadini su una popolazione che supera di poco i 4 milioni. Una stima di Reuters dice che le perdite ammonteranno a 309 milioni di dollari. Il costo complessivo del progetto "Cancella il debito" si aggira sui 210milioni di kune, ossia 27milioni di euro per le casse del governo, ma stando alle stime dell'esecutivo dovrebbe portare benefici a breve e lungo termine sull'economia." leggi l'articolo completo

3 Feb 2015, 11:12 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 12


Tags: Croazia, debito cancellato, debito Croazia, euro, UE

Commenti

 

quando hai un debito che è impossibile estinguere .... finisce che smetti di rimborsare anche quel pochino che potresti .. per esempio se io ho 1 milione di euro di debito e guadagno 1000 euro al mese e magari potrei mettere da parte 50 euro pr pagare i debiti... poi dico ma con 50 euro non riuscirò mai a pagare 1 milione... dunque se non posso saldare il debito ... meglio che mi sputtano ache quei 50 euro che non cambia nulla....

In altre parole canchellare il debito non è un atto di bontà ma una manovra psicologica adottata lucidamente e cattivamente per tentare di recuperare il recuperabile!

bassibruno 05.02.15 01:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La dimostrazione che è possibile andare contro lo status quo, se si ha coraggio. Riprendiamoci il coraggio di andare oltre, restituiremo la dignità a molte persone, ci riprenderemo la nostra dignità ! Forza! Coraggio!

Marcello G., Milano Commentatore certificato 03.02.15 22:00| 
 |
Rispondi al commento

PER UNA VOLTA I CROATI SONO PIU' AVANTI DI NOI,BISOGNA AMMETTERLO,SONO PIU' AVANTI DI NOI

alvise fossa 03.02.15 17:01| 
 |
Rispondi al commento

La croazia è uscita dalla moneta comune (dinaro jugoslavo) e ora ha una sua moneta sovrana dal 1994, mentre noi sputavamo sangue per infilarci nell'eurotrappola.
Da allora ha avuto un incremento di pil molto alto fino al 2007 (anno della crisi finanziaria) e da allora stenta a riprendersi.
Ha sforato il limite del 3% deficit/pil infischiandosene beatamente dei dictat europei (ha problemi ben più gravi ai cui pensare).
Dal punto di vista della politica economica la Croazia è un paese di deficienti:
hanno una moneta sovrana e NON la vogliono svalutare ottenendo come risultato una recessione senza fine...
dal 2007 ad oggi il cambio è rimasto a 7,2 7,6 k/e.... cioè quasi un cambio fisso con l'euro che è una moneta "forte" e inadatta per un'economia che era in rapida crescita.
La mia impressione è che stiano commettendo (volutamente?) esattamente gli stessi errori dell'Italia in vista di un passaggio all'euro che se ci sarà aggraverà ulteriormente la loro condizione attuale.
Di fronte a un così grave errore (doloso?) di politica monetaria i soldi stanziati per i poveri appaiono come briciole insignificanti (assai distanti da un reddito di cittadinanza).

Il problema non è il debito ma investire nello sviluppo per garantire ai cittadini i mezzi per ripagare i propri debiti (gli investimenti sia pubblici che privati mancano).
L'ingresso in Ue può favorire il turismo ma rischia di desertificare l'economia locale che senza la protezione dei dazi non è ancora pronta ad affrontare la concorrenza.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.02.15 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe Grillo è con onore che ti scrivo, premetto che io non voglio regali da nessuno.
Ma pretendo da questo Governo che mi sia dato la possibilità di sopravvivere.Non è possibile che con 59 anni e 40 di contributi pagati lo Stato ti abbandoni, senza un reddito io muoio, e trascino con me la mia famiglia. Non vedo in tutto questo la ripresa di una Nazione, ma il terzo Mondo che avanza, la mia proposta è semplice e efficace. Se vengo accompagnato alla pensione potrei pagare delle rate come rimborso in base a quello che mi è stato finanziato e non ci sarebbe al momento nessuna Banca che potrebbe dare così alti interessi.Io sono un disoccupato ma non un vigliacco come questo Governo. Spero nel reddito di cittadinanza, e grazie per le emozioni che ricevo da tutti voi, vi voglio bene e spero in un futuro migliore un Grillino convinto.

Renzo Cafaggi 03.02.15 15:03| 
 |
Rispondi al commento

un'ottima idea da copiare e da aggiungere al reddito di cittadinanza, sottraendo gli inermi cittadini impoveriti da politiche che non mi sembra li considerino proprio per niente alle grinfie di strozzini, usurai, mafie di vario tipo!!! Beppe, parlane con Mattarella!!!

Michele Borrielli 03.02.15 13:02| 
 |
Rispondi al commento

salve beppe sono artigiano ma ormai sono costretto a chiudere la mia attività e quindi disoccupato con figlio a carico se hai bisogno sono disponibile per la tua causa e lotta contro questi magna magna che vedo stamattina a roma. ho molte idee per cambiare questo paese la più importante che lo stato diventi una azienda che investa sul lavoro. come una azienda privata. e hai ragione se non danno un reddito di cittadinanza ci saranno brutte conseguenze. sono a disposizione contattami e buona giornata.

Massimo Banfi 03.02.15 12:18| 
 |
Rispondi al commento

BRAVO BEPPE SEI L'unico A SCRIVERE COSE DEL GENERE MA CREDO CHE SIA TUTTO INUTILE CON NOI ITALIANI SENZA PATRIA SENZA SERIETA SENZA RIFLESSIONE CON SERIETA PER LE COSE CONCRETE IO SPERO CHE QUELLO SUGGERITO NON SIANO DIMENTICATE CON DEI POLITICI FAMELICI ITALIANI TUTTI ?????? in bocca al LUPO.

felice milo 03.02.15 11:47| 
 |
Rispondi al commento

''In un Paese dal reddito medio di circa 750 euro al mese''

Se non mi sbaglio Il sole 24 ore scrive cosi:
''Un giovane neolaureato peraltro mediamente precario se va bene oscilla tra gli 800 e i 1.000 euro mensili fino a trentacinque anni''.

Signori..
Ci hanno preso per i fondelli per anni dicendo che l'operaio in Italia cosa un sacco e guadagna troppo.
Siamo messi come (se non peggio) della Croazia.
Lo dobbiamo accettare.
Siamo un paese del terzo mondo.

franco ferrari 03.02.15 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solo noi continuiamo ad infierire "populisticamente" contro i cittadini allontanandoli volutamente dalle urne e bloccando da anni l'elemosina dell'assegno sociale e della pensione minima sotto alla soglia dei 500 euro. Vergogna !!!

rino lagomarino Commentatore certificato 03.02.15 11:22| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori