Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La dignità delle nazioni

  • 66

New Twitter Gallery

dign_naz.jpg

post di Vocidallestero

"Mentre si stanno svolgendo gli incontri tra la delegazione greca e l’euro-establishment, a prescindere da quale sarà l’esito finale, Jacques Sapir afferma che stiamo assistendo a una forte affermazione politica del sentimento nazionale contro il “comunitarismo” europeo, in cui la politica non trova espressione, ma solo l'economia. Avviene ora in Grecia, ma riguarda tutta l’Europa – e lo dimostra in Francia il successo del Front National, certamente per meriti suoi ma anche per l’incapacità dei suoi avversari di sinistra a rappresentare lo spirito nazionale.

di Jacques Sapir, 11 Feb 2015

"Mercoledì 11 febbraio la delegazione greca ha partecipato a un incontro con i ministri delle finanze della zona euro. Giovedi 12, sarà la volta dei capi di governo. Corrono voci su ciò che Atene potrebbe – o non potrebbe – accettare. Sappiamo che il ministro delle finanze tedesco ha detto che il programma esistente dovrebbe essere attuato, cosa che il nuovo governo greco rifiuta categoricamente. Indipendentemente dai risultati di questo negoziato, c’è una cosa che, ovviamente, non è stata presa in considerazione da nessuno dei leader europei, fanatici dell’austerità tedesca: è il ritorno del sentimento nazionale.
La lotta contro la troika come una lotta per l’indipendenza nazionale.
Lo si può constatatare in tutte le dichiarazioni fatte a partire dal 25 gennaio dai nuovi politici greci, e in particolare da Alexis Tsipras e dal suo ministro delle Finanze Yanis Varoufakis: la lotta contro la “troika”, questa miscela esplosiva di FMI, Banca centrale europea e Commissione europea, è vissuta come una lotta per l’indipendenza nazionale. La dichiarazione fatta da Yanis Varoufakis il 20 gennaio, prima delle elezioni, lo dimostra. Egli fa un chiaro confronto tra il rigetto dei piani di austerità imposti alla Grecia e quello che lui chiama “lo spirito del 28 ottobre”: “Il vero deficit della Grecia, è un deficit di dignità. È a causa di questa mancanza di dignità che abbiamo accettato delle misure stupide, e questo ha alimentato un circolo vizioso di indegnità che a sua volta provoca malcontento, paura e risentimento. Tutto questo non va bene. Dobbiamo recuperare la nostra dignità, lo spirito che il 28 Ottobre 1940 ci ha fatto dire “no” all’ultimatum dell’Italia di Mussolini. Neanche in quel momento avevamo nemmeno i mezzi per dire “no”, eppure l’abbiamo fatto.

Immaginate un ministro delle finanze francese che paragonasse la sua politica, se fosse in contrasto con la politica europea, all’appello del Generale De Gaulle del 18 giugno 1940. Perché è di questo che si tratta. Il governo greco aveva ricevuto un ultimatum dall’Italia di Mussolini. L’ha respinto e ha scelto, nonostante un rapporto di forze apparentemente molto sfavorevole, l’opzione della guerra. Di fatto, l’esercito greco respinse le truppe italiane fino al momento in cui intervenne la Germania nazista. Per i greci, il 28 ottobre è l’equivalente del nostro 18 giugno Questo è il livello di confronto a cui il governo greco sembra essere deciso. Ciò giustifica l’alleanza che SYRIZA ha stretto con il partito di destra “anti-memorandum” l’AN.EL (i “Greci Indipendenti”). Questo accordo non è una qualsiasi “alleanza rosso-bruna“, come ragliano Colombani e Béhachelle. Si tratta di un vero e proprio accordo patriottico al fine di unire le forze esistenti in una lotta per la dignità del popolo greco.

Il sentimento nazionale contro le “identità

Bisogna arrivare a comprendere che cosa si sta giocando in Grecia, ma anche in Francia e nel resto d’Europa: è la questione di ciò che rende “Nazione”, cioè una comunità di solidarietà esistente su un determinato territorio. Non è certo un caso che la questione sia stata posta in Grecia e per la Grecia. La storia qui ha lasciato il segno. La storia della Grecia antica, ripiegata sulle identità locali, Atene contro Sparta, Sparta contro Tebe, che finirà per perdere i migliori. L’idea di una nazione greca si afferma all’inizio del XIX secolo nell’Impero Ottomano, e sotto l’influenza degli ideali della Rivoluzione francese. Questa idea, che darà vita alla Grecia moderna, tenuta a battesimo dalla flotta russa, inglese e francese nella battaglia di Navarino, è una idea centrale. Essa incorpora la comprensione che essere un cittadino greco non è una questione di religione, lingua, o di appartenenza ad una comunità locale. E’ l’idea di un progetto condiviso entro i confini della Grecia. In questo senso, lo “spirito del 28 ottobre”, a cui si rifa – giustamente – Yanis Varoufakis, è l’esatto opposto di quei punti di vista identitari che risultano molto riduttivi. Essere greco, equivale ad affermare un’identità politica e non religiosa o etnica.

Il ritorno della politica

Questo non significa negare che, nelle sue applicazioni locali, l’identità politica possa combinarsi con delle appartenenze locali (si pensi allo spirito degli abitanti dell’arcipelago greco) come anche a delle appartenenze religiose. Ma queste appartenenze, che nella realtà sono molto diverse, si fondano su un’idea superiore: il fatto di essere greci. E questo è un esempio per tutti i paesi europei. Più o meno impegnati nel percorso di un crescente comunitarismo, si trovano di fronte a questa prospettiva: recuperare il senso della solidarietà territoriale e definire la loro identità soprattutto politica, o morire.

Da questo punto di vista, è evidente che la scelta delle autorità europee è quella del comunitarismo come comunità nazionale. L’incredibile dichiarazione di Jean-Claude Juncker di un paio di giorni fa, “non ci può essere scelta democratica contro i trattati europei“, ne è la prova. Questo significa che, per lui, le istituzioni europee sono superiori alla volontà democratica espressa dai popoli sovrani.

L’elezione di SYRIZA ad Atene è l’equivalente, ma anche il contrappeso, del dramma che abbiamo vissuto l’ultimo 7 e 9 gennaio a Parigi. Essa dimostra che è possibile, che è realistico, che è efficace, opporre le scelte sovrane del popolo ai deliri dei tecnocrati. Ma bisogna essere consapevoli del fatto che questo contrappeso implica uno scontro diretto e immediato con le forze che operano in direzione di una confisca della nostra sovranità. Perché questa confisca è oggi una realtà. Prende la forma dei vari trattati che ci legano all’Unione europea e che sottomettono la rappresentanza democratica a un potere non eletto. Questa confisca passa anche attraverso le imprese multinazionali, che impongono, con il tacito consenso dei nostri governi e delle istituzioni europee, delle regole che consentono loro di sancire il diritto. Questa è infatti la sfida dell’accordo di libero scambio proposto tra il Nord America e l’Unione europea, il Parternariato Trans-Atlantico per il Commercio e gli Investimenti, o TTIP Questa confisca impedisce al popolo, unico detentore della sovranità nazionale, di ricostruire lo stato e dotarsi delle istituzioni che si adattano alle sue necessità, vale a dire lo Stato, per porre rimedio ai suoi problemi.

Uno Shock Culturale

Di fronte a queste forze, di fronte alla logica della Commissione europea, l’elezione di SYRIZA ha prodotto l’effetto di uno shock culturale. Lo shock si è sentito nelle istituzioni della zona euro: è stato l’incontro tra (patetici) manager e persone impegnate in politica. Ma questo shock si fa sentire ben oltre. Esso riguarda anche noi francesi, molto direttamente. Dobbiamo tornare – ancora una volta – alle dichiarazioni di Yanis Varoufakis nella sua intervista del 20 gennaio a La Tribune: “In effetti, la Francia è in guerra con la Germania, e questo porta ad una vera e propria sottomissione della Francia, alla creazione di quella che io chiamo una “Vichy postmoderna’. E’ evidente nella politica dei governi di questi ultimi anni, sia sotto Nicolas Sarkozy che sotto Francois Hollande, come si sia costituita un’ideologia della rinuncia.

Questo ci porta oggi a interrogarci sulla strategia del Fronte della Sinistra in Francia. La disfatta, è bene chiamarla col suo nome, che ha subito nelle ultime elezioni europee è un segno della situazione di stallo strategico in cui è intrappolato. Questa disfatta, quella della sola vera sinistra di governo che noi abbiamo, lascia la sinistra orfana. Mentre in teoria tutto lasciava prevedere un importante successo, il Fronte della Sinistra non è stato in grado di approfittare della situazione e dei molteplici tradimenti dei cosiddetti “socialisti”. La causa è stata l’incapacità di collegare un discorso economico alla questione ormai centrale della sovranità nazionale. Il Fronte di sinistra non ha potuto né ha saputo rispondere a questa crisi profonda, perché il suo discorso è rimasto a livello degli effetti, non delle cause. E ha pagato un prezzo elevato in queste elezioni. Ben diverso il percorso intrapreso, almeno per ora, da SYRIZA, che assume chiaramente la difesa della sovranità.

Oggi viviamo un sentimento nazionale, non nazionalista. Questo sentimento è il prodotto delle forme stesse che ha assunto la “costruzione europea”. Questo sentimento lo viviamo a causa della reazione popolare alla confisca della sovranità. Questo è ciò che spiega la forte crescita del Front National alle ultime elezioni. Questo grande balzo in avanti è sufficiente per invalidare le analisi che lo confinano in una posizione “estrema”. E’ diventato parte centrale sia del gioco politico che del movimento delle idee. E questo lo deve tanto all’intelligenza dei suoi dirigenti, quanto alla stupidità dei suoi avversari."


Cerca il banchetto più vicino a te per firmare per la legge di iniziativa popolare che consentirà di indire il referendum per decidere sul futuro dell'euro. Clicca sulla mappa:
banchettieuro_d.jpg

Il tuo contributo per il referendum per consentire ai cittadini di scegliere attraverso un referendum se uscire o meno dall'euro è importante:
- organizza il tuo banchetto e segnalalo su questa mappa (che sarà in continuo aggiornamento)
- scarica, stampa e diffondi i volantini informativi (1. Motivi per uscire dall’euro 2. Domande Frequenti sull’euro)
- fai conoscere a tutti i tuoi contatti questo nuovo sito sul referendum http://www.beppegrillo.it/fuoridalleuro

14 Feb 2015, 13:00 | Scrivi | Commenti (66) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 66


Tags: comunitarismo, euro, europa, Francia, grecia, Jacques Sapir, Tsipras

Commenti

 

NON VIENE IL DUBBIO CHE LA C.C. ABBIA AGITO PER NON FARCI PIù VOTARE?

LOR SIGNORI FANNO PARTE DELLA CASTA PIù CASTA PERCHè DIFENDE A SUON DI SENTENZE LE CASTE.

Renè1 b., padova Commentatore certificato 15.02.15 13:57| 
 |
Rispondi al commento

PURTROPPO anche l'Italia ha un deficit di dignità. Enorme. La cosa peggiore e che la gente siano essi greci, spagnoli o anche italiani sembrano esserselo dimenticato. Sono succubi e a loro va bene così, a me no . Rivoglio l'Italia che alza la testa contro tutto e tutti e che è in grado di sognare, di fare davvero e di stupire. Non voglio più parlare al passato voglio parlare DEL FUTURO.
Siamo con voi 5s. Riprendiamoci la nostra dignità.
IO VOTO 5S anche per questo. Grazie.

giacomotnt1 15.02.15 13:03| 
 |
Rispondi al commento

L'europa, così com'è, è una porcata senza capo ne coda, pare concepita dallo stesso calderoli in un momento di sanità mentale parziale.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.02.15 10:37| 
 |
Rispondi al commento

vi siete accorti che la frontiera europea, dal nord dell'Ucraina ai balcani, dal medioriente all'Africa, è terra bruciata? non sarà per fare in modo che l'Europa non guardi oltre il fumo a tutto vantaggio della supremazia geopolitica Usa? così mi pare a me

Cosimo Coro, Montemesola Commentatore certificato 14.02.15 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Questo post mi è piaciuto molto, qui viene fuori la differenza vera tra Italia e Grecia: i greci sono un popolo, gli italiani no, I greci, per quanto oppressi nei secoli scorsi da altri domini, erano comunque un popolo, anche se dominato da altri. Gli italiani, invece, non sono mai esistiti come popolo unico, nemmeno ai tempi di Roma, quindi non esiste la dignità di popolo italiano,L' italia è stata inventata 150 anni fa dall'unione di razze diverse a discapito di alcune a favore di altre, esattamente come è stata inventata l'europa unita a discapito di alcune nazioni a favore di altre. Se le rispettive coscienze nazionali non si risvegliano, tutta l'europa sarà come una grande italia molle e vassalla di altri, terra di conquista per le prossime forze mondiali.

emmanuela courlios, parma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.02.15 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Quale dignità,quando l'uomo non conta più nulla e le Nazioni sono state svendute dai politici senza scrupoli per farle diventare Colonie Americane-Inglesi-Israeliane?Peggio ancora,i politici si sono adoperate per fare una SPA Europea UE per sistemare i fedeli politici dell'ammucchiata per fare un doppione di governo e di Burocrati.Perciò,non preoccupatevi,sono i soliti teatrini di successo per voler dimostrare che non sono d'accordo per coprire gli interessi e affari di famiglia,ieri sera la finta sinistra ci ha dato al conferma quando è rientrata a votare per salvare il Figliol Prodigo protetto dal vero Dio.State tranquilli,è tutto programmato e hanno già una nuova guerra da iniziare contro il figlio da loro generato per giustificare la grande ammucchiata da prima Repubblica.Procede tutto come da copione meglio di prima.Quale fallimento quando ha trionfato la Grande ammucchiata politica architrave della Globalizzazione e Pietra Testata d'Angolo della Suddita Burocratica Guerrafondaia UE!Solo la Grecia ha avuto il coraggio di ribellarsi e,se prosegue per la sua strada uscendo dalla UE e dalla Nato potrà scrollarsi da addosso le maledizione degli innocenti uccisi con le guerre mascherate in Missioni di Pace e non avrà sulla coscienza il sangue dei uccisi in Ucraina.Anche se Putin ha dovuto abbassarsi a trattare con gli emissari del Dio di turno,invece di trattare direttamente con i padroni del mondo "America/Inghilterra/Israele visto che la UE è una loro Colonia,dobbiamo dire "Bravissimo Putin",finalmente l'Orso Russo si è svegliato dopo un lungo Letargo.Dobbiamo sperare che Putin questa volta non ceda alle Sirene politiche.I nostri politici venduti e quelli delle altre Colonie UE fanno tutto il possibile che non emerga la verità che svelerebbe la loro crudeltà,cinismo,falsità.Se hanno avuto il coraggio di far uccidere donne,bambini,civili con la scusa di esportare la democrazia senza provare nessun rimorso,è tutto detto.

agostino nigretti 14.02.15 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Mi rendo conto che il Dio in cui credevo era pura mia fantasia e conta solo l'ipocrisia,la falsità,calpestare il prossimo tuo e farti vedere che vai a Messa,il trionfo del sistema politico italiano ne è la conferma.Conta solo il Dio denaro gestito dai padroni del mondo e la fratellanza del G7,i quali usando con Divina sapienza le leve del governo della Globalizzazione fanno intervenire l'ONU per autorizzare le guerre mascherate e punire le Nazioni che non si sottomettono.Quindi godiamoci il divino spettacolo di una vera guerra contro la Libia,perché la prima quella mascherata in missioni di Pace,è servita per sottometterla e non riuscendo hanno fatto nascere il figliol Mostro sgozzatore di gole e bruciati vivi per impaurire i popolini bue-pecoroni creduloni.Le guerre mascherate sono anche servite per realizzare la Globalizzazione e per far arrivare in Italia decine di migliaia di immigrati clandestini per aiutare i politici della grande ammucchiata a far leva sul pietismo e finanziare gli amici;Roma ladrona è l'esempio del sistema.Comunque,dobbiamo congratularci con i DC Doc ,comunisti venduti e la grande ammucchiata della finta destra-finta sinistra per la bravura nel recitare il loro ruolo nelle teatrino della globalizzazione.Putin si dovrebbe rendere conto che non serve a niente trattare con la Colonia UE,perciò salvi i filorussi schierando i suoi missili al confine delle repubbliche separatiste e lasci che l'Ucraina entri a pieno titolo nel paradiso UE,poi se il Dio della Pace con le Colonie UE e la Nato vuole fare la guerra,faccia la guerra,però subito senza aspettare altri 25 anni come quelli passati.L'Ucraina visto il grande successo avuto di Saakashvili contro la Russia,supervisionerà la consegna delle armi da ovest a Ucraina.Alla fine sarà sempre guerra,perché ha trionfato il sistema politico all'italiana del tenere il piede in due scarpe per poter fare gli affari di famiglia,usando le Sirene per far cadere nelle trappole i governati delle Nazioni ostili.

agostino nigretti 14.02.15 15:03| 
 |
Rispondi al commento


La questione greca è paradigmatica per le altre Nazioni europee in affanno . L'Italia è in seconda posizione , pronta al tracollo totale come il Paese ellenico che è sotto ricatto dei gentiluomini tedeschi che ragionano solo con l'unico valore che conoscono : il denaro ! Sei un gran lavoratore , preciso e puntuale ? Allora vai bene , sei dei nostri ! Niente altro interessa al popolo tedesco che è carente di empatia e strategia a lungo respiro . Non si interrogano dove porterà questo stato delle cose , sui popoli sofferenti sotto il tallone dei propri politici ultracorrotti , su dove e come potranno trovare le risorse per sopravvivere . Alla fine della seconda guerra mondiale la Germania , nonostante i tremendi crimini commessi , fu aiutata dal piano Marshall a non morire di fame , ma non lo ricordano o non lo vogliono ricordare , i superuomini ! E' un popolo spietato con cui è meglio avere poco a che fare Meglio sarebbe uscire da questa Europa che a guida tedesca non ci porterà niente di buono ! A questo punto è preferibile diventare autarchici , chiudere le frontiere con il lavoro assicurato a tutti per le dinamiche economiche interne . Ciò ci permetterebbe di vivere tutti dignitosamente e metterebbe fuori gioco gli approfittatori e gli speculatori e tutta quella massa di parassiti che si arricchisce giocando con i nostri destini , il nostro lavoro e la nostra dignità !

vincenzodigiorgio 14.02.15 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Manifesto Anarchico 1896.

Antonio+ D., Carrara Commentatore certificato 14.02.15 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Come ogni generazione che si è trovata "la pappa pronta", pure questa,nata nel dopoguerra, si è trovata a portare avanti idealità senza averne chiara coscienza.

E fu così che l'idea di un'Europa unita per superare i nazionalismi,individuati come i principali responsabili di due guerre mondiali in un quarto di secolo, si ritrovò ad averli resuscitati.

La politica di un'erosione lenta di sovranità ,dopo 70 anni si ritrova in vece a fare i conti con la sua esplosione.

Si chiama eterogenesi dei fini!

gianni fiorani, Brescia Commentatore certificato 14.02.15 13:40| 
 |
Rispondi al commento

DeBenedetti si è messo al coperto prima della pubblicazione degli evasori fiscali in svizzera.
Lui è cittadino svizzero che glie frega!
Si sta godendo il maltolto alla faccia nostra e di tutti i pidioti che lo hanno votato tessera n.1 del PD Un evasore fiscale svizzero.
Il Pd deve essere il partito degli evasori e dei delinquenti come si preferisce.

Renè1 b., padova Commentatore certificato 14.02.15 13:30| 
 |
Rispondi al commento

"...UNA FORTE AFFERMAZIONE POLITICA DEL SENSO NAZIONALE"

dice l'inizio articolo, credo che ci sia molto di più e molto di peggio, e non si tratta di deriva fascista perchè quello che viene tolto oggi alle popolazioni europee è la libertà, quindi i fascisti sono a Bruxelles e a Roma, come a Parigi.
Un po' meno a Berlino e Londra dove sembra che l'europeismo faccia rima con nazionalismo.
Noi italiani storicamente esterofili e propensi dare il voto alla mafia, alla camorra, eleggere presidenti della repubblica con provenienza dai territori più malgovernati da politici mafiosi, possiamo solo sperare di salvare la pelle.
Manca solo che il califfato venga governare a roma o meglio in vaticano.

Renè1 b., padova Commentatore certificato 14.02.15 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Fascismo 2.0 (a norma di legge)

1) Il nuovo P.N.F. si vota da solo le leggi in un parlamento deserto mentre il duce plaude e approva dirigendo l'aula al posto del presidente della camera, ridotto ad inutile orpello di un'istituzione ormai dismessa ed esautorata

2) Una minoranza incostituzionale detta legge sulla maggioranza, si tratta del nuovo Gran Consiglio del Fascismo formato dai gerarchi del partito unico della nazione

3) I giovani balilla nel frattempo vengono istruiti a recitare a memoria canzoncine dedicate al dux Matteo, si sta allevando una nuova gioventù fascista sana, vigorosa e totalmente depensate. A chi non recita a dovere e fa domande bacchettate sulle mani e un cucchiaio di olio di ricino

4) Il nuovo MinCulPop, a giornali e Tv unificate, tesse le lodi del nuovo corso fascista 2.0, avendo cura di bastonare per bene chiunque osi gridare al golpe che ha esautorato il parlamento dalla sua funzione e destituito ogni regolamento o principio democratico

5) Il popolo intanto, che come al solito non ci ha capito niente, si compiace dell'osso da 80€ gettato dal magnanimo duce ai sudditi, non c'è tempo per pensare quando devi tirare a campare e sei soffocato dalle tasse, meglio guadare Sanremo e sperare che tutto questo schifo sia solo un brutto sogno

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.02.15 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto più sotto che c'è un attivista con a tessera!
Aoo anch'io c'o a tessera nr: 69.69.69.69.69...e nun son stato uno di primi!
Mo saremo 70.milioni!
Vai Beppe abbiamo vinto!
hahahha...siete spassosi voi piddini e anche nu pochetiello ladroni!

oreste, m., SP Commentatore certificato 14.02.15 13:06| 
 |
Rispondi al commento

più vi seguo e più non capisco dove volete andare a parare
che la Costituzione possa essere cambiata a maggioranza semplice lo prevede la stessa Magna Carta, e siccome i padri costituenti avevano una preparazione culturale superiore a quella che dimostrano in tanti ( prof gianulli ?)hanno previsto che in questo caso si debba ricorrere ad un referendum popolare di ratifica
ebbene QUALE è il problema dei 5Stelle se a giudicare la validità di queste riforme sarà il POPOLO SOVRANO?
a Grillo,Brunetta, Salvini, Vendola basterà convincere la metà + 1 degli Italiani che queste riforme non sono democratiche e sarà la democrazia diretta esercitata dagli elettori a giudicare

PS facendo un ragionamento schematico.. con la nuova sinergia M5S\ FI cade anche l'alibi dell'informazione di regime schierata solo da una parte dato che ora le retei Mediaset stanno dall' altra parte della RAI

PERMETTETE DI ESPRIMERCI
SOLO QUESTO VI CHIEDIAMO

mo- basta, rocca cannuccia Commentatore certificato 14.02.15 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Merkel ha dimenticato quando l’Europa dimezzò i debiti di guerra alla Germania!!!

Fischer scrive che è «sorprendente» che la Germania abbia dimenticato la storica Conferenza di Londra del 1953, quando l’Europa le cancellò buona parte dei debiti di guerra. «Senza quel regalo - scrive l’ex ministro tedesco nel suo libro - non avremmo riconquistato la credibilità e l’accesso ai mercati. La Germania non si sarebbe ripresa e non avremmo avuto il miratolo economico».

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-10-14/la-merkel-ha-dimenticato-quando-l-europa-dimezzo-debiti-guerra-germania-151827.shtml?uuid=ABkKN62B

Stefano P., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 14.02.15 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I tedeschi sono pronti a fare i maestrini , additare gli altri e si ergono asul piedistallo dei virtuosi.
Ma immeritatamente.
Purtroppo sono solo dei ladri che hanno truffato gli altri stati , ingannato e rubato milioni senza che l'Europa gle lo impedisse .
La Germania doveva essere due volte in default , se non era per l'europa , Italia e Grecia incluse non avrebbe potuto ripagare molti dei danni che ha causato nrialzarsi economicamente . Noi gli abbiamo condonato oltre la metá dei soldi che avrebbero dovuto pagare per danni di guerra che per due volte hanno generato.
Se la Merkel vuole dei soldi , iniziasse ad aprire il portafoglio dei tedeschi ed a pagare i debiti verso le altre nazioni come grecia Italia , Francia etc...

Leggetevi questo articolo di economia per capire meglio


http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-10-14/la-merkel-ha-dimenticato-quando-l-europa-dimezzo-debiti-guerra-germania-151827.shtml?uuid=ABkKN62B

Stefano P., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 14.02.15 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diametralmente opposti alla Europa che sognavamo, si sono infiltrati nel potere individui rappresentanti delle più disfattive lobby liberali. Bruxelles è diventata la cloaca dell'occidente

La costruzione, mai avvenuta, di quella che avrebbe potuto essere una sola nazione con i suoi stati; sta sgretolando anche le vecchie fondamenta a causa di iniqui trattati. Obiettivo raggiunto da chi si finge da decenni protettore ed in realtà tiene sotto scacco la sovranità di centinaia di milioni di cittadini solamente per conservare uno spregiudicato consumo di risorse che danneggia l'intero pianeta

Possiamo impedirglielo opponendoci risolutamente a partire da un netto rifiuto del TTIP un trattato che distruggerebbe ogni identità locale e renderebbe succubi tutti i cittadini europei alle multinazionali sia per la alimentazione che per i servizi di welfare

Rosa Anna 14.02.15 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LETTERA APERTA A BEPPE ED ALLO STAFF

Ciao BEPPE, sono un tuo coetaneo che ti segue dal 2007 e nel 2009 (Smeraldo di milano) mi sono iscritto al Movimento (tessera 1131); da circa tre anni, organizzo ed insegno Corsi gratuiti di PC nei vari Circoli ed Associazioni di anziani a Milano, per cercare di "svegliare" i tradizionali elettori di PD, PDL e LEGA, attraverso la tecnologia, insegnandogli dove cercare e trovare la vera informazione, diventando protagonisti della loro vita. In questa "operazione" chiamata CASA DELLE ESPERIENZE, sono aiutato da molti attivisti del Movimento che, pensando di allargare le iniziative, hanno dato vita ad un "giornale di quartiere, chiamato GRILLO PARLANTE per raggiungere anche coloro che rifiutano la tecnologia e restano vittime della TV. Le intenzioni erano buonissime, però hanno trovato subito una infinità di ostacoli, da parte dello "STAFF" Milano che, invece di PILOTARE L'OPERAZIONE hanno pensato bene di minacciarli di azioni legali e, non contenti, li HANNO ESPULSI DAL MOVIMENTO.
Ora, se vogliamo veramente cambiare le cose, DOBBIAMO FAR SCENDERE DAL PIEDISTALLO QUALCHE ELEMENTO DEL MOVIMENTO, perché così faremo solo danni irreparabili, MENTRE CON IL BUONSENSO SI OTTERREBBERO MAGGIORI RISULTATI. Se vogliamo VERAMENTE CAMBIARE QUESTO SCHIFO DI PAESE, dobbiamo entrare nei "serbatoi di voti" dei partiti tradizionali PARTECIPANDO ALLE LORO INIZIATIVE E FARGLI CAPIRE CHE POSSONO CAMBIARE SOLO ATTRAVERSO LA VERA INFORMAZIONE.
Riflettete per favore, altrimenti IL SOGNO DIVENTERA' IRREALIZZABILE.
Cordiali saluti a tutti
Nembomario

Mario P., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.02.15 12:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


L’economista Paolo Savona, ex ministro, ex Banca d’Italia, braccio destro di Guido Carli, che 23 anni fa firmava i trattati di Maastricht:

“La decisione (della Bce, n.d.r.) di immettere base monetaria attraverso il canale dell’acquisto di titoli di stato, forse perché è l’unico pronto, per un totale di 130 miliardi da parte della Banca d’Italia, ha due conseguenze. Mina il bilancio di Palazzo Koch impegnando – in maniera obbligatoria, pare – le riserve ufficiali anche auree. E impedisce in futuro allo stato italiano ogni genere di rinegoziazione o di dichiarare default del proprio debito senza determinare gravi conseguenze anche per la ‘sua’ Banca centrale”. In sintesi: “Il Qe funziona come un’ulteriore bardatura che impedirà al paese scelte diverse da quelle di stare in Europa, obbedendo a Berlino-Bruxelles a rischio di trasformarci in colonia politica”. Savona precisa di non essere tra quanti ritengono che l’uscita dalla moneta unica purificherebbe il paese dalle sue storture. E’ convinto però che nel lungo periodo “con queste condizioni non si può escludere l’ipotesi che diventi necessario rinegoziare partecipazione all’euro e debito sotto stress speculativo”. Ergo – ragiona Savona che da anni invita la classe politica a dotarsi di un “piano B”, come secondo lui perfino la Germania non ha mai negato di aver fatto – “Matteo Renzi e l’Italia farebbero bene a guardare oltre l’entusiasmo contingente. Laicamente, restare pronti a tutto”.
l’articolo intero: http://www.ilfoglio.it/articoli/v/125523/rubriche/quel-trucchetto-di-draghi-per-incatenare-litalia-alleuro.htm

----------------------------------------------------

l’intervista a Paolo Savona....anche qui, come vediamo si parla sempre e solo di meccanismi tecnici. mentre la questione principale, come spiega questa grande analisi di Jacques Sapir, è il sentimento dei popoli.

Sandro ., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.02.15 12:09| 
 |
Rispondi al commento

Le Nazioni, Le Patrie, le Religioni, sono quelle vaselline con le quali, pochi furbi, hanno sempre sodomizzato e sodomizzano tutt'ora, milioni di scemi.

Antonio+ D., Carrara Commentatore certificato 14.02.15 12:03| 
 |
Rispondi al commento

O.T. della mattina.

ON THE CESS

Lo vedi ecco Marino, er sindaco PDino...

Lo vedi, in bicicletta, ma è tutta 'na marketta...

Arriva con la sua panda, parcheggia con la banda, è quella ministeriale, che gestisce 'a Capitale...

S'annamo a divertì, Marì, Marì...

Lo vedi ce sta Marino er sindaco PDino...

Lo vedi, vo annà a mignotte, vo fa 'na strada pe' la notte...

Poi ce mettemo un chiosco, e lo gestisce quello losco...

S'annamo a divertì, Marì, Marì...

Ma è l'ultima trovata, la grande genialata...

'Ndo caxxo l'ha pensata, forse in una splendida ammucchiata...

Lo vedi, caro Marino sindaco PDino...

er simbolo de Roma è quello, e nun se tocca, perchè sennó te tocca litigà co' tutti sti fiji de na mignotta...

Mignotta capitolina, prima lupa che pariolina...

che se t'azzardi al toccalla ancora, qui va a finì in malora...

Noi s'annamo a divertì, tu no Marì, tu no Marì!!!

Buon giorno, ce ne volè de pazienza.

Nando on the cess.

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_febbraio_11/roma-nuovo-logo-fa-discutere-diventa-subito-caso-politico-4dc364ce-b21e-11e4-bc1b-1ae1969d3e69.shtml

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.02.15 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se qualcuno osa presentare una proposta di legge per la leva obbligatoria risulta evidente che sanno di decisioni già programmate di una futuro bellico
per chi non vuole rinunciare al sistema capitalista vede in una guerra l'unica soluzione
questa volta i cittadini devono opporsi assolutamente

Rosa Anna 14.02.15 11:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DOBBIAMO USCIRE DALL'EURO,NON ABBIAMO ALTRA SCELTA,NON SO' QUESTI NAZIONALISMI,COME QUELLO DI SYRYZA, SE PORTERANNO A QUALCOSA,MA ALMENO CI PROVANO CONTRO LOSTRAPOTERE DELLA TROIKA

alvise fossa 14.02.15 11:47| 
 |
Rispondi al commento

triste ammetterlo per una europea convita come sono
ma questa non è l'Europa questa è una accozzaglia di
furbi intrallazzatori che si sono appropriati della sovranità di cinquecento milioni di cittadini

Rosa Anna 14.02.15 11:39| 
 |
Rispondi al commento

...
"Purtroppo la Corte Costituzionale ha una colpa immensa. Nel dichiarare incostituzionale la legge elettorale, con legge n. 1/2014, ha incomprensibilmente affermato, fuori dai suoi poteri (come avete letto gli effetti dell’incostituzionalità di una norma di legge sono determinati dalla Costituzione), che il Parlamento poteva continuare a legiferare. In realtà, è evidente per qualsiasi persona di buon senso, continuando a legiferare il Parlamento ha moltiplicato gli effetti della violazione Costituzionale censurata nel nostro ordinamento e ciò prosegue dal 2006.

Oggi dunque abbiamo una nuova Costituzione scritta da un Parlamento composto in violazione dei principi di rappresentanza democratica e dunque composto senza rispettare la sovranità popolare di cui all’art. 1 Cost. La stessa Cassazione con la sentenza n. 8878/14 ha evidenziato la grave lesione della rappresentatività democratica ma nonostante ciò Renzi è andato avanti.

Stiamo dunque assistendo alla fine della democrazia, con quello che non si deve aver timore di definire colpo di Stato, in Italia era dai tempi di Mussolini che non vedevamo qualcosa di simile.

Resta ancora una speranza, che il referendum a cui dovrà essere sottoposta questa oscena riforma, sia favorevole alla democrazia ed al paese ma sappiamo che sarà molto dura a causa delle forti pressioni mediatiche. Come avviene in ogni dittatura i media, purtroppo, appoggiano in gran parte il regime.

Salviamo questo paese e cerchiamo, tutti insieme, di fermare questo golpe."

http://www.studiolegalemarcomori.it/matteorenzi-spietato-killer-democrazia/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 14.02.15 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SI PARLA DI LIBERTà???... LIBERTA'!! di chi ??!!

IL Popolo della libertà??? (cioè forza Italia che io votai sino al 2008!)
non è? (o era!) l' espressione della libertà di ognuno di noi.?.. nel decidere le proprie scelte, della propria vita.?!.
Si chiedono i voti in nome della LIBERTà!? La libertà di chi??! per poi
tradire questi valori
che non sono n'è di destra n'è di sinistra. E' LIBERTA' e basta.
MI SENTO TRADITO DA QUESTO PAESE.

I valori che esprime BEPPE GRILLO e M5S è anch'esso è
l'espressione
dei diritti di LIBERTà di ogni individuo, non solo davanti alla costituzione (la costituzione?)
ma davanti a DIO (se esiste) o alla morale (se esiste). Per cui i valori
di una nazione vanno a difendere il DIRITTO. Il diritto di
Libertà!

IL DIRITTO di ogni persona lo si misura in relazione alla propria
libertà di scelta. QUAL'E' la libertà di scelta?
LA SCELTA!
Cioè la propria e non quella di persona terze...
IN OGNI CONTESTO.

Si ricorre in questi mesi, all'anniversario del 14/18... Si commemora! con corone
(a questo punto... con rettorica) quelle tragedie...
"e anche" si critica quelle scelte o errori, che in quell'epoca portò l'Italia in guerra!
e oggi! cosa facciamo?? ripristiniamo il servizio obbligatorio di leva?!
MA SCHERZIAMO ?? Cosa c'è all'orizzonte che ricalca il secolo scorso???
Che non si può evitare??!
già! la crisi dal 1900-1908 ricalca quella del 2000-2008...facciamo gli stessi errori??
Ricalchiamo il 14/18??

MIO FIGLIO L'HO CAGATO IO e decido io della vita che deve o non deve fare.
PUNTO.

QUESTA sarebbe la democrazia?? dopo due guerre??
DOPO LA 2^ guerra mond?
A me sembrava che i valori erano basati sul lavoro...
L'Euro ha distrutto il potere d'acquisto, gli interessi bassi hanno distrutto il lavoro,
le regole sul risparmio, hanno distrutto il risparmio.

LA leva obbligatoria! Cosa vuole distruggere i nostri figli/e??? di conseguenza
la nazione??? Questa sarebbe la ripresa??!!

MIO FIGLIO è MIO E SONO RESPONSABILE DELLA SUA VITA. punto.

ARCHIBALD 14.02.15 11:31| 
 |
Rispondi al commento

C'è sempre un GRANDE LIMITE in questa lettura delle vicende...lo stesso limite che impedisce di affrontare in questo blog, aspetti "culturali", politici e anche spirituali...Che cos'è? Paura? Complicità? O che altro? Pensate che l'anima degli uomini, o di un popolo sia qualcosa che non si vede e allora non c'è?
Perché è vero che la questione della Grecia o degli altri popoli europei è quella della PERDITA DI DIGNITÀ. E' proprio questo. Ma la Matrix tiene volutamente basso, in mille modi il livello di coscienza. E' questo che rende manipolabili le persone. Nooo?Non ci volete credere? Allora aspettatevi, il peggio. Perché chi vuole questo e altro ancora, come la guerra, è disposto a TUTTO pur di piegare le coscienze collettive e individuali.
E', che piaccia o meno una sorta di battaglia finale, dove tutto il torbido e la opacità di chi vuole la dissoluzione di intere regioni del mondo, si basa proprio su di un grande inganno: che il mondo sia solo una questione economica.

Paul E. Commentatore certificato 14.02.15 11:29| 
 |
Rispondi al commento

caffè a 5 stelle qui per tutte le anime belle! :)

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.02.15 11:27| 
 |
Rispondi al commento

questo è il paese dove chi ruba milioni di euro e li porta ad estero è furbo politicamente ha fregato tutti gli italiani e molti lo anno aiutato delle istituzioni deviate mentre un giovanotto arrogante ma ha sbagliato.....si rovina e viene rovinato..ed anientato nel suo diritto di vivere anche dopo aver sbagliato come tanti vedi Berlusconi portato ai servizi sociale mentre corona perché ragazzo portato alla rovina italia della giustizia per poveri applicata per i ricchi interpretata come piaca a discrezione del potere di chi condanna....il solito schifo italiano...di due giustizie.......differenti

antony gentile (antonelli), pavona Commentatore certificato 14.02.15 11:27| 
 |
Rispondi al commento

CAPORETTO 2008+7
Tramonti a Nordest

(Quando si parte per la guerra? 012)


@ Debora


Ah Debora.

Dimenticavo.

Quassù, anche con i treni non andiamo tanto bene.

Due guasti sulla Trieste-Venezia:
ritardi e sette treni cancellati
http://www.ilgazzettino.it/NORDEST/TRIESTE/treni_ritardi_guasto_trieste_venezia/notizie/1180665.shtml

Venezia - Trieste.

Trieste - Venezia.

San Valentino.

Carnevale.

Cancellare 7 treni.

Non è poco.

mandi.


E la TAV ?

.

epe pepe 14.02.15 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Renzi: "Non accetto lezioni di onestà da nessuno". Onestà, la parola più abusata, e più bistrattata, il M5S ha organizzato pure "La notte dell'onestà". Cosa significa essere onesti in un nonpaese come questo? Rispettare le leggi? Le leggi italiane sono state emanate da legislatori che avevano già in mano gli strumenti per raggirarle, per non applicarle. Parlando con l'italiano medio, tutti ti dicono che è più facile andare in galera rubando una mela, piuttosto che rubando un miliardo di euro. Quindi non parliamo più di onestà, l'Italia è questa, il M5S ha cercato? di cambiarla un po, ma la storia insegna che le rivoluzioni hanno bisogno della spinta popolare, qualcosa avevamo intravisto nelle elezioni del 2013, ma poi siamo tornati "alla assuefazione del sistema", alla rassegnazione, al tirare a campare. Renzi governerà per altri 20 anni, i corrotti continueranno a farla franca, i ladri di polli continueranno a marcire in galera, e gli itagliani tutti soddisfatti si accorgeranno che la pensione arriverà sempre più tardi e sarà sempre più misera!

stefanodd 14.02.15 11:14| 
 |
Rispondi al commento

"Le persone della troika sono persone integre, ma anche la Cia aveva persone molto valide che si sono implicate nel Waterboarding contro la loro volontà", ha detto il ministro delle Finanze greco in un'intervista allo Spiegel.

Il Waterboarding è una tecnica di tortura che consiste nel coprire il capo della vittima con un sacchetto e immergere la testa in acqua per dare al malcapitato la sensazione di affogare. Non è la prima volta che Varoufakis mette sullo stesso piano i metodi di torture con le misure di austerità.

Varoufakis ha aggiunto che alla Grecia è stato offerto il tempo di "prendere qualche respiro", prima di essere rimessa sott'acqua ancora una volta.

"I funzionari della troika inviati per sorvegliare che il programma della troika venisse portato a compimento hanno vissuto un "dilemma morale terribile".

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 14.02.15 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Quello che è chiaro.

Il M5S si presenterà alle Elezioni Regionali con un PROGRAMMA e degli OBIETTIVI che sono e saranno CHIARISSIMI e che se i mezzi di comunicazione li facessero conoscere ai Cittadini renderebbero un vero “servizio civile” perché il M5S , NON PRENDE e RINUNCIA al “finanziamento pubblico”.
Coloro che ci leggono possono intanto andare a leggere quale è il “codice di comportamento” dei Parlamentari del M5S e cominceranno a comprendere la enorme DIFFERENZA che c’è con gli altri partiti :
http://www.beppegrillo.it/movimento/codice_comportamento_parlamentare.php

Vincenzo Matteucci 14.02.15 11:06| 
 |
Rispondi al commento


@unochesicredeungrandestatistaeinveceestuncalesse :)

""Io nun ce l'ho cò te ma cò quelli che te stanno vicino e nun t'hanno buttato de sotto.""

petrolini


"""“Proseguire così, senza riaprire il confronto con tutte le opposizioni, è un errore ma mi adeguo” alle decisioni del Pd e “resto in Aula a garantire il numero legale”. Lo dice il deputato della minoranza Dem Alfredo D’Attorre, intervenendo in Aula annunciando di voler ritirare tutti gli emendamenti a sua firma."""

:)

p abblo 14.02.15 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Ormai è sotto gli occhi di tutti, tranne che della sfera mediatica legata al potere, lo spettacolo desolante di un'Europa che ha tradito le proprie origini e si è trasformata in una tirannia.
I vertici con i rappresentanti legittimi delle nazioni europee si svolgono sempre secondo lo stesso copione. La riunione è annunciata come decisiva, il dibattito va avanti tutta la notte, e alla fine si annuncia un grande successo: il rinvio a un'altra riunione.

In cambio, c'è altra gente che agisce sul serio, a muso duro, senza alcun controllo da parte del resto dell'Europa. Tanto per fare qualche nome: Draghi, Merkel e Hollande. Gli altri, a partire dal nostro Renzi, contano zero. Finalmente i Greci l'hanno capito, e hanno punito i partiti popolari e socialisti responsabili di questo schifo. Speriamo che sia questo il vero "contagio" temuto dalla finanza internazionale: il contagio della democrazia!

Renato O., Venezia Commentatore certificato 14.02.15 10:45| 
 |
Rispondi al commento

notizie da landini,camusso o altri??..

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.02.15 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...notizie da mattarella???..

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.02.15 10:34| 
 |
Rispondi al commento

https://fbcdn-sphotos-f-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xpa1/v/t1.0-9/10994337_1621326504765250_5146678284476570918_n.jpg?oh=fde4158073ed413ea53c9b7681b3e5c3&oe=55963C69&__gda__=1431577347_8d07cc08efb4a6282102c72a5fc3b90f

Er famoso Covelli de 'a curva sudde Commentatore certificato 14.02.15 10:22| 
 |
Rispondi al commento

la truffa del lavoro in italia ha raggiunto il massimo della fregatura alle nuove generazioni sempre fregate dai volponi costituzionali corporative del sostegno a lobby...esempio tirocinio da manovale......deve pagare il tirocinante e non percepire nessun rimborso...truffe per milioni di giovani sfruttati e poi abbandonati come me dieci anni di tirocinio poi a 35 anni calci in culo e fuori dal lavoro perché non tutelati.....

antony gentile (antonelli), pavona Commentatore certificato 14.02.15 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Nell'Italia del boom economico, il compianto presentatore tv Corrado Mantoni, venne alllontanato dagli schermi televisivi, da l'allora regime d.c. della Rai, per aver detto che l'Italia è un paese fondato sulle cambiali. Adesso vogliono mandar via Giretti per aver sfanculato capanna e la picierno....................ergo nulla di nuovo sottto al sole, a distanza di 55 anni...........

Er famoso Covelli de 'a curva sudde Commentatore certificato 14.02.15 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA MAGGIORANZA NON E' ASSOLUTISMO,VALE PER L'ITALIA,LA GRECIA E L'EUROPA INTERA.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 14.02.15 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Andrea Tosatto

A Scajola hanno comprato un appartamento a sua insaputa.
A Renzi a sua insaputa pagavano l'affitto.
Marino aveva una giunta mafiosa a sua insaputa
Berlusconi a sua insaputa scopava con una minorenne
Ora a Pippo Civati hanno aperto un conto in banca in Svizzera a sua insaputa.
Belin, ma sono sbadati loro o siamo coglioni noi?

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 14.02.15 10:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori