Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Euro o Democrazia?

  • 279

New Twitter Gallery

nazi_euro.jpg

Clive Crook su Bloomberg View punta il dito contro il vuoto democratico delle istituzioni europee (un vuoto in parte previsto e progettato fin dall’inizio). Per quanto ci venga concessa l’impressione di una qualche "rappresentanza" a livello europeo, di fatto non esiste alcuna dialettica governo-opposizione. La più grave contraddizione è che mentre la sopravvivenza della moneta unica richiederebbe "più Europa", questo "più Europa" significherebbe solo allargare ulteriormente un vuoto democratico già insostenibile.

di Clive Crook, 11 marzo 2015

"Questa settimana la Banca Centrale Europea ha iniziato l’acquisto di titoli previsto dal nuovo programma di Quantitative Easing (QE). Lo scorso giovedì il presidente Mario Draghi aveva dichiarato che era iniziata una forte ripresa dell’area euro, addirittura prima che la politica del QE fosse stata effettivamente avviata. L’annuncio, fatto a gennaio, che ci sarebbe stato un QE sarebbe stato sufficiente a risollevare gli spiriti e a far muovere l’economia, ha detto Draghi. Draghi potrebbe ragionevolmente affermare di essere l’uomo politico più influente d’Europa. E se credete nella democrazia questo è un problema. La Federal Reserve statunitense ha molta indipendenza operativa, ma è responsabile di fronte all’elettorato americano attraverso il suo vincolo di dover riferire le proprie decisioni al Congresso. Inoltre, essa percepisce e deve rispondere alla pressione esercitata dall’opinione pubblica statunitense. Il legame tra la BCE e i cittadini dei paesi dell’eurozona è invece decisamente più distante. La sua posizione è europea nella quintessenza — ed è un aspetto illuminante del ben noto “deficit democratico” dell’Europa. Questa ampia mancanza di controllo democratico, assieme allo stress economico indotto dall’eurosistema, potrebbe alla fine distruggere l’intero progetto europeo.

Il deficit democratico
Il deficit democratico non è un prodotto involontario dell’integrazione europea. Fin dall’inizio le élite politiche europee hanno portato avanti le loro ambizioni sull’Unione Europea pur di fronte a un diffuso scetticismo popolare, quando non addirittura a un’aperta ostilità. Certe pose di legittimità democratica sono sì state offerte, ma l’obiettivo stabilmente perseguito è stato quello di allontanare la presa di decisioni dal processo politico. Questa soppressione della democrazia veniva vista come una cosa di per sé positiva: meno si coinvolge l’elettorato, migliore sarà il risultato.
In linea di principio quell’idea era giustificabile. Tuttavia quando è arrivato l’euro — il progetto europeo più ambizioso e meno voluto — i risultati non hanno giocato a favore. La moneta unica europea è stata una catastrofe. Ha aggravato e prolungato la recessione. Le nuove previsioni ottimistiche della BCE parlano di una crescita dell’1,5 percento nel 2015. Certo è una previsione positiva secondo gli standard degli ultimi sette anni, ma non secondo qualsiasi altro standard. Ancora per il 2017 la disoccupazione prevista è di poco sotto il 10 percento — e in alcuni dei paesi più colpiti dalla crisi sarà comunque il doppio di quella cifra. Il deficit democratico è qualcosa che i cittadini europei sembrano sempre meno disposti a tollerare — e il fallimento del progetto euro non è l’unica ragione. La rabbia sta crescendo perché il deficit democratico si è rivelato addirittura maggiore di quanto fosse stato previsto dagli stessi architetti di questo sistema.

Cosa doveva essere l'Ue
L’Unione Europea era destinata ad essere organizzata in un modo particolare se non unico. L’idea era quella di farne, per un prossimo futuro, "né una cosa né l’altra" — né un’unione federale sul modello degli USA, né una confederazione di Stati pienamente sovrani, ma qualcosa a metà. Ci sarebbe stato un livello di governo europeo, con un forte braccio esecutivo: la Commissione Europea. Un Parlamento Europeo eletto avrebbe poi lavorato in accordo con dei governi nazionali semi-sovrani al fine di fornire un controllo democratico. I poteri del Parlamento sono stati un po’ aumentati nel corso degli anni ma, a confronto con la maggior parte delle legislazioni nazionali, rimangono insignificanti, e non interessano molto agli elettori. Questo era previsto. Ciò che non era previsto è la sempre più perversa divisione di competenze civiche tra il Parlamento Europeo da una parte e i parlamenti nazionali dall’altra.

A che servono le elezioni?
In linea di principio vi aspettereste che le elezioni del Parlamento Europeo aprano un’arena di dibattito sulle politiche economiche dell’Europa, mentre le elezioni nazionali dovrebbero sorvegliare l’evolvere delle relazioni costituzionali tra ciascun paese e l’UE. All’apparenza, in modo appropriato si abbinerebbe appropriatamente ciascun problema alle relative competenze. Fino a poco tempo fa però è accaduto l’opposto. Nel complesso, le elezioni a livello europeo erano centrate sul futuro delle istituzioni europee — un punto sul quale però il Parlamento Europeo ha poca voce in capitolo. Nel frattempo, le politiche economiche a livello europeo sono state contestate prevalentemente ad un livello nazionale — ad un livello al quale, similmente, chi legifera è molto vincolato.

Come dice Peter Mair in “Governare il Vuoto: Lo Svuotamento della Democrazia Occidentale":

Il risultato è semplice. Le opzioni da entrambi i lati diventano sempre più irrilevanti rispetto ai risultati del sistema, e il comportamento e le preferenze dei cittadini non costituiscono quasi più né un vincolo formale né un mandato per quelli che prendono le decisioni che contano. Le decisioni possono essere prese dalle élite politiche più o meno a mani libere.

Questo allargamento del deficit democratico esiste pertanto a due livelli: a livello europeo e a livello nazionale. Non è solo questione di mancanza di controllo nell’UE. I parlamenti nazionali hanno di fatto ulteriormente ridotto i propri poteri lasciando cadere le questioni di costituzionalità, e si sono impegnati più energicamente negli ambiti dove le loro competenze sono state ridotte. Si potrebbe dire che abbiano puntato sulle proprie debolezze.

Mair ne trae un’ulteriore implicazione:

Ci viene concesso il diritto di partecipare a livello europeo, anche se potremmo voler decidere di avvalerci meno frequentemente di tale diritto; e ci viene concesso il diritto di essere rappresentati in Europa, anche se a volte è difficile capire quando e come funzioni questa rappresentanza. Eppure non ci viene concesso il diritto di organizzare un’opposizione all’interno dell’ordinamento politico europeo. Non c’è una dialettica governo-opposizione a tale livello. Sappiamo che quando non è consentita un’opposizione all’interno di un ordinamento politico, ciò porta probabilmente a: (a) l’eliminazione di qualsiasi opposizione significativa, o a una sottomissione più o meno totale, o (b) alla mobilitazione di un’opposizione di principio contro quello stesso ordinamento politico — cioè all’opposizione anti-europea e all’euroscetticismo.

L’aggiustamento del sistema della moneta unica richiede più Europa — vale a dire un allargamento del livello di governo europeo. Senza un ripensamento radicale, il “più Europa” non farà che allargare ulteriormente l’insostenibile deficit democratico dell’UE. Qui risiede la contraddizione fatale che l’amministrazione europea non è nemmeno in grado di guardare in faccia, figurarsi di risolvere. Se volete il mio parere, i festeggiamenti di Draghi sono stati un po’ prematuri".

Fonte: Vocidall'estero

15 Mar 2015, 14:20 | Scrivi | Commenti (279) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 279


Tags: democrazia, draghi, euro, federal reserve, Peter Mair, quantitative easing

Commenti

 

Firmare per la fuoriuscita dell'euro è un pio desiderio. Lo ripeto ancora una volta. Per poter raccogliere le firme i meetup debbono informare i cittadini con largo anticipo con comunicazioni sui blog locali oltre che sul nostro, anche con qualche manifesto magari scritto a pennarello. I banchetti debbono essere posti in luoghi ben individuabili e frequentati, piazze, centri commercciali, scuole, ecc.. Debbono durare e non essere mordi e fuggi, cioè dare a chi parte dai luoghi vicini la possibilità di raggiungerli. In particolare nella zona ionica della Calabria i banchetti si sono visti molto poco,così anche nei comuni in cui sono state presentate liste.

Raimondo M., Corigliano Calabro Commentatore certificato 22.03.15 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Fin dall'inizio, ci hanno imposto l'€urocrazia!!!!

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato 21.03.15 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, nel marzo 2015 ancora a chiedersi se il QE di Draghi potrà sollevare le sorti del continente ? Ancora, dopo tutto quello che è stato scritto e dimostrato, a chiedersi se nell' eurozona esista la democrazia ed i popoli possano vedere riconosciute le proprie aspirazioni ? Vi ricordo che fior di economisti, alcuni premi Nobel, hanno previsto e preannunciato da circa 20 anni il fallimento e la tragica fine di una moneta unica sbagliata, pericolosa, fonte di squilibri economici drammatici come quelli che stiamo vivendo oggi. Un economista italiano molto attivo e acuto, professore di economia politica a Pescara, Alberto Bagnai, ha creato un blog molto frequentato dal 2011, proprio su questi temi e ha scritto due splendidi libri in tre anni: Il tramonto dell' euro (2012,ed.Imprimatur) e L' Italia può farcela (2014, ed. il Saggiatore). Non si può parlare di queste problematiche ignorando il livello del dibattito tra gli specialisti e gli economisti. Parlare di referendum sull' euro oggi, dopo la crisi greca, dopo la Troika, dopo tutto quello che abbiamo visto e compreso significa tornare all' età della pietra. Persino Salvini ha compreso l' urgenza della uscita da questa unione europea antidemocratica e da questa moneta. E voi, invece, ancora a discutere di referendum ? Ancora a chiedervi se l' euro è uno strumento democratico e da correggere con più europa ?Ecco, il vero problema siete voi, sono le incertezze di linea politica del M5S, sono le parole d'ordine contraddittorie e spesso confuse, diciamo incerte. O dentro, verso la tragedia europea, o fuori, recuperando moneta, democrazia, politica economica, dignità e orgoglio nazionale. Una terza via non è concessa. Svegliatevi.

Claudio Luppi 21.03.15 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Ci provò, più rudemente, Malcom X: fecero fuori anche lui: non ne verranno altri come lui.

get free traffic to your site Commentatore certificato 19.03.15 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Non ne posso più di questa Europa, ma non posso non riconoscere che finora ci ha tenuti lontano da quel periodo maledetto che fu il secolo breve. I tedeschi una volta erano soliti dire: "lieber rot als tot" meglio rossi che morti, per sottolineare l'importanza della vita, bene supremo, rispetto a tutti gli altri. In questo caso a me verrebbe in mente la rima: "meglio E ...U che EI fu":

gennaro guida 18.03.15 17:52| 
 |
Rispondi al commento

NON HO LETTO IL POST:
Per quanto mi riguarda, ritengo la classe dirigente tedesca, la degna erede della stessa casta politica :
Führer und Reichskanzler (Guida e Cancelliere del Reich), formalmente Hitler il Capo di Stato e il Capo del Governo della Germania (vedi anche: Führerprinzip).
La stessa merdata continua.

La questione seria è uscire dall'euro, dalla U.E. o cacciare questa maledetta casta ora asservita anche allo strapotere americano.
Non per niente Michail Gorbačëv ha definito :
""La vera ebola della Terra è l'America.""

caio tizio, napoli Commentatore certificato 17.03.15 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Affitti agevolati del Comune

Art Swift Commentatore certificato 17.03.15 15:54| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO IN GUERRA !!
l'euro è l'arma e la germania è il soldato.
in pratica i ns " alleati " dell'unione europea (la germania),ci distruggono con l'aiuto dei ns governi.
fuori tutti i politici a calci nel culo !! e fuori dall'euro e dall'unione europea.
un parlamento a 5 STELLE con la ns sovranità e democrazia e un vaffa al " Mercato ".
ci dicevano " la crisi è partita dall'america : ok.
la piccola ripresa è partita dall'america : ok.
mi viene da chiedermi : allora l'europa è un satellite dell'economia americana ??

michele p., torino Commentatore certificato 17.03.15 10:55| 
 |
Rispondi al commento

infatti le sanzioni contro la Russia dimostrano che tipo di democrazia ci sarebbe "fuori dall'euro " -
perchè gli americani non ce l'hanno l'euro, eh!
c'hanno er dollaro !

forse qualcuno non lo ricorda !


Fa proprio schifo Mentana venduto cosa gli hanno promesso onestà intellettuale la conosce forse non sa neanche cosa significa vergogna

Itala S., Palermo Commentatore certificato 17.03.15 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Sto vedendo piazza pulita la figura di Mentana e vomitevolle vcino alla cretina del PD mentre gomez è un vero giornalista . Sono sempre più convinta che non c'è più niente da fare....sono molto demoralizzata è solo bla bla bla

Itala S., Palermo Commentatore certificato 17.03.15 00:18| 
 |
Rispondi al commento

fuori dall'euro immediatamente!


L'euro ci ha ridotto con le pezze al culo, ora basta, io non voglio più questa moneta, la odioo!


____________

gli USA tramite la NATO devono smettere di provocare la Russia espandendosi in Ucraina provocando conflitti...


l'ovest promise al USSR che non si sarebbero espansi verso l'est ed ora invece lo stanno facendo.

C'è chi dice che la Russia non possa difendersi da questo..

la Russia ha piu di 8000 testate Nucleari gli USA piu di 7000 i Cinesi piu di 300.

Putin ha avvertito che se necessario userà la bomba atomica


perciò la NATO la smetta di provocare...
per non parlare delle radiazioni che arriverebbero in Europa in una eventuale esplosione atomica


qui gli arsenali atomici paragonati
http://www.ploughshares.org/world-nuclear-stockpile-report

http://armscontrolcenter.org/issues/nuclearweapons/articles/fact_sheet_global_nuclear_weapons_inventories_in_2014/


http://en.wikipedia.org/wiki/Historical_nuclear_weapons_stockpiles_and_nuclear_tests_by_country


http://www.globalresearch.ca/russias-strategic-nuclear-force-snf-more-advanced-in-comparison-with-us-arsenal/5414012

http://www.mapsofworld.com/world-top-ten/world-top-ten-countries-by-nuclear-warheads-map.html

qui il Trattato che promise alla allora USSR che la NATO non si sarebbe allargato verso l'Est

NATO's Eastward Expansion: Did the West Break Its Promise to Moscow?
http://www.spiegel.de/international/world/nato-s-eastward-expansion-did-the-west-break-its-promise-to-moscow-a-663315.html

NATO’s Eastward Expansion: Did the West Break Its Promise to Moscow?
http://www.globalresearch.ca/natos-eastward-expansion-did-the-west-break-its-promise-to-moscow/5380144

Enlarging NATO, Expanding Confusion
http://www.nytimes.com/2009/11/30/opinion/30sarotte.html?pagewanted=all&_r=1&

john buatti 16.03.15 11:06| 
 |
Rispondi al commento

a ritroso per consegnare al silenzio invalido e condotto secondo le proprie e non sue scelte, verso uno specchio di prepotente emancipazione

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 16.03.15 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Impalpabile e avvolte invisibile è il modo di guadagnarsi la ragione. Ma la ragione è una proprietà della luce, una proprietà della chiarezza, dell’onestà, del bene, di Dio. AttribuirLa anche per un solo istante al male, altresì con metodi fraudolenti sarebbe come insorgere contro il vento, sarebbe come forzare un forziere altrui, siringandola di “genuina”, ma non generosa, invidia. Fingendo, per giunta, di aver pattuito quanto prima la lurida e artificiale istanza con la ragione, il tutto addolcito, da un repellente silenzio ambiguo e misterioso. Ma la ragione, essendo proprietà di Dio, non mai scesa a compromessi con il silenzio, tantomeno silenzio ambiguo. Questo metodo laconico di alterare il pane quotidiano, la ragione e la società appesa a un secco ramo , affinché si compromettano meglio e per i propri fini, i moventi, non credo trovi comodo alloggio o caldo giaciglio nelle affollate sale del perdono, o acqua calda nelle marmoree docce dell’espiazione . Non si può dare una spiegazione scientifica alla religione e alla quotidiana preghiera, ma soprattutto non si può forzare scientificamente la religione, compromettendo le prove, non proprie, ma perfino di altrui acquisto, con finta complicità, il tutto per guadagnarsi qualche ignaro consenso. Padre scendi da quel lucente, ma senza luce vera, podio di vigliaccheria che ti trattiene tanto in alto, cedi quell’odio di gendarmeria che ti rende tanto scaltro. Comprendo che non siamo più abituati alla troppa umanità e generosità e vedersela cedere gratuitamente e repentinamente in un giorno ad una persona o una casta talvolta è piuttosto difficile da digerirla e va sempre accompagnata da un passito di Pantelleria o ad una appassita galanteria. Tenetevi stretto e sotto braccio, a Bracciano, la vigliacca vittoria concessa, ma nel frattempo vi supplico di non fare alcun male alla pallida ragione (che non ha alcuna personificazione) nel suo lungo riposo in concomitanza alla predisposta direzione

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 16.03.15 10:46| 
 |
Rispondi al commento

eliminare la flessibilità del cambio corrisponde ad un alimitazione pesante delle costituzioni e quindi delle libertà dei popoli.
L'euro non è mai stata una moneta, ma è sempre stata un politica.
Svalutare reddito e diritti civili non puo' che condurre i popoli ad una guerra.
L'euro crollerà non per volontà delle nazioni, ma per decisione dei mercati finanziari.
Piu' in la si va e piu' si aggraverà il problema.
L'uscita dall'euro organizzata in maniera ordinata non comporterà morti, cosa improbabile se a farlo sarano la BCE la comm. eu e il FMI.
Uscire dall'euro è volere bene all'europa. Chi vuole restare nell'euro è un nazista ed è contro la comunità di paesi sovrani.

NOVECENTO SULL'OCEANO Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 16.03.15 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Equitalia serviva a distruggere la domanda interna. Altro che lotta all’evasione!
Pubblicato 14 marzo 2015 - 14.14 - Da Claudio Messora
http://www.byoblu.com/post/2015/03/14/equitalia-serviva-a-distruggere-la-domanda-interna-altro-che-lotta-allevasione.aspx
di Marco Mori

Equitalia oggi sta vessando un numero spropositato di italiani. Chi non ha avuto il “piacere” di tenere tra le mani una delle sue famigerate cartelle? I media continuano ad elevare la lotta all’evasione a panacea di tutti i mali senza mai riflettere sul fatto che, dal 1992 in poi, è stata proprio l’evasione fiscale ad impedire alla finanza di distruggerci. Per chi lavora Equitalia in realtà? Chi c’è dietro a questo attuale livello di pressione fiscale? Secondo voi lo scopo è la giustizia sociale?
Si tratta, è inutile girarci intorno, di un disegno criminoso. Con un fisco vampiro si punta alla distruzione della domanda interna ed alla recessione, per fare in modo che il costo psicologico di non fare le riforme diventi superiore a quello di farle. Lo disse testualmente Mario Monti nella celebre frase che, insieme alla confessione alla CNN sulla distruzione della domanda interna e allo speech in cui ammette che stanno tenendo il controllo del bilancio dello Stato per salvare la finanza, lo inchioda alle sue responsabilità nel progetto di distruzione degli stati nazionali che passa attraverso la distruzione del benessere dei cittadini.

La vera riforma che vogliono i mercati è la cancellazione degli Stati nazionali, la cancellazione delle democrazie. Insomma, vogliono la nostra sovranità in totale violazione del dettato costituzionale e commettendo reati palesi per tutti (tranne che alla dormiente Procura della Repubblica di Roma) contro la personalità dello Stato.

Se un paese tassa più di quanto spende si smantella da solo. Non può sfuggire alla comprensione delle masse che la moneta non cresce spontaneamente in natura. È semplicemente creata dal nulla. Dunque puoi lavorare quanto vuoi, fare le rifor

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 16.03.15 10:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tsipras, come Renzi, ha vinto le elezioni promettendo di abbandonare le misure di austerity SENZA abbndonare l´euro e, a mio parere, sapendo benissimo che non era possibile.
Sapeva e sa tuttora, che uscire dall´euro condannera´la Grecia ad una situazione economica ancora peggiore dell´attuale.
Come Renzi a suo tempo ha fatto marcia indietro almeno in apparenza e per salvare la faccia incolpa la Germania di essere ostinata facendo una propaganda semplicemente ridicola (a cui molti abboccano).
I veri colpevoli sono le banche (centrali) Wall Street a la finanza (USA e UK)
Per risolvere la crisi questi sono gli obiettivi da abbattere.
Abbandonare l´eurozona e´una mossa rischiosa, far uscire la Germania e´ancora peggio.
Forse INVECE di combattere gli europei sarebbe molto piu´produttivo fare fronte comune e combattere i nemici veri.

Patrizia B. 16.03.15 10:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nino Galloni su Landini

...
"Per logica, quindi, Landini dovrebbe assumere una posizione di osservazione e collaborazione nei confronti della nascita di una forza politica vera e propria alternativa al PD se quest’ultimo non riuscirà a destreggiarsi circa l’abbandono dell’austerity che è possibile solo mandando per aria gli attuali assetti dell’Unione Europea; senza riconoscere i legami indissolubili tra austerity, trattati europei ed euro, infatti, non sarà possibile vedere cambiamenti in meglio della situazione economica per la stragrande maggioranza della popolazione."

http://scenarieconomici.it/ha-ragione-landini-di-nino-galloni/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.03.15 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Tutto vero, in Europa manca un'opposizione, perché la maggioranza controlla non solo il parlamento europeo, ma anche i sistemi d'informazione globali, che sono inchinati nell'adulazione al potere.

Così, tutti sono contenti per la svalutazione dell'euro, perché il bombardamento mediatico ci dice che favorirà l'esportazione: nessuno dice che aumenterà anche il costo delle materie prime!

Quanto poi al fatto che i risparmi e i salari dei lavoratori saranno distrutti nel loro valore reale, facendo crollare la domanda interna, chi se ne frega... Viva Draghi, evviva Renzi, viva la BCE!

Renato O., Venezia Commentatore certificato 16.03.15 09:54| 
 |
Rispondi al commento

http://www.wallstreetitalia.com/article/1806606/francia-anti-europeisti-di-le-pen-grandi-favoriti-alle-prossime-elezioni.aspx

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.03.15 09:48| 
 |
Rispondi al commento

ciao grillini

Ildegarda Saichebona 16.03.15 09:27| 
 |
Rispondi al commento

Com la recente operazione Draghi ci guadagnano le Banche e ci rimettono i piccoli risparmiatori e le famiglie a basso reddito. NON E' UNA GRAN NOVITA', da tempo è la regola!

POLO Nardini 16.03.15 09:13| 
 |
Rispondi al commento

La Germania e la Merkel che la rappresenta fa GLI INTERESSI della Germania.
E IN GERMANIA la sua politica funziona.
Non c´e´lavoro per tutti?
Allora si divide quello che c´e´e quando si superera´la crisi gradualmente si alzeranno gli stipendi aumentando le ore lavorative.
Risultato: stipendi bassi ma disoccupazione al 5.5%.
I bassi stipendi vengono integrati dallo stato che ti aiuta a pagare affitto e bollette.
Se hai figli cominci con 300 euro al mese per il primo e si aumenta di conseguenza.
LORO pensano che questo sia il modello da copiare perche´FUNZIONA.
Dopo la riunificazione si sono trovati con piu´di meta´della popolazione disoccupata, piu´di meta´del territorio in rovina e in pochi decenni hanno fatto prodigi.
Io vivo a pochi chilometri dalla Polonia e al di la´del confine il paesaggio e´COMPLETAMENTE diverso.
Il discorso che molti fanno che dal 1989 al 2000 la Germania ha fatto un sacco di debiti e´facilmente giustificabile mostrando le foto del PRIMA e del DOPO.
La stessa cosa non si puo´dire di un paese come l´Italia che in 70 anni non e´ancora riuscita a finire un´autostrada...
Invece di criticare, non sarebbe meglio riflettere e magari COPIARE?
La Germania e´critica con la Grecia perche´ha capito il gioco di Tsipras: accaparrare il piu´possibile e POI andare in default...
La´ nessuno e´fesso...

Patrizia B. 16.03.15 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il M5S sta risalendo. Non viene dato più a quel 25% reale preso alle politiche ma viene dato ancora al 19,9% da quei sondaggisti embedded che sono sempre a favore del Pd in quanto rifocillati da quel partito e che finora hanno sempre imbrogliato sui dati, tenendo basse le percentuali presunte del M5S e alte quelle del Pd. Malgrado questo inganno permanente, il M5S resta la seconda forza politica del Paese e, mentre il Pd viene ancora sostenuto per un 25% da elettori molto vecchi, sopra i 65 anni, il M5S è il primo partito tra i giovani e dagli anziani sopra i 65 anni prende solo un 8%. Questo ne fa una forza politica giovane e per i giovani, attirando soprattutto la parte più colta ed evoluta del Paese, i laureati, i diplomati, gli informati, i difensori di diritti civili e di democrazia, mentre il Pd continua ad essere sostenuto da un elettorato vecchio, spesso disinformato, colpito da analfabetismo di ritorno, non informatizzato e legato nostalgicamente a modelli del passato ormai traditi e distrutti, elettori vecchi che non riescono, per età, per mancanza di cultura o per massificazione televisiva a capire l’entità dei peggioramenti in corso. Del resto basta leggere l’inconsistenza e la disinformazione dei blogger piddini sui blog per rendersene conto.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.03.15 08:58| 
 |
Rispondi al commento

_____________________


prima cosa da dire è che l'interessi Russi del 17% sono stati obbligati dall'attacco degli USA e degli stati Arabi che producono petrolio...nei confronti della Russi...

il prodotto principale Russo è la produzione del Gas...e se i guadagni del gas vengono meno....hai meno introiti...

se hai meno introiti hai meno tasse...

se hai meno tasse devi attrarre investimenti nella tua economia per riempire il divario...

per attrarre gli investimenti alzi gli interessi al 17%....

lo stesso fa lo Stato Italiano...


se i rendimenti calano cioè lo Spread cala devi attrarre gli speculatori per comprarti il tuo debito ...e per fare cio devi alzare gli interessi ...se no a chi li vendi i bot ecc?


ora la Russia ha recuperato dal primo attacco alla sua economia da parte dell'Ovest...

gli interessi sono ora al 14% e non il 17%!
http://www.tradingeconomics.com/russia/interest-rate


qui il debito pubblico Russo...

quasi zero a paragone dell'Italia e o degli USA che sono indebitati fino a 17 trilioni di dollari e la Cina ne possiede circa 1,2 trilioni del debito USA...sono praticamente padroni dell'economia USA!

http://www.nationaldebtclocks.org/debtclock/russia

qui tutti debiti dei paesi...convertite al dollaro per paragonare..

http://www.nationaldebtclocks.org/#countries

riepilogando...

la Russia non ha svalutato la loro moneta...il mondo l'ha svalutata per loro!

se la Russia chiude i rubinetti del gas l'europa chiude bottega!

e quel buffone di Renzi che prima sanziona l'economia Russa e poi va a vedere Putin a prenderlo per il culo ...


Economia finlandese in decrescita per il 4' anno consecutivo. Corrotti mafiosi e pelandroni ;-)

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.03.15 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Fonte CDT:...due coniugi di santacroce sull'arno finiti sotto controllo fiscale perchè vanno 2 volte in Crociera...non è uno scherzo....
Sveglia...bisogna mandarli tutti a casa...altro che discorsi..noi italiani messi ai raggiX.
Vogliamo continuare a essere schiavi di un sistema che ci perseguita? dove sei te cittadino che devi fornire l'onere della prova a tua difesa..!
Le alleanze si fanno....certo si possano anche fare e con chi vuole "veramente" difendere i cittadini italiani e fare i loro interessi....se necessario si dovrebbe fare anche patti con il diavolo...

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 16.03.15 08:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono sempre stata favorevole all´uscita dall´euro e lo sono ancora.
PERO`...
Tutto vero che la svalutazione favorirebbe l´export etc etc.
Ma con un governo come quello attuale dare la stamapante nelle mani di certi politici sarebbe estremamente pericoloso, soprattutto perche´non ci sarebbe controllo.
Se si stampano troppi soldi si rischia che questi non valgano piu´nulla, Zimbawe e Germania insegnano.
INFATTI la Germania e´CONTRARIA a stampare euro perche´sa benissimo cosa sucederebbe e succedera´...
Non illudiamoci, il benessere non si crea stampando moneta, sarebbe troppo facile.

Aggiungo: il motivo per cui l´euro vale ancora e i paesi del sud Europa pagano interessi bassi e´dovuto prima al fatto che il mercato e´la BCE che compra titoli che nessuno compererebbe e secondo l´euro ancora vale perche´la Germania lo sostiene.
Se, come molti ingenuamente auspicano, si creasse un Europa del sud SENZA Germania, chi vorrebbe la nostra moneta?
Quanto varrebbe nei confronti del dollaro?
TUTTE le monete (compreso euro) si sono svalutate rispetto al dollaro, ma, mentre l´euro piu´o meno tiene, le altre monete hanno GROSSISSIMI problemi.
In Russia hanno dovuto alzare i tassi al 17%, in Argrntina sono andati in bsancarotta di nuovo e l´UCRAINA offre ben il 30% di interesse (che non aiuta molto, con una svalutazione del 230%)
Anche se noi fossimo meglio dell´Ucraina, non saremmo certamente meglio della Russia.
Per cui vedere SOLO i lati positivi e minimizzare le conseguenze e´a mio parere o ingenuo o criminale.
BISOGNA DIRE LA VERITA´.

Patrizia B. 16.03.15 08:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

________

Uscire dall'Euro significa che non devi piu pagare i 9-10 miliardi annui alla UE...

che poi ne stanzia solo 3-4 miliardi indietro...!

cito Monti...

la lira la svaluti a secondo le necessità del paese....

l'euro no!

e Draghi ha svalutato l'euro per effetto collaterale al QE ....

un'euro svalutato non serve all'italia...

se sono un'esportatore italiano che esporta nella UE che hanno lo stesso euro svalutato...dove trovo il guadagno di un'euro svalutato??

con la lira invece posso farlo!

percio smettiamo di dire cazzate!

john buatti 16.03.15 07:56| 
 |
Rispondi al commento

10 giugno 2012

https://www.youtube.com/watch?v=LCak4d2esgw

bAd 16.03.15 07:51| 
 |
Rispondi al commento

*Landini è a favore del reddito minimo di cittadinanza
ed è l'unico che si batta per i diritti del lavoro
Il M5S ha sempre difeso questi diritti
per cui quello che Landini dice mettendosi contro il Pd è valido anche per noi
Abbiamo sempre detto che non ci alleiamo con nessuno ma che appoggeremo sempre quello che rientra nei nostro biettivi
E dunque che problema c'è a parlare bene di Landini?
Di chi dovremmo parlare bene? Di Renzi?
Se Landini vuole promuovere una associazione civile di Italiani che si battono per i diritti del lavoro, noi ci dobbiamo essere!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.03.15 07:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo post è l'ennesimo REGALO fatto a Renzi.
Tentando di spaventare la gente con l'anti europeismo si ottengono, alle urne, percentuali da prefisso telefonico...
Nell'Euro bisognava non entrarci, oramai il danno è fatto, uscirne è da suicidio. Qualunque "povero" che ha quei 10.000 euro in BTP o altri titoli di stato si ritroverebbe con nulla in tasca. 10.000 euro di risparmi ce li hanno praticamente tutti! Nessuno -o quasi- metterebbe a rischio i propri risparmi per inseguire l'utopia.
Capre !!!

Pietro M., Genova Commentatore certificato 16.03.15 07:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

________

Fidel Castro si è ha scopato...35'000 donne
http://www.ticinonews.ch/curiosita/150785/fidel-castro-e-le-sue-35-000-donne

john buatti 16.03.15 05:12| 
 |
Rispondi al commento

_______

sentitevi questo..

http://rss.infowars.com/20150315_Sun_Alex.mp3

john buatti 16.03.15 04:56| 
 |
Rispondi al commento

_______________Roma, affitti d’oro pilotati dai boss

1)

tenete conto che l'articolo è del 14 dicembre 2014...

Marino era il primo cittadino (Roma capitale..)


Roma, affitti d’oro pilotati dai boss:
case in periferia a 2.700 euro al mese
Il Comune pagava, per Buzzi e costruttori, canoni folli per le famiglie in difficoltà. Per l’imprenditore Pulcini un giro d’affari di 9 milioni. Anche Totti tra i proprietari. E Marino vorrebbe passare dai canoni a un contributo diretto alle famiglie bisognose

ROMA - Duemilasettecento euro al mese: lo stipendio di due impiegati comunali, oppure la pigione di un appartamento signorile ai Parioli. Impossibile credere che il Comune di Roma possa spendere una somma simile per l’affitto di un alloggio in un residence di periferia. Prima, naturalmente, di aver visto le cifra che il Campidoglio spende per la cosiddetta emergenza abitativa. Ovvero, circa 43 milioni l’anno. Più le bollette delle utenze. Soldi, quei 43 milioni, incassati dai costruttori che affittano immobili al Comune, e dalle cooperative sociali come il Consorzio Eriches 29 di Salvatore Buzzi. Con risvolti paradossali, più volte segnalati nelle sue interrogazioni dal solito consigliere comunale Riccardo Magi, recentemente eletto presidente dei Radicali italiani. E non soltanto per i costi, oggettivamente astronomici.

Alloggi assegnati senza graduatorie

Un imprenditore romano filmato mentre consegna una tangente
Un imprenditore romano filmato mentre consegna una tangente
Un esempio? Per gli 84 alloggi dell’Immobiliare San Giovanni 2005 del costruttore Antonio Pulcini -lo stesso finito agli arresti insieme al fratello Daniele, nell’ottobre scorso, per una tangente su una concessione demaniale (leggi) - in vicolo del Casale Lumbroso il Campidoglio spende 2.690.753 euro: 2.669 euro al mese per ciascuno.

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_dicembre_14/roma-affitti-d-oro-pilotati-boss-case-periferia-2700-euro-mese-778ede0a-8370-11e4-a2cc-02f7f9acc66f.shtml

john buatti 16.03.15 03:18| 
 |
Rispondi al commento

_______________Roma, affitti d’oro pilotati dai boss

2)

In discussione, soprattutto, sono le modalità con cui gli alloggi venivano di regola assegnati: senza graduatorie e i dovuti controlli sulle situazioni patrimoniali dei nuclei familiari. Con il risultato che l’emergenza «temporanea» si trasforma sempre in emergenza stabile, con le famiglie (circa 1.850) che restano perennemente a carico del Comune pure quando viene accertata la mancanza dei requisiti. Anche perché le ordinanze di sgombero quasi mai vengono eseguite.
Una casa anche ai «neri» del Popolo di Roma
In una di queste strutture, quella di via Giacomini di proprietà della Immobiliare commerciale srl, era addirittura ospitata la sede dell’organizzazione della destra romana Popolo di Roma. Quello dell’assistenza all’emergenza abitativa è un meccanismo a geometrie variabili. C’è il cosiddetto «vuoto per pieno», che consiste nell’affittare un immobile intero, pagandolo indipendentemente dal fatto che tutti gli alloggi siano o meno occupati. In qualche caso al canone si somma il costo del servizio di «portierato sociale»( ?!) o «guardiania» (?!) affidato a una cooperativa: per cifre niente affatto simboliche.

Alla Eriches 29 5 milioni di euro nel 2012
Lo sgombero di un edificio occupato a Roma
C’è poi l’assistenza alloggiativa diretta da parte delle coop sociali. Il Comune paga a queste una retta a persona, e la coop provvede all’alloggiamento e ai servizi. In questo caso il costo di aggira fra i 23 e i 24 euro a cranio. Il che significa oltre 2.100 euro al mese per un nucleo familiare di tre persone. Il Consorzio Eriches 29 di Buzzi ha incassato per il solo 2012 una cifra superiore ai 5 milioni di euro per 584 persone: 720 euro mensili per ognuna di queste.

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_dicembre_14/roma-affitti-d-oro-pilotati-boss-case-periferia-2700-euro-mese-778ede0a-8370-11e4-a2cc-02f7f9acc66f.shtml

john buatti 16.03.15 03:18| 
 |
Rispondi al commento

_______________Roma, affitti d’oro pilotati dai boss

3)

E in aggiunta un milione circa per i servizi di guardiania in due strutture, della Immobiliare Pollenza e della Investimenti Roma 2006. Entrambe riconducibili alla famiglia di Antonio Pulcini (del quale si è ricordato sabato il coinvolgimento nell’inchiesta sulle presunte tangenti al deputato pd Marco Di Stefano), che con 4 immobili affittati al Comune (gli altri due sono quelli della New Esquilino e, appunto, della Immobiliare San Giovanni 2005) risulta il soggetto privato più attivo in questo business. Il giro d’affari annuale con il Comune di Roma si aggira intorno ai 9 milioni: più di un quinto del totale.

Coinvolti la Armellini e la «leghista» A4 holding

Ma nell’elenco non manca la famiglia Armellini, proprietaria del Park Hotel Costanza attraverso una società lussemburghese (la Soloverte finance sa), come pure gli eredi del conte Romolo Vaselli (Nuova patrimoniale srl), mentre la Serenissima Sgr, che incassa circa tre milioni e mezzo l’anno ci porta fino alla A4 holding, la società che controlla l’Autostrada Brescia-Padova presieduta dall’ex presidente leghista della Provincia di Vicenza Attilio Schneck. Quindi nomi come quelli dei gruppi Baldassari, Amore, Caporlingua...

Esplora il significato del termine: L’immobiliare del fratello del calciatore

La palazzina di proprietà della famiglia Totti (Jpeg)
Infine, la Immobiliare Ten amministrata da Riccardo Totti (cui Corriere.it aveva dedicato un’inchiesta già nel febbraio 2011 - leggi) , fratello del capitano della Roma calcio e bandiera della città, Francesco Totti, a cui fa capo il pacchetto di maggioranza. L’immobiliare del fratello del calciatore


Infine, la Immobiliare Ten amministrata da Riccardo Totti (cui Corriere.it aveva dedicato un’inchiesta già nel febbraio 2011 - leggi) , fratello del capitano della Roma calcio e bandiera della città, Francesco Totti, a cui fa capo il pacchetto di maggi [...]


________________

1)

Affitti agevolati del Comune

C’è anche la onlus di Marino

L’associazione «Imagine», a cui è legata anche l’assessore Alessandra Cattoi, paga _____162 euro____ al mese e la sua sede non è tra quelle in vendita


ROMA - Fu uno degli ultimi «veleni» della campagna elettorale 2013. Poi, per più di un anno e mezzo, sulla onlus del sindaco Imagine è calato in silenzio.

Adesso, però, l’associazione torna d’attualità sulla questione degli immobili del Campidoglio.

Perché da una parte c’è la vendita del patrimonio, 751 appartamenti inseriti dalla giunta in una lista (poi parzialmente modificata).
_____
Ma, dall’altra, c’è il tema delle concessioni: nate per dare una sede ad associazioni, partiti, istituzioni culturali o di volontariato, ma che - nel tempo - sono diventate un modo per aiutare gli amici degli amici.

Rischio conflitto di interessi

Anche la onlus fondata da Marino, dal 2005, è in un edificio del Comune di Roma: a via dei Volsci, piena San Lorenzo. E, naturalmente, quel locale non è nella lista di quelli messi in vendita dalla giunta. Tutto normale? Più o meno.

Perché se è vero, come dicono nello staff del sindaco, che «le sedi date in concessione non possono essere alienate», è anche vero che oggi - a decidere sulla materia - è l’assessora al Patrimonio Alessandra Cattoi, per molti la «zarina» del Campidoglio, braccio destro di Marino. E, incidentalmente, una delle fondatrici della onlus Imagine, come risulta dall’atto costitutivo del 25 gennaio 2005, siglato di fronte al notaio.

Tra i soci, figura anche l’amico «romanista» di Marino (Guido Maria Filippi) e Claudia Cirillo, altra collaboratrice storica di Marino fin da quando faceva il chirurgo (si occupava, in particolare, del think thank di Ignazio, che si chiama I-think ).

Anche lei, adesso, ha un posto in Campidoglio: fa parte della segreteria del vicesindaco Luigi Nieri, che prima della Cattoi aveva la delega al Patrimonio.

john buatti 16.03.15 02:59| 
 |
Rispondi al commento

______________

2)

Affitti agevolati del Comune

La replica del Campidoglio
E il rischio di conflitti d’interesse?

Nell’entourage di Marino giurano di no: «Cosa c’entra il fatto che la Cattoi sia al Patrimonio? L’assegnazione della sede è del 2005 e oltretutto Marino all’epoca non era neppure senatore». E non è inopportuno che sindaco e assessora decidano su una materia nella quale sono coinvolti direttamente? I consiglieri del sindaco sulla comunicazione insistono: «Una volta eletto, Marino ha lasciato tutte le cariche nella onlus. Cosa avrebbe dovuto fare, sfrattarla?».

E il canone di concessione? «Sono 162 euro al mese, ma vennero fatti lavori per 22.400 euro, mai scomputati dall’affitto.

Scade ad aprile 2015». La Cattoi si difende: «So che il consigliere Onorato (lista Marchini, ndr ) ha messo in giro elenchi di immobili del Comune che non sono in vendita. Si tratta di immobili dati in concessione nel passato dal Comune ad associazioni, ambasciate, enti religiosi, partiti. E, proprio perché in concessione, si tratta di beni non alienabili. Onorato non sa di che parla, oppure immagina che la sede della Caritas possa essere messa in vendita».

Opposizione all’attacco
Onorato ribatte: «L’assessora avrebbe dovuto vigilare affinché il Comune pubblicasse online l’elenco completo dei beni.

I dati li abbiamo avuti grazie all’intervento delle forze dell’ordine e ora abbiamo capito il perché:

tra i miracolati c’è anche la onlus Imagine che paga meno di 200 euro a San Lorenzo. Ci aspettiamo pubbliche scuse e le dimissioni della Cattoi».

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_febbraio_19/affitti-agevolati-comune-c-anche-onlus-marino-9a798c9e-b809-11e4-8ec8-87480054a31d.shtml

john buatti 16.03.15 02:59| 
 |
Rispondi al commento

________________

3)

Affitti agevolati del Comune

Onorato cita anche altri casi: «Appartamenti affittati a pochi spiccioli ad attività commerciali, studi professionali, enti privati, associazioni e fondazioni _____riconducibili a partiti_____ o personaggi politici».

Tra gli esempi «un ristorante di via Appia Antica, un bar a via dei Campi sportivi, un supermarket di prodotti africani a piazzale della Radio, ____un vivaio a Vigna Murata, un distributore a via delle Terme di Traiano, un paio di stabilimenti di Ostia».

_____
Tutti con canoni irrisori: chi 12 euro, chi 25, chi quattro. Chi, addirittura, 22 centesimi.

Per qualcuno, una vera cuccagna. Marino, comunque, va avanti. Mercoledì ha visto il commissario del Pd Matteo Orfini e i consiglieri comunali: «Tutti favorevoli alle dismissioni», dice il sindaco.

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_febbraio_19/affitti-agevolati-comune-c-anche-onlus-marino-9a798c9e-b809-11e4-8ec8-87480054a31d.shtml

john buatti 16.03.15 02:59| 
 |
Rispondi al commento

_____________ Affittati agevolati anche al PD

1)

La giunta capitolina ha annunciato che riporterà condizioni di corretta regolamentazione rivedendo le concessioni esistenti sulla gestione del patrimonio del Comune di Roma e sugli scarsi proventi che da esso derivano al Campidoglio. No, non è una promessa di oggi, nemmeno dell’ Affittopoli romana del 2011. E non risale neppure al periodo che va dal 2001 al 2008, anni in cui di «regalie comunali» se ne videro una caterva. E per chi avesse qualche sospetto, nemmeno il 1995, anno della prima mega inchiesta sugli affitti agevolati degli enti previdenziali, vanno collocate quelle nobili parole.
Risalgono, anche se è difficile crederlo, al 1989, e si affiancavano all’annuncio del ritiro della delibera che permetteva ad enti, associazioni, istituzioni e privati, di occupare locali nel centro storico di Roma senza pagare alcun canone d’affitto. E in ballo c’era anche un’inchiesta giudiziaria. Ma da allora nulla è cambiato. Il Comune di Roma, infatti, continua a far fruttare il suo patrimonio immobiliare in percentuali da prefisso telefonico, affittando a due lire e incassando ancora meno con la vendita. Il canovaccio è sempre lo stesso: il «potente» che riesce a impossessarsi delle case nelle migliori zone della Capitale tirando fuori di tasca cifre irrisorie; partiti, quasi sempre di sinistra, che occupano locali comunali pagando un canone ribassato dell’80 per cento oppure campando di morosità; ristoranti e hotel collocati in pieno centro a canone stracciato. «Affittopoli», certo, ma anche «svendopoli». Tra il 2001 e il 2008, anni in cui a guidare il Comune c’è Walter Veltroni, la vendita di oltre 2mila case del patrimonio immobiliare comunale frutta, infatti, il 15 per cento del valore.

http://www.iltempo.it/roma-capitale/2015/02/12/dal-figlio-del-ministro-alle-sedi-pd-quando-la-storia-dal-1989-si-ripete-1.1377233

john buatti 16.03.15 02:41| 
 |
Rispondi al commento

_____________ Affittati agevolati anche al PD

2)


E fra i beneficiari c’è anche il figlio dell’ex ministro dell’Economica Vincenzo Visco, Gabriele, che il 30 ottobre 2006 acquista una casa alle spalle di piazza Campo dei Fiori. Prezzo: 910mila euro per un appartamento di 154 metri quadrati. E oggi il nome di Visco junior rispunta indirettamente fuori perché fra i locali che fanno parte della lunga lista di immobili affittati a prezzi di favore, c’è anche un esercizio commerciale nello stesso stabile dell’appartamento del figlio dell’ex ministro. Ma di affaroni, in quegli anni, ce ne furono tanti. Non è un caso, dunque, se nel 2008, quando al Comune arriva Gianni Alemanno, viene messa su una commissione d’inchiesta col compito di verificare il rispetto delle procedure di locazione e vendita del patrimonio comunale. Escono fuori pure sedi del Pd. Una decisione scaturita da un servizio del Tg1 nel quale si parla di 900 immobili messi in vendita tra il 2001 e il 2007. E anche la procura di Roma apre un fascicolo per abuso d’ufficio per indagare sugli immobili ceduti nel 2007 (per i casi precedenti il reato era prescritto), acquisendo la lista dei locali assegnati da istituti di case popolari gestiti dal Comune. Risultati? Nessuno. In quello stesso anno, infatti, Confedilizia, allarmata, afferma: «L' aspetto sconcertante di e alloggi popolariquesta vicenda variamente chiamata affittopoli o svendopoli, è che si tratta di una vicenda periodica che ogni tanto salta fuori». E nella fasi delle «agevolazioni speciali» rientra anche il nome della senatrice Anna Finocchiaro, che acquista per le figlie, compratrici ufficiali, un appartamento a due passi da San Pietro: 180 mq a 754mila euro, venduto dalla Cassa nazionale del notariato.
La prassi è sempre quella, insomma, da sempre. Nel 2001, ad esempio, e siamo in epoca Francesco Rutelli, salta fuori che gli immobili dell’Asl gestiti dal Comune di Roma facevano registrare, ad esempio, appartamenti in via dei Coronari, pieno cen

john buatti 16.03.15 02:41| 
 |
Rispondi al commento

_____________ Affittati agevolati anche al PD

3)


La prassi è sempre quella, insomma, da sempre. Nel 2001, ad esempio, e siamo in epoca Francesco Rutelli, salta fuori che gli immobili dell’Asl gestiti dal Comune di Roma facevano registrare, ad esempio, appartamenti in via dei Coronari, pieno centro, affittati a 230mila lire. Oppure 700mila lire per una casa di 270 metri quadri a piazza Navona. Ma nel 2011 il problema si ripresenta, quando emerge che nel biennio 2006-2007, case di pregio del Comune e dell’Ater sono state vendute a prezzo che con le regole del mercato non hanno nulla a che fare. E così a due passi da piazza Mazzini un appartamento di 96 metri quadrati viene venduto a 81mila euro; un altro in via della Farnesina, 74 mq, a 45mila euro; un terzo a piazza Navona, 113 mq a 400mila euro. La pacchia infinita.

http://www.iltempo.it/roma-capitale/2015/02/12/dal-figlio-del-ministro-alle-sedi-pd-quando-la-storia-dal-1989-si-ripete-1.1377233

john buatti 16.03.15 02:41| 
 |
Rispondi al commento

____________IL sindaco Marino (PD)

Scandalo affittopoli a Roma: case del Comune in centro a 52 euro al mese

E' stata soprannominata "Affittopoli" o "Svendopoli" l'inchiesta che sta tentando di fare luce sullo scandalo degli affitti stracciati del comune di Roma. Lo riporta il Corriere della Sera, che rivela i numeri sconvolgenti della gestione capitolina dei propri immobili. Per affittare uffici e appartamenti e per gestire il patrimonio immobiliare comunale, il Campidoglio ha speso nel 2013 138,9 milioni di euro, per un incasso 27,1 milioni di canoni per i propri beni affittati a privati. Le perdite ammontano a 111,8 milioni l'anno, ovvero quaranta euro per ogni cittadino.
Le case del Campidoglio venivano date in affitto a prezzi stracciati, a un canone medio mensile di 52 euro al mese, contro i 4mila euro al mese che il Comune spendeva per appartamenti privati destinati all'emergenza abitativa.
A far scoprire lo scandalo la decisione della giunta Marino di dismettere 751 immobili di proprietà comunale per "fare cassa". L’84% di questi 751 immobili, rivela il Corriere, era occupato da inquilini abusivi, per cui si è accumulata una gigantesca evasione: 8 milioni di canoni mai versati, calcola La Repubblica. A cui si aggiungono 17,5 milioni di bollette non pagate, con un danno erariale che si aggira attorno ai 25 milioni.
In Campidoglio si è insediata una task-force guidata dall'assessore alla Legalità Alfonso Sabella. "Il sindaco Marino mi ha chiamato sabato e mi ha chiesto di svolgere un'istruttoria che chiuderò entro un mesetto", ha dichiarato. "Sulla base dei dati in nostro possesso, cercheremo di capire se tra le case in vendita ci sono situazioni di illegalità, in particolare sotto due profili. Uno è il subaffitto e relative speculazioni; l'altro riguarda le occupazioni sine titulo".
http://notizie.virgilio.it/videonews/scandalo-affittopoli-a-roma-case-del-comune-in-centro-a-52-euro-al-mese.html

segue sotto


Poroshenko (Porky per gli amici) ha dichiarato che l'Ucraina ha concluso accordi per la fornitura di armi con 11 paesi europei. Uno, lo so per certo, è L'Inghilterra, infatti la Russia ha ritirato l'ambasciatore a Londra.

Una domanda lecita è: con quali soldi le stanno comprando? Con quelli appena prestati dal FMI? Uno Stato in bancarotta giustamente cosa fa come prima cosa per il suo popolo? Compra armi, ovvio.

Una interrogazione parlamentare per sapere se tra questi 11 stati ci sia anche l'Italia io la farei alla Pinotti, vedi mai che ci siamo anche noi tra i fornitori...

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.03.15 00:29| 
 |
Rispondi al commento

Ma come mai tutti i premi Nobel per l''economia sono contrari alla permanenza di Paesi come l'Italia nell'euro? Che poi è' il Marco vestito da euro? da Stigliz a Krugman, da Friedman a Amartya Sen, fino a Mirrlees... Sono tutti dei dilettanti? mentre Draghi e gli altri burocrati di Bruxelles sono dei maghi della economia? Ma gli danno a caso i premi Nobel a Stoccolma? Mentre a capo della Commissione Europea c'è' uno Junker che fino a ieri favoriva la delocalizzazione fiscale delle multinazionali nel suo Lussemburgo? E Draghi conta più' di tanti capi dello Stato e primi ministri europei rispondendo solo alle banche e alla finanza internazionale?

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 15.03.15 23:53| 
 |
Rispondi al commento

L'EURO E' UN PIOMBO......


http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/06/uscita-dalleuro-quelli-che-la-benzina-andrebbe-a-3000-lire/1317342/

Jo 15.03.15 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe che si facesse meno populismo e si pensasse prima di tutto alla realtà.
Se domani stesso si decidesse di tornare ad avere una moneta nazionale, QUANTI DI VOI ANDREBBERO IN BANCA A CAMBIARE I SOLDI?
Chi è che spende moneta forte per comprare moneta debole?
Siamo seri, dai.

David Piccinini, Sant'Angelo in Vado Commentatore certificato 15.03.15 23:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cari lavoratori iscritti al sindacato. state sereni perchè il lavoro non aumenterà per numero di occupati, ma aumenterà la produzione del singolo operaio in base alle frustate somministrategli dal padrone spalleggiato dallo staf governativo. il sindacato strillerà abbastanza per rendersi credibile al popolo bue ,ma alla fine andrà ad un'accordo sempre e comunque col vecchio e collaudato stile del carciofo. in pratica si tratta spogliare il bue come se si trattasse di un carcioffo foglia per foglia ogni foglia un diritto perso.il padrone non ci rimette mai ,e ogni contratto siglato il sindacato incassa di più. il sindacato oltre alle quote degli iscritti lavoratori e pensionati prende anche una cifra ai non iscritti per tacito accordo tra padroni e governo . in torno al sindacato ruotano tantissime persone per intero o quasi nullafacenti.ricordatevi che se volete mollare la tessera dovete farlo 4 mesi prima che finisca l'anno , altrimenti vi fanno pagare ancora un'altro anno . ricordatevi che ce stato un referendum per eliminare il prelievo alla fonte ed e stato disatteso al pari della casta politica . infatti loro sono una casta sindacale.

andrea a44, genova Commentatore certificato 15.03.15 23:27| 
 |
Rispondi al commento

vi siete inventati un avversario che esiste solo sui libri di storia e forse nemmeno lì

un disastro politico e non mollate come vi dice il famoso motto

piuttosto date una craniata contro le mura di casa vostra e finitela qua

jean paul marat 15.03.15 23:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

-------------PER TUTTI E PER NESSUNO--------------

L'Europa e non solo, avrebbe una speranza di disporre di un futuro dignitoso, solo se si esplodesse quell'embrione di guerra civile/razziale che è latente negli U.S.A.
Io credo che, anche per gli U.S.A. stessi sia strettamente necessario risolvere questo problema, che difficilmente si potrà risolvere senza un "chiarimento" traumatico.
Speriamo che gli U.S.A. chiariscano quanto prima la situazione.

Ci provò a risolvere il "problema" pacificamente Martin Luther King, ma lo fecero fuori: non ne verranno altri come lui.

Ci provò, più rudemente, Malcom X: fecero fuori anche lui: non ne verranno altri come lui.

I prossimi saranno orde di semianalfabeti che avranno come esempio l'ISIS.
Dalla fine della guerra di secessione, gli U.S.A. non provarono mai più l'orrore della guerra sul loro territorio e non sarebbe male, per il bene dell'umanità, che una guerra civile/razziale ricordi loro l'effetto che fa.

SARA' COSI'


«Una storia sporca in tutto e per tutto, ma nel tragico seguito di questo colpo di stato, l'Occidente ha mantenuto la narrazione dominante della 'Russia in Crimea' mentre il vero racconto da fare è 'gli USA in Ucraina'. La verità non sta andando in onda in Occidente», ha scritto Stone. «È una perversione surreale della storia che si manifesta ancora una volta, così come fu nella campagna di Bush pre-Iraq sulle "armi di distruzione di massa". Ma credo che la verità verrà finalmente fuori in Occidente, me lo auguro, in tempo per fermare ulteriori follie.»

http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=114089&typeb=0&Oliver-Stone-Le-Impronte-digitali-della-CIA-su-tutto-il-massacro-di-Kiev

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 15.03.15 23:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'euro è insostenibile da un punto di vista logico: con l'euro lo stato per fare spesa pubblica deve cercare denaro con le tasse o prendendo a prestito il denaro a tassi stabiliti dalle banche. quando fa spesa pubblica per stipendi, opere pubbliche eccc. immette nel sistema una certa quantità di denaro. quando tassa toglie una certa quantità di denaro. ci sono tre possibilità:
1- spesa a deficit cioè immette più di quanto toglie es spende 100 e tassa 90. Il paese si arricchisce di 10 ma lo stato accumula debiti e interessi e sul lungo periodo i creditori finiscono per chiedere tassi di interessi più alti o potrebbero perfino non finanziare più lo stato=default.

2- pareggio di bilancio cioè lo stato spende 100 e tassa 100. Non rimane nulla nel paese, si limita la possibilità di fare investimenti, molte aziende falliscono per le tasse elevate si crea disoccupazione e tagli allo stato sociale. L'unica possibilità di far entrare denaro dal sistema è dagli scambi commerciali ma per farlo occorre deprimere la domanda interna (cioè impoverirsi per ridurre le importazioni) Non si riduce comunque il debito di cui si dovranno pagare gli interessi.

3- surplus di bilancio (situazione attuale) lo stato spende 100 e tassa 110, il paese si impoverisce ulteriormente, i salari si abbassano e i servizi sociali vengono tagliati. Si erode il risparmio privato aumenta la disoccupazione, le aziende fuggono all'estero o vengono svendute.Problemi sociali catastrofici (Grecia)
Il debito può ridursi a patto che il surplus superi gli interessi sul debito.

Italia degli anni '70 con moneta sovrana, inflazione, corruzione, mafia ed evasione fiscale in 30 anni da paese in macerie a sesta potenza al mondo e con il risparmio privato più alto al mondo...

Francesco Ragazzi, Bergamo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.03.15 23:03| 
 |
Rispondi al commento

buona notte ai monelli del blog

old dog 15.03.15 23:02| 
 |
Rispondi al commento

COME HA FATTO IL SINDACUCCIO
SCONOSCIUTO A DIVENTARE PRES. CONS.? FAAACILE...GUARDA QUI

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2012/06/21/news/berlusconi-il-piano-per-renzi-premier-1.44520

Jo 15.03.15 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Ci imbrogliano su tutto
Studino per imbrogliare
Hanno modificato l'informazione aggiungendo brogli
a quando l'ultimo colpo in canna?

luca cappilli 15.03.15 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Che tristezza e che delirio vedere fiorire tanti partitucoli politici ogni volta che si profila un evento elettorale.per me non servono a niente dal punto di vista politico. servono solo a dissolvere il voto di coloro che avrebbero o non votato o votato vomitando il solito partito di potere. Landini ha fondato questo coso, inutilmente, visto che riteneva che la politica non fosse cosa sua. un partito non partito, ma guarda un pò. un partito per coloro che vogliono protestare contro un sistema, ma guarda un pò. insomma uno sbiadito copia incolla del Movimento 5 Stelle. ma se esiste già, che ca22o lo fai a fare. aaaaaaaaaahhh già, forse qualcuno gli ha suggerito di essere alternativo al M5S , ma carissimo Landini, perchè non ti unisci a noi? ...o speri solo di sottrarci voti come fa la stampella del pd? bisogna mangiare molto pane per arrivare al 25%... Stai Sereno .

giovanni f. vicino Caserta 15.03.15 22:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avete letto gli ultimi sondaggi Ipr TG3 di due giorni fa? Tra gli altri risultati anche:

- Il 53% degli italiani è favorevole ad un dialogo tra PD e M5S, contrari il 32%, indecisi il 25%.
- Tra gli elettori del Movimento 5 Stelle, il 57% è favorevole, il 14% è contrario, il 29% non sa.
-Tra gli elettori del PD il 76% è favorevole, il 19% è contrario, il 5% non sa.

http://it.blastingnews.com/politica/2015/03/ultimi-sondaggi-politici-ipr-tg3-e-intenzioni-elettorali-ok-al-dialogo-tra-m5s-e-pd-00306319.html

Luca 15.03.15 21:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LANDINI? NO, GRAZIE.

E basta a cadere nelle trappole.

1) NO AL REATO DI CLANDESTINITA': Quanti voti abbiamo perso?

2)URLO A S. GIOVANNI DEL NOME BERLINGUER: Quanti voti abbiamo perso?

3)REDDITO CITTADINANZA: Quando bombarderanno i media che i 780 Euro se li papperanno pure gli stranieri, quandi voti perderemo?

4) SUPERAMENTO CAMPI NOMADI ED ASSEGNAZIONE DELLE CASE: Quanti voti perderemo?


Allora vorrei sapere a che gioco giochiamo, se siamo masochisti o se al contrario vorremo provare a vincere .

E allora fuori solo e dico SOLO i nostri 20 punti.

Vogliamo incidere? Vogliamo vincere? Bene si parla allora solo di questo: Ripeto Solo di questo:Le nostre battaglie:

1)ONESTA' IN POLITICA,FUORI I LADRI DAL PARLAMENTO
2)RESTITUZIONE STIPENDI,
3)RIDUZIONE TASSE
4)DIMINUZIONE DELL'IVA
5)PIGNORAMENTO PENSIONI SCANDALOSE
6)AUMENTO PENSIONI
7)ELIMINAZIONE IRAP
8)ABOLIZIONE EQUITALIA
9)ABOLIZIONE IMU 1 CASA
10)NO PIGNORAMENTO 1 CASA.

Bastamo questi, più che sufficienti. il resto lasciamo stare, è meglio
, oppure sbaglio se affermo che Salvini, con 1 SOLO ARGOMENTOè salito al 16%.

Famose furbi,se volemo vince, dicono da ste parti.

Landini, sta bene dove sta.

Mauro T., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 21:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' parlando contro l'euro che speriamo di riguadagnare il 25% o il 30% magari?
Interessante strategia.
Quante firme a oggi? Io ho firmato (per solidarietà con il Movimento, non per convinzione) e con me quanti, si potrebbe sapere?

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.03.15 21:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cafferino a 5 stelle qui!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 21:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco la mentalità di mortadella e dirigisti vari:

http://blogs.wsj.com/source/2011/10/31/did-the-euros-architects-expect-it-to-fail/


best

claudio g., villorba Commentatore certificato 15.03.15 21:17| 
 |
Rispondi al commento

L' euronazismo della moneta è nazismofinanziario, nazismoeconomico.

Uccidere le Persone con stenti e miseria, vessazioni e leggi (Equicanaglia) per rubare case, proprietà e oggetti valore sentimentale, senza nessuna possibilità di riavere i propri ricordi, gli oggetti di affetto, il futuro dei propri Figli/e.

Hanno rifatto le stesse cose come negli anni prima della Guerra, con leggi ad hoc, e noi a pensare come cavarcela ogni santo giorno, ce la farò a sfamare i miei figli, riuscirò a sopravvivere?

E Voi Stronzi di politici sempre più tronfi di vanità, avidità andate in chiesa a confessarvi e venite assolti da un'uomo che porta le sottane e alla fine vi benedice, mentre IO stramaledico chi vi assolve ed il vostro dio altro non è che superstizione e Vi DISPREZZO e Vi SPUTO la mia collera, la mia disperazione, imprecando tutto il male possibile ed immaginabile a Tutti Voi, ai vostri figli, nipoti e pronipoti, finchè la Vostra stirpe, genia non rimanga traccia, si dissolva come neve al sole, con gemiti di crescente dolore. Vi porgo l'altro lato della stessa medaglia, stolti ed incapaci.

La democrazia non è mai esistita e mai esisterà.
(Utopia, pura utopia)

Ho letto ieri un sotto commento, in democrazia tutti possono dire i propri pensieri, ed i politici non sono obbligati ad ascoltarli.

syly d. Commentatore certificato 15.03.15 21:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dal Wall Street Journal, scolpiamoci nella memoria chi è il prete falso, alias Mortadella:

http://blogs.wsj.com/source/2011/10/31/did-the-euros-architects-expect-it-to-fail/

best

claudio g., villorba Commentatore certificato 15.03.15 21:11| 
 |
Rispondi al commento

..se oggi siamo attorno al 20% come intenzione di voto, ...con il Landini in politica...quanti ce ne ritroveremo ?

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 15.03.15 20:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma basta con questa sciocchezza del referendum !


Con i banchetti arrancate da mesi e non avete raggiunto neppure 100.000 firme ...
E Beppe che a dicembre 2014 scriveva sul blog:
" Il nostro obbiettivo è portare milioni di firme".....

D'altronde non ci crede neppure Casaleggio che uscire dall'euro sia la soluzione, come dichiarò chiaramente in un video nel 2013:

http://www.qelsi.it/2014/casaleggio-contro-luscita-dalleuro-non-e-quello-il-problema/

mario 15.03.15 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Con il QE arrivano 150 miliardi ma le banche sono pronte al drenaggio. L'allarme di Codacons e Cgia Redazione su Controlacrisi di lunedi 9 marzo
Dal Quantitative easing, che oggi comincerà a far parlare di sé nel concreto della quotidiana battaglia sulle piazze finanziarie, tutti si aspettano miracoli. La “trinità salva-crisi” di cui fa parte insieme a euro debole e prezzo del petrolio non smette di affascinare i tanti cantori del potere sparsi qua e là nelle varie redazioni dei giornali italiani. Chi, come i giapponesi, il QE l'ha inventato, dice che è pura favola l'aspettativa di un aumento dell'inflazione. E quindi Draghi dovrà correggere il tiro. Ma potrà ancora farlo visto che queste sono le ultime munizioni che sta sparando? Se il QE fallisce rimane solo il default. Anche per un fan come l'economista Giacomo Vaciago, l'effetto QE va in qualche modo "sussidiato". La Bce con il Qe, ricorda Vaciago, "non presta liquidità (come negli interventi precedenti, ndr), la immette nel sistema e chi non la vuole puo' solo mandarla fuori dall'Europa, investirla in America, in Cina, ma non puo' distruggerla. Se la liquidita' non va verso la domanda interna, allora partono le esportazioni, che per noi italiani e' meglio di niente, ma che non bastano a far decollare l'economia. L'importante perciò, in questa fase, è riuscire a trattenere la liquidità, dandola a banche che siano convinte che, a questo punto, conviene riprendere a finanziare di nuovo l'economia, in particolare l'edilizia, cioe' affidarsi al terzo canale". In America,bsottolinea Vaciago, c'è voluto un anno e mezzo per far risalire i prezzi delle case, non e' un'operazione che si fa a breve, ma e' quello che serve". Insomma, bene che ci vada assisteremo ad un aumento del costo della vita! Tra le righe, quello di Vaciago sembra un po' un appello alla "buona volontà" degli istituti di credito. La buona volontà in economia "non fa mercato".

E così tra un tesoretto italiano di sei miliardi, ricavato direttamente d

Franco Rinaldin 15.03.15 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Lasciate stare Landini...noi operiamo su un altro piano...noi siamo sopra!
Landini sta lottando nella merda sindacale!
Manca il lavoro,mancano i lavoratori,mancano le tessere eppure....son divisi, continuano allegramente ad essere divisi.
In alcune categorie di lavoratori si contano fino a 12 sigle sindacali.
Ma ha senso ancora tutto questo?
Io direi di si solo per le poltrone sindacali quali trampolini per la politica.
Poveri lavoratori!
Pensare che oggi forse il sindacato più forte(numero tessere) è quello dei pensionati.
Pensate che ad un Caf...per un 730,mi hanno fatto la tessera sindacale,senza chiedere l'autorizzazione,ad una 93 enne.
Sono proprio diventati dei burocrati:bei tempi quelli del consociativismo e della solidarietà!

oreste, m., SP Commentatore certificato 15.03.15 20:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SONO MESI CHE NON SCRIVO . STARE ALLA FINESTRA E' SERVITO PER SEDIMENTARE UN IDEALE .
SAREBBE TUTTO PIU' SEMPLICE SE M5S SI ADOPERASSE PER APPLICARE IL SUO PROGRAMMA ELETTORALE DELLA PRIMA ORA PUBBLICATO ON LINE.
E' ALTRESI' VERO CHE OCCORRE RISPONDERE DIRETTAMENTE AI SOLITI TIRAPIEDI DEL REGIME MENTECATTOCOMUNISTA E QUINDI FACCIAMOCI VEDERE DI PIU' ON LINE IN TELEVISIONE E QUANT'ALTRO POSSA DARCI VISIBILITA' .
RESTA IL FATTO CHE IL NOSTRO PROGRAMMA VA DIFFUSO COME IL LIBRETTO ROSSO DI MAO TSE DONG OVUNQUE SIA POSSIBILE : LA GENTE VA ISTRUITA E INTERESSATA E FORZATA A DISCUTERE E PARTECIPARE .UNO VALE UNO DICEVAMO VERO? E ALLORA ?

vanni bianchi 15.03.15 20:36| 
 |
Rispondi al commento

9 voti alla poesiola (ed è lardo che cola ahahah fa puro rima!) daa Caporuscio, se tratta de un mistero glorioso e puro annoso de sto blog disatroso ahahah che poeta no?

Leopoldo Bastone 15.03.15 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Oggi è la giornata mondiale della buona azione perciò a questo scopo a voi traditori indico volentieri la strada per andarvene affnclo!★★★★★

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 15.03.15 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Fonte Televideo ore 14.50 pag. 828

OCSE in 10 anni il reddito medio degli italiani è aumentato del 28,5%, passando da 23.113 euro a 29.704 euro.

Pensano che crediamo ancora alle barzellette, agli imbonitori di piazza, ai venditori di ciofeche, e alla minchia del loro cervello sincopato.

syly d. Commentatore certificato 15.03.15 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho sentito il bomba che vuole mettere mano ai sindacati e ai partiti....azzo il Furher era più bono!
Aooo...non ve ne siete accorti che siamo in una dittatura....ma cosa ci vuole per svegliare gli italiani?
Mah...quando saremo col culo in terra ,forse ci alzeremo...per prenderlo meglio!
A proposito di euro,questa è democrazia capitalistica: mors tua vita mea!

oreste, m., SP Commentatore certificato 15.03.15 20:25| 
 |
Rispondi al commento

...per me possono far tutti politica...tranne i giudici...o perlomeno la dovrebbero fare dopo alcuni anni che han lasciato la toga.
Qualcuno dice ogni uno deve fare il suo.
Se così fosse i 5 stelle non esisterebbero...in quanto Beppe avrebbe continuato a fare spettacoli.
Tutti devono poter far politica...ma senza rimborsi elettorali.
Poi consiglierei Landini di rilevare lui o il suo sindacato un'aziendina in difficoltà ,e farla riprendere...e dare LUI l'esempio di come si trattano...i dipendenti...di come si pagano le tasse...e di come si stà sul mercato..visto che mi pare sappia bene come devono essere trattate le maestranze...e come ci si comporta da datori di lavoro.
....aaaaahh qualcuno dice..che non è possibile ?....
.....ahhh forse è colpa del solito medico che glielo ha vietato......???

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 15.03.15 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Alla Frignero non starebbero male i baffetti come quelli dello zio Adolfo, visto come si è comportata con i lavoratori.......

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 15.03.15 20:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa soppressione della democrazia veniva vista come una cosa di per sé positiva: meno si coinvolge l’elettorato, migliore sarà il risultato.
In linea di principio quell’idea era giustificabile...CASSO SCRIVI??

Jo 15.03.15 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Italia, la penisola dei facoltosi di Leopoldo Nascia su Controlacrisi del 3 marzo 2015

Imposte sui redditi diminuite, via l’aliquota Iva sui beni di lusso. Dal fisco alla sanità, dall’università ai trasporti: le riforme che avvantaggiano chi ha di più

L’Italia è diventato il paese ideale per una ristretta cerchia di persone capaci di concentrare il potere economico e quello politico nelle proprie mani. Come ricorda l’Ocse, la mobilità fra le classi sociali è ingessata da anni e sono sempre maggiori le diseguaglianze.

Negli anni l’imposta sui redditi ha ridotto la sua capacità di prelievo sui redditi milionari: l’aliquota massima, dal 72% del 1980 è scesa fino a raggiungere il 43% nel 2006, avvantaggiando i detentori di redditi molto elevati. Dal 2010 gli introiti per affitti, in precedenza tassati secondo l’aliquota marginale, dispongono di un regime di favore, con un’aliquota massima del 21% e un grandissimo beneficio per i grandi proprietari fondiari.

L’Iva, grazie anche all’armonizzazione europea, non prevede più un’aliquota al 38% sui beni di lusso: oggi quest’ultima è la stessa per una pelliccia o una fuoriserie e per una matita. Le imposte sul capital gain, pari al 12,5% fino a due anni fa, sono ancora al di sotto della media europea, a tutto vantaggio dei grandi patrimoni mobiliari. Le riforme delle imposte di successione hanno suggellato la difesa della ricchezza fra le generazioni appartenenti alle cerchie dei facoltosi, grazie a franchigie molto più alte che in passato.

Tutto questo mentre il resto del paese deve fronteggiare una ridotta accessibilità ai servizi pubblici, sempre più legata a requisiti di reddito assai stringenti. Il termine “universalità” è stato rimpiazzato dalla “condizionalità” anche per consentire modalità di erogazione a beneficio dei più benestanti. Il mercato di luce, acqua e gas ha visto scomparire nel tempo le fasce protette a favore di un’offerta volta ad avvantaggiare chi consuma di più.

I trasporti pubblici non sono da m

Franco Rinaldin 15.03.15 20:09| 
 |
Rispondi al commento

A salvinni ora gli prude il Kulo. (ha trovato quello del formaggio.... Tosi)

Ai Beoti itagliani gli prude il deretano.

Ai politici gli prude l'ano.

Stiricon 2018

syly d. Commentatore certificato 15.03.15 20:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dall'euro usciremo solo quando ci consentiranno di uscire, cioè quando uscirne non danneggerà il sistema bancario che ci munge attraverso il debito.

Chi pensa di mettersi di traverso nei confronti di chi detiene il potere vero, fa una brutta fine, anche perché se uno stato non ha sovranità non decide nulla, porta semplicemente avanti l'agenda europea indipendentemente da chi viene eletto.

La Costituzione? Carta straccia, non esiste Costituzione quando le decisioni vengono prese altrove (UE) e ai nostri leader di cartone se vogliono durare tocca obbedire, cosa che nella maggior parte dei casi non richiede nemmeno alcun "incoraggiamento" da quanto sono zerbinati di loro.

Più in generale non ci si può mettere contro l'ordine mondiale che governa il mondo, la notizia è da confermare ma pare che si sia consumato un colpo di stato in Russia e Putin sia stato deposto dal capo del FSB (i servizi russi). Quando si tratta di Russia ogni notizia è da prendere con la dovuta cautela, di certo l'assenza prolungata sulla scena pubblica è sospetta, specialmente dopo l'eliminazione di Nemzov che è stato un attacco diretto al presidente russo. Ci saranno gli Usa dietro? C'è da scommetterci.

La morale della favola è che chi si mette contro un certo sistema di potere finisce male, a volte fare la scelta giusta ti può costare caro e per questo comprendo anche certe decisioni non impeccabili prese all'interno del movimento "volando basso"...

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.03.15 20:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per la signora di firenze che g'è più

Landini sa bene che il sindacato fa politica, perchè il lavoro è politica

invece tanti dicono fesserie perchè non sanno che pure loro fanno politica: la politica è il rapporto tra i cittadini e non farla significa essere morti, cioè non esserci più

saluti a tutti

Alberto Ragazzi, Sesto san Giovanni Commentatore certificato 15.03.15 19:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La svalutazione

La vicenda della vecchina sorpresa a tenere un tic tac in tasca alla cassa del supermercato: non ha soldi per finire la prima settimana del mese

nel volgere di pochi giorni i suoi 320 euro sono stati ridotti a 250 euro per effetto della svalutazione dell'euro nei confronti del dollaro e di tutte le altre divise.
Questa sorte è toccata a tutti i cittadini europei, tutti quelli che hanno un reddito fisso: i pensionati e i lavoratori dipendenti.

Dicono i nostri banchieri che serve per muovere l'economia, ma in realtà con questa operazione hanno ridotto il costo dei dipendenti fissi, i lavoratori sono pagati con il 30 % meno senza che nessuno dica nulla, anzi proprio i lavoratori credono che si sia fatto un favore a loro, e tutti concordano, saluti,
anch'io ho il 30 % di meno e sono senza parole

Il lavoro riprende perché i lavoratori si rivoltano le maniche, mentre tutti credono che sia per merito dei proprietari dell’euro che ne stampano di più

È la solita storia: il banco vince sempre

Alberto Ragazzi, Sesto san Giovanni Commentatore certificato 15.03.15 19:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Euro o Democrazia?

Ma che democrazia, visto che chi tira le fila è la culona inchi... ecc. ecc.

Il titolo più appropriato sarebbe:

Euro & Massoneria

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 15.03.15 19:48| 
 |
Rispondi al commento

landini è solo uno dei tanti sindacalisti che alla fine difende le sue posizioni e le posizioni del sindacato.nessuna apertura mentale o di credito verso l'unica forza politica che pensa davvero al bene di tutti e lavora per un Paese degno verso i suoi concittadini!!sarebbe stato logico che le forze sociali si coalizzassero verso un consenso politico a favore del M5S.punto.fare diversamente serve solo a spezzettare di nuovo il consenso elettorale ed a mantenere il vita il vecchio concetto di sinistra.un concetto che di pratico nn ha più nulla ma che attira voti dai disinformati.

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 19:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Landini è un sindacalista e quello deve fare.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 15.03.15 19:45| 
 |
Rispondi al commento

LANDINI E' FILOEUROPEO E PER L'EURO.
alla fine di tutte le belle parole
che dice, QUELLO RIMANE....
(lo stiamo vedendo quello che fa tsipras)
QUINDI a quelle parole devono seguire
ATTI CONSEGUENTI E LOGICI
E DEDUZIONI POLITICHE C H I A R E
come fa il m5s.
le chiacchere sono chiacchere e io penso
che alla resa dei conti
LANDINI non fara nulla di tutto cio CHE ANNUNCIA
come i suoi compari politici
i vari vendola civati FASSINA ecc. ecc.
PROPRIO PERCHE SONO FILOEURO E FILOEUROPA.

franco red, palermo Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Ma dai, Beppe e Di Maio sono andati ad un tavolo con Renzi: "bene bravo"; sono in Europa con Farage....ho capito, per motivi di opportunità etc etc. E ci perdono la faccia se vanno a discutere con Landini? A capire chi caxxo è e che vuole? Siete assurdi!!! Però quello che calerà dall'alto sarà giusto! DRIIIIIINNNNN!!!!!


Di Pietro chiama Grillo: "Io sindaco di Milano, dammi l'appoggio del M5S"

L'ex pm al comico: "Bisogna essere in due per sposarsi". Si sussurra che avrebbe già l’accordo con Casaleggio.

Il Movimento 5 Stelle, per definizione, non appoggia persone che abbiano già ricoperto un mandato politico. Questo Di Pietro lo sa bene. Però ci prova a ottenere l'imprimatur dal comico genovese. "Non li voglio tirare per la giacca - dice alla Stampa - ma apprezzo che si sia affermato il M5S quando è andato in declino l’Idv. Hanno la stessa ragion d’essere". E spiega: "Sono molto contento che il cittadino abbia potuto sfogare nelle urne la rabbia e la delusione contro un sistema corrotto. Però caro Beppe, non basta limitarsi alla protesta, bisogna passare alla proposta", continua l'ex pm di Mani Pulite che non smentisce né conferma la presenza di Gianroberto Casaleggio tra i suoi assistiti: "I clienti, per definizione, sono riservati".

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 15.03.15 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Soffrire la solitudine
è un brutto segno.
Io non ho mai sofferto
che la moltitudine.
------------
F. Nietzsche

Arj freccia nera 15.03.15 19:31| 
 |
Rispondi al commento

CI POTRESTE DIRE QUANDO GIANNI MINA' HA PROPOSTO PER L'UNITA' DEI PAESI MEDITERRANEI RISPETTO ALLA MONETA UNICA EUROPEA? PERCHE' RISULTEREBBE DAI COMMENTI DEL PRESENTE BLOG CHI GIA' DIVERSI ANNI FA PROPOSE CIO'. IL FATTO CURIOSO E' CHE A LEGGERE IL BLOG E I COMMENTI SIANO GIORNALISTI E ALTRI POLITICI CHE QUELLI DEL M5S...IL BLOG HA UNA STORIA E I COMMENTI UN LORO RICONOSCIMENTO NEL RISPETTO DI CHI HA CREDUTO E SOSTENUTO IL BLOG DAL BASSO.

Mare Exp 15.03.15 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Buon post tranne che:
1. In questo articolo si potrebbe far credere che la Federal Reserve americana sia dello Stato ossia di tutti i cittadini, mentre è di alcuni ricchissimi privati banchieri. Un ipotesi dice che J. Kennedy è stato assassinato perché voleva riportarla alla Stato.
2. "Questa soppressione della democrazia veniva vista come una cosa di per sé positiva: meno si coinvolge l’elettorato,migliore sarà il risultato. In linea di principio quell'idea era giustificabile" Assurdo leggere tale frase sul blog che dovrebbe rappresenatre il M5S

Mau 15.03.15 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Landini..una creatura nuova?
O il tutto che si trasforma?
E poi chi ancora con lui dal pd? No no non c'è niente di nuovo sotto il sole. Non mi piaccion per niente poi alcune categorie da lui garantite. Parlo della p.a. naturalmente . Timbratori seriali di badge con reintegro di serie. Puah!

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 15.03.15 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Landini? Che differenza c'è tra le sue logiche e quelle di chiunque altro politico? Basta che ripropongono un "nuovo" politico, o meglio un vecchio pappone camuffato da pseudo attivista, e si amplifica di nuovo l'appello a chissà quale particolare collaborazione...

Per non dimenticare: http://www.beppegrillo.it/2014/05/piccola_biografia_di_landini.html

Angelo P. Commentatore certificato 15.03.15 19:13| 
 |
Rispondi al commento

LANDINI 9 LANDINI AVETE ROTTO IL CASSO...I SINDACATI SI PREOCCUPANO DEGLI OPERAI SOLO QUANDO GLI FA COMODO..QUANDO TEMONO DI PERDERE LORO IL POSTO...PER ANNI SONO ANDATI A MENATE ..PER LORO SONO VACCHE DA MUNGERE GLI OPERAI..TRA TESSERE E TESSERINI DA FAR PAGARE OGNI MESE..SE POI L'PERAIO DIVENTA DISOCCUPATO
.CIAO BELLO..
LA TESSERA NON PUO'PIU' PAGARLA E QUINDI CHI SE NE FREGA DELL'OPERAIO..I SINDACALISTI DI MESTIERE SONO COME I POLITICI DI MESTIERE MAGNA BEVE E FREGATENNE....SVEGLIA A CHI ANCORA CREDE NEI SINPACATI SPA

Jo 15.03.15 19:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Già ma Landini,.... che ne pensa su alcuni punti del programma a 5 stelle ...per esempio :abolizione rimborsi elettorali, max 2 mandati parlamentari,• Eliminazione di ogni privilegio particolare per i parlamentari, tra questi il diritto alla pensione dopo due anni e mezzo
• Divieto per i parlamentari di esercitare un’altra professione durante il mandato
• Stipendio parlamentare allineato alla media degli stipendi nazionali,Referendum sia abrogativi che propositivi senza quorum
• Divieto di cumulo delle cariche per i parlamentari (esempio: sindaco e deputato)
• Non eleggibilità a cariche pubbliche per i cittadini condannati, politometro, abolizione finanziamenti ai giornali,chiusura equitalia.
Lui se è d'accordo su questi punti.......allora per quanto mi riguarda...non mi opporrei a far 2 paroline con Landini.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 15.03.15 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Zeus, per trovare un modo soft per rapire Europa, la figlia di Agenore, si trasformò in un docile toro. Forse anche per questo la Troika pensa che i popoli europei, in particolare quelli del Sud, siano carne da macello. Probabilmente converrebbe affrontare la questione delle sovranità nazionali non più con l’atteggiamento del bue al giogo, ma con la grinta del toro consapevole della forza dei propri zoccoli.

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sarebbe il caso che il M5S dia la sua approvazione a Maurizio Landini?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 18:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima ci si libera da questa dittatura europea, meglio e, a tal fine si devono aprire tavoli di dibattito con tutti, non solo sulfronte interno, vedi Landini, Savini, Meloni, tutti coloro che si oppongono a questo regime criminale, esso si nazista e antidemocratico, ma iniziare anche un dialogo, con tutte le forze "ANTIQUESTAEUROPA" presenti nei vari paesi europei, per studiare tutti insieme come invalidare i trattati truffa che ci hanno portato a questo disastro democratico.
Bisogna in questo momento di emergenza, mettere da parte le piccole beghe di condominio e pensare a difendere il palazzo da chi lo vuole abbattere.
Basta destra, sinistra, non valgono piu, oggi il confronto e tra lobbi massoniche che portano avanti il progetto di un nuovo ordine mondiale, e cittadini a volte inconsapevoli che si devono difendere.
Soltanto facendo fronte comune potremo opporci al dominio dei media, crescendo in consapevolezza, e abbandonando i loro fili di controllo.

Giovanni Allegra 15.03.15 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma il sistema sociale di fondo, il sistema di sfruttamento, il sistema per il quale mi accaparro le risorse e poi sono il tuo "datore di lavoro" e ti pago 2 calci nei @@, prendere o lasciare:

quello solo mi interessa squagliare (non so a voi)!

E quello, lo sappiamo benissimo, è rimasto con:


democrazie
dittature
inglesi
francesi
turchi
ebrei
hitler
stalin
USA
URSS
destra
sinistra
cristianesimo
islam
budddhismo
sovranismo
populismo
... ... ...

Che facciamo, continuiamo a pagaiare nella pozzanghera del riformismo? Ora è colpa dell'€uro?
O è colpa della casta? Facciamo una "lunga marcia" per ritrovarci (i pronipoti) alla fine con la solita beata minkjia? A me stronzi, a me! Seppellitemi di cazzate ahahahahah!!

🔫 ((A))

it.wikipedia.org/wiki/Comune_di_Parigi_(1871)

Arj freccia nera 15.03.15 18:07| 
 |
Rispondi al commento

M5S e LANDINI : provate a discutere insieme e magari unire le forze.

michele p., torino Commentatore certificato 15.03.15 17:52| 
 |
Rispondi al commento

salve, per logica la soluzione di una europa a meta' crea i problemi che abbiamo: nessuno ha potere! pertanto sarebbe necessario per dimostrazione che una europa come gli USA( provenienti dalla colonizzazione degli europei) non puo' funzionare perche' l'europa e' fatta di stati con tradizioni antiche e forti soggettivita': e' necessario modificare la governance europea ovvero sostituirla con una segreteria di coordinamento delle disponibilita' comuni per assolvere a budgettati condivisi progressi ed alle relazioni con altri macro Stati di pari grandezza; ogni Nazione idipendente, autosufficiente e sovrana sul proprio territorio e quindi anche non idebitata e non fagocitata nella relazione con le altre Nazioni.Penso che 5 Stelle, movimento che opera per logica matematica al fine di risolvere i problemi, debba fare tutto il possibile per riportare appunto al centro la vita del Singolo Soggetto e quindi, della Municipalita', della Regione e della Nazione e poi del meccanismo a supporto della discussione tra le Nazioni su quali spazi aprire nel futuro sempre per il progresso della vita di ogni Singolarita' con gli sforzi disponibili comuni.

giampaolo gottardo 15.03.15 17:49| 
 |
Rispondi al commento

La UE non è altro del doppione dei vari governi nazionali,dove vengono sistemati i fedeli politici che sono serviti per depredare e svendere le proprie Nazioni per cederle al controllo sovrano dei padroni del mondo "America,Inghilterra,Israele,Regno Unito,Vaticano"!Solo in questo modo i padroni del mondo hanno potuto avere il controllo totale dell'Europa e realizzare la Globalizzazione.Se i padroni del mondo,non avessero adottato il sistema politico inciuciario italiano da prima Repubblica,non avrebbero mai potuto realizzare la Globalizzazione.Proprio,grazie ai politici della finta sinistra e finta destra,usati come cavallo di Troia,sono riusciti a coalizzare tutte le ex Nazioni,ora raggruppate in Colonie UE per avere il sostegno per fare le guerre mascherate in Missioni di Pace,facendo leva sul pietismo vittimismo,pubblicizzando che le Nazioni da invadere militarmente,erano governate da dittatori e in possesso di armi di distruzione di Massa.Se non avessero fatto le guerre mascherate contro la Serbia,Iraq,Libia,adesso non ci sarebbe il mostro Isis e non dovremo assistere agli spettacoli dei tagliagola-bruciati vivi nelle gabbie come spettacoli da circo,soprattutto il mondo non sarebbe stato incancrenito dalle metastasi della Malapolitica ammazza-popolo.Solo una vera guerra come quella contro i Nazisti,potrà far crollare la globalizzazione e UE come la Torrre di Babele,trascinando nelle rovine tutti i politici che sostengono i governi imposti con le grandi ammucchiate.

Agostino Nigretti 15.03.15 17:44| 
 |
Rispondi al commento

mi fa un po' di amarezza assistere al rapido calo di commenti su questo blog. molti frequentatori abituali sono scomparsi.
mi sa che la formula "blog" non interattivo ha esaurito la sua funzione.
dopo 10 anni che giro da queste parti è un po' triste.


Il progetto Euro prevede proprio questo: cedere democrazia alla tenocrazia mitteleuropea.
Uno Stato che ha perso la sua moneta è solo una marionetta, non conta più nulla, non può più decidere nulla.
Uscire dall'euro è l'unica strada per riprenedere sovranità, democrazia e far ripartire l'economia. Subito dopo bisogna cacciare tutta una stratificazione di politici cialtroni.

Claudio T., Verona Commentatore certificato 15.03.15 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Quando c'erano da godere i benefici della moneta unica, tassi d'interesse bassi e valori immobiliari che da 200 milioni di lire sono passati a 200 mila euro, nessuno si lamentava. Ora perche' i nodi di 30 anni di privilegi innaturali (lavoro sicuro, sanita' gratuita e evasione fiscale consentita), puntiamo il dito contro i tedeschi, che dovrebbero addossarci i debiti del nostro stile di vita immeritato nonostante abbiano una ricchezza pro capite tuttora inferiore alla nostra, siano stati traditi due volte su due guerre mondiali e non abbiano mai vinto una partita di coppa del mondo di calcio. E no italiani, e' ora di tornare sul pianeta terra e mettere mano al portafogli per chiudere il debito

Edoardo Bertolani, Singapore Commentatore certificato 15.03.15 17:38| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di svastica, Beppe ti faccio la domanda di riserva:


uno di Caga>Pound può entrare nel M5* ??

Arj freccia nera 15.03.15 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Hanno vinto la llll g. Mondiale..

bo 15.03.15 17:12| 
 |
Rispondi al commento

http://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/
io l'europa la vorrei come gli stati uniti,il resto è inutile,se abbiamo la moneta unica,ma poi una germania che detta oggi e domani chi?Non c' è equilibrio,se è un'unione unione sia,però le paghe devono essere simili,pure le pensioni e pure la politica deve avere costi simili,che te ne fai di un presidente della reppublica,fai un presidente europeo,e gli stati abbiano i governatori e le regioni vadano a cagare che sono solo sperpero di denaro, i governatori in america sono l'equivalente del nostro primo ministro,ma governano stati,non regioni,le regioni sono le contee e ci sono gli sceriffi o come cacchio si chiamano,abbiamo troppa politica e poca organizzazione,faccio un esempio,si parla di forze dell'ordine,ma nella mia zona ogni paesello ha la caserma,c'è l'abitazione del capo,poi alcuni carabinieri,ma se devi fare una denuncia ti danno l'appuntamento ecc,allora non lo so, siccome quì ci sono 12 caserme per una popolazione di 60.000 abitanti e poi ci sono i poliziotti e poi la polizia locale,tutti presenti di giorno e di notte c'è il vuoto,a questo punto se la cosa fosse organizzata bene ci starebbero 2 caserme aperte 24 ore su 24, con personale stabile e il resto in giro,sarebbero sufficienti a coprire la zona e a dare sicurezza,pagati magari meglio,ma con risparmio su abitazioni di marescialli con famiglie, poi i marescialli farli girare, nei paesi si affezionano ai locali politici e referenti se capita qualche cosa e fai denuncia manco te la vogliono accettare, insomma chi comanda non deve affezionarsi al territorio,pure io ad esempio avrei problemi ad applicare la legge magari su un amico o parente ecc,se poi magari ti fanno pure il regalo come accade spesso,insomma per forza che nulla funziona,troppo spreco di persone soldi e risorse,troppe amicizie di notabili,troppa politica ,nessun controllo ,italia e europa sono solo un minestrone senza sapore e sostanza

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 15.03.15 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Il progetto Europa e´fallito.
La Germania in primis l´ha capito da tempo e tutte le misure adottate non sono altro che mosse per recuperare il possibile.
Prima il debito dei PIIGS e´passato dalle banche tedesche e francesi alle banche nazionali e al MES.
Adesso col denaro stampato da Draghi passera´dalle banche nazionali alle banche centrali.
Poi i creditori diranno bye bye.
Chi vede in Draghi un salvatore, colui che risollevera´l économia e´un illuso.
Il passaggio finale sara´implosione di dollaro euro e yen e nascitra di una moneta mondiale coniata dalla FED.
Con il passaggio euro (o lira se usciremo dall´Europa) alla nuova moneta si effettuera´il trasferimento dei risparmi dei cittadini alle banche, 1:2000 cosi´si potra´iniziare un nuovo ciclo di debiti.
Lo stato prendera´a prestito dalla Fed emettendo bond e cosi´via.
Dopo un certo periodo si ripetera´lo stesso meccanismo.
Cambio di moenta e perdita dei risparmi etc. etc.
Lasciate perdere il nazismo e la Germania che poco hanno a che fare con l´imperialismo USA e la finanza di Wall Street.
OVVIAMENTE e´comodo indicare un capro espiatorio per nascondere i VERI registi mondiali.
I Mercati sono Draghi e le banche.
Sono loro che, comperando i bond, ne determinano il valore.
Uscire dall´euro ORA significa default e moneta il cui valore e´determinato da FED BCE e ovviamente NON a nostro favore.


Patrizia B. 15.03.15 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Arresto preventivo...


Arresto preventivo per idee anarchiche.

Arresto preventivo per presunte letterature anticlericali.

Arresto per presunte visioni erotiche su internet, con scapellamento a destra.

Arresto preventivo per idee non conformiste.

Arresto preventivo per pensieri anticonformisti.

Arresto preventivo per idee dissociative.

Arresto preventivo per mente non collaborativa.

Arresto preventivo per divulgazione pensieri alternativi.

Arresto preventivo per possibile incitamento alla ribellione.

Arresto preventivo per possibile vilipendio ad uno straccio di bandiera.

Arresto preventivo per vilipendio al pensiero religioso.

Arresto preventivo per pensieri autonomi e libertari.

Arresto preventivo per viaggi in aree di guerra.

Arresto preventivo per presunto terrorista.

Arresto preventivo per satira sulle cazzate dei politici.

Arresto preventivo per incitamento alla libertà.

Arresto preventivo per intenzioni di giustizia.

Arresto preventivo per avere osato di scrivere su "Arresto preventivo"

syly d. Commentatore certificato 15.03.15 16:37| 
 |
Rispondi al commento

...ma scusate...ma chi difende le PMI ?.....dalle tasse esagerate , dalla burocrazia,...dalla giustizia che non funziona,...per evitare che se ne vadano all'estero.
Ma come si fa a difendere i diritti dei lavoratori...se prima non do modo all'imprenditore di rendere conveniente fare impresa.
Uno non diventa lavoratore di un'impresa...che non può esistere.
Come difendere i diritti di un affittuario ....in un luogo dove nessuno costruisce e nessuno compra case per darle in affitto.
Può uno sposarsi...da solo ?

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 15.03.15 16:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Servono solo i fatti, è inutile discutere e sempre discutere!

Christian 15.03.15 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Non vedo dove sia il problema...
La stragrande maggioranza dei cittadini italiani ha già espresso un opinione in merito (e per di più non troppo tempo fa) alle elezioni europee:
41,5% PD
Un risultato eclatante,enorme, quasi storico, che sancisce da che parte stiano i cittadini italiani e non..cioè sono dalla parte di questa Europa e di questa elite..
Qualcuno obietterà che in molti non sono andati a votare...mah..probabilmente se quei cittadini fossero andati a votare, il risultato non sarebbe cambiato di molto numericamente e di nulla in sostanza..
Da sostenitori veri della democrazia e della ns. costituzione quali diciamo di essere, dobbiamo accettare democraticamente e serenamente ciò che hanno deciso i cittadini italiani..
Che poi questa decisione ci sembra funesta, ricordiamoci che siamo la minoranza in questo Paese.. e pertanto vadano affanculo prima gli Italiani, disoccupati in primis e poi a seguire la commissione europea..

Carlo Zaccaria, Brindisi Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno ho un comunicato per lo staff, mi chiamo Napolitano Michele sono un attivista certificato e faccio parte del gruppo di Bareggio(MI),il mio recapito telefonico è 3393474689, e-mail napomiki@gmail.com
ha titolo personale e non del gruppo a cui appartengo vorrei che cortesemente prendeste in esame il mio progetto che qui di seguito espongo: Il progetto si chiama

“Tutti in Strada Riprendiamoci l’Italia"


“Tutti in Strada” è un V-DAY nazionale da effettuare lo stesso giorno in 110 città italiane. “ Tutti in Strada” non deve essere una riunione di piazza, dove quasi tutti i presenti sono del Movimento5Stelle, ma deve essere una manifestazione in grado di coinvolgere tutti i cittadini di qualsiasi credo politico con cortei, gazebo e banchetti contro il disastro economico, produttivo e del lavoro che ha generato nel nostro paese questo mal governo, quindi sarebbe auspicabile anche coinvolgere tutti i partiti dell’opposizione e se non fossero interessati portarlo avanti solo noi del Movimento.
Questo progetto per riuscire necessita dell’appoggio dei nostri parlamentari in primis, dei nostri consiglieri regionali, dei nostri consiglieri comunali, coadiuvati naturalmente da tutti gli attivisti del Movimento, anzi l’apporto di quest’ultimi è essenziale per la gestione e la buona riuscita della manifestazione.Io personalmente sto contattando tutti i gruppi del nord-ovest della provincia di Milano per informarli di questo progetto e per sapere se condividono tale pensiero. E’ sentimento diffuso tra gli attivisti del MoVimento 5 Stelle sul territorio, che da tempo l’Italia stia ballando sull’orlo del precipizio. Si sta quindi facendo strada l’idea che sia assolutamente indispensabile far capire a quei cittadini ancora sopiti, che non si rendono conto di quello che sta accadendo, che nel nostro Paese è in atto un drammatico default di proporzioni inimmaginabili.
Grazie attendo vostra risposta in merito.

Michele Napolitano, Bareggio Commentatore certificato 15.03.15 16:29| 
 |
Rispondi al commento

8 Landini
Se Renzi pensa di andare avanti fregandosene di ciò che pensa la gente e risponde ad altre logiche si presenta un fatto nuovo che fa sorgere la necessità di contrastare questo modo di fare anche con iniziative diverse dalle manifestazioni e dagli scioperi.
Io sono stato d’accordo con tante scelte iniziali di Renzi come gli 80 euro o la tassazione delle rendite finanziarie, ma ad un certo punto lui ha privilegiato le scelte europee che lo portavano a tagliare diritti e lo avevo avvertito che questo avrebbe aperto un contenzioso col sindacato. Il Governo non sta affrontando la lotta vera contro l’evasione, contro la corruzione, contro la disoccupazione rilanciando un piano di investimenti, è chiaro che a quel punto si è determinata una valutazione diversa. Non c’è mai stato un pregiudizio pro Renzi o contro Renzi. Valgono le politiche. Vale il merito dei problemi. Oggi siamo di fronte a una valorizzazione del lavoro. Se passa l’idea che uno per lavorare deve accettare qualsiasi cosa, questa è una regressione assurda. Il lavoro o ha dei diritti o non è lavoro, è schiavismo.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:26| 
 |
Rispondi al commento

intanto insistono a farci comprare (pubblicità a palla e REDAZIONALI):


Apple Watch provato per voi: 15 cose che dovete sapere

La casa di Cupertino ha presentato la versione definitiva del suo orologio connesso. Arriva dal 24 aprile in 9 Paesi (ma non in Italia), in tre versioni e due dimensioni. Molte app pronte per il debutto: alcune simili ai rivali, altre esclusive come Apple Pay, la possibilità di chiamare un’auto Uber o di aprire la porta dell’albergo usando il Watch al posto della Chiave

=================================================

notate bene le cose per cui paghiamo fior di quattrini servono (chiamate possibilità) :
Apple Pay

( a chi serve se non alle banche?)

chiamare un’auto Uber
(a chi serve a me o a Uber?)

aprire la porta dell’albergo usando il Watch al posto della Chiave


(questo poi ..fondamentale, da inserire di diritto nella ex rubrica del giornale satirico CUORE "Mai più senza!!)

ma che ce lo regalassero allora!!!


siamo tutti stupidi!!!!

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 15.03.15 16:26| 
 |
Rispondi al commento

7 Landini
Noi come CGIL stiamo preparando un’altra idea di Statuto dei lavoratori perché il Governo lo sta cancellando. A quel punto o il Parlamento intende affrontare queste richieste, oppure, se non vuole neanche discutere con gli interessati, userò il referendum per cancellare delle leggi sbagliate. Io penso ad azioni dal basso, nei territori, in ordine a una serie di diritti che oggi sono negati. Faccio altri es. Sai quante volte in assemblea mi sento dire: io non posso curarmi perché non ho i soldi per pagare i ticket. Oppure: non posso mandare i figli a scuola perché non posso pagare i loro studi. Allora, il diritto alla salute e alla scuola sono diritti costituzionali e se io sto dentro uno schema classico, non affronto questo tipo di problema. Devo essere in grado di contrastare questi processi. E’ fare politica questo? Sì. E’ fare un partito? No.
Il sindacato deve tornare a fare politica ed essere un soggetto politico.
E se non si cambia la Comunità Europea non si va da nessuna parte.
Le riforme costituzionali non ci piacciono e non piacciono alla CGIL. Io penso che la nostra Costituzione vada pienamente applicata e se qualcuno la vuole modificate, elegga un Assemblea Costituente, questo sarebbe il modo democratico per poterlo fare altrimenti siamo in un altro quadro.
L’elezione di una Assemblea Costituente non fu solo un fatto che mise persone capaci in Parlamento, ma promosse una discussione nel Paese. C’era un mandato, c’era un percorso, c’era una idea. Oggi vedo il rischio che venga snaturato quel processo.
Io non sto con questo o quello, io sono d’accordo sulle cose secondo il merito. Queste cose le sto discutendo da due mesi e mezzo in Fiom e CGIL e non c’è nulla contro.
Noi abbiamo fatto delle mobilitazioni e degli scioperi, il governo se n’è fregato, coi sindacati non ha mai parlato ed è andato avanti mettendo la fiducia. Per questo sono necessarie altre iniziative oltre lo sciopero.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:26| 
 |
Rispondi al commento

6 Landini
siccome sono di fronte a un cambiamento e la crisi sta cambiando tutto, e nulla sarà come prima in questo Paese, io penso che sia legittimo che nel rispetto dell’autonomia di ognuno, tutti i soggetti sociali che oggi rischiano di non essere rappresentati e di non contare niente, provino a ragionare.
Io poi parto da un punto di vista sindacale. Io penso che questo fa bene al sindacato perché noi oggi non rappresentiamo tutti, siamo dentro la contrapposizione tra precari e non precari, ci sono anche cose nuove.. per es. pezzi interi dell’economia sono in mano alla criminalità organizzata e questo avviene nel sistema degli appalti, penso allora che uno vuol combattere davvero la criminalità organizzata e favorire la crescita qualitativa di un nuovo sistema di impresa, oggi deve combattere la mafia, oggi deve fare assieme a Libera delle battaglie, ma deve cambiare anche la legge sugli appalti, per fare un esempio.
Ma è possibile che anche voi giornalisti non riusciate a guardare il mondo altro che dal punto di vista dei partiti? Ma chi se ne frega di fondare un altro partito?
Il problema è che oggi tanti lavoratori dipendenti o tanti precari o tanti lavoratori che hanno forme di lavoro autonomo non hanno una rappresentanza. L’altro punto è che i governi di questi anni ha messo in contrapposizione queste persone tra loro. Viste le leggi che sono state fatte, io come sindacato mi chiedo: come faccio a cambiare leggi fatte in questo modo da un Governo che si rifiuta di discutere le leggi che fa? Come faccio a far ripartire gli investimenti? Come faccio a combattere la criminalità? Per cui, accanto all’azione sindacale che voglio fare, vedo la necessità di costruire un’azione di consenso, una cultura, una pratica nei territori, nei luoghi di lavoro, anche fuori dai luoghi di lavoro, che siano in grado di costruire un’altra idea di azione, un’altra cultura, un altro consenso.


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:25| 
 |
Rispondi al commento

5 Landini
Noi abbiamo fatto riunioni di tutti i delegati e le delegate metalmeccanici, quelli eletti nelle fabbriche, parlo di migliaia di persone, in tutte le Regioni, poi abbiamo fatto una Assemblea Nazionale, e, sulla base di quel mandato, io, a nome di tutta la FIOM ho scritto a diverse associazioni con cui in questi anni abbiamo fatto delle cose, tanti soggetti diversi che sono stati con noi nelle manifestazioni sul lavoro,e abbiamo discusso su cosa vuol dire mettere insieme diverse associazioni sulla base di programmi e obiettivi condivisi, in una discussione in cui ognuno mantiene la sua soggettività. Si tratta di capire se ci sono campagne comuni.
Un tale processo si avvia se tutti quelli che partecipano sono d’accordo e se decidono assieme cosa fare. Io sto pensando a un processo davvero dal basso, democratico, costruito con la partecipazione delle persone. Punto. Io non arrivo lì avendo pensato a tavolino qualcos’altro. L’obiettivo è cambiare le politiche di questo Governo.
Deve essere chiaro un punto: non era mai successo nella storia della nostra Repubblica che un Governo cambiasse le leggi sul lavoro senza neanche discutere con le organizzazioni che rappresentano i lavoratori. Non era mai successo, vorrei farvelo notare. Renzi si sta rifiutando di confrontarsi con le parti sociali. E si è messo d’accordo con Confindustria e sta ponendo la fiducia e non ascolta neanche il Parlamento. Io di fronte a un Governo che pensa di poter giocare a 360° da Berlusconi alla Fiom e di poter non rispondere a nessuno, io non sto a giocare sul terreno che vuole lui e mi pongo il problema che un processo di tale natura sta cancellando non Landini, non il sindacato, ma il diritto delle persone che lavorano di potersi collettivamente organizzare e di essere cittadini liberi anche dentro i luoghi di lavoro.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:24| 
 |
Rispondi al commento

4 Landini
Siamo un Paese dove ormai la maggioranza dei cittadini a votare non ci va più.. Noi siamo di fronte a fenomeni nuovi. C’è stato Renzi. C’è stato Grillo. C’è stato Salvini. Ma qual è il dato che sta emergendo? Che la maggioranza degli Italiani a votare non ci va. E anche i fenomeni nuovi della politica non hanno recuperato la partecipazione. La gente non si sente rappresentata ed è sola. Questo è il tema che io voglio affrontare. E siccome molto spesso nel lavoro che io faccio vedo le persone che si sentono sole, che stanno perdendo il lavoro, che sono in difficoltà e non si sentono rappresentate, questo mette in discussione la democrazia. E allora sono rappresentante di un sindacato, ma lo penso come un soggetto politico, che ha le sue idee, che ha una sua autonomia, che è indipendente dai partiti e ha una sua idea.. io penso che anche il sindacato deve cambiare. Anche noi siamo in crisi. Il mondo del lavoro è cambiato. Allora di fronte a un simile processo di cambiamento, io credo che tutti dovrebbero oggi essere disponibili…A me la parola rottamazione non è mai piaciuta. Io penso che i cambiamenti si fanno attraverso la partecipazione delle persone. Rottamare e basta senza dare degli incentivi è poco. Noi stiamo pagando il fatto che non c’è una politica industriale. Stiamo anche svendendo pezzi importanti, pensi alla svendita di tutto il settore dei trasporti. Parlare di politica industriale, oggi, significa anche affrontare delle contraddizioni. Pensi solo all’Ilva, al problema di cosa significa oggi produrre senza inquinare. Quali sono i prodotti, quali sono le innovazioni che oggi servono?
E’ la FIOM che fa questa proposta e non Landini. Prima di mettere in moto tutto e di parlare con le associazioni con cui in questi anni abbiamo lavorato, questa proposta è stata discussa in tutti gli attivi regionali.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:24| 
 |
Rispondi al commento

d'accordo ,...d'accordo...i colpevoli sono certamente dei poteri forti che si stanno impossessando del mondo.
Ma se in italia, ci fosse un'amministrazione che funziona bene, una non corruzione , degli stipendi ad amministratori normali, tasse da cristiani e non da sanguisughe,.....un non conflitto di interessi in generale ,.....dei non privilegi,.....una giustizia che funziona,...e del buon senso civico,...(ma che belle parole che sto dicendo eh?)....diciamo una nazione composta da NON FIGLI DI PUTTANA .
Bhè in questo caso ....sarebbe un pò un modo di difendersi all'assalto dai Super poteroni fortoni del mondo ...o no?
Occhio per occhio e dente (per loro)vincente e non per/dente.
Allora i furbacchioni dei poteri forti europei...stanno facendo il mazzo ....ai cittadini italiani ...di cui una parte predominante sono complici dei furbacchioni della casta d'italia.
Comincio a far fatica a versare delle lacrime...per la maggioranza degli italiani...che conferma nei sondaggi quotidiani la casta.
Sono loro che ci stanno facendo il C..o assieme ai forti dei poteri forti..... esteri.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 15.03.15 16:24| 
 |
Rispondi al commento

3 Landini
Bisogna ripensare il Paese.E allora solo utilizzando l’intelligenza di chi lavora si può ripensare questo progetto.Oggi non c’è questa democrazia.Dentro le imprese le persone che lavorano non hanno questa possibilità di partecipare alle decisioni che vengono prese e che riguardano il loro futuro e il loro lavoro dentro la fabbrica e fuori dalla fabbrica,dentro gli uffici e fuori dagli uffici e allora,sì,io dico:il governo ha fatto un’altra scelta,ha scelto di mettersi coi poteri forti,ha scelto di stare con Confindustria e di attestare la logica europea.Questo secondo me sta dividendo il Paese, contrappone le persone e penso che sia sbagliato, perché se uno vuol cambiare veramente il Paese, lo deve fare con la maggioranza di quel Paese, che sono quelli che lavorano,che pagano le tasse, che si fanno il mazzo dalla mattina alla sera Questi non sono rappresentati e anzi Renzi con noi non vuol discutere.Secondo me,non sta cambiando il Paese,lo sta peggiorando.Io non voglio sostituirmi a qualcun altro.Voglio fare il mio mestiere
Io sono critico anche sulla riforma costituzionale.Ci sono cose che non capisco.Se il Senato non funziona,che lo tolgano! Ma una cosa più radicale è questa:siamo di fronte a un parlamento eletto con una legge dichiarata incostituzionale dalla Consulta.La Costituzione di questo Paese quando fu fatta vide il popolo italiano che elesse una Assemblea Costituente che aveva il compito di fare una Costituzione.Se uno vuole davvero cambiare la Costituzione,può essere legittimo,allora si faccia lo stesso processo! Si elegga una Assemblea Costituente,si apra nel Paese una discussione sul perché lo si fa,non che le decisioni vengono prese non si capisce dove,
in quali patti,non si capisce per ritornare a che cosa e alla fine con un concentramento del potere che non ha precedenti.Noi rischiamo che un partito che ha la minoranza nel Paese abbia la maggioranza e che possa cambiare il Paese, questa non è democrazia!

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Mi costa dirlo maa..oltre al passo d'oca e le leggi razziali dovremmo essere umili da copiare qualcosa d'altro dai crucchi.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 15.03.15 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2 Landini
c’è un’idea della politica che sta prendendo piede in questo Paese e sta togliendo rappresentanza a tutto ciò che è sociale. Noi partiamo da lì, si tratta di unire il popolo, di unire tutto quanto è sociale. Io non mi sto allargando dal mio compito sindacale, ma proprio per rappresentare i metalmeccanici ho bisogno di fare questo lavoro. Quando si parla di metalmeccanici si va dalla siderurgia all’informatica. In questo Paese drammatico le imprese hanno cambiato, siamo dentro appalti, subappalti, socio appalti, siamo dentro una trasformazione gravissima. Allora, se io voglio rappresentare una persona che lavora e che vuole nel lavoro realizzarsi, ho bisogno non solo di tutelarlo nella sua condizione oggi sempre più difficile, ma ho bisogno di permettere a lui anche di discutere cosa produce, perché lo produce, che significato ha il suo lavoro, come viene valorizzato.. Io nel rappresentare i metalmeccanici voglio rappresentare anche la loro intelligenza e il fatto che sono dei cittadini che possono avere anche una idea di società. Io non voglio presentare alcun movimento. Una cosa di questo genere nasce non perché la decide Landini o la Fiom, ma se tutti i soggetti, se tutte le associazioni, se tutte le persone pensano che sia utile per migliorare la loro condizione. Io dico che in questa fase particolare, nel Paese, nel Parlamento, nel Governo il mondo del lavoro e non solo del lavoro dipendente ma di tutte le forme di lavoro non è rappresentato. Oggi sono rappresentati altri interessi. Quando si arriva a cancellare lo statuto e i diritti dei lavoratori, quando si arriva a dire che una persona può essere licenziata se gli viene dato un po’ di soldi, siamo alla mercificazione del lavoro, stiamo tornando indietro di 150 anni e c’è una valorizzazione complessiva. Io oggi sento la necessità di poter discutere per le persone che rappresento di che imprese ci sarebbe bisogno di fare. Bisogna ripensare tutto

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:20| 
 |
Rispondi al commento

IO STO CON LANDINI
LANDINI da Mentana a Bersaglio Mobile- 13-3-2015

http://www.la7.it/bersaglio-mobile/rivedila7/bersaglio-mobile-14-03-2015-149787

“Io non faccio altro che mettere in pratica una decisione che ha preso tutta la Fiom
Una settimana a Cervia la nostra Assemblea di 500 delegati di fabbriche, di luoghi di lavoro, impiegati, tecnici.. ha preso una decisione alla luce che sta cambiando tutto nel nostro Paese, a danno di chi lavora, c’è una divisione nel lavoro che non ha precedenti, c’è una competizione nel mondo del lavoro che non ha precedenti e c’è un attacco da parte del governo ai diritti che sta svalorizzando tutte le forme del lavoro non solo quello dipendente ma anche quello autonomo. C’è molta solitudine nel Paese, la gente si sente da sola e non si sente rappresentata e quindi noi abbiamo che per proseguire la battaglia sindacale che abbiamo messo in campo nei mesi scorsi, con tutta la CGIL non solo la FIOM, che c’è bisogno anche si pensare e a forme nuove di mobilitazione e soprattutto c’è bisogno di unire questo Paese, perché noi lo vogliamo cambiare più del governo Renzi ma lo vogliamo cambiare insieme alle persone che lavorano, insieme ai giovani che vogliono trovare un lavoro e mi permetto i dire che il primo a fare una coalizione in questo Paese è stato Renzi col suo governo, hanno scelto di stare con Confindustria, hanno scelto di seguire la lettera che la Bce nel 2011 aveva mandato a Berlusconi ma che di fatto ha confermato le politiche di attacco ai diritti, ai salari, alle pensioni e allora noi pensiamo che per cambiare veramente questo Paese bisogna cambiare musica, bisogna cambiare linea. Il sindacato è un soggetto politico perché ha un progetto, rappresenta delle persone, e allora noi vogliamo unire tutto quello che è stato diviso e siccome c’è un attacco a tutto ciò che è sociale, noi vogliamo unire proprio il sociale

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.03.15 16:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'E' UN CONSISTENTE VUOTO DI DEMOCRAZIA,DA PARTE DELL'EUROPA

alvise fossa 15.03.15 16:18| 
 |
Rispondi al commento

EURO O DEMOCRAZIA.

C'è poco da girarci intono, il problema si chiama BCE, Draghi ne è solo la faccia.

"Più Europa" significa solo "più BCE".

Gli stati europei dovrebbero solo chiedere, anzi pretendere, una BCE che appartenga agli stati membri e a nessun altro!

I resto so' tutte chiacchiere.

LA BCE "BATTE" MONETA, GLI STATI MEMBRI "SBATTONO" LA TESTA, AL MURO!

Buona domenica di "banche private" e di "cittadini coglioni".

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.03.15 16:11| 
 |
Rispondi al commento

...
"Nella mia lettera agli amici tedeschi, che vi prego di leggere, domando loro se sono coscienti che stanno attuando la sostanza del Piano economico avanzato nel 1936 da Walter Funk, il ministro dell’economia nazista, il quale prevedeva che la Germania divenisse il “paese d’ordine” in Europa, che il suo sviluppo fosse prevalentemente industriale, con qualche concessione per l’alleato storico, la Francia, e che gli altri paesi europei si concentrassero nella produzione agricola e svolgessero funzioni di serbatoio di lavoro; infine che le monete europee confluissero nell’area del marco, per seguirne le regole.
...
La soluzione dei problemi di adattamento dell’economia alle nuove condizioni geopolitiche interne all’Europa volute dalla Germania, unitamente a quelle che il mercato globale ci impone, va infatti trasferendo la patata calda della disoccupazione e del ridimen-sionamento della rete di protezione sociale nelle mani della politica, che non è in condizione di raffreddarla, non disponendo di propri strumenti da attivare a tal fine. Non sarà certo la lotta alla corruzione e all’evasione fiscale, pur doverosa, che invertirà il processo di sottosviluppo in atto, che resta eterodiretto e dagli sbocchi sociali imprevedibili ."
...

Paolo Savona
economista inipendente

http://www.formiche.net/2012/10/25/la-lettera-del-prof-savona-agli-amici-tedeschi-e-italiani/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 15.03.15 16:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

''Qual è la differenza tra te e una banca? Nessuna, infatti se fallisci tu ti portano via la casa e i risparmi, se fallisce la banca ti portano via la casa e i risparmi''. A. Parrillas

febbraiolo 15.03.15 15:51| 
 |
Rispondi al commento

a chi e' disturbato a vedere la svastica , vorrei dire che se le masse - caprone - italiane ed europee non capiranno in tempo, allora ccloro, gli scandalizzati , sappiano che se la troveranno stampata addosso

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 15:47| 
 |
Rispondi al commento

ER FONNO MONETARIO - FMI
Doppo quant’hanno fatto all’ Argentina
e quasi a tutta l’America latina…
che ‘sto branco de lupi ha depredati…
ad accojeli… dovevam’esse preparati.

ma acchì governa ’ngne ’ne frega ‘n cazzo
der popolo ritenuto… ’n cojonazzo
e venneno li pori cittadini…
a ‘sta schifosa massa d’ assassini!

Così s’aritrovamo co’ ’n padrone…
che ce tratta co’ la frusta e cor bastone,
come schiavi legati e barattati
e de tutte le ricchezze derubbati.

Ma l’italiani se so’ arincojoniti,
pe’ lassà er paese ’n mano a ‘sti banditi?
Se li politici so’ luridi… papponi,
c’aspettamo a frantumaje li cojoni?

Si a ‘sta massa de ladri e delinquenti,
cominciassimo a mostraje li denti…
se piscerebbero pe' la paura sotto,
che ’n fonno so’ solo… cacasotto!



"""Il bello della democrazia è proprio questo: tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare."""


lo disse E. Biagi...

ma matteuccio condivide :)

3pabblo 15.03.15 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Non mi pare che la svastica sia un buon scelta

elisabetta d., Venezia Commentatore certificato 15.03.15 15:44| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

Io sto con Battisti! :)


www.youtube.com/watch?v=-CL9ETwXVT8


''La chiesa prega per noi, gli industriali producono per noi, i mass media ci informano e ci divertono, la pubblicità ci stimola, i politici ci amministrano, le banche conservano i nostri risparmi, le forze dell'ordine ci tutelano, la scuola ci istruisce.... e poi ci lamentiamo !''.
C. W. Brown

febbraiolo 15.03.15 15:29| 
 |
Rispondi al commento

''Un capitalismo senza bancarotta è come un cristianesimo senza inferno''.
F. Borman

febbraiolo 15.03.15 15:25| 
 |
Rispondi al commento

''Le statistiche mostrano che questo anno, con la recessione, è aumentato del 60% il numero di rapine nelle banche brasiliane. Ma non si dice da che parte''.

febbraiolo 15.03.15 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Sto occupando Wall Street, perché la banca sta occupando la mia casa
(Slogan di Occupy Wall Street)

febbraiolo 15.03.15 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Non possiamo continuare a sostenere che l’umanità può salvarsi solo attraverso l’economia. Lo schema adottato finora non consentirà alla Grecia alcun ristabilimento se il PIL e il debito pubblico sono considerati strumenti da sanificare, la stessa cosa vale per noi con altre tempistiche. Se vogliamo cambiare registro dobbiamo agire dove l'un percento degli abitanti detiene il 50% dei beni della collettività. L’Italia, la Grecia e altre nazioni europee soffrono della stessa malattia. Come persona mi sento innocente, i cittadini europei non hanno fatto niente di male, almeno così mi risulta e non ho mai creduto alla storiella del vivere sopra le proprie possibilità. Non possiamo pensare che i Greci fondino fabbriche per entrare in un mercato globale già competente e saturo, non ce li vedo i greci a fare concorrenza alla BMW, solo per dirne una. La Grecia è esclusa in partenza, per anni, dalla competizione del mercato mondiale, tolto il turismo. La ricchezza collettiva, sono le tecnologie che abbiamo raggiunte e non ancora condivise come eredità dell'ingegno, cui contribuirono anche uomini geniali trapassati da tempo. Il sistema perde gli equilibri, a questo punto non importa nemmeno attribuire le colpe, serve solo correggere gli errori e ripensare lo schema.

Giusy Romano Commentatore certificato 15.03.15 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Bernanke:“Non possono essere le banche nazionali a risolvere i problemi economici”. Sono troppo impegnate a crearli.

febbraiolo 15.03.15 15:13| 
 |
Rispondi al commento

''Cos'è rapinare una banca a paragone del fondare una banca?'' Brecht

febbraiolo 15.03.15 15:07| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno blog e qui caffè a 5 stelle!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.03.15 14:49| 
 |
Rispondi al commento

..la svastica...ha dato inizio ad una guerra con svariate decine di milioni di morti.
Vabbhè lo sfogo di DIBA....ma siamo ai livelli, della seconda guerra mondiale ?

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 15.03.15 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Io non capisco perché le guerre scoppiano sempre in Europa, proviamo a spostare il Vaticano in Alaska per vedere l'effetto che fa.

febbraiolo 15.03.15 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Crocifisso ovviamente.

febbraiolo 15.03.15 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione, togliete la svasticazza e mettete gesù.

febbraiolo 15.03.15 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Grillo, Casaleggio, parlamentari del m5s.
Per cortesia, chiedete un incontro con Tsipras per discutere di Europa ed Euro, con annesso il tema di un'eventuale uscita dei due paesi dalla moneta unica.

Marco F., ss Commentatore certificato 15.03.15 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Non c'e' motivo di mettere la svastica. Stop

Gigi D'Amico 15.03.15 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Bonasera,....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.03.15 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Zacchete

Dino L.. Commentatore certificato 15.03.15 14:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori