Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fuori gli indagati dallo Stato /1: Francesca #BarracciuaCasa

  • 25

New Twitter Gallery

barracciucasa.jpg

Il ministro Lupi si è dimesso pur non essendo indagato, nel governo ci sono quattro sottosegretari indagati. Devono andare via. Gli incarichi pubblici vanno interdetti agli indagati finché la magistratura non fa il suo corso. Oggi è il turno di Francesca Barracciu del Pd, sottosegretario ai Beni Culturali, indagata per peculato aggravato nell'ambito dell'inchiesta sul presunto uso illecito dei fondi destinati alle attività istituzionali dei gruppi del Consiglio regionale della Sardegna. La procura di Cagliari contesta spese per 78 mila euro, effettuate quando la Barracciu sedeva nei banchi del Consiglio regionale, dal 2006 al 2009. 33.000 euro di spese non rendicontati sono stati giustificati dalla Barracciu come rimborsi chilometrici. 24.000 chilometri l'anno per tre anni. Il giro del mondo in mezza legislatura. L'accusa sembra intenzionata a chiedere il rinvio a giudizio. Perché non dimettersi subito? Perché Renzie la tiene lì?

27 Mar 2015, 13:12 | Scrivi | Commenti (25) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 25


Tags: Barracciu a casa, Francesca Barracciu, indagati, indagati stato, sottosegretari indagati

Commenti

 

Rinvio al 21 ottobre per il processo alla sottosegretaria guarda caso perchè proprio il giorno dell'udienza aveva un impegno istituzionale, legittimo impedimento, come succedeva per lo psiconano, intanto gli altri indagati per le spese pazze in regione a processo ci vanno, uno si è fatto il banchetto di matrimonio 25mila euro nella passegiata coperta del bastione di cagliari, mica dal cadozzone al poetto con i soldi delle nostre tasse. ma io dico se questa è innocente con documenti e riscontri alla mano, non vorrebbe che la cosa finisse il prima possibile? spiegatecelo.

F.Pino 25.06.15 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Allora volete sapere come è andata a finire alle elezioni comunali? Con una sonora trombata per la sottosegretaria. Evidentemente i compaesani hanno la memoria lunga. "Su molenti sardu du frigasa una orta scetti"(all'asinello sardo lo freghi una volta sola).

pino f. 07.06.15 09:50| 
 |
Rispondi al commento

retifico: la sig.ra si candida come consigliere comunale , lo stipendio da sottosegretaria non gli basta, vuole anche le briciole.

pino f. 06.05.15 09:58| 
 |
Rispondi al commento

La sottosegretaria andrà a processo il 24 giugno, intanto pare che si ricandidi come sindaco. Errare humanum est, perseverare autem diabolicum.

pino f. 27.04.15 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Ultimissime: la sottosegretaria si è dimessa da facebook.

Don Alfonso 31.03.15 18:45| 
 |
Rispondi al commento

"Vi è stata una delega totale e inammissibile nei confronti della magistratura e delle forze dell'ordine a occuparsi esse solo del problema della mafia. E c'è un equivoco di fondo: si dice che quel politico era vicino alla mafia, che quel politico era stato accusato di avere interessi convergenti con la mafia, però la magistratura, non potendone accertare le prove, non l'ha condannato, ergo quell'uomo è onesto... e no! Questo discorso non va, perché la magistratura può fare solo un accertamento giudiziale. Può dire, be' ci sono sospetti, sospetti anche gravi, ma io non ho le prove e la certezza giuridica per dire che quest'uomo è un mafioso. Però i consigli comunali, regionali e provinciali avrebbero dovuto trarre le dovute conseguenze da certe vicinanze sospette tra politici e mafiosi, considerando il politico tal dei tali inaffidabile nella gestione della cosa pubblica. Ci si è nascosti dietro lo schema della sentenza, cioè quest'uomo non è mai stato condannato, quindi non è un mafioso, quindi è un uomo onesto!"
" Paolo Borsellino "

michele p., torino Commentatore certificato 30.03.15 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Francesca Barracciu emblema di onestà e trasparenza....

angelo canu, ittiri Commentatore certificato 29.03.15 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Francesca Barracciu, trasparenza ed onestà in persona

Angelo Canu 29.03.15 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Peccato, il Bel Paese non si merita tanta mediocrità e pressappochismo(per diecimila euro al mese) al potere, soprattutto nel Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Diecimila euro per presenziare ad eventi di cui non si conosce nemmeno l'argomento.

Atena Atritonia 28.03.15 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Vi do un ulteriore contributo per capire in che mani siamo.
Da Novembre 2014 ho cercato di organizzare un incontro presso La prestigiosa Fondazione Lazzareschi di Porcari (LUCCA) avente come tema prioritario il Lavoro.
Primo incontro Nazionale dove tutte le Associazioni di Categoria e i Sindacati erano invitati, i “mezzi di informazione” anch'essi invitati dovevano dare risalto. Evento fissato per il 20 Marzo 2015.
Da Novembre 2014, circa 350 mail a settimana, un totale di oltre 6000 (seimila) mail per aggiornare, definire e informare.
Il 20 Marzo non c'era nessuno, ripeto nessuno tranne il Sindaco e il Vicesindaco e naturalmente il sottoscritto, nessun articolo informativo è uscito.
Se volete leggere ogni dettaglio di questo incredibile (mica tanto) autogol di chi dovrebbe, più di ogni altro tutelarci può andare sul Gruppo Facebook:

Il successo di una Nazione si misura dal benessere della sua Forza Lavoro

All'interno del quale trovate tutte le mail inviate e i contenuti delle stesse, oltre ad alcuni aggiornamenti. Se volete poi diffondete e fate conoscere una realtà che abbiamo toccato con mano. A breve organizzeremo un nuovo incontro sempre presso la Fondazione Lazzareschi di Porcari dove ognuno potrà partecipare, tutti sono invitati. Vi daremo notizia nelle pagine del Gruppo. Leggendo le mail vi renderete conto di cosa volevamo realizzare. Non ci siamo arresi cambiamo solo gli interlocutori, miei cari ragazzi ogni conquista ormai deve partire dal basso, chi occupa una carica ben remunerata, qualunque essa sia, ormai fa parte del “sistema”.
Un salutone e ricordate non mollate mai.

Mariano Antoni (mamo-org), Lucca Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 28.03.15 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo.
Non si arrenderanno mai!
e neppure noi ci arrenderemo.
Ma sarà dura, sarà difficile far capire ai loro sostenitori che è ora di cambiare.
Siamo un popolo di idioti che ha paura, ha paura di cambiare.
Quando lo capiremo?

vincenzo g. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 28.03.15 12:09| 
 |
Rispondi al commento

Ma quanto costa la benzina in Sardegna? Io faccio circa 25000 Km all'anno e non spendo certo 33.000 euro di benzina.

Danilo Merlonghi 28.03.15 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe.. il miracolo lo hai fatto grazie.. tu sei riuscito a creare e far entrare, in parlamento la prima vera opposizione.. l'
Importanza di tutto questo , verrà capito tra qualche anno..ma rimarrà nella storia
Per sempre .....Grazie..
Ps.. se posso dare un suggerimento..
Ai fatto caso che i riflettori sono sempre puntati su di te e non sui ragazzi del m5s..
Tu sei avanti e vero.. sarai anche un Po stanco ..ma rimani di fatto il solo criticabile, e sappiamo che ci speculano i media su di te..ma ogni tua uscita, secondo me annulla di parecchio il loro lavoro, non pensi sia meglio che tu esca ufficialmente.. e continui a fare il garante per tutti italiani,e continuare a dare consigli ai ragazzi?. W te e il m5s..

antonio nanni 27.03.15 22:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Emblematico il fatto che il padre del fondatore del PCI fu condannato a qualche anno di gattabuia per peculato ( e non erano spicci, ma tasse pagate dalla povera gente del posto) proprio nel paesino che ha dato i natali alla signora in questione.

Pino Frori 27.03.15 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Siamo alle solite... Il popolo deve solo che intervenire... Deve insorgere

john Rambo Totò 27.03.15 20:25| 
 |
Rispondi al commento

dobbiamo fare pressioni su Renzi e il suo staff,questi 4 o 5 indagati,vuol dire che qualcuno ha fatto delle indagini e trovato anche delle prove ,quindi anche se non condannati devono dimettersi e perdere lo stipendio,per forza che Poletti dice che non ci sono soldi per mandare in pensione quelli senza lavoro con più di 62 anni,se li danno a questi ladri non ci sono no!

Bruno Knez 27.03.15 19:57| 
 |
Rispondi al commento

La Sardegna ormai è piena di questa gente, se ci fossero controlli la maggior parte dei politici sarebbe in galera insieme a dipendenti, dirigenti e direttori compresi. Non mi fa specie il caso della Barracciu, i politici sardi sono sempre culo e camicia con i governi centrali di turno, pur di fare carriera e sentirsi importanti hanno e stanno svendendo pezzo per pezzo la povera Sardegna.

libera p. Commentatore certificato 27.03.15 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Si ha sempre l'impressione che i rappresentanti del PD debbano avere perlomeno un curriculum comprensivo di indagini nei propri confronti da parte dell'erario. Questo darebbe un sicuro affidamento a comportamenti illeciti in futuro, se fossero onesti sarebbe difficile stornare soldi dai fondi pubblici senza un effettiva complicità.

mario conciatori 27.03.15 19:09| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' HANNO LA FACCIA COME IL CULO E IL CULO ATTACCATO ALLA POLTRONA....SEMPLICE!!

deu seu (gundar), cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 27.03.15 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Barracciu deve chiarire come ha speso i nostri soldi!
chiaro?

floriana 27.03.15 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma di cosa stiamo parlando? Il caso della Barracciu è l'espressione massima della democrazia che troviamo nel PD.
Se un cittadino aspira a diventare sottosegretario del governo guidato da un pifferaio deve comportarsi come questa tizia.
Altro che democrazia, moralità, dignità, onestà, ecc. più si hanno problemi con la giustizia e più probabilità si hanno per fare carriera politica nel PD.
Due pesi e due misure......come decide il "Giulio Cesare" Renzie.

saverio battaglia 27.03.15 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che se fosse stata innocente avrebbe chiarito già all'indomani delle accuse. Perchè si deve aspettare una lite da pollaio su twitter (che getta in ridicolo un intero Paese) per riaccendere i riflettori su questa persona e sugli altri indagati? Dobbiamo aspettarci che tutto cada in prescrizione? Cosa stanno facendo e cosa hanno fatto ad oggi gli inquirenti? Abbiamo il diritto di sapere come sono stati spesi 78.000euro di denari dei contribuenti sardi, c'è gente che vive e lavora solo per pagare le tasse e questi privilegiati e indagati si permettono di sparare cazzate pubblicamente. Che vergogna, che vergogna, avessero il pudore di tacere almeno, che vergogna, sprofondassero nella loro torbidità sino a "Il giorno del giudizio" che spero arrivi presto.

Don Sebastiano 27.03.15 14:32| 
 |
Rispondi al commento

FRANCESCA BARRACCIU A CASA

alvise fossa 27.03.15 14:12| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori