Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fuori gli indagati dallo Stato /2: Davide #FaraoneaCasa

  • 20

New Twitter Gallery

faraoneindagato.jpg

Il ministro Lupi si è dimesso pur non essendo indagato, nel governo ci sono quattro sottosegretari indagati. Devono andare via. Gli incarichi pubblici vanno interdetti agli indagati finché la magistratura non fa il suo corso. Oggi è il turno di Davide Faraone del pd, Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, indagato per peculato per le spese pazze dell'Assemblea regionale siciliana, l'inchiesta sull'uso illecito dei fondi destinati ai Gruppi parlamentari. Nell’inchiesta sono indagati per peculato 83 consiglieri delle ultime tre legislature e 14 consulenti e dipendenti dell’Ars. Le spese illegittime, secondo gli investigatori, ammontano a oltre dieci milioni di euro. Cosa ha fatto Faraone nella vita per arrivare alla poltrona e perché il governo ce lo tiene incollato nonostante sia indagato? Le cronache lo ricordano perché nel marzo del 2008 secondo un'informativa dei carabinieri, andava in casa di Agostino Pizzuto, detto il "Basettone", boss del clan San Lorenzo-Resuttana di Palermo, per chiedere sostegno elettorale. Nel marzo 2012 durante le primarie del PD per il comune di Palermo la cooperativa di disoccupati "Palermo Migliore" raccoglieva voti promettendo lavoro per la cooperativa, qualora Faraone fosse divenuto sindaco di Palermo. Nel video che testimonia ciò, gli autori stessi lo definiscono "voto di scambio". Faraone nega e parla di macchina del fango. Con un curriculum così nel pd sottosegretario è il minimo sindacale. Per diventare ministro ci vuole almeno una foto a cena con un boss, altrimenti non sei nessuno.

poletti.jpg

Fuori gli indagati dallo Stato!

ARTICOLO: Fuori gli indagati dallo Stato /1: Francesca #BarracciuaCasa

30 Mar 2015, 14:34 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 20


Tags: Davide Faraone, Faraone a casa, fuori gli indagati dallo Stato, indagati, sottosegretari indagati

Commenti

 

Nell'ambito della Politica e della Amministrazione Pubblica bisogna introdurre il principio del giusto compenso che vuol dire non strapagare i politici, parlamentari, amministratori, ecc.
Con i risparmi si può istituire il reddito di cittadinanza.
Ma soprattutto, con queste regole, avremo molto meno candidati a quelle funzioni, ma certamente più motivati e meno interessati per fini personali o di carriera.
Vedi esponenti del Mov. 5 Stelle.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 01.04.15 06:41| 
 |
Rispondi al commento

Il politico non è obbligato da nessuno AD esercitare LA PROFESSIONE DELL'IMBROGLIONE IN QUANTO CHI FA POLITICA- fondamentelmente è un personaggio estremamente --AMBIGUO--DEDITO AI CONTINUI COMPROMESSI che è alla base di ogni accordo politico- e sindacazzi VARI -SEMPRE E COMUNQUE SULLA PELLE DELLA GENTE-CHI SCEGLIE DI FARE IL POLITICO - E SOLA INA FORMA DI SCELTA --DICIAMO PASSIONALE - QUINDI DOVREBBE PERCEPIRE - LA PAGA DI UN NORMALISSIMO MORTALE CITTADINO -ALTRIMENTI TUTTI A FARE IN CULO --------
IL POLITICO --------NON è altro che un uomo al servizio del paese e dei cittdini -fine
sono tutti --nu sicch i lot - LETAME --

CONAN- CONDOTTIERO Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.03.15 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Il direttore di un noto giornale disse in un programma tv che tra tutti i reaticommessi dai politici quello di peculato è il più meschino. Il padre di Antonio Gramsci,appartenente ad una famiglia benestante di origini nobili, impiegato in un ufficio pubblico in un paesino della Sardegna, fu condannato a qualche anno di prigione per peculato, si intascò una cifra considerevole per quei tempi nonostante vivesse in condizioni agiate.Si potrebbe dire che non era un politico, ma data la sua posizione sociale di sicuro egli aveva un peso notevole sulla politica locale. certo le colpe dei padri non devono ricadere sui figli, e forse proprio per questa vicenda Gramsci fu un uomo probo, fermamente coerente nei suoi principi di onestà intellettuale sini all'ultimo e da cui sembra che taluni esponenti del partito da lui fondato proprio non vogliono imparare nulla. Ma il segno fu messo, c'è, continua ad aleggiare e soffia ormai su tutti i partiti politici,(tranne che nel M5S) a dispetto dei secoli.

De Gaetano 31.03.15 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Lo schifo italiano. Non so perché quando ho iniziato io la politica, non era necessario questo curriculum; bastava studiare, avere il lavoro per campare, farsi il culo, essere onesti e vivere sobriamente.. Beh cacciamo via gli schifosi e beccamorti; vivono sulle nostre spalle.

Matteo marteddu 31.03.15 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Poi siamo il paese più tassato in Europa (e forse non solo in Europa).

Chissà perchè.

Ma d'altra parte, un Parlamento eletto con legge elettorale incostituzionale, anzi, una decina di parlamenti eletti con il porcellum, non poteva fare altro che partorire un numero sempre maggiore di gente così.

Gian A Commentatore certificato 31.03.15 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Vi avevo votato per amdare al governo. Non lo avete fatto. Per me non andrete più. Un vecchio proverbii dalle mie parti dice non è sempre Pasqua di maggio! !

demonte Antonio 31.03.15 00:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BRANCO DI ARRIVISTI DEL CAZZO

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 23:23| 
 |
Rispondi al commento

si la maggioranza - non capisce un cazzo nessuno li dentro- mai lavorato mezza giornata - nessuno di sti SFIGATI

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 23:21| 
 |
Rispondi al commento

...praticamente la maggioranza ....

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 22:01| 
 |
Rispondi al commento

SI che si puÒ Mandarli via - i cittadini entrano nelle istituzioni e li prendono a calci nel CULO E MIRANDO soprattutto ai micro coglioni - ricordatevi che questi personaggi sono parassiti, si attaccano come zecche e mollano l`animale solo alla sua morte.

prendeteli a calci - solo così li potrete mandare via.

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 21:39| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo non c'è verso di mandarli via!!!

luigi brosas 30.03.15 20:30| 
 |
Rispondi al commento

PROPONIANO DEI REFERENDUM INFORMIAMO GLI ITALIANI
ENTRANDO NELLE LORO CASE ATTRAVERSO IL SERVIZIO POSTALE E FORSE POSSIAMO SPERARE IN UN CAMBIAMENTO ALLE PROSSIME ELEZIONI.

Pietro Cannata 30.03.15 19:29| 
 |
Rispondi al commento

via faraone

roberto 30.03.15 18:51| 
 |
Rispondi al commento

faraone ,FARAONE HAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA FINALMENTE SPERO DI NON SENTIRTI PIù DIRE BELINATE ,SI VEDEVA CHI ERI ,E ASPETTAVO QUESTO MOMENTO FUORIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

biggi giuseppina 30.03.15 18:42| 
 |
Rispondi al commento

FUORI DAVIDE FARAONE DALLE ISTITUZIONI

alvise fossa 30.03.15 18:19| 
 |
Rispondi al commento

speriamo li arrestino tutti

lai 30.03.15 17:32| 
 |
Rispondi al commento

FUORI DAI COGLIONI

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 14:41| 
 |
Rispondi al commento

questo deve tornarea fare l'impiegato . VIA VIAAAAA

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 14:41| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori