Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Petrolio in Basilicata, ora l'Ue fa tremare Eni

  • 18

New Twitter Gallery

petrolio_basilicata1.jpg

"La Commissione Ue ha avviato una procedura di indagine sulla concessione petrolifera Val d’Agri e sta valutando ora le risposte fornite dalle autorità italiane. Il commissario Ue all’ambiente Karmenu Vella ha annunciato così, rispondendo ad una interrogazione presentata dall’eurodeputato 5Stelle Piernicola Pedicini, il lancio di indagini per valutare la situazione ambientale e sanitaria determinata dall’attività estrattiva di Eni/Shell in Basilicata. "Una volta terminata questa valutazione - si legge ancora nella risposta di Vella - sarà stabilito il seguito appropriato". "La procedura d’indagine avviata dalla Commissione Ue a seguito delle numerose denunce del M5S", ha sottolineato Pedicini in una nota, "è un importante risultato per le popolazioni che risiedono nell’area interessata dalle estrazioni petrolifere e per i cittadini della Puglia e della Basilicata che, ogni giorno, utilizzano l’acqua del Lago del Pertusillo (sito comunitario a contatto con l’area estrattiva) per uso potabile". "Le autorità italiane - insiste Pedicini - dovranno spiegare con estrema chiarezza e precisione qual è l’impatto sull'ambiente e sulla salute pubblica di queste estrazioni in corso da 20 anni". Le indagini della Commissione Ue riguarderanno la concessione petrolifera Eni/Shell, denominata "Val d’Agri", come da decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 28/12/2005. Pedicini contesta il mancato rispetto di sei direttive Ue per la tutela ambientale e sanitaria".
Il Quotidiano della Basilicata

29 Mar 2015, 10:37 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 18


Tags: basilicata, eni, petrolio, val d'agri

Commenti

 

Spero che vadano tutti a casa questi balordi politici e che mandano i loro figli a fare il bagno nel petrolio

Giacomo Ganci 04.04.16 01:30| 
 |
Rispondi al commento

E' ora che interromapano immediatamente questo scempio in un territorio cosi bello. Uccisero l'Ingegno Enrico Mattei che aveva pensato ad una indipendenza ma tanti anni fa ma credo fermamente che non avrebbe voluto la morte e le malattie di tanti uomini donne bambini uomini ed anziani ed animali. Queste estrazioni in mano a solo grandi amanti del profitto e devastazione del territorio, (che dovrebbero pagare i danni alla gente che muore e che si ammala)devono smetterla, e sfruttare solo la vera energia gratuita che abbiamo a disposizione per mano del Creatore : l'energia solare. Non costa nulla e non è portatrice di morte . Alla cricca della morte chiedo che paghino i danni al territorio ed agli abitanti, e che istituiscano studi concorsi per ingegneri che studino e mettano a disposizione altre energie! Che non 'sono'o siano portatrici di devastazione a tutti i livelli. Come vi sentite quando consumate i soldi che grondano sangue? Sappiate che i soldi per fortuna non ve li porterete nella tomba. Spero che, visto che sputate in cielo fiamme di morte vi ritorni tutto in faccia.

alegna d., argenta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 01.04.16 11:36| 
 |
Rispondi al commento

E' un bene che finalmente se ne parli ma c'è un problema:

"Le autorità italiane - insiste Pedicini - dovranno spiegare con estrema chiarezza e precisione qual è l’impatto sull'ambiente e sulla salute pubblica di queste estrazioni in corso da 20 anni"

...se sono stati capaci di fare quanto è sotto gli occhi di tutti, volete che non siano capaci di dimostrare che ciò che accade non dipende dalle estrazioni!? Io non mi illuderei.

Cinzia

Cinzia Losasso 20.11.15 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Era ora, ci stanno sterminando come mosche, tra l'indifferenza delle istituzioni e la sete delle lobby.. Io sono un Disabile, padre di 2 figli orfani di madre viva, ex dipendente della val baseneto, disoccupato per fallimento politico industriale della stessa area, dichiarata sito di interesse nazionale da bonificare dal 2003, le pochissime imprese che ancora resistono, sopravvivono a botta di siringhe e intanto io ammalato di tumore e asma bronchiale in ditta, non mi è stato nemmeno riconosciuto quel minimo che mi sarebbe servito per curarmi...ne i politici e ne I sindacati riescono a indirizzarmi verso una soluzione, e intanto io rischio di perdere pure i figli per via dei servizi sociali .....Maledetti bastardi.

GIUSEPPE TRIVIGNO 30.03.15 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Forza M5S

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 30.03.15 12:17| 
 |
Rispondi al commento

...con la speranza che il tutto non venga insabbiato ...è da tempo che il tutto non è 1 segreto

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 30.03.15 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Un caro saluto al cittadino eletto Piernicola Pedicini ..
Con il quale abbiamo avuto modo di sentirci per portare avanti le nostre istanze dall'Abruzzo , in collaborazione con la cittadina eletta Daniela Aiuto ..

Entrambi disponibili ad accogliere la nostra richieste di collaborazione e per far recepire , anche in sede comunitaria , le nostre Istanze come cittadini residenti e coinvolti nel SIN
( sito di interesse Nazionale )--> Ma in realtà abbandonato a se stesso con gravissime conseguenze per i cittadini e per il territorio - ambiente !!

La discarica dei veleni
Ex Montedison ( appunto )

antonello c., pescara Commentatore certificato 29.03.15 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è solo in Basilicata ma anche a gela dove Eni la fa di padrona basta andare a individuare tutti pozzi scavati buttato il materiale e richiusi nessuno Sto arrivando! niente ma tutti sanno

Salvatore Di Dio , Ramacca Commentatore certificato 29.03.15 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Al signor Piernicola Pedicini. Gli do una dritta che non dovrebbe indagare solo in Basilicata ma anche nella raffineria di Gela dove esistono dei pozzi fatti a doc è calato del materiale dove a fianco gli agricoltori piantano peperoni. E odorano di altro e non un pozzo ma bensì tanti pozzi che se la magistratura veramente esiste ci sarà che ridere altro che Ilva di Taranto ci sarà eni di gela che ne a fatto una vera provincia di materiale radiottvo è velenoso per ambiente e per umanità ammlata di tumori ed altro cara magistratura datevi una mossa .

Salvoeni 29.03.15 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da da cittadino lucano spero davvero che ci facciano sapere realmente come stanno le cose al livello di inquinamento nella mia regione

Giuseppe Arleo 29.03.15 17:59| 
 |
Rispondi al commento

A prescindere dal problema ecologico, si trivella su territorio Italiano, ENI va bene é nazionale ma Shell che cazzo centra, perché quando Shell trivella nel mare del nord chiama anche ENI ?!


#vittoriaM5s: la Commissione Europea indaga sulle estrazioni petrolifere in Italia (https://www.facebook.com/piernicolapedicini.m5sbasilicata/posts/460593524092108)

michele labriola, potenza Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.03.15 17:05| 
 |
Rispondi al commento

perchè il prezzo è dato da una quantita di tasse eccessiva e quindi anche se la materia prima scende come costo il prezzo non scende mai in modo proporzionale è come il problema dei costi fissi nelle spese energetiche di luce e gas

claudio petessi 29.03.15 16:55| 
 |
Rispondi al commento

ORA QUALCHE POLTRONA INIZIERA'A TREMARE SU QUELLO CHE E' SUCCESSO IN BASILICATA

alvise fossa 29.03.15 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Salve a proposito di carburanti qualcuno mi spiega gentilmente perchè quando il petrolio costava circa 100 dollari al barile il diesel lo pagavamo 1,70 euro e ora che sta a circa la metà al barile lo paghiamo ancora 1,40 euro? Grazie.

giovanni albanese 29.03.15 16:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori