Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

#CrollaTutto sulla testa degli italiani

  • 18

New Twitter Gallery

scuola_crollata.jpg

Crollato il pilone in Sicilia, crollata una strada in Sardegna, oggi crolla il soffito di una scuola sulla testa dei bambini che facevano lezione. Crolla tutto, ma aumentano le tasse.

"Crolla il soffitto in una scuola elementare di Ostuni. È successo nell’istituto Pessina, mentre gli alunni facevano lezione. Due i bambini feriti, anche se sembra non in maniera grave. I due studenti sono stati trasportati in ospedale. Dopo una prima ricostruzione, sembra che uno strato di intonaco spesso un centimetro sia venuto giù dal soffitto cadendo in testa ai due bambini di sette anni. Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri e i tecnici del Comune per verificare l’agibilità della scuola elementare e la causa del distacco." fonte

13 Apr 2015, 12:42 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 18


Tags: Ostuni, scuola, scuola crollata, soffitto

Commenti

 

è vero sta crollando tutto qui in Italia ma sto' Governo quando crolla ?

Pietro scarsella, calcata Commentatore certificato 14.04.15 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Nessuna parola per la scuola e le strade che si dissolvono sotto i piedi, ma una forte esternazione dell'ex inquilino a titolo gratuito per incarico, del quirinale, che non ha saputo resistere dal dire recentemente che la legge elettorale italicum va bene com'é, quale giusto compromesso. Il soffitto del senato non cade sulle teste come la scuola, che deve essere frequentata per obbligo! Già la nazione ha pianto gli/i scolari/alunni/studenti/universitari deceduti per mancanze ingegneristiche e edificatorie o a seguito di eventi naturali, per le quali non erano minimamente (almeno un minimo) predisposte su indicazione della protezione civile nazionale, che ha monitorato il territorio. Il dolore che segue, non allevia le responsabilità di tutti: coloro che esternano e dei famigliari nel senso più ampio del termine (in certe cose siamo tutti una famiglia), che dovrebbero pretendere esposto e ben visibile, da parte della pubblica amministrazione, l'atto di collaudo, agibilità, ecc., quale garanzia nell'iscrivere il proprio figlio nella scuola. Come si impone ai locali pubblici l'esposizione di tabelle e prezzario, non vedo perché a garanzia dell'incolumità pubblica non possa avvenire quest'esposizione.

f.d. 14.04.15 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Storie di un'Italia imputridita dalla corruzione.
E' un sistema generalizzato quello della corruzione: per combatterla non si tratta di individuare singoli colpevoli, che pure ci sono, ma tutti quei comportamenti nostri diffusi e diciamo normali, noi che non vogliamo sapere, non vogliamo vedere, vogliamo soltanto delegare.
Il controllo sui lavori alla scuola avrebbero dovuto richiederli anche il Preside, il corpo docente, i genitori, chiedendo garanzie alla ditta in prima persona!

M. Mazzini 14.04.15 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Una tragedia immane, una strage sfiorata, le famiglie sono terrorizzate e pensano di ritirare i figli dalle scuole. Cos'e' successo? E' caduto un pezzo di intonaco in una scuola di Ostuni, incredibile!
Prime pagine dei giornali, aperture dei telegiornali, dibattiti, talk show, riunioni ministeriali, forse mobilitazione dell'esercito. Sarebbe opportuno chiudere per due mesi tutte le scuole d'Italia per una verifica approfondita di soffitti e controsoffitti.
Se non bastasse e' crollato anche un pilastro di un ponte in Sicilia, ma si sa il cemento della mafia non e' della migliore qualita', bisogna accontentarsi.
Intanto in Italia e soprattutto nel mondo vi sono accadimenti di minore importanza; lasciamo che se ne occupino quei Paesi che hanno i contrisoffitti delle scuole in ordine.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.04.15 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Chi si oppone al cambiamento, alla tumulazione dei partiti e di quella gentaglia, è complice di questa merda! ..vergognatevi!!

Maurizio onorato 14.04.15 01:20| 
 |
Rispondi al commento

E vabbè, vuol dire che manderemo i nostri figli e nipoti, a scuola dentro la galleria della TAV o nei cassoni del MOSE.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 13.04.15 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Data 18 Febbraio 2015

Due gravi incidenti in Abruzzo , nel Chietino e a Pescara ..
Ancora più grave il minimizzare degli Enti che hanno l'obbligo di controllare agibilità e sicurezza degli istituti scolastici .

L'Abruzzo è una regione ad alto rischio sismico , strutture che cedono in questo modo sono assolutamente pericolose per studenti e lavoranti

http://www.reporternuovo.it/2015/02/18/abruzzo-crolla-solaio-scuola-3-feriti-e-in-asilo-esplode-caldaia/

" Questi episodi, comunque, accadono da parecchio tempo in tutta Italia. L’ultimo a Niscemi, in Sicilia: a fine gennaio è stato chiuso un plesso scolastico dopo ripetuti crolli di calcinacci dal soffitto della scuola e infiltrazioni di acqua piovana. L’8 gennaio, invece, è crollato l’intonaco di un soffitto in un asilo in Lombardia ferendo 7 bambini: un incidente avvenuto un anno dopo la disgrazia del liceo di Lecce, quando uno studente morì cadendo in un pozzo di luce per il cedimento di una grata.

A febbraio 2014 è crollato l’intonaco del soffitto di una scuola elementare di Palermo e sono rimasti feriti tre bambini di quarta. Il 30 aprile è ceduto il soffitto di una palestra della scuola elementare di Russi (Ravenna), dove si stavano allenando alcune ginnaste, rimaste illese. Il 10 settembre stesso incidente in una scuola di Tivoli (Roma), dove sono rimasti feriti due insegnanti. Il 29 novembre 2013 crollarono due metri quadri di soffitto al Liceo classico Dettori di Cagliari, ferendo un’insegnante e due studenti. "

antonello c., pescara Commentatore certificato 13.04.15 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Non fanno altro che crollare le scuole italiane, e questo da una vita! Ma ai nostri amatissimi politici non gliene frega niente. Bè, complimenti a chi li vota ancora!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 13.04.15 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Questa cosa è scandalosa. Neanche le scuole sono un luogo sicuro.
inzeR oettaM

Paolo Visconti 13.04.15 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Si pure rifatto vivo pure Napolitano a favore dell'Italicum, vecchio pigliorista piduista.

Mario Genovesi 13.04.15 15:17| 
 |
Rispondi al commento

La buona scuola e il tesoretto.

E mentre la politica cazzeggia, l’Italia cade a pezzi. E’ di oggi il dramma consumatosi in una scuola elementare nel brindisino, ad Ostuni. Il soffitto di un'aula è crollato durante le lezioni. Almeno due bambini di 7 anni sono rimasti feriti e sono stati portati in ospedale. Dopo il crollo la scuola è stata evacuata. Scuole, ponti, strade, ospedali, tribunali… l’Italia cade a pezzi e "loro" parlano di un "tesoretto" da non sapere come spendere. Riparare il soffitto della scuola elementare Pessina di Ostuni sarebbero un bell'esempio di "soldi ben spesi"! Ma nessuno interviene. Che fine ha fatto il Piano generale di edilizia scolastica che obbligava il Ministero dell'Istruzione ad adottare precisi provvedimenti in materia, e il famoso piano sulle 'scuole sicure' annunciato dal premier Renzi che prevedeva 400 milioni di euro per 2400 interventi a partire dal 2015? Intanto gli istituti scolastici, come pure le strade, i tribunali, gli ospedali e gran parte delle infrastrutture pubbliche continuano a cadere a pezzi. Speriamo solo che non si debba arrivare - come sempre accade in Italia - ad una vera e propria tragedia per vedere finalmente ascoltate le richieste avanzate, in fatto di sicurezza, dai cittadini italiani!
Vai a >>> freeskipper

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 13.04.15 14:33| 
 |
Rispondi al commento

SOLO IL "CASO" VUOLE che il COMUNE DI OSTUNI affidò l' incarico di redigere il progetto della ristrutturazione -terminata tre mesi fa- della scuola PESSINA (come per la Giovanni XXIII e per il cimitero) al professionista esterno ingegnere Salvatore Molentino, fratello dell'avvocato e consigliere comunale Udc, Antonio Molentino?

fonti
http://www.trcb.it/index.php?a...
e
http://www.brindisireport.it/p...

PICCOLA NOTA A MARGINE
le elezioni "amministrative" ad ostuni hanno seguito lo stesso schema che impera nella politica dei comuni italiani:
LISTE DI SUPPORTO A IOSA E CANDIDATURE A TAPPETO PER PRENDERE VOTI IN OGNI FAMIGLIA!
tocca poi agli amici pennivendoli andare sui giornali a far scrivere che il M5S prende pochi voti alle amministrative.

PICCOLO PARTICOLARE PER GLI ITALIOTI CHE SI PRESTANO: QUESTO TIPO DI RACCOLTA DI VOTI VA POI RIPAGATO famiglia per famiglia,PROFESSIONISTA PER PROFESSIONISTA, BAMBINO PER BAMBINO

APRILE 2014 OSTUNI:
20 LISTE per 500 candidati totali;
solo UNA LISTA e 21 candidati per il M5S;
11 liste solo per Coppola che, guarda un po', FA ER SINDACO..... dei due bambini e della maestra feriti

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 13.04.15 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SEMPRE PEGGIO PER GLI ITALIANI,O CI SBARAZZIAMO DI PD,O SIAMO MORTI PER SEMPRE

alvise fossa 13.04.15 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Crolla tutto poveri noi !

germano addario 13.04.15 13:19| 
 |
Rispondi al commento

http://informazionescuola.it/2015/04/12/istruzione-il-governo-programma-tagli-per-i-prossimi-15-anni/

angelo imbrogno 13.04.15 12:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori