Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La sicurezza di Alfano e Maroni

  • 20

New Twitter Gallery

sicurezza_milano.jpg

"Nel Tribunale di Milano una persona ha sparato, ucciso tre persone, girovagato per le aule per oltre un'ora ed è poi potuto fuggire indisturbato. Come è potuta accadere una cosa simile nel Tribunale di una delle più importanti città d'Italia e del mondo occidentale? La sicurezza era stata affidata, con un appalto nel 2011, alla Allsystem. Parliamo della stessa società che si è aggiudicata con una procedura "ristretta semplificata" (dunque, senza alcuna gara) la gestione della sicurezza dell'Expo di Milano per 2,3 Milioni di euro, nonostante quella modalità di aggiudicazione sia consentita solo per contratti che non superino 1,5 Milioni di Euro. In tutto questo scenario entrano in gioco, però, l'ex ministro dell'Interno Roberto Maroni, quello che oggi si dichiara "sconvolto" e l'attuale ministro Alfano che devono dare alcune spiegazioni. Vi spieghiamo il perchè: il 17 ottobre 2011, il Presidente della Associazione Italiana Vigilanza/Confindustria Dott. Matteo Balestrero inviava una missiva al Ministero dell'Interno (a capo c'era Roberto Maroni), nella quale chiedeva espressamente di sapere "se gli Uffici del Palazzo di Giustizia di Milano e gli altri uffici giudiziari debbano o meno essere riconsiderati tra i siti sensibili per i quali, in maniera esplicita, è prevista in maniera esclusiva la vigilanza delle Guardie particolari giurate qualora a provvedere alla stessa non sia la forza pubblica". A questa domanda il ministero dell'Interno evitò di dare specifica risposta, scaricando le decisioni nel merito sulla Prefettura di Milano e sul Comitato Provinciale per l'Ordine della sicurezza pubblica. La risposta letterale del ministero dell'Interno fu la seguente: "ciò premesso, atteso il rilievo della questione ed in considerazione che la problematica è stata evidenziata anche dalla Procura della Repubblica presso la Corte d'Appello di Milano, questo Ufficio ha provveduto ad interessare direttamente la Prefettura di Milano, segnalando anche l'opportunità di sottoporre la problematica all'attenzione del Comitato Provinciale per l'ordine della sicurezza pubblica". E' facile immaginare che il Comune di Milano, davanti a questa risposta da Ponzio Pilato da parte di Roma, e alla luce di sempre ulteriori tagli alle forze dell'ordine, optò per un sistema di vigilanza meno costoso e quindi più debole. Ci chiediamo: da allora cosa è stato fatto per garantire la massima sicurezza del Tribunale di Milano e di tutti i Tribunali d'Italia da parte dei Ministri dell'Interno e della Giustizia che si sono succeduti a partire da Maroni fino ad arrivare ad Alfano?"
M5S Senato

11 Apr 2015, 10:54 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 20


Tags: alfano, maroni, sicurezza, sparatoria, tribunale milano

Commenti

 

"Nel Tribunale di Milano una persona ha sparato, ucciso tre persone, girovagato per le aule per oltre un'ora ed è poi potuto fuggire indisturbato. Come è potuta accadere una cosa simile nel Tribunale di una delle più importanti città d'Italia e del mondo occidentale? La sicurezza era stata affidata, con un appalto nel 2011, alla Allsystem. Parliamo della stessa società che si è aggiudicata con una procedura "ristretta semplificata" (dunque, senza alcuna gara) la gestione della sicurezza dell'Expo di Milano per 2,3 Milioni di euro, nonostante quella modalità di aggiudicazione sia consentita solo per contratti che non superino 1,5 Milioni di Euro. In tutto questo scenario entrano in gioco, però, l'ex ministro dell'Interno Roberto Maroni, quello che oggi si dichiara "sconvolto" e l'attuale ministro Alfano che devono dare alcune spiegazioni. Vi spieghiamo il perchè: il 17 ottobre 2011, il Presidente della Associazione Italiana Vigilanza/Confindustria Dott. Matteo Balestrero inviava una missiva al Ministero dell'Interno (a capo c'era Roberto Maroni), nella quale chiedeva espressamente di sapere "se gli Uffici del Palazzo di Giustizia di Milano e gli altri uffici giudiziari debbano o meno essere riconsiderati tra i siti sensibili per i quali, in maniera esplicita, è prevista in maniera esclusiva la vigilanza delle Guardie particolari giurate qualora a provvedere alla stessa non sia la forza pubblica". A questa domanda il ministero dell'Interno evitò di dare specifica risposta, scaricando le decisioni nel merito sulla Prefettura di Milano e sul Comitato Provinciale per l'Ordine della sicurezza pubblica. La risposta letterale del ministero dell'Interno fu la seguente: "ciò premesso, atteso il rilievo della questione ed in considerazione che la problematica è stata evidenziata anche dalla Procura della Repubblica presso la Corte d'Appello di Milano, questo Ufficio ha provveduto ad interessare direttamente la Prefettura di Milano, segnalando anche l'opportunità di sottoporre

comprare followers italiani Commentatore certificato 03.09.15 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma Di Pietro direbbe"e che c' azzecca" ?
Cosa c'entra quanto accaduto con gli obiettivi sensibili ai fini terroristici ? Posto che io non voglia difendere nessuno, la cosa se mai su cui interrogarsi è se dobbiamo pagare 2,1 min di euro alla vigilanza privata con un Paese che vanta ben 5 forze di polizia ( Polizia di Stato, Guadia di Finanza, Carabinieri, Polizia Provinciale, Forestale), Esercito, Guardia costiera, Polizie locali, ecc, ecc
Se andate nei porti vedrete schierate motovedette di almeno 3 diverse forze di polizia, tutte lì per fare le stesse cose...
Sarebbe ora, quindi, di riorganizzare questo carrozzone tutto italiano e di risparmiarci questi inutili sprechi, se vogliamo evitarci ancora di essere danneggiati e beffati.
fm

Filippo Marzovilla 12.04.15 08:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi si dice che il candidato sindaco a riva del Garda Trento e stato attivista di un movimento politico nazionale per molto tempo....ma il movimento 5stelle non si era preso l impegno di candidare solo persone che non avevano avuto passati in partiti?

Giuseppe pasulo 11.04.15 22:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quale speranza,quale ceto medio,quando il Paradiso Terrestre del mondo è riservato solo al 40% della popolazione?Visto che tutto è compiuto,dobbiamo sperare che il Dio di Turno dica la parola fine sui teatrini fatti recitare dai suoi fedeli Discepoli e riconosca il suo Figliol Prodigo governatore della Colonia Italia.Così potrà ricevere i Capi di stato al grande evento dell'ESPO,simbolo della ripresa del Paradiso UE.La cosa importante che la smettano di far leva sulle tragedie,le quali sono la conseguenza della Malapolitica e guarda caso servono come Manna per tenere incollati negli scranni del potere chi ci ha trascinati nel disastro mondiale.La causa delle tragedie quotidiane il cancro maligno della Malapolitica che oltre aver sponsorizzato e sostenuto le Guerre Mascherate in Missioni di pace per coprire gli affari di famiglia,hanno fatto si che la "Giustizia Non E' Uguale Per Tutti"!Chi ruba una mela per fame viene condannato, mentre gli evasori-speculatori-tangentisti-i pensionati del lavoro nero e quelli del doppio lavoro-i gestori del riciclo e fatturazioni fittizie con gli esecutori scelti tra la manodopera qualificata zingara-rumena-albanese protetta ed i politici presi con il bottino nel sacco vengono premiati con un incarico di prestigio. La politica serve solo per eseguire gli ordini ricevuti dai padroni del mondo e per fare gli affari di famiglia.Solo una vera guerra potrà riportare tutti con i piedi per terra,la Globalizzazione è peggio della 2'da guerra mondiale,ha fatto molto più danni e continua a seminare morti innocenti forzandoli a una lunga agonia di stenti senza speranza.Per pietà basta recitare i soliti teatrini,i politici dimostrano tutto il loro cinismo e arroganza nell'accanirsi contro il 60% del popolo.

agostino nigretti 11.04.15 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Il loro trionfo del Figliol Prodigo Renzi,è la prova del 9 che ci conferma che Dio non esiste e Cristo solo un Idolo usato per imbonire i creduloni.Anche i cretini come me che hanno creduto in un Dio immaginario hanno capito a proprie spese che nella vita non si deve credere a niente,è tutto pianificato e gestito dai Grandi Maestri Burattinai,quindi non potrà mai cambiare nulla se non scoppia una vera guerra che azzera il tutto,perché nessuno potrà mai scollare dagli scranni i politici-burocrati-manager-industriali americanizzati che si sono adoperati per realizzare la Globalizzazione e per trasformare gli ideali di una Europa unita in una suddita burocratica guerrafondaia UE che non è altro del doppione dei vari governi nazionali.Il G8 è servito a voler dimostrare la potenza e le capacità governative per impressionare la Russia affinché cadesse nella trappola della sudditanza attirata dalle sirene politiche di Turno.Morale,gli unici che soffrono e crepano sono chi ha creduto nella giustizia e negli ideali di uno Stato sovrano,mentre chi ha evaso-speculato dato o preso tangenti-seguito i sistema falso del cambio di casacca per sostenere gli eletti di turno,soprattutto chi ha favorito e sostenuto le Missioni Di Pace,adesso si gode la vita ed ha i figli sistemati.Renzi ha fatto tante promesse,però non ha cambiato nulla,anzi ha aumentato le tasse e fatto lievitare il debito pubblico.D'altronde è naturale perché è stato imposto e sostenuto dalla grande ammucchiata che dopo aver depredato e svenduto l'Italia,ha fatto le guerre mascherate per coprire la Malapolitica incancrenendo il mondo per poi donarci il terrorismo del loro figlio ISIS.Se non avessero fatto la guerra contro l'Iraq-Libia-Siria,adesso non ci sarebbero le catastrofi giornaliere degli immigrati,gli atti di terrore,soprattutto il mondo sarebbe più vivibile.

agostino nigretti 11.04.15 18:51| 
 |
Rispondi al commento

i SOLITI CADUTI IN UN GIOCO DI POLITICA, TUTTO POTEVA ESSERE RISOLTO IN CINQUE MINUTI

GIUSEPPE D'ERRICO 11.04.15 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Ma se la procedura per l'appalto della sicurezza all'Expo non si poteva fare , perchè è stata fatta in quella modalità ?
Bisogna indagare e trovare la Legge che annulli tale affidamento .
Oltre che punire i responsabili di detta decisione.
Altrimenti che senso ha fare le Leggi se poi si ignorano ?
P.S. Non è che per caso la ditta incaricata è una COOP ?

Antonio F., perugia Commentatore certificato 11.04.15 16:08| 
 |
Rispondi al commento

LA SICUREZZA DEI TRIBUNALI E' DIVENUTO UN AFFARE DI STATO

alvise fossa 11.04.15 15:17| 
 |
Rispondi al commento

E' il sistema Italia, si corre ai ripari solo dopo.
Tanto rafforzeranno per un mesetto e poi, ritornerà tutto come prima, o peggio.
Hanno creato troppa miseria, ora iniziano a vedersi le conseguenze, è solo l'inizio.
Dopotutto c'è chi si suicida e chi va ad ammazzare chi lo ha rovinato, anche io sceglierei la seconda opzione.

Leonardo Lombardi 11.04.15 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Fermo restando la condanna per la violenza con cui si sono svolti i fatti al tribunale di Milano ed il cordoglio per le vittime forse bisognerebbe sollevare il problema vero che è il comportamento di tanti curatori fallimentari e legali delle curatele vedrete che potrebbe emergere un malandate generalizzato età etc etc

Riccardo Arturo Rossi 11.04.15 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Invece di pagare ditte di vigilante sia nei tribunali o altri posti.
Sarebbe il caso di assumere poliziotti o carabinieri giovani.E togliere dalle strade dove avvengono manifestazioni varie poliziotti o carabinieri di eta avanzata.Quindi mettere questi nei tribunali.Non credo che il costo sia molto inferiore nel dare in appalto la sicurezza.Si rispamiano in futuro mazzette ecc....

Paolo.T Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.04.15 13:01| 
 |
Rispondi al commento

é normale che quest'individuo non sia andato così all'avventura ma sapeva che sarebbe potuto entrare armato quindi chi sa da quanto tempo i metal detector non funzionano. ora si scoprira che la ditta in appalto a dato la manutenzione in sub appalto e cosi via.Lo dico da sempre bisogna eliminare qualsiasi forma di sub-appalto,ma i nostri parlamentari si occupano di shiatzu.

francesco putano 11.04.15 12:25| 
 |
Rispondi al commento

ad alfano e maroni GLI FREGA DUE MARONI di quello che è successo a milano ,date retta a me

maurizio b., roma Commentatore certificato 11.04.15 12:12| 
 |
Rispondi al commento

ad alfano e a maroni , gli frega DUE MARONI di quello che è successo a milano date retta a me

maurizio b., roma Commentatore certificato 11.04.15 12:09| 
 |
Rispondi al commento

Non ci si può più stupire di nulla in un paese corrotto dove solo il soldo conta e non solo nella politica. :( dove andremo a finire...

Ugo C., Cannobio Commentatore certificato 11.04.15 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Mi Viene in mente solo una semplice parola :
INCOMPETENTI , mettono a rischio le nostre vite ogni giorno

marco e., reggio emilia Commentatore certificato 11.04.15 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori