Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il non profit diventa profit

  • 15

New Twitter Gallery

dimaio_profit.jpg

Alle 12 ci sarà la votazione finale sulla Riforma del Terzo Settore: SEGUI LA DIRETTA. Ieri il Pd ha votato contro la proposta del MoVimento 5 Stelle di vietare alle cooperative di finanziare i partiti.

"Il M5S nasce anche grazie alle esperienze e al contributo di tanti cittadini impegnati nelle associazioni e nel volontariato: in quel mondo conosciuto come Terzo Settore . Il non profit è diventato nel tempo una colonna portante del nostro Paese: 4 milioni di volontari, 10 milioni di lavoratori incluso l’indotto, un magnifico esempio di tutela della cultura e dei servizi sociali. Una riforma era necessaria, per rendere più agile e moderno il mondo delle associazioni, che oggi è ancora un mare magnum eterogeneo. Ma la legge delega che il governo sta imponendo al Parlamento di "riforma" ha solo il nome: in realtà è solo ultimo, ennesimo, caso di privatizzazione. Un’operazione che in sostanza trasforma il non profit in profit: si finanziarizzano i bisogni dei cittadini e si delegano sempre più all'esterno le competenze dello Stato, assegnando con fondi pubblici uno sconfinato campo di attività sociali e culturali a soggetti privati, che potranno distribuire gli utili. La parola chiave è, come sempre, "appalti" (per i quali sì, che ci vorrebbe una riforma!): tu, partito, mi porti soldi, io ti porto gente ai gazebo delle primarie e se posso ti faccio piazzare persone -sottopagate- nell'azienda. E poi capita anche che la commessa finisca in subappalto ad un’altra azienda gestita dalla criminalità organizzata. Ancora, dal momento che le coop e onlus godono di una fiscalità agevolata, il loro prossimo ingresso massiccio in nuovi mercati potrà causare fenomeni di concorrenza sleale nei confronti delle altre aziende. Non solo: le piccole associazioni ne faranno le spese, lasciate indietro a favore delle grandi entità che alle spalle hanno un politico o una corrente di riferimento.
Eh, ma ci sarà pur qualcuno che controlla? Certo, il Ministro del Lavoro. Che, putacaso, è oggi quel Giuliano Poletti ex Presidente di Legacoop e commensale di Buzzi e Casamonica. La quadra del cerchio. Così, in questo golpe al rallentatore, si vogliono prendere anche un altro pezzo, i servizi sociali e la cultura, in un intreccio partitico-elettorale-clientelare-finanziario senza precedenti. Tutto sotto controllo, il piano procede come previsto: è la rinascita democratica, bellezza." Commissione Affari sociali M5S Camera

9 Apr 2015, 11:00 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 15


Tags: Baroni, coop, coop 29 giugno, cooperative, Di Maio, mafia capitale, no profit, Poletti, profit, Terzo Settore

Commenti

 

Nel mio piccolo paesello è successo e tutt'ora succede che la politica invasiva. Delibera dopo delibera le associazioni onlus sono al soldo, e solo queste ricevono gran parte dei contributi per le loro lecite attività. Succede anche che ricevano un contributo, ma fanno ciò che non poteva fare l'amministratore (ti do un contributo e in quella occasione distribuisci o fai – cose non relative ai statuti associativi). Dimenticavo, si tratta di una lista civica, ma con prevalenza PD o vicinissimi all'ambiente locale parrocchiale. Si dice che non cambiava con altri amministratori, perché ognuno ha i suoi figli. Poche resistono alla “pressione ambientale” e chi lo fa si trova con l'isolamento, anche all'interno del gruppo. Non si può essere “indipendenti perché previsto dai statuti”, o sei con loro o non trovi spazio e silente osteggiamento; ma non é dimostrabile. Lo stesso avviene e avverrà come da voi riferito in grande stile.

f.d. 09.04.15 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me basterebbe eliminare la moneta liquida.
Una volta che i soldi spariscono dalla circolazione voglio vedere come fai a giustificare movimenti di denaro sporchi o strani!
Io sono per la carta di credito statale emessa da una banca statale.

Enzo Altieri, Potenza Commentatore certificato 09.04.15 16:35| 
 |
Rispondi al commento

come mai la maggior parte degli sfruttamenti salariali si ha nel mondo degli enti no profit, delle cooperative, dei sindacati ? C'è molta ipocrisia in questo sociale che serve per lo più a far arricchire pochi soggetti a danno dei tanti.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 09.04.15 16:18| 
 |
Rispondi al commento

per tutti i soggetti che godono di contributi occorrono controlli esterni da soggetti nominati non dagli stessi controllati.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 09.04.15 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Se si pensa che tanti enti no profit sono solo stipendifici per politici e che godono di esenzioni quando i fondi servono solo a pagare i loro lauti stipendi e spese e benefit ! Poi fra gli agevolati abbiamo le fondazioni bancarie, le varie fondazioni di imprenditori, banche ecc. ecc. che servono per drenare denaro senza pagar tasse e per girare tangenti. Se si pensa che i bilanci di questi enti sono per lo più fuori controllo e che godono di contributi pubblici ! Forse occorre mapparli e analizzare quali meritano le agevolazioni e quali no, fissare tetti a stipendi e compensi come per ogni soggetto che prende soldi dallo stato o dai cittadini, rivedere gli appalti e le gare, le consulenze e gli investimenti in ragione dello scopo.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 09.04.15 16:14| 
 |
Rispondi al commento

questo è successo perchè il pd si è avocado un diritto che non gli appartiene e cioè di essere il partito che ha vinto le elezioni.questo è falso perchè il pd ha vinto sì le elezioni ma con una coalizione dove era presente sel.da quello che si evince questo partito non è più nella coalizione ma adirittura all'opposizione.pertanto secondo la legge del quorum con la quale un partito può stare in parlamento e cioè il 5% sel deve uscire dal parlamento,così come il nuovo partito ncd uscito dal pdl deve uscire dal parlamento perchè non raggiuge il quorum richiesto.idem per fratelli d'italia stesse caratteristiche così dicasi per scelta civica.pertanto il pd deve dare le dimissioni dal governo e lo stesso deve essere formato dal partito che ha vinto realmente le elezioni e cioè il m5s.questi signori per due anni hanno fraudolentemente agito senza aver diritto di poter fare quello che stanno facendo.caro beppe grillo date sostanza alle lotte legittime che gli italiani vi hanno demandato di compiere.i signori dei partiti che devono uscire dal parlamento devono ridare indietro ciò che hanno percepito illegalmente.

carlo vescarelli, garbagnate milanese Commentatore certificato 09.04.15 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Non ho parole che schifo.

Renzo Grillo 09.04.15 15:20| 
 |
Rispondi al commento

ENNESIMO GIRO DI INTERESSIO PERCHE' IL NO PROFIT,DIVENGA PROFIT

alvise fossa 09.04.15 14:30| 
 |
Rispondi al commento

"attività sociali e culturali a soggetti privati, che potranno distribuire gli utili."
Ma sta roba esiste in altre nazioni del pianeta?

Lavori socialmente utili, utili per i soci a cui si distribuiscono gli utili....

La mia impressione è che alla ghigliottina ne finiranno decine di migliaia.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 09.04.15 13:21| 
 |
Rispondi al commento

In tv. e media dicono una cosa e poi in aula ne fanno un'altra...e i cittadino ci cascano come pere !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 09.04.15 13:09| 
 |
Rispondi al commento

il piano procede come previsto:

http://ilnuovorinascimentoitaliano.blogspot.it/2014/07/ttip-ttp-e-tisa-italiano-non-hai-piu.html

alina lunardi, Verona Commentatore certificato 09.04.15 12:17| 
 |
Rispondi al commento

non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire ..

Ma per fortuna abbiamo la rete che è uno strumento fantastico !

antonello c., pescara Commentatore certificato 09.04.15 12:13| 
 |
Rispondi al commento

ladri con il permesso di rubare, INDECENTI.

PETERPAN 09.04.15 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Un tema forte in questo particolare momento politico fatto di arresti, corruzione e concussione pressoché giornalieri giustifica una nostra decisa campagna televisiva, fatta a tappeto, che ricordi all'elettorato e agli italiani le ultime contraddizioni del Pd.
ALTRO NON SAREBBE CHE OTTEMPERARE ALLA PROMESSA DELLA SCATOLA DI TONNO.

Maurizio D., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 09.04.15 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori