Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

56 miliardi di bollette e rate non pagate: gli italiani con l'acqua alla gola

  • 15

New Twitter Gallery

ratenonpagate.jpg

"Ha raggiunto la cifra record di 56,2 miliardi e non accenna a diminuire il totale di bollette e rate non pagate nel 2014. Un ammontare - comparabile a quello di una manovra economica - quasi quadruplicato dal 2007 a oggi e in crescita del 16% rispetto al 2013. In tutto sono 40,6 milioni le pratiche affidate alle società di recupero, in aumento del 4% rispetto all’anno precedente, come dimostra la fotografia scattata da Unirec, l’Unione nazionale delle imprese a tutela del credito, in collaborazione con Il Sole 24 Ore, che verrà presentata giovedì a Roma. Recuperare quelle somme diventa di anno in anno sempre più difficile: nel 2014 solo il 17,2% dei debiti arretrati, pari a 9,6 miliardi, è stato saldato, con un tasso medio di successo in calo di 14 punti rispetto al 2007. Spiega Gianni Amprino, presidente di Unirec: "I dati sono lo specchio dell’economia del Paese: raccontano la difficoltà delle famiglie a onorare gli impegni e delle aziende a corto di liquidità. Recuperando quelle somme il nostro settore contribuisce alla tenuta del sistema-Italia e impedisce che il costo del mancato incasso si trasferisca sui consumatori con un aumento delle tariffe o dei costi".
Nel 2014 i debiti si accumulano sempre di più, tanto che il ticket medio è cresciuto dell’11% in un anno a quota 1.385 euro. Nove pratiche su dieci (88%) riguardano rate e bollette non saldate dalle famiglie, che hanno lasciato in arretrato ben 44,8 miliardi. Il restante 12% sono invece i debiti "dimenticati" delle imprese, che nel 2014 ammontano a 11,4 miliardi. Le rate non saldate del mutuo e di prestiti contratti da banche, finanziarie e società di leasing rappresentano il 72% delle somme da recuperare con un importo medio che supera i 2mila euro." dal Sole24Ore

VIDEO: "La miseria serve ai ricchi per diventare sempre più ricchi"

11 Mag 2015, 10:46 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 15


Tags: bollette non pagate, M5S, rate non pagate, reddito di cittadinanza, unirec

Commenti

 

A proposito della propaganda fatta circa le assunzioni e i dati positivi (sempre secondo la propaganda), l'art. di oggi chiarisce bene di cosa parliamo (e di cosa ci costerà in futuro questa scelta):

Titolo: Taglio contributi, 268mila contratti in tre mesi

Fonte: II Sole 24 Ore pag: 7

Nei primi tre mesi dell'anno le richieste di beneficiare dell'esonero contributivo (ESONERO CONTRIBUTIVO!!! n. di chi scrive) hanno riguardato 268mila contratti di lavoro, tra assunzioni e trasformazioni da tempo determinato a indeterminato, per un ammontare complessivo di 155milioni di euro (!!!!). Nel trimestre considerato sono aumentate le assunzioni a tempo indeterminato, a scapito dei contratti a termine e dell'apprendistato. I dati dell'osservatorio sul precariato dell'Inps evidenziano che in corrispondenza dell'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti si è registrata un'impennata di richieste da parte delle imprese: per accedere alla 'dote' di 1,9 miliardi le richieste di gennaio ammontavano a 600mila euro, a febbraio a 14,2milioni, a marzo sono schizzate a 140,2 milioni. La quota di assunzioni stabili è passata dal 36,61% del primo trimestre 2014 al 41,84% di gennaio-marzo 2015 grazie agli incentivi.

Gli incentivi, li paghiamo due volte:
una volta adesso che non versano contributi, e la seconda volta quando maturerà la pensione per costoro, che avranno meno contributi versati, per cui dovrà intervenire lo stato, (noi) con dei riversamenti.
Son contento per gli assunti, ma la Corte dei Conti cosa dice?
E ci sarà sempre il piddino che ci crede.

Ci stanno definitivamente tombando.

Gian A Commentatore certificato 12.05.15 11:42| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo non c'è nulla da fare.. puoi raccontare tutte le balle che vuoi. ma i numeri dicono sempre la verità..

capitan spaventa Commentatore certificato 12.05.15 08:20| 
 |
Rispondi al commento

se arriveremo al 100%
sara' la liberta'
la giustizia e dunque la pace

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 12.05.15 06:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per scardinare questi potere è necessario chiudere tutti i c/c ( ovviamente x chi non ha pratiche sospese con gli istituti ) e far sì che questo cerbero al fine di avere il boccone combatta con le altre teste sbranandole....quando solo una resterà sarà più semplice per i cittadini riprendere il potere che gli compete :-) !! Io non credo che nessun ricco durante la liberazione abbia fatto parte dei partigiani , casomai sono certo del contrario , e quindi non è corretto eticamente e costituzionalmente che i cittadini vivano in uno stato di cose che li rende disprezzabili , ricattabili , offendibili !!!

Enrico ciancabilla 11.05.15 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Si vabbè.... ma adesso con i super numeri di nuovi posti di lavoro e nuove assunzioni a tempo indeterminato, tutti quei debiti saranno pagati...

Gian A Commentatore certificato 11.05.15 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Una situazione creata a tavolino per confiscare case e proprietà agli Italioti. Se non sbaglio gli assets degli italiani superano come valore di molto il debito pubblico...

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.05.15 17:43| 
 |
Rispondi al commento

SEMPRE EPGGIIO ALTRO CHE RIPRESA,CI ATTENDE UNA FINE TIPO GRECIA E ARGENTINA SE ANDIAMO AVANTI COSI'

alvise fossa 11.05.15 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Eppoi dicono che c'è la ripresa...si, la ripresa dei debiti....

giorgio l., verona Commentatore certificato 11.05.15 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Mi è arrivata la bolletta del gas, 101 euro al netto del consumo totale da pagare 223 euro. In pratica più del doppio di tasse. Allora di cosa parla l'ebetino. Come può una famiglia a tirare avanti? Fanculo lui e i suoi dannati 80 euro

liuzzi.nicola 11.05.15 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe vai avanti cosi che li facciamo cuocere con le loro mani, io ho un pensiero e se non paghiamo più nessuno le tasse a finche non vanno tutti a casa meno che voi. Cosa ne pensi?

enrico silenzi 11.05.15 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza aiuta il mercato estero (merci piu' competitive, la germania rinagrazia) non crea lavoro interno ma all'estero, viene sostenuto da aumento delle tasse o tagli ai servizi, non crea lavoro se non precarizzato e di basso livello, e aumenta il debito visto che sei nell'U€ e la moneta non la crei ma la prendi a debito pagandoci sopra interessi.
Si va verso la creazione dei minijob tedeschi tanto cari alla corrente neoliberista europea desiderosa di creare un esercito di precari a basso costo. Cosa che grillo ha mai nascosto

http://www.teleborsa.it/News/2013/03/15/grillo-sogna-l-agenda-tedesca-del-2010-657.html#.VVCPufntmko

peccato che i poveri le disparita' aumentino anche in germania

http://vocidallestero.blogspot.it/2014/01/in-germania-la-poverta-raggiunge-un.html

nonostante l'immenso susrplus commerciale accumulato negli anni dell'euro a spese del sudeuropa(che naturalmente non avvantaggia il ceto lavoratore)
Tra il creare un lavoro dignitoso ed essere costretti ad accettare un umile lavoro sottopagato ce ne passa..

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 11.05.15 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Se il reddito di cittadinanza fosse realtà, probabilmente il 50% di questo debito verrebbe saldato (uso il condizionale perché il detto "a pagare e a morire siamo sempre a tempo..."). Devono essere considerati anche altri due "fatti": 1) che quanto le banche mettono a debito non è solo capitale ma anche spese ed interessi; per cui, si fa presto a parlare di miliardi di euro; 2) di conseguenza il debitore non pagherà la somma richiesta, ponendo in essere una transazione "a saldo e stralcio" del 70/80% del debito. Di contro, la segnalazione nella centrale rischi rimarrà come "debito estinto/saldato a saldo e stralcio".

Luca A., Quarrata Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.05.15 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ieri ha un circolo ristorante sono arrivati i vigili immezzo alle campagne laziali e i vigili hanno fatto 3.500 euro di multa perché avevano fatto un sito per la pubblicità, roba che quel posto 3.500 non li avrà mai visti 3.500 tutti insieme, ma impassibili gli hanno detto di pagare.
Un mio vicino di casa per esempio ha levato marciapiede pubblico e siepe annessa e qui i vigili hanno il prosciutto sugli occhi, ma viviamo in due italie diverse?

Luca 11.05.15 11:58| 
 |
Rispondi al commento

http://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/
a parte i furbi,ma il resto stiamo parecchio male io prendo all'anno di pensione 7200 euro,ma di bolette pago 500 euro fra assicurazione e bollo,di gas e luce pago 1200 euro,acqua e tasi 150 euro,condominio spese 300 euro,telefono e internet 400 euro,fanno in totale 2200 euro,ma poi ci sono gli imprevisti,la caldai che si rompe,la macchina ,l'idraulico ecc e fanno in totale di spese 3000,adesso avanzano 4000 euro li dividi per 12 e fanno 330 euro,ci devi mangiare,vestire e pagare la benzina,non bastano questi soldi per vivere, se ci fosse la lira con un milione campavi bane nel 2000,ricca no,ma le vacanze le facevo,adesso sono una pezzente, usciamo dall'euro,basta ,è mafia

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.05.15 11:38| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori