Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fico risponde a Lucia Annunziata sulla riforma #RAI

  • 7

New Twitter Gallery



la risposta di Roberto Fico a Lucia Annunziata

"L’intervista a Lucia Annunziata tocca profili di notevole interesse rispetto alla riforma del servizio pubblico radiotelevisivo, e inevitabilmente sollecita alcune considerazioni.
Anzitutto vedo un minimo comune denominatore tra le sue considerazioni e quelle di Carlo Freccero, pubblicate qualche settimana fa: indipendenza dei vertici aziendali e qualità del prodotto sono interconnessi. Il servizio pubblico radiotelevisivo è giunto a un bivio. La sua sopravvivenza è legata all’originalità dei contenuti e alla capacità di agire come contropotere. Un obiettivo realizzabile solo se impediamo alla politica la possibilità di ingerirsi nel governo della Rai attraverso il potere di nomina dei consiglieri – che è soltanto la cima di questa pianta velenosa, di un’interferenza che a cascata si estende alle nomine dei direttori di reti e testate, e poi ancora fino alle radici della programmazione e dell’informazione.
Siamo d’accordo con l’Annunziata quando dice che “qualunque riforma porti la politica fuori dalla Rai va benissimo”, ma non condividiamo l’affermazione secondo cui un sistema per recidere i legami tra politica e Rai non è stato ancora trovato. La nostra proposta, che nasce con il duplice obiettivo dell’indipendenza del servizio pubblico e della qualità dei contenuti, segna una radicale discontinuità con tutte i progetti di riforma presentati in questi ultimi anni.

VIDEO Roberto Fico presenta la Riforma RAI del M5S

Abbiamo svincolato i vertici della concessionaria dal potere dei partiti e del governo, senza dimenticarci della giurisprudenza costituzionale che riconosce al Parlamento la sua funzione democratica anche rispetto al servizio pubblico radiotelevisivo. Per avere nei prossimi anni dirigenti che “difendono il prodotto che fanno rispetto alla politica”, la nostra procedura prepone in cima alla pianta dell’azienda persone che non provengono dalla politica e che hanno maturato competenze manageriali specifiche nel settore audiovisivo. Ci è stato rimproverato che il sorteggio significa sottrarsi alla scelta. Noi invece la scelta l’abbiamo fatta: requisiti puntuali che ci consegnano una rosa di persone di per sé già idonee a ricoprire la carica. E, ad ulteriore garanzia della qualità dei consiglieri, una forma di forte controllo democratico a valle: l’audizione pubblica davanti alle commissioni parlamentari.
Della proposta del Movimento la giornalista apprezza il valore dei curricula e l’ispirazione alla BBC, allo stesso tempo dice che l’emittente pubblica britannica “è ancorata intorno ad una fondazione”, e il modello della fondazione significa a sua volta “la politicizzazione della politicizzazione”. Voglio soffermarmi su questo punto per sgombrare il campo da qualsiasi equivoco. Se ci sono analogie tra la proposta del Movimento e il modello BBC, queste non riguardano in alcun modo l’esistenza di “organismi intermedi”. Anzi, come abbiamo specificato anche nella relazione che accompagna la proposta di legge, molte riforme della Rai presentate negli ultimi anni non ci piacciono proprio perché introducono, con denominazioni diverse, nuovi organismi di governo/indirizzo del servizio pubblico. Che sia un Consiglio degli utenti o una Fondazione, la sostanza non cambia: questi organi, pensati, anche in buona fede, come “diaframmi” tra politica e RAI, finiscono per riprodurre le stesse identiche distorsioni del presente, per giunta con un aggravio dei costi.
La giornalista ricorda poi che quando era Presidente della Rai, la legge Gasparri aveva regalato al Governo Berlusconi la maggioranza nel CdA, con il beneplacito del centrosinistra. Perciò sostiene che occorre una governance che “scavalla i governi”. Ed è davvero triste constatare che, in termini di indipendenza, la riforma del Governo riesce nell’impresa di fare peggio della legge Gasparri. Quattro consiglieri su sei matematicamente del blocco maggioranza-Governo, ma con un’attenta distribuzione dei voti si potrebbe arrivare addirittura a 6 su 7. E tutto questo senza uno straccio di requisito concreto, né meritocratico né a garanzia dell’indipendenza. Una riforma vergognosa, non esistono altre parole. Una riforma che concepisce il servizio pubblico radiotelevisivo come territorio del potere esecutivo e quindi ne umilia la missione pluralistica e di sviluppo del senso critico, civile ed etico dei cittadini." Roberto Fico, Presidente Vigilanza RAI, M5S

14 Mag 2015, 09:54 | Scrivi | Commenti (7) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 7


Tags: Berlusconi, disinformazione, Gasparri, informazione, Lucia Annunziata, RAI, riforma rai, Roberto Fico

Commenti

 

Scusate ma non sono più riuscito a resistere, devo dirlo. Seguo e sono iscritto al blog di Grillo da anni e da anni sostengo il movimento, mi interessano a vote i video su argomenti dle blog riportati su tze tze ma trovo assurdo che ad esempio un video pubblicitario (in genere quello in alto a destra) parta automaticamente coprendomi l'audio del video che invece IO volevo vedere. Inoltre questi video viscidi non si riescono neanche a stppare, il pulsante per chiudere o mettere in pausa a volte è finto e sparisce... scusate lo sfogo ma questa è la peggiore pubblicità esistente e un sito così risulta volgare e opportunistra, e se così strettamente collegato al blog i Grillo lo sputtana solamente e ne allontana gli utenti. Va bene la pubblicità, necessaria per il sovvenzionamento allo sviluppo, ma questo è indecente. Credo si possa guadagnare anche con pubblicità meno invadenti e rendere più serio il sito, che messo così sembra solo un'accozzaglia di pubblicità con qualche notizia in mezzo.
Grazie per l'attenzione.
Daniele

Daniele Rossi 15.05.15 19:33| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIAMO UN TELEVISIONE DIVERSA,MA BASTERA' CON IL CAMBIAMNETO DELL'INFORMAZIONE DI MILIONI DI ITALIANI

alvise fossa 14.05.15 17:36| 
 |
Rispondi al commento

https://www.facebook.com/gianluca.fratellini/videos/10155493996245463/

Gianluca Fratellini 14.05.15 16:34| 
 |
Rispondi al commento

UDITE UDITE
Mio padre ha ricevuto il cedolino della pensione di maggio e per la prima volta in dieci anni ha ricevuto anche quello di giugno in anticipo .
Mio padre prende circa 1800 lorde quindi poco più di 1500 nette.
Sapete cosa penso?
Quei furbetti hanno mandato in anticipo il cedolino cosi da non poter fare in tempo di integrare gli arretrati dovuti dopo la sentenza della corte ,cosi il tutto é rimandato al mese prossimo dopo le elezioni regionali ,intanto con questa mossa infame si sono assicurati un mese di più per pianificare i loro sporchi giochetti.
Ebetino vergogna tanto mio padre non ti vota comunque.
Ormai anche lui sa che razza di imbroglione sei

emiliano 14.05.15 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Cittadino Roberto, mi spiace dirlo, ma la TV non mi interessa più, dico ciò con tutto il rispetto per il tuo limpido operato,ma questo organo di disinformazione non fa che stizzirmi nonostante debba pagare per forza la gabella che tra l'altro va solo alla Rai, senza che appunto quest'ultima faccia qualcosa di buono perpetuando le modalità delle televisioni dette 'commerciali'.
Preferisco mille volte informarmi on line, col blog di Grillo, e tutte le altre fonti di informazione alternative, ltaliane e straniere, tempo permettendo. Credo che che questo sia il futuro!
Preferisco leggermi un libro, fumo poco e ascolto il blues.

john f. 14.05.15 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Perche' da un paio di giorni non riesco ad aprire i filmati su queste pagine? Forza e avanti cosi', avete il mio sostegno!

renato perelli 14.05.15 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Sempre parole sante!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 14.05.15 11:03| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori