>> ISCRIVITI ALLA MARCIA VIRTUALE per il Reddito di Cittadinanza! >>> SCOPRI TUTTE LE INFO UTILI SULLA MARCIAPerugia - Assisi del 9 maggio <<<"> Blog di Beppe Grillo - Il downshifting e la corsa del topo
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il downshifting e la corsa del topo

  • 180

New Twitter Gallery

downshift.jpg

Testo di Gianroberto Casaleggio tratto dal libro: "Il Web è morto, viva il web"

The rat race”, la corsa del topo dentro la ruota, sempre più veloce per rimanere nello stesso punto, è l’immagine più adatta per descrivere il consumatore.
Lavorare.Vivere.Consumare”.
Un concetto che molti vorrebbero scritto in modo indelebile sui muri, come il mussoliniano “Credere.Obbedire.Combattere.” che ancora appare in alcune case di campagna di inguaribili nostalgici.
La società in cui viviamo si basa sul consumo, non sullo sviluppo, ma i due concetti vengono, ad arte, strettamente associati. “Non c’è sviluppo senza consumo” è il messaggio che riceviamo. Se non consumiamo l’economia può fermarsi insieme alla crescita.
La pubblicità, tassa che paghiamo sul prodotto comprato, induce all’acquisto. Se non hai soldi da spendere, ti vengono prestati con l’ovvio interesse da pagare. I messaggi pubblicitari sono sempre più quantitativi, promozionali, di sconti, legati a prestiti di poche migliaia di euro ottenibili con una semplice telefonata.
Non puoi comprare quello che non ti serve? Nessuna preoccupazione, ti aiutiamo ad indebitarti!

Durante le feste natalizie, in una pubblicità martellante trasmessa alla radio, una mamma prometteva a suo figlio di portarlo (la domenica!) all’ipermercato se si fosse comportato bene.
Nel mese di gennaio spesso la notizia di apertura dei telegiornali era dedicata ai saldi. Isis, disoccupazione, Ebola, Ucraina avevano minore importanza.
Questa spazzatura mediatica dovrebbe servire a rilanciare l’economia? No, ma di certo spinge al consumo.
Juliet Schor, economista di Harvard, riporta nel libro “The Overspent American” i dati di una ricerca che dimostrano la connessione tra televisione e consumo: per ogni ora settimanale trascorsa davanti alla televisione, gli americani spendono 208 dollari in più all’anno.

The rat race”, la corsa del topo dentro la ruota, sempre più veloce per rimanere nello stesso punto, è l’immagine più adatta per descrivere il consumatore.
La ruota, è evidente, non porta vantaggi al topo, che è spinto a correre e a consumare sempre di più.
Consumare significa, secondo il Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, “sciupare, adoperare esaurendo in tutto o in parte”. E’ quello che succede al consumatore, che, oltre ai beni acquistati, consuma sé stesso, il suo tempo, i suoi affetti, i suoi interessi, in definitiva la sua vita.
Queste considerazioni sono alla base del movimento “downshifting”. Il termine downshifting fu usato per la prima volta nel 1994 dal Trends Research Institute di New York per indicare il comportamento di persone che barattavano una riduzione anche consistente del loro salario in cambio di maggior tempo a disposizione. Downshifting significa “adottare uno stile di vita rilassato, più naturale”.
Per il downshifter il tempo è più importante del denaro, mentre sono disvalori l’accumulo di ricchezza ed il consumo fine a sé stesso.
Il valore assoluto è il tempo e, allora, perché investirlo in consumi non necessari? Perché lavorare un mese intero per comprare un capo firmato, o una settimana per acquistare uno smartphone?

Altri movimenti hanno teorizzato un approccio simile, come gli hippy o i dropout negli anni ’60 e ‘70, ma la loro posizione era anti sistema, quindi più facilmente contenibile. I downshifter sono dentro il sistema e, per questo, molto più pericolosi. L’antesignano del movimento è Duane Elgin, un americano che, all’inizio degli anni ’80, introdusse il concetto di “semplicità volontaria” (voluntary simplicity). Elgin perseguiva un equilibrio tra lavoro, consumo, felicità personale e risorse del pianeta. Un concetto auspicato in seguito da molti, ma scarsamente applicato perché richiede uno spostamento, a livello di massa, dei valori culturali su cui si basa la società consumistica in cui viviamo.

La recessione economica, la globalizzazione, l’evidente degrado del pianeta ed Internet hanno, negli ultimi anni, favorito l’affermarsi del downshifting.
I downshifter stanno crescendo. In Europa le persone che hanno deciso di cambiare il loro stile di vita sono milioni, con un forte incremento negli ultimi anni.
I downshifter provengono da tutte le classi sociali. Lo stereotipo del downshifter di mezza età, con un reddito medio alto e desideroso di trasferirsi in campagna è falso. Chiunque può diventare downshifter e liberare il suo tempo.
Un facile esempio? Si può fare tranquillamente a meno della televisione, che fa consumare tempo (molto) e soldi.
Per diventare downshifter, oltre ad una forte determinazione, è necessario seguire alcune regole pratiche, prepararsi in tempo. Il libro “Down-shifting: The Guide to Happier and Simpler Living” dà alcuni preziosi suggerimenti. La regola base deriva comunque dalla consapevolezza. "Non c’è gestione del proprio tempo senza la conoscenza", come disse Epicuro: “Una ferma conoscenza dei desideri fa ricondurre ogni scelta o rifiuto al benessere del corpo e alla perfetta serenità d’animo”.
Internet è un naturale motore del downshifting. Le variabili base del downshifter, conoscenza e tempo, sono implicite nella Rete. In Internet la conoscenza, che prelude alla capacità di scelta, è quasi assoluta, con costi di accesso sempre più bassi. Il risparmio di tempo è dovuto alla possibilità di lavorare in modo decentrato sul territorio, anche da casa, con una diminuzione del costo della vita. Via Internet si può accedere ai servizi annullando il tempo: banche, pubblica amministrazione o supermercati sono sempre disponibili.
Internet è l’alleato naturale dei downshifter per cambiare una società basata sulla mobilità e sulla proprietà in una costruita sulla diffusione della conoscenza e sui servizi. Più naturale, non consumistica.
Il downshifter oggi può essere visto come un sovversivo dai grossi gruppi industriali, dai partiti politici, dai media condizionati dalla pubblicità.
Ma il futuro è dalla sua parte: fuori dalla ruota del topo.

____________________________________________________________________

La Marcia Virtuale per il Reddito di Cittadinanza continua fino al 9 maggio quando ci ritroveremo tutti insieme a Perugia per percorrere 24 chilometri fino ad Assisi per la tappa finale. Un popolo in cammino per il Reddito di Cittadinanza.
Supportate il Reddito di Cittadinanza con l'iscrizione alla Marcia Virtuale e con un messaggio su Twitter con #marcia5stelle. Ci vediamo a Perugia, in alto i cuori!


ISCRIVITI ALLA MARCIA VIRTUALE per il Reddito di Cittadinanza!
marciaclicca.jpg

5 Mag 2015, 18:02 | Scrivi | Commenti (180) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 180


Tags: downshifting, globalizzazione, hobby, Lavoro, passione, realizzazione, ruota del topo, voluntary semplicity

Commenti

 

Ciao Beppe,
Sono un ragazzo di 36 anni padre di due splendide bambine, e da pochi mesi mi sono ammalato di cancro, il male di questo secolo...Vorrei in poche righe esprimere il mio pensiero in merito al marasma di notizie false che sono circolate in questi giorni, che vorrei semplicemente archiviare con la mia risposta alla più banale delle domande che avrebbero dovuto fare dei giornalisti degni di nota..."Ma tu che sei malato di cancro, ti senti in un qualche modo offeso dalle dichiarazioni di Beppe Grillo? o dal doscorso in generale??" be la rsiposta è scontata "ASSOLUTAMENTE NO" ed ho compreso perfettamente tutto quello che volevi intendere...perchè il discorso purtroppo è chiaro... ti ringrazio per quello che fate e che fai, utilizza pure la mia testimonianza!! Mi piacerebbe ricevere una tua mail di risposta alla mia riflessione che spero ti dia la carica per altre battaglie...come la tua in un certo qual modo ha fatto con me!!grazie

Andrea Barroi 12.05.15 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante ci siano consumatori e consumatori, questa considerazione è una verità che tutti siamo disposti a riconoscerla, ma pochi fanno qualcosa per evitarla.

Spiare Messaggi Whatsapp Da Pc Commentatore certificato 10.05.15 11:22| 
 |
Rispondi al commento

" Bambini a scuola tra muffa e escrementi "


Da uno dei leader del movimento mi aspetterei maggiore concretezza di argomenti.

Spiare Sms Da Iphone Commentatore certificato 10.05.15 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Quello di cui parla Casaleggio non e ' altro che l' antica regola delle persone prima del bum economico anni 60..I nostri nonni avevano la regola che tutto ci¨°' che non e' necessario e' inutile e quindi soldi sprecati...Ora ha un nome all' inglese che fa tanto fico ma e' la vecchia saggezza dei popoli che conoscevano profondamente il valore della vita...


Ma L'8 X 1000 non doveva essere destinato ANCHE ai POVERI? E se non si aiutano le persone a voi più vicine come potete aiutare tutti quei poveri che ci fate credere con la vostra pubblicità a reti pressochè unificate???

Alimentazione Sport Commentatore certificato 09.05.15 12:24| 
 |
Rispondi al commento

krepare: (dal Dizionario Italiano online) = morire


nessun copy

buy targeted web traffic Commentatore certificato 09.05.15 12:11| 
 |
Rispondi al commento

fuori dalla ruota del topo... anche JWT e Publicis?

id &as Commentatore certificato 08.05.15 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Questo post è una contraddizione in termini: il blog di Grillo (e Casaleggio) è pieno di pubblicità che è l'essenza stessa del consumismo.
Qui si parla (giustamente) male della finanza, ma poi spesso si pubblicizzano investimenti finanziari discutibili, si parla (giustamente) male del gioco d'azzardo, ma poi, come evidenziato in passato da alcuni, me compreso, in due soli click per giorni e giorni si arrivava su un sito di
gioco d'azzardo.
Inoltre, sempre per essere coerenti, si vuole chiudere Equitalia e poi si candida come governatore in Campania una dipendente EQUITALIA.

Ignazio 07.05.15 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Il cittadino qualunque vive la modernità con scetticismo, consapevole di non poter controllare i meccanismi di un capitalismo finalizzato al solo arricchimento. E' confortante sapere che un imprenditore del web come Casaleggio stia dalla parte dei "consumatori". La lotta per un mondo migliore è solo all'inizio.

FrancoMas 07.05.15 13:48| 
 |
Rispondi al commento

buona notte ai monelli del blog

www.spiarewhatsapp com Commentatore certificato 07.05.15 11:30| 
 |
Rispondi al commento

é sempre un gran piacere leggere post come questi ..

ho trovato un video illustrato in rete , credo sia inerente e interessante:

https://youtu.be/HW03zIPnm2w

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.05.15 19:37| 
 |
Rispondi al commento

daccordissimo su tutto.

Ci programma a produrre e consumare e tutto il resto per loro è spreco, e se uno non si adegua è un fallito e riceve l'ostracismo dalla società.

La cultura di un paese è ormai quasi solo nelle mani delle tv (per fortuna la rete cresce) e lì ti dicono di vivere da schiavo per avere la macchina grossa.

Ma i singoli sono liberi di scegliere diversamente, come è sempre stato, se riescono a fregarsene di quello che dice la televisione e su suo mandato tutti quelli che ci circondano.

Le cose vere e belle non costano nulla, e coi soldi non si compra felicità, ma solo comodità, e le comodità non sono indispensabili, anzi a volte sono anche dannose.

fabrizio castellana Commentatore certificato 06.05.15 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Ehhh.... in queste mani siamo....purtroppo...

blog comments powered by disqus Commentatore certificato 06.05.15 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Che ne dite invece della " Decrescita felice " di Maurizio Pallante?????Non è meglio che correre dentro la ruota della vita?????..(perchè in inglese, poi)
Perchè non utilizziamo quei 9/10 miliardi delle pensioni da pagare (visto che non è morto nessuno, senza quei soldi)per mettere a posto un po' di case pubbliche cosicchè da evitare quella -guerriglia urbana- che si vede ogni giorno nelle periferie delle grandi città????? Non sarebbero soldi spesi meglio?????Quanta gente si potrebbe accontentare dando loro una casa decente dove vivere?????....E io, guardate , che non sono di sinistra, anzi.......

giorgio l., verona Commentatore certificato 06.05.15 10:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una notizia interessante sull'argomento:

(spiacente ma non trovo più il Link sull'argomento ... spiacente).

Il 5% dei consumatori che vanno in cotrotendenza sugli acquisti di prodotti dei prodotti delle multinazionali ne variano le politiche per quel prodotto.
Se, per esempio, del totale di coloro che acquistano una bibitagassata il 5% decidesse di non acquistarla più, determinerebbe un cambio di politica riguardo a quella bevanda. (Probabilmente la coca cola verde è il frutto di questo tipo di controtendenza).
Se poi tale 5% si organizza e fa sapere il perchè di tale decisione, il marchio succitato indirizzerebbe la multinazionale verso quel "perchè" variando le sue politiche sul prodotto.

E questa sembra una cosa FATTIBILE.

Un movimento come il nostro può veramente determinare le politiche economiche e di mercato di questi cialtroni cianfrusagliari. Almeno qui in Italia.
Capite perchè bisognerebbe seguire tutti (vabbè quelli che ci convincono di più) i posts messi a fianco su argomenti alimentari medici e affini ora?

Se qualcuno ritrovasse il link di tale argomento (quello del 5%) ne sarei felice anche io perchè vorrei rivedere quel documentario.

Buongiorno Blog.


A proposito; il troll

H.ard R.uler (detto il sardegnolo)

E' nu guapp' e carton' ... ^_^

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.05.15 10:05| 
 |
Rispondi al commento

l’italicum e la corsa del topo.
Di Maio ha detto ierisera in tv che non si straccia le vesti per l’italicum.
Se questa è la posizione ufficiale del m5s non so né chi l’abbia decisa, né la trovo coerente con quello che doveva essere il percorso del m5s.
Faccio presente che i capilista nominati dai partiti (TUTTI A CASA) è più facile siano portavoce del capo partito che dei cittadini ai quali si intendeva dare il potere.

Rachele Belluomini, Napoli Commentatore certificato 06.05.15 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stupendo articolo! Niente di più vero! Non sapevo di essere già da molto tempo un aspirante down-shifter! Speriamo che tutti possano averne una reale possibilità! Il mondo cambierebbe sicuramente in meglio!

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.05.15 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per ricordare......
Copio da Wiky
Con il termine troll, nel gergo di Internet e in particolare delle comunità virtuali, si indica una persona che interagisce con gli altri utenti tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi.
Il termine deriva dal mitologico troll, creatura umanoide diffusa, secondo la leggenda, nell'Europa settentrionale, in particolare in Norvegia.
Dal sostantivo troll si derivano comunemente, sia in lingua inglese sia tramite l'adattamento alla lingua italiana, il verbo to troll, trolling (tradotto in trollare), ovvero l'agire come un troll (fomentare gli animi provocatoriamente), e la locuzione farsi trollare, ovvero il cadere nella trappola di un troll, rispondendo alle sue provocazioni.
Alternativamente, l'origine proverrebbe da un altro significato del verbo inglese to troll, muovere un'esca in modo tale da spingere un pesce ad abboccare.
Oreste ★★★★★ °.°

bannato ribannato, mondo Commentatore certificato 06.05.15 09:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo è la triste realtà di questo paese ancora troppo tele-dipendente e con scarsa conoscenza della rete. Ci vorrà ancora molto tempo, soprattutto in alcune zone territoriali, per togliere il topo dalla ruota.

Maurizio Lobbia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 06.05.15 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Proponete qualcosa di serio...tipo l'eliminazione dell'ISEE...uno strumento inutile e dannoso per i cittadini e che non accerta realmente l'indice dello stato economico di una famiglia o persona.
I governati hanno creato questo strumento che volutamente non tiene conto di molte voci che incidono sulle economie domestiche addirittura con l'ultima riforma di questo strumento fiscale, hanno danneggiato i disabili(il governo ha già perso 3 ricorsi al TAR)...ve le servono in un piatto d'argento e i ns parlamentari stanno lì a guardare...!!!ma come si fa?
Fate proposte come quella di realizzare una reale riforma del fisco, dove il contribuente porta in detrazione e in toto le spese di manutenzione-alimentari-ecc, sostenute per l'economie domestiche...altro che discorsi..isee..bla...
bla...il M5S eviti d'inseguire la maggioranza e questo governo sulla loro gestione politica inconcludente,inetta e che porterà alla distruzione l'italia...
Ponete dei temi di giustizia sociale...senza ridurli a spot ma che analizzino veramente proposte atte a individuare soluzioni strutturali credibili...allora forse arriveremo al 51%..

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 06.05.15 08:12| 
 |
Rispondi al commento

Forza 5 stelle c'è la faremo tutti ad assis

Mario Meringolo 06.05.15 07:59| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per questo ed altri articoli.
Sono downshifter e non lo sapevo.

stefano 06.05.15 06:57| 
 |
Rispondi al commento

la "corsa del topo" è sinonimo di conformismo (vivere nella xona di cnfort) e il contrario è anarchia.

Ogiuno che non vive come cacchio gli pare a lui diventa automaticamente un topo nella ruota che gli hanno creato gli altri ... quelli che comandano... vabbè qualcuno più intelligente degli altri che comanda è bene altrimenti i cretini prenderebbero il sopravvento e si finirebbe chissà come.... il problema è sempre quello ..... chi comanda è realmente più intelligente degli altri? .... il pastore è più intelligente delle pecore?

Io dico di no... ultimamente mi pare proprio di no e non è difficile capirlo... se il pastore è intelligente le percore prosperano mentre se il pastore è un cretino le pecore patiscono e forse si ammalano e muoiono....

Vedendo l'Ita(g)lia non mi pare che le cose vadano in meglio perciò, per il principio di causa-effetto ne deduco che chi comanda è peggiore di quelli che comandavano qualche anno addietro.... ma non solo qui anche in altre parti del mondo ... il mondo è fatto a scale chi le scende e chi le sale... alcuni paesi stanno migliorando ( qui ci raccontano che va male poi li visiti e ti accorgi che sono balle ) altri paesi vanno peggiorando .... l'Ita(g)lia va peggiorando lo sappiamo tutti....sappiamo anche il perché ma è dura fare marcia indietro di tutto quell'indottrinamento buonista che ci hanno propinato negli ultimi anni ( papi compresi )...

Io fortunatamente ho deciso di "lasciare accadere le cose" cosi come dicono Esther & Jerry Hicks anzi il loro spirito guida Abram..... che tradotto in italiano sarebbe come dire "sbattersene i santissimi di tutto e di tutti" che è diverso da tollerare perché chi tollera sotto sotto è scontento... fa il buonista ma sotto sotto si incazza ... è infelice.... Io invece sbattendomene il caxxo non sono infelice ma indifferente a tutte le cacate che fanno i politici, i giornalisti e i giudici italioti.

dissento per divertimento 06.05.15 04:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

H.ard R.uler è nu guapp' e carton' ...


Buonanotte.

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.05.15 02:06| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimi !!!!!


VIVA M5S : ma non lo vedete quanto siamo AVANTI ?

NOI siamo il futuro!


ah se casaleggio scrivesse piu' spesso ------
e anche Beppe -----------
viva sempre ✩✩✩✩✩

ZUSTINO D., ROMA Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alle Europee 06.05.15 01:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cafferino notturno a 5 stelle qui!!!mi raccomando caro il mio amato blog,continua a non stare sulla quotidianità!!.....

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.05.15 01:41| 
 |
Rispondi al commento

Ma la buona notte si può ancora mandare

old dog 06.05.15 01:37| 
 |
Rispondi al commento

buona notte ai monelli del blog

da nessun copy

old dog 06.05.15 01:28| 
 |
Rispondi al commento

Internet è una RISORSA.

Internet è LIBERTA'.

e soprattutto l'Internet Marketing FUNZIONA.

ed è possibile trovare lavoro così, SAPENDO L'INGLESE.

Inizia qui: http://bit.ly/cbpassiveincomenew

John Zalton 06.05.15 01:27| 
 |
Rispondi al commento

Ot

"Child 44" un buon film parla del mostro di Rostov
e della vita nell'Unione Sovietica dominata dal
comunismo.

Ma dopo questa divagazione vi lascio la buona notte dedicata ai monelli del blog.

nessun copy

old dog 06.05.15 01:07| 
 |
Rispondi al commento

Siamo al festival dell'assurdo con questo Italicum, con i capolista bloccati e nominati, che rispondono al padrone di turno del partito invece che agli elettori e con le candidature multiple, dove un raccomandato dal capo si può' presentare in 10 collegi diversi per avere la poltrona promessa dal capo... Siamo una repubblica delle banane, altro che Zimbawe...

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 06.05.15 00:33| 
 |
Rispondi al commento

da un post laterale.

" Bambini a scuola tra muffa e escrementi "

Aggiungo ... La riforma del fiorentino è gia cominciata ...

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.05.15 00:30| 
 |
Rispondi al commento

Il dissenso fa parte delle regole democratiche ( De Bortoli) la minoranza ha la stessa legittimita' della maggioranza, con la maggioranza che deve poter decidere, è la minoranza deve poter criticare, senza bavagli, ne' manganellate in piazza a chi non la pensa come te, lasciando magari i black Block sfasciare di tutto e di più'...

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 06.05.15 00:29| 
 |
Rispondi al commento

Secondo il mio modesto punto di vista il modello della cosidetta "società dei consumi" non si è solo affermato grazie ad un "lavaggio del cervello", ma anche ad una tecnica subdola che prende il nome di "obsolescenza programmata".
Ovvero molti beni vengono deliberatamente fabbricati per durare molto meno di quello che la tecnologia corrente consentirebbe.
Ovvero possimo discutere all'infinito se certi bisogni sono davvero necessari o superflui, ma se anche se su bisogni sicuramente essenziali veniamo fregati dall'obsolescenza programmata, ci vuole davvero uno spirito mistico per trovare sopportabile la situazione.
Se per esempio un paio di scarpe dall'apparenza robusta (stile Bergoglio per intenderci) si sfascia inopinatamente, e fateci caso, e sempre solo una scarpa, la destra o la sinistra a cedere, e vado dal calzolaio per farla riparare e quello mi dice che la tecnica con cui è stata fabbricata rende impossibile una riparazione artigianale, per attuare il "downshifter" cosa dovrei fare, andare a piedi nudi?
Avessi i mezzi ed il tempo per farlo, creerei un sito Internet per propagandare tutti quei prodotti che dopo attenta analisi hanno dimostrato di avere una qualità costante nel tempo, ma poi gli avvocati per difendermi dalle querele delle ditte che producono "bidoni" chi me li paga?

Torquato Apreda 05.05.15 23:41| 
 |
Rispondi al commento

condivido il post.Aggiungo ,a proposito di pubblicità , l'uso criminale di coinvolgere bambini, in modo condizionante ,perchè non proponete una legge , per evitare l'uso dei bambini,nelle pubblicità ?
dobbiamo educare le generazioni future, al "consumo responsabile"
Avanti 5*

sergio g. Commentatore certificato 05.05.15 23:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nonostante ci siano consumatori e consumatori, questa considerazione è una verità che tutti siamo disposti a riconoscerla, ma pochi fanno qualcosa per evitarla.

"E’ quello che succede al consumatore, che, oltre ai beni acquistati, consuma sé stesso, il suo tempo, i suoi affetti, i suoi interessi, in definitiva la sua vita".

roberto f., padova Commentatore certificato 05.05.15 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Bravo DI Maio complimenti.
Sono d'accordo con Dino Colmbo bravo.

ruggero r. Commentatore certificato 05.05.15 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Di Maio for President!!!
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?) noi neppure!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 05.05.15 23:29| 
 |
Rispondi al commento

DI MAIO ?...non c'è DE MEIO

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 05.05.15 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Un suggerimento...

Si dovrebbe fare una legge che dica pressapoco così:

"Un Presidente della Repubblica, PRIMA DI FIRMARE UNA NUOVA LEGGE ha il dovere di consultare i migliori costituzionalisti per appurare, INFORMALMENTE, che non ci siano in quella legge evidenti SOSPETTI di incostituzionalità e se quei dubbi sussistono a parere di quei costituzionalisti, quella legge NON DEVE ESSERE FIRMATA SUBITO ma rimandata alle camere".

Poi se approvata nuovamente dal parlamento e il Presidente della Repubblica è tenuto a firmarla, farla passare immediatamente dalla Consulta che nel più breve tempo possibile esprima un parere vincolante.

Nel CASO INVECE che il Presidente firmi SUBITO quella legge che poi viene dichiarata tutta o in parte incostituzionale, SENZA AVER CONSULTATO NESSUNO prima di firmarla,DEVE DIMETTERSI immediatamente.

Non dimentichiamoci che il PORCELLUM prima di essere dichiarato INCOSTITUZIONALE in alcune sue parti HA FATTO ben 8 ANNI DI DANNI....


Sibilia su Poletti e le cooperative d'accoglienza:

"c'è la presunzione di innocenza per tutti, ma c'è anche la certezza di indecenza per alcuni"

Bravo Carlo!!!

manuela bellandi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 22:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Quello di cui parla Casaleggio non e ' altro che l' antica regola delle persone prima del bum economico anni 60..I nostri nonni avevano la regola che tutto ci¨°' che non e' necessario e' inutile e quindi soldi sprecati...Ora ha un nome all' inglese che fa tanto fico ma e' la vecchia saggezza dei popoli che conoscevano profondamente il valore della vita...

Incasnero 05.05.15 22:42| 
 |
Rispondi al commento

E cmq so solo che Di Majo ha fatto a 'pezzettini' Belpietro da Floris...

Vai Dima...sempre così...

Dino Colombo. Commentatore certificato 05.05.15 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Quello che ho appena scritto sotto potrebbe dare una delle possibili risposte al poliziotto che cita Stirner poco più giù...

"In una intervista al Quotidiano Nazionale, un poliziotto anonimo sostiene che le tute nere potevano essere fermate e di essere arrabbiato per questo: "Molte vetrine erano già state spaccate. Però li potevamo prendere subito, fermare". Sui feriti: "Poteva andare peggio perché noi sappiamo che a Milano volevano vendicare Genova"

di F. Q. | 4 maggio 2015

Dino Colombo. Commentatore certificato 05.05.15 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Secondo voi nella prevenzione che hanno usato a Milano sapendo il percorso della manifestazione èra difficile prevedere lo spostamento delle macchine e dei cassonetti????

ruggero r. Commentatore certificato 05.05.15 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Cervellotica la richiesta fatta oggi da Alfano sul "vietare TUTTE LE MANIFESTAZIONI dove ci sia ANCHE IL MINIMO PERICOLO DI INFILTRAZIONI DI VIOLENTI"(!!! praticamente tutte...)

Come se i cosiddetti 'violenti' dessero il PREAVVISO prima di spaccare tutto...

E questo fa il paio con le agghiaccianti parole di Cossiga che enunciò prima di krepare...

"Presidente Cossiga, pensa che minacciando l’uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato?

«Dipende, se ritiene d’essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo. Ma poiché l’Italia è uno Stato debole, e all’opposizione non c’è il granitico Pci ma l’evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire?

«Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand’ero ministro dell’Interno».

Ossia?

«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito...».

Gli universitari, invece?

«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

Dopo di che?

«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

Nel senso che...

«Nel senso che le forze dell’ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».

Anche i docenti?

«Soprattutto i docenti».

Presidente, il suo è un paradosso, no?

«Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì.

Ehhh...siamo in queste mani purtroppo....


perchè noi italiani dobbiamo fallire insieme ai greci non lo capisco

Beethoven Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 22:26| 
 |
Rispondi al commento

la grexit entro il 12 maggio deve sganciare 1 miliardo di euro e non ce l'ha e le riforme strozzapopolo tardano
convinciamo i greci a pagare, piuttosto

Beethoven Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Papa Bergoglioooooo....

Quanti immigrati ospita attualmente il Cardinale Bertone nella sua reggia di 750 metri quadrati???????? (SETTECENTOCINQUANTAMETRIQUADRATI)

E ti conviene fare un comunicato perchè 'cristianamente' te lo chiederò spesso...

E cmq secondo me un certo tizio di cui vi dite ferventi ammiratori, vissuto dalle parti di Nazareth un appartamento di 750 METRI QUADRI non l'ha mai avuto...

E poi come mai si dice che delle SUORE fanno le giostraie e che sono poverissime???

E altre suore che mangiano solo grazie alla tessera dei poveri 'generosamente' elargita dallo Stato Italiano con i soldi pubblici? (quella dei famosi 40 euro...)

Ma L'8 X 1000 non doveva essere destinato ANCHE ai POVERI? E se non si aiutano le persone a voi più vicine come potete aiutare tutti quei poveri che ci fate credere con la vostra pubblicità a reti pressochè unificate???

Dino Colombo. Commentatore certificato 05.05.15 22:15| 
 |
Rispondi al commento

--------------MA VAA? CHE CASUALITA'!--------------


No Expo, un agente: “Potevamo fermare black bloc ma ordine era evitare contatti”
Expo 2015

In una intervista al Quotidiano Nazionale, un poliziotto anonimo sostiene che le tute nere potevano essere fermate e di essere arrabbiato per questo: "Molte vetrine erano già state spaccate. Però li potevamo prendere subito, fermare". Sui feriti: "Poteva andare peggio perché noi sappiamo che a Milano volevano vendicare Genova"

di F. Q. | 4 maggio 2015

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/04/no-expo-un-agente-potevamo-fermare-black-bloc-ma-ordine-era-evitare-contatti/1648396/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=newsletter-2015-05-04


L'ebetino dice che L'Italicum assicura la governabilità..

Della serie "come ti rappresento diversamente la 'sostanza' delle cose usando le belle parole."

Più che a permettere di 'governare' l'Italicum permette a mio avviso di COMANDARE.

e comandare è diverso da assicurare la governabilità.

E naturalmente, come sempre, moltissimi italidioti gli credono...

Mattarella....non firmare!...

E SE FIRMI immediatamente ricalcando le orme del tuo predecessore, la speranza che abbiamo riposto in te, noi ITALIANI PER BENE, potremo gettarla alle ortiche...

Pensaci...

Dino Colombo. Commentatore certificato 05.05.15 22:06| 
 |
Rispondi al commento

La traduzione corretta sarebbe "scalare la marcia" .

Si puo' , ma di solito riesce meglio al termine di una vita lavorativa profittevole e di soddisfazione.

Profittevole: perche' se lotti per sopravvivere non puoi scalare le marce .
Soddisfacente: perche' se non senti di aver gia' dato rischi la depressione .

Per coloro che possono permetterselo e' una ovvieta' , per coloro che non sanno o non possono permetterselo e' una una speculazione intellettuale che non recepiscono .

Da uno dei leader del movimento mi aspetterei maggiore concretezza di argomenti.

A tale proposito ringrazio "pabblo" del link del testo in inglese sulla perdita di posti di lavoro.

Non lo conoscevo ed e' molto interessante.


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 05.05.15 22:05| 
 |
Rispondi al commento

belpietro,da floris sta facendo delle domande a Di Maio praticamente ridicole.
Per Di Maio è un piacere rispondere.
Cacchio....belpietro stà portando acqua al nostro mulino....mi fa quasi..tenerezza

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 05.05.15 21:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

molto tempo fa eri avanti anche tu ma di acqua sotto i ponti ne è passata tanta.. :)

Beethoven Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 21:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Segue
Il tempo libero dal lavoro era impegnato in molteplici attività sportive e divertimenti organizzati nei macromecati che distribuivano con i prodotti in vendita biglietti omaggio o premi per parteciparvi
L'economia mondiale era regolata da lavoro-consumo ( più consumo più io lavoro più io lavoro più consumo) una catena interrotta ogni tanto da dissesti dovuti alle continue guerre delle società
I terreni agricoli continuavano a divenire più aridi e improduttivi. Sempre più spesso le produzioni intensive davano raccolti insufficienti. Nonostante le innovazioni avvenute il secolo precedente.
Continui erano i conflitti per l'acqua, ormai era razionalizzata e carissima.
Le città lungo le coste dei continenti erano state abbandonate a causa dell'innalzamento degli oceani e molte isole e intere regioni erano scomparse.
In compenso nei mari si erano create vastissime zone di allevamenti ittici tenuti sotto controllo delle società.
La guerra che avveniva fra banche e multinazionali fino ad allora era stata di distruzioni finanziarie mediante il web
Iniziò quell'anno a coinvolgere sempre più l'economia agricola e come per il danno della impollinazione , anche sementi di cereali e leguminose , così pure animali da allevamento venivano infettati da geni o nuclei di DNA difettosi.
Si verificò così una carestia spaventosa. Gli uomini che vivevano con i prodotti naturali spesso soccorrevano le città vicine ma erano subito aggrediti dai sistemi mediatici tutti plagiati.
I centri commerciali dei macromecati si svuotavano rapidamente.
Fu allora che una ribellione internazionale iniziò a distruggere il sistema o quel che ne rimaneva e i sopravvissuti compresero che l'unica salvezza era chiedere aiuto alle popolazioni che si erano nascoste e avevano mantenuto in vita la biodiversità .

Racconto maggio 2012
p.s. vediamo di ribellarci in anticipo

Rosa Anna 05.05.15 21:52| 
 |
Rispondi al commento

"L’antesignano del movimento è Duane Elgin, un americano che, all’inizio degli anni ’80, introdusse il concetto di “semplicità volontaria” (voluntary simplicity)."

se citi un americano dovrebbe sempre essere un figlio dei fiori non un ritardatario dei primi anni 80

siamo nei tempi di voluntary disclosure, collaborazione volontaria

Beethoven Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 21:51| 
 |
Rispondi al commento

le banche hanno una scala di rating che ipotizzando da uno a cinque (ma i gradini nella relatà sono molti di più) presta solo soldi a chi sta nelle scale di merito di mezzo
a chi sta nelle scale di merito, leggi rating, alte li regala a tassi risibili e a che sta in quelle basse non li concedono
così come scritto era prima di leman brothers

Beethoven Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Favola dedicata a Vandana Shiva
""Immagina
Nell'anno duemilacentoventidue si erano delineate definitivamente sulla terra due gruppi di società multinazionali, che si facevano vicendevolmente guerra.
Innumerevoli umani per proteggersi da quelle società vivevano nascosti da oltre un secolo in vallate e regioni impervie .
Mantenendo intatte agricolture biodinamiche conservando una vastissima biodiversità, nonostante il proibizionismo imposto.
La guerra, iniziata nel secolo precedente, perdurava per contendersi le monocolture e i semi OGM non ancora sterili e nocivi alla salute umana e degli animali .
Molti alberi da frutto erano scomparsi a causa della totale estinzione di api e altri insetti impollinatori. Una multinazionale aveva brevettato impollinatori sintetici, produzione imperante su tutta l'Europa all'inizio del secolo, fino a che, una società concorrente, per imporre il suo prodotto, aveva infettato il nucleo dell'organismo. Le conseguenze erano state disastrose.
Le popolazioni che vivevano in questo contesto si nutrivano acquistando i prodotti imposti dalle molteplici catene di macromercati, vere città dentro le metropoli. Convinte, dalle pubblicità che le società avessero a cuore il loro benessere.
Da quando erano scomparsi gli Stati nazionali e le amministrazioni governative tutti avevano aderito a società di autocontrollo per contribuire a mantenere i servizi
Il costo del sistema all'inizio aveva entusiasmato i cittadini. Con la totale privatizzazione, le tasse elevate, erano state sostituite da un efficientissimo sistema di prelievo automatico sulle transazioni di denaro. Negli ultimi cinquant'anni si erano
verificate corruzioni e distorsioni costringendo i cittadini a pagare di tasca loro ospedali e cure, scuole e manutenzioni di strade e servizi di sicurezza.
continua

Rosa Anna 05.05.15 21:46| 
 |
Rispondi al commento

VIVERE DAVVERO

Cos'è la vita se non sentire profondamente e provare emozioni che arricchiscono la nostra conoscenza e la nostra esperienza?
Anche il lavoro può dare queste sensazione ma deve appassionare,appagare e sopratutto non essere un mero mezzo di sostentamento artificiale che spinge a consumare per adeguarsi allo status symbol del momento.
Se esaminiamo attentamente gli spot pubblicitari sparati dalle emittenti ci accorgiamo facilmente che sono la rappresentazione di un mondo artificiale dove circolano fantastiche auto guidate da altrettanto fantastici uomini che tornano la sera in case meravigliose ed accoglienti pronti a consumare cibi ed utilizzare oggetti che lo rendono unico,al di sopra degli altri mettendo in evidenza l'ostentazione come valore predominante.
La vita è tutt'altro.
Pian piano mi sono liberato dei legami che ci incatenano a questo mondo oggetto,l'auto grossa,la moto,lo smartphone di marca del duopolio samsung/apple ,gli abiti e le scarpe delle marche gettonate,i cibi superflui e dannosi.
Si è attenti a ridurre i consumi energetici,si eliminano vizi altrettanto dannosi come alcol e fumo,fai sport all'aria aperta e si comincia a vivere davvero.
Non sei più schiavo dei consumi o li limiti allo stretto necessario e cominci a sentire.
Senti la sofferenza ,vedi gli altri che prima erano trasparenti e sopratutto vedi te stesso.
Vedi l'uomo che è in te e che prima era ricoperto dalla corazza che un mondo superfluo e ingiusto ti impone.
Non ti importa di quello che hanno gli altri e che ostentano perchè ti rendi conto che sono ancora ciechi e schiavi come lo eri tu.
Vedi la natura come non l'avevi mai vista,ascolti la musica come non l'avevi mai udita,parli con gli altri come non avevi mai fatto,assapori di nuovo il cibo,dai un nuovo valore al tuo lavoro.
Sei libero e ti rendi conto che la prigione era soltanto una concezione errata della vita che certi demoni propongono all'umanità.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 05.05.15 21:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il fare e il non fare. L’attitudine al cosi detto “fare” è ormai la nuova strategia che si sta affermando e a cui i media danno il loro incontrastato appoggio. Si cerca ormai già da tempo di relegare la potenza del pensiero nel più buio angolo della vita dell’uomo. Il pensiero è ora diventato l’espressione del non fare è diventato l’antitesi dell’agire. L’uomo deve essere impegnato, deve essere affaccendato senza permettersi alcuna sosta. La riflessione è ostacolo al fare. Questo nuovo modo di concepire la vita non è recente e sta già manifestando i suoi effetti. L’uomo da poco meno di un secolo è stato pian piano educato al consumo e al produrre per consumare, questo però gli dava la possibilità di emanciparsi e di dedicarsi non soltanto a quelle attività necessarie per il suo sostentamento. L’uomo infatti, pur vivendo nel vortice del consumismo aveva conservato una qualche propensione a coltivare e affermare il suo pensiero. Oggi il pensiero è la vera insidia di chi è al potere. Si opera affinché l’uomo non abbia più alcuna possibilità di pensare perché unicamente dedito a raggiungere un stato sociale che gli renda dignità. Ciò fa sì che l’uomo perda la sua vera ricchezza che è la cultura e il pensiero. L’uomo che agisce e che vuole imitare colui che agisce distrae la propria mente dalla riflessione, dalla critica, dalla razionalità. Il fare a qualunque costo è posto come antitesi al non fare. Come può mai l’uomo preferire il non fare al fare? È una scelta che non ammette equivoci. L’uomo è posto dinanzi ad una falsa scelta ad una falsa libertà.

Nicola Canistro 05.05.15 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Io è da un pezzo che non vedo più la televisione proprio per via che c'è troppa Pubblicità,anche se devo dire che ultimamente anche la rete comincia ad esserne invasa. Ormai questo Blog è l'unica Oasi Libera che applica il downshifter rinunciando al profitto per un'informazione davvero a misura d'uomo.Voto M5S perche voglio dare un futuro ai miei figli. Grazie Roberto

pardo zerotti Commentatore certificato 05.05.15 20:42| 
 |
Rispondi al commento

UN ESEMPIO DA IMITARE (una volta tanto)

La rom prova a rubare a due cinesi, ma viene massacrata di botte

Una ragazzina ha provato a derubare due donne cinesi che però l'hanno prontamente fermata e colpita con schiaffi e calci

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 05.05.15 20:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più che la corsa del topo si fa la fine del topo...

Buonasera a tutti meno che a quella sciagattata della frignero

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 05.05.15 20:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

s.on'è b.ottu (il sardegnolo)

o anche

h.ard r.uler

è nu guapp' e carton'.

leone dietro la tastiera coniglio per prendere un caffè.

Minchietti:

Si nu guapp e carton'

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 20:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perché,quello che si vede sul Vostro sito non è pubblicità?

GRAZIANO AMBROSINI 05.05.15 20:19| 
 |
Rispondi al commento


dal ffatto...

no no, non mi riferisco ad alcuni bloggher che frequentano questo spazio gentilmente messo a disposizione da beppe grillo :)

""In occasione infatti della chiusura della Festa dell’Unità della Montagnola, la cronista ha cercato di fermare il segretario Pd e gli ha chiesto: “Scontri fuori e fischi dentro?”. Ren-zi però ha deciso di non rispondere ed è andato oltre. A quel punto il governatore Bonaccini, subito dietro, si è avvicinato e si è rivolto a Pedrelli: “Scontri fuori e fischi dentro? E’ questa la domanda? Dilla tutta, raccontate la verità”. La cronista ha quindi chiesto a Bonaccini cosa volesse rispondere alle accuse dei manifestanti che definivano il Pd di essere “dittatoriale”. A quel punto il governatore ha reagito in modo brusco e dandole degli “schiaffetti” sulle guance ha detto: “Datti la risposta da sola. Se fai informazione datti la risposta da sola”. E poi ha concluso: “Definire il Pd dittatoriale.. datti la risposta da sola altrimenti non fai bene la professione. Io faccio bene la mia, tu fai il tuo lavoro correttamente”.""

questa giornalista lavora sul giornale dello svizzero... o forse è meglio dire ...lavorava ?

:)

certo " schiafettini" sulla guancia...per adesso eh... poi, olio di ricino ?:)

macchè non son all'altezza nemmeno a far questo...

pabblo 05.05.15 20:18| 
 |
Rispondi al commento

sono 30 anni che sono d' accordo. In parte e per quanto possibile lo sto attuando.
pero proprio non so come propagandarlo ne difenderlo dagli attacchi e gli sfotto delle truppe cammellate

massimo x 05.05.15 20:16| 
 |
Rispondi al commento

UN GRANDISSIMO POST, una lezione da tener sempre ben presente nei nostri cuori


...nel frattempo occupiamoci delle merdacce e liberiamo l'Italia


in alto i cuori

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Una notizia interessante sull'argomento:

(spiacente ma non trovo più il Link sull'argomento ... verysorry).

Il 5% dei consumatori che vanno in cotrotendenza sugli acquisti di prodotti delle multinazionali ne variano le politiche.
Se, per esempio, del totale di coloro che acquistano coca cola il 5% decidesse di non acquistarla più, determinerebbe un cambio di politica del marchio succitato. (Probabilmente la coca cola verde è il frutto di questo tipo di controtendenza).
Se poi tale 5% si organizza e fa sapere il perchè di tale decisione, il marchio succitato indirizzerebbe la multinazionale verso quel perchè variando le sue politiche.

E questa sembra una cosa FATTIBILE.

Un movimento come il nostro può veramente determinare le politiche economiche e di mercato di questi cialtroni cianfrusagliari. Almeno qui in Italia.
Capite perchè bisognerebbe seguire tutti (vabbè quelli che ci convincono di più) i posts messi a fianco su argomenti alimentari medici e affini ora?

Se qualcuno ritrovasse il link di tale argomento ne sarei felice anche io perchè vorrei rivedere quel documentario.

Di nuovo ... vado a far calar gli zuccheri ...

Minchietti ... fammi sapere ... ^_^

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Internet ti permette di lavorare in modo decentrato sul territorio".
Lavorare?
Sapete chi lavora? Chi ci mette le braccia.
I contadini innanzitutto. Non si mangiano nè scartoffie nè idee.
Nessuno parla mai del contadino. O del pescatore.
Senza questa gente che lavora davvero cosa si farebbe?
Io ho lavorato 3/4 del mio tempo lavorativo in un ufficio. Avrei sicuramente potuto lavorare da casa. Mi sono sentito un parassita. Quando facevo l'elettricista no, mi sentivo utile. Non certo quanto il contadino che è indispensabile.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.05.15 20:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi la vita è come la scala del pollaio: corta e piena di merda.

john f. 05.05.15 20:03| 
 |
Rispondi al commento

stasera Luigi di Maio a di martedi e Carlo Sibilia a ballarò

Daniele F. Commentatore certificato 05.05.15 20:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricordo solo un adagio ascoltato non so dove o letto chissà dove.

Il vero ricco, di questi tempi, è colui che ha tempo per se.

Non è ricco chi consuma di più ... aggiungerei.
Come dice Gianroberto ... quello è solo un sorcio.

A più tardi che attendo la risposta del signorino minchietti ...

Una buona serata.

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Davide Serra commendatore è davvero troppo. Anche se dorme, Mattarella sente nel sonno il richiamo della Leopolda.

fran Commentatore certificato 05.05.15 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciò pure una dedica per il frutta:

https://www.youtube.com/watch?v=_Bi0GNpsZX4

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 19:50| 
 |
Rispondi al commento

Semplicità volontaria, downshifter, sono d'accordo.
Da sempre propongo di fare in modo che i part-time siano più facili da dare/avere.
Conosco parecchie persone che sarebbero disposte a "cedere" ore di lavoro.

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Magari fosse così , rimanere sempre allo stesso punto . No , non rimaniamo , andiamo indietro ! Anno dopo anno , dalla caduta del comunismo che ha provocato milioni di ex e migliaia di capi e capetti a spasso e pronti fare danni ( mani pulite ), il nostro tenore di vita è sceso sempre più e la fine della discesa non si intravede ! Stretti tra le ganasce della criminale globalizzazione selvaggia e i colpi di stato del PD siamo in continua discesa e ci fermeremo solo quando saremo su un piano di parità con i cinesi , indiani ecc.... Ribelliamoci a queste persone che occupano illegalmente il potere , che sono al servizio dell'alta finanza mondiale ! Non riconosciamoli come interlocutori , andiamo via dal parlamento e facciamo le nostre sedute in piazza !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 05.05.15 19:47| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

Ultimo messaggio per:

Minchietti (alias stron2o col botto - e tanti altri nick che lo renedono "anonima sequestri"), sono in attesa di risposta.

Ripeto.

Se non 6 di Roma ma abiti in loco viciniori son disposto a venire ad offrirti il caffè dove stai.

Così evitiamo di intasare questo blog di piccole sciocchezze.

Fammi sapere ... e per ora:

Si sol' nu guapp' e carton' ... verimm' si tien' i pall' ...

P.S. scusate ancora ma lo faccio oltre che per me stesso per il blog. Mi rendo conto che gli scambi con quel signore sopra sono veramente stucchevoli.
Tantovale che ce la risolviamo di fronte ad un caffè me e lui.
Cerea.

Francesco. Folchi.., AmoR Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 19:46| 
 |
Rispondi al commento

"Consumare significa, secondo il Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, “sciupare, adoperare esaurendo in tutto o in parte”. E’ quello che succede al consumatore, che, oltre ai beni acquistati, consuma sé stesso, il suo tempo, i suoi affetti, i suoi interessi, in definitiva la sua vita."!
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Verissimo... ma allora l'immagine che più rappresenta il consumatore non è quella animata e convulsa di un topo che corre dentro una ruota!... ma quella inanimata e serena di un tubo dentro il quale scorre una quantità sempre maggiore di mer... ehm... "beni acquistati"... che finiscono per bucarlo lentamente o... se lo tappano... per farlo esplodere tutto d'un tratto! .-(((


Vi svelo dove fonda la sua fortuna il Premier/segretario PD:

Tutto ciò di cui hai bisogno in questa vita è ignoranza e fiducia, poi il successo è assicurato.
(Mark Twain)

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 05.05.15 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che tanti non vogliono uscire dalla ruota del topo.
E' come il meccanismo della dipendenza dal gioco d'azzardo; sanno che fa male alla salute e alle tasche ma non vogliono rinunziare all'adrenalina del rischio e alla mente fissa verso la vincita.
La libertà la vogliono veramente in pochi, tanti non sanno neppure come ci si sente ad essere liberi.

M. Mazzini 05.05.15 19:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

downshifter

er frutta peresmpio

psichiatria. 1 05.05.15 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con tutti i disoccupati e gli indigenti che ci sono ora hai voglia di risparmiare tempo, costoro certo che non si impongono la dimensione tempo. Più che altro c'è la dimensione incazzatura per fame e/o viceversa. Il concetto di impiegare bene e razionalmente il proprio tempo per vederlo scorrere in modo costruttivo, non credo che oggi sia applicabile, dati vuoti a perdere mentali che ci governano che non sanno come fare, visto che qui siamo ancora all'età della pietra. Sarebbe un grande sogno poter unire tutte le menti per il bene comune.

john f. 05.05.15 19:18| 
 |
Rispondi al commento

L'INUTILITA' DEI GIURISTI (favola breve)
Vi è stato un tempo in cui i pareri dei giuristi erano utili.Era il tempo in cui si credeva nella sacralità delle leggi, rispettose dei principi fissati da una Costituzione rigida che non ammetteva eccezioni, comunque puntualmente censurate da guardiani severi (Presidente della Repubblica e Corte Costituzionale). Era il tempo in cui si credeva nell'honeste vivere, alterum non laedere, suum unicuique tribuere, nei diritti quesiti, nella legge uguale per tutti.
Poi venne il Porcellum con l'eliminazione delle preferenze e con un abnorme premio di maggioranza privo di soglie minime in caso di ballottaggio. I parlamentari nominati dai partiti divennero professionisti della politica. Ma vi era ancora la Corte Costituzionale, che dichiarò il sistema incostituzionale. Nessuna paura: i tempi erano cambiati e i parlamentari pure. E così si fece l'Italicum che, pari pari (ma con qualche attenuazione per le limitate preferenze ammesse) ripropose la stessa legge bocciata dalla Corte.
Ma come, direbbero gli ingenui giuristi, come si può riproporre lo stesso contenuto, già ritenuto in contrasto con l'art. 1 (uno) della Costituzione? Si può, si può, dissero i politici professionisti, contando sul meccanismo di rinvio delle norme alla Corte e sui tempi della decisione. Per intanto cosa fatta capo ha: in caso probabile di elezioni anticipate vincerà il partito della nazione e prenderà una maggioranza alla Camera di 340 seggi su 630 (25 in più del necessario, meglio abbondare).
Per il Senato non c'è problema: non c'è più. Sembra una favola, ma è realtà. In queste condizioni vi sembra possibile sostenere che i giuristi servano a qualcosa?

cataldo gigantesco 05.05.15 19:15| 
 |
Rispondi al commento

piaccia o non piaccia, condivisibile o meno le considerazioni esplicate da Casaleggio sono la prova che i fondatori del M5S hanno una base culturale o visione progettuale della vita civile democratica del presente e prossimo futuro, contrariamente a quanto beceri giornalisti scrivono o ciarlano in tv sostenendo che il M5S è solo protesta.
Invece in questo panorama politico squallido chi risulta avere in testa un vuoto pneumatico è il Premier fregnacciaro astuto comunicatore ma misero nei contenuti culturali e progettuali per risolvere i problemi attuali e creare una nuova società civile, in due anni di Governo ne avesse azzeccata una!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 05.05.15 19:13| 
 |
Rispondi al commento

La televisione ora come ora in italia che è un paese di anziani e per andare nello specifico la liguria è una delle regioni come più vecchi in assoluto non penso che la gente andrà sul web

Adriano G., Ascoli Piceno Commentatore certificato 05.05.15 19:13| 
 |
Rispondi al commento

va bhe..
come stare in parlamento e non contare un caxxo..

psichiatria. 1 05.05.15 19:12| 
 |
Rispondi al commento

L’immagine più adatta per descrivere il consumatore direi che è questa: Lavora, consuma, crepa ...

Alessandro D., Genova Commentatore certificato 05.05.15 19:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bell'orologgio;certo,se dovrebbero fa,puro,i modelli p'i meccanichi,muratori,e casalinghe,i dottori...chiaramente,tutti de corsa...

Aho,ar posto d'e lancette,se potrebbero fa' gira' l'attrezzi der mestiere,che so'...scope,mazzette,stetoscopi...

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.05.15 18:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Gianroberto per i tuoi spunti riflessivi che aprono la mente a punti di vista che sono tenuti ben nascosti... e non a caso!

Antonio Citarella Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 18:46| 
 |
Rispondi al commento

ho dovuto rileggere il post

si parla di consumatore

e a chi caxxo credi di proporti?

sono invitato dalla pubblicita a consumare?

una famiglia con due figli, o è paraculata da due stipendi statali o naviga nella merda.
consumando l'indispensabile

la ruota gira comunque, anche se stai fermo...

psichiatria. 1 05.05.15 18:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il web è il futuro chi dice il contrario è un ignorante ai massimi livelli.

Rex Olly 05.05.15 18:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DOVBBIAMO FARE DOWSHIFT TUTTI ASSIEME SE VOGLIAMO USCIRE DA QUESTO SISTEMA DELLA RUOTA DEL TOPO,PIU' SIAMO E MEGLIO SIAMO

alvise fossa 05.05.15 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Come unico esempio viene proposto l'abbandono della tv.
Abbiate pazienza. Io sono col M5S. Se qualcuno non ci crede poco importa. La tv non la spegnerò mai. Ma cosa avete contro la tv?
Sono le persone che fanno la qualità o la mediocrità, il mezzo è come un attrezzo qualsiasi.
Ammettiamo pure che sia in tutto mediocre. E il web? Che ne so io chi posta?
Non so, mi sembra che si perorino cause perse.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.05.15 18:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


ot?

dato che il sig. casaleggio conosce sicuramente l'inglese e forse è un appassionato di asimov gli liko questo...

altro che downshifting... :)

http://www.futuretech.ox.ac.uk/sites/futuretech.ox.ac.uk/files/The_Future_of_Employment_OMS_Working_Paper_1.pdf


""Nel giro di tre generazioni, il 70% circa della razza umana diventerà obsoleta. ""

:)

obsoleti wow! fatti vostri eh :)


pabblo 05.05.15 18:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Produci Consuma Crepa

dal testo Morire dei CCCP

Non so dei vostri buoni propositi perché non mi riguardano

esiste una sconfitta pari al venire corroso
che non ho scelto io ma è dell'epoca in cui vivo

la morte è insopportabile per chi non riesce a vivere
la morte è insopportabile per chi non deve vivere

lode a Mishima e a Majakovskij

tu devi scomparire
anche se non ne hai voglia
e puoi contare solo su di te

PRODUCI CONSUMA CREPA
SBATTITI FATTI CREPA
PRODUCI CONSUMA CREPA
CREPA

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.05.15 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Deduzione dalla padella alla brace ?

Mutatetevi
In produttori delle vostre necessità e siate parsimoniosi

Rosa Anna 05.05.15 18:23| 
 |
Rispondi al commento

ot
#scuolebelle ?

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/cronaca/15_maggio_02/crolla-soffitto-un-aula-scuola-ma-classe-non-c-era-nessuno-568ae642-f097-11e4-b1fe-a1aca38fd20c.shtml

pabblo 05.05.15 18:05| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori