Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La ripresa serena (per i fondelli)

  • 14

New Twitter Gallery




La domanda che si pongono da tempo gli italiani è "Se mi dicono che c'è la ripresa perché io non la vedo? Perché proprio io? Non sarà la solita ripresa per i fondelli?". Il PIL è cresciuto dello 0.3%, ma anche per effetto dell'inserimento della droga e della prostituzione nel calcolo, Se nel 2016 inseriremo anche la corruzione e l'evasione saremo i primi in Europa (forse nel mondo!).

"Sei famiglie su dieci temono che un famigliare possa perdere il lavoro. Il 71% degli italiani prevede consumi in calo o invariati, il 47% con lo stipendio riesce solo a coprire le spese. Mentre l'Istat certifica l'uscita dell'Italia dalle recessione e alza le stime sulla crescita (drogata dall'inserimento di droga e prostituzione nel Pil, ndr), Confesercenti riporta che il 56% delle famiglie dichiara di avere una situazione finanziaria insoddisfacente e per il 14% il reddito mensile non basta per coprire le spese indispensabili.
La rilevazione trimestrale dell'associazione sulla Solidità economica percepita segna quota 55 punti, in crescita di due punti su dicembre. In merito alla propria situazione finanziaria, il 56% delle famiglie segnala una situazione di disagio, un 42% si dice insoddisfatto, un 14% del tutto insoddisfatto. Rimane al 44% - come a febbraio - la quota di italiani soddisfatti. Si rileva una forte polarizzazione sul fronte del reddito mensile: più della metà dei nuclei segnala una situazione difficile, un 47% afferma di riuscire appena a coprire le spese, senza potersi permettere altro ed un 14% si definisce povero ammettendo che il reddito familiare non basta per l'indispensabile. Le famiglie che dichiarano un reddito sufficiente a vivere sono il 38%. Mentre solo il 2% proclama di avere un reddito che permette di vivere agiatamente.
Per gli italiani la percezione della qualità della vita è insostenibile per il 21% delle famiglie, accettabile per il 34% degli intervistati e soddisfacente per il restante 45% del campione." Fonte

17 Mag 2015, 09:26 | Scrivi | Commenti (14) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 14


Tags: disoccupazione, famiglie, istat, reddito, ripresa

Commenti

 

Purtroppo tutto fa PIL: la persona morta (il funerale, i fiori, la bara etc. fanno PIL); il furto subito, fa Pil (dopo bisogna ricomprare le cose rubate o danneggiate); il rapinatore, fa Pil ( l'avvocato per la difesa, l'agente che lo ha arrestato, il Magistrato che lo condanna (?) o scagiona, il suo -soggiorno- in carcere, fa Pil), tutto fa Pil....i Mascalzoni dei Blak Blok (danneggiando le auto che dovranno essere ricomprate o le vetrine rotte che dovranno essere riaggiustate), tutto fa Pil...pure le superpensioni d'oro, fanno Pil (poichè permettono a chi ce le ha di -comperarsi- una bella vita).....E' il -SISTEMA- che è da cambiare....come???...basterebbe essere un po' più onesti e comportarsi da persone -civili-....forse ci sarebbe Meno Pil, ma sicuramente si starebbe molto meglio.....Auguri a tutti

giorgio l., verona Commentatore certificato 18.05.15 11:24| 
 |
Rispondi al commento

I consumi sono sempre in netto calo, i negozi chiudono sempre di più e le aziende licenziano o delocalizzano, questa è realtà, purtroppo.

Gli italiani hanno uno stipendio medio di 1200/1400 euro, e con questi soldi ci pagano le tasse, quello che resta per mangiare e aiutare il figlio disoccupato, è già questi si possono considerare "fortunati"

#M 5 S, Italia Commentatore certificato 18.05.15 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Balle, enormi balle. vivo a Berlino e il mio lavoro è connesso con l'economia del nostro paese, basta che si muova lo 0,001 % e me ne accorgo...dal 2009-2010 c'è stato un crollo anche a causa dell'altro ballista che ha rimbecillito gli italiani ancor di più con le televisioni. Quello che si vuole é sempre tenere il popolo bue sotto controllo emotivo e l'opinione è sempre astutamente "guidata" dove si vuole...e allora da fuori c'é il supporto di chi ha interessi. È una realtá a dir poco schifosa.

Felice L., estero Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.05.15 07:04| 
 |
Rispondi al commento

There is no world leadership in the West. There is only selfishness and hubris. Western “leadership” is exploitative. The West loots the non-West and is now turning on itself with its looting of Ireland and Greece, with Italy, Spain, and Portugal the next targets for looting. The American public itself has been looted of its jobs, career aspirations, and civil liberties.

The Western model of “democratic capitalism” turns out to be neither democratic nor capitalist, BUT A FORM OF FASCISM RULED BY AN OLIGARCHY. The United States is where regime change is most badly needed.

http://www.paulcraigroberts.org/2015/05/15/washington-coming-senses-paul-craig-roberts/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 17.05.15 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Dicitura sbagliata.. nel calcolo del pil rientrano evasione e corruzione (stimate)
Le uniche cose che non rientrano nel calcolo sono quelle relative alla criminalità: i furti, le rapine, la prostituzione, gli assassini su commissione, lo spaccio di droga.

Invece di parlare del vero problema il target2, i soldi che si volatilizzano all'estero e impoveriscono la nazione..blablabla..

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 17.05.15 21:30| 
 |
Rispondi al commento

E se aggiungiamo i miliardi truffati dalla Fornero, Consulta e Padoan ai pensionati possiamo dire che le finanze private di questi Ladri di regime sono certamente in ripresa.
State sereni, primo o poi arriverà qualcuno che vi farà pagare tutte le vostre malefatte.

Giovanni C. Commentatore certificato 17.05.15 18:36| 
 |
Rispondi al commento

"Sei famiglie su dieci temono che un famigliare possa perdere il lavoro"
e infatti quel famigliare gli sta così antipatico che votano per i partiti che hanno aumentato la disoccupazione.
Il 29% degli italiani prevede consumi in crescita (la tv aiuta a sognare).

Per quanto riguarda droga e prostituzione non ha alcun senso inserirle interamente nel calcolo perché così facendo si inserisce nel pil il furto cioè l'unica cosa che qualunque economista vi dice che non è un prodotto e non è conteggiabile.
E invece si inserisce quindi il furto del magnaccia che sfrutta e picchia la prostituta (e provoca un forte aumento dei prezzi nel settore che i clienti poi devono pagare).
E lo spacciatore cosa produce? La droga la importa e poi la rivende con un ricarico truffaldino rispetto al prezzo d'origine di decine di volte:
il pil aumenta grazie a un commercio in monopolio che è pure illegale? meno si combattono gli spacciatori di droga e più aumenta il pil?
Qualche legislatore economista ha fatto un uso smodato di cocaina...

Se proprio si vuole aggiungere droga e prostituzione al pil occorre stimare NON l'intero importo ma solo il fatturato che ci sarebbe se tali attività fossero lecite (e meglio ancora sarebbe legalizzarle) quindi molto meno di quanto attualmente stimato.... tutto il resto sono conti truccati.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 17.05.15 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Dopo 15 trimestri di variazione negativa del PIL,per un totale di perdita di circa il 10 percento, anche una risalita del 2 o 3 sarebbe fisiologica. C'è una componente ciclica di breve periodo che rende difficilissimo perdere ancora PIL. Quindi, di cosa stiamo parlando ? Ci saranno indubbiamente alcuni trimestri di PIL positivo, ma questo è il segnale che stiamo entrando nella fase stagnante della deflazione, che si estenderà per un periodo indefinito, costituendo quella che si chiama depressione economica vera e propria. La depressione non è caratterizzata da un crollo del PIL. Questo si verifica solo all'inizio delle grande crisi. La fase depressiva invece, si distingue per un PIL sostanzialmente fermo e dalla disoccupazione di massa.

Mino V., Brindisi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.05.15 17:20| 
 |
Rispondi al commento

per i giovani cervelli che ancora lo vorrebbero usare per lavorare e creare qualcosa di utile , invece di usare sole le mani per fare panini , telefonare per vendere contratti o battere scontrini..

sentite il consiglio di questo maestro , l'inventore del microprocessore , in particolare del mitico Z80 (altro che arduino)

intorno al 13' minuto ...
anzi sentitela dall'inizio..

http://video.repubblica.it/next/rnext-incontro-con-federico-faggin-intervista-integrale/201061/200112

ha perfettamente ragione, se possibile fate come dice lui finchè siete in tempo....

mario x. Commentatore certificato 17.05.15 16:07| 
 |
Rispondi al commento

la rottura sociale traumatica e' completata--
tutti sanno che l'unica per fare respirare il paese e' il nostro reddito di cittadinanza, e siccome lo sanno benissimo i farabutti delinquenti che lucrano sulle disgrazie del popolo , lo osteggeranno sempre e con ogni lurido mezzo, tramite luridi figuri, infidi , proditori, traditori, sanno benissimo che sarebbe la fine dei loro vantaggi dei loro privilegi, possibili sono con il popolo in miseria , altro che jobatto del cazzo-----------
sindacati degenerati compresi, anzi protagonisti comprimari

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.05.15 15:24| 
 |
Rispondi al commento

non sanno più cosa inventarsi per rimanere a galla e prendere qualche voto....non so da chi !

mario d., orbetello Commentatore certificato 17.05.15 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Si, la ripresa c'è:
LORO, hanno preso fin'ora. Riprenderanno ancora.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 17.05.15 11:35| 
 |
Rispondi al commento

QUI VA' SEMPRE PIU' PEGGIO, CREANO ILLUSIONI DICENDO CHE VA' TUTTO BENE E POI FINIREMO COME LA GRECIA

alvise fossa 17.05.15 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo temo che il governo ( come i due precedenti) credendo alle illusioni di calcolo si comportera' di conseguenza aggravando la situazione .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 17.05.15 09:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori