Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

5 giorni a 5 stelle: 200mila firme per uscire dall'Euro

  • 38


euro_duev.jpg

"Questa settimana abbiamo tagliato un grande traguardo: quello della prima tappa verso il referendum sulla permanenza nell’euro. 200.000 firme, raccolte tra cittadini di tutto il Paese, sono state consegnate al Presidente del Senato Piero Grasso. Vito Crimi, faldoni alla mano, ci spiega i motivi di questa importante azione. Alla Camera, invece, Luigi Di Maio chiede conto al governo di un provvedimento che permette alle coop, -colmo della sfacciataggine in questo momento- di non essere più sottoposte ad alcun controllo ispettivo o di verifica. E sapete cosa risponde il sottosegretario? Che purtroppo è tutto vero! In plenaria a Strasburgo si parla di TTIP. Tiziana Beghin (EU) non la manda a dire al Parlamento intero, rimproverando tutti i deputati di pensare solo ai propri interessi continuando a rimandare la discussione di un accordo internazionale importante come il TTIP. Oltre all’euro, continuiamo la nostra battaglia sul Reddito di Cittadinanza. Nunzia Catalfo e Sara Paglini, dal Senato, ci trasmettono il loro entusiasmo per le ultime novità: durante le ultime audizioni in Commissione, il Presidente INPS Tito Boeri e l’ISTAT hanno confermato l’importanza della nostra proposta e la correttezza delle nostre stime di spesa. Al Senato si è discusso anche il provvedimento sugli omicidi stradali. Ascoltiamo la dichiarazione di voto favorevole del M5S, dal portavoce in Senato Enrico Cappelletti.
Tornando a Strasburgo, il nostro portavoce Dario Tamburrano (EU) riassume senza mezzi termini a tutta l’aula lastrategia energetica europea: tempo perso, soldi buttati, atteggiamento schizofrenico e irresponsabile verso ambiente e risorse. E’ ora di investire verso un modello rinnovabile, una delle nostre 5 stelle. Alla Camera continuiamo ad occuparci di pensioni. Questa settimana abbiamo presentato i nostri emendamenti all’assurdo decreto Bonus, che Renzi pretende di propinare al Paese in barba alla Consulta. Per finire, a Roma, mentre i tentacoli della piovra avvolgono la Capitale, il sindaco Marino se ne resta imperterrito attaccato alla poltrona. I nostri portavoce, insieme a tanti attivisti, sono andati personalmente a fargli presente che è ora di andarsene. Il 9 giugno è stata la giornata di #occupycampidoglio, ma il 15 giugno toccherà proprio a#marinodimettiti! Non mancate, vi aspettiamo alle 17,30 in Campidoglio!"
M5s Parlamento

14 Giu 2015, 10:01 | Scrivi | Commenti (38) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 38


Tags: 5 giorni a 5 stelle, coop, luigi di maio, mafia capitale, no euro, vito crimi

Commenti

 

Sono poche. E' un argomento che non porta da nessuna parte.
C'è un'unica lotta da fare: combattere la malapolitica.
Provate a raccogliere firme per ridurrere i parlamentari. Massimo 300 eletti.
Ne raccogliereste minimo 10 milioni. Ma solo perchè ci sarebbero troppe file ai gazebo.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.06.15 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti per la conquista dei 5 comuni su 5 del ballottaggio comunali. Per vincere le politiche, sin da ora comunicate a tutti gli iscritti di cercare e contattare i cittadini che non sono andati a votare e convincerli che l'unica speranza e' di appoggiare il M5S. Chi farà questo porterà a casa la vittoria sulla politica. Questa è' la primo obiettivo da raggiungere, i voti acquisiti con questa tornata elettorale saranno tutti confermati alle politiche, in più vanno aggiunti migliaia e migliaia di chi protesta senza andare a votare. Ne sono tanti.......e continuare con reddito di cittadinanza, concessione microcredito imprese e famiglia, e soprattutto uscita dall'euro. Cordiali saluti. A vs disposizione per tutto. VincenzoTarantino 3480606491

Vincenzo Tarantino 16.06.15 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Inutile girarci intorno, 200 mila firme sono un flop clamoroso. Nessuno dei partiti €risti, PD e FI in testa appoggeranno questa iniziativa del M5S, che pertanto rimarrà, ahimè, lettera morta.
Sarebbe stato molto diverso, almeno da un punto di vista mediatico, aver raccolto milioni di firme, allora si che i partiti avrebbero dovuto, se non altro per fini elettorali, prendere in seria considerazione la proposta di legge costituzionale e si sarebbe finalmente aperto il dibattito sulla convenienza dell'Italia a restare nella moneta unica.
Occasione persa, se non peggio, nel senso che forse forse in questa battaglia democratica il M5S non ci ha creduto e non ci crede veramente.

filippo d. Commentatore certificato 15.06.15 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Siete grandi, non fermatevi
Sono disoccupato, ma disponibile a darVi una mano per Vs manifestazioni a Pescara
Tel 3480606491 Enzo

vincenzo Tarantino 15.06.15 15:34| 
 |
Rispondi al commento

IO voglio firmare..


L'uscita la determinerà la convenienza!

Cui prodest?

Se la Grecia fallisce e poi dietro fallisce anche l'Italia risolveremo i problemi del debito con i derivati che abbiamo sottoscritto?

Quanto scommettiamo in derivati?
E su cosa diavolo scommettiamo o meglio su cosa decidono che dobbiamo scommettere?

MPS tornerà in utile con Alexandria?

E se il governo greco avesse scommesso sul suo fallimento?

Quali sono le banche e assicurazioni più esposte a copertura dei fallimenti?
quelle tedesche!?!

E' vero quello che dice Feltri rispetto alla possibilità delle banche di mettere le mani nei conti correnti dei clienti in caso di fallimento? Con questi manager ma ci rendiamo conto?
Se guardiamo i bilanci delle banche dove comandano le fondazioni quanti anni di utile e quanti anni di perdite dalla legge amato ad oggi?
E' vero che è passato in senato il provvedimento autorizzativo?
sotto silenzio?

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.06.15 11:34| 
 |
Rispondi al commento

io invece sto con la Germania e odio la Grecia

sonia raggio, roma Commentatore certificato 15.06.15 09:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La moneta è un bene pubblico, la Sovranità Monetaria è dello STATO, perciò non deve essere in mano ai privati.la questione greca è emblematica:uno STATO in trattativa con dei "privati", e l'oggetto è la MONETA. Assurdo
Riappropriamoci della
SOVRANITA' MONETARIA
FUORI DALL'EURO
IO STO CON LA GRECIA

giovanni ghirlanda, augusta96011 Commentatore certificato 15.06.15 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti. A proposito dell'uscita dall'euro e della questione greca, non è questa una lotta tra un soggetto pubblico, lo Stato Greco, e dei soggetti privati, le banche e i vari fondi monetari? E non è l'oggetto del contendere, il denaro? Quindi siamo di fronte a una trattativa tra pubblico e privato, dove è il privato a dettare le condizioni ed eventualmente a prendere provvedimenti. Al grido "Il Cittadino si fa Stato", io STO CON LA GRECIA..........

giovanni ghirlanda, augusta96011 Commentatore certificato 15.06.15 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Dal mio punto di vista non bisogna uscire dall'euro ma uscire dall'Italia. Io me ne
sono andato a viver 10 anni fa in Centro America, Nicaragua. Un paese di cui si parla poco ma che ha un potenziale di crescita enorme e una politica
attuale che permette investimenti molto redditizi. Soprattutto ora che c'è in ballo un progetto che fará esplodere il sud del paese: il canale che collegherá l'atlantico con il pacifico...e non solo. Invito tutti ad aprire
i propri orizzonti. Qui si vive veramente con poco e bene. Inoltre la possibilitá di fare investimenti sicuri e redditizzi nell'immobiliare è reale. Potrei raccontare esperienze da brivido ma qui lo spazio non me lo consente. Per chi volesse saperne di più, mi scriva pure al mio e-mail. Darò volentieri suggerimenti.
samuelpresti@yahoo.it
Saluti

Samuel Presti 15.06.15 04:28| 
 |
Rispondi al commento

Un po di sano nazionalismo
non fa mai male .....e allora adesso prendiamoci cura degli italiani almeno per un po.....

undefined 14.06.15 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Con che diritto possono manipolare in nome nostro i prodotti naturali del supermercato, di cui noi non abbiamo chiesto alcuna modifica contraccettiva. Prodotti che paghiamo con il nostro sudore, il nostro sangue per una misera paga, personaggi talmente presuntuosi e schiavisti che speculano sui nostri diritti, sulla nostra dignità per garantirsi un posto, un successo o peggio ancora una gloria. Si erogano una posizione politica che non hanno. Credo sia una mossa matura attribuire al prossimo i meriti che spettano senza alcun artefatto espediente. La domanda è siamo di fronte a moderni schiavisti antichi bambini viziati che vogliono averla vinta a tutti i costi?

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 14.06.15 21:11| 
 |
Rispondi al commento

favorevole all'uscita dall'€!!!!!

Michela 14.06.15 21:05| 
 |
Rispondi al commento

200.000 firme non mi sembrano onestamente un grande successo. Sarebbe il caso di farci una seria e onesta riflessione.
AdolfoTreggiari adori

Adolfo Treggiari 14.06.15 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo anche se siamo in parlamento, non se le fileranno mai. Ancora stiamo aspettando che considerino quelle dei due VDay...

Simone I. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.06.15 18:27| 
 |
Rispondi al commento

L'unica vera alternativa a qualsiasi forma di stato autoritario e oligarchico, di qualsiasi stampo esso sia, è la via democratica,
Via, che presenta non poche difficoltà di realizzazione, per una infinità di ostacoli oggettivi, anche molto concreti e difficili da superare ad opera di numerose resistenze, non solo culturali.
In virtù di questo, ancor prima di procedere alla richiesta di un referendum nazionale sulla permanenza nell'euro, sarebbe stato più opportuno avviare un percorso, certamente molto più complesso e laborioso, finalizzato alla richiesta di un referendum comunitario.
Referendum, che avrebbe dovuto coinvolgere tutti gli stati sovrani che compongono l'U.E. affinchè i cittadini possano esprimersi su un principio fondamentale che è la rinuncia concreta di una quota molto consistente di sovrantà nazionale.
Questo, avrebbe consentito di gettare le basi per la realizzazione, oppure no, di un governo unico europeo con pieni poteri anche politici.
Governo, che sarebbe stato in grado di affrontare e meglio gestire, i problemi e le numerose sfide che eneluttabilmente, ogni giorno si presentano.
Sfide, che rendono sempre più complessa e pericolosa la convivenza in un mondo affollato e caotico, sempre più globalizzato.
Enrico Spinelli

sandra cappelli 14.06.15 17:41| 
 |
Rispondi al commento

È un po che vi seguo e voglio credere in voi bravi 5 stelle

undefined 14.06.15 15:22| 
 |
Rispondi al commento

.... mi auguro che questa notizia sia suffragata da dati oggettivi e riscontrabili, altrimenti si crea soltanto una illusione generalizzata che , se non vera, genera ulteriore frustrazione tra la gente!!!Potete confermare il rapido ritorno alla lira o sono soltanto belle chiacchiere?

Francesco Fonti 14.06.15 14:47| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno vorrei sapere come farete per il cambio moneta ?

pasquale la torre, varese Commentatore certificato 14.06.15 14:43| 
 |
Rispondi al commento

AVANTI COSI' 5 STELLE E NOPN MOLLATE MAI

alvise fossa 14.06.15 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Putin ha detto chiaramente che la politica delle sanzioni danneggia fortemente l’economia italiana, che ha già perso un miliardo a causa loro, e che anche se la Russia è stata esclusa dai G7 “esistono altri format, come ad esempio i BRICS”, ovvero Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, che con la loro Nuova Banca per lo Sviluppo offrono crediti senza condizioni e grandi progetti infrastrutturali a cui partecipare. Anche Federalimentare ha chiesto lo stop alle sanzioni, che colpiscono non soltanto la nostra industria, ma anche la nostra agricoltura.

L’invito a lasciare la dittatura dell’Euro ed aderire ai BRICS era stato formulato in precedenza anche al Premier greco Tsipras, durante la sua recente visita a Mosca. Per la Grecia si configura ormai come l’unica alternativa ai diktat della Troika (UE, BCE e Fondo Monetario Internazionale) che stanno mandando in rovina quel paese e letteralmente uccidendo i suoi cittadini, a partire dai bambini che non hanno neanche i soldi per mangiare a scuola, o gli anziani che rischiano di perdere la pensione per attuare le riforme imposte dall’FMI. Lo stesso FMI che ha ammesso d’altro canto che le sue riforme hanno peggiorato la situazione, invece che migliorarla.

paolo terzi (paolo3), bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 14.06.15 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ok alla lira ma attenzione, non siam falliti per la lira ma per i mancati controlli e se nel ritornarci non ci saranno nuovamente? esempio: jeans levis 501 al mio tempo, 120 mila lire, ora altri a 100 euro, se torniamo alla lira diventeranno 200mila lire o x migliorare le cose a 120mila lire ancora? boh, l'unica soluzione mandare tutti a casa e far rimanere solo il m5s. ;-)
il virus non è la moneta ma i politici.


STOP IMMIGRAZIONE...... non se ne puo più.... le città sono stracolme di migranti che rovistano i cassonetti, ti chiedono l'elemosina ai semafori, ai supermercati davanti alle chiese, ospedali ecc.ecc. protestano per le strutture d'accoglienza, il cibo i sevizi..... e noi Italiani che diritti abbiamo? NESSUNO, DOBBIAMO SOLO PAGARE LE TASSE per quadrare i bilanci ma, se sempre piu attività chiudono, aumento della disoccupazione, le tasse chi le paga???????????? questo vuol dire che chi paga dovrà pagare di più anche quest'anno per garantire la STABILITÀ !!! NON c'è bisogno di studiare come creare occupazione,,,basta DIMEZZARE LA PRESSIONE FISCALE e molti si lancerebbero in una nuova impresa artigianale. Ma se lo "STATO" NON è capace di pensare a DUE ITALIANI ( MARÒ ) figuriamoci ad un intero Paese...........

Seby lacognata 14.06.15 13:17| 
 |
Rispondi al commento

Vedendo ancora più chiaro gli ultimi avvenimenti che stanno succedendo in vari paesi Europei mi rafforzò ulteriormente della convinzione dell'uscita dall'euro.. e dall'Europa.

ledi ledi 14.06.15 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Tutto bene, ottime battaglie. Peccato solo 200.000 firme dovevano essere milioni.

angelo v., carrara Commentatore certificato 14.06.15 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per il suo riepilogo puntuale: aiuta molto a seguire il filo delle "battaglie" che sono tante e su diversi fronti (purtroppo a misura dello stato del nostro Paese).
Non potrò essere in Campidoglio, ma continuerò a seguirvi e sostenervi a distanza, nonché a lottare nel mio piccolo.
Buon lavoro!
Stefania

Stefania Tucci 14.06.15 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Dicono di non sapere dove prendere i soldi ma se togliamo 35 € x emigrante le case x l'emergenza abitativa dove pagano 2/3000€ al mese e gli dassero il reddito di cittadinanza se la troverebbero loro casa se togliessero tutti i privilegi ai politici se prendessero lo stipendio come tutti i lavoratori d'Italia ,altro che soldi...... Ma poi come ci mangerebbero sopra ,e noi come pecoroni che non diciamo nulla ,io ho un'attività e non riesco a pagare più nulla x cui noi falliamo e loro ingrassano ,meno male che qualcuno che lotta x noi c'è ,ma ho paura che siate una goccia in mezzo al mare ,se noi italiani non cambiamo qualcosa dipende solo dal popolo ,speriamo bene

Ann sansone 14.06.15 11:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poche parole per dirvi ancora una volta GRAZIE per tutto quello che fate per noi (e anche per gli altri che non simpatizzano per il M5S, anzi tutt'altro, Spero non vi stanchiate perchè la situazione non è invitante al proseguo della lotta. Sappiate che sarò con voi fino a che vivrò. Ancora GRAZIE di cuore.

Giovanni De Leo 14.06.15 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Non sono ne contrario ne favorevole all' euro, per quel che mi riguarda personalmente, lo trovo comodo per muoversi in giro per il mondo (che è parte del mio lavoro), quello che mi chiedo e se poi non capiti come in paesi come l' Argentina, che la loro moneta in fondo se possono non la vogliono neanche loro tanto poco che vale, e per quel che riguarda le cose più comuni nei supermercati sono o difficili da reperire o alquanto care. Il punto sarebbe: come sarebbe questa nuova lira sui mercati? cosa ci guadagneremo e cosa ci rimetteremo?...
Se qualcuno ha più le idee chiare di me mi illumini.
Grazie: Ermes

ermes dall era 14.06.15 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Reddito di cittadinanza e pensioni, tanti casi di cui nessuno parla, cioè di quelle persone che hanno superato i sessanta, hanno contributi versati oltre i venti anni, non hanno più un lavoro, hanno una invalidità che non raggiunge il 74 per cento. Quindi tutte persone che non hanno reddito di lavoro in quando non possono più lavorare, un reddito per invalidità in quanto non raggiungono il 74 per cento e ancora troppo giovani per andare in pensione anche con la minima. In buona sostanza si tratta di un piccolo esercito di persone che pur avendo contribuito dai venti ai trenta anni al pil del nostro Paese, si trovano emarginati a zero reddito. Grazie per l'attenzione e un abbraccio a tutto il movimento, ciao.

gioacchino maniscalco 14.06.15 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Basta dare da mangiare alla germania con i nostri soldi di esser comandati a casa nosta vorrei sapere chi e con l euroche sta bene qualcosa non funziona

conti domenico 14.06.15 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo per le firme, ben fatto.
Purtroppo la finta maggioranza pd continua a spadroneggiare grazie ad una legge elettorale incostituzionale. I media continuano la loro strada remando contro il M5S, ignorando volontariamente di evidenziare i comuni e le amministrazioni salvati dai cittadini 5S, non si contano più servizi col faccione di sal_vini, comuni della lega sul piede di guerra contro immigrati , rom, ecc., che vorrebbero scappare dall'italia prima di noi. Da qui si evince quali siano i nuovi servi del nano.

john f. 14.06.15 10:49| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori