Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I greci vogliono uscire dall'euro

  • 19

New Twitter Gallery

63grexit.jpg

da l'antidiplomatico

"Il 63% dei greci non hanno più paura a lasciare l'euro, o meglio le catene di un'unione monetaria che ha distrutto la loro democrazia, i loro diritti sociali e le più elementari tutele di Welfare che pensavamo garantiti per un paese che era definito del "primo mondo". Questo il singolo dato che deve temere di più Alexis Tsipras se, come danno tutti ormai per scontato, dovesse tornare ad Atene con un accordo resa con l'Eurogruppo."

VIDEO Il popolo greco non vuole più l'austerità

24 Giu 2015, 14:57 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 19


Tags: crisi, euro, Grecia, grexit, Merkel, sondaggi, Tsipras

Commenti

 

La prossima e forse inevitabile uscita della Grecia è un segnale pericoloso, il prologo di una serie di tristi avvenimenti che in un futuro forse non lontano potrebbe vedere coinvolto anche il nostro paese ed altri cosiddetti non virtuosi. I leaders, con la Germania in testa, hanno inequivocabilmente dimostrato che l'UE altro non è che un insieme di stati la cui finalità non è il reciproco sostegno, ma bensì la prevaricazione finalizzata ad una leadership che non tiene in alcun conto i diritti sovrani dei popoli. Spero che ci sia una presa di coscienza da parte degli stati in difficoltà in merito a questa considerazione e che nel tempo si giunga ad una definitiva uscita dalla UE, per creare una nuova realtà che affranchi tutti dall'egemonia teutonica, da sempre foriera di guai per gli altri popoli:la storia insegna e ricorda!!! Credo che siano in molti, probabilmente milioni, a non riconoscersi più in questo assembramento male assortito, e dico francamente che se devo soccombere, non voglio che accada in questo modo. Riprendiamoci la nostra autonomia, come stato sovrano: il nostro esempio avrà seguito, perché grande è il malcontento che serpeggia in Europa, nato dall'arroganza dell'Eurotower!! Mandiamoli tutti a fare in culo, con la Merkel ed i suoi scagnozzi in testa a fare da avanguardia, seguiti a ruota dai nostri rappresentanti al governo, presenti e passati, da sempre "zerbini degli onnipotenti"!
paolo antonaci

paolo antonaci 27.06.15 21:10| 
 |
Rispondi al commento

"Persi per persi, meglio perversi!"

alla via così
aye aye
mon capitain

alfonso baroni (rrrbr) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.06.15 10:24| 
 |
Rispondi al commento

questo MODELLO UNICO di economia UE non può funzionare come non potrà funzionare il modello unico di economia globale destinato ad implodere prima o poi. l'economia particolare di ogni singolo paese deve essere rispettata. Seguire il proprio corso naturale non certo secondo i parametri della BCE o del fondo monetario ma seguendone i canoni intrinsechi per ogni paese quali il costo della vita reale rispetto alla singola economia, la tradizione culturale e societaria. Questo è l'unico sistema per salvare l'idea di Europa e forse l'euro stesso ma l'omogenieità economica non può essere scissa da un lento trasformarsi ed evolversi di ogni singolo paese dal lato culturale prima di tutto quindi solamente in un seconodo tempo economico.

Marco C., Spilimbergo Commentatore certificato 25.06.15 08:36| 
 |
Rispondi al commento

falso...In Grecia sondaggi più recenti dicono che i greci non vogliono uscire dall’euro...perche' raccontare delle balle?

sonia raggio, roma Commentatore certificato 24.06.15 23:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SOS EUROPA. Bisogna trovare un'alternativa all'Euro. Anche se l'Europa è destinata a sfaldarsi,forse in 5 , 10 anni, il problema economico resta l'euro. Non possiamo ritornare al dollaro come moneta di scambio internazionale, anche perchè oggi è molto instabile e rischia di portarci tutti come in Argentina. Se torniamo al dollaro in USA, faranno feste alla grande e noi europei staremo ancora peggio. Gli economisti europei devono studiare un'alternativa all'euro, fuori dai canoni dell'eurogruppo guardando alla Cina, India, Giappone e e Unione Sovietica, senza dimenticare la vicina Inghilterra.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.06.15 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Fate presto! prima che sia troppo tardi.Un popolo, antico come il vostro, non può accettare uno stato di schiavitù. Riprendetevi la libertà di autodeterminazione.

angelo sepe 24.06.15 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Chiaramente l'unione eEuropea monetaria ha fallito:
1) vincoli impossible da sostenere per alcuni paesi
2) e' stata fondata su presupposti Di teoria econimica che non e' una scienza esatta, con vincoli matematici che e' una scienza esatta paradosso.
3) il problema della lingua in un contesto economico integrato e' un problema colossale.
Per piccole e medie imprese.
4) L'evoluzione Dell economia globAle piu' barbaramente chiamata crisi non e' una giustificazione per il fallimento della grecia che per decenni e' stata inondata Di immigrati per lavoro ma il problema e' chiaramente il non aver potuto agire tramite la politica economica al cambiamento globale.
5) la politica economia Europea e' troppo lenta e non sa reagire tempestivamente ai problemi dei singoli stati.
In questo modo si scatenano effetti a catena che rendono la sotuazione piu' grave.

Ecc...
Ecc...
Ripeto, l economia e' fatta Di teorie,
Questa teoria Dell uem aveva tanti pro e contro, I contro hanno vinto.
Rivedere la teoria o tornare alla lira e tenere la ue.


1° Se la Grecia sprofonda, noi popolo italiano ci rimettiamo 40.000.000.000 di euro che ci toccherà tirar fuori per salvare il bilancio nazionale.
2° se oltre il 60% dei greci vuol uscire dall'euro, saranno gli stessi che hanno votato per Tsipras e la sua entourance di pagliacci?
3° se si mettono a stampare dracme per pagarsi stipendi e medicine tanto vale che lo possano fare già da ora con i soldi del Monopoli.
4° dopo la Grecia veniamo noi

Paolo Andrea 24.06.15 17:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I GRECI SI SONO FINALMENTE SVEGLIATI,MANCHIAMO SOLO NOI,QUAND'E' CHE SI FARA' IL REFERENDUM PER USCIRE O RESTARE NELL'EURO?

alvise fossa 24.06.15 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe ora che anche il movimento mettesse come priorità economica dell'Italia l'uscita dall'Euro.

Leonardo Mingiacchi 24.06.15 16:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non gli permetteranno di uscire perché questo dimostrerebbe che dall'Europa si può uscire e conseguentemente a questo... non succede nulla!!! Fuori dall'Euro anche l'Italia!

Giacomo Nicolai 24.06.15 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Hanno proprio ragione i greci a voler uscire dall'euro e magari anche dall'Unione Europea. Potranno finalmente tornare padroni delle loro finanze e, invece di elemosinare euro, potranno stampare quante dracme vogliono e, all'occasione, pulircisi anche il culo. Per l'Europa e soprattutto per i contribuenti europei sarebbe un enorme sollievo perche' se i greci hanno i loro problemi, che si sono creati da soli, anche noi non ne abbiamo di meno. Ma temo che questa uscita dall'euro non avverra' " per motivi politici " e che ci tocchera' mantenere i greci vita natural durante, come se fossero nostri figli disoccupati.
Adolfo Treggiari adori

Adolfo Treggiari 24.06.15 15:47| 
 |
Rispondi al commento

La Civiltà e l'intelligenza degli antichi Greci potrebbe accendere la scintilla della rivolta contro una dittatura europea dei soldi, cieca verso i cittadini e capace solo di aumentare le ricchezze dei già ricchi. Forza popolo della Grecia.. forza Atene!!

GIANCARLO G., BARLETTA Commentatore certificato 24.06.15 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Tutte stronzate, alexis tsipras è un altro bamboccio messo li dalle solite lobby.
Ma noi?? quando la finiremo con tutta questa pagliacciata... Prendiamo i forconi e tiriamo giu tutti questi massoni maledetti.

Antonio Tripputi 24.06.15 15:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori