Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il mese nero delle tasse: tutte le scadenze fiscali di giugno

  • 22

New Twitter Gallery



"A poco più di due settimane dalla scadenza fiscale del 16 giugno, la CGIA ha fatto i conti in tasca ai contribuenti italiani: tra Imu, Tasi, Irpef, addizionali sulle persone fisiche, Irap, Ires, Iva e Tari, le famiglie e le imprese verseranno all’erario e agli enti locali oltre 56 miliardi di euro.

10 miliardi di IRES
In termini assoluti, l’imposta che graverà maggiormente sui bilanci delle aziende italiane sarà l’Ires (l’Imposta sui redditi delle società di capitali): secondo i calcoli effettuati dall’Ufficio studi della CGIA, il versamento del saldo 2014 e dell’acconto 2015 porterà nelle casse dello Stato 10,5 miliardi di euro. Altrettanto “impegnativo” sarà il versamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori delle imprese: queste ultime dovranno sborsare 10,4 miliardi di euro circa.

1,65 miliardi di TASI
Per le famiglie, invece, l’impegno economico più oneroso sarà dato dal pagamento della prima rata della Tasi: dei 2,3 miliardi di euro attesi dai Comuni, i proprietari delle abitazioni principali dovranno versare circa 1,65 miliardi di euro.
La CGIA fa notare che il gettito di ciascuna imposta definita in questa elaborazione è stato stimato sulla base dell’andamento registrato negli ultimi anni; oltre a ciò, si è tenuto conto delle principali modifiche legislative intervenute negli anni recenti. I cittadini e gli imprenditori sono chiamati a operare in un quadro estremamente incerto. In materia di Tasi e di Imu, ad esempio, i Comuni avranno tempo fino alla fine di luglio per deliberare le aliquote da applicare quest’anno. Pertanto, il prossimo 16 giugno gran parte dei contribuenti verseranno la prima rata della Tasi o dell’Imu sulla base delle disposizioni riferite al 2014 e solo con la scadenza di dicembre sapranno realmente quanto dovranno pagare. Anche gli imprenditori, purtroppo, si trovano nella stessa condizione. Solo da qualche giorno il fisco ha messo a disposizione il software Gerico per stimare i ricavi che l’Amministrazione finanziaria si attende da loro. Pertanto, anche se fosse concessa una proroga, gli artigiani, i commercianti e i piccoli imprenditori avrebbero comunque poche settimane di tempo per elaborare il tax planning per l’anno in corso, con il serio pericolo di non valutare attentamente la propria posizione con il fisco”.

Irpef, addizionali, Irap, IVA: 33,6 miliardi di euro

Ma le cattive notizie non terminano qui. Anche nel mese di luglio è prevista una scadenza fiscale da far tremare i polsi: tra Irpef, addizionali, Ires, Irap e Iva, i contribuenti italiani dovranno versare all’erario 33,6 miliardi di euro.
La CGIA sottolinea che in questi due mesi i datori di lavoro pagano le ritenute dei propri dipendenti e degli eventuali collaboratori, i committenti quelle dei professionisti per le prestazioni ricevute da questi ultimi, mentre le imprese e i lavoratori autonomi devono onorare l’Iva. Gli imprenditori e i lavoratori autonomi, come pure i contribuenti con redditi sui quali non sono state trattenute completamente le imposte, devono altresì versare il saldo 2014 e la prima rata d’acconto 2015 delle imposte sui redditi Irpef, Ires e Irap; inoltre, devono corrispondere anche il tributo camerale che da quest’anno è stato ridotto del 35 per cento, con un risparmio per le imprese di circa 280 milioni di euro.
A giugno, inoltre, i contribuenti sono chiamati al versamento della prima rata della Tasi e dell’Imu sulle abitazioni ad uso abitativo e sugli immobili strumentali. Per calcolarne il gettito, l’analisi della CGIA ha fatto riferimento alle aliquote e alle detrazioni del 2014. Per questo motivo, nella tabella sottostante si è riportato solo la metà del gettito totale 2014: importo, quest’ultimo, che l’anno scorso è stato pari a 4,6 miliardi per la Tasi e di circa 20 miliardi per l’Imu.
La CGIA tiene a precisare che nei pagamenti che verranno effettuati nel prossimo bimestre non sono stati inclusi i contributi previdenziali. Si ricorda, inoltre, che le scadenze del versamento della Tari (tassa rifiuti) sono stabilite dai Comuni che devono prevedere almeno due rate all’anno. In questa analisi è stato ipotizzato che il tributo venga versato in 4 rate e che una di queste scada nel mese di giugno. Dall’analisi dei bilanci consolidati dei Comuni elaborati dall’Istat, si è stimato che il gettito complessivo della Tari per l’anno in corso si aggiri attorno ai 7,6 miliardi di euro: pertanto, dividendo questo importo per 4, ci consente di stimare il gettito medio della Tari di ciascuna rata in 1,9 miliardi di euro." CGIA di Mestre

3 Giu 2015, 10:52 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 22


Tags: addizionali, contributi, fisco, giugno, IRES, IRPEF, IVA, scadenza tasse, scadenze fiscali, TARI, TASI, tasse

Commenti

 

Non ce la faccio più.
Tra tasse, bollettini, inps, previdenza integrativa, dichiarazioni, redditi etc..
Lavoro 12 ore al giorno, torno a casa e mi ritrovo la scrivania piena di lettere, tasse, adempimenti, dichiarazioni, per la scuola, per il lavoro, per il comune, per l'assicurazione auto, per il bollo, per i miei genitori anziani per i quali mi occupo di TUTTE le loro incombenze sia fisiche che amministrative. Siamo soli io e mia moglie con due figli. E quando mi metto al computer per cercare di evadere tutta quella montagna di corrispondenza mi accorgo che si tratta di un vero e proprio SECONDO LAVORO. Passo le mattinate i POMERIGGI davanti al pc. ORE e ORE davanti al PC impossibilitato ad uscire con la famiglia con i miei figli godermi dei momenti insieme a loro poter condividere attimi insieme ai loro nonni. ATTIMI persi probabilmente per sempre.
In questo paese la soluzione (spintanea) è quella di rivolgersi ad un commercialista che evada tutta questa mole di LAVORO per te a PAGAMENTO.
Non ce la faccio più!! Aiutateci! Semplificate questa PAZZIA di questi politici PAZZI INCOMPETENTI PRINCIPIANTI ALLO SBARAGLIO!!
Solo VOI potete aiutarci rappresentate la nostra VIVA speranza!!

Mario M. 04.06.15 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Dunque ricordo benissimo che pochi anni fà pagavo al massimo 350 € di tassa rifiuti.
Quest'anno mi è arrivato l'acconto diviso in 3 rate di un importo SUPERIORE a 350 €. Ora, se il saldo dovesse essere uguale all'acconto pagherei 700€ di rifiuti. Non solo, non c'è il classico bollettino con il totale per chi volesse pagare la cifra intera tutta in una volta.
Ricapitolando: Acconto frazionato in 3 rate obbligatorie nessun accenno sul totale nessun accenno sul saldo nessun bollettino per poter pagare il totale, il tutto per non far capire al contribuente QUANTO effettivamente sta o deve pagare. Te la buttano in caciara frazionando l'importo e la spedizione degli f24 e nascondendoti l'importo totale della tassa che stai pagando in modo che se non sei tu a fare la somma alla fine dell'anno dei vari f24 non ti renderai conto di quanto REALMENTE sono aumentate le tasse e di quanto REALMENTE hai pagato. Ovviamente, sennò la gente occuperebbe la sede del comune.
Queste storie devono finire. Non c'è chiarezza siamo bistrattati manovrati ingannati presi in giro dalle istituzioni e dalla politica.
Ho parlato con un mio amico che ha vissuto a Francoforte e mi ha raccontato che lui la dichiarazione dei redditi la compilava al bar mentre si prendeva il caffè. Dobbiamo arrivare a QUELLA semplificazione e a QUELLA chiarezza. Speriamo in VOI cittadini eletti per farci uscire da questa foresta artificiosamente costruita da questi politici corrotti e incompetenti.
Grazie per tutto quello che fate.

Mario M. 04.06.15 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Ogni tanto leggo alcune cose che mi fanno riflettere!!cosa significa dipendenti statali per alcuni?vorrei capire! Io lavoro in una azienda ospedaliera e le tasse le pago pure io.Oltretutto sono 5 anni che il contratto non ci viene rinnovato. Fatemi capire.

gilberto pederzoli 04.06.15 03:26| 
 |
Rispondi al commento

E di un bela manifestazione " No tasse" sotto " casa" del carciofo fiorentino.? Penso che molti vi parteciperebbero ..anche chi non ha mai votato m5s ...

Incasnero 03.06.15 21:55| 
 |
Rispondi al commento

ALTRA BOTTA DI TASSE,CHE DIRE? GRAZIE PD

alvise fossa 03.06.15 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Bene il post, ma il M5S mi sembra piu' attivo su elementi di aumento della spesa pubblica che su quelli della sua riduzione .

Abbassare le tasse e' sinonimo di diminuzione della spesa pubblica: in beni , servizi , stipendi, pensioni .

Che si fa ?

Appoggiamo o no le conclusioni di Cottarelli e delle sue proposte ?

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 03.06.15 15:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Versiamo un "Bonus"...ad agosto...

sandro b., valdagno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 03.06.15 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Che poi, perchè si devono pagare tutte quelle tasse??

Perchè!!!
Non si tratta di contribuire alla spesa pubblica nello spirito dell'art 53 della Costituzione. Si tratta di ben altro. Con imposte che non seguono la capacità contributiva, ma le esigenze dello stato, che non taglia la spesa.

Si tratta di denari guadagnati con il nostro lavoro, sono soldi nostri non del governo.

Cosa ho in cambio? Tutto in Italia costa di più che altrove: benzine, energie, assicurazioni, medicine, opere, tutto costa di più. Per non parlare dei servizi, carenti all'inverosimile, tenuto conto del prezzo che li paghiamo. E dobbiamo leggere, troppo di frequente, di mazzette, tangenti, opere inutili ma volute per le mazzette, speculazione sugli immigrati...

E cosa fanno per sopperire a queste "anomalie"? Nulla. Fanno niente. La soluzione è "le riforme strutturali" (chi zetazetao ha suggerito quel termine...), "il job act", "le modifiche della costituzione, lo sventramento della democrazia..." da tutte quste riforme strutturali non ho visto un benchè minimo beneficio.
Infatti il post ne è testimonianza.

Gian A Commentatore certificato 03.06.15 14:48| 
 |
Rispondi al commento

dobbiamo dire BASTA NON NE POSSIAMO PIU'!ci vogliono servi della gleba!!! lavorare, pagare sempre più tasse e stare in silenzio!!!!

Gabriella M., Voghera Commentatore certificato 03.06.15 14:42| 
 |
Rispondi al commento

è una vergogna!!!!! gli Italiani sono vessati
dalle tasse imposte per mantenere i loro faraonici stipendi , auto blu scorta, e benefit vari!!!! noi lavoriamo tutto il mese senza sosta per non riuscire causa gabelle varie a permetterci nulla!!!! questa è la vita che ci costringono a fare, ci tolgono tutto!!! è ora di dire BASTA!!!! non sono al governo per renderci schiavi!!!!|

Gabriella M., Voghera Commentatore certificato 03.06.15 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma se non paghiamo più niente ma tutti proprio tutti gli Italiani che possono farci?

Natalina Bitonti 03.06.15 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Pochi commenti in sto post....che so quasi tutti impiegati statali???O so mantenuti da mamma e papa'. ???

Incasnero 03.06.15 13:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

credo proprio che aspetterò la tredicesima di dicembre (sperando che arrivi) !! a giugno paga chi i soldi ce li ha.

pietro a., rimini Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 03.06.15 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Questi del PD fanno rimpiangere perfino il nano...Il carciofo fiorentino non ci dorme per inventarsi come fregare il popolo italico..

Incasnero 03.06.15 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Come sospettavo..e' accaduto..

http://www.sostariffe.it/news/tassa-sui-pannelli-fotovoltaici-consumatori-a-rischio-97685/

E non solo..tutto fa brodo per mettere le mani nelle tasche italiche..peggio dei borseggiatori..

http://www.businesspeople.it/Business/Media/Cookies-il-tuo-sito-e-in-regola-Rischi-fino-a-120.000-di-multa-_81145

Incasnero 03.06.15 12:36| 
 |
Rispondi al commento

I soldi dove sono?sono 5000,00 euro in rosso con la banca.
devo pagare ancora le tasse di 3 anni fa.
io non so dove prendere questi soldi.
vi cedo i miei beni,cioe' la prima casa...non posso pagare tutti queste tasse che non vanno a pari passo con il reddito e la sopravvivenza giornaliera,io ho quattro figli da mantenere e non posso mantenere anche lo stato usuraio.

sorbo carmine 03.06.15 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Invece di avere paura del fisco dovremmo fare una sorta di class action contro di esso e intanto rifiutarsi di pagare come pecoroni le tasse di strozzinaggio che ci ha imposto una classe politica indegna e soprattutto abusiva.

Beppe C. Commentatore certificato 03.06.15 11:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Vota PD(T)= partito delle tasse!!!

Tanto non frega niente a nessuno. Il voto del 31 maggio ha confermato il voto a'sta gente qua... è chiaro che tale risultato conferma che o uno non paga le tasse, o ha un interesse particolare da difendere, o è negli cerchia di amici degli impresentabili.

Per Cacciari, l'altra sera: di drammatico c'è la situazione odierna creata da questa maggioranza e dalle larghe (ma intime) intese.
La stupisce che qualcuno tra gli elettori abbia dimostrato di essere in grado di "pensare" (e quindi capire), e non dare il voto al Suo pd(t)? A me stupisce che siano così pochi.


Gian A Commentatore certificato 03.06.15 11:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori