Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'inquinamento uccide 34.000 italiani l'anno

  • 12

New Twitter Gallery

34000morti.jpg

"L’importanza di politiche orientate verso la sostenibilità ambientale e la riduzione drastica degli inquinanti atmosferici è tutta nei dati resi pubblici dal Ministero della Salute: l’inquinamento uccide ogni anno in Italia più di 30 mila persone.
Sono i risultati del progetto CCM VIIAS (Valutazione Integrata dell’Impatto su Ambiente e Salute dell’inquinamento atmosferico), presentati presso il Ministero della Salute, riguardanti le conseguenze dell’impatto sulla salute umana dell’inquinamento atmosferico in Italia, in particolare nelle nostre città.

VIDEO Ferriera di Trieste, “video shock” delle polveri che uccidono

Un panorama inquietante a cui Governo e Parlamento dovrebbero subito provvedere in termini di politiche dedicate alla tutela della salute degli individui, con un maggiore impegno sul lato della riduzione dell’inquinamento e nel favorire il cambiamento degli stili di vita. Gli sforzi dovrebbero concentrarsi sulle soluzioni già previste nei diversi modelli smart city lanciati in tutta Europa, con misure efficaci in termini di efficienza energetica, mobilità sostenibile (smart mobility, spostamenti in bicicletta e più aree pedonali), contrasto ai cambiamenti climatici, sostegno alla resilienza, gestione intelligente dei rifiuti (riciclo e riuso), promozione delle smart & clean technologies, abbandono di modelli di consumo non più sostenibili (a partire della famiglie).
Secondo i risultati del progetto finanziato dal Centro Controllo Malattie (CCM) del Ministero della Salute, circa il 29% della popolazione italiana vive in luoghi dove la concentrazione degli inquinanti è in media sopra la soglia di legge.
Nel 2005 il numero di decessi attribuibili all’inquinamento è stato, rispettivamente, 34.552 per il PM 2.5, 23.387 per l’NO2 e 1.707 per l’O3. Nel 2010 si è osservata una forte diminuzione per il PM 2.5 (21.524) e l’NO2 (11.993), soprattutto per le ridotte emissioni dovute alla recessione economica, mentre nel 2020, nonostante i miglioramenti tecnologici e le politiche adottate, si ha uno scenario tutt’altro che migliorato rispetto a dieci anni prima (28.595 morti per PM 2.5 e 10.117 per NO2).
Secondo lo studio, l’inquinamento accorcia mediamente la vita di ciascun italiano di 10 mesi (1 anno e 5 mesi per chi vive in città); 14 per chi vive al Nord, 6,6 per gli abitanti del Centro e 5,7 al Sud e isole.
Maggiormente colpito è il Nord del Paese (per il 65% del totale) e in generale le aree urbane della pianura padana congestionate dal traffico e i distretti industriali. Prendendo ad esempio la provincia di Milano, si sono registrati 5.687 decessi al 2005, 4.415 al 2010, con una previsione per il 2020 di 2.750 morti. Dato che si dimezzerebbe quasi facendo rispettare le norme attuali (2.423) e sarebbe di 3.581 con un inquinamento pari al 20% in meno rispetto a quello attuale." leggi l'articolo integrale su key4biz

16 Giu 2015, 11:41 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 12


Tags: biomasse, inquinamento, nord, smog

Commenti

 

Ma per quale motivo, al posto di parlare e scrivere, non scendiamo tutti in piazza come facevamo una volta?
una volta si manifestava regolarmente e questo aiutava ad ottenere più rapidamente le cose.
oggi, io forse sono il primo, stiamo solo ad ascoltare e le uniche persone che manifestano il loro odio nei confronti della politica attuale, lo fanno esclusivamente per acquisire una poltrona.
io vorrei incominciare a manifestare regolarmente ed in modo costante per cercare di acquisire attenzione da parte di chi, come molti di noi, a smesso di combattere.
ho dei figli e se andiamo avanti così, non avranno più un mondo in cui vivere.

INIZIAMO???

Alessandro Gaggio 13.09.16 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Pensiamo anche a quello che possiamo fare noi per primi.
Quante volte, fermi nel traffico, avete notato che la maggior parte delle auto viene occupata dal solo conducente?

Bisogna incentivare le persone ad andare in quattro, potenziare i trasporti pubblici ed istituire pedaggi per l'ingresso o la circolazione nelle grandi città.

Il più delle volte l'auto non è necessaria, viene usata spesso per comodità ed abitudine, anche se si deve effettuare un percorso che richiede 20 minuti di cammino, senza portare roba ingombrante o pesante.

Se si convincessero le persone a cambiare abitudini, l'aria sarebbe più pulita.

Emanuele F. Commentatore certificato 26.09.15 18:57| 
 |
Rispondi al commento

In questa ricerca non è stato considerato l'inquinamento atmosferico, da particolato, che caratterizza l'ambito Campus Universitario di Bari e che riguarda decine di migliaia di persone. L'incidenza sulla mortalità andrebbe aumentato del 30-50%, per l'ambito barese. Il Ministero della Salute è stato avvisato, dal sottoscritto Docente-Ricercatore, ma preferisce l'inerzia imposta dal potere baronale.

Pietro Ubbriaco 26.09.15 17:15| 
 |
Rispondi al commento

L'Ex Presidente della Repubblica Napolitano, sapeva degli interramenti di sostanze chimiche in Campania, fin da quando era Ministro degli Interni, ha pensato bene di stare zitto, per questo non lo perdonerò mai, poi riceve le mamme che hanno perso figli avvelenati dall'inquinamento, fa finta anche commuoversi, tutti gli aggettivi che vi vengono in mente per qualificare questo essere li ho pensati.

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.06.15 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Lo SCENIHR (Scientific Committee on Emerging and Newly Identified Health Risks) comitato scientifico UE che si occupa dei nuovi/futuri rischi per la salute, considera i motori a gasolio e le auto con catalizzatori freddi o danneggiati i massimi responsabili della produzione di nanoparticelle.
Il problema non ammette soluzioni facili o immediate poiché richiede un'attenta pianificazione e ottimizzazione degli spostamenti; alternativamente è possibile spingere su locomozione elettrica anche se la tecnologia delle attuali batterie lascia ancora molto a desiderare sia per durabilità che per costi.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 17.06.15 14:30| 
 |
Rispondi al commento

E come siamo messi a Bologna e Modena?

Bisognerebbe anche SPEGNERE gli inceneritori!

Forza M5S: prenditi tutti quei capoluoghi e sbatti il piddino nella fogna di inquinanti
da cui è uscito !


By John
http://www.fatlossdietcode.com/

John Dalton 17.06.15 02:06| 
 |
Rispondi al commento

Calvi Risorta, scoperta discarica piu' grande d'Europa.
Cosa vuoi aspettarti da un popolo che compie tale nefandezza.

john f. 16.06.15 20:11| 
 |
Rispondi al commento

@le meur gaelle
Ma quali scie chimiche? Non parliamo di fantascienza per piacere.

Gabriele G., Gambettola Commentatore certificato 16.06.15 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Ormai questa amministrazione ha solo il controllo dei cittadini onesti (con la forza), mentre il resto aspetta, a danni irreparabili ormai fatti, le inchieste della magistratura.

Di queste ore:

http://novionline.alessandrianews.it/breaking-news/l-antimafia-scoperchia-grande-business-cave-111067.html

Gian A Commentatore certificato 16.06.15 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Con il commento di prima mi riferivo a quanto sta venendo alla luce in queste ore a Calvi Risorta, nord Caserta.
Ruotolo e Guardia Forestale in loco.

Praticamente la più grande discarica abusiva d'Europa. Stampa, giornaliiii, amministrazione locale, governo, dove siete??

Area dismessa Pozzi Ginori, a ridaie, succederà come a Borgo Piave, Latina, 11 anni è non è successo niente!
Ma possibile che nessuno paghi mai e sia condannato in questo paese per le nefandezze che commette?

Alessandra 16.06.15 13:18| 
 |
Rispondi al commento

perché non parliamo delle scie chimiche che ci stanno ammazzando a fuoco lento???

le meur gaelle 16.06.15 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Ma come?.....la giunta Marrocco, con Ferriello & C lo scorso febbraio avevano annunciato mezzo stampa con tanto di foto e pala, l'investimento di un bel pò di quattrini per un nuovo centro tutto ecologico.
Che dicono ora? Sono pervenuti?

Alessandra Gadioli 16.06.15 12:30| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori