Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Via dall'Afghanistan

  • 5

New Twitter Gallery


"L'attacco odierno al Parlamento afghano, nel cuore delle istituzioni nazionali, sancisce il definitivo fallimento della missione Nato dopo quasi 15 anni di presenza in un territorio che ci ha sempre considerato ostili. Per prendere parte a questa scellerata guerra, l'Italia ha speso oltre 5 miliardi di euro, eppure il Paese, oggi, versa ancora nel completo caos. Complessivamente, ben 13 miliardi sono invece stati spesi dall'Italia negli ultimi 11 anni in teatri come quello kosovaro, albanese, iracheno e altri ancora, ai quali vanno aggiunte le migliaia di vittime innocenti e la dolorosa caduta dei nostri militari (più di 50 solo in Afghanistan). Occorre ripensare la presenza di tutti i nostri contingenti sparsi per il mondo e dirottare i fondi in investimenti di cooperazione civile. Cambiare approccio é fondamentale anche per ridurre fortemente l'esplosione di nuove ondate migratorie. Se continueremo a devastare ed occupare terre sventolando il brand dell'Occidente altro non otterremo che distruzione e nuovi esodi di massa. Il caso libico ne è la chiara dimostrazione".

22 Giu 2015, 10:32 | Scrivi | Commenti (5) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 5


Tags: Afghanistan, guerra, guerra in Afghanistan, immigrazione, Parlamento afghanistan, talebani

Commenti

 

Se siamo coerenti con questo Post, facciamo subito una mozione o interpellanza per lasciare l'Afganistan: stiamo gettando via miliardi inutilmente, mentre qui in Italia vi sono emergenze ben più importanti.
Diamo enfasi a questa iniziativa e dichiariamo che i risparmi, fra le altre cose, possono andare a finanziare il reddito di cittadinanza.
Buttiamoci a capofitto su questi temi che i cittadini sentono e vogliono risposte dal Movimento.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.06.15 19:17| 
 |
Rispondi al commento

La guerra si fa se si e' sicuri di vincerla , e , se vincendola, ci si guadagna .
Cosa ci guadagna l ' Italia ?
Mai saputo .
Si vince la guerra ?
Non mi pare.
Giusto andarsene salvo evidenza di un guadagno per l ' Italia .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 22.06.15 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Che l'America abbia la decenza di farsele da sola le proprie guerre!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 22.06.15 14:37| 
 |
Rispondi al commento

I militari sono in Afghanistan per fare la guardia ai campi di droga di cui lo stato ufficialmente non raccoglie i proventi, tutto il resto è irrilevante.
Bisognerebbe sottolineare il fatto che il bottino di guerra (ovvero il controllo monopolista del mercato della droga) NON finisce nelle tasche degli italiani che invece PAGANO la guerra con le loro tasse:
gli italiani sono spremuti di tasse, derubati del bottino e poi se la vogliono devono pure strapagarsi la droga..... cornuti, mazziati e "oppiati".
A me sembra scandaloso ma agli italiani farsi fregare dai politici votati sembra piacere molto....

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.06.15 13:45| 
 |
Rispondi al commento

via dall'Afganistan senza se e senza ma, subito.

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.06.15 13:36| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori