Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli austriaci vogliono uscire dall'euro con un referendum

  • 27

New Twitter Gallery


segnalazione da La Cosa

"La concentrazione delle ultime settimane è tutta per la Grecia di Tsipras. Proprio per questo quasi nessuno è a conoscenza della decisione da parte della popolazione austriaca di abbandonare l’euro e l’europa. Vi proponiamo alcune notizie attuali per aggiornarvi in tempo reale sulla situazione in corso:

“Occorrevano 100mila firme, in una settimana ne hanno raccolte 261.000 ma solo perchè hanno dovuto fermarsi: la Corte Costituzionale austriaca aveva concesso sette giorni e non uno di più per raccogliere le firme necessarie ad ammettere la petizione popolare per l’uscita dell’Austria dall’Unione Europea, sperando che non sarebbero stati sufficienti. Ne avesse dati quindici, probabilmente la gran parte dei sei milioni e mezzo di elettori austriaci (in Austria il diritto di voto scatta a 16 anni) avrebbe votato a favore della ‘Volksbegehren EU Austritt‘. Un successo, nonostante il boicottaggio dei media nazionali ed europei (ancora oggi e nonostante tutto la stampa italiana non parla di questo avvenimento e quella austriaca lo fa giusto perchè costretta dalla situazione), nonostante le difficoltà del voto ammesso solo nelle sedi comunali e nei tribunali”, continua a leggere…

inoltre:

“La causa di questo movimento di uscita dalla UE, molto forte nel paese d’oltralpe, è da ritrovarsi nel timore di vedere le proprie produzioni piegarsi al TTIP ed alle liberalizzazioni selvagge dal vedere praticamente annullato il proprio attuale benessere diffuso e l’attuale posizione di neutralità quasi assoluta del governo di Vienna”, continua a leggere…

Nel video l'Intervista a Barbara Kolm (economista austriaca) che spiega perché l’Unione Europea fallirà: “L’Unione europea, come la conosciamo noi, nei prossimi 10 anni non esisterà più. Mentre Paesi come la Svezia hanno istituito riforme di successo, la tassazione elevata, potenti sindacati e burocrazia lenta, porteranno i Paesi dell’Unione europea al collasso”. continua a leggere…

7 Lug 2015, 12:12 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 27


Tags: austria, euro, euro referendum, M5S, referendum, referendum austria

Commenti

 

@

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 20.08.16 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Ultim'ora: brogli elettorali in Austria... Quod mirandum?

Biagio C. Commentatore certificato 01.07.16 20:17| 
 |
Rispondi al commento

L'eurozona è un teatrino,tragico,messo su dai poteri forti internazionali con lo scopo di scippare l'Europa del suo apparato economico.La Trojka (BCE,CE,FMI) presta i soldi ad interessee detta i parametri economicia cui devono sottostare i vari staticon il risultatoche essi sono ,ormai ,tutti in crisi. Per completare questo teatrino ,hanno creato società di rating che danno i voti ,secondo la loro convenienza.Periodicamente arriva la multinazionale di turno per lo shopping low coast di qualche azienda in crisi. Questo gioco se non si fermarà prima, finirà quando l'Europa sarà sul lstrico :economico sociale.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 15.07.15 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Penso che tutti usciranno dall'euro ,appena capiranno che si tratta di una trappola.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 15.07.15 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Il problema dell'Euro sta nella definizione di soldo/moneta ecc. Se si consulta un qualsiasi dizionario una definizione rimanda all'altra. Ma la vera definizione di Moneta/Soldo/Denaro é:
La rappresentazione simbolica dell'energia spesa per la produzione di articoli desiderabili.
Da quì si desume che la proprietà del denaro deve essere dei lavoratori o dell'istituzione che li rappresenta ovvero lo stato. L'Euro non è una moneta di uno Stato non è una moneta dei Lavoratori ma è un mezzo per togliere ai poveri per dare ai ricchi. La risposta alla "durata" dell'euro sta in quanto sopra non è una moneta ma una terribile bugia. Una privatizzazione per schiavizzare coloro che lavorano. Bisogna che si prenda coscienza di questa truffa in modo da potercene liberare.

Roberto B. Commentatore certificato 12.07.15 20:39| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo immediatamente un referendum su l'uscita dell'euro dell'Italia così vediamo cosa ne pensano i cittadini Italiani, se devono continuare a vedere tutti i miliardi che vengono dati alle banche(come a fatto Monti) per salvarle da tutti i loro businnes scellerati senza preoccuparsi minimamente dei cittadini, la gente è stanca di tutto questo, vediamo di porre rimedio.

enzo 08.07.15 11:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io vivo in Austria da 26 anni e sinceramente nn sapevo che l'Austria uscisse dall'euro. Sono state semplicente raccolte delle firme...questo è tutto ma da qui a uscite dall'UE. Nessun partito politico ha appogiato tutto ciò ... Prima di scrivere le cose sarebbe opportuno informarsi adeguatamente sul paese. Fate solo della brutta propaganda.
Lisa Migliorini-Landauer


questa europa è proprio una discarica a cielo aperto, popoli che si odiano per fatti storici, pregiudizi e razzismo, sbattuti assieme da un manipolo di inutili incapaci. tra di loro si fanno sgambetti e piccole vendette, giocano a mettersi in castigo, nel mentre che l'impalcatura in cui recitano crolla, e si inginocchiano agli usa con trattati e accordi folli, dandosi la zappa sui piedi a loro e all'europa tutta. davvero non c'è niente di cui stupirsi se qualcuno vuole scappare, o si interroga sul farlo.

Lorenzo M., Piacenza Commentatore certificato 08.07.15 00:22| 
 |
Rispondi al commento

Non so se è chiaro ai creditori, alla "troika" e alla Germania che il popolo greco come tutti i popoli europei sono stanchi e non accettano più politiche restrittive e di austerità anche quando camuffate da riforme o appelli di responsabilità. A tutta la gente che sostiene le tesi della troika, dico che non vedranno neanche l'ombra dei soldi dei debiti della Grecia. Quindi la smettano di fare i cortigiani del re, tanto le porte del regno per loro non si apriranno mai!

Michele P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.07.15 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Trovo vergognoso scrivere un'articolo così come se l'Austria volesse uscire dalla UE. La 'grande maggioranza' che vuole uscire sono in realtà 200.000 su 6 millioni elettori!!! Lo trovate un numero rappresentativo??
Se sei convinto - di basta una settimana per firmare!?


Perché non usciamo dall'Europa e dall'euro che ci ha portati ad un impoverimento grave.Torniamo alla nostra amata Lira. Possibile che non si può indire un referendum e fare fuori anche Renzo?????????

Francesca Colafelice 07.07.15 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Candeggina

Salve amici ....sono di nuovo qui insieme a voi.
Volevo farvi una domanda.....In quanto tempo riuscirete a ripulire quelle poltrone dallo sporco che da venti anni si è incollato!!!!!!E non va via neanche con la candeggina......Anche quei politici sentono la crisi.... e quando mai prenderanno un'altro stipendio uguale a quello attuale.
Tanto vale non andar via e restare incollati a quelle poltrone. Bisogna stringere i denti e andare avanti. In un modo o nell'altro qualcosa dovrà cambiare. Così è davvero triste non arrivare a fine mese senza un centesimo in tasca. Fare salti mortali per la spesa quotidiana sta logorando il popolo ......Innestare una marcia più veloce per il giusto cambiamento.
Questi sono solo bravi a foraggiare le banche e a colpire le classi più deboli. Bisogna creare leggi nuove per il cambiamento che tarda ad arrivare. Altre nazioni non privilegiando le banche....hanno risollevato la loro economia. Bisogna dimostrare al mondo intero che abbiamo "stoffa" per farcela: Perché la nostra storia ...la nostra cultura ci ha dato la consapevolezza e la capacità di saper affrontare con fierezza il dissesto economico che ci attanaglia.

giorgio 07.07.15 18:55| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno, io pensavo foste diversi invece avete lo stesso vizietto degli altri a far malainformazione, vi ricordo che in austria sono arrivati a raccogliere il doppio delle firme necessarie ed in metà tempo per poter chiedere di indire un referendum per un eventuale uscita dall unione .....

beniamino monfredini 07.07.15 17:53| 
 |
Rispondi al commento

NON SIAMO GLI UNICI A VOLER USCIRE ADLL'EURO,OLTRE AI GRECI CI SONO ANCHE GLI AUSTRIACI E MANCHIAMO SOLO NOI CON IL REFERENDUM CONSULTIVO

alvise fossa 07.07.15 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un altro bellissimo esempio di libertà di stampa !!

Giuliao Barbieri, Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 07.07.15 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Referendum in Europa se ne son fatti parecchi ma quando la gente vota una cosa sgradita per il governo allora esso obbliga i cittadini a rifare il referendum:
in Danimarca hanno votato ben due referendum, uno su Maastricht e uno sull'euro e ad entrambi fu risposto NO ma in entrambi i casi il referendum fu ripetuto dopo un anno (giusto per far notare che pure al nord i politici sono euronazisti esattamente come i nostri).
Quelli che disattendono i referendum sono dittatori che mantengono un potere assoluto ignorando la volontà SOVRANA espressa dal popolo.

Vi ricordate le elezioni fasciste?
Gli italiani erano chiamati a confermare o rifiutare un governo scelto dal partito fascista ma se avessero rifiutato allora il partito fascista avrebbe semplicemente riproposto un quasi identico governo sempre fascista....
cambiano i tempi ma i fascisti sono ancora tutti in politica anche se astutamente vestiti di colori diversi.

E che dire della costituzione europea?
Bocciata in due referendum (Francia e Olanda) tanto che a quel punto hanno smesso di fare i referendum, hanno chiamato la costituzione trattato di Lisbona e hanno firmato tutti senza interpellare più nessuno.

In Austria vogliono fare un referendum per uscire dall'UE ed evitare il disastro del Ttip:
LA NOTIZIA È DI PORTATA STORICA!

L'Austria non è uno stato piccolino ed economicamente irrilevante, non è un Pigs MA ha rilevato la totale sconvenienza di un'unione svantaggiosa.
Abbiamo già visto che i referendum vengono puntualmente disattesi (probabilmente capiterà la stessa cosa anche in Grecia ove un accordo con austerity lo stanno elaborando) ma è sempre un passo verso la democrazia.

p.s. tutti si aspettavano che a scappare prima fossero i poveri e invece sono proprio i benestanti che non vogliono finire come gli ex-benestanti della Grecia

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.07.15 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Solo noi italiani abbiamo gli occhi foderati di prosciutto.


Non riesco a Capire perche' i media di regime continuino a non dare notizie importantissime come questa ... fatelo dire in diretta a qualcuno dei nostri ragazzi ,,non c'e' altro modo ,,il sistema euro e' un fallimento ,,e sta portando alla poverta' vera milioni di persone ...

marco e., reggio emilia Commentatore certificato 07.07.15 13:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GODO!

Paolo r., Padova Commentatore certificato 07.07.15 13:26| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori