Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il bavaglio dei partiti sulla #RAI

  • 7

New Twitter Gallery

bavagliorai.jpg

"Le mani della politica sul servizio pubblico radiotelevisivo non sono un semplice esercizio di potere. La maggior parte degli italiani, nonostante il crescente accesso al web, ancora oggi si informa tramite la televisione. E perché in tv si parla poco o nulla di temi scomodi come il Ttip e la difesa del made in Italy oppure dello strapotere della finanza? Non è un caso, lo decidono i direttori dei tg, i vicedirettori, i caporedattori. E chi è che nomina direttori e vicedirettori? Il consiglio di amministrazione della Rai! Ecco perché i partiti vogliono tenere i propri artigli sul cda: significa tenere le mani sull'informazione, fare una telefonata che cambia una scaletta o inserisce una notizia.

VIDEO Mentana svela obblighi e compromessi dei giornalisti RAI

Non è un caso che partitini da zero virgola trovino spazio e visibilità decisamente sproporzionata e altri senza padrini - come il M5S - invece siano penalizzati. Gli italiani vorrebbero un'azienda italiana che investa su prodotti italiani, portando uno sviluppo del mercato. Invece gli appalti premiano sempre gli stessi, e nessun contributo alla crescita culturale del Paese viene dato dalla Rai.
Il MoVimento 5 Stelle avrebbe voluto un consiglio di amministrazione completamente libero dai partiti. Così non sarà perché Forza Italia e Pd si sono messi d'accordo: il Senato ha approvato la proposta del governo, ma solo in prima lettura, per cui non entrerà in vigore. Una proposta ammaccata, tanto che il governo è stato battuto sull'articolo 4, quello che prevedeva una delega in bianco all'esecutivo per riformare il canone magari facendo finta di cancellarlo piazzandolo nella bolletta dell'elettricità. Nel complesso cambia poco, nei prossimi giorni verrà eletto il cda con la vecchia legge, quella che porta il nome di Gasparri. La lottizzazione continua." M5S Parlamento

1 Ago 2015, 11:28 | Scrivi | Commenti (7) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 7


Tags: bavaglio, Fico, Gasparri, governo, partiti, RAI, riforma rai

Commenti

 

Sulla RAI non si dice mai l'essenziale: è stata istituita in regime fascista con fini fascisti, che sono quelli di mettere nelle mani del governo l'informazione. Non è questione di canone e di come pagarlo: è semplicemente un balzello fascista e anche anticostituzionale. Infatti perché pagare la RAI e non Mediaset o Sky o qualunque altro privato? E perché la RAI dovrebbe avere un canone oltre alla pubblicità come gli altri? Non è concorrenza sleale? Facesse almeno dei buoni prodotti, ma il meglio che trasmette la RAI sono le serie americane! Il resto sono perfette porcherie (personaggi come Fedez!!!) con rarissime eccezioni.
D'accordo eventualmente che resti pubblico solo un canale per comunicazioni istituzionali - che non significa "politiche",- ma meglio ancora sarebbe il vincolo per i privati di prevedere angoli appositi per comunicazioni di interesse pubblico, senza lasciare nelle mani del governo neanche un solo canale. Visto poi che continuiamo nella serie dei governi non eletti, l'informazione deve essere tolta del tutto dalle mani dei governi - neanche se rientrano nei limiti democratici,- così si toglie loro ogni tentazione.

Maurizio Bonfanti 31.10.15 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Perché M5s ha ceduto un posto a fitto nella commissione di vigilanza ? In ome di quale equilibrio ? I veri azionisti rai sono il vaticano, pd e alcuni politici clientelari a cui molti giornalisti devono il posto. 1 canale pubblico è più che sufficiente.

Antonio Cicchella 03.08.15 19:23| 
 |
Rispondi al commento

TI ALZI AL MATTINO E IN TV TI VOGLIONO CAMBIARE LA VASCA DA BAGNO ,IL MATERASSO,IL MONTASCALE E IL SOFA'.
DOPO SI SCATENA L'INFERNO PERCHE' MATTEO (alias GIGLIO NERO)HA DETTO ,PROMESSO,DECISO,TWITTATO ,RINVIATO,RIMANGIATO,NARRATO,MINACCIATO,VANTATO,VISITATO,GUFATO,SCOREGGIATO. SI INCOMINCIA CON SKY E LA STUPITA DOMANDA DEL GIORNO DA VOTARE (10 VOTANTI EQUIVALGONO AL 100%),POI PASSANDO DA TG24, RAI 1 E FINENDO ,HAIME' ALLA 7. IL TUTTO ,VI GARANTISCO, E' DIVENTATO INSOPPORTABILE TANTO DA FAR VENIRE L'ORCHITE A TUTTI GLI ITALIANI. IO ....SPENGO.... E FACCIO ALTRO .

giovanni c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.08.15 16:21| 
 |
Rispondi al commento

02 Agosto 1980

http://fanpa.ge/vzjZ9

Il vuoto di memoria

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.08.15 07:20| 
 |
Rispondi al commento

Il principio fondamentale su cui battersi è che la RAI, servizio pubblico, appartiene ai cittadini che pagano il canone che sono a tutti gli effetti i suoi azionisti. La pubblicità genera un introito che va separato, destinato alla rai commerciale che può essere venduta.
Non voglio pubblicità sul servizio pubblico, che deve essere espletato esclusivamente nell'interesse dei cittadini di essere informati sulla verità dei fatti e con bilanci che non possono andare mai in negativo.
I cittadini che pagano il canone, e solo loro, sono gli azionisti che hanno diritto a votare per un direttore generale, scelto tra candidati onesti e competenti, a cui attribuire tutti i poteri e la responsabilità (ovviamente nell'ambito legale), la durata dell'incarico è di cinque anni e al massimo può essere rinnovato una sola volta e sempre con votazione dei cittadini azionisti. Caratteristica fondamentale richiesta al direttore generale è l'indipendenza da partiti, economia e religioni oltre alle citate onestà e competenza.
Deve essere chiaro, in analogia ai politici, che gli addetti sono al servizio dei cittadini. La Rai va cambiata alla radice, tutto il resto non serve

maria t., olbia Commentatore certificato 01.08.15 18:19| 
 |
Rispondi al commento

E PER FORTUNA CHE NON GUARDO LA RAI,AVEVA RAGIONE BEPPE I GIORNALISTI SONO TUTTI VENDUTI E VENDUTI SONO QUELLI DEL CDA DELLA RAI,SOLO LA LOTTIZZAZIONE DELLA LEGGE GASPARRI

alvise fossa 01.08.15 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Lo si poteva immaginare, partitini da prefisso telefonico sono sempre in tv. mentre il m5s viene col contagocce e non può esprimersi liberamente!
Stì lotizzatori , prima o poi, nonostante ciò, la pagheranno !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 01.08.15 12:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori