Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Storia (folle) di una #PartitaIva

  • 55

New Twitter Gallery

partita_iii.jpg

"Vi chiedo: è normale!? Storia di una Partita IVA. Questo grafico (vero) è tratto dal conto corrente di un libero professionista italiano con partita IVA. Si tratta di un software di gestione del conto corrente che permette di comprendere come spenda i suoi risparmi.
La colonnina alta alta, quella a sinistra si chiama "tasse e tributi". Questo è il trattamento che l'Italia riserva ai liberi professionisti e alle PMI: INPS, IRAP, IRPEF, IVA oltre manco a dirlo ad ADDIZIONALI COMUNALI E REGIONALI e chi più ne ha più ne metta.
Per inciso, i soldi contenuti in quella colonnina, quei sacrifici, vengono poi utilizzati dal governo per finanziare banche, F35, università private, feste e cene, amici e amici degli amici ecc. ma in Italia qualcuno ha continuato a votare PD. Purché non ci tolgano la partita la domenica, Maria De Filippi il pomeriggio e ci resti qualcuno a cui dare la colpa. La follia!"
Giuseppe Brescia, M5s Camera

banner475x1502.jpg

Copia e incolla questo codice per incorporare il banner sopra sul tuo blog:

18 Ago 2015, 10:57 | Scrivi | Commenti (55) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 55


Tags: follia, partita iva, spese, tasse, tributi

Commenti

 

lo Stato Italiano è stato svenduto alla mafia dalla trattativa di alcuni anni fa : ora noi paghiamo il pizzo (una volta si chiamavano tasse).
la mafia si è introdotta nell'apparato pubblico,la Banca d'Italia è in mano ai privati da molto tempo ; una volta c'erano i picciotti con coppola e lupara adesso sono amministratori pubblici,sindaci,esponenti importanti di alcuni partiti,sono grandi avvocati o notai,ecc.
garibaldi aveva usato la delinquenza locale per sbarcare in sicilia ; l'america si era fatta aiutare dalla mafia per lo sbarco in sicilia durante la seconda guerra mondiale ; l'america sta usando la mafia per distruggere lo Stato Italiano per ribaltare le democrazie .
non so come ne usciremo fuori ma credo che saremo coinvolti in un conflitto che si sta già svolgendo con una regia nascosta.Ovviamente in Italia succede questo perchè c'erano il 41% di pecoroni che votarono un perfetto imbecille sostenuto da poteri economici.
se non debelliamo questa pestilenza non ne usciremo fuori. torniamo alla ns indipendenza.
saluti

michele p., torino Commentatore certificato 21.08.15 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io partita IVA. Grafica per l'editoria. Faccio sacrifici per pagare le tasse, oltre al mensile per il commercialista. E spesso mi arriva cartella esattoriale che dice "errore nella compilazione della dichiarazione modello Unico" ma anche altre robe assurde come l'interesse del 10% sul versamento di un F24 pagato con UN SOLO GIORNO di ritardo pagamento. E se questa non è usura ditemi voi cos'è. Grazie, Antonella

Antonella Leano 20.08.15 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Ne so qualcosa ...tutto vero anch'io ho partita iva...e spendo solo per lo Stato

Maria A., Arezzo Commentatore certificato 20.08.15 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito ce chi legge i dati e chi spara cazzate a zero.
Qualche settimana fa dal commercialista sapete quale e stata la mia più grande sorpresa?
Gli studi di settore che riguardano la mia attività (settore edile) sono stati rivisti a rialzo
Praticamente anche se ho fatturato di più del2013 a parità di costi lo stato mi PRETENDE che dovevo fatturare molto di più .
Cioè pagare più tasse.
Ora visto i tempi di crisi che il settore edile attraversa visto la mole di tasse che un artigiano o libero professionista deve sopportare sulle sue spalle mi domando quale scellerato lavora a questi studi di settori e soprattutto con quale criterio sono calcolati ?
E inutile premettere che chi nn si adegua a ciò che lo stato prepotente mente obbliga a pagare( perché questo sono gli studi di settore ciò l importo minimo di tasse che lo stato decide direttamente di prelevare dalla dichiarazione dei redditi)
Scattano i controlli.
Ora cosa succede:
Che molte attività pur di non avere altre rotture di scatole con lo stato socio....a cui vanno aggiunti i clienti insolventi le amministrazione pubbliche che non pagano, vanno a intaccare quel po di patrimonio che hanno oppure a farsi prestiti con le banche o addirittura finiscono sotto gli strozzini.
Tutto ciò a voi dipendenti pubblici o privati vi sembrano fesserie?
Vi invito ad aprire una PI ed entrare a far parte degli imprenditori italiani schiavi dello stato dei clienti e degli operai.
Voglio concludere che non mi sono adeguato agli studi (passivamente)
Tra un paio di anni ne riparleremo.

nicola guglielmini, futani salerno Commentatore certificato 19.08.15 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito ce chi raggiona su dati e chi spara cazzate.
Qualche settimana fa dal commercialista vado per chiudere contabilità.
Sapete quale e stata la sorpresa più grande che mi sono trovato?
Gli studi di settore per ciò che riguarda la mia attività (settore edile )
Sono stati rivisti a rialzo .
Praticamente anche avento avuto un fatturato maggiore del 2013 a parità di costi nn sono riuscito ad essere cpngruo

nicola guglielmini, futani salerno Commentatore certificato 19.08.15 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I baroni della politica se ne fregano di quello che pensiamo noi,

lucio giuliani 19.08.15 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Se poi si calcola che su quello che rimane, quando viene speso (ed essendo così poco viene sempre speso per sopravvivere), viene tassato di un altro buon 30/40% tra accise iva e balzelli vari al consumo, e se per caso riesci anche a metterne via qualcosa, i miseri interessi vengono mangiati completamente dalle tasse, ergo per cui alla fine della fiera la tassazione reale ed del 70/80% ...

Eddy B. Commentatore certificato 19.08.15 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Già 10 anni fa mi resi conto che allo stato vanno il 67% dei guadagni di una ditta, tipo un artigiano che lavora con altre ditte, e è costretto a fatturare.
Ovviamente il guadagno è diverso dal mera contabilità.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 19.08.15 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Già lo scrissi, ma voglio riproporlo.

Zecca, un parassita insaziabile
di M.A.
Una volta che si è ancorata alla cute dell’ospite, inizia il suo pasto, che viene facilitato da una sostanza ad azione emorragica secreta con la saliva. La zecca, a differenza della zanzara, non spreca energia per aspirare il sangue: sfrutta l’onda elastica che deriva dall'attività cardiocircolatoria del suo ospite. Il sangue che la nutre raggiunge una quantità pari a 4 volte il suo peso a digiuno. Da decenni le ospitiamo senza accorgersene, le nutriamo oltremisura e non ci rendiamo conto di niente. Come un essere ignobile e privo di qualsiasi scrupolo sfrutta lo stato di completa alienazione mentale di un popolo, un onda completamente statica. Non importa se, ogni tanto qualcuno muore, l'Italia è densamente popolata, non c'è che l'imbarazzo della scelta.

Mariano Antoni (mamo-org), Lucca Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.08.15 10:17| 
 |
Rispondi al commento

O questi sono pazzi o si stanno preparando per espatriare, una volta venduti i gioilii dell'industria e dell'Arte e fatto provviste in nero, con le mazzette percepite anzitempo dalle multinazionali interessate allo shopping.
Faranno in tempo?

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 19.08.15 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giuseppe Brescia, quanto sostieni è indubbiamente vero e rappresenta una della palle al piede dell'Italia inefficiente.
C'è però da dire che parte di quella colonna è dovuta ad una atavica "usansa" italiana di sottrarsi sistematicamente al fisco da parte di commercianti, artigiani e liberi professionisti.
Perchè se analizziamo i redditi di molti di loro sono incredibilmente ed ingiustificatamente bassi. Spesso, come sappiamo, più bassi dei loro stessi dipendenti e spessissimo, soprattutto per commercianti ed artigiani, appena sotto il livello, guardacaso, dello studio di settore! Diciamola tutta...

Paolo B. Commentatore certificato 19.08.15 08:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Giuseppe Brescia, quanto sostieni è indubbiamente vero e rappresenta una della palle al piede dell'Italia inefficente.
C'è però da dire che parte di quella colonna è dovuta ad una atavica "usansa" italiana di sottrarsi sistematicamente al fisco da parte di commercianti, artigiani e liberi professionisti.
Perchè se analizziamo i redditi di molti di loro sono incredibilmente ed ingiustificatamente bassi. Spesso, come sappiamo, più bassi dei loro stessi dipendenti e spessissimo, soprattutto per commercianti ed artigiani, appena sotto il livello, guardacaso, dello studio di settore! Diciamola tutta...

Paolo B. Commentatore certificato 19.08.15 08:43| 
 |
Rispondi al commento

Quando l'Italia coniava la propria moneta non c'erano così gravi problemi di tasse per il semplice motivo che non doveva restituire i soldi con gl'interessi come sta facendo adesso con la BCE. All'Italia, questi falsari hanno lasciato coniare solo gli spiccioli che praticamente hanno un costo maggiore dei biglietti e questi li stampano loro della BCE. Dal giorno che abbiamo perso la sovranità monetaria, abbiamo perso la libertà. Infatti questa finanza ci conduce alla schiavitù. E ve ne state forse accorgendo? Non basta quanto succede alla Grecia?

Mario Zanchini 19.08.15 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema è marcio e proprio i politici hanno fatto di tutto per arrivare aad oggi in questo stato.
I politici difendono e favoriscono da sempre i criminali, non solo quelli amici loro o quelli che li piazzano in politica per far di conto loro.
Ogni urgenza è buona per legiferare porcate, ogni menzogna sara' spesa per far passare come buona l'ennesima legge che depenalizza reati e salva culi dorati, aiutando anche altri culi meno blasonati ma che commettono reati simili o identici.
Non ne usciremo MAI...a meno di arrivare a cambiare il sistema che genera MOSTRI da decenni...

Enrico Bosco, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.08.15 00:14| 
 |
Rispondi al commento

se è un professionista con partita iva ha anche il 20% di ritenuta che non passa dal conto corrente e che versano i clienti allo stato come sostituto d'imposta (se non sono privati)!!!!

enrico mariani 18.08.15 22:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se queste tassazioni sono così pesanti è perché professionisti come questo dichiarano al fisco meno di un operaio ma comprano ville e case di lusso


in italia un professionista puo' anche morire , strozzato da tasse e parcelle sempre piu' basse , senza alcun paracadute per eventuali gravi malattie che impediscano lo svolgere della professione si avvia verso un futuro da miserabile pensionato ...quando la pensione ce l'ha...

MANUELA ., ROMA Commentatore certificato 18.08.15 20:31| 
 |
Rispondi al commento

In Italia un professioniste può operare soltanto se è disonesto.
Sfido chiunque a dimostrare il contrario!

Ivan Italico 18.08.15 19:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quasi tutte le argomentazioni sono serie. Il problema non è il sistema euro? Bene, le firme sono state depositate per il referendum. Tutto qui? Siamo a posto con la coscienza? Il nostro portavoce per umanità pelosa ha dimenticato di ricordare che oltre a finanziare banche, F35, università private, feste e cene, amici e amici degli amici ecc. si finanziano anche i 36 euro giorno per ogni emigrante clandestino che arriva in Italia? Questo è un fatto, piaccia o meno. Il secondo fatto è che il governazzo servo del PD, per nome e conto della Germania ha dato lavoro a stranieri nei musei. Interessante è quello tedesco a Firenze, avvenuto dopo la colazione a lume di candela con la strozzina del governo tedesco. Visto l'acquisto dei 14 porti greci da parte sempre del 4° Reich, mi chiedo, a quanto la svendita dei nostri musei ai pezzenti d'animo e ai cravattari? Questa gente dovrebbe solo morire; ricordo che la più forte delle invettive era: "Che tu possa morire per mano di un pazzo". Nel senso quell'uomo a dispetto, non avrebbe nemmeno fatto tanta galera. Non se ne può più. Fuori dall'euro! Con chi ci sta.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.08.15 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Sara' una mosca bianca. Non mi risulta che siano molti i liberi professionisti, artigiani etc. che pagano l'IVA, per non parlare delle dichiarazioni dei redditi.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.08.15 18:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando si parla di percentuali di tassazione io faccio un calcolo molto semolice.
PIL 1800 miliardi incassi dichiarati dallo stato oltre 800 miliardi. Mi sembra che non sia necessaria una laurea in matematica per capire che la pressione fiscale media sia oltre il 50%.
Considerato che molti sono evasori e che almeno altrettanti, se non di più, pagano meno di quello che dovrebbero pagare, la pressione fiscale è molto più alta.Nonostante tutto ciò il debito pubblico continua ad aumentare. Ma forse c'è qualcosa che non va. Non voglio neanche sapere che cosa potrebbe essere perché ho deciso già da un po' che invece che pagare tasse per mantenere i ns. parassiti politici e statali faccio della beneficenza diretta a chi credo io ( anche perché i soldi che guadagno sono miei in quanto frutto della mia fatica) e quindi mi sono riservato il diritto di spenderli per un buon fine che non è quello al quale sono destinate le tasse.

ezio fusaro, vigodarzere Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.08.15 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Le tasse sono come la temperatura una e' quella calcolata (metti il 43,6%) una quella percepita (oggi il 70% circa) .

Valutare se l'IVA sia dalla parte giusta del bilancio e' esercizio da ragioniere certamente giusto ma inutile: la tassazione che conta e' quella PERCEPITA in quanto essa influenza le scelte delle persone variando il comportamento utile a livello MACROECONOMICO: propensione al consumo , all'investimento, al risparmio.

Lo studio della curva di Laffer a Mario Monti avrebbe certamente giovato, cosi' come a tutti i governi dal 2000 in poi.

Adesso i buoi , vale a dire chi investe un po' di soldi in una piccola impresa reale (non criminale o fittizia come molte) e puo' fare assunzioni non ha alcun interesse a farlo .

Anche abbassando le tasse di 2-3 punti (come vuole fare questo governo) non serve a nulla: la perdita del numero delle partite IVA e' andata avanti da 15 anni e per far recuperare la fiducia ne servono altrettanti.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 18.08.15 16:53| 
 |
Rispondi al commento

"Si tratta di un software di gestione del conto corrente che permette di comprendere come spenda i suoi risparmi".

E chi lo dice che siano risparmi?

E poi, quante sono le entrate? Perché anche un lavoratore dipendente se ha un reddito di oltre 75.000 euro paga, solo di irpef il 43% a cui vanno aggiunte le addizionali.

Non so, mi sembra una situazione irrealistica o quanto meno manca di alcuni dettagli. Non andrebbe anche aggiunta, per esempio, l'IMU?

marina s. 18.08.15 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Possibile che i cittadini normali non abbiano alcuno strumento per protestare contro tali ingiustizie? In Inghilterra chi guadagna sotto i 9000 pound all'anno (per dire) paga 0 soldi di tasse. Dai 9000 ai 20000 è comunque una percentuale onesta del 25% mi pare, tutto incluso.

Francesca S., Verona Commentatore certificato 18.08.15 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il software trascura iva indeducibile e accise che paghiamo nelle bollette e sui generi di consumo. Cioè il 51% riguarda le tasse visibili. Poi, sul restante 49% grava l'Iva e le accise sulle bollette, sulla tenuta del conto corrente (peraltro obbligatorio), il fiscalista (praticamente obbligatorio) che ti aiuti a districarti nei casini del fisco italiota e via angariando. Se ti resta il 20% è grasso che cola. Poi vai al bar, ordini un'ombra per dimenticare e trovi l'amico statale bello abbronzato che ti dà dell'evasore fiscale.

Bepi Buleghin 18.08.15 14:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

No, non è normale.
Infatti le partite iva italiane spendono in tasse (e oneri burocratici) mediamente parecchio di più.
Per tagliare le tasse basta tagliare gli sprechi ovvero tutti i soldi spesi senza alcun ritorno reale:
40 miliardi annui per mes europa fmi onu guerre e supercazzole internazionali incluso il vaticano.... poi si passa a tagliare gli sprechi interni (oltre 100 miliardi fra corruzione, evasione fiscale, lavoro nero, tav, f35, enti inutili.....).
Facile facile: si ottiene un taglio delle tasse che ridurrebbe il 51% indicato a molto meno del 40% senza alcun taglio dei servizi reali per i quali avanzerebbero soldi.
E se si vuole fare le cose per bene si riprende la sovranità monetaria per gestire il debito come una nazione non sottosviluppata.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.08.15 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono cancellato circa 10anni fa, al secondo anno che il commercialista mi comunicò che non ero congruo.
Era 20 che ero pIVA. Sono riuscito a fare lo stesso lavoro da dipendente di una società di miei amici.
Buona parte dei miei colleghi più giovani, con famiglia, si son cancellati e lavorano in nero, per poter sopravvivere. Li comprendo benissimo, perchè con il calo del lavoro, non sarebbero riusciti più a poter portare a casa uno stipendio sufficiente.
Chi è al governo non ha minimamente idea di quello che stà succedendo in questo paese, e quelli che li sostengono sono complici di questo sfacelo sociale!

adriano 18.08.15 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Questo Governo FA SCHIFO !

Voglio andare a votare, presto, presto, presto, possibilmente SUBITO!!!

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.08.15 13:43| 
 |
Rispondi al commento

NON C'E' PROPIO STORIA PER TUTTE QUESTE TASSE DEL PARTITO ANTIDEMOCRATICO

alvise fossa 18.08.15 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aprire una p. IVA in questo Paese equivale a suicidarsi economicamente (e forse anche fisicamente)e questo oramai da quasi 15 anni, quindi ben prima della Crisi economica messa a giustificazione da una classe dirigente con una visione medioevale della società. Questi vendono la menzogna del Sacrificio (altrui) con la scusa che devono salvare il Paese, in realtà buttano li una cazzata ogni tanto (Blow Job act) condita con la menata delle riforme. Nel frattempo cercano di coprire i disastri (debiti sovraumani x un Paese diventato arretrato) combinati dai loro partiti e affiliati. Ma il "popolo delle partite IVA" ha le sue responsabilità, finché lasciavano spazio al' evasione andava bene chiunque, ricordiamoci lustri di dichiarazioni di liberi professionisti, artigiani, ecc da far spanciare dal ridere o da far pensare che al' Agenzia delle Entrate ci fosse solo la segreteria telefonica.

Luca S., Verona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.08.15 12:20| 
 |
Rispondi al commento

come fai a spendere solo il 51% se conti l'iva un costo (come scritto nel post)?
prendendo una partita iva che guadagna pochissimo (diciamo entro i 15.000 lordi, che sono una cosa ridicola), hai 23% di irpef, 26,72% di inps gestione separata (deducibile l'anno dopo, quindi diciamo 26,72(1-23/100)= 20,57%), iva 22% e addizionali a piacere in base alla zona geografica, diciamo un 1%.
Totale 23+20,50+22+1=66,5%

Se invece di guadagnare 15.000 euro lordi all'anno, ne guadagni una cosa più credibile (tipo 30.000), irpef e addizionali si alzano parecchio.
Se poi guadagni una cifra ancora più realistica per un professionista reale e non finto dipendente (diciamo 60.000 lordi) le spese (considerando l'iva come tale, cosa per me scorretta, ma il post è partito così) si avvicinano all'80%.

Zawardo Z. Commentatore certificato 18.08.15 12:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ben fatto, Brescia. Vorremo che il PD si sentisse incalzato ogni giorno

Marco ., Bergamo Commentatore certificato 18.08.15 12:03| 
 |
Rispondi al commento

In effetti è una pura vergogna per il popolo delle Partite IVA subire una tassazione di tale livello! In questo momento, inoltre, i clienti neppure ti pagano le fatture mentre da te, questo stato parassita, pretende. sempre e comunque, quanto richiesto (pena le sanzioni sproporzionate comminate dal braccio armato equitalia...). Fanno schifo!!!

Mauro Q. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.08.15 11:57| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori