Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

200.000 azionisti della Banca Popolare di Vicenza derubati

  • 16

New Twitter Gallery


"Questa mattina la Guardia di Finanza ha perquisito la sede centrale della Banca Popolare di Vicenza e vari uffici in tutta Italia. Alcuni vertici sono indagati per reati di aggiotaggio e di ostacolo delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza commesse sino al dicembre 2014. A circa 200mila azionisti della banca, comuni cittadini, hanno bruciato i risparmi di una vita: 2 miliardi e 600 milioni di euro di risparmi polverizzati!
Molti correntisti denunciano di essere stati costretti con intimidazioni e ricatti ad acquistare le azioni pena la revoca dei fidi, della concessione di mutui o dell’accesso a carte di credito a condizioni concorrenziali: ricatti in nome del profitto per la banca e per le lobby.

Il MoVimento 5 Stelle è stato la prima forza politica a denunciare. Siamo stati gli unici a scendere in piazza con gli azionisti il 12 settembre scorso, dopo aver denunciato lo scandalo in Parlamento con un'interrogazione. Non daremo tregua a questi truffatori e chiediamo un fondo di garanzia finanziato dalla Cassa Depositi e Prestiti e gestito dalla Regione Veneto per portare soccorso economico ai piccoli azionisti danneggiati, una separazione fra banche d’affari e banche commerciali e una tassa sulle speculazioni finanziarie. Stiamo promuovendo una class action per denunciare una corruzione sistemica in cui le piccole imprese e i cittadini vengono truffati." Jacopo Berti, portavoce M5S in Regione Veneto

banner475x1502.jpg

Copia e incolla questo codice per incorporare il banner sopra sul tuo blog:

22 Set 2015, 13:51 | Scrivi | Commenti (16) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 16


Tags: azionisti, banca di vicenza, banca popolare di vicenza, jacopo berti, risparmiatori, truffa

Commenti

 

Io sono uno dei tanti truffati, per fortuna per una cifra minima. Rispondo a chi dice che siamo stati stupidi comprando azioni.
Nel mio caso purtroppo non sono un esperto di finanza e avevo ricevuto tutte le rassicurazioni possibili dall'impiegato della banca. "Tranquillo, non sono azioni quotate, non puoi perderci nulla, le puoi rivendere quando vuoi...". E' più di un anno che ho chiesto di venderle, già prima della svalutazione, e purtroppo le ho ancora.Ho dovuto comprarle per avere un tasso agevolato sul mutuo, non è stato uno sfizio...
Spero che la finanza arrivi anche nella filiale di Genova al più presto!

Davide Stasi 25.09.15 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Almeno a Vicenza gli azionisti clienti sono stati fatti entrare a 40/42 euro per azione , hanno riscosso per vari anni i dividendi e ora in caso di uscita dal capitale della bamca, ripremdono l'investimento iniziale.... Diverso il caso a Prato dove sono state collocate le azioni Bpv al massmo a 60/62 euro a oltre 5.000 clienti e precipitate in pochissimo tempo a 40/42 euro, con una persita di oltre il 30 per cento... Chi paga il conto alla fine? Possibile che i dirigenti della banca non sapessero della situazione patrimoniale della banca, con i crediti inesigibili e a sofferenze che hanno provocato una perdita di 650 milioni di euro in pochi mesi? Dal collocamento alla scrittura del bilancio 2014?

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 25.09.15 01:52| 
 |
Rispondi al commento

Una persona che conosco ha il conto alla Banca Popolare di Vicenza. Qualche tempo fa, la banca l'ha convocata in filiale per proporle una occasione unica: avrebbe potuto acquistare, direttamente o mediante un piano di accumulo mensile, le azioni della banca a un prezzo irripetibile. Mi ha chiesto un parere e io mi son subito insospettito: primo, perché ho scoperto che la banca non era quotata in Borsa, per cui non esisteva un mercato su cui eventualmente rivendere queste azioni, né una valutazione almeno vagamente oggettiva del loro valore; secondo, perché quando una banca cerca di piazzarti un prodotto finanziario proprio, o di società del proprio gruppo, c'è sempre da diffidare a prescindere, specialmente in un momento in cui molte banche sono piene di debiti e di perdite in saccoccia. Quindi non mi son nemmeno messo a cercare di capire se il prezzo fosse congruo o meno, e ho detto: lascia perdere!

Come prevedibile, ora viene fuori che la banca è piena di buchi, che il valore vero delle azioni è una frazione minima, e che chi ha accettato di "investire" trasformando i propri risparmi in azioni della banca farà la fine degli obbligazionisti Parmalat. Beh, direi che ora la persona in questione mi deve una cena...

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 24.09.15 15:40| 
 |
Rispondi al commento

In Italia i politici sono tutti corrotti, tutti si prostituiscono pur di mantenere alto il loro tenorr di vita

lucio giuliani 23.09.15 16:02| 
 |
Rispondi al commento

AVANTI COSI' 5 STELLE VENETO

alvise fossa 23.09.15 14:27| 
 |
Rispondi al commento

vorreri ricordare che la stragrande maggioranza dei soci della PopVi sono industriali e commercianti del Veneto che ben conoscevano la situazione. Comunque un risparmiatore di basso profilo non dovrebbe mai investire i suoi denari in azioni, tanto più se non sono quotate in Borsa: quindi fare il paladino di questi risparmiatori mi sembra del tutto assurdo e strumentale alla polemica politica demagogista! Piuttosto perchè non venne aperto il caso 7/8 anni fa quando alcuni soci e l'Adusbef fecero degli esposti alla magistratura ed alla Bca d'Italia??? Per info rivolgetevi all'avv. Tonino DeSilvestri!

Paolo Maria Ciriani 23.09.15 09:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche i bambini sanno che le AZIONI delle banche sono capitale di rischio, quindi chi ha investito sapeva bene quello che faceva, e per tanti anni ci ha lucrato.
Quello che fa indignare, è che grazie alla direttiva europea supinamente recepita dal nostro governo, dal prossimo anno anche i DEPOSITI nelle banche potranno essere rapinati in caso di fallimento. Tutto ciò, in spregio alla Costituzione, secondo la quale lo Stato tutela il risparmio!

Renato O., Venezia Commentatore certificato 23.09.15 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Lungi dal voler difendere le mascalzonate di qualcuno, ma magari 200.000 sono un po' troppi visto che gli azionisti della Bpvi non arrivano a 117.000... Solo per non sparare numeri a caso e rimanere almeno un po' credibili.
Informarsi prima di scrivere non fa mai male.

Massimiliano Pafundi 23.09.15 07:08| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che l'impiccagione, giunti a questo punto (visto che i correntisti rischiano il crepacuore dopo anni di sacrifici), sia un buonissimo deterrente.

Giuseppe G., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.09.15 22:34| 
 |
Rispondi al commento

E già una fortuna avere dei soldi e dei risparmi e buttare la fortuna fuori dalla finestra e assurdo quanto lasciare i vostri soldi in banca.

Marco 22.09.15 21:26| 
 |
Rispondi al commento

finirà tutto in un nulla come il monte paschi di siena.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 22.09.15 18:37| 
 |
Rispondi al commento

che ne è dei risparmiatori che 10 anni fa furno truffati dalle banche con titoli spazzatura e fondi spazzatura. Dei privati e degli enti pubblici truffati coi derivati. Chi operava dietro le banche. Chi era il vero architetto di questo dissesto finanziario in cui pochi sono diventati miliardari e tanti hanno perso tutto nell'indifferenza di una magistratura che non ha mai il coraggio di andare a fondo nelle cose per tagliare la testa al serpente.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 22.09.15 18:36| 
 |
Rispondi al commento

e la novità ! paro paro,legale legale come.......il governo !

mario d., orbetello Commentatore certificato 22.09.15 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se si indagasse su altre banche si troverebbero analoghi reati.
Aggiotaggio http://www.dirittoprivatoinrete.it/reatosocietario/aggiotaggio.htm
Praticamente è diffondere notizie false per alterare il mercato.
Cioè se io dico "la mia banca va bene" mentre sono in bancarotta sto commettendo il reato.
Lo fanno tutti?
Ehm.... meglio se non mi rispondo....

Sinceramente non credo sia saggio investire in borsa e meno ancora in banche non paraculate come le piccole banche popolari (a cui per legge è stato da poco imposta la modifica piddino-liberista alla governance interna):
i soldi son fatti per essere spesi e non per seminarli nel campo dei miracoli aspettando che cresca l'albero dei soldi.

Incredibile come nel 21° secolo uno dei migliori investimenti sia ancora il forziere pieno di monete seppellito in un posto segnato sulla mappa del tesoro....

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.09.15 14:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori