Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Chernobyl non è un'opinione

  • 71

New Twitter Gallery

chernobyl.jpg

Ringrazio tutti coloro che mi hanno espresso solidarietà con messaggi sul Blog, su Facebook e su Twitter.

intervento di Lorenzo Bedin, da Contropiano.org

"Il tribunale di Ascoli Piceno ha condannato a un anno di reclusione Beppe Grillo per aver diffamato Franco Battaglia, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Grillo in un comizio aveva duramente attaccato il docente che in una trasmissione televisiva aveva affermato come quella nucleare sia la tecnologia più sicura esistente e che erano stati pochissimi i morti a causa del disastro nucleare della centrale di Cernobyl nel 1986.Grillo è stato condannato per quello che viene ancora definito come reato d'opinione, ma le affermazioni del prof. Battaglia, parlando di qualcosa di terribile, materiale e dimostrabile sul piano scientifico, non sono accettabili neanche come un opinione, sulla scienza non si fa opinione ma ricerca, verifiche, dati, risultati empirici.

VIDEO Franco Battaglia ad Anno Zero; bambini malati a Chernobyl non per le radiazioni

Le affermazioni del prof. Battaglia del resto sono state clamorosamente smentite sia dalla realtà che da studi scientifici.

Ad aprile di quest’anno, Greenpeace ha raccolto in un rapporto i contributi di una sessantina di scienziati e ricercatori di Ucraina, Bielorussia e Russia per cercare di comprendere le conseguenze del disastro nucleare di Cernobyl sulla salute a lungo termine.

Le stime sulla mortalità derivante dall’incidente di Cernobyl variano a seconda dei parametri presi in esame. La più recente ricerca epidemiologica, pubblicata in collaborazione con l’Accademia Russa delle Scienze, mostra che gli studi precedenti erano stati troppo cauti. Per esempio, l’AIEA nel 2005 parla di soli quattromila morti, ma le statistiche più recenti stimano invece in duecentomila le morti dovute all’incidentedi Cernobyl, tra il ’90 e il 2004 prendendo in esame solo Ucraina, Bielorussia e Russia.

La sintesi del rapporto dimostra quanto sia ampio il margine di incertezza sull’impatto reale del disastro: il rapporto di Greenpeace, includendo dati nuovi, sottolinea comunque come le statistiche ufficiali dell’industria nucleare (ad esempio il rapporto AIEA del 2005) abbiano sottostimato sia l’impatto locale che quello internazionale dell’incidente.

Oggi è chiaro che Cernobyl ha causato un incremento considerevole dei casi di tumore, in particolare nelle aree fortemente contaminate e tra i ‘liquidatori’. I ‘liquidatori’ della Bielorussia, ad esempio, mostrano un’elevata incidenza di tumori ai reni, alla vescica e alla tiroide nel periodo 1993 –2003. La leucemia è considerevolmente alta nei ‘liquidatori’ ucraini, negli adulti bielorussi e nei bambini delle aree più contaminate dellaRussia e Ucraina.

Altri esempi, pur non esaustivi:

- Tra il 1990 e il 2000, l’incremento dei tumori in Bielorussia è stato del 40 per cento con incremento maggiore, 52 per cento, registrato nella regione altamente contaminata di Gomel.

- In Russia, i casi di cancro nelle regioni fortemente contaminate di Kaluga e Bryansk sono stati superiori all’intero Paese nel suo complesso. Nelle aree altamente contaminate di Bryansk la morbilità è 2,7 volte superiore rispetto alle aree meno contaminate della regione.

- Nella regione ucraina di Zhytomir, il tasso di cancro tra gli adulti è aumentato di tre volte dal 1986 al 1994, dall’ 1.34 per cento al 3.91 per cento.

Il cancro alla tiroide è aumentato drammaticamente in tutti e tre i Paesi, come previsto per il rilascio di massicce quantità di radiazioni.
L’incidenza nella regione fortemente contaminata di Bryansk nel periodo 1988-1998 è stato il doppio di quello della Russia e il dato è triplicato nel 2004. Stime anche di sessantamila casi in eccesso sono state fatte per le sole Ucraina, Bielorussia e Russia.
I bambini che avevano fino a 4 anni al tempo dell’esposizione si sono dimostrati particolarmente vulnerabili al cancro. Prima dell’incidente, l’incidenza del cancro alla tiroide tra bambini e 4 adolescenti era in media di 0.09 casi ogni 100 mila all’anno. Dopo l’incidente, è salita a 0.57-0.63 ogni 100 mila all’anno.

Il picco dei tumori alla tiroide tra coloro che erano bambini o adolescenti al tempo della catastrofe si registrerà nel periodo 2001-2006. I tumori alla tiroide dovuti all’esposizione alle radiazioni di Cernobyl si sono mostrati particolarmente aggressivi con formazione precoce e rapida di tumori secondari alle ghiandole linfatiche e ai polmoni con peggioramento delle prognosi e con richieste di interventi chirurgici multipli da effettuare.
Dato il lungo periodo di latenza di questi tumori, è possibile aspettarsi un loro aumento ancora per decadi e anche la parte della popolazione che ha ricevuto dosi relativamente più basse andrebbe sottoposta a un monitoraggio a lungo termine in modo da poter intervenire tempestivamente.

Leucemia

I più alti tassi di leucemia acuta tra i “liquidatori” bielorussi sono stati riscontrati per la prima volta nel 1990 -91. Dal 1992, incrementi significativi nell’incidenza di tutte le forme di leucemia si sono registrati nella popolazione adulta di tutta la Bielorussia.
In Ucraina, nelle quattro aree più altamente contaminate delle regioni di Zhytomyr e Kiev, la frequenza di tumori maligni del sangue era significativamente più alta rispetto al periodo prima della catastrofe.
Nella regione di Tula la leucemia infantile nel periodo post-Cernobyl ha superato i tassi medi della Russia, soprattutto nei bambini tra i 10-14 anni. A Lipetsk sono aumentati di 4,5 volte dal 1989 al 1995. Alcuni dati suggeriscono che il rischio di leucemia è aumentato regolarmente nei feti esposti alle radiazioni.

Altri tumori.

Un aumento dei tumori delle vie respiratorie nelle donne è stato osservato in molte aree contaminate della regione di Kaluga. Dal 1995 in avanti una crescita di tumori allo stomaco, ai polmoni, al seno, al retto, al colon, alla tiroide, al midollo osseo, al sistema linfatico è stato registrato nel sud-est della regione. A Tula, tra il 1990 e il 1994, sono stati rilevati alti tassi insoliti di tumore alle ossa e al sistema nervoso centrale nei bambini.
In molti territori contaminati dell’Ucraina l’incidenza di tumori al seno resta abbastanza stabile e un po’ più basso rispetto alle zone circostanti per tutto il periodo del 1980-1992. Comunque, dal 1992 in poi i casi di tumori al seno cominciano ad aumentare e recentemente è stato registrato anche un aumento di tumori alle vie urinarie e alla vescica.

Le fonti del rapporto di Greenpeace

1 Minatom (Russian Ministry of Nuclear Energy ), Branch report on safety for 2001, Moscow, 2002
2 IAEA (2005) Chernobyl: The True Scale of the Accident
3 Chernobyl Forum .Expert Group “Health” (EGH) Report “Health Effects of the Chernobyl Accident and Special Health Care Programs” , Working Draft, August 31, 2005
4 Mousseau T, Nelson N, Shestopalov V (2005). Don’t underestimate the death rate from Chernobyl. Nature 437, 1089
5 Anspaugh LR, Catlin RJ, Goldman M. (1988) The global impact of the Chernobyl reactor accident. Science 242:15141519.
6 Shcherbak Y. (1996). Ten Years of the Chornobyl Era. Scientific American. 274(4): 44-49Sinclair, W.K. (1996) The international role of RERF. In: RERF Update 8(1): 6-8
7 Malko, M.V. (2006) In: Estimations of the Chernobyl Catastrophe (on the base of statistical data from Belarus and Ukraine), Publ: Centre of the Independent Environment Assessment of the Russia Academy of Sciences, ISBN 5-94442-011 -1
8 Khudoley et all. (2006) Attempt of estimation of the consequences of Chernobyl Catastrophe for population living at the radiation- polluted territories of Russia. Publ: Centre of the Independent Environment Assessment of the Russia Academy of Sciences, Consequences of the Chernobyl Accident: Estimation and prognosis of additional mortality and cancer deseases. ISBN 5-94442-011-1
9 Gofman J. (1990),. Radiation Induced Cancer from Low Dose Exposure: an Independent Analysis. ISBN 0-932682-89-8.
10 Bertel R. 2006. The Death Toll of the Chernobyl Accident. In: Busby C.C., Yablokov A.V. (Eds.). ECRR Chernobyl: 20 Years On. Health Effects of the Chernobyl Accident. Documents of the ECCR, N 1, Green Audit, Aberystwyth, pp. 245 –248.
11 ECRR 2003 Recommendations

banner475x1502.jpg

Copia e incolla questo codice per incorporare il banner sopra sul tuo blog:

16 Set 2015, 15:53 | Scrivi | Commenti (71) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 71


Tags: Beppe Grillo, Beppe Grillo condannato, Chernobil, contropiano, Franco Battaglia, Lorenzo Bedin

Commenti

 

Chi sono questi del tribunale dei Ascoli? Un anno di reclusione per diffamazione?!!! Roba da matti. C'e' solo da ringraziare chi si batte a favore delle energie rinnovabili per il bene nostro dei nostri figli e le future generazioni. Io come la maggior parte di noi non ha il tempo ne le competenze specifiche per approfondire l'intero processo e farsi una opinione piu' precisa di cosa e' successo. Ne voglio apparire come un "grillino" che difende Beppe a priori. Pero' mi sembra doveroso da parte di tutti noi prendere coscienza di quanto siano nocive per la vita sul pianeta le centrali nucleari. Alla luce di questo cosa puo' essere successo di cosi' grave da, quali diffamazioni possono esserci state che hanno portato ad una condanna cosi' pesante? Chi sono questi magistrati? Questo portebbe essere un punto di partenza per approfondire le dinamiche e le motivazioni che hanno portato alla condanna. Perche' non si puo' condannare per diffamazione chi si batte per contro il nucleare. Ci sono altri fatti che hanno portato alla condanna che ignoriamo? Ok quali? Altrimenti occorre indagare anche sui magistrati stessi, capire cosa hanno fatto e se c'e' della negligenza o peggio interessi da parte loro. Un grazie da me e mio figlio e i miei futuri eredi a tutti coloro che per il bene comune per un pianeta meno inquinato e applicato in modo responsabile la legge

undefined 14.09.16 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché lo chiamate ancora professore? Se quel Senato accademico lo tiene ancora lì a lavorare, dopo quanto da egli proferito, significa evidentemente una sola cosa: evidenziare la qualità degli stessi membri. Che vivano di appoggi politici mentre votano l'aumento delle iscrizioni degli studenti? Per fare cosa poi? per pagare lo stipendio del signor ... nessuno?

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.09.15 16:46| 
 |
Rispondi al commento

http://www.peacelink.it/ecologia/a/16011.html

giuseppe v. Commentatore certificato 18.09.15 02:32| 
 |
Rispondi al commento

ci dispiace molto per quello che ti sta capitando.
E pensare che ci dovrebbe essere solo gratitudine
per quello che hai sempre fatto per noi tutti.
Tutti sanno che quello che dici è vero e anche loro lo sanno per questo spero e credo che poi le cose in qualche modo si sggiusteranno. un augurio.
Sei tutti noi!

anna 17.09.15 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Grande solidarietà Beppe,sei la nostra fonte di verità.Mi abbevero costantemente e non smetterò mai e poi mai di seguire e divulgare la vera realtà che solo con il duro sforzo del Movimento ci sa dare.IN ALTO I CUORI.Un sentito abbraccio a tutti i nostri cittadini che ci continuano a proteggere da questa classe di cosidetti politici incollati alle poltrone.

giuseppe m, mandal.giuseppe@gmail.com Commentatore certificato 17.09.15 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe anche io ti do tutta la mia solidarietà ! La tua condanna mi sa di surreale e purtroppo rappresenta perfettamente quello che succede in Italia ! Grazie di tutto.
Giampiero.

Giampiero marino 17.09.15 16:26| 
 |
Rispondi al commento

infatti Chicca non ci può essere informazione se il reato non esiste, ci sarà da sbellicarsi dalle risate quando saranno pubblicate le motivazioni della sentenza.

E' mai possibile negare che in un incidente nucleare catastrofico come Cernobyl non ci siano state vittime? Perchè se fosse vero allora tutti quelli che negano ci siano stati i campi di sterminio nazisti hanno ragione.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 17.09.15 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA QUALE REATO DI OPINIONE? QUI E' UN REATO DI VERITA'.


Da punire col carcere ma solo in Italia e Corea del Nord

Tirem Innanzi 17.09.15 16:18| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE HA VOLUTO DIRE LA SUA SUL NUCLEARE,LA PRIGIONE,MI SEMBRA UN PO' TROPPO

alvise fossa 17.09.15 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Noto che ancora una volta non è stato messo nero su bianco in maniera chiara ed esplicita (è stato proprio omesso, come per lo scorso articolo) il motivo della condanna per diffamazioni che ripeto non ha nulla a che vedere con gli eventi di chernobyl.

chicca 17.09.15 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'è una cosa che non ho capito, anche da come è scritto l'articolo, sembra scontato il reato di opinione, è già stato reitrodotto a nostra insaputa? perchè risale ai tempi del fascismo più o meno.... pensavo che la follia del gender portasse a questo, ma questi fanno prima per abituarci.....
L'art. 21 della Costituzione dice: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili. In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto. La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica. Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni. Qui trovate meglio esplicate le interpretazioni dell'articolo:
https://it.wikipedia.org/wiki/Libert%C3%A0_di_manifestazione_del_pensiero, purtroppo non mi sta tutto per numero di caratteri. Ragionate! Lo scandalo nonè quello che dicono certi professori pagati per mentire, questo è palese, ma il motivo per cui Beppe Grillo viene condannato! Questi che sgovernano da soli non se ne andranno, si può denunciare, ma faranno ciò che vogliono... ci vuole altro!

Ada 17.09.15 12:25| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE, sei uno dei pochi a dire la verità rischiando di persona, e di questo ti sono grato.
Tu e i nostri ragazzi del M5S, siete l'unica speranza per una rinascita del Paese.
Sono vecchio e, forse, non riuscirò a vederla, ma comunque grazie perchè mi dai una speranza per i nostri figli e nipoti.
Grazie BEPPE, ti abbraccio

Silvano ghisleri 17.09.15 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Forza Beppe, per la stampa e i talk la notizia è un'arma a doppio taglio perchè quantomeno devono spiegare il motivo della sentenza, la tua (e
nostra) rabbia per l'affermazione falsa di un ingegnere sulla reale conseguenza del disastro di Chernobyl.In Sardegna, già martoriata dalle servitù militari, abbiamo detto NO al nucleare e abbiamo vinto.

gabri è 17.09.15 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Beppe questa fasulla condanna non è altro che una maniera disperata che hanno tentato di fare per tentare di fermare il M5S in continua crescita , e per il genio di Battaglia preparatissimo nel nucleare perchè non chiede al Giappone come volontario per la scienza di sistemare i reattori a FUKUSHIMA della TEPCO dato che lui è invulnerabile come superman alla radioattività ? E tutto sicuro il nucleare non dobbiamo farci pensieri.

giovanni.p(vicenza) 17.09.15 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Basta leggere qualsiasi polizza assicurativa per accorgersi che nessuna copre i danni derivanti da fughe di radioattivita nucleare e viene ben evidenziato anche Su quella dell auto tradotto?

undefined 17.09.15 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Si legge in rete, che la presentazione dei libri del Professor Battaglia,
erano a firma di Berlusconi e Brunetta.
Inltre che il Primo Ministro, al tempo del referendum sul nucleare, voleva
aderire alla costruzione di centrali nucleari in base a progetti Usa.
Si legge pure che il Prof. Battaglia è stato contestato dai suoi stessi
colleghi.
Questa cosa presenta degli aspetti strani, come mai la Rai, ha permesso a
questo signore di divulgare sulla rete nazionale delle informazioni errate.
Si voleva che gli italiani votassero a favore del nucleare?
L'intervendo alla trasmissione di Santoro è alquanto curiosa.
Spero venga fatta luce su questa strana faccenda.
In questi giorni i quotidiani di Modena titolano i loro giornali "Grillo è
stato condannato", il Professor Battaglia si augura che Grillo sconti la
sua pena prestando servizio presso i servizi sociali.
Vi ricorda qualcuno

Rosa 17.09.15 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Posto che il materiale radioattivo ricaduto su Chernoby è stata pari almeno a 200 volte quello della bomba di Hiroshima (e quindi il prof. Battaglia ha in proposito sbagliato clamorosamente, tanto da poter ipotizzare, date il suo ruolo, o una volontà mistificatrice o un'incompetenza imbarazzante), Beppe è stato condannato perchè ha affermato che Battaglia era praticamente al soldo delle multinazionali. Beppe dovrebbe prendere esempio da Crozza: quando i fatti non sono acclarati dovrebbe usare il tormentone "dicono....ma io non ci credo".
La condanna (per fortuna in primo grado) è stata anche pesante xkè era recidivo. E qui io stamattina mi sn fatta una risata: aver definito "vecchia p......" la Montalcini è così dissacrantemente liberatorio da costituire un'attenuante e non un'aggravante, signor giudice!!

antonella g. Commentatore certificato 17.09.15 08:28| 
 |
Rispondi al commento

Esprimo la mia solidarietà a Beppe Grillo e gli auguro di vincere le sue battaglie e magri anche le nostre.

Maurizio 17.09.15 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
GRAZIE DI ESISTERE!!

Claudio gallerani 17.09.15 07:29| 
 |
Rispondi al commento

al Tuo fianco sempre Beppe .. come tu al Nostro

gli attacchi della casta partitocratica e delle loro pedine alza il tiro , per cercare di silenziare la Tua voce , che condivide il Nostro pensiero

sappiano che siamo tutti in piedi per combattere il marciume putrefatto del sistema mangiatoia multistrato dei raccomandati e dei venduti alla casta corrotta ..

Sono tanti i personaggi che si servono alla pappatoia del sistema corrotto e colluso made in Itaglia ,Carissimo Beppe .. Vedi che vengono fuori sempre più spesso per cercare di intimidire e di limitare l'azione del M5S

Naturalmente con il M5S al governo occorrerà intervenire anche sul sistema giustizia .. Ad oggi molto carente , sotto molti aspetti

Un'abbraccio , a testa alta sempre !!

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 17.09.15 04:53| 
 |
Rispondi al commento

non so se era questo il link che volevate mettere per riferimento

https://www.iaea.org/PrinterFriendly/NewsCenter/PressReleases/2005/prn200512.html

John Buatti 17.09.15 04:03| 
 |
Rispondi al commento

il link per iaea non funziona, dice: Access denied

John Buatti 17.09.15 03:58| 
 |
Rispondi al commento

La mia solidarietà a Beppe la ho già espressa.
Adesso voglio fare un piccolo e stringato ragionamento:
se questi sono stati i risultati della catastrofe, che ha rilasciato in atmosfera radioattività pari a circa 10 volte quella della bomba di Hiroshima, quali sono stati allora gli effetti di tutti gli esperimenti nucleari nel mondo, effettuati in modo indiscriminato con un effetto cumulativo di migliaia di volte le quantità di Cernobyl???
Non sarebbe possibile contattare una qualche organizzazione internazionale tipo appunto Greenpeace per cercare di fare uno studio sugli effetti di tali esperimenti?

Michele ., Grottaglie Commentatore certificato 17.09.15 03:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Strano paese l'Italietta. Gli eroi in galera con i ladri di polli. I ladri di miliardi di euro, truffatori, traditori della patria e dei cittadini al governo.Ci mancano solo i desaparasidos.

Ugo Bongarzoni, Roma Commentatore certificato 17.09.15 02:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se non fosse un quaquaraquà e venduto, per dimostrare di aver ragione, doveva passare alcuni mesi nella zona evacuata di Cernobyl!
Non sarebbe più tra noi a rompere i coglioni!

adriano 16.09.15 23:58| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Nelson Mandela "AMA IL TUO NEMICO"è il titolo della sua biografia. Quanta forza è servita a Mandela per avere la meglio sul regime dell'apatheid? Forse tanta quanta ne serve per amare i propri nemici.
Per come stanno le cose non penso che tu, Beppe, abbia minori difficoltà da affrontare.
Beppe sono grato a te ed a tutti i nostri rappresentanti. Mi auguro che abbiate tutta la forza che serve

manu t., verona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.09.15 23:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vai Beppe. anche io sono con te.. bravo..non mollare

Rossana Rossolini 16.09.15 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Sondaggi in tempo reale
sempre meglio per il m5s
http://www.sondaggivir.blogspot.it

raffaele 16.09.15 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace , veramente tanto , ma dovevi aspettartelo , fai paura e useranno tutte le armi che hanno per fermarti , e lo sai , questa cosa non ti deve demoralizzare , ma fortificare perché l 'Italia deve diventare un paese serio e sano , senza eguali come sei tu .

massimiliano p., Verona Commentatore certificato 16.09.15 22:40| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE A TE, BEPPE

hai sempre dimostrato che possiamo contare su di te, sulla tua onestà, sul tuo coraggio

ed io, come tanti tra noi. sono pronto a fare altrettanto con te, con Gianroberto e con i nostri leali portavoce

TI ABBRACCIO

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.09.15 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Beppe tieni duro che questi delinquenti sono al capolinea! un abbraccio

Mimmo ., Vicenza Commentatore certificato 16.09.15 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma queste prove le hai presentate a I giudici se si perché non le hanno prese in considerazione? Se no presentale in appello,comunque tu sei tu e il professore non è un cazzo siamo con te

Salvatore floris 16.09.15 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Si legge in rete, che la presentazione dei libri del Professor Battaglia, erano a firma di Berlusconi e Brunetta.
Inltre che il Primo Ministro, al tempo del referendum sul nucleare, voleva aderire alla costruzione di centrali nucleari in base a progetti Usa.
Si legge pure che il Prof. Battaglia è stato contestato dai suoi stessi colleghi.
Questa cosa presenta degli aspetti strani, come mai la Rai, ha permesso a questo signore di divulgare sulla rete nazionale delle informazioni errate.
Si voleva che gli italiani votassero a favore del nucleare?
L'intervendo alla trasmissione di Santoro è alquanto curiosa.
I cittadini hanno diritto di essere difesi dalle autorità preposte, spero venga aperta un'inchiesta su questa brutta faccenda.
In questi giorni i quotidiani di Modena titolano i loro giornali "Grillo è stato condannato", il Professor Battaglia si augura che Grillo sconti la sua pena prestando servizio presso i servizi sociali.
Vi ricorda qualcuno?

Rosa 16.09.15 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi cazzo è questo prof. Franco battaglia ? E quali esperienze dirette ha sulla gestione di una centrale nucleare e sulle conseguenze delle radiazioni nucleari sulle persone ? Ha affermato che “Cernobyl è una colossale mistificazione mediatica”. Solo per questo bisognerebbe condannarlo all'ergastolo. Prof. lei è un imbecille.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.09.15 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a te Beppe.

Marcello G., Milano Commentatore certificato 16.09.15 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Tutti i media e giornalai parlano della condanna e nessuno dice che il "PROFESSORE" ha torto marcio e che andrebbe querelato per notizi FALSE e ingiustificate...allarmismo al contrario !!!!

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.09.15 19:14| 
 |
Rispondi al commento

AL DI LA' DELLA DIFFAMAZIONE (discutibile) CHE GRILLO HA FATTO A QUEL PROFESSORE (che tale non è), QUESTO POST RECAPITATELO A QUELLA GIUDICESSA, CHE MAGARI TROVA QUALCHE ATTENUANTE PER BEPPE (o magari tiene molto alla sua carriera)..che spero sia declassata ai minimi termini (es: giudice per cause di divorzio) !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.09.15 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Puoi essere potente oggi, ma ricorda: il Tempo è più potente di te!

Basta avere tempo.

gianluca f. Commentatore certificato 16.09.15 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo che questa sentenza non sia la prima di una lunga serie, magari anche contro altri uomini e donne del movimento, che non sia un tentativo di annichilire per via giudiziaria l'unica forza politica italiana in grado di sovvertire la partitocrazia imperante! Non bisogna lasciarsi scoraggiare, è necessario continuare a promuovere gli ideali del movimento contro tutto e tutti... Comunque i cittadini sapranno valutare la credibilità di questa sentenza: forza Beppe!

Andrea Valcarenghi Galluzzi 16.09.15 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Grande beppe.molto bello il commento di paolo comunque ragazzi bisogna essere delle merde per diventare negazionisti anche di chernobylz

Mensh Kenk 16.09.15 18:18| 
 |
Rispondi al commento

quando lo diceva don sil.vius che la magi.strat.ura era difettosa ..... ora ve ne siete accorti anche voi?

secondo la costit.uzione la magis.trat.ura è sottoposta solo a se stessa..

ma c'è un automatismo per punire i giudoci corrotti senza andare contro la costitzione... lo avevo già scritto quando mi firmavo nome e cognome e pensavo di essere dentro il m5s... poi ho scoperto che non era così...che essere nel blog non significa essere del m5p anzi meglio non starci nel blog.

si tratta di mettere un automatismo per il quale lo st.ato licenzia automaticamente per inefficenza sul lavoro i giudci che commettono troppi errori

quindi non una decisione politica ma un sistema automatico riguardante la incapacità sul lavoro e che pone come termine di paragone la magstrattura stessa..... proprio come vuole la costitzione.

il sistema è semplicissimo ....

ogni sentenza in 1 grado che arriva in casazione e poi viene ribaltata o annullata significa che il gi.udice è incapace-incompetente-non adatto al lavoro che svolge... badate bene non un giudzio politico ma un giud.izio oggettivo....

ogni sentenza di app.ello idem.

si fa un database di tutte le sentenze e di chi le ha firmate...

siccome sbagliare è umano non si pretende che un giudice le indovini tutte ma si può fare che

se il giu.dice in 1 grado sbaglia più del 5% delle sentenze rispetto alla cass.azion.e ammonimento da parte del minstero della giusti.zia con avviso che se continua di quel paso si procederà al licenziamenento per incapacità prfessionale... + detrazione del 20% sullo stipendio... raggiunto il 7% degli errori secondo ammonimento e affiancamento di un giu.dice novizio che deve controfirmare la sentenza oppure rifiutarsi e mandare la motivazione al cunsiglio superior dela magistratur.a.

raggiunto il 10% di errori rispetto alle sentenze di casazione licenzia.mento in tronco e riduzione della pensione di anzi.anità a 1000 euro mensili netti.

per i giudci di appello tutto identico con percentuali 1/10

una volt si entrava facile ora bisogna fare i giochetti per pubblicare 16.09.15 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei dire all'ing. Battaglia che non è una casualità che mia figlia nata nel 1986 si incontri da circa dieci anni con coetanei negli ambulatori dell'alto presidio ospedaliero per le patologie endocrinologiche di Pisa con coetanei nati o nascituri del 1986 per disfunzioni alla tiroide.
Nel 1997 abbiamo ospitato una ragazzina di Kiev di 12 anni per farle respirare lo iodio sulla nostra spiaggia di ALCAMO MARINA per 55 giorni che le hanno consentito di farle risalire i valori del CESIO nel sangue.
Grazie per consentirmi di riportare la mia testimonianza diretta

benedetta stellino 16.09.15 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Che dire?

Le fonti citate e gli studi, parlano da soli. E contraddicono chiunque sostenga che il disastro nucleare di Chernobyl non ha fatto vittime.
Chi sostiene così, offende la memoria delle vittime i familiari e tutti coloro che hanno subito, in qualche modo, le conseguenze del disastro.

Gian A Commentatore certificato 16.09.15 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo credo che aldilà della Sentenza sfavorevole in primo grado e giuridicamente vacillante ( il diritto penale non è soggetto ad interpretazioni estensive etc. ) si dovrebbe fare leva sulle ASSOCIAZIONI DI VITTIME di vittime del disastro di Chernobyl in quanto legittimate ad intraprendere azioni legali contro questo individuo.

Filippo Cavallini 16.09.15 17:14| 
 |
Rispondi al commento

tu grillo hai noi e mai ti lasceremo solo,vai avanti, tu sei noi e ti vogliamo bene, non per dire,ma bene sul serio,anna quercia

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.09.15 17:13| 
 |
Rispondi al commento

La diffamazione non riguarda le cazzate dette ma probabilmente l'accostamento alle multinazionali.

Ora occorre capire se le università dove opera il prof. ricevano soldi o finanziamenti da multinazionali e l'accusa cadrà perché si è detto il vero!

In sostanza il prof rivendica il diritto di dire cazzate pro domo sua!!

E' infamante essere associato alle multinazionali! (in parte è condivisibile)

In sostanza al giudice è stato chiesto di valutare la veridicità dell'accostamento alle multinazionali!

Vuoi vedere che le multinazionali faranno causa al giudice perchè ritiene diffamante essere al loro soldo?

Magari sul piano formale l'accostamento è stato un errore per Beppe.
Però è'strano che il giudice abbia addirittura aumentato la pena!

Anche perchè le affermazioni di questo soggetto sono palesemente false e punire qualcuno perchè reagisce male ad una falsità avrà anche un'attenuante!

Ma chi decide di ospitare professoruncoli che senza alcun dato dicono la loro sul nucleare?
Di chi sono le manine nascoste?
Come si fa carriera nelle università?
La politica si asserve ai lobbisti, i giornalai si asservono alla politica, i dipendenti pubblici se voglio lavorare si accodano ai giornalai e più stai in alto e più c'è merda!

Ma quello che far girare di più le balle è la totale disinformazione sul merito da parte di tutti i giornalai di regime che dicono solo della condanna, glissando sul perchè!

Ma mentre per i nani bastardi questo succedeva per nascondere l'immondo comportamento tenuto.... per Beppe non entrano nel merito perchè Beppe fa cose onorevoli anche se a volte inciampa!

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.09.15 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto è stato talmente grave che penso abbia probabilmente influenzato, opinione personale, l'epidemiologia italiana. Nessuno ha mai fatto statistiche sull'incremento di tumori e leucemie nell'Italia del nord? Basti pensare che abbiamo ancora i cinghiali radioattivi sulle montagne intorno alle province di Verbania, Biella e nell'Ossola. Sulla Stampa di oggi la fuoriuscita di acqua radioattiva nel Mar del Giappone dall'impianto di Fukushima era solo presente nell'ultima pagina dedicata al meteo riferendosi alle piogge torrenziali mai viste cadute in Giappone. Minimizzare secondo il mio parere è da farabutti

Marco 16.09.15 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Questa vergognosa sentenza è una chiara rappresaglia della lobby del nucleare, contro Grillo. Il giudice in questione ha posto in secondo piano, giustificandolo, il negazionismo di un personaggio, che mette platealmente in discussione una tragedia, le cui vittime nell'arco di un trentennio, a livello europeo, intorno al milione. A questo punto uno potrebbe affermare ad esempio che Dachau o Auschwitz erano dei solo dei luna park e qualora ricevesse un'indignata risposta, potrebbe rivolgersi al giudice di ascoli piceno, asserndo di essere stato diffamato.

gianfranco d. Commentatore certificato 16.09.15 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma una contro denuncia al sig. Battaglia non si può fare ? Questo signore può raccontare qualsiasi frottola e rimanere inpunito ? E il magistrato che di sua spontanea volontà aumenta la pena ? A che pro tanta solerzia ?

Alessandro L. 16.09.15 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco tutti i dati riguardanti ai danni provocati sulla salute, dall'evento della catastrofe di Cernobyl, glieli spedirei sia a quel giudice scellerato, sia a quel venduto saputone del professor dei miei stivali, Battaglia. Così tanto per sfizio. In alto i cuori , sei un grande Beppe, almeno per me e ormai per moltissimi altri cittaddini.

caterina bergamo 16.09.15 16:22| 
 |
Rispondi al commento

...e alla luce dei fatti in galera ci deve andare il Battaglia!

mic fan 16.09.15 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Spettabile e Caro Beppe, si può denunciare per diffamazione questo ingegnere per le farneticanti dichiarazioni e poi donare il risarcimento a una associazione onlus di Chernobyl?
Distinti Saluti.

Potere Ai Cittadini 16.09.15 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori