Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Come faccio a sapere se sto male se non faccio l'esame?

  • 21

New Twitter Gallery

"Ti dicono che hai diritto all'esame solo se sei malato, ma se non fai l'esame come fai a saperlo? Allora io dico al governo e ai suoi ministri: fatevi una tac al cervello! Questi non sono incompetenti. L'incompetenza politica è un alibi. Qui esiste la malafede. Sono diabolici" Luigi Di Maio

27 Set 2015, 12:21 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 21


Tags: governo, sanità, tac

Commenti

 

Come mai non si vieta ai medici di dare FARMACI INUTILI?
Lo sappiamo tutti che hanno abbassato i livelli di pressione...colesterolo...glicemia...solo per far diventare malato chi non lo è...per fare un regalo alle multinazionli del farmaco ...sai quanti soldi in medicine risparmiati.................................

caterina c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 28.09.15 21:38| 
 |
Rispondi al commento

LA SANITA' SARA' UN LUSSO PER TUTTI,ANDANDO AVANTI DI QUESTO PASSO FINIREMO COME LA GRECIA

alvise fossa 28.09.15 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Prima si dice và, che bisogna fare esami "preventivi", arriva dalla asl (tutti gli anni) di fare esame alla prostata dopo i 50 !|
Adesso qusta lorenzin ha starvolto tutto! il medico ti guarda in faccia e poi non decisde! Ma lei è incinta? NON DEVE POTER FAR NESSUN CONTROLLO! Nel dopoguerra si nasceva in casa e non si andava neppure dal medico!| E' questo che viuole la lorenzin? La mortalità infantile era enorme !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 28.09.15 11:17| 
 |
Rispondi al commento

LA CIVILTA' DI UNA SOCIETA' SI MISURA CON:
L'ASSISTENZA SANITARIA.
L'ISTRUZIONE.
I SERVIZI AI CITTADINI.
SFIDO CHIUNQUE A RITENERSI SODDISFATTO DI QUESTE TRE CONDIZIONI.
INFATTI DOVE STA' ANDANDO QUESTO PAESE E' SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI
ELEZIONI SUBITO

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato 28.09.15 10:30| 
 |
Rispondi al commento

sanità allo sbando

paolo raponi 28.09.15 10:18| 
 |
Rispondi al commento

La Vice Commissaria della Asl 4 di Prato, dice che e' giusto tagliare gli esami inutili, e chi decide quali sono gli esami inutili? La Lorenzin o il medico di famiglia, o lo specialista che ti ha in cura?

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 28.09.15 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Vero fino ad un certo punto. In Italia si fanno uno sproposito di esami perché i medici non fanno più diagnosi, ma sono diventati passacarte per esami. Dottore ho mal di schiena? Lui alza gli occhi ti guarda, fai una rsm senza neppure farti togliere la maglia. Le visite oramai sono più che altro colloqui e richieste: vorrei fare questo o quell'esame, me lo prescrive ? Poi c'è la medicina difensiva, non ti prescrivo l'esame perché serve ma perché se poi qualcosa va male lui avrà la prova che lui ha fatto il possibile ... Purtroppo la mentalità non si cambia con decreto... Il provvedimento potrebbe avere un senso ma siamo in Italia, quindi farà solo più danni.

Davide compagni 28.09.15 07:46| 
 |
Rispondi al commento

http://www.quotidianosanita.it/campania/articolo.php?articolo_id=31542

undefined 27.09.15 23:15| 
 |
Rispondi al commento

il bello e che vogliono far passare questa cosa come un "aiuto" ai medici che potendo fare meno analisi e quindi avendo meno dati sarebbero + tutelati dalle eventuali azioni risarcitorie dei pazienti.
Come dire, se tu medico non hai fatto la lastra polmonare, se non sei riuscito a capire che non si trattava di tosse, ma di polmonite non è colpa tua!

Non vorrei che tale norma fosse + che altro diretta a tagliare i costi delle pensioni tagliando i fruitori

michele Moretti 27.09.15 22:27| 
 |
Rispondi al commento

Perchè in questo paese si continua a denunciare, a fare vedere e non cambia mai nulla?

fabiola rossi 27.09.15 21:41| 
 |
Rispondi al commento

E' tutto sbagliato ! Come si fa ad adottare simili provvedimenti se non vivi giornalmente la gestione ed i problemi correlati. Io che vivo da decenni come primattore la problematica della medicina di base saprei suggerire come far risparmiare miliardi per spese riferite ad esami inutili e compotamenti scorretti consentiti dalla disorganizzazione del sistema e dalla superficialita' dei centri prescrittori senza conseguente responsabilita. Convocami e renderemo un buon servizio al SSN.

Giuseppe Fusco 27.09.15 21:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Comma 22: chiunque è pazzo può chiedere di essere esentato dalle azioni militari, ma chi chiede di essere esentato dalle azioni militari non è pazzo.
(Da "Sturmtruppen")

id &as Commentatore certificato 27.09.15 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Luigi Di Maio, perché non presenti un'azione parlamentare che vincoli l'attuale proposta della sanità pubblica, anche ai senatori, deputati, consiglieri regionali, dipendenti camera e senato, facendogli perdere i loro SUPER diritti ad avere, denti, cure estetico sanitarie, ecc., personali e dei famigliari o conviventi. Sbaglio o a loro rimangono questi eccessi!? Almeno fateli sprofondare nella gogna pubblico mediatica in tal senso, tanto siamo certi che saremo “cornuti e mazziati” dai NON eletti.
La riforma prevede che sono esentati i portatori di patologie croniche e per reddito minimo; povera classe media se ancora possiamo parlare che esista; fortunati gli immigrati assieme ai ladri e evasori, ecc.. I ricchi o facevano i furbi o andavano già in altri lidi della sanità privata. Ho speranza e fiducia che almeno darai voce con i senatori M5S al taglio dei privilegi della casta.

f.d. 27.09.15 18:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli esami diagnostici sono prevenzione e la prevenzione fa risparmiare la sanita' pubblica... Loro invece sembra che abbiano interesse a. In fare gli esami alle persone e a ere poi un esercito di malati cronici a chi dare le loro medicine

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 27.09.15 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Non serve essere medico....per sapere...che una diagnosi passa dall'esclusione di altre patologie...spesso i sintomi si sovrappongono...

Si deve obbligare CHI VOTA QUESTA LEGGE di CURARSI solo con il loro metodo destinato alle strutture PUBBLICHE E NON A PAGAMENTO

caterina c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 27.09.15 16:30| 
 |
Rispondi al commento

" COME FACCIO A SAPERE SE STO MALE SE NON FACCIO L'ESAME?" Non vorrei essere troppo polemica, sono d'accordo che la salute dei cittadini non deve dipendere da una questione di "RISPARMIO", però quel titolo ... dovrebbe essere il contrario: se sto veramente male vorrei il diritto a fare gli esami. Una buona riforma sanitaria dovrebbe essere una vera cura del malato e non fare continuamente esami che secondo me fanno male! Ma la ministra (e non solo) non capisce certo il termine "CURARE"!

NADIA MARIANI 27.09.15 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I tagli alla spesa pubblica non servono per aiutare il paese ad andare avanti, ma per continuare a garantire i privilegi ai soliti politici!

MICHELE SCIORTINO 27.09.15 13:11| 
 |
Rispondi al commento

A)Corretto: sono in malafede

Detto questo pero':

B)Il 70% del costo della sanita' sono stipendi

C)Tali stipendi non sono piu' correlati (dopo 10 anni di deflazione) alla realta' dei redditi nel settore privato (quello che tiene su tutto)

D)Molti di tali stipendi sono buttati (scarsa propensione al lavoro di molti dipendenti pubblici)

La competenza di tali stipendi e' REGIONALE .

Come se ne esce ?

Solo ripensando le funzioni della sanita' oggi , alla luce della tecnologia disponibile e separando il "diritto alla sanita'" dalla "erogazione del servizio sanitario" .

Se a qualcuno interessa gli spiego come si fa .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 27.09.15 13:04| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori