Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Italia senza informazione: Italia senza democrazia

  • 52

New Twitter Gallery

noinformazion.jpg

L’Italia nella classifica mondiale della libertà di stampa, realizzata come ogni anno da Reporter senza frontiere, si trova al 73esimo posto, tra la Moldavia e il Nicaragua, 24 posizioni in meno rispetto all’anno precedente. Senza informazione non ci può essere democrazia.

intervento di Roberto Fico

"Che fine ha fatto il pluralismo politico nel nostro Paese?
I dati di Open Tg da giugno ad agosto sono allarmanti [da oggi, potete consultarli qui]. Rispetto all'ultimo trimestre analizzato prima della pausa estiva, la situazione non accenna a migliorare.

VIDEO Roberto Fico presenta Open Tg

Nei notiziari Mediaset è precluso il diritto di ogni cittadino ad essere informato, dal momento che alcune forze politiche sono state letteralmente cancellate (al Movimento, per citare un esempio, è stato attribuito il 3% e lo 0% nei mesi di giugno e luglio, rispettivamente da parte del Tg4 e di Studio Aperto), mentre Forza Italia raggiunge livelli di presenza inconcepibili sfiorando anche il 71%. Soltanto il Tg5 tende a salvaguardare un equilibrio, ma esclusivamente tra Pd e Forza Italia.
Negativa la situazione del servizio pubblico, dove, al di là della disparità di trattamento tra le forze politiche, è il dato del Governo ad allarmare (40% a luglio nel Tg1, 47% a giugno su Rainews).
Anche il TgLa7, nonostante un certo riequilibrio a giugno e a luglio, mostra nel complesso uno schiacciamento sulle forze politiche della maggioranza e sul Governo; lo stesso che caratterizza, senza soluzione di continuità, SkyTg24.
Siamo consapevoli che il pluralismo politico nell'informazione non può esprimersi attraverso dei numeri, perché informare significa riportare alla collettività la realtà dei fatti con la massima obiettività e imparzialità. Ma è altrettanto vero che, se le percentuali sono sempre le stesse, se determinate forze politiche sono sistematicamente cancellate o sottorappresentate nei telegiornali, nonostante l’intensa attività profusa dentro e fuori dal Parlamento, ciò significa che l’informazione non è sana, significa che esiste una precisa volontà di tutelare gli interessi della maggioranza e del Governo di turno. E così muore la funzione critica, di "contropotere", che il sistema dell’informazione è chiamato a svolgere in un Paese democratico.
Rispetto alla Rai, noi auspichiamo che i nuovi vertici diano immediatamente un segno della loro volontà di invertire la rotta anche, e soprattutto, in questo ambito. Per il servizio pubblico è l’ultima chiamata." Roberto Fico

banner475x1502.jpg

Copia e incolla questo codice per incorporare il banner sopra sul tuo blog:

18 Set 2015, 10:49 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 52


Tags: democrazia, Forza Italia, governo, informazione, La7, Mediaset, open tg, Pd, pluralismo, RAI, TG

Commenti

 

oltre a che Rendere Noto questo fatto di inuguaglianza a noi...

spiare whatsapp ios da pc Commentatore certificato 22.09.15 11:51| 
 |
Rispondi al commento

HANNO UNA PAURA FOTTUTA

HANNO UNA PAURA FOTTUTA

HANNO UNA PAURA FOTTUTA

HANNO UNA PAURA FOTTUTA

TREMATE !!!

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 18.09.15 20:49| 
 |
Rispondi al commento

sono 15 min che sul tg3 - SOLO RENZI E PD-

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 18.09.15 14:37| 
 |
Rispondi al commento

FANNO RAGGELARE IL SANGUE QUESTI DARTI SULL'INFORMAZIONE,QUI DA NOI IN ITALIA

alvise fossa 18.09.15 14:28| 
 |
Rispondi al commento

CREDEVO FOSSE AMORE INVECE ERA INTERESSE

In Italia per avere un pò di informazione bisogna affidarsi alla buona volontà di pochissimi giornalisti non allineati che nelle interviste “osano” fare domande scomode al regime.
Tutta la vicenda della riforma costituzionale e delle riforme in genere che questo governo si vanta di portare al termine,in realtà è una farsa eclatante di come non ci sia nessuna volontà da parte della politica di rappresentare la comunità ma sempre e solo i suoi interessi.
Come per incanto i cambia casacca a tradimento di storica tradizione,hanno assunto un atto di responsabilità verso il paese ed hanno abbracciato la causa della “riforma”.
Tutti convinti renziani,(chi sarà poi questo fenomeno spuntato dal nulla e non eletto dal popolo?),si cambiano articoli della costituzione in barba ad ogni regola della stessa,si svilisce il Parlamento e di conseguenza la democrazia che dovrebbe rappresentare.
La Boschi afferma che la riforma costituzionale fa parte di quel pacchetto che ridà di nuovo credibilità all’Italia in Europa.
La riforma costituzionale?
Impressionante direbbe la Merkel tanto per non mandarci a fanculo.
D’altronde l’interesse dell’Europa verso l’Italia è solo costituito dal fatto siamo un cuscinetto all’invasione africana e tra poco anche a quella siriana per cui anche se facciamo la riforma dei babà va bene lo stesso.Ci fanno anche sforare il 3% di deficit se accogliamo di più,e vai.
E’ tutto un triste copione:fare la domanda giusta al rappresentante politico prescelto e spargere menzogna alla nazione sulle riforme,sulle guerre in atto,sulle migrazioni,sull’economia, sull’occupazione.
Tutto per interesse del popolo,per il suo benessere e per amore del paese.
E facile essere un “grande” premier con una generazione di ciucci disinformati.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 18.09.15 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ce n'eravamo accorti che vi hanno tagliato fuori.
L7, Mediaset, RAi.
Non dovete soccombere alle loro scelte, appellatevi, denunciate, rivolgetevi al Parlamento Europeo, al garante della parcondicio.
Usate tutto ciò che è a disposizione per difendere il diritto di informare i cittadini della vostra politica e dei fatti politici.

Rosa 18.09.15 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Consiglieri regionali veneto della passata legislatura, sottoposti ad indagine dalla corte dei conti per spese non giustificate per 141mila €, hanno evitato il procedimento a loro carico restituendo il maltolto. 91 mila su 141 mila € restituiti dalla lega.

Siccome qualcuno ventila spesso qui un'alleanza con gente del genere ..ecco servito il curriculum aggiornato.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 18.09.15 14:11| 
 |
Rispondi al commento

::::::::::::::::::::::::::::


----- Codice Etico Rai -----


Pluralismo
Assumere quale principio fondamentale del sistema radiotelevisivo la garanzia della libertà e del
pluralismo nell’accesso ai mezzi di comunicazione, la tutela della libertà di opinione e di
espressione per ogni cittadino, come la tutela della libertà d’informazione, l’apertura delle diverse
opinioni e tendenze politiche, sociali, culturali e religiose e la salvaguardia dell’identità nazionale e
della memoria storica del Paese e del patrimonio culturale europeo, delle diversità linguistiche ed
etnico-culturali, nel rispetto delle libertà e dei diritti garantiti dalla Costituzione.
Il pluralismo, nella sua accezione più ampia, deve essere rispettato da RAI nel suo insieme e in ogni
suo atto e trovare riscontro evidente nella programmazione; il pluralismo in tutte le sue
specificazioni deve estendersi a tutte le diverse condizioni e opzioni che alimentano gli
orientamenti dei cittadini: pluralismo nell’informazione, pluralismo politico e modalità di
comunicazione, pluralismo sociale, pluralismo culturale, pluralismo etnico e religioso, pluralismo
nelle realtà locali, pluralismo di genere ed età, pluralismo associativo.
Professionalità
Svolgere tutte le attività con impegno e rigore professionale e in pieno spirito di reciproco rispetto
e collaborazione. Garantire il rigoroso rispetto della deontologia professionale da parte dei
giornalisti e di tutti gli operatori del Sevizio Pubblico, i quali sono tenuti a coniugare il principio
della libertà con quello di responsabilità nel rispetto della dignità della persona.
Imparzialità
Evitare, anche nell’ambito della programmazione, di favorire alcun gruppo di interesse, singole
persone fisiche o giuridiche. Evitare ogni distinzione di età, sesso, di orientamento sessuale, di
razza, di lingua, di religione, di nazionalità, di opinioni politiche e sindacali, di condizioni personali e
sociali.

fonte Rai segue

John Buatti 18.09.15 14:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i soldi ci sono per fare una televisione che informi, manca la voglia e il senso del rischio. invece di quella pippa d'aborto di sistema operativo che non vedrà mai la luce se a quest'ora avevassimo affittato un canale satellitare per trasmettere ventiquattr'ore su ventiquattro, invece eccoci qui con freccero, fico, un blog, i nostri stracotti dai salotti televisivi... pensavo che beppe avesse una certa capacità imprenditoriale con un certo gusto per il rischio tipo amazon o google, invece da quel lato è solo un ragionierotto tirchiotto da gazzosa artigianale nel garage sottocasa come negli anni sessanta.


Non solo i Tg, vogliamo parlare delle fiction ?

E' facile capire la faziosità dei telegiornali, meno facile invece capire quella delle fiction televisive ed in particolare quelle Rai, la politica è ovunque, Raitre ad esempio inserisce subdolamente la propaganda "culturale" del PD in "Un posto al sole" dove i cattivi sono sempre imprenditori destrorsi mentre ovviamente i buoni sono insegnanti e chi accoglie gli immigrati (si vede che mafia capitale non l' hanno capita bene...), recentemente Raiuno ha sfoderato "Anna e Yusef" una storia d'amore multietnica, per non parlare poi di tutti gli altri programmi di Raitre dove i cattivi sono quasi sempre uomini eterosessuali, preti e militari, i buoni quasi sempre insegnanti, donne, cooperative etc etc...

Tutto è finalizzato al lavaggio del cervello e purtroppo a lungo andare ci riescono.

Andrea Rossi 18.09.15 13:48| 
 |
Rispondi al commento

POI c'è la disinformazione subdola di chi SI ACCREDITA per provare meglio ad "indirizzare" i simpatizzanti del M5S verso i propri veri beniamini

IL FATTOQUOTIDIANO.IT pubblica un POST TENDENZIOSO nello spazio blog di tal ANDREA D'AMBRA dal titolo:
"Parlamento Ue: Farage? No, grazie. Gli eurodeputati M5S preferiscono i Verdi"

POI impedisce ad un utente da ANNI registrato (ed abbonato de IL FATTO di Travaglio)LA PUBBLICAZIONE DEL SEGUENTE COMMENTO di 1.486 caratteri (spazi inclusi, ho controllato)

--

Egregio D'Ambra, ci dica cosa le manca, la MEMORIA, la LOGICA, l' ONESTA' INTELLETTUALE o tutto?
1°) l'EFD è stato scelto da me e da tanti altri iscritti del M5S proprio perché era l'unico gruppo che permetteva di essere liberi nel voto. Cosa ampiamente dimostrata DAI FATTI.
2°) Se il M5S avesse scelto di far parte dello stesso gruppo dei verdi i suoi portavoce sarebbero stati tenuti, pena l'espulsione immediata, a votare come scelto da quel gruppo (nota stampella del Governo UE sulle questioni veramente importanti) abdicando DI FATTO AL MANDATO DI AUTONOMIA ED AL PROGRAMMA DEL MoVimento;
3°) I massimi esponenti dei signori Verdi, seppure (documentatamente/pubblicamente) interpellati prima della nostra decisione si sono negati (chi irrangiungibile-chi "in vacanza"). Successivamente, a seguito delle rimostranze della LORO stessa BASE alcuni di questi esponenti sono arrivati a dichiarare esplicitamente la loro personale ostilità all'ingresso del Movimento nello stesso gruppo, E SOLO tardivamente sono stati smentiti da alcuni loro colleghi.
PASSIAMO ora alla logica ed al merito della questione. Una domanda facile facile:
Visto e considerato che (come Lei stesso dice) i portavoce del M5S hanno votato nel 76% dei casi considerati (200) allo stesso modo dei Verdi, LE SEMBRA LOGICO NON ENTRARE NEL MERITO del mancato rapporto dicendo quali sono state le 48 votazioni nelle quali i Verdi ed il M5S hanno votato in maniera differente?
Resto in attesa di una sua risposta?
Grazie

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.09.15 13:41| 
 |
Rispondi al commento

E' un paio di anni che lo ripeto, abbiamo in mano un'arma fortissima!
Il prossimo anno, non paghiamo il canone, sapendo di prenderci la multa, dichiarando che l'informazione è fortemente sbilanciata, e noi elettori del M5S, ma anche utenti, non ci stiamo!
Con tutto il can-can che ne seguirebbe, ci sarebbe da ridere. Vediamo poi se contiamo più noi o i vari NCD o FI.

adriano 18.09.15 13:39| 
 |
Rispondi al commento

____

oltre a che Rendere Noto questo fatto di inuguaglianza a noi...

il fatto si deve essere riportato al Garante delle Comunicazioni.

il Garante delle Comunicazioni sembra di farsi sentire (appena) solo sotto le elezioni..

forse bisognerebbe appellarsi ad una Corte Internazionale invece che chiedere soluzioni alla Casta che sono il problema!

Il M5S Parlamento UE potrebbe fare qualcosa in merito!

Garante 18.09.15 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Tra 20 anni, quando gli attuali 50/60 enni saranno i vecchi del paese questi dati non avranno più senso!
Gli attuali 80 speriamo che saranno tutti morti!
Sennò chi gliela paga la pensione?

Allora questi dati non avranno più senso.

La tv non può più essere presa a misura dell'informazione.

dalla tv solo cazzate e tanta manipolazione

ma ormai non funziona più!

Se il M5S è il primo partito di Italia ciò vuol dire che alle tv credono solo gli scemi!

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.09.15 13:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quasi tutte le sere, per divertirmi, guardo un TG.
Non per informarmi (le notizie le conosco già) ma per verificare quello che non dicono oppure come presentano un fatto.
Da come manipolano una notizia o dal fatto che non la dicono proprio si può risalire da chi prendono ordini.
Fatelo anche voi, vi assicuro che c'è da divertirsi.

giorgio peruffo Commentatore certificato 18.09.15 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot?

http://memeful.com/meme/MzEz2Jw

così è se vi pare...

pabblo 18.09.15 13:08| 
 |
Rispondi al commento

73° posto... anche troppo ottimisti, pensare che l'editoria privata italiana è sovvenzionata dallo Stato con soldi pubblici dovremmo essere all'ultimo posto dopo la Corea del Nord!!!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 18.09.15 13:07| 
 |
Rispondi al commento

ot

""“Assemblea sindacale”. Colosseo chiuso ai turisti
Franceschini: “Ora basta, la misura è colma”""


assemblea del cerchio maggico,parlamento chiuso ai cittadini, ( no voto diretto per elezione senatori)!

gli italiani :

“Ora basta, la misura è colma”!

o no?

:)

pabblo 18.09.15 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ITALIA SENZA INFORMAZIONE:

ITALIA SENZA DEMOCRAZIA.

Una volta eravamo "fuori", oggi siamo "dentro", ce la facciamo qualche domanda?

La colpa è nostra, che non essendo avvezzi all'uso dei mezzi televisivi pubblici e non "infami" come loro, ci facciamo mettere in un cantuccio senza "disturbare" troppo il conducente!

In Rai dovevamo entrare e essere come la gramigna, arrivare in ogni angolo e "contaminare" tutto l'ambiente!

Dietro, davanti e sopra ogni telecamera, dentro a TG e programmi televisivi, tra il pubblico e tra i lavoratori dell'azienda a raccogliere le loro istanze!

Abbiamo sbagliato per inesperienza, in buona fede e per troppa educazione, ora bisogna reagire e puntare i piedi, i Radicali col 5% hanno fatto più casino, e noi come "seconda" forza politica del paese, abbiamo il dovere di provarle tutte!

Portate flotte di cittadini dentro la RAI, un pellegrinaggio di massa dentro la TV e la Radio pubblica a vedere come si spendono i soldi dei contribuenti.

Anche i loggioni del Parlamento dovrebbero essere pieni di cittadini portati lì dentro dal M5S, pieni ogni giorno in cui c'è aula o attività parlamentare, nei corridoi, nelle stanze dei Palazzi fino ai cessi, a vedere con che tipo di carta igienica si puliscono il cxlo a nostre spese!

"Se per ordine del governo ci bandiranno dalle televisioni, ci troverete in Rete e nei banchetti fino a che non li manderemo a casa. In alto i cuori." M5S Parlamento"

Si, in rete...ete...ete, quella che è come l'Isola di Peter Pan...an..an

...quella che non c'è...è...è.

Arrivederci e grazie...azie...azie.

Nando da Roma...oma...oma.

p.s.

Affancxlo gli attivisti da tastiera..era...era!

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.09.15 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Il canone non va più pagato ad una televisione asservita al potere. Basta!

undefined 18.09.15 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Andrea Scanzi
Adesso ·

Minacce, ricatti, compravendite. Grasso trattato come un pezzente, battute da bullo sfigato ("Sì alla riforma o riduco il Senato a museo"), editti bulgari - anzi fiorentini - a chi nei Talk osa invitare troppi ospiti anti-citrullo. Si dirà: questo qua è come Berlusconi. No, ragazzi: Renzi è peggio di Berlusconi. Molto peggio. E lo è non perché ha una storia alle spalle più losca (difficile) o perché ha più pendenze giuridiche (impossibile) del suo maestro Silvio: lo è perché è più impreparato, più arrogante, più megalomane, più debole, più ridicolo. E - quel che è peggio - più protetto e anzi addirittura osannato da un'informazione (e da una intellighenzia) che, se la metà delle cose di adesso le avesse proposte e fatte Berlusconi, avrebbe come minimo invaso la Polonia gridando teatralmente al golpe. La vergogna senza pari continua. C'mon.

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 18.09.15 12:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui a fianco un articolo interessante parla della vendita da parte dell'Italia a un Paese arabo di una quindicina di caccia eurofigther . Può sembrare strano che vendiamo degli ottimi aerei fatti in Europa e con il nostro contributo , e compriamo contemporaneamente aerei peggiori e più costosi dagli Stati Uniti ?! Certo che lo è , nessuno sano di mente lo farebbe , il nostro " governo " si ! La tangente vola assieme agli aerei evidentemente , e sono miliardi ! Dove vanno tutti questi soldi caro Cantone ? Stai indagando su Finmeccanica e i suoi rapporti con l'India e le tangenti sugli elicotteri , un casino che solo i Marò stanno pagando .

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 18.09.15 12:52| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo con i principi di fondo del post...tuttavia c'e qualcosa che non torna quando si dice fuori i partiti politici dalla rai e poi reclamiamo più presenza del movimento 5 stelle in televisione...il movimento 5 stelle è anche un movimento politico quindi dovrebbe in teoria starne fuori...anzi dovrebbe dare l'esempio...se proprio dobbiamo essere coerenti con i nostri principi..
poi dobbiamo anche tener presente che non esiste nessuna democrazia matura (e non) NEL MONDO, in cui i partiti politici, di fatto, non sono presenti in tv e non manipolano l'informazione...
sognare un'informazione libera non costa nulla..ma svegliarsi ogni tanto non sarebbe male..
non siamo infatti un'opposizione matura ed originale, infatti spesso decliniamo principi in maniera strumentale----

Carlo Zaccaria, Brindisi Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 18.09.15 12:38| 
 |
Rispondi al commento

continua Travaglio:
segue T: La bella pensata può essere stata solo di B

70 anni fa l’Italia abolì il bicameralismo imperfetto creato da Mussolini: cioè la Camera dei Fasci e delle Corporazioni (membri non eletti,
ma nominati dal Gran Consiglio del Fascismo presieduto dal Duce, dal Consiglio nazionale del Partito fascista presieduto dal Duce e dal Consiglio nazionale delle Corporazioni presieduto dal Duce) e il Senato del Regno (membri non eletti, ma nominati a vita dal Re su input del governo). Due Camere di nominati con funzioni diverse, ma relegate a un ruolo ancillare del governo.
Mutatis mutandis, è quello che ci aspetta con la Camera dei nominati (i capilista bloccati dell’Italicum) e il Senato dei nominati (i senatori paracadutati dalle Regioni). Manca solo l’articolo 2 della legge fascistissima 19.1.1939 n. 129: “Il Senato del Regno e la Camera dei Fasci e
delle Corporazioni collaborano col governo alla formazione delle leggi”. Ma questo, oggi, è sottinteso

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.09.15 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Questo nostro atteggiamento continua a essere inconcludente , denunciare sul blog che i cattivi ci hanno rubato la marmellata non paga . Non abbiamo preteso come era nostro diritto una rete Ra da cui avremmo potuto combattere molto più efficacemente la delinquenza politica e non , continuiamo a essere divisi sull'andare o no nelle tv , quando abbiamo davanti agli occhi gli incredibili risultati di Renzi e Salvini che con la loro assidua presenza hanno rastrellato decine di punti di percentuale , milioni di voti acquisiti solo con chiacchiere televisive . Noi non siamo solo sostenitori del Movimento , siamo anche suggeritori ai quali si può dare ascolto perchè siamo il popolo che pensa , sbagliando o azzecchando , ma pensa ! Pochi lo fanno , la massa va a simpatia , a istinto e non gradisce lavorare di cervello o non lo sa fare . Continuare ad agire così non ci da risultati concreti , dobbiamo essere più attivi e reattivi , protestare e incazzarci di più che di motivi ne abbiamo in abbondanza ! La situazione istituzionale è grottesca , sono saltate le regole , il governo illegittimo continua a promettere e a non mantenere . Sindaci incapaci , come minimo , continuano a occupare poltrone da cui dovrebbero essere cacciati a calci in culo . Il Paese sta diventando musulmano e i clandestini sempre di più e sempre più sfrontati e esigenti , buttano il cibo mentre tante famiglie italiane soffrono fame e stenti . Diamoci una mossa , pretendiamo le elezioni subito per tornare alla legalità senza la quale non contiamo niente !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 18.09.15 12:37| 
 |
Rispondi al commento

.Travaglio
… Evidentemente Renzi & Boschi frequentano gli unici due o tre squilibrati che non vedono l’ora di non eleggere più i senatori per farli nominare da quelle associazioni per delinquere che sono quasi tutti i consigli regionali, con l’aggiunta dell’immunità parlamentare. Eppure la bella addormentata nei Boschi delira, sempre sul Corriere, di un non meglio precisato “impegno da mantenere con i cittadini”: e quando mai ha preso quell’impegno, e con quali cittadini, visto che il suo partito arrivò primo alle ultime elezioni del 2013 promettendo di far eleggere direttamente tutti i parlamentari dopo 10 anni di Porcellum? Poi vaneggia di una fantomatica “esigenza di rispettare la data del 15 ottobre” (fissata da chi? e perché non il 15 novembre, o dicembre, o gennaio?) dinanzi all’“Europa” che “ci riconosce spazi finanziari di flessibilità se in cambio facciamo le riforme”: come se la flessibilità sul rapporto deficit-Pil c’entrasse qualcosa col Senato.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.09.15 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Travaglio
…si può serenamente escludere che negli anni successivi alla Costituzione qualcuno invocasse una riforma…Fu negli anni 70-80 che i partiti cominciarono a scaricare sul Parlamento le colpe della loro inconcludenza, corruzione e rissosità, spacciando alla gente l’illusione che eliminando il Senato o privandolo del voto di fiducia l’Italia sarebbe diventata una democrazia efficiente. Ma nessuno abboccò: l’opinione pubblica seguitò a fregarsene bellamente e nessuno versò una sola lacrima dinanzi al naufragio delle orribili riforme costituzionali tentate dalle varie commissioni bicamerali (Bozzi, De Mita-Iotti, D’Alema-Berlusconi). Anche perché i dati parlano chiaro: se certe leggi impiegano tanto a uscire approvate dal Parlamento non è perché ci siano due Camere anziché una e mezza, ma perché da sempre i partiti litigano fra loro, o più spesso al proprio interno. Quando invece le maggioranze vanno d’accordo, i tempi sono rapidissimi. In media, fra Camera e Senato, 53 giorni per le leggi ordinarie, 46 per i decreti e 88 per le Finanziarie. Solo la loro misera penuria di argomenti può portare Renzi & Boschi a gabellare la loro schiforma per un evento epocale “atteso da 70 anni”. Ma atteso da chi? Secondo l’ultimo sondaggio Ipsos per il Corriere, solo il 3% degli italiani conosce la riforma del Senato “nel dettaglio”, un altro 28% “a grandi linee” e tutti gli altri – la stragrande maggioranza – non ne sanno nulla, per dire con quanta ansia la attendono da 70 anni.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.09.15 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Quella somara della Boschi fa eco ai ragli di quel somaro di renzi.. e per fortuna che renzi ha messo costei a fare il Ministro degli Affari Costituzionali!! E per fortuna che gli incompenti e i disinformati erano i5stelle. La battuta:"Sono 70 anni che aspettiamo la riforma di bicamerialismo" sta facendo ridere tutto il mondo, peggio del tunnel della Gelmini!
Si chiede Travaglio : "Chissà quali libri hanno letto e quali sostanze hanno assunto i due somari che tengono in ostaggio la Costituzione, per farsi l'idea che 70 anni fa, cioè nel 1945, dubito dopo la liberazione dal nazifascismo e dalla guerra civile, gli italiani scendessero in strada scandendo slogan contro il bicameralismo paritario e contro il resto della Costituzione due anni prima che questa fosse scritta. Forse non guasterebbe la lettura di qualche libro di storia, anche in formato bignami, o qualche seduta in una comunità di recupero per insegnare ai due padri ricostituenti qualche rudimento di cultura generale, utilissimo per colmare le loro lacune e risparmiar loro altre scemenze".


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.09.15 12:29| 
 |
Rispondi al commento

L'Antidiplomatico
33 minuti fa ·

I primi rifugiati siriani in Germania stanno già lavorando per un 1 l'ora. Lo "spirito umanitario" della Merkel per i siriani aveva un obiettivo.
Anas Al-Asadi è uno dei primi siriani che ha raggiunto la Germania. 26 anni, a Damasco era un avvocato. Dopo che il suo paese è stato distrutto dalla politica estera criminale della Nato (Usa) è scappato in Germania, dove ha iniziato a lavorare per un euro l'ora.

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=12684

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 18.09.15 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Che fine ha fatto il pluralismo politico nel nostro Paese?"...
...in questo paese, il pluralismo ha funzionato fino a quando la "sinistra" attuale non aveva "preso" il potere. Ora, come hanno sempre fatto, con inganno, il pluralismo non gli serve più.
E come dice un detto popolare: "Adesso chi ha dolori...strilli."
Ci aspetta il risultato drammatico della loro incapacità, e un totalitarismo peggiore che nel passato. Perché la maggior parte, dei loro beneficiati lo considera "giusto"...

Massimo Tramonti 18.09.15 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Il tema precedente era così importante ed è rimasto così poco che le scelte dello staff suonano ormai come un'offesa al buon senso

... e dovevano essere i 5stelle gli incompetenti???!!
Mischiare le elezioni politiche (Senato) con quelle amministrative (Enti locali), che rispondono a criteri elettorali e funzionali diversi, e mescolare potere legislativo (parlamento) con potere esecutivo (organi amministrativi) è una tale bestemmia rispetto alla divisione di poteri postulata da ogni sistema civile che può farlo solo un bifolco della democrazia!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.09.15 12:22| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di questo il giornale on line
"www.loraquotidiano.it" ha chiuso i battenti,...
con il titolo "Fine di un giornale eretico"...
...
pensavo fosse amore per la mia Patria invece era un "prolasso"...

brunorev brunorev 18.09.15 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Roberto Fico & p.c. Blok✰✰✰✰✰...pazienti,

Mia opinione:

se con questo Post si vuol far passare il messaggio che
la comunicazione televisiva sia ora l'unico mezzo efficace per vincere le elezioni
significa - per altro verso - che lo sfruttamento di fonti alternative
da parte dei partiti o movimenti interessati è lasciato al caso
e non viene sviluppato come dovrebbe:
intendo lo sviluppo massiccio di eventi sul territorio con
coinvolgimento diretto dei cittadini,
la costituzione di uno studio d'avvocati per il Movimento (Nando lo spiega), ecc.

La trazzera, gli uffici muriamoequitalia, aiuti alle microimprese
sono apprezzabilissimi ma solo una goccia nel deserto.

Si sa che di tv c'è l'overdose...

Saludos.

P.S.: esse... esse... esse...

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 18.09.15 11:55| 
 |
Rispondi al commento

E come mai non avete citato il vergognoso Tg3 che coi soldi di tutti da sempre fa propaganda per il PC-PDS-DS-PD ?

Andrea Rossi 18.09.15 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Col nuovo CD rai il bomba si è appropriato di tutto lo spazio e dice pure menzogne a ripetizione (come al solito) nel silenzio totale dei conduttori e dirigenti!
Solo la lega e gasparri imperano nei talk!
La sette è molto stitica ! Il m5s è lasciato a se stesso! Cioè non li invitano mai ! INCREDIBILE !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 18.09.15 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Con tutto il rispetto mi sembra una zappata sui piedi..se il mov e' entrato da anni nelle istituzioni a tutti i livelli compresa la vigilanza rai e l'informazione perde a tal punto requisiti di trasparenza e qualita' vuol dire che qualcosa non e' andato nel verso giusto..

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 18.09.15 11:25| 
 |
Rispondi al commento

CAPORETTO 2008+7
Tramonti a Nordest

(Ospiti di gente unica 011)


TRIESTE ROMA BRUXELLES

L'assessore regionale FVG Gianni Torrenti fa lo gnorri e su disposizioni dall'alto NON prevede la calata sui confini orientali di migliaia di persone, di nazionalità ed etnie miste, provenienti dai balcani.

E mentre il Bomba italico si pavoneggia sulla totale apertura delle frontiere, venghino siori venghino, la Debora nostrana di Roma non batte ciglio.

Il risultato si materializzerà nelle prossime settimane con l'improvvisa ennesima emergenza, creata ad hoc, che vedrà impegnati sul campo le istituzioni, la protezione civile e l'orgoglio friulano.

E un oceano di moneta europea si riverserà sul millenario crocevia di popoli chiamato Friûl gonfiando le tasche dei soliti noti con la benedizione di Francesco.

---------------------------------------


Aspettare per credere.


.

epe pepe 18.09.15 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Roberto Fico & p.c. Blok✰✰✰✰✰...pazienti,

quanto costa un inserto pubblicitario di dieci (10) secondi
nelle fascie di maggior ascolto delle principali reti nazionali televisive
in cui si elencano le vendite di armi nell'anno in corso?

Questa è una delle tante idee brillanti che il Movimento si sforza di NON FARE!!!

Capisc'ammè!

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 18.09.15 11:23| 
 |
Rispondi al commento

==== Paolo Z, Crocetta, siamo fuori tema! ====

Russia e Cina attualmente risulta che non sponsorizzano focolai e nemmeno
guerre come gli Stati Uniti.
Invece l'ytaglya fa questo:
"L'Italia vende trenta aerei da guerra a Israele
La Alenia Aermacchi (Finmeccanica) si è aggiudicata una commessa da un
miliardo di dollari. La consegna degli M-346 a partire dal 2014".
Ti ripeto... profughi di tutti i tipi sono creati da focolai e guerre DA
QUALSIASI PARTE SIANO CREATE!

L'informazione mediatica si guarda bene dal sottolinearlo a chiare
lettere!!!

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 18.09.15 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot?

padellaro non pervenuto, marcotravaglio c'ha provato:
"Solo la loro misera penuria di argomenti può portare
Renzi & Boschi a gabellare la loro schiforma per un evento epocale
“atteso da 70 anni”.
Ma atteso da chi?""

ma la frase fatidica:" ma che caxxo stai a di'" gli è rimasta nella punta della penna... timido?

:)

pabblo 18.09.15 10:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori