Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Aggredito un inviato della Gabanelli

  • 13

New Twitter Gallery


"Aggredito, trascinato in un ufficio e immobilizzato dalla persona che doveva intervistare. E’ accaduto a un cronista di Report mentre cercava di avvicinarsi ad Andrea Pardi, amministratore unico della Società Italiana Elicotteri. Pardi è noto per aver tentato in passato di vendere elicotteri all’Iran. Il giornalista, riferiscono dalla trasmissione di Milena Gabanelli, “si trovava all’esterno della palazzina, e ha avvicinato il manager per chiedergli un’intervista. Pardi non gli ha nemmeno lasciato il tempo di porre la domanda – prosegue la nota di Report – lo ha immediatamente aggredito con lo scopo di distruggere la telecamera e contemporaneamente lo ha spinto dentro la palazzina proseguendo l’aggressione in presenza di una decina di impiegati”. Il cronista ha urlato, ma nonostante questo “nessuno è intervenuto. Solo quando Pardi si è impossessato della telecamera – si legge ancora nel comunicato – ha liberato il giornalista, che una volta uscito ha chiamato la polizia“.

Con l’intervento delle forze dell’ordine, proseguono da Report, il giornalista è rientrato in possesso della telecamera, “completamente inagibile”, ma non gli è stata restituita la “scheda con la registrazione del filmato”. Un fatto “di grave e inspiegabile violenza ai danni di un giornalista che stava facendo solo il suo mestiere” a seguito del quale, denunciano dalla trasmissione, Pardi “è stato denunciato“."
Fonte

banner475x1502.jpg

Copia e incolla questo codice per incorporare il banner sopra sul tuo blog:

8 Ott 2015, 10:08 | Scrivi | Commenti (13) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 13


Tags: gabanelli, pardi, report, Società Italiana Elicotteri

Commenti

 

Forse i giornalisti della Gabanelli devono rivedere i modi di comportamento. ..è la terza volta...

Già caz 12.07.16 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che c'é Report , spero che certa arroganza venga punita , anche se nutro forti dubbi ....

lorenzo grasso 23.12.15 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Come sembra 40 per cento di Italiani non son ancora civilizati vivono Come nostri antenati Nelle caverne viserve da domesticarli sono. Ancora come gli homosepian

Carmen posteraro 12.10.15 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Beh, consiglierei ai giornalisti un corso di difesa personale o farsi accompagnare da persona addetta alla sicurezza. L'Italia ,per ora ,funziona così!Se devi agire per far conoscere la verità ,ti devi tutelare perchè nel nostro Paese l'informazione VERA, non è tutelata e per quello siamo al 73° posto per libertà di stampa!Quando si toccano certi fatti e persone, non si viene tutelati, MAI!Un caro augurio ai giornalisti veri ,non venduti ! Paolo buon.

paolo romanello 09.10.15 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..gran pezzo di m...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.10.15 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Vedi se c’è anche il tuo comune nella lista dove il livello di Arsenico nell’acqua potabile è fuori norma

http://quaeram.blogspot.it/2015/10/elenco-completo-dei-comuni-con-arsenico.html

raffaele 08.10.15 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Magari questo Pardi è annoverato nella categoria dei "moderati"!
Dietro una classe politica corrotta e prevaricatrice, c'è sempre una classe imprenditoriale che fa affari con i soldi dei cittadini che pagano le tasse, dichiarandosi liberista e che opprime la classe operaia e portando i proventi nei paradisi fiscali.
Che piacere vedere dei manager che scappano denudati da coloro che devono pagare i loro errori!
Denudati e cacciati a calci nel sedere, ma sempre percettori di liquidazioni plurimilionarie.
Spero che in Italia non si giunga ad azioni del genere. Non perchè dirigenti di azienda, capitalisti che fanno affari con i soldi dello Stato e burocrati senza scrupoli non lo meritino. Ma perchè, grazie al M5S che ha la testa sulle spalle e che da alternative serie e rispettose delle leggi, (anche quelle indegne che vanno cambiate o abolite) da, quotidianamente, dimostrazione che si può cambiare avitando atti di violenza.
La violenza, anche se in risposta a sorprusi inaccettabili, non fa altro che giustificare repressione da parte di governi che, sotto sotto, la auspicano! Abbiamo visto i NO TAV, subire violenza e processi.
Ducetti in cerca di potere assoluto, in Europa, ne circolano in abbondanza.
Tocca ai giornalisti seri e coraggiosi, denunciare questi atti di terrorismo fisico e psicologico nei confronti di chi, denuncia a combatte i sorprusi del potere.
Tocca principalmente ai giornalisti, esercitare il potere che hanno, per informare obiettivamente la gente. Se oscura ul M5S, non fa altro che condannare se stessa, a subire gviolenza ed emarginazione.

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.10.15 15:22| 
 |
Rispondi al commento

...ma quelle immagini di uomini con le camicie a pezzi, quella fuga di spalle dei "manager" di air france, nel paese di budino holland, ripagano un po' delle eccessive fortune concesse a questi "imprenditori", che fanno della vita altrui carne di porco, sull'altare del vitello d'oro...

Massimo Tramonti 08.10.15 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Però educazione vorrebbe che PRIMA si chieda il permesso di un'intervista e POI si inizi a filmare:
se fai il contrario a un privato cittadino non dimostri esattamente buone maniere e la reazione decisamente sproporzionata te la sei comunque cercata.
La differenza sta fra personaggio di dominio pubblico (ad esempio un politico o una star) e un amministratore.
La reazione violenta rimane INGIUSTIFICABILE ma un giornalista dovrebbe evitare di fare riprese per la tv nazionale senza permesso in particolare se il bersaglio sa benissimo quali siano gli scopi spesso denigratori della trasmissione che si vuol fare:
stiamo per entrare in un'altra guerra e il servizietto lo si va a fare all'azienda di elicotteri? Ai politici (ir)responsabili no??
Fazioso non rende l'idea.... non piango per lui.

E due torti non fanno una ragione.

p.s. il bavaglio mi sembra un'azione moooolto più grave per la libertà di cronaca in confronto a questa miserrima irrilevante aggressione ma di nuovo sono politici amici e allora tutti zitti e nessuno parli delle felici conseguenze per i politici amici dei mafiosi.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.10.15 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DENUNCIATO ? In italia non succede niente e adesso il bell'imbusto non correrà alcun rischio !
La magistratura dorme, invece di convocarlo subilto e processarlo per dirtettissima...come si dovrebbe fare per altri mille casi:
MAGISTRATURA LUMACA !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 08.10.15 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori