Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Partite IVA e freelance senza #pensione

  • 15

New Twitter Gallery

pensioneno.jpg

Il Reddito di Cittadinanza è l'unica manovra economica in grado di salvare l'Italia, creare occupazione e garantire dignità a tutti i cittadini. Va approvato subito. Basta elemosina!

"Quando la prima coorte di lavo­ra­tori auto­nomi e pre­cari avrà rag­giunto l’età pen­sio­na­bile (tra il 2035 e il 2040) con il sistema, spe­ri­men­te­ranno le con­se­guenze del sistema con­tri­bu­tivo puro. Loro sono stati i primi a capire che non garan­ti­sce le tutele fon­da­men­tali e saranno i primi a capire cosa signi­fica vivere con un pen­sione di poche cen­ti­naia di euro. Pro­prio come accade oggi al 12% dei pen­sio­nati che vivono con meno di 500 euro.

La dif­fe­renza è che, tra vent’anni, que­sta situa­zione riguar­derà i lavo­ra­tori che ten­gono in piedi il wel­fare e in molti casi rap­pre­sen­tano la parte più viva (e la più sfrut­tata) del ter­zia­rio e dei servizi.
I movi­menti dei free­lance sono da tempo impe­gnati a tro­vare una solu­zione. Non altret­tanto è la poli­tica impe­gnata a garan­tire la bolla che pro­durrà il disa­stro o a rime­diare agli incre­di­bili errori com­piuti dal governo Monti ai danni dei pen­sio­nati e pen­sio­nandi retri­bu­tivi: gli eso­dati, la fles­si­bi­liz­za­zione del’età di pen­sio­na­mento, la riva­lu­ta­zione, in seguito alla sen­tenza della con­sulta, delle pen­sioni che erano state bloc­cate (le pen­sioni supe­riori a 1.500 euro lordi).

VIDEO Come farsi la pensione fai da te

Il pro­blema del futuro riguarda la nuova forza lavoro, oggi senza prospettive." leggi l'articolo integrale su Il Manifesto

22 Ott 2015, 12:59 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 15


Tags: freelance, partita IVA, pensione, pensioni

Commenti

 

La legge fornero è,è,è, una evidentissima fregatura.
il sistema retributivo ti mandava in pensione con una cifra proporzionata al tuo stipendio. (escludendo tutti i marioli che negli ultimi anni potevano gonfiarli (vedi dirigenti publica amministrazione).
il sistema contributivo, tiene conto dei contributi versati. quindi quando sarà il momento il saldo dei contributi versati ti consentirà di sopravvivere per alcuni anni. però si terrà conto del coefficente rivalutativo
(da loro stabilito) che ti permetterà di sopravvivere per gli anni che vivrai.
Appunto sopravivere!!!
La legge va rifatta!!
La complementare è un opzional per chi se la può permettere! W M5S. meditate!

lofoco gerardo 24.10.15 19:50| 
 |
Rispondi al commento

ASSISTENZA FINANZIARIA /// sdunzicknicole12@gmail.com

Buongiorno costoso amico, metto a vostra disposizione un prestito di 2000
euro almeno ad un importo di 10000000 euro con un tasso d'interesse fisso
del 3% l'anno. Infatti, io quest'offerta vi conta tuta di numeroso che
correte ogni giorno e la mancanza di sovvenire ai vostri fabbisogni
finanziari è diventata la vostra preoccupazione ogni giorno. Allora non
mancate questa possibilità di avere il vostro prestito in 48 ora con
condizioni molto favorevoli.
Resto in attesa della vostra risposta da aiutarli.
I nostri indirizzi mail o contattarli:

sdunzicknicole12@gmail.com

sdunzick nicole 23.10.15 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema retributivo serviva a garantire (escludo dal commento le pensioni cosidette d'oro, queste sono da considerare del tutto fuori legge), dicevo che il retributivo serviva a recuperare la perdita del potere d'acquisto e la svalutazione monetaria. Pensate col sistema contributivo come potrà essere la sopravvivenza di un pensionato. Avrà, grazie a tutti quelli che hanno voluto e approvato la legge Fornero, solo disperazione. Ecco perché serve abrogarla subito e tornare al sistema retributivo e ai 40 anni di contributi. I soldi, se si eliminano tanti privilegi, e le miriadi di disonestà, si trovano. Forza 5 stelle!

Eduardo Minolfi 23.10.15 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Spero che non appena insediato al governo, cinque stelle possa abrogare la cosiddetta legge fornero ed eliminare gli enti inutili, fissare un tetto massimo di stipendi e pensioni, stabilendo anche un minimo dignitoso x entrambe le categorie sotto cui non si dovrà andare.

Eduardo Minolfi 23.10.15 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Vediamo un esempio vero, non 2% di pil o 3 punti in meno di qua o una sforbiciata dillà. Ciò che esce dal portafoglio (e ciò che non entrerà).

Autonomo, partita iva, gestione separata Inps (27,72% di contribuzione - quasi un terzo del reddito!!!!, oltre irpef, addizionali, irap e indirette), soggetto a ritenuta di acconto (quindi fattura da 100 + iva 22% = 122 dedotta ritenuta 20%: 122-20= 102, ciò che realmente incasserà l'autonomo a cui sottrarre ancora l'iva di 22, per cui in tasca gli rimane 80).

La persona fattura circa 32/33 mila euro annui, con un reddito di circa 18/19 mila euro, versa l'iva ogni tre mesi. Fa unico 2015, determina imposte e contributi. Le ditte vogliono la fattura, ma i pagamenti rallentano; per cui l'iva la deve versare ma a novembre 2014 non ha soldi, e non versa l'iva ma versa l'acconto inps di unico.
Nel frattempo incassa qualche eurino (10 mila circa). Con unico 2015 determina le imposte, i contributi e l'iva annuale.
Morale: dei 10 mila euro in cassa deve versare: iva che non aveva pagato per circa 2 mila euro, iva periodica a novembre 2015 per altrettanti 2 mila euro e a novembre l'acconto inps di oltre 2000 euro. Gli rimane meno di 4 mila euro. Questi sono conti della serva, non un punto di pil mezzo di pul e un terzo di pal...

La gestione separata Inps costa oltre 5 mila euro annui (tanto quanto versa l'azienda per un dipendente da 1200/1300 mensili) ma non si sa ancora bene quanto percepirà di pensione (se la percepirà, e ho forti dubbi).
Questo è il mondo reale.

Gian A Commentatore certificato 23.10.15 08:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lottare per il Reddito di cittadinanza..e contro gli sprechi di spesa pubblica.

silvio aulisi 22.10.15 22:50| 
 |
Rispondi al commento

per gli artigiani pensione niente (come peraltro malattia ed infortuni), però i soldi li vogliono. io sono artigiano ma da due anni non c'è lavoro. risultato: reddito zero. però l'inps pretende 860 euro al trimestre senza sentire ragioni. io che faccio, devo rubare? ah... un messaggio per equitalia: smettetela di mandarmi raccomandate: non ho un euro. risparmiate la carta!

mr. x Commentatore certificato 22.10.15 18:15| 
 |
Rispondi al commento

...ma perchè continuate a parlare di reddito di cittadinanaza e nessuno parla di quello che sta succedendo in Italia...co 'ste bande di delinquenti che imperversano nella penisola e, se qualcuno OSA difendersi, viene indagato e, magari, anche arrestato?????

giorgio l., verona Commentatore certificato 22.10.15 17:45| 
 |
Rispondi al commento

REDDITO DI CITTADINANZA E COLLOCAMENTO invece che REDDITO DI CITTADINANZA

Propongo un semplice cambio del nome. In questo modo il concetto espresso dall'attuale proposta del reddito di cittadinanza sarebbe esplicita sin dal nome. Come è adesso molto gente è tratta in inganno e si presta la disinformazione dei partiti. Il reddito di cittadinanza, nell'ignoranza, è etichettato come assistenzialismo

pompilio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.10.15 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Nel 2035, proprio per l'aumento dell'aspettativa di vita, 3 mesi/anno, l'età pensionabile aumenterà automaticamente di 60 mesi, cioè, 5 anni.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 22.10.15 16:24| 
 |
Rispondi al commento

aaaahh ... quanto rimpiangiamo i tempi del patibolo.....

Mimmo ., Vicenza Commentatore certificato 22.10.15 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma sì, reddito per tutti, teniamo lo stesso welfare che solo per non implodere ha bisogno dell'80% di carico fiscale reale e che sta distruggendo da decenni il tessuto produttivo dei Tax Payers, l'unico a mantenere in vita a costi demenziali un paese strabollito(non sia mai che in qualche sede distaccata della foresta nera o in qualche ufficio atto a mettere timbri per giustificare l'esistenza della demenziale quanto inutile e dannosa giungla di parassiti pubblici improduttivi, qualcuno rimanga disoccupato alla stregua di sfigati fuori dalla mammella statale come possono essere i panettiere od i falegnami che ormai non hanno neanche più il tempo di infornare/tagliare qualcosa visto l'abnorme numero di f 24 in scadenza per tenere in piedi lo strabollito carrozzone redistributivo sotto monopolio, ovvero furto..).

Reddito per tutti con i soldi degli altri ( a meno che non vogliate fondare una moneta che certamente gli altri correranno in massa ad acquistare in un paese vecchio e di sovvenzionati di ogni tipo..)

Mi sembra logico, in un mondo globalizzato e privi come siamo di ogni risorsa naturale o di qualcosa che altri siano disposti a comprare e che non siano le nostre pensioni, risolvere il problema (Stato) con dosi maggiori dello stesso problema.

Benvenuti al progetto Sovvenzionia, dove Mamma Stato ti riempe le tasche con soldi altrui, e dove decideranno anche il mestiere che ti competerà per entrare nel magico mondo dei sovvenzionati ( mi ricorda gli 80 euro del cazzaro, no?, sarà di sucuro un successo.

Nthn # Commentatore certificato 22.10.15 14:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una volta, molti anni or sono, diciamo ai tempi di Andreotti e' successo un fatto curioso: destra e sinistra si incontrarono in Parlamento per discutere sul sussidio da dare ai disoccupati. La destra propose una determinata cifra, sostenendo che quella fosse solo un idea iniziale e che in futuro si sarebbe potuta aumentare. La sinistra, invece che fare una contro-proposta inizio' subito una polemica dicendo che la cifra era esageratamente bassa. I due avversari litigarono a lungo ma alla fine si concordarono su un punto: e' vero, la cifra è troppo bassa e quindi lede la dignita' dell'individuo. Così, per non offendere i disoccupati, accantoniamo la proposta e restiamo in attesa di migliori progetti. E così, come il gatto e la volpe, la destra e la sinistra si strinsero la mano e soprattutto i soldi pubblici, quelli che erano destinati ai disoccupati.

Spero che il M5S riesca a realizzare il reddito di cittadinanza quanto prima. Sarebbe uno scacco matto per quei due schieramenti che hanno sempre preso in giro l'Italia.

Forza M5S!

Zampano . Commentatore certificato 22.10.15 13:58| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori