Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Eliminare l'ISIS e i suoi finanziatori

  • 178

New Twitter Gallery



intervento di Giorgio Sorial, capogruppo M5S Camera, pronunciato nell'Aula di Montecitorio lunedì 16 novembre 2015

"Gli attacchi di Parigi sono stati terribili e hanno scosso la coscienza e la percezione di ognuno di noi. Nella capitale francese è stata realizzata una vera e propria azione militare con un commando specificatamente addestrato e pronto a morire.
Gli attacchi di Parigi sottolineano ormai quanto siano deboli e facilmente attaccabili i sistemi occidentali, incerti e fortemente divisi sulle forme di contrasto al terrorismo e il nostro Paese, con il Giubileo alle porte, rischia di oggi di divenire il primo bersaglio dei fondamentalisti.
Se i fatti di Parigi rappresentano l'11 settembre europeo, quel che è certo è che occorre rispondere in modo totalmente diverso da come si è risposto dopo l'11 settembre statunitense. Questo perché, da quando si è dichiarata una guerra totale al terrore, il terrore è proliferato: i dati del Global Terrorism Index rivelano che le vittime del terrorismo sono quintuplicate dagli attacchi alle Torri Gemelle e nonostante i 4.400 miliardi di dollari spesi nelle guerre in Iraq, Afghanistan e in altre aree di crisi sono nate nuove sigle jihadiste.

Come combattere efficacemente il terrorismo

Negli ultimi 45 anni, sempre secondo il Global Terrorism Index, l’80% delle organizzazioni terroristiche è stato neutralizzato grazie al miglioramento della sicurezza e alla creazione di un processo politico finalizzato alla risoluzione dei problemi che erano alla base del sostegno ai gruppi terroristici. Appena il 7% è stato eliminato dall’uso diretto della forza militare.
Gli attentati di Parigi e i loro esecutori dimostrano ancor di più che il terrorismo 2.0 si affronta internamente, non facendo alzare in volo un F35. L'Italia, ancor prima degli attentati di Parigi, aveva un disperato bisogno di sicurezza. Le forze dell'ordine sono sotto organico e mal equipaggiate. Le risorse sprecate in cacciabombardieri difettosi (ben 13 miliardi di euro) e in una guerra inutile, oltretutto persa, come quella in Afghanistan, vanno investite in sicurezza interna.

Come eliminare l'ISIS

La sicurezza è un investimento, non solo una voce di bilancio. Oltre alle forze dell'ordine è l'intelligence che necessita di sostegni ulteriori, anche attraverso la formazione di corpi d'élite.
Sappiamo tutti che oggi non c'è una soluzione immediata al terrorismo, ma sappiamo anche che il terrorismo è una macchina che va a benzina. Per togliergli la benzina occorre da un lato lavorare sul traffico di armi e dei finanziamenti ad ISIS e contemporaneamente spegnere, uno ad uno, i focolai che alimentano il jihad dandole forza di propaganda utile nel reclutamento di nuovi miliziani.

L'Italia deve:

- Ripristinare i fondi che il governo ha tagliato alle forze dell'ordine e dare maggiore sostegno all'intelligence
- Interrompere ogni rapporto e sanzionare tutti quei Paesi che (direttamente e indirettamente) sostengono il jihad. In particolare le monarchie del Golfo (su tutti Arabia Saudita), che contribuiscono a finanziare in modo illegittimo milizie jihadiste con la compiacenza dell'Occidente. A Riad è in vigore la "sharia" così come a Raqqa, quartier generale dell'Isis. A Riad le donne non possono guidare, non hanno alcun diritto, è in vigore la pena di morte, la fustigazione, ma nel nostro governo nessuno sembra stupirsi, neppure quando all'Arabia Saudita viene concessa la guida del consiglio dei diritti umani dell'Onu. Non sembra stupirsi nemmeno Matteo Renzi, che solo pochi giorni fa era in visita proprio a Riad.

- Varare subito una moratoria sulla vendita di armi ai Paesi coinvolti in conflitti, anche indirettamente, anche in guerre per procure come quella siriana (sono stati dati diritti alle merci, tra cui le armi e tolti alle persone. Oggi vogliono limitare la libertà delle persone ma non quella delle armi).
- Rafforzare le nostre frontiere: siamo la porta di ingresso in Ue, l'Italia è sottoposta a rischi maggiori. Servono maggiori controlli, controlli efficaci.
- Introdurre misure volte alla prevenzione del terrorismo, misure atte ad avviare processi di de-radicalizzazione, che nel decreto Alfano sono assenti. Non possiamo sempre reagire, bisogna anticipare l'ipotesi di attacchi. Non sarà un aumento delle pena di prigione a convivere un kamikaze a non farsi saltare in aria in una piazza.

La stabilità in medioriente è condizione necessarie per sconfiggere il terrorismo. Quindi:

- Ritirare immediatamente le truppe italiane dall'Afghanistan
- Coinvolgere nel processo diplomatico attori cruciali ma finora rimasti al margine del dibattito internazionale, come Lega araba e Unione africana.

La politica estera dei cittadini
I governi europei finora hanno portato avanti iniziative di politica estera non considerando gli interessi e le volontà dei propri popoli. Anziché colpire il terrorismo e salvaguardare la sicurezza e le frontiere d'Europa, hanno garantito interessi privati delle multinazionali e perseguito altri obbiettivi. La situazione sta precipitando ed è necessario un cambiamento di rotta drastico e immediato.
Se la responsabilità degli attentati in Francia è dell'ISIS e l'obiettivo comune è smantellare l'organizzazione dello Stato Islamico nel territorio in cui si è insediato in Siria e Iraq, si inizi con l'individuare e il punire chi compra il loro petrolio, con i proventi del quale finanziano la loro struttura e le attività terroristiche in tutto il mondo. Stime indicano che si tratta di 500 milioni di euro ogni anno. Chi finanzia i terroristi va considerato loro pari.

Tutti insieme contro il terrorismo
L'Europa deve riconoscere come suo alleato qualsiasi Paese mostra il chiaro interesse di combattere il terrorismo, compresa la Russia. L'Italia e i Ventotto devono innanzitutto revocare le sanzioni sancite nei confronti di Mosca per facilitare il percorso di cooperazione e lo svolgimento delle attività diplomatiche. Il governo italiano ha il dovere di agire per garantire la sicurezza interna dei cittadini italiani.
Condanniamo ogni forma di violenza, odio e terrore. Siamo vicini al popolo francese e a tutti nostri connazionali coinvolti. Ci stringiamo attorno al dolore della famiglia di Valeria Solesin." Giorgio Sorial, capogruppo M5S Camera

cale_ereti_banner.jpg

18 Nov 2015, 14:26 | Scrivi | Commenti (178) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 178


Tags: Arabia Saudita, Giorgio Sorial, governo, Isis, Jihad, M5S, pd, Renzi, Sorial, terrorismo

Commenti

 

tasso d'interesse del 2%. Contatta da parte di mail: francisco.branco00@gmail.com
Offerta di prestito tra privato tra privato
Sono un finanziere, prestatore particolare privato che presenta offerte di
prestito che va del 1000€ a 2.500.000€ riconosciuto in tutto il mondo.
Volete ottenere un credito per un progetto di cambiamento d'automobile o
costruzione della vostra casa. uno
tasso d'interesse del 2%. Contatta da parte di mail: francisco.branco00@gmail.com

francisco branco, Napoli Commentatore certificato 14.02.16 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, io sono un individuo che offre prestiti a internazionale l. Dotato di un capitale
che verrà utilizzato per erogare prestiti tra privati a breve e lungo termine da
2000€ a €500,000 a tutte le persone a grave essendo nei bisogni reali, il tasso di
interesse del 2% l'anno. I fornisce prestiti finanziari, mutuo per la casa, prestito di investimento,
Prestito auto, prestito personale. Sono disponibile per soddisfare i miei clienti in una durata massima 3 giorni dal ricevimento del modulo di domanda.
Passo serio persona ad astenersi

Più informazioni
Precilla.vandekt@gmail.com
Grazie

precilla 12.01.16 16:47| 
 |
Rispondi al commento


CARO GRILLO ---------


ENTRARE IN UNA STANZA BUIA E CERCARE L'INTERRUTTORE DELLA LUCE ( CONOSCENZA ) SU QUESTA STORIA DEL TERRORISMO STRANO E DISSIMULATO COME ISLAMISTA , SENZA CRITERIO DI RICERCA , PORTA CHE SI PERDONO GIORNI ( E ANNI ) CON INTERPRETAZIONI BLA' BLA' SEMPRE SCANSANDO I RESPONSABILI VERSO PAESI LONTANI E OPERATORI LONTANI , INVECE CI SONO OPERATORI VICINI ( PRETI PEDERASTI CATTOLICI )CON RAPPORTI CON GLI ISLAMISTI CON VISITE A ROMA E CON ACCORDI FATTI CON FATTI COME IL RINCARO PETROLIFERO ATTO A FINANZIARE E DOPO AVERE SCALZATO BUSH JR ( CHE HA PORTATO IL PETROLIO A 16 $ BR CON RELATIVA RIPRESA )NULLA FRENA PIU' QUESTO PROGRAMMA CHE LA DEFORMAZIONE DEI MEDIA COPRE CON TOTALE SPETTRO DI SPIEGAZIONI ECCETTO QUELLA SEMPLICE DEL TERRORISMO DELLA CHIESA DEI SANTI PEDERASTI, ATTIVA IN TUTTE LE DESTABILIZZAZIONI DALL'IMPERO ROMANO IN GIU', PASSANDO PER LE BR IN ITALIA CHE NON ERANO ISLAMISTI , E GLI ISLAMISTI ENTRANO COME STRUMENTO MONDIALE DOPO AVERE CONSUMATO META' DEL MONDO COL COMUNISMO ( CHE SEMPRE STRUMENTO DI PRETI PEDERASTI CATTOLICI ERA E PREPARATO A CAPRI ? ) E ORA SCOPERTO , PER UN NUOVO DISSIMULATO STRUMENTO DETTO ISLAMISMO CHE AVVICINA IL MONDO IN MANO AI PRETI DEL NEOLITICO CHE SI BASA SULLA APPLICAZIONE ALL'UOMO DELLE LEGGI DEGLI ANIMALI DI DOMINIO TOTALE - CHE COMPORTA ANCHE LA MORTE FISICA DELL'UOMO COMPRESO CHI LO PROFESSA E PROPONE PERCHE BESTIA E L'UOMO E' LIBERO E L'ITALIA NON E' LIBERA E DEMOCRAZIA VIENE DETTA LA DIRETTIVA DI VOTO .

SE BERLUSCONI E' STATO SCOPERTO COME PROPOSTA DI ALTERNANZA AL SERVIZIO DEI PRETI E PERCIO' SUBITO INDICATO ? E' PERCHE' LA LOTTA DEI POLLI PER SERVIRE LA CHIESA (POLLI POLITICHETTI ) VIENE PRATICATA DAI POLITICHETTI E POI NON DICANO CHE SONO TRATTATI MALE PERCHE QUELLO E' IL TRATTAMENTO ORDINARIO DI BESTIA ( NON LIBERA ) A BESTIA ( NON LIBERA )---

ENTRANDO IN UNA STANZA BUIA LA LUCE ( L'INTERRUTTORE ) SI TROVA IN BASSO A SX-- COSI' PER ORIENTARCI COME IN I

PROF MARCELLO PILI 22.11.15 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Dopo le notizie di questi giorni, circa sui finanziatori dell'ISIS, . . . mi aspetto che la FIFA decida sui mondiali di calcio del 2022 che si devono disputare in Quatar perchè vengano annullati , . . . e che la Borsa di Londra prenda provvedimenti circa lo Stato del Quatar che controlla con il loro Fondo sovrano già gran parte dei titoli della Borsa di Londra.

tindaro Bisazza 20.11.15 00:47| 
 |
Rispondi al commento

Si dovrebbe leggere La Stampa, pag. 8, dove M. Molinari riporta da Gerusalemme che gli americani in Verità non bombardavano l'ISIS, ma facevano melina da un anno. Lo dice Lavrov con dati di fatto. Naturalmente chi conosce gli obiettivi americani e quello che gli indiani definivano 'lingue biforcute', sa da tempo che l'obiettivo era appunto che islamici ammazzassero altri islamici, da qualche decennio. Adesso però il giochetto è scoperto. Poi verrà fuori che è vero che sauditi e qatarioti mandano soldi all'ISIS tramite il Kuwait, ma si verrà a sapere che i turchi hanno dato la base agli americani proprio per ammazzare i curdi prima di ogni altro. I turchi fin dall'inizio hanno supportato e fornito uomini all'ISIS che gli vende ogni giorno tanto petrolio. Anche alcuni europei lo comprano dall'ISIS, come lo comprando dai curdi che grazie agli americani hanno recintato un piccolo stato nello stato con la sola attività di vendere petrolio alle ditte europee, americane e turche. Proprio per questo nel Kurdistan non si ammazzanotroppo curdi e turchi... Povera Italia!
Franco-Milano+

francesco Di matteo, Milano Commentatore certificato 19.11.15 14:36| 
 |
Rispondi al commento

L'uomo da quando ha acquisito la conoscenza ha sempre affiancato il suo progredire con l'affinamento delle armi, al punto che non può esserci il benessere in mancanza del mezzo per difernderlo o per imporsi sull'avversario. Si vis pacem, para bellum; questa formula ha sempre accompagnato tutte le civiltà che si sono imposte o che non siano state protette da altre che l'adottavano. Per fare le stragi, ma anche per fare quelle guerre relativamente povere bastano armamenti che possono essere prodotti in paesi anche con bassa tecnologia. Per esempio le armi prodotte a Darra, la val Trompia pakistana, sono fuori da ogni controllo come pure quelle prodotte in decine di stati e staterelli limitrofi, senza contare che anche la Cina capitalcomunista con il suo credo espansionistico ha un mercato di armi dalle enormi capacità produttive e molto accondiscendente in fatto di commercio con l'estero a prescindere dalla legalità. Piuttosto, visto e considerato che gli autori di questi attentati sono "europei" o meglio ex medio orientali o nord africani, da tempo stabilitisi in europa se non quando addirittura nativi. Queste persone venute in Europa a svolgere i cosidetti "lavori che gli italiani o europei non vogliono fare", lavori umili, ripetitivi e poco professionali, che condannano la persona a rimanere "a vita" in quelle condizioni, condizioni che portano all'emarginazione sociale ed economica tutto terreno fertile per rivendicazioni anche violente e perchè no anche al terrorismo se questo promette di sconfiggere l'iniquità e castigare chi ti tiene sotto il tallone.

Paolo Andrea 19.11.15 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo intervento del nostro Sorial, le guerre senza soldi e armi non si possono fare.

Dario Giovaani Giussani 19.11.15 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Difficile far decollare un F35, visto che non è in grado di volare in modo sicuro. Un bidone volante, anzi no, volante non ancora.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 19.11.15 10:29| 
 |
Rispondi al commento

sostegno all'intelligence

8 per mille all'intelligence anziché ai nababbi della chiesa; voglio venga messo al voto in parlamento come proposta nuova di destinazione

mirko mariotti 19.11.15 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Non sono assoulutamente d'accordo sulla rottura dei rapporti e sulle sanzioni ai paesi che sostengono i terroristi perché, come sempre, colpiscono indiscriminatamente tutta la popolazione e non favoriscono un dialogo che bisogna auspicare sempre come possibile. Inoltre, tra le proposte per fermare il terrorismo mancano sia il sostegno alle associazioni/organizzazioni pacifiste (qualora esistano), sia lo sviluppo di progetti culturali che favoriscano il dialogo fra culture diverse, il rispetto reciproco e la conoscenza.

Francesco Marano 19.11.15 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Ultimi due appunti. Per quelli che: bisogna bombardare per spezzar loro i reni. Un idea miope che non ha funzionato ne' con Ho Chi Minh ne' col Mullah Omar. Chi e' disposto a dare la sua vita per una causa, giusta o sbagliata che sia dal nostro punto di vista, non e' vincibile con questo atteggiamento. Sopratutto se ha molto seguito popolare. Per quelli che: in medio oriente le donne non possono guidare, il maiale e' impuro, l'alcol e' proibito e le esecuzioni capitali avvengono il venerdi' sera in piazza. Se non ci garbano usi e costumi altrui, evitiamo di mettere piede sul loro territorio, con la scusa magari che e' da fighi far vacanze sul Mar Rosso, a Bali o a Marakesh. Per quelli che: la democrazia e' l'unico emblema di civilta'. Dove sta scritto che altre culture debbano per forza abbracciare tale forma di governo? Democrazia diventata ormai un feticcio qui da noi, privo di qualsiasi valore intrinseco. Un cadavere imbellettato, tale e quale al potere che -molto in teoria- dovrebbe essere garantito al popolo "sovrano". Auguri!


L'Italia è forte. Lo dimostrano quasi tutti i commenti che ho letto finora e l'ottima proposta cinque stelle. Se riusciamo a portarli al governo sarà il governo del BUONSENSO e staremo tutti molto meglio.

Mara T., Oristano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.11.15 09:01| 
 |
Rispondi al commento

CANONE RAI IN BOLLETTA ELETTRICA. FURTO LEGALIZZATO!

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/11/canone-rai-in-bolletta-elettrica-furto.html
di Gianni Lannes

Anche chi non possiede un televisore dovrà pagare lo stesso. Ecco un'altra rapina legalizzata del governicchio Renzi, in barba alla Costituzione ormai stracciata dal trattato di Lisbona. La Legge di Stabilità 2016 (in fase di approvazione) - già palesemente incostituzionale - stabilisce che il canone Rai, sarà diviso in 10 rate da pagare nella bolletta elettrica, “addebitate sulle fatture emesse dall’impresa elettrica aventi scadenza del pagamento immediatamente successiva alla scadenza delle rate”. Lo prevede un emendamento delle relatrici alla legge di Stabilità che sarà presentato a breve in commissione Bilancio al Senato. Nel testo originario licenziato dal consiglio dei Ministri sono invece previste 6 rate da 16,66 euro. “Per via dei tempi di adeguamento dei sistemi di fatturazione per il 2016 – si legge nell’emendamento – il primo versamento delle rate scadute avverrà cumulativamente dal primo luglio 2016”. In altre parole, a regime dal 2017, ogni mese – da gennaio a ottobre – gli italiani si ritroveranno in bolletta un addebito di 10 euro mensili – e quindi 20 euro in più nei primi quattro bimestri. Ma per il 2016 questa procedura non è fattibile per mancanza di tempo. Così, in via transitoria, nel quarto bimestre del prossimo anno 23 milioni di famiglie (a tanto ammontano per il ministero dell’Economia quelle che dovrebbero versare il canone Rai, mentre lo scorso anno lo hanno pagato solo 16 milioni) si ritroveranno nella bolletta della luce di luglio un importo aggiuntivo di 70 euro, mentre i restanti 30 euro saranno spalmati nei mesi successivi.

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 19.11.15 08:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravi 5S,avete fatto molto bene a non lasciarvi incantare dalle sirene della finta sinistra.Solo il Papa può far crollare il sistema che ha fatto prolificare i figli del Mostro Isis,però se non condanna ufficialmente le Missioni di Pace che sono state la vera causa scatenante,non si potrà mai sperare per il ritorno nei fondamentali valori di pace,tolleranza,fraternità.Il Vaticano ha molte responsabilità perchè,è proprio della protezione data ai politici e ai gestori del territorio è prolificata la gramigna delle metastasi del cancro maligno della Malapolitica basata sul vittimismo,denigrazione,omertà,ricatti.Perchè nessuno parla del perché l'Isis trova tante persone pronte a farsi esplodere?Perché nessuno parla delle atrocità che gli ivasori hanno inflitto invadedendo militarmente Nazioni ricche di Risorse Primarie?Se i politici avessero pensato di togliersi la trave egoistica-cinica-presuntuosa che hanno nell'occhio e pensato di governare bene la propria Nazione prima di pretendere di esportare il buon governo e benessere con le guerre mascherate sotto copertura "Missioni Di Pace",l'Isis non si sarebbe mai moltiplicato.Per capire il perchè di come è gestito il sistema,basta analizzare la storia di un gestore del territorio che usa la manodopera specializzata Zingara,Rumena,Albanese per minacciare e punire chi non si adegua ai suoi voleri.Infatti fa finta che non va d'accordo con la moglie,la critica,ha l'amante,però gestiscono assieme gli affari ed il gruzzolo viene investito all'estero tramite parenti e maici fratelli,poi basta spacciarsi come un povero pensionato e vivere riverito da nababbo.I fatti più cinici e crudeli sono il cinismo,l'arroganza di chi si fa vedere che va a Messa,fa la Comunione per poi denigrare il prossimo,anche a scapito di rovinare i figli per poi farsi vewdere che piangono quando vanno al cimitero,però sono battezzati,hanno l'acqua Santa e quando crepano gli viene celebrato faraonici reali funerali che venerano il morto.

Agostino Nigretti 19.11.15 08:56| 
 |
Rispondi al commento

L'ISIS è finanziata dall'Arabia Saudita dal Qatar dal Kuwait(sono i maggiori finanziatori dello Stato Islamico) Poi ci sono le donazioni volontarie che pervengono dai paesi del Golfo Persico, la vendita di petrolio e controllo di infrastrutture.Il ministro tedesco Gerd Mueller e vice segretario Usa David Cohen hanno accusato il Qatar di finanziare l’Isis.In Qatar le condizioni per la raccolta di finanziamenti sarebbero favorevoli grazie a politiche di controllo liberiste da parte del governo.Centinaia di milioni di dollari versati da facoltosi uomini d’affari in Qatar e Kuwait a favore di al-Nusra e Isis, che in precedenza era nota come al qaeda in Iraq.Abd al-Rahman al-Nuaymi, Salim Hasan Khalifa Rashid al-Kuwari, Abdallah Ghanim Mafuz Muslim al-Khawar, Khalifa Muhammad Turki al-Subaiy, Yusuf Qaradawi sono alcuni dei finanziatori dell’Isis in Qatar.Abd al-Rahman al-Nuaymi avrebbe donato oltre 600 mila dollari nel 2013 ad Al Quaeda in Siria e due milioni al mese ad Al Quaeda in Iraq.Il dipartimento del tesoro americano avrebbe donato centinaia di migliaia di dollari ad Al Quaeda in Iran nel corso degli anni e così anche Abdallah Ghanim Mafuz Muslim al-Khawar.Il Kuwait è l’epicentro del finanziame dei gruppi terroristi in Siria, mentre ufficialmente il governo del Paese non appoggia i gruppi islamisti come l’Isis, la popolazione appoggia le milizie jihadiste attraverso donazioni e finanziamenti o arruolandosi nelle milizie.La maggioranza shiita irachena, dice l’ex premier iracheno Nouri al-Maliki, ha dichiarato di ritenere responsabile l’Arabia Saudita per il supporto finanziario e morale dell'Isis. Günter Meyer, direttore del Centro ricerche sul mondo Arabo all’Università di Magonza (Mainz), dice che le ragioni del finanziamento,risiedono nella volontà degli stati del Golfo, di ostacolare il regime di Assad.Mentre gli stati del Golfo Persico finanziano i jihadisti, gli Stati Uniti sono intervenuti in Irak a sostegno di iracheni e guerriglieri curdi per fermare ISIS

NOVECENTO SULL'OCEANO Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 19.11.15 08:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è un partito ,strapieno di corrotti,condannati, ,indagati,che si è impadronito totalmente dei mezzi d'informazione, specialmente di quelli considerati pubblici, che tramite il suo giornale viene a darci lezioni di democrazia.Sono due giorni che questi delinquenti,terroristi dell'informazione scrivono la solita pillola contro il M5S,colpevole di non prendere(secondo queste cime) posizione sull'Isis. Questi poveracci non si sono accorti che il loro datore di lavoro è andato ,una settimana fa nella democratica Arabia saudita e che ieri da Elmas è partito un'aereo carico di tonnellate di bombe ,loro la lotta all'isis la fanno anche così..che pena .

Canzio R. Commentatore certificato 19.11.15 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Se la chiamiamo "guerra" che guerra sia, cominciamo col fare quel che fecero gli Americani con le famiglie Giapponesi (spesso già cittadini usa), dopo Pearl Harbor ; TUTTI DENTRO!
Anke i Kamicaze hanno famiglia, forse non si sacrificherebbero tanto facilmente se a rimetterci ci fosse anche mamma, sorella, figli.

Wlad d. Commentatore certificato 19.11.15 08:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Apprezzabile l'intervento, molto meno alcuni commenti di chi dovrebbe prima leggersi un po' di storia recente senza filtrarla attraverso lo spocchioso monocolo occidentalista. Per quanto tragici i fatti siano, quello di Parigi e' un terrorismo di riporto di uomini e donne di diverse nazionalita', che hanno trovato nell'Isis -ammesso e non concesso che quello sia il mandante- l'unica organizzazione paramilitare di rilievo nella quale arruolarsi per "vendicare" i torti da loro subiti in terra natia. Non si tratta solo delle porcate inenarrabili compiute da noi occidentali dalla seconda guerra contro l'Irak, all'invasione dell'Afghanistan, fino all'aggressione d'imperio contro la Libia, ma anche di mai sopiti odi per le dominazioni subite direttamente dal Magreb fino agli anni 60 o a quelle piu' o meno dirette subite dal medio oriente sino ai giorni nostri. Non e' storia di Lepanto signori, ma storia assai piu' recente. Se a questo poi aggiungiamo che la Francia si e' permessa di intervenire militarmente in Mali un annetto fa o giu' di li' per sostenere un governo "dittatoriale" fottendosene del famigerato diritto internazionale, a dimostrazione che l'Africa e' un scendiletto per le loro convenienze, il cerchio si chiude. Loro -i terroristi- reagiscono coi mezzi che hanno: avessero i bombardieri come noi civilissimi occidentali, ci bombarderebbero. In assenza di meglio s'attrezzano con quello che possono recuperare. Grottesco? Sara', ma e' la cruda realta'. Auguri!

Massimo Trento (orbo e semisordo), Belluno Commentatore certificato 19.11.15 08:11| 
 |
Rispondi al commento

**Berluscameno
Oggi la “geopolitica del caos” si avvale sempre di più della più’ grottesca creatura dell’intelligence USA’, “il fondamentalismo islamico”:
nel lontano 2009, i militari americani del centro iracheno di detenzione di ‘Camp Bucca’ si videro recapitare l’ordine di rilascio dell’allora oscuro Abu Bakr Al-Baghdadi, l’attuale “califfo” dell’ Isis. Oggi, Al-Baghdadi è l’uomo che minaccia l’Europa e fa strage di innocenti a Parigi, e c’è chi se ne stupisce: politici e giornalisti esibiscono sconcerto e raccapriccio, come se brancolassero nel buio.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.11.15 07:57| 
 |
Rispondi al commento

Berluscameno
La nuova strage di Parigi era annunciata e non solo dai proclami bellicosi dell’Isis
La matrice della strage potrebbe facilmente essere ricondotta ad una struttura di potere USA -marcatamente progressista fino ai primi decenni del dopoguerra-e poi,col doppio omicidio di Bob Kennedy e Martin Luther King,rovinosamente degenerata in una parabola reazionaria
La nuova élite finanziaria e bancaria globale ha avuto mano libera fino al Pnac,il piano dei neo-con per il “nuovo secolo americano” su cui costruire il “nuovo ordine mondiale”, quindi c’è stato l’11 Settembre e la “guerra infinita” (Iraq,Afghanistan,Libia,Siria) che è sotto i nostri occhi,compreso l’ultimo spaventoso massacro di Parigi
E resta sempre nell’ombra uno dei soggetti-chiave degli ultimi sanguinosi sviluppi:proprio l’Isis, l’armata di tagliagole del califfo Al-Baghdadi, terroristi e miliziani sostenuti da Turchia e Arabia Saudita,appoggiati da settori dell’intelligence Usa e impiegati in diversi teatri,sempre con la medesima missione: destabilizzare gli assetti statali,generare terrore e caos,ingaggiare l’Occidente in una sorta di Terza Guerra Mondiale che ha come obiettivo strategico il depotenziamento della Cina,vero competitor mondiale dell’egemonia del dollaro,e il suo alleato più potente,l’indocile Russia di Putin
Bush reclutò il gotha neo-con del ‘Pnac’ nel piano per il Nuovo Secolo Americano,da Cheney a Rumsfeld,sistema bancario e finanziario,nonché fondamentali alleati europei,da Blair a Sarkozy,incluso il turco Erdogan per destabilizzare il pianeta,anche col terrorismo a partire dall’11 Settembre
Per questa missione è stato riciclato anche Bin Laden,arruolato dallo stesso Brzezinski ai tempi dell’invasione sovietica in Afghanistan
Risultato,dopo l’attentato alle Torri:una serie di guerre in sequenza, dall’Afghanistan all’Iraq, dalla Libia alla Siria,anche dietro il paravento della primavera araba
Ultimo bersaglio,la Russia.La geopolitica del caos si avvale ora dell'Isis

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.11.15 07:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le guerre hanno solo mietuto vittime e odio.
L'isis è purtroppo il frutto avvelenato dall'occidente.
Spero solo nel buonsenso e nella razionalità,tutto il resto peggiorerà la situazione.
Comunque anch io sono scossa e sono vicinissima alle famiglie colpite dal terrorismo.

Terry E. (), Mi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.11.15 07:55| 
 |
Rispondi al commento

De Gregorio (seguito)
La Francia, se non vuole attentati sul suo territorio, ha una sola strada da percorrere, chiedere scusa per essersi intromessa nella crisi siriana, senza alcun titolo per farlo, per essersi intromessa nella guerra civile libica, con feroci bombardamenti che hanno fatto molte più vittime di quelle subite, e invece costruire una Europa pacifica, senza la Nato, indipendente dagli Usa, e considerare i paesi arabi i nostri vicini con cui fare affari secondo le leggi del mercato e non secondo la potenza militare.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.11.15 07:43| 
 |
Rispondi al commento

Apprezzo la decisione di Renzi di non intervenire in Siria unendosi ai bombardamenti della coalizione.
Ho apprezzato ancora di più la sua contrarietà alla formulazione di leggi speciali e alla chiusura delle frontiere.
Devo però convenire che nel suo governo ci sono guerrafondai che vorrebbero il nostro totale coinvolgimemto per favorire le lobbies delle armi.
Attenti Italiani c'è in giro gente che istiga alla guerra solo per fare i suoi sporchi affari, come l'Is d'altronde.
Teniamo sotto d'occhio i ministri del governo, alcuni sono ancora più pericolosi della minaccia dello stato islamico.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 19.11.15 07:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LE RADICI DELL’ODIO
Paolo De Gregorio

Su Libero un titolo a caratteri cubitali recitava “Islamisti bastardi”,per la gioia di quei cittadini acefali che non desiderano assolutamente comprendere la realtà elementare, che l’odio ha delle origini,non nasce dal nulla, e non volerlo capire e spiegare significa la pervicace volontà di lasciare le cose come sono, ossia mantenere lo scontro tra Stati,religioni, interessi economici e geopolitici
Tutta la storia del dopoguerra ci racconta che la ricerca della pace da parte delle “democrazie occidentali”,per la difesa dei nostri valori di civiltà cristiana è una balla spaziale,una barzelletta da raccontare ai sudditi,visto che la 3a guerra mondiale partì dalla Corea,nei primi anni ’50,con gli USA che si intromisero in un conflitto a 10.000 km dalla loro nazione e così in Vietnam,per arrivare all’Irak,all’Afganistan, alla Libia,e ora bombardano la parte della Siria in mano all’Isis
Una persona onesta ricorderebbe anche le guerre per procura finanziate e armate dagli USA e dai suoi camerieri della Nato,tipo quella scatenata dall’allora servo degli americani Saddam contro l’Iran della rivoluzione komeinista,che costò un milione di morti per difendere solo gli interessi delle multinazionali petrolifere
La elementare verità da comprendere è che questa situazione globale,in cui capofila dei guerrafondai sono gli USA,con 900 basi militari sparse in tutto il mondo,che non appaiono proprio come presidi di pace e di amore universale,è voluta e gestita da chi vuole continuare ad esercitare la propria superiorità militare(non etica né morale),in accordo con quei giganteschi interessi dei produttori di armi,del Pentagono, dei servizi segreti,delle multinazionali del petrolio,che sono il vero governo degli USA e del mondo.
Sono loro che stanno dietro la 3a guerra mondiale di cui ha parlato anche Papa Francesco e sarebbe ora che finalmente la Chiesa puntasse il dito contro i veri guerrafondai: Usa, Inghilterra, Israele, Nato.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.11.15 07:42| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo già visto nella storia quali danni terribili e disumani può fare un odio generalizzato che colpisce indiscriminatamente tutta una categoria di persone, un popolo, una etnia
Lo abbiamo visto con gli ebrei, con i comunisti, con gli omosessuali, con i negri, con gli odi di genere, con quelli razziali...
Abbiamo già conosciuto gli orrori del pregiudizio e della caccia alle streghe
Non ripetiamo gli orrori del passato demonizzando oggi i musulmani!
I musulmano sono quasi due miliardi
e i terroristi e i fanatici sono una netta minoranza, come sono una netta minoranza all'interno del mondo cristiano (vedi Breivik)
Il resto è Islam moderato
Negare che esista un Islam moderato significa negare la realtà dei fatti e accanirsi su un pregiudizio estremista in un modo radicale che esaspera solo le opposizioni
I pregiudizi rendono l'uomo cieco e lo abbassano a un livello di barbarie
Per quanto riguarda il terrorismo, una schiacciante maggioranza dei musulmani è contraria e non lo giustifica
Per quanto riguarda la libertà delle religioni, la maggior parte dei musulmani la difende
Per quanto riguarda l'uguaglianza delle donne, quanto più avanza il progresso tanto più anche questa avanza e non è che nel mondo cristiano siano scomparsi disuguaglianze e pregiudizi
Per quanto riguarda le guerre di conquista, fino ad oggi, la maggior parte sono state scagliate proprio da capi di governo che si dichiavano cristiani
Per quanto riguarda l'osservanza del culto, possiamo solo osservare che i musulmani sono molto più religiosi di noi e che non conosciamo la loro religione ma non conosciamo nemmeno la nostra. Almeno loro hanno letto il Corano, noi nella maggior parte non abbiamo mai letto la Bibbia
Per quanto riguarda la gerarchie i dogmi, nell'Islam semplicemente non esistono

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.11.15 07:29| 
 |
Rispondi al commento

Concordo in molti punti. L'ISIS va combattuto in ogni modo e non si dovrebbe avere rapporti con gli Stati in cui vige la shariah. Gli USA sbagliano a sostenere gli stati integralisti. Dove si applica la shariah non esiste democrazia. C'è un piano per la conquista dell'Europa cge andrebbe contrastato prima che sia troppo tardi. I profughi islamici devono andare nei Paesi islamici

Alberto Zennaro 19.11.15 07:20| 
 |
Rispondi al commento

Come cittadini il nostro contributo alla lotta all'ISIS deve essere quello di esorcizzare la paura, il nostro maggior nemico, e di contrastare il diffondersi della psicosi attentato. In fondo abbiamo di fronte gruppetti di ragazzotti malcresciuti la cui ragione e' stata offuscata dalla "fede". Potranno anche uccidere qualche centinaio di persone ma non potranno mai prevalere. Sul piano politico dobbiamo stimolare chi ha responsabilita' di governo ad utilizzare al meglio l'anno che rimane del mandato di Obama. Chi verra' dopo di lui non potra' che essere peggiore, anche molto peggiore. Non dimentichiamo che il disastro attuale in Medio Oriente e' responsabilita' dei due repubblicani Bush padre e figlio, ma anche del democratico Clinton. Percio' il pericolo che a Washington tornino al governo i "bombaroli" e' altamente probabile e allora si che saranno guai seri.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.11.15 07:14| 
 |
Rispondi al commento

Il termine arabo Islam significa semplicemente sottomissione e deriva da salam- che significa PACE
Il Credo islamico (Iman) consiste nel fatto che tu abbia fede in Allah, nei Suoi Angeli, nei Suoi Libri, nei Suoi Apostoli, nella vita futura.

"Dio si è rivelato ad Abramo.
Da Abramo discendono Ismailiti, Ebrei e Cristiani.
Dio ha dato tre diverse rivelazioni da cui sono nate tre diverse religioni : Ebraismo, Cristianesimo ed Islam.
L'ultima rivelazione in senso cronologico è quella data a Maometto.
Questo fatto viene interpretato dai Musulmani come il compimento di tutta la rivelazione divina: le prime due rivelazioni sarebbero incomplete e ad esse ebrei e cristiani non avrebbero risposto con la dovuta osservanza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.11.15 07:12| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo al 100% sull'analisi, ma oltre al supporto economico alle Forze dell'Ordine, serve un segno tangibile di rapporto con gli uomini e le donne che sul territorio si occupano della nostra sicurezza. NON FACCIAMOLI SENTIRE ISOLATI DAL CORPO SOCIALE!

La mia proposta e' molto semplice: COMINCIAMO A SALUTARLI QUANDO LI INCONTRIAMO!

Un semplice "buongiorno" ai ragazzi di presidio nelle piazze per ore e ore, un saluto quando li si incontra in divisa sul bus o per strada, magari un sorriso e, se possibile, parliamo con loro.

NON SONO CORPI ESTRANEI, la miglior prevenzione contro i "G8" di Genova e' responsabilizzare sia i cittadini che le forze dell'ordine attraverso il dialogo. Se devono rischiare la pelle per noi (esattamente come la rischiano i cittadini, Parigi docet!) e' importante che si sentano apprezzati per quello che fanno di buono, con gli scarsi mezzi a disposizione.

Gradirei molto che M5S facesse pubblicamente propria questa proposta. Guido

Guido Beretta 19.11.15 04:08| 
 |
Rispondi al commento

https://www.youtube.com/watch?v=PywpLri4wvI

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.11.15 02:43| 
 |
Rispondi al commento

io picchio qui un cafferino notturno a 5 stelle!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.11.15 01:58| 
 |
Rispondi al commento

un post pieno di buon senso. necessario buon senso. eppure...
questi eventi sembrano fatalità. un rivolgimento della storia causato dalla concomitanza di errori e squilibri inevitabilmente causati. di chi le responsabilità?
la morte ha un solo linguaggio...universale.
gli stati sembrano retti da regnanti: oligarchie consolidate che concedono una finta democrazia a popoli che si illudono di decidere ciò che è stato deciso già.
ci organizzano la vita e si fanno le loro guerre. dicono che ora è guerra qui.
...i corpi degli assassinati uno ad uno, nei luoghi della normalità dove tutti i giorni viviamo; le notizie e le opinioni che avidamente o nostro malgrado, assorbiamo; la ricerca di frammenti di verità da confrontare nelle nostre conversazioni, dove emergono i problemi più che le soluzioni. mentre si sente...parlare di incompatibilità culturali insormontabili;
mentre sale l’onda di uno sconcerto irrazionale:
come d’improvviso essere soli di notte in mezzo al mare.
La paura e la ricerca di sicurezza infiammò il nazismo; questi sentimenti da sempre muovono i popoli più che la fame.
domani è un altro giorno menomale

Sandro ., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 18.11.15 23:49| 
 |
Rispondi al commento

LA GUERRA NON SI COMBATTE CON LA GUERRA

Casaleggio ha ragione. la Guerra è guerra,se scoppia non la fermi neanche con i Carri armati

cariagiapresente . Commentatore certificato 18.11.15 23:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli interessi italiani in LIBIA sono enormi. L'ENI è l'unica società petrolifera che estrae in LIBIA paese controllato da bande islamiche delle quali l'ISIS è la più potente. A chi paga l'ENI?

antonio noziglia, genova Commentatore certificato 18.11.15 23:36| 
 |
Rispondi al commento

In alcuni punti non concordo, ed anche il post mi sembra un cerchiobottismo poco incisivo :

Ditelo alle ragazze rapite da Boko Haram che volete piu sicurezza e non bombardare i campi di addestramento in Africa .

Non esiste controprova che il terrorismo non ci sarebbe stato se non avessimo fatto le guerre.
Il terrorismo islamico comincia prima delle guerre occidentali .
Nel computo dei morti dal 1970 gli occidentali sono una minoranza .

80% del miglioramento in sicurezza significa Patriot Act USA e restrizioni e controlli nei viaggi e riduzione della privacy: solo l occidente puo permettersi questi costi.

Le armi dei terroristi non sono occidentali, e nemeno i soldi .
L Arabia Saudita formalmente non appoggia il terrorismo , Gheddafi lo aveva fatto , come anche Arafat .

I terroristi che riescono a completare il lavoro sono sempre la seconda generazioni di musulmani vissuti ed educati in occidente.

Il problema sta nella non possibilita per i musulmani moderati di trovare vie all interno del corano per screditare gli integralisti.

Oriana Fallaci ha ed aveva ragione: i musulmani sono incompatibili con la societa' civile.

Bombardamento : il bombardamento di Treviso nel 44 fu di 2000 bombe e distrusse 80% della citta con 1600 morti . Adesso per 20 bombe volete fermare la rappresaglia sulle aree che danno appoggio ai mandanti di tali azioni ?

Saddam diceva di non avere armi di distruzione di massa (Vero) ma aveva tentato di uccidere Bush e questi se la era legata al dito .

Le aree che danno rifugio a coloro che usano elementi in occidente per tali azioni vanno colpite finche' comprendano che non conviene insistere .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 18.11.15 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aspettavo con ansia la vostra risposta ai recenti accadimenti, la ritengo pertinente ma eccessivamente tardiva. Ammetto di non avere il tempo necessario di seguire a pieno la politica, ma queste ultime due settimane vi ho osservato ed ascoltato al fine di valutarvi. Dopo avervi votato alle scorse elezioni purtroppo mi devo ricredere su molti aspetti, vi ritengo uno dei migliori partiti in circolazione ma i vostri metodi e toni non rispecchiano il mio desiderio di volontà politica. Vi auguro buon lavoro per il futuro ma non avrete più il mio voto a partire dalle elezioni del sindaco a Roma, non siete il futuro che vedo in Italia e purtroppo non vedo altre valide alternative, sareste o meno peggio è per i miei figli non mi posso accontentare della soluzione meno peggio, vorrei di più, ho alzato gli standard e voi non lo raggiungere a partire da una politica estera inconsistente al mancato approccio comprensivo sul complesso problema della sicurezza. Intelligence e polizia non sono la soluzione, come non lo sono gli f35. Investimenti in tutto comparto sicurezza dalle forze dell'ordine alle forze armate vi garantiranno sicurezza nel breve termine ma istruzione e ritorno ai corretti valori familiari può salvare questo paese. Buona serata


Il futuro prossimo della nostra privacy...
http://vigilantcitizen.com/latestnews/argus-the-technology-that-takes-video-surveillance-to-another-level-video/

Massimo Tramonti 18.11.15 22:33| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere perche in Europa nessuno pensa di attuare la misura preventiva, a mio avviso, più efficace ed immediata per la lotta al terrorismo, e cioè arrestare tutti coloro che sono rientrati dal loro addestramento militare e che sono pronti a seminare il terrore nelle nostre città....
In Italia sono una sessantina, in Francia e Germania qualche migliaio, sono addestrati, probabilmente finanziati e già armati,.... sto parlando dei FOREIGN FAITHERS...
Sono conosciuti, schedati, sanno dove sono, ma perchè non fanno subito una legge speciale che li consideri sin da ora terroristi ???
Perche dobbiamo aspettare che facciano dei morti per considerarli fuorilegge ???

Giuseppe Melpignano 18.11.15 22:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siete la vera saggezza in un mondo ipocrita!spero la vostra voce arrivi più lontano possibile!Vi voglio bene!

claudiog 18.11.15 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Isis inc. Trade mark
Può esserci la remota ma non esclusa possibilità che la benzina fatta stamattina nella tua solita pompa sia stata venduta dal califfo a un trafficante. È la globalizzazione.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 18.11.15 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Prova 3

undefined 18.11.15 21:32| 
 |
Rispondi al commento

L'HOBBY DELLA GUERRA

La guerra è utile a tutti tranne ovviamente a chi ci muore.
La guerra è una manna per la difesa,si acquistano e vendono armamenti,si promuovono generali e colonnelli e dalle emergenze generate dai conflitti piovono soldi per i ministeri.
Con le guerre si bypassano le politiche e le responsabilità degli stati di farle cessare e si crea quella contrapposizione necessaria per tenere sempre alta la fiamma bellica.
Ma qualcuno ha davvero capito chi è il nemico in questa farsa grottesca che miete vittime in ogni luogo del medio oriente, dell'Africa e dal 2001 anche in occidente?
Sunniti,sciiti,alawiti,curdi quanto ne sappiamo della storia di queste etnie?
Non ci interessa sapere eppure in maniera diretta o indiretta le coalizioni occidentali hanno contribuito a destabilizzare i loro territori cambiando le geometrie delle alleanze più volte ed intervenendo militarmente per rovesciare regimi ed ammazzare dittatori con i quali firmavano proficui contratti petroliferi ricambiando il favore con la fornitura di armamenti.
Queste guerre sono lo specchio dell'incapacità politica dell'umanità:la Turchia che appoggia l'Isis contro i Curdi,la Russia,la Cina e l'Iran invece la combattono per sostenere la Siria di Assad.
Gli USA e la coalizione occidentale preferiscono allearsi con i regimi totalitari sauditi che vogliono rovesciare il regime di Assad mentre in Africa la stessa coalizione bombarda interi territori per la rinata corsa alla colonizzazione delle materie prime che sono a pochi metri sotto la sabbia del Sahara.
Chi davvero la vive questa guerra sono i bombardati che poi diventano i profughi d'Europa.Alcuni scappano altri si uniscono al male alimentato dalla stupidità umana.Lo stesso male che contagia la civiltà occidentale dove l'Isis è l'alternativa al vuoto democratico che le società stanno scavando le cui vittime sono come quei bombardati che al mattino escono di casa per procurarsi il cibo e muoiono per l'hobby della guerra

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 18.11.15 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Ci avete messo 5 giorni per scrivere dei fatti del 13 novembre sul sacro blog!

Damiano Bettagli Commentatore certificato 18.11.15 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non c'è mai stato nessun attentato a Parigi. Solo annunci di morti, terroristi fantasma e grottesche foto di gente a terra che si finge morta con le piste di sangue (di bue) che sembrano piste a 8 della polystil. Un inganno colossale a cui moltissimi hanno creduto.
Mi pare di rivedere l'auto-attacco (demolizione controllata e droni sulle torri) che gli Usa si fecero (là i morti furono veri) per giustificare la guerra a Saddam.
Stesso copione in Francia, ma con attentati finti. Hollande aveva bisogno di giustificare all'opinione pubblica la guerra in Siria per luridi interessi economici.

Carlo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.11.15 21:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

>
video
https://www.youtube.com/watch?v=naMKqPoQdPQ

>

Sandro G., Salsomaggiore Commentatore certificato 18.11.15 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Je suis Cosimo Martucci

operaio sfruttato in una ditta d'appalto
morto oggi all'Ilva di Taranto
all'età di 49 anni


I cosiddetti islamici moderati, dopo i fatti di terrore, perchè non hanno invaso le piazze, se ne sono visti pochi e quei pochi che hanno manifestato, lo hanno fatto spontaneamente.
Gli Imam di tutte le città, dal loro pulpito, dovevano invitare le persone a scendere in piazza, a far sentire la loro voce.
Perchè rimangono in disparte?
Chi tace acconsente, dice un vecchio e saggio proverbio.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 18.11.15 20:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grandissimo discorso!!di testa e di cuore... pienamente d'accordo

Giuseppe Costa 18.11.15 20:43| 
 |
Rispondi al commento

-da la raccolta "Le profezie di Oriana Fallaci"-


"I terroristi sono delle merde,
ma anche il Cardinal Bertone non scherza"

:O


Non solo le persone pagano con la vita gli atti di terrorismo islamico, ma anche il povero Diesel, un pastore francese che, dopo aver salvato quattro persone, è morto ai piedi del suo compagno.

Che tristezza!

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 18.11.15 20:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sono persone che vogliono adoperarsi per la pace
Che denunciano gli orrori di ogni guerra
Che stanno dalla parte dei deboli e dalla parte delle vittine
Che svelano le trame che i potenti impongono per fregare le masse e arumentare i loro sporchi interessi
Che rifiutano di etichettare gli esseri umani per differenze di colore, di etnia, di religione, di sesso, di finanza, e rifiutano di emarginarli o cacciarli con queste etichette
Che leggono i vecchi inganni del potere e in base a quelli si rifiutano di credere ai nuovi inganni così simili a quelli vecchi
Che svelano le manipolazioni dei media, delle banche, delle chiese, delle ideologie distorte e astute

E che proprio chi si adopera per la pace
per l'uguaglianza
per la fratellanza
per la giustizia
per il rispetto umano
per la dignità umana
sia accusato di essere un portatore d'odio e un sobillatore di male indica quanto sia grande la malafede dei malvagi
e quanto sia facile la proiezione della propria ombra su chi è diverso da se stessi

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 20:25| 
 |
Rispondi al commento

ot

un saluto a moira

http://corrieredelveneto.corriere.it/fotogallery/2015/11/moira_funerali/moira-orfei-folla-funerali-2302207340395.shtml#1

pabblo 18.11.15 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Buhahahahahahhhhhhhhh!!
Fiuuuuuuuu!
Pulitooooooo!
Scusa Max...

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.11.15 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Tiziano Terzani fu una delle persone più pacifiste e illuminate del mondo
Traggo dalla sua risposta alla Fallaci:

«L'immagine del terrorista che ora ci viene additata come quella del "nemico" da abbattere è il miliardario saudita che, da una tana nelle montagne dell'Afghanistan, ordina l'attacco alle Torri Gemelle; è l'ingegnere-pilota, islamista fanatico, che in nome di Allah uccide se stesso e migliaia di innocenti; è il ragazzo palestinese che con una borsetta imbottita di dinamite si fa esplodere in mezzo ad una folla. Dobbiamo però accettare che per altri il "terrorista" possa essere l'uomo d'affari che arriva in un paese povero del Terzo Mondo con nella borsetta non una bomba, ma i piani per la costruzione di una fabbrica chimica che, a causa di rischi di esplosione ed inquinamento, non potrebbe mai essere costruita in un paese ricco del Primo Mondo. E la centrale nucleare che fa ammalare di cancro la gente che ci vive vicino? E' la diga che disloca decine di migliaia di famiglie? O semplicemente la costruzione di tante piccole industrie che cementificano risaie secolari, trasformando migliaia di contadini in operai per produrre scarpe da ginnastica o radioline, fino al giorno in cui è più conveniente portare quelle lavorazioni altrove e le fabbriche chiudono, gli operai restano senza lavoro e non essendoci più i campi per far crescere il riso, muoiono di fame?».

Capite ora perché non me la sento di gridare “Je suis Paris”, così come non ho gridato, a suo tempo, “Je suis Charles”? No!

Piuttosto: JE SUIS CITOYEN DU MONDE!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 20:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON AVRETE IL MIO ODIO
MASSIMO GRAMELLINI

Se ciò che chiamiamo Occidente ha un senso, questo senso palpita nelle parole con cui il signor Antoine Leiris si è rivolto su Facebook ai terroristi che al Bataclan hanno ucciso sua moglie.
«Venerdì sera avete rubato la vita di una persona eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, eppure non avrete il mio odio. Non so chi siete e non voglio neanche saperlo. Voi siete anime morte. Se questo Dio per il quale ciecamente uccidete ci ha fatti a sua immagine, ogni pallottola nel corpo di mia moglie sarà stata una ferita nel suo cuore. Perciò non vi farò il regalo di odiarvi. Sarebbe cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete. Voi vorreste che io avessi paura, che guardassi i miei concittadini con diffidenza, che sacrificassi la mia libertà per la sicurezza. Ma la vostra è una battaglia persa.
L’ho vista stamattina. Finalmente, dopo notti e giorni d’attesa. Era bella come quando è uscita venerdì sera, bella come quando mi innamorai perdutamente di lei più di 12 anni fa. Ovviamente sono devastato dal dolore, vi concedo questa piccola vittoria, ma sarà di corta durata. So che lei accompagnerà i nostri giorni e che ci ritroveremo in quel paradiso di anime libere nel quale voi non entrerete mai. Siamo rimasti in due, mio figlio e io, ma siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Non ho altro tempo da dedicarvi, devo andare da Melvil che si risveglia dal suo pisolino. Ha appena 17 mesi e farà merenda come ogni giorno e poi giocheremo insieme, come ogni giorno, e per tutta la sua vita questo petit garçon vi farà l’affronto di essere libero e felice. Perché no, voi non avrete mai nemmeno il suo odio».

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Se i potenti della terra volessero, in quattro e quattr'otto risolverebbero il problema.
Come quando ci furono i cosiddetti anni di piombo. Le stragi erano scientemente studiate a tavolino dagli stessi che hanno creato l'attuale mostro.
Non erano stragi nè di destra nè di sinistra, erano targate dollaro.
Gli uomini hanno smarrito la coscienza in nome del dio danaro, quello che ha sempre detto Massimo Fini nei suoi scritti.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 18.11.15 20:07| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non credo esista un Islam moderato ed uno violento, ma solo dei musulmani che interpretano il Corano sotto una forma attenuata (quindi conciliante), ed altri che invece lo interpretano fedelmente.
Basta solo sapere che la parola Islam in arabo significa -sottomissione-, per capire le motivazioni del loro agire.

Noi possiamo anche addolcire questa amara pillola, ma avremo sempre a che fare con questi criminali, almeno fino a quando non li metteremo in condizione di non nuocere.

gianfranco chiarello 18.11.15 19:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti ottimo intervento. Riflessioni giuste e corrette.

roberto de blasi 18.11.15 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Il crocefisso invece bisogna toglierlo dai luoghi come scuole, uffici, tribunali eccetera. Bisogna fare come in Francia: niente simboli religiosi, siano essi cristiani, islamici, buddhisti o quant'altro. Poi ognuno a casa propria fa ciò che vuole: presepi, alberi di natale, pane azzimo, ramadan, lumini e campanelline..mala comunità deve essere LAICA 100%!!


Nel 2001 dopo l’attentato alle torri gemelle, gli americani decisero di risolvere il problema del terrorismo invadendo uno stato canaglia, l’Afghanistan talebano con il fine di esportare la democrazia e la civiltà.
Poi toccò all’Iraq nel 2003 con la seconda guerra del golfo, bombardamenti e invasione di terra, instaurazione di un altro governo filo occidentale, vittime civili e militari, miliardi di dollari spesi in armamenti e aiuti.
Poi passano alla Libia con la scusa del despota da deporre, intervento franco-britannico-americano (e italiano a rimorchio) per trasformarla in uno stato modello, una perla di stato.
In tutti questi casi, il risultato è stato lo stesso e cioè città circondate da movimenti irredentisti a base religiosa e tribale, governi corrotti e deboli quando ci sono, guerre civili ad oltranza, popolazioni trucidate prima e dopo gli interventi, enormi movimenti migratori, la miseria umana e sociale che addirittura aumenta.
Ma è possibile dico io, che dopo 15 anni di guerra e cotanti risultati, con morti e spese militari astronomiche, si possa seriamente pensare di continuare su questa linea?
Ai guerrafondai da talk show che filosofeggiano in queste ore, a nessuno viene da chiedere come mai in Siria non intervenga il grande esercito iracheno sunnita, magari con qualche battaglione afghano, che dopo gli insegnamenti occidentali a base di pane e libertà e diritti civili e non vedono l’ora di rendersi utili (in attesa dei libici)e contribuire alla liberazione dei fratelli arabi sottomessi all’isis?

IN FONDO CE LO DEVONO NO?

Questi nuovi stati liberi e giocosi, esistono solo nella fantasia e nella la retorica delle Tv e dei media.

La politica militarista stile novecentesca è fallita miseramente da qualunque parte la si voglia guardare, è un capitolo chiuso della storia.

Un saluto al Blog.

Barone Piovasco, Rondò Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 19:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

il ffatto:

"“L’Italia intesa come Paese non fa affari. Che ci siano imprenditori che fanno affari in quei Paesi – ha aggiunto tra l’altro il premier – mi sembra del tutto doveroso”.""


il corriere:

""E infine: «L’Italia intesa come Paese non fa affari» con Paesi che finanziano il terrorismo"".

mi sembrano due cose differenti...chissà chi riporta la frase giusta:)

http://www.corriere.it/politica/15_novembre_18/terrorismo-renzi-anche-l-italia-spese-sicurezza-fuori-patto-0e0b7c9e-8e0b-11e5-ae73-6fe562d02cba.shtml

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/18/attentati-parigi-renzi-no-a-leggi-speciali-e-modifiche-alla-costituzione-niente-reazioni-di-pancia-ma-ipotesi-piu-soldi-per-sicurezza/2231995/#disqus_thread

pabblo 18.11.15 19:23| 
 |
Rispondi al commento


ot?

a domanda risponde...

"""E ha scelto il palco di Ballarò, ieri sera.

d) Che provvedimenti d'emergenza prenderebbe se lei oggi fosse il presidente del consiglio?


r)Beh, risolverei il conflitto israelo palestinese.

d)No, intendevo come provvedimento d'urgenza.

r) La guerra non é una soluzione.

d) Sí, certo, ma come agirebbe in questo delicato frangente?

r) Penserei al disgelo della situazione iraniana.

d)Va bene, ma come progetti a breve termine, da attuare in questi giorni.

r) Chiudere le frontiere non serve a nulla. Così fermiamo le persone ma facciamo circolare le armi.
d)Mi scusi, le ho chiesto come agirebbe in concreto.
r)Ci sono decine di cose che possiamo fare che non siano né stare fermi né bombardare.

d)Ecco, ma cosa? Perché non abbiamo capito bene quale sia la linea del
M5S sugli eventi di Parigi e sulle risoluzioni internazionali prese in
questi giorni."""

ho visto il video in cui il vicedirettore, ex?, del giornale dello svizzero incalza il pentastellato...mi auguro che la stessa foga sia espressa anche quando arriva matteuccio...

perchè così si deve comportare un giornalista, sempre però :)

pabblo 18.11.15 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Viviana Vivarelli tuo comm. 18,47 :

Copiando una parte del tuo commento :
********************************************************************
“Ma quando mai occhio per occhio ha reso vedente qualcuno?”
*********************************************************************
.. questa frase la devi rivolgere ai musulmani …e …non a noi.
Anche Magdi Allam lui come ex mussulmano ha dichiarato che ha lasciato l’islam
in quanto religione che contempla passaggi violenti.
Se lo dice lui..credo più a lui che a te.
Mi pare sai (potrei sbagliare) che tu stia piantando un chiodo….!!!!!!!!!!!


Wikipedia Legge del taglione


Islam
Nel diritto islamico è di fatto accolto il principio dell'occhio per occhio vigente in Arabia ai tempi di Maometto. È tuttavia previsto, spesso con una minuziosa casistica, anche il principio di "compensazione pecuniaria" (in arabo diya, spesso tradotto "prezzo del sangue"), con cui è possibile evitare il ricorso all'occhio per occhio pagando risarcimenti in denaro.
Solitamente, però, il ricorso alla diya è subordinato all'accettazione da parte della parte lesa, e in mancanza di ciò si dovrebbe procedere al taglione.

https://it.wikipedia.org/wiki/Legge_del_taglione

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 18.11.15 19:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Staff...per cortesia il solito TSO quotidiano!
Grazie..nonostante Mantova sia stata insignita " Capitale Italiana della Cultura!"

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.11.15 18:56| 
 |
Rispondi al commento

A parte le giuste richieste di aumentare le risorse per la sicurezza e per l'intelligence, ed un attacco diretto ai Paesi che finanziano l'Isis, avrei preferito una chiusura del discorso meno evanescente.
Mi sarei aspettato una conseguenziale e netta censura nei confronti della politica estera americana di Obama, oltre alla esposizione di quale tipo di posizione intenderà prendere il Movimento, nel caso venga richiesto un intervento militare diretto dell'Italia.

gianfranco chiarello 18.11.15 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

forse dovremmo semplicemente smetterla di farli entrare, mantenerli, costruir loro moschee dove poter cospirare, togliere i crocefissi dalle aule ed il maiale dalle mense per non "urtare la loro sensibilità", sopportare che come ringraziamento per aver cambiato le nostre usanze a favore delle loro, ci chiamino "italiani di merda". Soprattutto smetterla di farli assessori e deputati.

mr. x Commentatore certificato 18.11.15 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Anche se miliardi e miliardi di parole sono vere, sacrosante, provenienti dal cuore, dal profondo dell'io..., sono sempre e comunque solo e soltanto parole... purtroppo, solo e soltanto parole...; certo è che in questo mondo di merda la proliferazione, la produzione, la vendita, il commercio e la pubblicità della "merda armi", della "merda distruzione e distrazione di massa", dei gadget esplosivi e letali, della corsa forsennata di quest'essere disumano immondo che popola pèurtroppo la madre terra, ha dell'inconcepubile, dell'incredibile in fatto di atrocità.
E similis cum similibus, l'atroce mattanza si ripete, si ripete sempre ed a farne le spese sia nell'uno che nell'altro caso, sia nei tempi passati che in quelli recenti, che in futuro, saranno sempre e comunque i poveri cristi, dall'una e dall'altra parte. Non i terroristi, non i kamikaze, ma la povera gente; non i capi, i grandi capi, i grandi burattinai della produzione della "merda armi", ma sempre la povera gente.
Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria? No! Non vale in questi casi.
Ad ogni orrore del chi ci capita, capita (nessuno se ne fotte dall'alto del pulpito) corrisponde un maxi orrore un miliardo di volte più merdoso e sempre del chi ci capita, capita (nessuno se ne fotte dall'alto del pulpito).
Poi sapete che succede? Tutti e due, sia il terrore che la risposta al terrore, scendono trionfanti dai loro pulpiti ed in segno di vittoria con le dita della mano, sorridono, e si abbracciano in un bagno di folla SERVILE ED IGNORANTE, SIA NEI PAESI OCCIDENTALI CHE NEI PAESI ORIENTALI.
Poi si produrrano nuove armi ed il ciclo della merda, dei bisogni merdosi di scarcamento delle loro pance piene di merda, sia dei burattinai cosiddetti occidentali che dei terroristi cosiddetti presunti orientali che poi sono la stessa cosa, (similis cum similibus) si ripeterà alla prossima mattanza.
PUTRIDO SFARZO; PORCI DA UNA PARTE E PORCI DALL'ALTRA PARTE ED IN MEZZO I RIDICOLI IDIOTI IGNORANTI (SCIE).

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.11.15 18:48| 
 |
Rispondi al commento

È vergognoso vedere quante teste deboli e strumentalizzate, bisognose di odio come di una droga, incensino la Fallaci in nome di nuove crociate contro l'Islam, come se non bastassero i milioni di morti che queste guerre spietate hanno procurato, e animati dallo stesso fanatismo che muove i terroristi. Ma quando mai occhio per occhio ha reso vedente qualcuno? Ci diciamo cristiani con l'orgoglio di chi ignora anche i principi fondamentali di questo credo che doveva essere rivoluzionario perché sostituiva l'amore all'odio, ma del Cristo non sappiamo niente e siamo rimasti ai tempi tribali dell'Antico Testamento non diversi da certe frasi sporadiche del Corano, ancora legati ad un Dio spietato e guerriero che difende i popoli eletti e stermina i suoi nemici.
La Fallaci era una fanatica sanguinaria che aveva rinnegato tutta la sua ideologia precedente (il suo compagno Panagulis si sarà rivoltato nella tomba a vedere il suo utile e rabbioso voltafaccia)ed era avvelenata da un odio parossistico e malato
Ha guadagnato dei bei soldoni coi suoi scritti aizzanti alla guerra santa ed è stata usata utilmente da quelle potenze come gli USA la cui politica è sempre stata finalizzata alla guerra, al colonialismo,alla depredazione di risorse altrui, all'invasione di Paesi fino al giorno prima considerati amici.
Si situò perfettamente nella catena di media servili, come il Corriere della sera, che fecero il lavoro sporco di manipolare i cervelli per convincere gli sciocchi della necessità improrogabile di 'esportare la democrazia' con una guerra utile e santa con tutte le balle conseguenti, e che decisero quell'occupazione del Medio Oriente che gli USA avevano progettato molto prima dell'attacco alle Torri (già nel marzo, cioè 7 mesi prima, era cominciato lo spostamento delle truppe e dei mezzi navali verso il Medio Oriente e nulla accadde in quel micidiale 11 settembre che la Cia non avesse saputo prima, ed esattamente come oggi, lasciò che i terroristi agissero indisturbati

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un rapporto pubblicato da un gruppo di medici insigniti del premio Nobel della pace rivela che quasi un milione di civili iracheni, 220.000 Afgani e 80.000 Pachistani sono morti, nel nome della battaglia condotta dall’Occidente contro «il terrore».
La «guerra mondiale contro il terrorismo» ha ucciso almeno 1,3 milioni di civili.
.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:46| 
 |
Rispondi al commento

https://www.youtube.com/watch?v=WOghUuL0P9Q

cristiano i. Commentatore certificato 18.11.15 18:45| 
 |
Rispondi al commento

RAPPORTO DI AMNESTY
http://www.rapportoannuale.amnesty.it/

Il 2014 è stato un anno catastrofico per milioni di persone intrappolate nella violenza di stati e gruppi armati. Di fronte ad attacchi barbarici e repressione, la comunità internazionale è rimasta assente.
I governi a parole sostengono l’importanza di proteggere i civili ma i politici di tutto il mondo hanno miseramente fallito nel compito di tutelare coloro che più avevano più bisogno d’aiuto.
Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non è intervenuto ad affrontare la crisi siriana negli anni precedenti, quando ancora sarebbe stato possibile salvare innumerevoli vite umane. Tale fallimento è proseguito anche nel 2014. Negli ultimi 4 anni, in Siria sono morte più di 200.000 persone, la stragrande maggioranza civili, principalmente in attacchi compiuti dalle forze governative (Assad). Circa 4 milioni di persone in fuga dalla Siria hanno trovato rifugio in altri paesi. Più di 7,6 milioni sono sfollate in territorio siriano.
La crisi in Siria è intrecciata con quella del vicino Iraq. Il gruppo armato che si autodefinisce Stato islamico, Isis, che in Siria si è reso responsabile di crimini di guerra, nel nord dell’Iraq ha compiuto rapimenti, uccisioni sommarie assimilabili a esecuzione e una pulizia etnica di proporzioni enormi. Parallelamente, le milizie sciite irachene hanno rapito e ucciso decine di civili sunniti, con il tacito sostegno del governo iracheno.
La non risposta dell’Occidente alle violenze commesse da Stati e gruppi armati contro i civili è stata vergognosa e inefficace.
Nel 2014 i gruppi armati hanno commesso abusi di diritti umani in almeno 35 Paesi.
Oltre 3.400 i rifugiati e i migranti annegati nel Mar Mediterraneo mentre tentavano di raggiungere l’Europa.
119 i paesi nei quali i governi hanno arbitrariamente limitato la libertà di espressione.
Amnesty chiede ai 5 stati membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di rinunciare al loro diritto

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hairway to steven
La varietà delle soluzioni proposte dimostra univocamente la complessità della questione, nonché la sua sostanziale insolubilità.
Nel 2001, Tiziano Terzani, rispondendo ai deliri all'invasata Fallaci, scrisse: "L'orrore indicibile è appena cominciato, ma è ancora possibile fermarlo facendo di questo momento una grande occasione di ripensamento." Una grande occasione persa. Persa per sempre.
In 15 anni abbiamo fatto tutto il possibile e oltre per la nascita e lo svezzamento dello stato islamico. Il terrorismo salafita non è mai stato così forte e inafferrabile. Tutti gli anonymous del cyberspazio, tutte le intelligence in ascolto non possono impedire che 8 kamikaze mettano a ferro e fuoco una capitale europea, verosimilmente pullulante di telecamere e organizzata per un'emergenza di questo genere.
Quelli che evidenziano le lacune dell'antiterrorismo francese sono gli stessi che manderebbero le truppe di terra, come settant'anni fa, per una riedizione quasi scontata di Dien Bien Phu.
Hollande reagisce da isterico, mentre il nostro Renzi per una volta tace. Bravo! Ma dell'irrilevanza internazionale nostrana abbiamo già preso atto, quando il gioco si fa duro non contate sull'Italia.
Storpiare la Costituzione? Errore da matita biancarossaeblu, guardate noi che abbiamo debellato le br e combattuto le mafie senza stravolgere la carta. Anche questo tocca leggere. Come se le leggi Reale e Cossiga non avessero fatto più danni di uno tsunami alla nostra cagionevole democrazia. Come se per sgominare un migliaio di brigatisti male armati e peggio addestrati non avessimo dovuto ricorrere infine alle torture e alle delazioni.E con le mafie non avessimo portato a casa un sostanziale pareggio, il minimo risultato con il massimo sforzo
Né torture né delazioni né miserabili contrattazioni ci salveranno dalla forza brutale dei "valori" jihadisti,esecrabili quanto vuoi, ma fortissimi.Pensiamo di cavarcela opponendo la bellezza del nostro lifestyle?Auguri

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gino Strada: "In 15 anni di guerra solo danni

La guerra non solo è uno strumento stupido e crudele, non funziona neanche. Questa guerra è incominciata poco dopo l’11 settembre. È stato detto, a noi cittadini, che era cominciata la guerra al terrorismo e sarebbe durata 50 anni. Bene, 15 sono già passati. E con quali risultati? Si sono distrutte intere nazioni, scardinata la struttura sociale, non solo politica. E l’Isis nasce proprio da lì. Davvero un grande successo!! … e nessuno dice niente. Serve la guerra o ha prodotto ulteriore guerra, ulteriore terrorismo? Ce li ricordiamo i talebani? Nessuno se li ricorda più, ma controllano oggi molto più di quello che controllavano prima dell’ingresso in guerra in Afghanistan. Io non ci sto a liquidare 15 anni di storia così. Prima bisogna ammettere gli errori del passato. Quante balle sono state raccontate ai cittadini del mondo! Mi sono visto sventolare perfino una provetta con piscio di laboratorio per giustificare una guerra. E oggi ammettono di aver detto bugie, perfino Tony Blair.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:42| 
 |
Rispondi al commento

FESSERIE
Salvini twitta: Buonisti = complici
Subito Libero titola: BASTARDI ISLAMICI
.
Moni Ovadia: “Sarebbe come se, dopo l’attentato a Falcone e Borsellino, si fosse titolato ”Bastardi Siciliani”.
La guerra non è mai stata una soluzione. I bombardamenti aprono problemi, non li risolvono. Gli Stati uniti sono stati i migliori amici dell’Isis e sostennero Al Qaeda quando si trattava di armarlo o addestrarlo contro la Russia. La Russia è alleata di Assad. È tutto un intreccio di affari collegati. Blair ora ci viene a dire che la guerra all’Irak era tutta basata su prove false. Non lo dice nessuno ma ci sono 23.000 morti islamici colpiti dal fuoco islamico.”

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Crozza a diMartedì, la copertina del 17 novembre 2015: ‘Je suis un cretin totalment brancolant dans la nuit

http://www.giornalettismo.com/archives/1948526/maurizio-crozza-copertina-martedi-17-novembre-seria-sui-fatti-parigi/

“Dopo l’11 settembre, siamo passati ai bombardamenti e dopo 14 anni di bombardamenti, adesso i talebani occupano molto più territorio di quanto ne avevano prima.
Però, coi nostri bombardamenti sono stati uccisi un milione di civili iracheni, 200.000 civili afgani e 80.000 civili pachistani. Più che una guerra di civiltà per ora è stata una RIUSCITISSIMA guerra ai civili. E quella, secondo me, l’abbiamo giù vinta.
Sbaglio o adesso stiamo per rifare la stessa cosa?
Forse non sono io il cretino ma tutto il mondo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:42| 
 |
Rispondi al commento

In quanto alla miserevole querelle "dove prendono i soldi questi terroristi?", la domanda dovrebbe essere "chi c'è rimasto ormai che non li aiuta?"; visto che abbiamo una lunga fila di Paesi finanziatori, oltre agli aiutini degli stessi americani e, ovviamente, alla maggioranza dei pozzi di petrolio siriani in mano all’Isis, che fruttano ogni giorno 1,5 milioni di dollari o anche il doppio, petrolio che viene rivenduto a Siria, Irak Turchia, Emirati arabi e perfino Paesi europei, ma sembra che non si riesca a distogliere dal traffico nemmeno la Turchia, socia della Nato.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:41| 
 |
Rispondi al commento

PAOLO PAGLIARO: GLI AMICI DELL’ISIS HANNO NOME E COGNOME

La domanda: “Chi finanzia i terroristi dell’Isis?” ottiene quasi sempre risposte evasive o allusive. Ma in un momento di sincerità, il 7 ottobre 2014, parlando alla Cnn, il vice presidente americano Joe Biden disse che i principali finanziatori dello stato islamico erano alcuni paesi alleati degli Stati Uniti: Turchia, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Kuwait e Qatar. “Hanno fatto piovere centinaia di milioni di dollari e decine di migliaia di tonnellate di armi nelle mani di chiunque fosse in grado di combattere contro Assad, - disse Biden - peccato che chi ha ricevuto i rifornimenti siano stati al Qaeda e gli elementi estremisti della Jihad provenienti da tutte le parti del mondo”. Il giorno dopo l’amministrazione Obama presentò scuse formali e ritrattazioni, ma nelle conversazioni off the record con i giornalisti i funzionari della Casa Bianca ammisero che il vice-presidente aveva detto la verità.
Che gli stati del Golfo finanzino le milizie jihadiste in funzione anti-Assad e più in generale contro il potere sciita lo pensano numerosi osservatori internazionali. Naturalmente non si tratta di un appoggio esplicito, con il timbro dei governi; si tratta quasi sempre di donazioni che vengono da privati, stimati banchieri o uomini d’affari di casa a Ginevra, Londra o Parigi. I loro nomi sono ben noti, anche se alle opinioni pubbliche occidentali dicono poco o niente.
Vengono invece direttamente dall’America le fiammanti Toyota che in colonna trasportano i tagliagole del Califfato. Lo ha ammesso il Dipartimento di Stato, spiegando che i pick-up sono parte degli aiuti inviati ai ribelli siriani in guerra contro Assad. Da loro all’Isis il passo è stato breve.
Può accadere però che le armi arrivate da occidente ricompaiano poi nel centro di Parigi.
.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Come è sempre accaduto, i servizi segreti erano stati informati ‘prima’ dell’attentato a Parigi e nessuno è intervenuto.
Da giornalisti israeliani arriva la notizia che Israele sapeva dal marzo 2011 dell’attentato contro il Bataclan perché i proprietari sono ebrei, ciò nonostante il locale non era sorvegliato. Tuttavia gli ebrei francesi erano stati avvertiti.

http://voxnews.info/2015/11/14/giornali-israele-ebrei-avvertiti-di-attacco-imminente-ieri-mattina/

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È inutile e stupido cercare le fonti finanziarie dell’Isis quando gli stessi americani li hanno finanziati insieme agli Emiri, con cui sono andati sempre d'accordo, e ora l'Isis ha nelle sue mani pozzi di petrolio da cui ricava ogni giorno 1,5 milioni di dollari.
Titolo di Repubblica: "I semi dell'Isis nel carcere di Camp Bucca. Così al-Baghdadi e gli altri concepirono Daesh sotto gli occhi degli Usa"
Sono questi i risultati ottenuti dalla Cia con il suo programma antiterrorismo?
Ma c'è molto di peggio. Ogni volta che gli Stati uniti e persino l’Italia ci dicono che spendono soldi 'per addestrare alla difesa interna' iracheni o afgani, a cosa li addestrano veramente?
.
Renzi ciancia a vuoto con le solite frasi fatte mentre Alfano si immiserisce in polemiche sterili di basso livello con Salvini. Palloni gonfiati tutti e tre!
Intanto, mentre da Alfano non arriva verbo sui 18.000 agenti che vanno in congedo e non esiste un bando di concorso per reintegrarli, Renzi depenalizza l’autoriciclaggio, favorendo in pratica il giro di soldi sporchi.
Con cosa vogliono farla la prevenzione? Con le chiacchiere?
.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:40| 
 |
Rispondi al commento

frei
Se Blair ha ammesso le responsabilità della Gran Bretagna sull'intervento in Iraq, se Putin al G20 afferma che alcune nazioni del Gruppo hanno finanziato e armato la mano dei terroristi, se Rohani idem...allora dovrebbe essere fatta una seria autocritica da parte dei paesi di democrazia avanzata, come ci onoriamo di essere. Se poi qui in Italia, anziché investire in F35, impiegassimo risorse fondamentali per i servizi di intelligence e difesa territoriale interna, molto meglio sarebbe. Se poi l'Europa condividesse gli stessi sistemi di controllo e difesa, i metodi di monitoraggio dell'immigrazione, le informazioni in possesso dei servizi di intelligence e ci fosse finalmente non solo unione per politiche dettate dalle banche e dalla finanza, ma un’Europa autorevole e democratica, in ascolto dei suoi popoli e dei suoi parlamenti, magari adesso nessuno invocherebbe modifiche alle costituzioni. Se.
.
Viviana
….e invece ora magari Obama riuscirà a vincere le resistenze europee sullo scudo spaziale americano sull'Europa, abbatterà quel poco di democrazia ancora resistente in qualche Paese europeo, farà passare il Ttip vincendo le ultime opposizioni, comanderà ad ogni paese europeo di spendere il 2% del Pil in armi (ovviamente americane), aumenterà le sue basi militari in Europa e convincerà i più che essere soggetti alla Troika (che rappresenta gli interessi della grande finanza occidentale) è giusto e progressivo.
E i sordo-ciechi di casa nostra continueranno come degli scemi a dare la colpa di tutto ai migranti, seguendo i razzisti furbastri padani e non.
.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Se oggi il Medio Oriente è un focolaio di distruzione, l’Occidente ha piena responsabilità del peggio. L’avidità di accaparrarsi il petrolio, il gas, le posizioni strategiche di controllo del territorio, l’acqua, gli interesso sporchi dei mercanti di armi, dei finanzieri, di quelli che in Borsa scommettono sulla morte. L’esigenza di difendere a qualunque costi le aberrazioni di Israele, stato nato sull’iniquità e mantenuto con iniquità che prima ha cercato di espandersi a spese della Siria e ora è ben lieto di invaderla.
.
E così Hollande ha deciso “in nome della difesa della Nazione” di violentare la Costituzione francese, cioè di aggredire proprio la Nazione. Il che sarebbe una ulteriore vittoria del terrorismo contro la democrazia. Chissà come mai prima si permette l’emergenza e poi, sistematicamente, si violano i diritti democratici, con la scusa dell’emergenza? A meno che l’emergenza non sia proprio lo strumento per attaccare i diritti democratici (vedi Patriot Act). Ma allora non sarebbe il terrorismo la causa ma il pretesto.
Mi chiedono cosa c’entrano i popoli e cosa possono fare contro le guerre delle grandi potenze per i loro sporchi interessi?
I popoli c'entrano sempre quando non difendono i loro valori migliori, quando non sostengono le loro democrazie, quando non si informano, quando non si emancipano, quando non cercano cultura e verità, quando si lasciano aizzare nelle loro visceralità peggiori, e soprattutto quando mantengono al potere col loro voto quelli stessi che si sono messi a servizio dell'orrore per difendere i loro piccoli e meschini interessi personali.
L'emancipazione del mondo passa per l'emancipazione di ognuno di noi.
E ognuno di noi è per la sua parte responsabile del tutto.
Siamo 8 miliardi di persone e LORO sono poche migliaia di despoti.
Subire e non reagire finirà per distruggerci tutti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma ha senso bombardare interi Paesi per combattere una banda di assassini? È come se volessimo bombardare la Sicilia per estirpare la mafia?
Per reagire all’Isis basterebbe che i servizi di intelligenze dell’Occidente usassero veramente le informazioni sul terrorismo che sono in loro possesso e bloccassero i terroristi prima che intervengano
Per reagire all’Isis basterebbe che le potenze occidentali interrompessero le sceneggiate continue per cui prima addestrano e armano i ribelli (lo stesso vicepresidente di Obama ha appena dichiarato che quelli dell’Isis li hanno addestrati loro), poi fingono di non vederli quando preparano i loro attacchi, come fecero con le due Torri, e infine bombardano paesi innocenti dichiarando che sono tane di terroristi e che bisogna liberare il mondo dal terrore).
Per reagire all’Isis basterebbe rivelare il gioco sporco delle banche che investono in armi e riciclano i soldi dei trafficanti di carne umana.
Per reagire all’Isis basterebbe dare una informazione vera ai popoli e non aizzarli alle guerre sante.
Per reagire all’Isis basterebbe non comprare il petrolio che loro vendono e penalizzare i Paesi che lo comprano.
Persino usare energie alternative e non petrolio sarebbe un’operazione di pace.
Invece per combattere la cricca assassina dell'Isis bombarderanno popolazioni inermi, creeranno altre masse di profughi e di disperati, distruggeranno ospedali, ponti, città, pranzi di nozze, avveleneranno fiumi...come hanno sempre fatto.
Siamo rimasti allibiti a sentire i due sciacalli che ridacchiavano al terremoto dell'Aquila, ma quanti sono gli sciacalli, Hollande in testa, che ridacchiano oggi al pensiero dei lauti affari che verranno loro dalla guerra?
E gli sciocchi vanno loro dietro come se dall'ennesima guerra, che il Papa, ha dichiarato 'mondiale’, potesse mai venire qualcosa di buono per i buoni

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Zanotelli
Davanti ad una tale situazione di orrore e di morte, non riesco a spiegarmi il silenzio del popolo italiano. Questo popolo non può aver dimenticato l’articolo 11 della Costituzione: ”L’Italia ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.” Non è possibile che gli italiani tollerino che il governo Renzi spenda tutti questi soldi in armi, mentre lo stesso non li trova per la scuola, per la sanità, per il terzo settore. Tantomeno capisco il silenzio dei vescovi italiani e delle comunità cristiane, eredi del Vangelo della nonviolenza attiva.
È ora che insieme, credenti e non, ci mobilitiamo , utilizzando tutti i metodi nonviolenti , per affrontare la “Bestia “(Ap.13,1)” . Ritorniamo in piazza e per strada, con volantinaggi e con digiuni e, per i credenti, con momenti di preghiera. Chiediamo al governo sia di bloccare le spese militari che di “tagliare le ali” agli F-35 che ci costeranno 15 miliardi di euro. La speranza nasce dal basso, da questo metterci insieme per trasformare Sistemi di morte in Sistemi di vita. Ce la dobbiamo fare!
Speriamo nel Sogno ben espresso dal profeta Michea:
“Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, delle loro lance faranno falci, una nazione non alzerà più la spada contro un’altra nazione, non impareranno più l’arte della guerra.” (Michea,4,3).

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:37| 
 |
Rispondi al commento

PADRE ALEX ZANOTELLI
La guerra imperversa ormai dall’Ucraina alla Somalia,dall’Iraq al Sud Sudan,dal Califfato Islamico(ISIS),al Califfato del Nord della Nigeria(Boko Haram),dalla Siria al Centrafrica, dalla Libia al Mali,dall’Afghanistan al Sudan, fino all’interminabile conflitto Israele –Palestina
Nel suo ultimo vertice a Newpost nel Galles(sett. 2014),la NATO ha deciso di costruire 5 basi militari nei paesi dell’Est,nonché di dare pesanti sanzioni alla Russia.Renzi ha approvato queste decisioni e ha anche aderito alla Coalizione dei dieci paesi pronti a battersi contro l’ISIS,offrendo per di più armi ai Curdi
Inoltre si è impegnato a mantenere forze militari in Afghanistan e a far parte dei donatori che forniranno a Kabul 4 miliardi di dollari.Nel vertice NATO,Obama ha invitato gli alleati europei a investire di più in Difesa, destinandovi come minimo il 2% del PIL Attualmente l’Italia destina 1,2% del proprio bilancio in Difesa.Accettando le decisioni del Vertice,Renzi è ora obbligato ad investire in armi il 2% del PIL,significa 100 milioni di euro al giorno!Una pura follia per un paese come l’Italia in piena crisi economica,la follia di un mondo lanciato ad armarsi fino ai denti.Lo scorso anno(dati SIPRI),i governi del mondo hanno speso in armi 1.742 mld di dollari,5 mld di euro al giorno.Siamo prigionieri del “complesso militare- industriale” USA e internazionale che ci sospinge a sempre nuove guerre,una più spaventosa dell’altra,per la difesa degli “interessi vitali”,in particolare della “sicurezza economica”,come afferma la Pinotti nel Libro Bianco.Come quella contro l’Iraq,dove hanno perso la vita 4.000 soldati americani e mezzo milione di iracheni,con un costo solo per gli USA di 4.000 mld di dollari.Ed è stata questa guerra che è alla base dell’attuale disastro in Medio Oriente che fa ripiombare il mondo in una paurosa spirale di odio e di guerre. Papa Francesco ha parlato di Terza Guerra Mondiale.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci posso credere, Beppe: Vuoi costringere gli USA a togliere i finanziamenti aid terroristi? Ma come pensi di fare? E pure i sauditi, pensi che ti starebbero a sentire? Il problem e' Washington, che segue imperterrita la strategia: Divide et impera. E persino Putin non sa mai, quale sia veramente l'obiettivo dell' alite americana.
Inoltre: Certo terribile l' attacco a Parigi, ma com' e' che nessuno parla - con rare eccezioni tipo Gino Strada o persino Vittorio Sgarbi - dei massacri di civili causati dai cbombardamenti "OCCIDENTALI" in giro per il Medio Oriente?

kurt 18.11.15 18:34| 
 |
Rispondi al commento

MA SE NON FACCIAMO LA GUERRA, COSA POSSIAMO FARE?

Da chi ha solo l’odio nel cuore, da chi non conosce nemmeno lontanamente il significato di parole come religione o democrazia, da chi non vede altro rimedio al terrorismo che il bombardamento di interi Paesi, anche se da quei Paesi le popolazioni innocenti e vittime scappano e diventano profughi disperati proprio per sfuggire alle bombe e al terrorismo, si alza una eterna quanto stupida domanda: “Ma se non facciamo la guerra, cosa possiamo fare?”

Risponde il maggiore santo italiano, Padre Alex Zanotelli: “Possiamo smettere di fabbricare e vendere armi. Possiamo smettere di rispondere occhio per occhio e dente per dente col risultato di rendere tutto il mondo cieco. Possiamo dare una retta informazione a coloro che i media hanno reso come zombi rinfocolando un fanatismo di massa pari a quello dell’Isis. Possiamo smetterla di finanziare le banche armate e di votare i partiti guerrafondai che spendono più in armi per guerre aggressive di quanto spendono nella difesa e nella vita dei loro cittadini. Possiamo smetterla di riversare le risorse della Nazione in guerre inutili quanto disastrose che aumenteranno le stragi e la rovina e la distruzione di futuro di tutti”.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:32| 
 |
Rispondi al commento

ALESSANDRO GILIOLI
http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/11/12/la-scorciatoia-dei-mediocri/

“Che l’ISIS sia o sia stato uno strumento della politica estera americana oltre a risultare evidente dai fatti di questi ultimi anni è confermato in maniera più o meno diretta da vari esponenti dell’establishment di Washington.
Tra i più espliciti era stato mesi fa il generale Wesley Clark, ex comandante delle forze alleate nella guerra in Kosovo, ex comandante supremo della NATO in Europa e per un breve periodo candidato alla presidenza per i democratici nel 2004. Secondo Clark, l’ISIS è stato creato e finanziato precisamente dai “più stretti alleati” degli Stati Uniti, al fine di “combattere Hezbollah” in Libano.
Gli alleati in questione sono le monarchie assolute del Golfo Persico, in prima fila nel fornire denaro e armi a formazioni jihadiste anche e soprattutto per rovesciare Assad in Siria, ma la sua ammissione tende a minimizzare, se non a occultare del tutto, il ruolo svolto dagli Stati Uniti in queste operazioni. Che l’ISIS sia o sia stato uno strumento della politica estera americana oltre a risultare evidente dai fatti di questi ultimi anni è confermato in maniera più o meno diretta da vari esponenti dell’establishment di Washington.”

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 18.11.15 18:31| 
 |
Rispondi al commento

La politica vera, quella con la P maiuscola dovrebbe sistemare questo ginepraio, concordo.
I curdi con un loro paese e vivere in pace. I palestinesi idem. Stop alle forniture di armi. Libere elezioni e via i dittatori. Americani e russi fuori dalle OO . ecc . Invece, dato che questi fatti terroristici fanno calare il pil (la gente tende a chiudersi in casa non gira non viaggia), la via più veloce sono le bombe. La politica va troppo per le lunghe.(ironico)

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 18.11.15 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una buona posizione, probabilmente la migliore possibile per non creare conseguenze peggiori...

Aumentare i controlli interni a disinnescare gli interessi che fomentano le guerre... bello, ma ho la sensazione che ciò ai governi non interessi molto.
Più semplice invece qualche raid aereo, come se non fossero stati quelli a scatenare questi massacri, per andare a consumare un pò di munizioni lontano dai nostri territori...

Il fenomeno ISIS è business. L'utilizzo volgare della leva ideologica, come sempre, serve solo ad amplificarne gli effetti sulle menti strette e manipolabili (questo vale anche per gli occidentali, qui in Italia le dichiarazioni di questi giorni della Lega e di altri soggetti della cultura neo liberista stanno mettendo a repentaglio la sicurezza del Paese!), per il resto, più che in precedenza, è un prodotto fondamentalmente economico, fatto con soldi e per i soldi.
Togliendo "linfa" l'Isis si riassorbirebbe velocemente.

La vera sfida però sarebbe quella di fornire, senza altri fini, a quei popoli gli strumenti adeguati per emanciparsi dall'iniquità sociale e realizzare lo Stato di diritto.

Antonio Maria Vinci Commentatore certificato 18.11.15 18:08| 
 |
Rispondi al commento

San Putin, perdonaci.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 18.11.15 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un ottimo post.

Non complottista,
allineato a quello che la gente vuole sentire.

Bene cosi'.

PZ 18.11.15 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Sorial , bravo M5S
Condivido e sottoscrivo al 100% !

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 17:52| 
 |
Rispondi al commento

http://webtv.camera.it/home

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 17:42| 
 |
Rispondi al commento

"Se io fossi dell'ISIS:
1-Produrrei migliaia di videoclip-propaganda dell'orrore (ben fatte come
gia sono ora) certo poi che tutti i network le metterebbero in onda per
farmi propaganda gratis e diffondere capillarmente il messaggio di terrore
e il terrore stesso.
2-Inciterei a guardare con attenzione tutti i dibattiti Televisivi
sull'argomento che si trasmettono in tutta europa ma con particolare
attenzione a quelli prodotti in Italia, al fine di rilevare la debolezza e
l'ignoranza di chi li produce e degli invitati che strumentalizzano gli
episodi, come sempre, invece di fermarsi a ragionare (tremende le seghe
mentali di tanti ospiti negli ultimi giorni e dei giornalisti piccoli
piccoli che non vedono l'ora mostrare questo o quel filmato ignorando di
fare solo mera pubblicità al nemico).
3- Inviterei a valutare l'ignoranza più becera di chi si esprime (politici,
giornalisti e altri sapientoni), di chi usa ad esempio il termine Jihadisti
senza neppure conoscerne il significato.
La Jihad (andate a verificare) è un impegno quotidiano interiore per
migliorarsi individualmente e che ogni buon musulmano pratica
quotidianamente, secondo le "buone" regole del Corano. La Sharia è la legge
Islamica. Il terrorismo è altra cosa. Il termina "terrorismo islamico" è
una ambigua e offensiva invenzione praticata con furbizia e verso
l'ignoranza collettiva per scopi e finalità ben precise.
Sono tempi per ragionare e stare zitti.
Trovo perfino sconveniente pubblicare le foto e i nomi degli autori dei
terribili delitti. Questo li fa eroi e determina il proselitismo degli
incerti e dei depressi...
Sono tempi per i saggi veri e non per le improvvisazioni.
Per favore, facciamo il possibile per rendere la stampa e i media più
responsabili e più utili alla vera causa e non al terrorismo che ivi trova
ristoro e propaganda facile.
Grazie
"

Egale Cerroni 18.11.15 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Intervento pienamente condivisibile in tutte le sue articolazioni. Da sempre le guerre si sono fatte innanzitutto con il denaro per cui il primo obiettivo della lotta all'ISIS e' quello di interrompere i suoi molteplici canali di finanziamento. Cio' comporta un chiarimento con quei Paesi che fanno il doppio gioco, che comprano il petrolio del califfato e i reperti archeologici trafugati. Cosi' come far rispettare il divieto internazionale di vendere armi ai Paesi coinvolti nelle crisi belliche. La lotta va percio' combattuta con le armi della politica e della diplomazia coinvolgendo tutte le parti disponibili.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.11.15 17:06| 
 |
Rispondi al commento

http://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/
io lo dico da parecchio,bloccare le immigrazioni via mare, noi non possiamo di certo farli affogare, ma prenderli e metterli su una nave grande, metti una tipo costa crociere, poi lì selezionare chi ha diritto all'asilo,gli altri riportarli indietro,mica poi partono tutti dalla libia,partono dall'Egitto,Turchia, ecc, così dai il messaggio principale,inutile mettersi in viaggio,spendere soldi tanto ti rimandono indietro, e non dai soldi a chi organizza i viaggi, inoltre non dai soldi alla mafia italiana che tramite cooperative si sta ingrassando,non possiamo ancora fare ghetti,perchè si parla della francia,ma anche in italia ci sono ghetti, da milano,a napoli,roma, e non è facile viverci ,se non sei dei loro fai una vita infame, poi fare un programma internazionale di aiuti,ma non dare soldi ad Erdogan, che è ladro peggio dei nostri politici,ma dare aiuti alle popolazioni se dai pane l'isis muore da se

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 16:54| 
 |
Rispondi al commento

eliminare i finanziatori...è qui che casca l asino ...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Proponete alla Ue che tutti gli investimenti(spese)di uno stato per rafforzare intelligence e forze dell'ordine siano esclusi dai rating di valutazione e dal computo del deficit.

Paolo Gargano 18.11.15 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Se io fossi dell'ISIS:
1-Produrrei migliaia di videoclip-propaganda dell'orrore (ben fatte come gia sono ora) certo poi che tutti i network le metterebbero in onda per farmi propaganda gratis e diffondere capillarmente il messaggio di terrore e il terrore stesso.
2-Inciterei a guardare con attenzione tutti i dibattiti Televisivi sull'argomento che si trasmettono in tutta europa ma con particolare attenzione a quelli prodotti in Italia, al fine di rilevare la debolezza e l'ignoranza di chi li produce e degli invitati che strumentalizzano gli episodi, come sempre, invece di fermarsi a ragionare (tremende le seghe mentali di tanti ospiti negli ultimi giorni e dei giornalisti piccoli piccoli che non vedono l'ora mostrare questo o quel filmato ignorando di fare solo mera pubblicità al nemico).
3- Inviterei a valutare l'ignoranza più becera di chi si esprime (politici, giornalisti e altri sapientoni), di chi usa ad esempio il termine Jihadisti senza neppure conoscerne il significato.
La Jihad (andate a verificare) è un impegno quotidiano interiore per migliorarsi individualmente e che ogni buon musulmano pratica quotidianamente, secondo le "buone" regole del Corano. La Sharia è la legge Islamica. Il terrorismo è altra cosa. Il termina "terrorismo islamico" è una ambigua e offensiva invenzione praticata con furbizia e verso l'ignoranza collettiva per scopi e finalità ben precise.
Sono tempi per ragionare e stare zitti.
Trovo perfino sconveniente pubblicare le foto e i nomi degli autori dei terribili delitti. Questo li fa eroi e determina il proselitismo degli incerti e dei depressi...
Sono tempi per i saggi veri e non per le improvvisazioni.
Per favore, facciamo il possibile per rendere la stampa e i media più responsabili e più utili alla vera causa e non al terrorismo che ivi trova ristoro e propaganda facile.
Grazie

Egale Cerroni 18.11.15 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Il Dalai Lama dice che Dio non c'entra con i nostri problemi."
*******************************************************************
Il Dalai Lama ha commentato così i fatti di Parigi che stanno sconvolgendo l’occidente:

Io sono buddista. E credo e pratico la preghiera. Ma noi esseri umani abbiamo creato questo problema e ora chiediamo a Dio di risolverlo. E’ illogico. Dio avrebbe detto ”risolvetelo da soli perché voi lo avete creato in prima istanza”.
******************************************************************
Ma allora l'uomo è stato creato perfetto o imperfetto.?
Se fosse perfetto sarebbe una copia di DIO..che non è !
Allora dato che l'uomo combina sempre dei casini...vuol dire che è imperfetto.
Chi lo ha creato l'uomo imperfetto ?..io NO !
Quindi ?

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 18.11.15 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si é più bravi a globalizzare i problemi che le soluzioni. In quella zona vi è una tale concentrazione di conflitti (guerreggiati o di interesse)
che solo tutti insieme si giunge ad una soluzione. È come per il nucleare: a che serve essere contro se al di là delle alpi pullulano le centrali? Le radiazioni non si fermano alla frontiera.
Solo alcuni paesi non risolvono nulla.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 18.11.15 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ alessia morani
Lei ha appena accusato nella trasmissione TAGADA', Maria Edera Spadoni del M5stelle che nel reddito di cittadinanza da loro proposto sono indicati tagli alla difesa per miliardi,peccato che non abbia anche detto che quei tagli riguardano le spese per gli f35 e non per la sicurezza interna Siete davvero sempre in malafede e disonesti nel dare informazioni scorrette ai cittadini Si vergogni.Lei dà degli irresponsabili ai 5 stelle ,proprio lei che appartiene a quel gruppo che condona ai potenti e penalizza i poveri Siete inqualificabili.

Paola L., Verona Commentatore certificato 18.11.15 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Da un copia incolla :
È stato ferito a morte nel blitz a Saint-Denis ed è tornato indietro per spirare accanto al suo compagno di lavoro: si chiamava Diesel ed era stato arruolato nel RAID (Recherche Assistance Intervention Dissuasion) tra le cui fila, anche oggi, si è distinto per il coraggio. Che ha salvato quattro vite. Ecco una delle tante storie che ha commosso la Francia e, sulla rete, il mondo intero. Solo che stavolta non si tratta di un uomo: Diesel era un malinois, ovvero un cane da pastore belga specializzato nell’assalto e nella ricerca di esplosivi, e aveva sette anni. Secondo la ricostruzione dei media francesi, Diesel sarebbe stato il primo a entrare nel covo dei sospetti , un appartamento nel quartiere a nord di Parigi, quando all’alba di mercoledì mattina è scattata l’operazione delle teste di cuoio francesi alla ricerca della “mente” degli attentati del 13 novembre, Abdelhamid Abaaoud.
(fonte).
Onore anche a Diesel.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 18.11.15 15:55| 
 |
Rispondi al commento

!Concordo su tutto!!! Bravissimi!!!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 18.11.15 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Smettiamola di chiamare francese o italiano chi , immigrato o figlio di immigrato , ricve la cittadinanza ! Per la maggior parte non si sentono tali e seguono fanaticamente le loro religioni con annessi e connessi . Gli " europei " turchi hanno ampiamente dimostrato chi sono e per chi parteggiano ! Finiamola con i giochetti del PD , sbattiamo fuori dal nostro Paese e dalle nostre città tutta quella gente che ci è nemica , che trama contro di noi , e no mi riferisco solo ai musulmani ma anche a chi ci impone governi illegali che ci manipolano come marionette !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 18.11.15 15:30| 
 |
Rispondi al commento

I capi di Stato organizzano le guerre ma mica ci vanno loro a morire MANDANO IL LORO POPOLO vigliacchi!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 15:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Incominciò tutto da qua:
https://www.youtube.com/watch?v=69Xo5Gxn2o4

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.11.15 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli antichi romani , che di politica se ne intendevano come della guerra , affermavano che se si voleva capire perchè era successa una cosa bisognava interrogarsi domandandosi a chi giovasse l'accadimento . Abbiamo assistito all'undici settembre e la memoria è andata a Pearl Arbur e all'affondamento del Lusitania che furono la miccia che spinse il popolo americano a dire si alla prima e seconda guerra mondiale ! Wilson , Roosvelt e Bush , tre presidenti che volevano la guerra , tre rappresentanti dell'alta finanza giudaico massonica che guida l'America senza altro interesse che il denaro ! Non importa quanti milioni di morti si faranno , l'importante è accumulare ricchezze sterminate ! Oggi abbiamo una zona , il medioriente , in fiamme e queste si avvicinano troppo a noi , stiamo attenti a non scottarci ! Cosa fare ? Prima di tutto dobbiamo liberarci dei servi dell'alta finanza che ci governano e poi potremo iniziare un percorso di pace ! Con i venduti che abbiamo obbediremo sempre ai guerrafondai !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 18.11.15 15:18| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo queste sarebbero state le misure adatte che si dovevano prendere dopo gli attacchi al metrò londinese. Ma dallo scorso gennaio ad oggi (da Charlie-Ebdò) rappresentano misure ormai tardive ed insufficienti dobbiamo capire che oggi le cellule sono presenti in Europa e in Italia (dormienti)si possono anche muovere abbastanza liberamente in particolare tale concentrazione proprio nel triangolo (fateci caso)dell'intellighenzia UE..Bruxelles - Parigi - Strasburgo con diversioni in Renania Palatinato dove maggiore è la concentrazione arabo - Islamica nel continente.
In particolare muovo alla blanda posizione di Sorial le seguenti criticità: cosa vuole dire "rafforzare le frontiere"? o chiudi Schenghen o no o ripristini i valichi con controlli H.24 oppure no. Probabilmente non basterebbe ma si dovrebbe anche predisporre barriere fisiche come si stanno approntando in TUTTI i paesi dell'est Europa i quali paesi per i motivi evidenti di cui tutti oggi ne leggiamo le cronache, NON VOGLIONO problematiche per l'immediato futuro (e non solo) quali quelli causati da immigrazioni di massa di comunità culturalmente aliene alle loro società. Poi si menziona di processi di DE-RADICALIZZAZIONE ? cosa vuole dire concretamente? vediamo che la manodopera terroristica è di 2^ generazione radicata nelle "evolute" società francese ecc. In realtà è lo sradicamento prodottosi in persone che non vivono nella loro "patria spirituale" e di cui poco o nulla potrebbero mediare tali fantomatici processi. Alla fine Sorial lo stato Islamico ci mandiamo le truppe o no ? L'Italia vuole essere compagna morale della Francia o del Califfato ? basta ipocrisie! se fossi di destra direi .. è l'ora delle decisioni irrevocabili.

Marco C., Spilimbergo Commentatore certificato 18.11.15 15:09| 
 |
Rispondi al commento

ot?

""Napolitano: «La guerra al raìs non fu un errore»
L'autodifesa dell'ex capo di stato. Primo intervento in aula: «Non possiamo tirarci indietro, non possiamo evadere o scappare, è il nostro dovere. L’Italia faccia la sua parte, così come non ci tirammo indietro nel 2011»""

http://ilmanifesto.info/napolitano-la-guerra-al-rais-non-fu-un-errore/

non fu un errore?!?!? ma se anche la mia tartaruga esprimeva grosse perplessità all'epoca...ma almeno, tacere?

:)

pabblo 18.11.15 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PERFETTO !!!!!! e dobbiamo sentirci dire da coloro che pensano di essere giornalisti che il m5s non ha le idee chiare su questo argomento oppure che questo argomento è il nostro punto debole.......il vero punto debole della nostra nazione sono TUTTI i partiti che hanno governato fin'ora realizzando dei danni incredibili e tutta l'informazione nazionale che fa SOLO E SOLTANTO disinformazione

Pino M., milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 14:55| 
 |
Rispondi al commento

La cosa su cui non sono d'accordo, è che le forze dell'ordine, sono sotto organico.
Abbiamo il più alto numero i appartenenti alle forze dell'ordine DEL PIANETA, in rapporto agli abitanti.
Esempio:in Germania, ci sono 289 poliziotti ogni 100.000 abitanti, in Italia, ce ne sono 467 ogni 100.000 abitanti.
Se mi si dice che devono essere meglio utilizzate, è una cosa, ma non che sono sotto organico.
Tra poliziotti, onorevoli di ogni calibro, clero, statali parassiti, ogni lavoratore ha da mantenere, oltre alla propria famiglia, altri 4 individui.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 18.11.15 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra un intervento scarsamente incisivo e contraddittorio, concordo sul sostegno allo intervento russo e sulle auspicate misure di sicurezza

guido ferraioli 18.11.15 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Le responsabilità individuali
Che racconterebbero quella miriadi di individui che pullulano
nella nostra penisola abituati ad eludere il fisco pagando lavoratori in nero quantità enormi di denaro da cui verrà dato l'obolo della zakat
Se si rendessero conto che il loro denaro potrebbe finire nel circuito del temuto califfato
Che racconterebbero se un loro congiunto fosse finito tra i morti ammazzati a Parigi ?
E che ci raccontano quelli che vogliono elevare a 3000 euro la disponibilità di denaro contante ?
Questa riflessione me la rimarginavo ieri sera ascoltando le solite pirlate del matteo leghista

Rosa Anna 18.11.15 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Le responsabilità individuali dei buon pensanti italiani
Che affittano in nero ? A chiunque !

Rosa Anna 18.11.15 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, le banche sono le proprietarie delle aziende che producono armi.

http://www.umarcocali.com/2015/02/la-guerra-e-bella-grazie-alla-guerra-i.html

Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!
Le banche!


http://www.umarcocali.com/2015/02/la-guerra-e-bella-grazie-alla-guerra-i.html





Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori