Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I debiti della sinistra li paghi tu #iononpagolunità

  • 34

New Twitter Gallery

debitiunita.jpg

"I cittadini italiani è giusto che sappiano: i loro soldi servono a pagare i debiti della sinistra. Parliamo di 107 milioni di euro che lo Stato ha versato alle banche creditrici per ripianare i debiti del giornale L'Unità durante la gestione degli ex Ds, oggi PD.

A rendere possibile il giochino, che solleva il giornale e il partito dalle sue responsabilità e scarica tutto sulle spalle, anzi sulle tasche degli italiani, è una legge del 1998 approvata durante il governo Prodi: la norma estende l’estensione della garanzia dello Stato, già prevista sui debiti degli organi di partito, ai mutui per l'editoria contratti da quotidiani di partito.
Il giornale del PD si indebita e gli italiani pagano. I paradossi sono due:
- a pagare sono quegli stessi italiani strangolati dal fisco, quelli che si vedono arrivare la cartella d'Equitalia se per colpa della crisi non riescono a mandare avanti la propria attività e a pagare creditori e stipendi;
- gli italiani pagano i debiti di un giornale di partito che dal 1990 al 2013 ha ricevuto dallo Stato oltre 152 milioni di euro di soldi pubblici, finanziamenti che il M5S chiede di abolire totalmente.
Invece di coprire i debiti del giornale del PD, quei soldi potevano essere impiegati per far fronte alle mille urgenze di questo Paese: ad esempio per mettere in sicurezza gli edifici scolastici, visto che i tetti delle scuole continuano a crollare, o per risolvere la vergognosa emergenza idrica a Messina, oppure per pagare gli stipendi dei supplenti senza stipendio da settembre." M5S Senato


cale_ereti_banner.jpg

10 Nov 2015, 10:01 | Scrivi | Commenti (34) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 34


Tags: cittadini, debiti, DS, finanziamento pubblico, giornale di partito, l'Unità, Pd, unità

Commenti

 

Hanno riesumato anche l'unità. Abolire tutti quei soldi regalati ai giornali, tanto dicono tutti la solita cosa sono tutti dalla stessa parte; basta tenerne 2 o tre e che si mantengano con la pubblicità altrimenti chiudete! tanto c'è già la TV (che spara dove vuole...il padrone),altrimenti meglio int-net! Come molti stanno già facendo.

Wlad d. Commentatore certificato 13.11.15 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Quindi si spiega come mai le banche prestano gioiosamente soldi a simili aziende con prospettive economiche disastrose:
non esiste possibilità di non restituzione e la banca ottiene con certezza sia i soldi prestati che gli interessi e la mora lucrando spudoratamente su un affare sicuro.
La finanza creativa di prodi (quello dell'euro) colpisce ancora.
Le banche amiche del governo degli sprechi festeggiano.

Intanto gli italiani continuano a sostenere chi li deruba (o almeno a non impiccarli) solo perché hanno giacca e cravatta e la loro faccia da #### è in televisione quindi nell'intimità della casa degli italioti che inconsciamente li credono parenti stretti (questo spiega perché il rapinatore che ruba poche migliaia di euro è odiato mentre i politici che rubano centinaia di milioni sono amati).
Ergo la colpa di tutto è di chi guarda la televisione... io da quando l'ho dismessa ragiono meglio, provateci che è tutta salute mentale (poi guardare continuamente delinquenti in televisione è diseducativo per i bambini, i telegiornali dovrebbero avere sempre il bollino rosso e orari fuori fascia protetta).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.11.15 13:40| 
 |
Rispondi al commento

non trovano i soldi per malati poveri e disoccupati chiamarli ladri dei soldi pubblici è solo una delle verità!

sil sotgiu, sesto calende Commentatore certificato 11.11.15 12:14| 
 |
Rispondi al commento

povero Gramsci,questa accozzaglia di politicanti non eletti che girano e rigirano nei soliti poltronifici DEVONO ANDARE A CASA!Con quei soldi quante cose si potrebbero fare.Ad esempio un reddito di cittadinanza,la ricostruzione delle pensioni ottemperando alla sentenza della Consulta!VERGOGNA,VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

giuseppe m, mandal.giuseppe@gmail.com Commentatore certificato 11.11.15 10:26| 
 |
Rispondi al commento

E poi ci sono solo 50 milioni per il dissesto idrogeologico, vorrei tanto sapere se la Oppo non si vergogna ora che conosciamo tutti i loro vergognosi altarini

Alessandro Ranuncolo, La Spezia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.11.15 07:34| 
 |
Rispondi al commento


107 milioni di debiti dell'Unità pagati dallo Stato


Il politico ha bisogno del consenso per conservare il suo lauto stipendio e tutti i suoi relativi privilegi,
per ottenere ciò controlla politicamente un giornale, che quindi comincia a far propaganda per il politico anzichè informare il cittadino.

Il cittadino ovviamente smette di comprare il giornale che racconta bufale e favole sul tal politico o sui suoi avversari invece che informarlo sulla realtà degli eventi, mentre il politico per conservare poltrona e consenso deve intensificare quindi la propaganda incrementando il personale amico all'interno del giornale, spendendo molto di più
(senza contare che ogni tanto ci scappa una consulenza, una sponsorzzazione ecc)

Il giornale va in crisi economica e nonostante i finanziamenti pubblici all'editoria, che il politico incrementa più che può per mantenersi il megafono, è costretto a chiedere prestiti alla banca.

...è tutta una catena di affetti, che nè io nè lei possiamo spezzare.. direbbe il professor Sassaroli di "Amici Miei"

continua ↓


Il salvataggio del giornale Unità lo deve pagare il partito a cui è sempre appartenuto, che ne ha ispirato linea editoriale ed articoli. Ma se noi siamo costretti a pagare i debiti dei giornali, allora anche i nostri debiti pro-capite devono essere pagati dai partiti tutti e dai giornali

ENRICO M., PARMA Commentatore certificato 11.11.15 00:59| 
 |
Rispondi al commento

a parte che pure io nun pago gnente ... ^_^ ...
avoja annà a zappà ste merde ...
perchè anche la finta opposizione è lo stesso

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/25/padania-giornale-lega-chiuso-costata-61-milioni/1453239/

61 milioncini per leggere quelle minkiate ...

Lenin Nicolaj (che fare), Roma Commentatore certificato 11.11.15 00:27| 
 |
Rispondi al commento

IL MOVIMENTO 5 STELLE NON SI SPORCA CON PARASSITI DELLA POLITICA !!! LADRI INFAMI !!!!! LI AMMAZZA STECCHITI COME RAID !!!!!😜😜😜😜😜

ARMANDO NOTARRIGO 10.11.15 22:31| 
 |
Rispondi al commento

sono 7 anni che sono senza lavoro, ho fatto l'imprenditore tutta la vita finche' non mi hanno "strangolato", mia moglie ha chiuso l'attivita' dopo 20 anni di ricezione agrituristica visto che non ce la facevamo piu' a pagare il mutuo che aveva contratto, mio figlio e'stato licenziato a settembre dopo oltre 8 anni che lavorava in una multinazionale. Questo e' solo uno spezzato della vita di persone che come noi votiamo il m5s. Spero, vivamente che molti italiani riusciranno a capire cos'e' il ns. movimento......E IN CHE MANI SIAMO!!!!

Loriano Salvadori 10.11.15 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Bene, forza, ancora, paghiamo per il salvataggio di questo mezzuccio di regime. Spero che quel 41% delle europee rimpianga amaramente il voto ceduto per due euri oltretutto dati e ripresi in modo esponenziale!

Roberto Pisco 10.11.15 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Diffamazione, altro che informazione e noi paghiamo. No! Deve pagare concita de Gregorio! E tutta la sua truppa di bugiardi patentati!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.11.15 18:56| 
 |
Rispondi al commento

Lo stato è diventato "cosa loro" come nel comunismo sovietico.

Amedeo 10.11.15 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Le parole più dolci che mi vengono spontanee sono : LADRI DEL POPOLO. SANGUISUGHE DELLA GENTE ONESTA. PIAGHE DEL BENE POPOLARE. INCREMENTATORI DEL MALE.

TOGLIETEVI IL VITALIZIO BASTARDI.

LA PRIVACY VA DIFESA CON OGNI MEZZO.
QUANDO LA PRIVACY VIENE TOLTA DA INTRUSIONI ATTE A RECARE DANNO A PERSONE O COSE DI PROPRIETÀ, UNO DEVE AVERE IL DIRITTO DI DIFENDERSI CON OGNI MEZZO A DISPOSIZIONE.
POLITICI DI MERDA ALMENO QUESTO DOVRESTE, AD UN POPOLO STREMATO A CAUSA DELLA VOSTRA AVIDITÀ.
IL POPOLO PAGA PER AVERE UNA CASA E DI CONSEGUENZA HA IL DIRITTO DI DIFENDERLA.
DARE LA CASA AI LADRI !!!!!!!!!
MA DOVE SIAMO ???. DOVE ANDREMO A FINIRE ???.
POLITICI MAFIOSI E CORROTTI : ANDATE A CAGARE.

vaffan.... 10.11.15 17:16| 
 |
Rispondi al commento

quanti parassiti politici abbiamo mantenuto con questo denaro alla faccia della gente che lavora veramente per mantenerli nel lusso ?

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 10.11.15 15:59| 
 |
Rispondi al commento

molti scrivono: qualcuno faccia qualcosa!
forse non si è capito che siamo NOI a dover fare qualcosa..
come ? non lo so. Io non vivo più in Italia, purtroppo/per fortuna.
Ma se si è in Italia si può far qualcosa.
Qualsiasi cosa.
L'unione fa la forza. Partecipare alla vita del Paese, senza nascondersi dietro a una tastiera. Partecipare ai Meetup, Volontariare nelle iniziative del Movimento, stampare e distribuire volantini. Andare a trovare e divulgare le notizie che non danno in tv direttamente nelle case delle persone, promuovendo la visione dei video del Movimento e de La Cosa... tutto aiuta.
Purtroppo da dove sono, posso fare molto poco.
Ma ci sono sempre. Ogni giorno in rete, con voi. Con il cuore e la speranza.
W M5S.

teo kardec, il mondo Commentatore certificato 10.11.15 15:42| 
 |
Rispondi al commento

In sintesi dovremmo pagare un fallimento non nostro

Mario Di Lorenzo, GIUGLIANO IN CAMPANIA Commentatore certificato 10.11.15 14:30| 
 |
Rispondi al commento

si ma siamo sudditi eunuchi, in altri paesi li avrebbero appesi come caciocavalli, e poi cari italioti si pagano le tasse in cambio di servizi alla comunità, quì invece stiamo pagando sprechi, truffe e sollazzi, e tutto questo grazie al popolo inetto !

Dolphin 10.11.15 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe mi stupisce che tu persista sotto il giogo del new speak. Chiamare mafiosi infiltrati nel sistema prendiculo della politica italiana, che in realtà ha una fisiologia che nulla ha a che vedere con un illusoria divisione fra partiti che serve solo ad ungannare il cittadino medio, non fa altro che rafforzare l'impressione di questa farsa di cui invece dobbiamo liberarci.

undefinedjack 10.11.15 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Se non ci fosse stato il M5S, di questo non corretto uso dei soldi nostri, si sarebbe discusso
per qualche settimana ed i partiti politici avrebbero fatto orecchio da mercante e poi sarebbe sceso il silenzio, comunque è così facile e bello legiferare con i soldi altrui.....

salvatore santo spedalieri 10.11.15 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Tutti gli italiani non ne possono più, ma perchè non si fa niente per mandali via? Chiedo a Voi 5 stelle di far sapere che cosa deve fare il popolo italiano per mandarli via per sempre e avere veramente la democrazia,vogliamo votare per eleggere chi ci rappresenta veramente, ma al più presto perchè siamo arrivati ormai al fondo. Siamo in una dittatura. Secondo me bisogna a tutti i cosi tornare a votare!!!!

Maria Grazia Facchini 10.11.15 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Giornale del cazzo,pagato con i miei soldi per diffamare i sindaci m5s.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 10.11.15 12:56| 
 |
Rispondi al commento

noi dobbiamo pagare e basta. se il pagare va contro la legge, ecco che la legge cambia. siamo sudditi che protestano ma che appena si trovano di fronte al re ci si spintona per stringergli la mano e magari farci un selfie assieme. schiavi e contenti.

mr. x Commentatore certificato 10.11.15 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la vera crisi a mio parere credo che sia questo governo che oltre aver sbagliato con l entrata dell euro sta eliminando e togliendo tutto ai cittadini senza parlare di aumenti delle tasse e porcherie varie sono solo per farci pagare a noi tutto.per il resto non ho nulla da aggiungere che dire m5s a vita !

alex 10.11.15 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Sempre il solito schifo di questi governanti incapaci e truffaldini alle spalle dei soliti noti,
ma se cambia però........ne vedremo delle belle.
W il Movimento 5 Stelle

rodolfo botta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.11.15 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Ladri di soldi pubblici

questi sono quelli che facevano gli interessi degli operai??

nonostante i finanziamenti al partito che avrebbe dovuto provvedere al funzionamento del suo giornale hanno fatto pagare ai cittadini più di 200 miliardi di lire così si capisce meglio quello che hanno fatto gli squali del PD

saluti ai monelli del blog

old dog 10.11.15 11:50| 
 |
Rispondi al commento

non se ne può più ,ma e possibile che in questo paese nessuno faccia niente!!! chi e che fa rispettare le leggi qui dio ? bho non so ....

alex 10.11.15 11:46| 
 |
Rispondi al commento

una grande vergogna ed un'ennesima ingiustizia. una dietro l'altra. oltre che denunciare, cosa possiamo fare noi italiani che ci tocca solo pagare? ma quanto spirito di sopportazione abbiamo? o siamo solo cretini? la nausea ormai e' incontenibile. non riesco piu' nemmeno a guardarli.

rosanna scarpa 10.11.15 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Non se ne può più, qualcuno faccia qualcosa, qualsiasi cosa.

Tommaso B., Diamantina Brasile Commentatore certificato 10.11.15 10:38| 
 |
Rispondi al commento

oltre al danno anche la beffa quella di aver finanziato i DS partito defunto 3 anni fa con quasi 500 milioni di euro.. una sorta di finanziamento che serviva a pagare i funzionari di partito e il suo giornale unità. luzzi segretario contabile della margherita da quei fondi porto via ben 13 milioni di euro poi margherita e Ds si fusero in PD che non si caricò i debiti dei due partiti che rimasero a carico dei cittadini

Pier luigi 10.11.15 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Link: https://www.facebook.com/ildisonorevole/photos/a.654058187997085.1073741828.646956962040541/981406691928898/?type=3&theater

BONDI, CANZIO, COTTARELLI, PEROTTI. ECCO I COMMISSARI ALLA SPENDING REVIEW CHE SI SONO DOVUTI DIMETTERE!

Spending review, ovvero revisione della spesa pubblica ma che detta in inglese sembra più figa. Premessa: la spesa pubblica in Italia ammonta a circa 800 miliardi. Per fare un raffronto ad esempio il gettito IMU sono 4 miliardini.

Abbiamo iniziato a sentire Spending Review soprattutto con l'arrivo di Monti, ma le origini di questa parola sono ben più vecchie. Facciamo un ripassino.

- Commissione tecnica per la Spesa pubblica, del Ministero del Tesoro, operò dal 1986 al 2005.
- Commissione tecnica per la Finanza pubblica. del Ministero dell'Economia e delle Finanze. nasce nel 2006.

- Settembre 2002, viene varato il DL 194/2002 definito decreto tagliaspese che modifica strutturalmente, il metodo di previsione delle spese, ponendo dei tetti di salvaguardia.

- Governo Monti nomina Enrico Bondi Commissario alla Spending Review. Risultati pressochè nulli. Si dimette dall'incarico a dicembre 2012.

- Governo nomina a gennaio 2013 Mario Canzio Commissario alla Spending Review. A maggio 2013 Canzio cessa dall'incarico di Commissario alla spending review.

- Il 4 ottobre 2013 il Consiglio dei ministri nomina Commissario Carlo Cottarelli attribuendogli poteri molto ampi ed un incarico di tre anni. L'incarico di Carlo Cottarelli termina il 31 ottobre 2014, con due anni di anticipo rispetto al previsto, fu molto critico contro l'atteggiamento del governo R**** in merito.

- Il Governo R**** a marzo 2015 nomina Yoram Gutgeld (parlamentare PD) Commissario. Collabora con lui l'economista consigliere del presidente Roberto Perotti. Il 7 novembre 2015 Perotti si dimette dall'incarico di consigliere del Presidente del Consiglio, dichiarando "Non mi sentivo utile."

Lo capite che questi qui non vogliono e non sanno risparmiare?!




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori