Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il licenziamento che prova il fallimento del #jobsact

  • 24

New Twitter Gallery

stopja.jpg

"Il M5S denuncia da mesi che il contratto a tutele crescenti introdotto con il Jobs Act, non è un contratto stabile che da, dunque, certezze come sostiene il governo, ma si tratta invece dell’ennesimo contratto precario. Il caso del licenziamento di un lavoratore della società Pigna Envelopes S.r.l. di Tolmezzo, dimostra che le denunce erano fondate.
L’ex lavoratore della società Pigna, dopo essere stato assunto mediante il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, è stato facilmente licenziato soltanto 8 mesi dopo. Alla faccia della stabilità del lavoro!

Il fallimento del Jobs Act è ormai realtà. Se da una parte i lavoratori assunti a tempo indeterminato sono diventati lavoratori precari e facilmente licenziabili, dall’altra parte troviamo datori di lavoro che licenziano i dipendenti solo alcuni mesi dopo dall’avvenuta assunzione, nonostante abbiano usufruito, in ogni caso, degli sgravi contributivi previsti per tutto il primo anno, pari ad 8.060 euro. Il risultato è che ci ritroviamo il lavoratore a casa senza posto di lavoro, che grava sulla collettività, e il datore di lavoro che ha percepito gli sgravi, pur licenziando liberalmente, senza alcun obbligo di restituzione. Un vero inganno!
Tutta questa situazione paradossale creata dal governo, potrebbe avere una soluzione solo qualora fosse vigente il Reddito di cittadinanza del M5s che accompagnerebbe il lavoratore nella ricerca di una nuova occupazione e di conseguenza aiutandolo al reinserimento nel mondo del lavoro. Oltre al fatto che il Reddito di cittadinanza farebbe ripartire l’economia reale rappresentando, prima di tutto, una vera e propria manovra economica.
Il governo faccia marcia indietro." M5S Parlamento

cale_ereti_banner.jpg

15 Nov 2015, 10:19 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 24


Tags: disoccupazione, jobs act, lavoro

Commenti

 

se lo scopo era togliere diritti ai fessi che hanno votato 'sto governo allora il bersaglio è stato colpito in pieno e non è quindi un fallimento.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.11.15 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Il solito buco nell' acqua, o sabbia nell'occhio, palloni in aria , menzogne , prima o pio tutti i nodi vengono al pettine, oppure le stronzate vengono a galla. E' molto difficile per le persone normali di capire come fanno a prendersi in giro questi incompetenti politici . Il calderone degli inciucciati . Sono talmente deficienti che per trovare il loro sedere devono chiedere la direzione allgli altri.

Savio1 16.11.15 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Quando un paese dichiara di essere una repubblica fondata sul lavoro non è possibile accettare di avere un presidente del consiglio che pensa di essere Enrico VIII.

Le leggi non possono essere autoimposte ma discusse legiferate e approvate democraticamente attraverso la voce del popolo..cosa che invece in questo caso non è successa.

Siamo sotto una dittatura quindi il jobs act è solo uno strumento di potere per il potere.

Personalmente grazie alla politica di questo governo illeggittimo non trovo lavoro da 2 anni e non ho nemmeno un sostentamento statale di alcun genere.

Sapevate che il nostro ministro del lavoro Poletti ha creato un sito internet per i giovani senza lavoro richiesto dall'unione europea per certificare i numeri della disoccupazione in Italia e per cui l'UE versa del denaro per ogni iscritto che chiaramente non va all'iscritto ma al ministro Poletti che in un intervista (unica perchè non se ne più parlato) diceva che ad ogni iscritto sarebbe stato affiancato un tutor virtuale che avrebbe risposto a qualsiasi domanda degli interessati..

Beh che fine ha fatto tutto questo?

Perchè nessuno ne ha più parlato?

E il ministro che fa..continua a prendere soldi dalla UE?

Quindi bravi M5S ma..le informazioni scarseggiano e mentre il PD lancia gli ossi degli 80€ a famiglia fa i miliardi con l'UE e tutto sotto gli occhi di una popolazione ignara..

D'altronde questa idea dei siti internet inutili per noi ma non per loro era stata fatta anche da un Rutelli d'altri tempi con il sito governativo..imapariamo l'inglese..

Sito fallimentare che però è servito a giustificare milioni di euro scomparsi più o meno consapevolmente..

Il jobs act è solo fumo negli occhi..nei nostri occhi..una giustificazione per l'UE che il governo fa qualcosa mentre invece fa tutt'altro..

Un po come fece Monti con gli scontrini dei negozianti..

Tutti occupati a denunciare il vicino di negozio e lui alla riunione segreta degli imprenditori dei Rothschild..

Meditate gente

Alessandro Pusceddu 16.11.15 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Nel momento del bisogno ad una azienda conviene più assumere persone a tempo indeterminato con il contratto a tutele (si fa per dire) crescenti per poi licenziarle tranquillamente quando il bisogno è terminato.
Così, tra quello che risparmiano per la detassazione e quel poco di indennità che devono dare al lavoratore licenziato, è molto più conveniente che non pagare gli straordinari a chi in azienda già ci lavora!

Roberto Russo 16.11.15 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sono dubbi della grandissima presa per i fondelli che rappresenta l'ennesima modifica delle norme sul lavoro. La cosa anomala è che nell'impossibilità di sottoscrivere contratti atipici molte aziende, soprattutto in alcuni settori, preferiscono indurre il collaboratore ad aprirsi la posizione iva.
La riforma del lavoro andava trattata con il bisturi e non con l'ascia!

salvatore parziale 16.11.15 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Bene per il reddito di cittadinanza, soprattutto preso da un annullamento degli F35 e da una riduzione delle spese militari di offesa in genere. Ma un lavoratore che non ha piu' la fiducia del datore di lavoro DEVE poter essere licenziato.

tomi sonvene Commentatore certificato 16.11.15 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per "contrappesare" il sinistrismo da "bar sport" di alcuni commenti sotto .
-se lo statuto dei lavoratori avesse funzionato aggi avremmo la piena occupazione e non una crisi nera di offerta di lavoro .
-nessun imprenditore licenzia uno se non per convenienza aziendale
-il lavoro si tutela tutelando le aziende non i fannulloni e in un contesto di stabilita' giuridica .

Se il lavoro oggi manca e' perche le condizioni operative per fare qualcosa in Italia non ci sono piu' .

Ovviamente il governo decanta crescite del 0,8 per cento su base annua come un gran risultato , ma rimane uno zero virgola .

Per tornare a creare le condizioni per generare lavori , visto che i sistemi di una volta hanno fallito , perche non fare l esatto opposto ?

-rendere legale il lavoro nero
-possibilita di licenziamento senza se e senza ma
-togliere ogni tassa dal settore immobiliare
-togliere le licenze comunali per fare commerci
-e via elencando

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.11.15 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto diversi post, quello dell'operaio che lamenta il "Jobs Act", quello dell'imprenditore che si difende.

Signori! Se sono al governo e perchè gli abbiamo votati, se volete cambiare le cose, alle prossime votazioni andate a votare e votate "come coscienza vi consiglia".

Giandonato Ovcin 16.11.15 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Beppe

sono sempre io Manuel da Londra, ho scoperto una cosa bellissima, non riuscivo a capire come mai il genere vestiario per i bambini qua in UK costa cosi poco rispetto all'italia.
La mia compagna e' inglese e quando veniamo in Italia a trovare la mia famiglia rimane sempre esterrefatta dai prezzi nei negozi.
Quando siamo rientrati in uk e siamo andati a fare dello shopping mi sono ricordato del suo commento sul prezzo allore ho chiesto com'e' che le stesse cose qua costano cosi poco ?

mi ha detto (non ho verificato ma le credo) che in UK i generi che riguardano i bambini sono esentasse, quindi i prezzi sono bassissimi

E' una cosa che si potrebbe fare pure in italia?
io credo sia una cosa fantastica!

Manuel da Londra

Manuel Pasqui 15.11.15 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Io abito a Londra da 7 anni e mezzo ormai ma vi adore e vi voto in ambasciata spero solo non imbroglino le schede elettorali xche' ormai non mi stupirei piu' di niente.

Una volta al governo mandateli tutti via e prima di mandarli via fategli restiruire tutto quello che hanno rubato! e non fermatevi ai pupazzi che vanno in tv o in parlamento ma mandate a case i vari uscieri e tutti quelli che lavorano ai ministeri che sono loro il maggior cancro della politica, destra centro sinistra non importa loro sono sempre i soliti.

grazie per tutto quello che fate.

Manuel da Londra

Manuel Pasqui 15.11.15 23:06| 
 |
Rispondi al commento

ottimo !

elena guerini, bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.11.15 22:33| 
 |
Rispondi al commento

La sinistra Italiana una cosa sola buona è stata capace di fare e la distrutta. Cosa??? Lo Statuto dei lavoratori, con il suo bellissimo art. 18, che se lo leggete bene non vieta il licenziamento, ma lo equilibra nel modo più corretto e più giusto possibile. Licenziamento solo per giusta causa e giustificato motivo. Se non ci fosse questa tutela il contratto a tempo indeterminato e come se non esistesse. In più ci terrei a precisare che lo Statuto è pieno di articoli ben chiari e giusti che aiutano ad equilibrare il rapporto lavorativo tra il lavoratore ed il datore di lavoro. Bisogna cancellare nel più breve tempo possibile il Jobs Act. Maledetto chi lo ha inventato e chi lo ha applicato.

Guido La Saponara 15.11.15 21:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho 39 anni, dopo studi, corsi di formazione, di abilitazioni ecc. sono
stanco di essere precario, ormai e da più di 10 anni che con tante difficoltà passo da un contratto di collaborazione a progetto ad un altro, senza nessuna tutela, garanzia o continuità lavorativa, per non parlare
dell'incubo dei mesi che ero costretto a stare a casa senza lavoro e senza stipendio, impegnato, senza sosta, nella ricerca di un nuovo lavoro... Poi finalmente trovo un'azienda che più o meno mi da una certa continuità
lavorativa per circa 4 anni, sempre però con contratto a progetto, poi
finalmente, con il Jobs Act, la stessa azienda quest'anno mi dice, più
volte, "dato che lavori con noi da tanto tempo, entro settembre ti trasformeremo il contratto a tempo indeterminato"... ed invece da settembre
l'azienda mi ha lasciato a casa, senza lavoro e senza stipendio e mi dice di aspettare, e non ho avuto più notizie... ma intanto il tempo passa ed io non posso aspettare, ed eccomi di nuovo a ricercare, un nuovo lavoro che fino ad ora non ha avuto successo... ma continuo, non posso fermarmi, le spese a casa ci sono sempre e vanno pagate.
Il lavoro dovrebbe essere un diritto umano, e che diritto per definizione è la facoltà "garantita" dall'ordinamento a ciascuna persona od organizzazione, diritto riconosciuto a tutti i cittadini dall'articolo 4 della Costituzione. In esso si dice, infatti, che la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto...
Che cosa ha fatto il mio paese per promuovere
le condizioni per rendere effettivo questo diritto?

MB 15.11.15 21:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggettivamente bisogna valutare i numeri : se il problema è un licenziamento, mi sembra esagerato parlare di fallimento, se i licenziamenti arriveranno ad una percentuale significativa allora si potrà parlare di fallimento.
Per essere intellettualmente onesti e credibili bisogna essere oggettivi: al di là del fatto che crediamo la legge fatta male nel complesso, per definirla "fallimentare" dobbiamo argomentare con dati oggettivamente consistenti.


EX-M5S compagna Pa0la Pinna: “Nel Jobs Act ci sono anche misure condivisibili”
Un altra nipotina di Che Guevara...

l'importante è che a lavorare ci vadano gli altri 15.11.15 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Ma dove e scritto che una volta assunto una persona devo per forza tenerlo a vita sulle mie spalle sto concetto e sbagliato alla base
Se mi sposo posso divorziare in tre mesi se assumo un dipendente devo tenerlo sulle mie spalle vita Natural durante in in italia ce una distorsione totale del mondo del lavoro due pesi duemisure tutto a favore dei dipendenti ok
mi spiegate quali sono i vantaggi di chi investe i propri soldi mi sapete dire che giustizia ha un azienda che vanta crediti dallo stato e non riesce a pagare i contributi agli operai e di conseguenza non gli viene rilasciato il durc e nn può essere pagato .
Mi sapete dire che giustizia ha un imprenditore che avvia una causa e deve aspettare 10 anni per prendere i soldi
Mi sapete dire un imprenditore che fa credito a una azienda che poi fallisce e perde tutti i suoi crediti chi gli ristiruisce il torto subito
Mi sapete dire perché un imprenditore deve avere sempre il coltello dalla parte della lama senza essere e avere tutele di nessun genere mi i spiegate con.e mai un imprenditore deve comunque avere torto e prendersela sempre nel culllo?

nicola guglielmini, futani salerno Commentatore certificato 15.11.15 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando mi sono trovato a parlare delle cose scritte nel post mi sono sentito dire che ero paragonabile adun sindacalista degli anni 70 .
Beccatevolo voi il job acts ora!

mirco g (vperv), giacchemirco@gmail.com Commentatore certificato 15.11.15 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Eh no no, il bomba sapeva bene cosa faceva con il jobs act, sono i beoti che lo hanno votato ad essere colpevoli!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.11.15 10:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori