Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Libertà è partecipazione, l'intervista di Casaleggio a La Stampa

  • 94

New Twitter Gallery

casaleggio_russo.jpg

di Massimo Russo per La Stampa

"Il nuovo simbolo, con la scomparsa del nome di Beppe Grillo, «è un pit-stop. Noi abbiamo fatto il cambio gomme, gli altri resteranno presto senza benzina». Quel che sta accadendo con il terrorismo è il «ritorno degli imperi centrali. Abbiamo preteso di tracciare i confini con il righello e ora la storia ci presenta il conto». In Vaticano «è in corso la notte dei lunghi coltelli». Tra cinque anni si vede a «trascorrere più tempo in famiglia e a curare un bosco abbandonato». Si dice soddisfatto del sistema di scelta dei candidati alle amministrative, e alla richiesta di un pronostico risponde «miglioreremo ovunque il risultato». Il capo futuro del Movimento? Né Di Maio né Di Battista, perché «il leader del Movimento Cinque Stelle è il M5S stesso». Gianroberto Casaleggio è più Casaleggio che mai. Cita Gaber, alla domanda come sta? risponde con decisione «Bene», conferma la sua fede nella rete. Se Grillo sceglie di fare un passo indietro dalla prima linea mediatica del Movimento, lui ne fa uno avanti, confermando di essere il regista della vita della formazione politica. Se fossimo al tavolo del casinò (situazione che non gradirebbe), sarebbe il banco. Un banco che dà le carte con le lunghe pause che conosciamo, ma dirige il gioco, e vuol controllare anche la punteggiatura. Tanto che il nostro colloquio - giunto come sempre al termine di lunghe trattative e avvenuto in parte al telefono, in parte per iscritto - inizia con lui che fa le domande all’intervistatore: «Che gliene pare del nuovo logo?».



È normale che se un movimento vuole pensare al lungo periodo si affranchi dal fondatore, no?
«Sì, altrimenti si rischia di non sopravvivere. Guardi cosa è successo a Berlusconi».

Perché questa mossa adesso?
«Sarebbe potuta capitare fra tre mesi. Era nelle cose. Abbiamo fatto un pit-stop per il cambio gomme, mentre gli altri presto rimarranno senza benzina».

Come funziona operativamente il lavoro con Beppe Grillo?
«Ci sentiamo spesso e ci vediamo qualche volta durante il mese, a Milano o a Genova. Non c’è un metodo, se non quello di condividere le idee e quando necessario prendere delle decisioni».

Una volta Bruce Sterling paragonò Beppe Grillo a Garibaldi e lei a Mazzini. Poi aggiunse che il problema del M5S era di non avere un Cavour in parlamento o pronto a governare. Potrebbero essere Luigi Di Maio o Alessandro Di Battista?
«Sterling faceva riferimento a un’altra epoca storica, i suoi accostamenti possono essere interessanti, ma nel M5S non esistono né Garibaldi, né Mazzini, né tantomeno un Cavour. Il leader del M5S è il M5S stesso, non sono importanti i nomi, ma i programmi e la partecipazione. Non è una partita di tennis o di calcio in cui si vince o si perde. Come cantava Gaber Libertà è partecipazione. Il nostro obiettivo è la partecipazione diretta dei cittadini alla cosa pubblica, la democrazia diretta senza leader».

In primavera si vota in alcune città chiave, tra le quali Milano, Roma, Torino, Napoli, Bologna. Dove avete la possibilità di vincere?
«Il mio pronostico è che miglioreremo ovunque il risultato delle precedenti elezioni comunali. Cercheremo di arrivare comunque al ballottaggio e vincere. Sono già state fatte ottime scelte come Chiara Appendino a Torino, Patrizia Bedori a Milano e Massimo Bugani a Bologna. In futuro verrà votato online il candidato sindaco di Roma. Nel 2016 andranno al voto 1283 comuni grandi e piccoli, il Movimento 5 Stelle cercherà di essere presente in ogni comune con una lista».

Appendino è una scelta eccentrica rispetto ad altri vostri profili, no?
«Il Movimento non è fatto solo di persone alternative, è un mito da sfatare. Appendino ha un’estrazione che un tempo si sarebbe detta borghese, ha studiato in Bocconi, ha mostrato di sapere lavorare in azienda. Farà bene».

Pensa ancora che la Rete sia uno strumento efficace per selezionare i candidati?
«Certo, non ho mai cambiato idea. Penso alla Rete come a un’intelligenza collettiva. Oggi sono iscritte al Movimento 5 Stelle circa 130mila persone, in continua crescita. Finora ci sono stati percentualmente pochi casi di candidati, sui 1600 eletti nelle istituzioni, rivelatisi inadatti in seguito alle votazioni on line».

E per decidere le priorità dell’agenda politica?
«Vale lo stesso discorso fatto per i candidati, se possibile rafforzato. I cittadini devono scegliere priorità e metodi di intervento. Non possono essere calati dall’alto dal politico di turno».

Che fine ha fatto Rousseau, il sistema operativo digitale per la gestione del movimento?
«È in ritardo, lo so, ma in arrivo».

Dove si vede tra cinque anni? Ancora alla testa del Movimento (anche se lei preferisce definirsi garante), oppure a dedicare il suo tempo ad altro?
«I miei interessi principali sono la Rete e i cambiamenti che può portare nella realtà quotidiana. Tra cinque anni, come ora, mi occuperò di questo, anche in termini professionali come consulente per le organizzazioni. Passerò più tempo con la mia famiglia e i miei amici. Potrò anche curare un piccolo bosco abbandonato che ho comprato negli anni in Canavese».

Supponiamo le concedano un superpotere per risolvere il problema più urgente di questo Paese. Che farebbe?
«Darei agli italiani la consapevolezza di essere cittadini e di decidere in prima persona della loro vita senza delegare ad altri».

Come si affronta il terrorismo?
«Come abbiamo detto in parlamento. Più spesa per l’intelligence, no agli affari con i paesi collusi come l’Arabia Saudita, no alla possibilità per l’Isis di continuare a vendere il petrolio, con un ricavo annuo di 500 milioni».

Allargando la visuale, secondo lei cosa sta accadendo?
«È il ritorno degli imperi centrali: allora la Germania, oggi l’Europa; l’impero Ottomano, la Russia. Cambiano le alleanze ma il punto vero è che in Medio Oriente abbiamo tracciato i confini con il righello. E ora la storia ci presenta il conto».

Il tema delle migrazioni è un’emergenza globale. Come lo affronterebbe?
«Le migrazioni sono un effetto. Bisogna eliminare le cause. Quindi le guerre, la spoliazione delle materie prime e dello stesso territorio dei Paesi da cui arrivano, bloccare la vendita di armi e incentivare gli investimenti nei Paesi coinvolti. Per i migranti vanno poi accelerate le procedure di riconoscimento, che superano spesso i due anni. Ci dovrebbe essere il riconoscimento dell’asilo entro i 30 giorni dalla presentazione della domanda, con una decisione nei successivi tre giorni su chi è profugo e chi è clandestino, e inoltre bisognerebbe eliminare il regolamento di Dublino che impone al profugo di rimanere nel Paese di prima accoglienza. Ciò gli impedisce di muoversi liberamente nell’area Ue, con il risultato che la maggior parte dei migranti arriva e rimane in Italia e in Grecia».

Nel periodo peggiore della crisi economica lei affermò: «Parliamo sempre di spread e mai di valori, i soli che ci potrebbero aiutare a superarla». Forse la crisi la stiamo archiviando. E i valori?
«La crisi non è per nulla archiviata, bisognerebbe chiederlo alle persone che hanno perso il lavoro, che non riescono più a pagare il mutuo o che per curarsi devono rivolgersi alla sanità privata con costi insostenibili dopo i tagli del governo. Alcuni dati: il tasso di disoccupazione italiano è dell’11,8%, il doppio dell’area Ocse a 6,7%; le famiglie italiane hanno sempre più difficoltà con il pagamento delle spese che riguardano le utenze domestiche, i mutui e gli affitti. Si tratta di ben tre milioni di italiani, vale a dire l’11,7% della popolazione; il rapporto Censis segnala che il 41,7% delle famiglie ha rinunciato ad almeno una prestazione sanitaria per i costi troppo salati e le liste d’attesa troppo lunghe. Questo governo ha tagliato la sanità più di qualunque altro. Solo un anno fa il fondo sanitario nazionale era a quota 112 miliardi ed era previsto per il 2016 a 115,4 miliardi di euro. Nel corso del 2015 il Fondo è stato abbassato a 109,7 miliardi di euro e la previsione per il 2016, di conseguenza, a 113,1 miliardi; nella legge di Stabilità 2016 in esame al Senato, il governo ha rincarato la dose. Altri due miliardi di tagli al Fondo sanitario nazionale, che nel 2016 scenderà quindi a 111 miliardi. Quanto ai valori, la solidarietà, la conservazione dell’ambiente, il superamento del totem del denaro e dell’arricchimento a qualunque costo purtroppo non sono presi ancora in considerazione dalla politica».

Il presidente dell’Inps Tito Boeri ha fatto di recente una proposta molto simile al vostro reddito di cittadinanza. Che ne pensa?
«Lo considero l’ennesimo depistaggio al ribasso, come quello di Michele Emiliano, il governatore della Puglia. Il M5S ha presentato una proposta di legge sul reddito di cittadinanza che nessun apparato del sistema vuole, dal governo, ai partiti, ai sindacati. Il reddito di cittadinanza ci è stato chiesto dalla Ue da molti anni, in Europa non è presente solo in Italia e in Grecia, consente una vita dignitosa a chi è privo di reddito in attesa di trovare un’occupazione. Non è, come vorrebbe la propaganda governativa, assistenzialismo, ma un aiuto temporaneo a chi è in difficoltà, e si perde se si rifiutano tre proposte di attività. La copertura di circa 15 miliardi per un assegno mensile di 780 euro in assenza di altri redditi, è stata trovata (e certificata) dal M5S con il taglio degli sprechi ed è documentata».

Uno dei pensatori che cita spesso è David Graeber, l’ispiratore del movimento Occupy Wall Street. Ora sostiene che il cancro peggiore della nostra società è la burocrazia. Concorda?
«La burocrazia in sé non è buona o cattiva. Il problema è l’eccesso di burocrazia. La burocrazia inutile va eliminata. È un esercizio difficile perchè la burocrazia si nutre di se stessa e i burocrati non vogliono perdere i loro privilegi. Si moltiplicano uno con l’altro come le amebe. Il problema fondamentale non è la burocrazia, ma la mancanza di onestà, che nel tempo ha corroso e corrotto la nostra società».

È stato ad Expo?
«No. È un’iniziativa che poteva andare bene all’inizio del secolo scorso. Oggi per accedere all’informazione c’è la Rete. E poi lo slogan “Nutrire il Pianeta” cementificando un milione di metri quadri di terreno agricolo mi sembra una contraddizione. Vogliamo dare il cemento al posto del pane a qualche decina di milioni di affamati? Consiglio a chi voglia farsi un’idea di Expo al netto della propaganda il libro di Gianni Barbacetto: Excelsior, il gran ballo dell’Expo».

Il premier Renzi dice che il ponte sullo Stretto si farà. Che ne pensa?
«Che non è una priorità e nemmeno una necessità. La Sicilia è senz’acqua e ha enormi problemi infrastrutturali. Il ponte può aspettare, anche per i suoi costi che ammonterebbero a 8,5 miliardi di euro».

Lei una volta mi disse che non guardava mai la tv, perché il concetto di palinsesto lineare era finito. Ma che se ci fosse stato Netflix ci avrebbe ripensato e forse l’avrebbe riaccesa. Ora Netflix è arrivato. Che fa?
«Guarderò Netflix come le avevo anticipato, ma è solo l’inizio. È in atto una rivoluzione che riguarda quella che abbiamo chiamato finora televisione e che più propriamente dovrebbe essere definita “main screen” che si integrerà con il cosiddetto “second screen”, quindi con un qualunque dispositivo mobile come uno smartphone, collegato a Internet, che disponga di applicazioni per interagire sia con il programma televisivo che con i social media degli utenti collegati. Finalmente è la fusione della vecchia tv con la Rete, e siamo solo all’inizio».

Che idea si è fatto dello scandalo Vatileaks?
«In Vaticano è in atto una notte dei lunghi coltelli».

avolte_banner_ca.jpg

20 Nov 2015, 17:08 | Scrivi | Commenti (94) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 94


Tags: Casaleggio, Gianroberto Casaleggio, intervista Casaleggio, M5S, Massimo Russo, MoVimento 5 Stelle

Commenti

 

Da oggi ho la prova che sono un'affinità elettiva con questo guro :D e ne sono fiero ;)

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10208609814389150&set=a.1060797286513.2011193.1423361752&type=3&theater

Antonio B., Padova Commentatore certificato 29.11.15 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono soddisfatto delle risposte di Casaleggio. Continua a dimostrarsi un uomo che si appassiona per la costruzione di una nuova epoca. Un nuovo Rinascimento.
Speriamo che l'intuizione di una Rete in grado di mettere insieme il meglio della Sapienza umana (e non il peggio) possa rivelarsi giusta.
Fantastico poi il commento sull'eliminazione del nome di Beppe dal simbolo: un Pit-Stop.
Solo chi ha bene in mente un orizzonte non si attarda sulle tappe intermedie e punta diritto.
Ci siamo incamminati, vi saranno altri Beppe Grillo, altri Di Battista, altri Di Maio. L'orizzonte arriverà. E rivedremo le stelle.
Coraggio, pare proprio che stiamo camminando sulla strada giusta.

paolo Capezzali 22.11.15 11:04| 
 |
Rispondi al commento

condivido tutto. Alla faccia di quei trogloditi che "è facile star dietro a un pc...". Senza nulla togliere all'importanza della presenza sul territorio (banchetti, eventi...), mettiamoci in testa che se siamo qui è perché quel signore lì si è mobilitato IN RETE. Mi vien voglia di aprire il meetup "amici di Gianroberto Casaleggio" ;)

leonardo vecchi, piacenza Commentatore certificato 22.11.15 07:49| 
 |
Rispondi al commento

Gianroberto carissimo, Libertà è Partecipazione!
Come non esser d'accordo con le tue parole.
Stiamo scrivendo le pagine di un bel libro di storia!... MeraViglioso!
In alto i Cuori......
Cordialmente Luca.
✰ ✰ ★ ✰ ✰
Ps: Si vedono anche tanti trolls dal dente avvelenato!... Eheheheh, capiscono che tra qualche tempo, il loro "padrone" sarà fuori dai Palazzi della Politica!

Domenico Cacciato, Canicattì Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.11.15 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Quest'uomo entrerà nella storia assieme alla democrazia diretta.
Idealista ma sempre incollato alla realtà grazie alla sua capacità di stare informato e al passo con i tempi....
unico difetto è l'unicità:
non se ne trova un altro uguale neanche a cercarlo col lanternino.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.11.15 13:37| 
 |
Rispondi al commento

a me caaleggio piace sempedi più

Giuliao Barbieri, Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 21.11.15 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Gianroberto...

Stefano Chincarini, Cesano Maderno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.11.15 12:35| 
 |
Rispondi al commento

trovo condivisibile questo intervento , come i precedenti fin ora riportati sul blog ..

grazie di tutto e buon lavoro a Noi ,

ciao Gianroberto

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.11.15 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Democrazia Diretta=partecipazione del cittadino alle scelte della politica!
Sta succedendo nei comuni a 5 stelle!
Non date retta alle sirene politiche: "ce lo chiedono gli italiani...non è vero!
"Abbiamo stipulato un contratto con gli Italiani"...non è vero io non ho firmato nulla e voi?
Sento dire quando c'è qualche problema..."ce lo chiede l'europa"...,ma anche il Reddito di cittadinanza ce lo ha chiesto da anni l'UE?
Come mai?
Solo le in**te ce lo chiede l'Europa!
Vedrete la Tasi il prossimo anno...quando diranno.." ce lo chiede l'Europa"...sento già odore di bruciato!
Ci vuole un governo a 5stelle per dare ai cittadini la "Democrazia Diretta"!
Grazie Gianroberto!!!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 21.11.15 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Bene Casaleggio...Per qualche commentatore piu' sotto vorrei sommessamente ricordare che la democrazia diretta -meglio ancora quella direttissima per il confederalista convinto che sono io- non contraddice la presenza di organizzatori o gestori della medesima. Chi ritiene il contrario confonde gravemente -come affermo da sempre alla nausea- la democrazia con l'anarchia. Stupenda creatura quest'ultima, che pero' pretende dai suoi sostenitori una statura morale da Messia laico. E di questa gente in giro non ne vedo. Per di piu': e' vero o no che l'idea ce l'hanno avuta Giuseppe e Gianroberto? E allora, perche' pretendere di togliere loro pure la paternita' del movimento? E' come se tu ti spaccassi il culo per portare avanti un progetto osteggiato da tutti, e quando alla fine si sta' per realizzare, trovi sempre qualcuno pronto a dirti: "Non m'interessa chi realizza il progetto, basta che si faccia!" Eh no' gazza ladra, se l'idea ce l'ho avuta io e' sacrosanto che mi venga attribuita. Altrimenti tanto vale stare alla finestra, aspettando il momento opportuno per fottere in velocita' i meriti di chi dovrebbe vederseli riconosciuti. Uno sport in cui gli italiani, mi pare, son bravi assai. Auguri!

Massimo Trento (orbo e semisordo), Belluno Commentatore certificato 21.11.15 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Casaleggio! Mantieni la barra diritta. Il leader del M5S e' il Movimento stesso.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 21.11.15 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Libertà e democrazia:
ma in Egitto, le elezioni, non le avevano vinte i Fratelli Mussulmani? Avevano eletto Morsi, ora, dov'è?
Ford diceva:
l'auto e bella di qualsiasi colore purché sia nero.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 21.11.15 09:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nonostante i soliti "pero'" dei (mai contenti) intellettualoni radical chic, nei confronti di GianRoberto , rimango sempre più affascinato dalla veridicità e puntuale efficacia delle analisi politiche di Casaleggio.
Molti cittadini si riempiono la bocca di facili critiche nei suoi confronti, io lo stimo sempre di più.
Grande Casa

mattia 21.11.15 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Il problema penso siano gli Ialiani stessi non pronti per la democrazia diretta sempre a cercare un capopolo di turno cui addossare le eventuali colpe.

Attilio Disario R dam Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.11.15 09:13| 
 |
Rispondi al commento

La forza delle idee rende liberi! E le nostre idee sono fortissime!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 21.11.15 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Bell'articolo Sig. Casaleggio, peccato che molti cocciuti che si lasciano guidare come Buoi, dai loro partiti voltaganeggianti (più volte),non accetteranno mai di leggere.
Gente che s'è abituata a far pensare gli altri e non voler, forse per indolenza, "aprire" il proprio cervello. E come diceva il Grande A.E. "la mente è come il paracadute, se non si apre non funziona". Ma questo molti nostri connazionali non lo capiscono ancora, purtroppo.
Grazie.

Wlad d. Commentatore certificato 21.11.15 08:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.eunews.it/2015/11/20/cose-veramente-lisis/45491

Incasnero doc 21.11.15 06:38| 
 |
Rispondi al commento

Per coloro che si appellano alla Fallaci per aizzare una politica di odio e di guerra, vorrei richiamare la risposta che Tiziano Terzani dette alla scrittrice nel 2001

MASADA n° 1704 21-11-2015 LETTERA DI TIZIANO TERZANI A ORIANA FALLACI

Il nostro di ora è un momento di straordinaria importanza. L'orrore indicibile è appena cominciato, ma è ancora possibile fermarlo facendo una grande occasione di ripensamento. E un momento anche di enorme responsabilità perché certe concitate parole, pronunciate dalle lingue sciolte, servono solo a risvegliare i nostri istinti più bassi, ad aizzare la bestia dell'odio che dorme in ognuno di noi ed a provocare quella cecità delle passioni che rende pensabile ogni misfatto e permette, a noi come ai nostri nemici, il suicidarsi e l'uccidere...

..
Per leggerla tutta, clicca il mio nome
oppure vai a masadaweb.org

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 21.11.15 06:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Karl Popper lo chiamava il "paradosso della tolleranza".
( www.topbtw.com/topbtw-155.html )
"La tolleranza illimitata porta alla scomparsa della tolleranza.
Se estendiamo l'illimitata tolleranza anche a coloro che sono intolleranti, se non siamo disposti a difendere una società tollerante contro gli attacchi degli intolleranti, allora i tolleranti saranno distrutti e la tolleranza con essi."
La guerra santa non si vince se non con un forte senso etico, non si puo' vincere senza una alleanza basata sull'etica europea e non sui meri interessi strategici ed economici del momento.
Insomma l'etica del Gangster di Chicago.. di Al Capone non funziona.
Allearsi con il Gangster di turno significa solo essere complici dei suoi misfatti prima e ricattati poi per tutti i favori avuti. Ed avere un nuovo nemico da combattere subito dopo.
E questa é la forza di Putin. Non si allea con nessuno, mai. Ed ha messo in riga, solo mostrado i muscoli, pure l'arrogante banditello-affarista, Recep Tayyip Erdogan. Ma il peggio deve ancora avvenire..
Perché anche Putin dovrà confrontarsi con i suoi milioni di nemici musulmani.
I 224 morti dell'Aibus A321 della Metrojet sono stati solo i primi.
L'aperitivo di sangue e di morte.
Ed allora magari l'Europa, questa volta, dovrà dare poco ascolto ad un' Obama prigioniero delle lobby delle armi, prigioniero delle lobby di Israele, prigioniero delle lobby delle banche, e rompere gli indugi. Far saltare le sanzioni contro la Russia, ed iniziare a vedere Putin come un possibile alleato. Dopotutto poi l'Italia ha un vantaggio: Mr. Genio e Sregolatezza lo frequenta da oltre quattordici anni.. Certe affinità elettive magari possono essere utili. Il Giubileo é alle porte.. e Roma è sempre immersa nelle acque torbide del Tevere.. Perché la Libertà non é star sopra un'albero.. Perché la Libertà é partecipazione. www.topbtw.com/

giorgio comerio 21.11.15 01:42| 
 |
Rispondi al commento

Grazie mille dell'articolo!

Franco Dorrini 21.11.15 00:06| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a tutti voi per questa fantastica ed evolutiva filosofia di vita.
Tutti i mezzi di comunicazione sono validi per far comprendere ove l'essere umano vuole andare.
Giusto come si fa dal basso,nelle realtà locali,nel rispetto di usi e costumi.
Vorrei parlare e capire tutti i linguaggi del mondo per dialogare con tutti gli esseri umani per far capire questa filosofia del bene comune.
Per ora occorre tantissima solidarietà.

salvatore castellano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 23:51| 
 |
Rispondi al commento

sono ovviamente d'accordo con tutto quello che scrive nando più sotto!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro GRoberto, ottima l'intervista. ma per "la democrazia diretta senza leader" dovremmo aspettare l'evoluzione della specie.....
non fissiamoci sui leader che è naturale il bisogno di sentirsi rappresentati da persone credibili. lo facciamo già con te e Beppe...
per la nuova piattaforma siamo tutti in trepidante attesa....potremo partecipare attivamente decidendo tutti insieme dove sarà necessario. ma già adesso va abbastanza bene (staff a parte :D) è vero ci sono posizioni critiche e anche io ho criticato nel passato; però pensavo anche che è solo questione di tempo. in fondo chi ha delle proposte da fare può usare gli strumenti già esistenti come p.e. presentare un progetto di legge o passare dai meet up. ma che ci vuoi fare talk’s cheaper. sopratutto per me

Sandro ., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 20.11.15 23:26| 
 |
Rispondi al commento

nella democrazia diretta non credo molto forse perché no ho ben capito cosa sia.
Voto M5s e questo mi basta per ora.
Ma volevo commentare il furto delle opere d'arte.
A casa ho la porta blindata anche se non ho gioielli oltre un paio di sterline oro e soldi oltre il centino.
Una cosa è certa, che se avessi un Mantegna nessuno potrebbe avvicinarsi a più di 2 metri ma solo dopo essere passato attraverso metal detector ecc e un esame anche urologico. Chi soffre di prostata sa.
Dal lunedì alla domenica, 24h, 365(6) giorni all'anno.

Santo Cielo, inferno Commentatore certificato 20.11.15 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la burocrazia in italia è atipica in quanto non svolta da pubblici dipendenti ma da commissioni politiche nominate dai partiti secondo il manuele cencelli: es: commissione edilizia commissione commercio che sono delle trappole clientelari,sede di corruzione e fonte di entrate per i partiti...occorre tornare alle direzioni di pubblici dipendenti

giovanni papa 20.11.15 23:03| 
 |
Rispondi al commento

@ andrea a44
che mi sottocommenta
così alle ore 22:23

"vecchio amico, tu continui a rimascolare la solita zuppa decotta, e questo porta a pensare che ormai hai il cervello in pappa. sei perdonabile essendo vecchio, anzi molto vecchio. e quindi ti conviene andare col pd dove trovi di sicuro del buono adatto al tuo stile."
*****************

Tu (e non solo) rimescoli idiozie: che tutto **zzo c'entra il tuo commento? Io ho detto che gira gira sono sempre ancora in 2 che comandano nel movimento, in stridente contraddizione con la democrazia diretta. Sono anni che rispondete con queste grezzate a chiunque non abbia ingoiato completamente la medicina..e sono anni che non entrate nel merito. Quindi vai affan-q.lo tu, il pd e le zuppe decotte. Cordialità :))


B)Partecipazione
Come il signore di un commento sotto anche io sono avanti negli anni .

Concordo con lui che il sistema di votare via rete su tutto mi piace , anche quando la mia idea viene messa in minoranza .

E concordo con lui sulla perplessita' che ha sulla rappresentanza dei meetup.

Sono attive solo persone con tanto tempo libero e pertanto non sono quasi mai rappresentative dell'elettorato in generale.

Ed ho l'impressione che si sentano "l'avanguardia del proletariato" ripetendo gli errori degli anni 70.


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 20.11.15 22:52| 
 |
Rispondi al commento

A)Terrorismo

Da qui:
http://news.yahoo.com/france-hits-back-russia-over-syria-bombing-campaign-163408434.html

Paris launched air strikes against the Islamist group's Syrian stronghold in Raqqa this week following attacks that killed 130 people in Paris on Nov. 13.

It has previously targeted oil installations under the control of Islamic State and said it aimed to cut the group's main revenue stream.

Russian Foreign Ministry official Ilya Rogachev earlier on Friday criticized France's justification for the attacks, that they were self-defense according to Article 51 of the United Nations Charter. He said that was misplaced because Paris had not sought approval from the Syrian government.


Tradotto il senso: la Russia non vuole che la Francia bombardi le installazioni petrolifere in Siria anche se dell'Isis (da cui l'ISIS trae profitto ) in quanto formalmente appartenenti e finanziate dallo stato Siriano .


La Francia vuole fare quello che di Battista dice ma e' la Russia (La Siria) che non vuole.

La stessa cosa , ma a parti invertite , si ha nella porzione Irachena dell'ISIS .

Per troncare i finanziamenti dell'ISIS basta bombardare i pozzi , ma pozzi e raffinerie (momentaneamente gestiti dal ISIS ) sono di proprieta' degli stati che combattono l'ISIS .

Come se la mafia si impadronisse del petrolchimico e Di Battista proponesse di bombardarlo per togliere i finanziamenti ai mafiosi .

Le dimensioni sono diverse ma giuridicamente e' la stessa cosa .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 20.11.15 22:40| 
 |
Rispondi al commento

http://m.repubblica.it/mobile/r/repubblicatv/dossier/governo-renzi/torino-studente-contesta-renzi-e-gli-consegna-un-cappello-da-pagliaccio/192533/191495?refresh_ce

Torino, studente contesta Renzi e gli consegna un cappello da pagliaccio
14

Al termine del discorso di Matteo Renzi alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico del Politecnico di Torino, il rappresentante degli studenti Livio Sera ha gridato al premier: "Dopo questo capolavoro di retorica le consegno un cappello da pagliaccio, se lo metta in testa". Il ragazzo ha cercato di raggiungere Renzi, ma è stato portato fuori dall'aula magna dagli uomini della sicurezza di Francesco Gilioli e Silvia Valenti

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 20.11.15 22:29| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE
SABINA

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 20.11.15 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera , Gianroberto Casaleggio a domanda risponde senza fraseggi e con pertinenza , nessun paragone con politicanti finedicitori del nulla . Chapeau .

leopoldo cerantola 20.11.15 22:01| 
 |
Rispondi al commento

LIBERTA' E' PARTECIPAZIONE.

Speravo di vedere pubblicata l'intervista sul Blog, sul nostro Blog, quello tanto bistrattato e sminuito.

Dottore caro, ne abbiamo fatta di strada da 10 anni a questa parte, l'abbiamo visto nascere e crescere questo Movimento, l'abbiamo visto anche sbagliare, ma sapevamo tutti della bontà del progetto.

Dobbiamo dirvi grazie a lei e a Grillo, ma dobbiamo anche dirvi quello non va, fare critiche e cercare soluzioni.

In questa avventura mi manca la Rete e la sua Coscienza Collettiva e Condivisa, mi manca quello che ci siamo sempre detti, "il Network".

Oggi la Rete è sotto attacco, se ne vuole minare l'attendibilità, il suo essere "alternativo" al sistema d'informazione, il posto dove, " se dici una caxxata, in mezz'ora ti sputtanano".

Bene, oggi la rete viene vista come un conglomerato di ignoranza e fancazzismo.

E' vero, ma sappiamo anche che solo attraverso la rete si può essere alternativi e costruttivi, è così che è nato il Movimento 5 Stelle, e è così che dobbiamo proseguire.

L'attivismo così detto "da tastiera", deve "parteciare" di più.

"Libertà è partecipazione", ma la rete è stata messa alla porta, non partecipa molto, perchè?

Si era detto:

TUTTO IN RETE!

Spero non ci si stia "conformando", l'intervista andava "postata" subito sul Blog, je lo devo dire Dottò.

Il primo V-Day era partito da duri attacchi alla stampa, responsabile della "disinformazione" con la quale la politica ha fatto quello che voleva.

Diamo più retta a La7, la rete grillina(che cojoni) di De Benedetti, che a www.movimento5stelle.it, almeno beppegrillo.it lo leggevano in parecchi,

Giornalisti, politici, Digos, segreterie di partito, Polizia Postale, magistrati, tutti tranne che i grillini!

Più rete, più "partecipazione".

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 21:57| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Terrore, percorre il mondo da sempre: oggi, ha le sembianze dei tagliagole dell'Isis, ma quante volte, si è presentato nelle rispettabili vesti di una ricca e civile nazione? Terrorismo, è anche vendere armi, addestrare alla guerra, vendere ed acquistare tecnologìe di morte, tutte cose che i nostri democraticissimi ed ipocriti governi fanno da sempre, per il bene del PIL nazionale e delle tasche di certe canaglie che vogliono che la "festa" continui all'infinito; dell'Islam e di Maometto, sospetto che ai burattinai di questa tragedia planetaria, da una parte e dall'altra, non gliene importi una beata minchia: la "jihad" è però un attimo argomento per reclutare gonzi emarginati, le vittime di un esodo forzato, per i fessi che obbediscono ciecamente all'ordine di uccidere gli infedeli pensando alle 72 vergini, fondamentalisti autentici, ma , soprattutto, è una splendida occasione per i commercianti di petrolio e di armi che campano di morte più d'un becchino in una casa di riposo......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.11.15 21:49| 
 |
Rispondi al commento

IL TERRORE ESISTE SOLO PER CHI LO SUBISCE; COME LA GUERRA...

Cerca la spiegazione della parola "terrorista" e ti renderai conto che tutto diventa strumentale.
Un aiutino: Il terrore (il concetto utilizzato politicamente) nacque in Francia durante la rivoluzione francese e assunse un valore nuovo per quei tempi al punto che si passò dal pensare che uccidere un re incoronato da Dio fosse la cosa più orrenda che l'uomo poteva fare, al pensare che l'uccisone di un re (regicidio) fosse la svolta fondamentale per l'uomo verso la libertà. Fu il terrore il veicolo di tutto questo e fu la borghesia che praticò il terrore. Fu la borghesia che, pur di assumere il potere, adottò l'idea che tutto era lecito, anche il regicidio e il terrore, ma dopo avere assunto il potere passò al criterio che tutto è proibito tranne ciò che è da loro (dalla borghesia) permesso. Ovviamente ciò che a loro servì per assumere il potere, il terrore divenne immediatamente proibito. Di volta in volta, il potere utilizza il terrore e lo legittima quando gli serve, ma quando lo potrebbe destabilizzare allora lo condanna e lo demonizza: NON ESISTONO I TERRORISTI! ESISTONO COMBATTENTI CON I MEZZI DI CUI DISPONGONO! DATE LORO I BOMBARDIERI E LORO VI CEDERANNO MOLTO VOLENTIERI LE LORO CINTURE ESPLOSIVE: NON E' DIFFICILE...

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 20.11.15 21:23| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE L'OT ma questa è proprio grossa
Ladri al Castelvecchio di Verona rubati Mantegna, Tintoretto, Rubens
Clamoroso colpo dei banditi al Museo di Castelvecchio a Verona, dove giovedì sera sono stati rubati diversi preziosi quadri esposti nella galleria d'arte. Ad agire una banda di professionisti: tre malviventi con il colpo coperto hanno immobilizzato l'unica guardia giurata privata presente e la cassiera, poi hanno costretto il vigilante ad accompagnarli nelle sale dove hanno rubato i quadri.Hanno un valore compreso tra i 10 e i 15 milioni di euro i quadri portati via dal museo. E' la prima stima della direzione del museo civico.Tra le opere trafugate 5 dipinti del Tintoretto, e capolavori di Peter Paul Rubens, del Pisanello, di Jacopo Bellini, di Giovanni Francesco Caroto, di Hans de Jode e di Giovanni Benini.http://www.ansa.it/veneto/notizie/2015/11/20/ladri-a-museorubata-tela-di-pisanello_cae4a514-4b84-4a76-82a7-eb6dee52d00a.html
Io mi chiedo come caspita hanno fatto a passare inosservati in pieno centro a due passi dall'Arena ,nel museo più prezioso di Verona .Alla faccia della sicurezza..Ci sono le guardie giurate nei centri commerciali ed un museo con opere di immenso valore è alla mercè di tutti con un'unica guardia privata?. Non ho parole!!!!! INDIGNATA.e come commenta Giorgio:E io dovrei fidarmi delle rassicurazioni del governo riguardanti la sicurezza terroristica quando non è in grado di tenere sotto chiave tre quadri in croce? Oltretutto di valore inestimabile?? Ma dove vogliamo andare....

Paola L., Verona Commentatore certificato 20.11.15 21:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA VERITA' PUO' SALVARCI,TUTTI

Oggi il Mali è tornato sotto l'attenzione dei media con l'atto terroristico da parte dell'Isis ai danni di turisti occidentali.
Strano che l'occidente si svegli quando c'è una azione militare da parte del "terrore" contro i suoi figli mentre si assopisce quando le bombe cadono altrove.
Il Mali è una polveriera da diversi anni ma è anche una ex colonia francese e soprattutto una fonte inestimabile d'uranio per le sue centrali elettriche.
Da anni la Francia e qualche altro paese della Nato appoggiano il presidente del Mali per la lotta contro i ribelli governativi a suon di bombe,poi è subentrata l'Isis e la battaglia è divenuta più difficile.
Forse parte tutto dall'Africa e dal suo periodo coloniale con l'eterna contrapposizione tra imperialismo e movimenti di liberazione.
Forse è giunta l'ora di raccontarci la verità e di ammettere che gli Africani stanno ancora combattendo per riprendersi le loro terre che continuano ad essere preda dello "straniero", lo stesso che li schiavizzava nei campi di cotone.
Poi è arrivata la globalizzazione e i governi sono diventati socialisti ed accoglienti a parole mentre nei fatti hanno continuato a depredare quelle che hanno sempre considerato le loro colonie sostenendo i dittatori per poter controllare le popolazioni.
Mali,Nigeria,Sudan,Tunisia e vogliamo parlare della Libia che l'Italia ha bombardato nonostante un trattato di amicizia che le univa o delle primavere arabe trasformatesi subito in gelidi inverni?
L'Africa è nelle mani di fazioni tribali armate dall'occidente utilizzate dalle lobbies per contendersi il territorio.
l'Isis,allora,potrebbe anche essere il risultato di quanto descritto.Sintetizzarla come una estremizzazione islamica è riduttivo.In questi anni di crisi e di globalizzazione ci siamo sempre più chiusi sulle nostre ragioni ed abbiamo dimenticato un intero mondo che dall'origine dei tempi viene trattato come terzo ma che è sempre stato primo nell'ordine cronologico delle ere.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 20.11.15 21:09| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

DAL N° 4 DEL "NOTIZIARIO" ELVETICO DEL GRUPPO RICERCA FOTOGRAFICA
www.grupporicercafotografica.it/NotiziarioGruppoRicercaFotografica.htm

OMAGGIO
a Giuseppe Piero Grillo, in arte Beppe Grillo
Dal Risorgimento dei Nobili
al Risorgimento del Popolo

Giuseppe Piero Grillo, noto comico con-temporaneo, oggi attivista politico, contrariamente a quanto fatto sino ad ora da tutti i “politici” italiani – ovvero – individui specializzati nel risvegliare i sopiti e repressi aspetti delinquenziali dei cittadini, ha fatto riemergere la voglia di onestà, cosa di non poco conto in una “comunità” totalmente priva d’interesse comune!
Il MoVimento Cinque Stelle (M5S) da Lui recentemente fondato, nettamente separato dalle consuetudini dei “partiti politici” sostiene una nuova forma di gestione della “Cosa Pubblica”, così come d’altronde si ha bisogno che sia per ogni Popolo e in ogni angolo della Terra. Con il “Non Statuto” e il “Non partito” in particolare, il MoVimento supera nei propositi di fatto con il Suo obiettivo anche l’evoluta, avanzata ed encomiabile democrazia elvetica.
A sei anni dalla fondazione il M5S si attesta mediamente ad 1/4 dei consensi elettorali totali, complice il vergognoso degrado ambientale ed economico dell’intera Penisola, il livello di povertà raggiunto dalla comunità nazionale e il disinteresse completo a tutti i livelli della burocratica e mastodontica pubblica amministrazione nei confronti dei bisogni dei cittadini. Nonostante l’informazione ha raggiunto il 73° posto nel Mondo e gli si accanisca contro con tutti i mezzi il M5S con il passa parola riesce a risvegliare un iniziale timido interesse comune fonte di recupero Risorgimentale della propria dignità.

Franco Della Rosa 20.11.15 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Gianroberto
spesso il carisma di Beppe ti tiene nascosto ,eppure siete voi due che avete dato vita in egual maniera a questo fantastico movimento
Grazie di cuore.

Paola L., Verona Commentatore certificato 20.11.15 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Direi che la democrazia diretta, si è persa per strada. Candidati sindati per acclamazione, o votati con runioncine da 300 persone. Idem per i consigli regionali; esiste solo una candidatura via Web per camera, senato ed Europa
ed anche quì poi i giochi sono già fatti. Un peccato mortale per il Movimento, così come lo è stato per la Lega il tesoriere "particolare" e per la sinistra il Job Act.

democrazia diretta 20.11.15 20:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diciamolo, sono proprio bruttini, parecchio bruttini.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 20.11.15 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Il terrorista che ha ideato la strage di Parigi è ricercato anche dall'Isis che lo considera un infedele in quanto non si è fatto esplodere.

I capi vogliono che si facciano esplodere gli altri, loro non sono interessati a passare all'altro mondo.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 20.11.15 20:35| 
 |
Rispondi al commento

IL movimento 5 stelle si deve concentrare solo sul reddito di cittadinanza
Subito 780 euro a tutti

Ciro E Commentatore certificato 20.11.15 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Libertà è partecipazione, democrazia diretta senza leader. Eh...intanto decidono ancora e sempre in 2: "ci sentiamo spesso, a volte ci vediamo e prendiamo decisioni". Una contraddizione stridente, che se viene fuori un'altra alternativa credibile anti sistema (certo non Fassina...) può far perdere appeal elettorale al Movimento. Mia opinione eh!


Casaleggio è avanti, i politici attuali fermi al dopoguerra quando si facevano pastette per assicurarsi le poltrone.

Casaleggio è un innovativo, ma la cosa più importante è che è una persona per bene.
Non aveva mai fatto politica, eppure dovrebbero imparare tutti da lui. I partiti tradizionali sono stantii, fatti da gente senza scrupoli che pensa solo al proprio tornaconto. Le loro facce si potrebbero contrapporre e risulterebbero tutte uguali.

Casaleggio è il M5S e il M5S è Casaleggio.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 20.11.15 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Gianroberto!!! C'è ne fossero di persone così a dirigere questo bistrattato Paese!
Buon senso! Buon senso! Buon senso a tutti!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 20.11.15 19:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Intervento coerente e di ripasso circa la filosofia del Movimento.
Mi permetto dare un contributo al ragionamento attirando l'attenzione sulla difficoltà di dialogo fra noi della rete e i ns. Rappresentanti in Parlamento e nelle altre istituzioni.
Leggo e talvolta anch'io ho scritto proposte che nascono dal buon senso del cittadino comune su vari argomenti di interesse collettivo.
Non ho mai avuto riscontro sull'apprezzamento - positivo o negativo - di tali segnalazioni.
Nasce pertanto il dilemma se sono apprezzati oppure disturbano tali segnalazioni.
Sarebbe opportuno chiarire come si possono interfacciare i ns. Rappresentanti, o se non è opportuno.
Lo spirito è solo quello della collaborazione e peri successo delle ns. iniziative.
Sempre a scopo costruttivo segnalo la delusione di una mail inviata-due anni fa - ad un ns. deputato con una proposta che ritenevo utile per il Movimento, ma non ho avuto neppure l'accusa di ricezione.
Non ho più osato.
In questo momento penso sia utile conoscere le direttive su quanto sopra per rendere il percorso comune il più utile ed efficace.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Solo che mentre Forza Italia è un partito padronale, di Berlusconi, il Movimento 5 Stelle non è mai stato di proprietà di Beppe Grillo.
Grillo è stato il portavoce di milioni di italiani e spero che continui a esserlo, soprattutto nei momenti in cui si renderà necessario sintetizzare la posizione dei cittadini; nei casi in cui non basta Di Maio, Di Battista o altri, quando ci sarà bisogno della sintesi unitaria che solo Grillo è capace di manifestare.

Pier 20.11.15 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che sia una citazione di Gaber.
Si dovrebbe dirlo.
In ogni caso spero che la riforma del Movimento non si limiti al cambio del simbolo.
Ci vuole organizzazione e non sperare di crescere solamente perché gli avversari sono dei miserabili. Nel momento che si dovessero ravvedere, anche di poco, addio patria si dice dalle mie parti.
Per ora organizzazione non ne vedo. Se si trattasse dei meetup poveri noi.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 20.11.15 19:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sempre interessante !!
grazie Gianroberto

MANUELA ., ROMA Commentatore certificato 20.11.15 19:03| 
 |
Rispondi al commento

QUANDO TERRORISTA ERA ISRAELE

Irgun Zvai Leumi
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Irgun (ארגון), abbreviazione di Irgun Zvai Leumi (ארגון צבאי לאומי), ebraico per "Organizzazione Militare Nazionale", è stato un gruppo paramilitare sionista, giudicato terrorista dal Regno Unito, che operò nel corso del Mandato britannico sulla Palestina dal 1931 al 1948.

In Israele questo gruppo è comunemente citato come Etzel (אצ"ל), un acronimo formato appunto dalle sue iniziali ebraiche. Al tempo in cui l'Irgun fu operativo, la gente spesso si riferiva all'Irgun come 'הגנה ב (Haganah bet, nel senso di quella non ufficiale) o ההגנה הלאומית (Haganah Leumit, difesa nazionale).

L'Irgun è stato classificato dalle autorità della Gran Bretagna e dalla maggior parte delle stesse organizzazioni ebraiche come un'entità terroristica, mentre altri lo considerano in modo più indulgente un movimento indipendentista, al pari dei movimenti armati palestinesi. La sua associazione politica con il Sionismo revisionista lo rese un movimento anticipatore del moderno partito/movimento israeliano di destra del Likud.

https://it.wikipedia.org/wiki/Irgun_Zvai_Leumi">https://it.wikipedia.org/wiki/Irgun_Zvai_Leumi

QUANDO TERRORISTA ERA LA FRANCIA

libertè: quella francese
egalitè: tra "pari" francesi
fraternitè: tra "sodali" francesi

Organisation armée secrète

Logo dell'Organisation armée secrète

L'Organisation de l'armée secrète (OAS) era un'organizzazione clandestina francese, creata il 20 gennaio 1961 dopo un incontro a Madrid, al riparo del regime franchista, da Jean-Jacques Susini e Pierre Lagaillarde. La sigla OAS comparve sui muri di Algeri il 16 marzo 1961. Lo slogan era "L'Algérie française".

Tra il maggio 1961 ed il settembre 1962 l’OAS uccise 2.700 persone, di cui 2.400 algerini

https://it.wikipedia


L'essenza del Movimento!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 20.11.15 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sempre in prima linea!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Oggi la struttura governativa e quindi anche quella del M5S, è inserita in un contesto di un sistema apparentemente democratico. Questa struttura frena lo sviluppo dello stesso movimento che spesso procede con maggiore velocità e ha bisogno di burocrazia zero. Il movimento segue le direttive dei leader e dei parlamentari ma solo per i progetti principali del programma e per quelli in itinere in parlamento, ma per tutti gli altri ha bisogno di muoversi molto più liberamente rispetto alle regole del Parlamento. E' necessario attivare dei canali di supporto a quello politico parlamentare e all'impegno sociale dei gruppi di cittadini distribuiti sul territorio. Secondo me, oltre alla fase politica parlamentare, che opera nel livello massimo dello Stato, con diligenza, serve anche un livello minore, dove la politica si materializza nella realtà quotidiana, più immediata, che rispecchia il programma ma principalmente l'ideologia del movimento. I cittadini fanno la differenza e hanno bisogno di sganciarsi, solo operativamente, dai parlamentari che seguono una via, obbligatoria, si democratica, ma è fissa, rigida e su questo la massa delle persone non ha capacità critica e di reazione immediata, essendo la materia difficile da seguire e capire. Questo è normale. Alcuni grossi gruppi informatici organizzano meetup solo con giovani dai 13 a 18 anni per progetti informatici mirati. Il motivo è semplice : il nuovo progetto, una volta realizzato, potrebbe condizionare la vita informatica di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Per fare questo serve più organizzazione che risorse economiche. W il M5S.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.11.15 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Come sempre... chiaro, limpido e concreto.
Quello che riesco a leggere tra le parole di Casaleggio, è il dichiarato e auspicato concetto di ns. futura partecipazione alle attivita' di qualsiasi tipologia, politica, sociale, lavoro e
quant'altro. Tocca solo al popolo, cambiare il proprio destino.

MAURO D. Commentatore certificato 20.11.15 17:50| 
 |
Rispondi al commento

IL MOVUIMENTO 5 STELLE E' AVANTI

alvise fossa 20.11.15 17:47| 
 |
Rispondi al commento

un ottima intervista!

salvatore morra (maestrosalvatoremorra), napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Supponiamo le concedano un superpotere per risolvere il problema più urgente di questo Paese. Che farebbe?
«Darei agli italiani la consapevolezza di essere cittadini e di decidere in prima persona della loro vita senza delegare ad altri».

Solo un Uomo di elevato spessore ed immensa generosità d'animo poteva rispondere così.
Gianroberto TI STIMO IMMENSAMENTE per il Buon Esempio che dai e mi dispiace non essere riuscita a stringerti la mano ad Imola, per dimostrarti tutta la mia gratitudine.

GRAZIEEE !

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.11.15 17:35| 
 |
Rispondi al commento

E no caro Casaleggio, io ho votato sempre M5S e continuerò a votarli ma quella della partecipazione è una balla. A Palermo è da oltre 3 anni che non ci sono incontri con i simpatizzanti e gli iscritti ai meetup realmente attivi credo che siano poche decine.
Il M5S di Palermo è un'associazione i cui membri hanno il terrore di infiltrazioni, non so quanto giustificato. Però so che nessun movimento può avere un futuro senza presenza territoriale e senza coinvolgimento diretto dei simpatizzanti.
Preciso che non ho più l'età per fare attivismo politico e la prego di considerare questo commento solo come un suggerimento di un vostro amico, ormai troppo avanti negli anni per partecipare all' attività politica ma che è stato sempre dalla parte degli esclusi.

randagio 20.11.15 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

D'accordo su tutto ciò che ha dichiarato, ma sul ponte io avrei detto -invece di "può aspettare"-
è inutile ed impossibile da farsi,per via dei motivi ormai arcinoti (fortissime correnti, zona sismica ecc. ecc.).
Si paghino 'ste penali e ci si metta una pietra tombale sopra!

Antonio L., Ceglie Messapica Commentatore certificato 20.11.15 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

""È normale che se un movimento vuole pensare al lungo periodo si affranchi dal fondatore, no?
«Sì, altrimenti si rischia di non sopravvivere. Guardi cosa è successo a Berlusconi».""

se il m5s continua a portare aventi quello che si era prefisso nel logo ci si può mettere qualsiasi nome...son le idee i programmi che contano oggi... credo eh

guardate il piddì può anche metterci nessun nome ,nel logo, è condannato. punto

:)

pabblo 20.11.15 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Casaleggio sul reddito di cittadinanza non devi fare compromessi Il m5stelle deve chiedere di dare subito il reddito di cittadinanza a tutti

Ciro E Commentatore certificato 20.11.15 17:21| 
 |
Rispondi al commento

ciao paole'

Caciara ........Roma Commentatore certificato 20.11.15 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot


http://video.corriere.it/parigi-avvocatessa-che-invita-leggere-hemingway-beniamina-web/644e6caa-8f01-11e5-aea5-af74b18a84ea


http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/20/parigi-front-national-chi-confonde-i-terroristi-con-i-musulmani-e-stronzo-bastardi-islamici-non-si-parla-cosi/2235919/

togli l'acqua ai pesci...

pabblo 20.11.15 17:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori